La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL NOSTRO TERRITORIO NEL CONTESTO REGIONALE E NUOVI PROCESSI PER LA COESIONE E LO SVILUPPO la politica regionale tra strumenti di governance e pratiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL NOSTRO TERRITORIO NEL CONTESTO REGIONALE E NUOVI PROCESSI PER LA COESIONE E LO SVILUPPO la politica regionale tra strumenti di governance e pratiche."— Transcript della presentazione:

1 IL NOSTRO TERRITORIO NEL CONTESTO REGIONALE E NUOVI PROCESSI PER LA COESIONE E LO SVILUPPO la politica regionale tra strumenti di governance e pratiche di sviluppo locale salvatore tosi Corso di Formazione Politico-Amministrativa Comitato Vivere Casteldaccia - Territori a confronto Chiesetta, piazza Madrice, Casteldaccia (PA) domenica 14 aprile Ore 17,30

2 La Politica Regionale

3

4 ….VERSO UE2020 Marzo 2012: approvata la Strategia Europa 2020, che definisce le priorità per il periodo fino al 2020; (In essa è chiaramente sottolineata che la politica di Coesione contribuisce al raggiungimento degli obiettivi di Europa 2020, senza dimenticare però la sua vera mission di politica dei territori e per i territori) Maggio/Luglio 2012, la CE ha presentato, in bozza, il pacchetto regolamenti attualmente ancora oggetto di negoziato tra i paesi membri; Ottobre 2012, Un progetto per le aree interne dellItalia. Area vasta e maggioritaria in Italia, non pianeggiante, con diffuso declino della superficie coltivata, affetta da particolare calo o invecchiamento della popolazione, colpita da spopolamento; Novembre 2012 la Commissione ha presentato un Position Paper allItalia, dove sono indicate alcune priorità per il periodo ; Dicembre 2012 viene presentato, in Consiglio dei Ministri, il documento Metodi e obiettivi per un uso efficace dei Fondi comunitari (elaborato dal Ministro per la Coesione territoriale, dintesa con i Ministri del Lavoro e delle Politiche Agricole); Febbraio 2013 si è concluso il negoziato sul bilancio con lindividuazione delle risorse per la politica di coesione (ca 29 mld per lItalia); Si tratta dei fondi comunitari collegati al Quadro Strategico comune e, segnatamente, del FESR, del FSE, del FEAMP, del FEASR. VERSO LACCORDO DI PARTENARIATO Aprile 2013, pubblicata una bozza preliminare di alcune sezioni di tale Accordo, che scaturiscono dal confronto tecnico-istituzionale svoltosi negli ultimi tre mesi e avviato sulla base del documento Metodi e Obietivi …… L'Accordo finale, predisposto dallo Stato Membro e condiviso al suo interno, sarà approvato dalla CE.

5 STRATEGIA UE 2020 L'Europa che si vorrebbe nel La Commissione fissa i seguenti obiettivi per l'UE: il 3% del PIL dell'UE – il 3% del PIL dell'UE deve essere investito in R&S PIL/procapite -Riduzione dei divari in termini di PIL/procapite (TO) – il 75% delle persone ( anni) deve avere un lavoro (TO) abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% – il tasso di abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% povertà – 20 milioni di persone in meno devono essere a rischio di povertà

6

7

8

9

10

11

12 PATOLOGICA FINANZIARIZZAZIONE DELL'ECONOMIA, in un quadro di GLOBALIZZAZIONE NON GOVERNATA, il richiamo alla ricostruzione dei rapporti sociali, delle filiere produttive, e delle identità culturali, dei territori giunge opportuno. Guardare allo sviluppo locale, come costruzione di una collaborazione tra soggetti istituzionali e privati strutturata nel territorio, in risposta alla crescente apertura delle economie nazionali e al conseguente indebolimento degli Stati. BECCATTINI G., (2010) Ritorno al territorio: all'industria, alla manifattura, alla creatività delle piccole e medie imprese e delle loro vitali interazioni e sinergie con le comunità locali ROSSI N., (2006) Mediterraneo del Nord. Unaltra idea del Mezzogiorno TRIGILIA C., (2008) Sviluppo Locale. Un progetto per lItalia VIESTI G., (2009) Mezzogiorno a tradimenti. Il Nord, il Sud e la politica che non cè TRIGILIA C., (2012) Non c'è Nord senza Sud. Perché la crescita dell'Italia si decide nel Mezzogiorno

13 Lo sviluppo locale Patto Territoriale del Comprensorio di Bagheria (9) PISU-PIST (18) Distretto Turistico Terre Normanne (29) Progetto Integrato PIOS 25 (13) GAC – Golfo di Termini Imerese (10+1) GAL - Il distretto turistico-Rurale (14)

14

15

16 Il Territorio del Distretto turistico-rurale

17 PISUPIST

18

19

20

21 PUNTI DI FORZA E PUNTI DI DEBOLEZZA PUNTI DI FORZA: Capacità progettuale evidente; Capacità dei territori di adeguarsi alle proposte regionali; PUNTI DI DEBOLEZZA: Instabilità delle coalizioni costruite nei vari periodi di programmazione; Mancanza di ununica regia; PROPOSTE: (Influire sulle prossime opzioni dellUE) Accordo di programma quadro territoriale Unico periodo di programmazione


Scaricare ppt "IL NOSTRO TERRITORIO NEL CONTESTO REGIONALE E NUOVI PROCESSI PER LA COESIONE E LO SVILUPPO la politica regionale tra strumenti di governance e pratiche."

Presentazioni simili


Annunci Google