La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La comprensione e la promozione della genitorialità e dellintervento educativo nella scuola II Circolo Didattico- Spoleto Scuola Elementare 24 novembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La comprensione e la promozione della genitorialità e dellintervento educativo nella scuola II Circolo Didattico- Spoleto Scuola Elementare 24 novembre."— Transcript della presentazione:

1 La comprensione e la promozione della genitorialità e dellintervento educativo nella scuola II Circolo Didattico- Spoleto Scuola Elementare 24 novembre 2009 A cura di Dott.sse L. Gambacorta e F. Mattioli, psicologhe

2 La Genitorialità La Genitorialità La genitorialità consiste nel costruire e nel mantenere uno spazio mentale per il figlio,anzi per quel figlio, con i suoi specifici bisogni e le sue particolari risorse e nella capacità di trasmettere in modo creativo le eredità trasmesse dalle famiglie di origine (Le parole della famiglia Di Eugenia Scabini, Giovanna Rossi).

3 La Genitorialità La genitorialità si esplica in primo luogo nella cura responsabile nei confronti del figlio che coniuga sia aspetti di vicinanza, affetto e speranza, tipici della funzione materna ( il matris munus), sia laspetto della legge, del senso di giustizia e di equità, riferibile alla funzione paterna (il patris munus). A questo secondo aspetto è connesso il compito di orientamento, cioè loffrire ai figli una sorta di bussola interiore, un insieme di criteri, che comunemente chiamiamo valori, cui il figlio può riferirsi nelle situazioni della vita, e su cui è chiamato a operare una scelta, una volta divenuto adulto (Le parole della famiglia Di Eugenia Scabini, Giovanna Rossi).

4 Cosa significa essere genitori di un alunno? Cosa significa essere genitori di un alunno?

5 Consapevolezza della fase evolutiva in cui si trova Il passaggio dallinfanzia alla preadolescenza:.trasformazioni biologiche;.sviluppo cognitivo;.sviluppo psico-socio-affettivo;.compiti di sviluppo;

6 Trasformazioni biologiche.sviluppo prepuberale;.sviluppo psicosessuale(trasformazioni del corpo e relazioni interpersonali);.influsso del contesto(lambiente condiziona la percezione di sé e degli altri in senso adattivo o disadattivo);

7 Sviluppo cognitivo: capacità di astrazione e generalizzazione; capacità di riflettere su di sé; fedeltà alla persona vs fedeltà ai valori;

8 Sviluppo psico-socio- affettivo:.ricerca di indipendenza;.relazione con i pari;.modelli educativi;.status sociale;

9 Compiti di sviluppo:.adeguarsi al processo della propria maturazione sessuale;.reputare il gruppo ambito privilegiato della socializzazione;.attendere alla progressiva scoperta di sé;.iniziare a concepire lindipendenza emozionale dai genitori;.partecipare allattività scolastica per orientarsi verso la vita;.capire la struttura e il funzionamento della società civile;.promuovere nuove relazioni con ladulto in funzione del contesto sociale che cambia;

10 Difficoltà che possono insorgere:.Conflitto tra autonomia e dipendenza;.condotte comportamentali disadattive;.mancanza di coerenza e di comunicazione tra genitori e insegnanti;.scoperta precoce della sessualità;

11 Conoscere e partecipare al contesto scuola -relazione genitori-insegnanti; -comunicazione educativa fra scuola e famiglia;

12 Le C della scuola Condivisione (di informazioni, comprensioni, esperienze, buone pratiche, aree comuni di interesse, il successo e il fallimento) Cultura (identificazione della scuola, visione, motto, valori, finalità) 3 Consapevolezza Collaborazione (tra insegnanti, con dirigente, con genitori, con studenti) Coerenza (continua riflessione ed analisi)

13 Le aspettative La famiglia si aspetta dagli insegnanti: preparazione professionale e competenza; ascolto partecipe; garanzia del successo formativo; gestione efficace delle dinamiche relazionali della classe; pretesa di molteplici ruoli (medico,psicologo…); piena disponibilità e comprensione.

14 Gli insegnanti si aspettano dalla famiglia: Collaborazione; sincerità; un atteggiamento che non giustifichi e non si sostituisca al figlio; rispetto del proprio ruolo professionale; fiducia nel proprio operato.

15 Ipotesi di miglioramento per una comunicazione efficace…

16 Incontri più frequenti con le famiglie, anche non formali, ma concordati; supporto e supervisione da parte di esperti; rispetto delle regole condivise ed estese nel contratto formativo; valorizzazione di ogni singolo membro della relazione educativa;

17 valorizzazione del ruolo di rappresentante come tramite in entrambi i sensi di comunicazione (genitori-insegnanti, insegnanti-genitori); disponibilità reciproca (genitori e insegnanti) a frequentare corsi di formazione/aggiornamento su temi; incontro preliminare (tra genitori e insegnanti) nel passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria, per acquisire maggiori informazioni sul vissuto degli alunni.

18 Nelle emozioni di un insegnante Nelle emozioni di un insegnante

19 Rabbia Es: gli insegnanti possono irritarsi perché dopo aver comunicato, per iscritto e più volte alla famiglia il mancato svolgimento dei compiti da parte del loro figlio, il bambino continua a non svolgere i compiti e gli avvisi non vengono firmati.

20 Scarso riconoscimento e fiducia della professionalità di insegnante Es:linsegnante assegna un compito (es. ricerca) da svolgere a casa; i genitori, magari con poco tempo a disposizione, possono banalizzare e sottovalutare la consegna data al bambino e lo invitano a non preoccuparsi se non effettuerà la ricerca.

21 Difficoltà ad essere esplicito, per paura di una distorsione o un fraintendimento comunicativo Es.: gli insegnanti durante i colloqui fanno presente ai genitori che loro figlio ha difficoltà a concentrasi in classe e a svolgere il lavoro autonomamente. I genitori possono indignarsi perché interpretano quanto detto dagli insegnanti come un invito a far segnalare, per una eventuale certificazione, il proprio figlio.

22 Difficoltà a trovare spazi e tempi per interagire Es.: alcune mamme, ignorando la regola che i genitori non possono recarsi in classe durante le lezioni, possono entrare in aula con le più disparate richieste, ritardando linizio delle attività e privando i bambini del momento dellaccoglienza.

23 Confusione di ruoli e mancata definizione di compiti e competenze Es: la famiglia può ritenere che la quantità di compiti assegnata dagli insegnanti non sia adeguata e pertanto può lamentarsi con il Dirigente scolastico, senza interloquire con il team docente.

24 Paura di sentirsi giudicati Es: i genitori, presi dallansia per lo svolgimento puntuale del programma, possono confrontare ripetutamente i quaderni dei propri figli con quelli dei figli dei loro amici, che frequentano altre scuole o altre sezioni.

25 Mancanza di un sostegno e un accordo tra gli insegnanti Es:Durante i colloqui un insegnante comunica ai genitori che loro figlio è particolarmente agitato durante le lezioni e la collega smentisce asserendo che con lei il bambino ha un altro comportamento.

26 Queste emozioni possono impedire la realizzazione di una collaborazione effettiva, disinibita, aperta, profonda scuola-famiglia. Può nascere un conflitto tra: Un atteggiamento di DIFESA da parte degli insegnanti; Un atteggiamento di DIFFIDENZA da parte dei genitori.

27 Occorre superare le proprie chiusure ed avviare un lavoro di COOPERAZIONE,PARTECIPAZIONE E COLLABORAZIONE, che veda impegnati tutti: oIl Dirigente scolastico; oI docenti tra di loro: un team anche ristretto che però opera in sintonia; oIl personale A.T.A; oI genitori, sia in forma individuale che comunitaria; oGli alunni stessi, resi protagonisti di una loro auto-realizzazione. In questo modo il MESSAGGIO COERENTE, emesso da parte di tutti e che ha valore per tutti, è che la scuola non è un campo di battaglia in cui gli alunni debbano competere con gli altri, in cui ogni alunno è solo nella lotta per la propria autoaffermazione, ma è un luogo di apprendimento cooperativo, che si traduce in ambiente di educazione alla convivenza democratica ed alla solidarietà umana, un contesto in cui si sviluppa, si realizza la personalità dellalunno, il suo benessere psico-socio- educativo. Cosa si può fare??

28 Per realizzare una COLLABORAZIONE, ai genitori si richiede di… Valorizzare e rispettare le competenze professionali degli insegnanti; dare agli insegnanti le informazioni utili a migliorare la conoscenza dei bambini; rivolgersi subito agli insegnanti in presenza di problemi; limitare le assenze del figlio, evitando assenze sistematiche e facendo frequentare regolarmente la scuola e arrivare puntualmente;

29 ai genitori si richiede di… condividere gli obiettivi educativi e collaborare allazione della scuola; informarsi sullofferta formativa e didattica e conoscere e rispettare il regolamento dIstituto; partecipare agli incontri periodici con gli insegnanti; seguire e valorizzare il lavoro del proprio figlio, evidenziando limportanza della scuola ed evitando messaggi contraddittori.

30 Per concludere…. …..come potrà la scuola, partendo dalla complessità attuale, dai vincoli, dalle contraddizioni inscritte nella propria storia, impegnarsi in questa direzione di cambiamento? François Toquelles ci indica la strada: Possiamo diventare educatori o terapeuti per caso; possiamo diventare professionisti solo con gli altri: si comincia sempre come dilettanti; per continuare bisogna mettersi alla prova in una prassi. La prassi,diversamente dalla pratica, presuppone un campo simbolico (…) che si può realizzare solo in un gruppo… (Cocever, 1993 ).


Scaricare ppt "La comprensione e la promozione della genitorialità e dellintervento educativo nella scuola II Circolo Didattico- Spoleto Scuola Elementare 24 novembre."

Presentazioni simili


Annunci Google