La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIREZIONE REGIONALE PER I SERVIZI SOCIALI ANNALISA BASSO Lofferta dei servizi per gli anziani alla luce dellevoluzione dei bisogni Regione del Veneto 20.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIREZIONE REGIONALE PER I SERVIZI SOCIALI ANNALISA BASSO Lofferta dei servizi per gli anziani alla luce dellevoluzione dei bisogni Regione del Veneto 20."— Transcript della presentazione:

1 DIREZIONE REGIONALE PER I SERVIZI SOCIALI ANNALISA BASSO Lofferta dei servizi per gli anziani alla luce dellevoluzione dei bisogni Regione del Veneto 20 maggio 2011

2 La situazione degli anziani nel Veneto Come in tutti i paesi avanzati, anche nel Veneto, sono in corso significativi mutamenti demografici, il più importante dei quali, per la particolare rilevanza con cui si manifesta a livello locale e per le pesanti conseguenze sociali ed economiche che ne discendono, è senza dubbio il progressivo invecchiamento della popolazione. Allaumentare delletà media della popolazione aumentano le condizioni generali di disagio delle persone e, specificatamente, le situazioni di inabilità, le pluripatologie e le invalidità. Come in tutti i paesi avanzati, anche nel Veneto, sono in corso significativi mutamenti demografici, il più importante dei quali, per la particolare rilevanza con cui si manifesta a livello locale e per le pesanti conseguenze sociali ed economiche che ne discendono, è senza dubbio il progressivo invecchiamento della popolazione. Allaumentare delletà media della popolazione aumentano le condizioni generali di disagio delle persone e, specificatamente, le situazioni di inabilità, le pluripatologie e le invalidità. I cambiamenti nella popolazione anziana non si riferiscono solo a dati di tipo demografico, ma alla sostanziale diversità dellessere anziani oggi: gli anziani di oggi hanno uno stato di salute migliore rispetto al passato, sono culturalmente più preparati e dinamici, sono economicamente più autonomi ed hanno una vita sociale più intensa e dinamica. I cambiamenti nella popolazione anziana non si riferiscono solo a dati di tipo demografico, ma alla sostanziale diversità dellessere anziani oggi: gli anziani di oggi hanno uno stato di salute migliore rispetto al passato, sono culturalmente più preparati e dinamici, sono economicamente più autonomi ed hanno una vita sociale più intensa e dinamica.

3 Incidenza della popolazione over 65 annoTotale popolazioneValore over ,3% ,9% Costante aumento della popolazione anziana; Drastica riduzione della disponibilità di care-giver familiari; Aumento delle famiglie mononucleari costituite da persone anziane (over 75); Condizione di disabilità, congenita e/o acquisita, grave e complessa.

4 Le politiche della Regione sono state finalizzate a creare le condizioni per: la migliore tutela della salute; tale obbiettivo è conseguibile con il consolidamento e limplementazione del servizio di telesoccorso e telecontrollo, la promozione della qualità della vita e del tempo libero tramite progettualità a livello locale; la migliore tutela della salute; tale obbiettivo è conseguibile con il consolidamento e limplementazione del servizio di telesoccorso e telecontrollo, la promozione della qualità della vita e del tempo libero tramite progettualità a livello locale; la creazione di condizioni di sicurezza sociale che favoriscano la vita in famiglia della persona anziana e nella comunità di riferimento (servizio di Assistenza Domiciliare Integrata); la creazione di condizioni di sicurezza sociale che favoriscano la vita in famiglia della persona anziana e nella comunità di riferimento (servizio di Assistenza Domiciliare Integrata); il sostengo della famiglia e il sollievo dei componenti della stessa, impegnati in azioni assistenziali in casa ( supporto alle famiglie tramite assistenti familiari, cd. badanti, ed interventi economici); il sostengo della famiglia e il sollievo dei componenti della stessa, impegnati in azioni assistenziali in casa ( supporto alle famiglie tramite assistenti familiari, cd. badanti, ed interventi economici); sviluppo e diffusione delle nuove tecnologie per assicurare e garantire le migliori condizioni di vita nella propria casa ( tramite labbattimento delle barriere architettoniche ed il supporto alla realizzazione di progetti finalizzati allutilizzo di tecnologie informatiche); sviluppo e diffusione delle nuove tecnologie per assicurare e garantire le migliori condizioni di vita nella propria casa ( tramite labbattimento delle barriere architettoniche ed il supporto alla realizzazione di progetti finalizzati allutilizzo di tecnologie informatiche); la sicurezza della persona anche mediante lofferta di opportunità che alternino la permanenza a domicilio con periodi si sollievo e di accoglienza in strutture residenziali, e in particolare attraverso laumento delle opportunità di offerta ( posti di accoglienza) e la diversificazione delle risposte in relazione ai bisogni di assistenza; la sicurezza della persona anche mediante lofferta di opportunità che alternino la permanenza a domicilio con periodi si sollievo e di accoglienza in strutture residenziali, e in particolare attraverso laumento delle opportunità di offerta ( posti di accoglienza) e la diversificazione delle risposte in relazione ai bisogni di assistenza; Sviluppo della rete delle solidarietà sociali e delle reti attive nella comunità locale per favorire la permanenza nella propria casa, realizzando attività progettuali a cura dei soggetti del non profit, che favoriscano rapporti interpersonali e di solidarietà nel proprio contesto ambientale. Sviluppo della rete delle solidarietà sociali e delle reti attive nella comunità locale per favorire la permanenza nella propria casa, realizzando attività progettuali a cura dei soggetti del non profit, che favoriscano rapporti interpersonali e di solidarietà nel proprio contesto ambientale.

5 UNITÀ COMPLESSA NON AUTOSUFFICIENZA Domiciliarità e residenzialità anziani Domiciliarità e residenzialità anziani Domiciliarità e residenzialità disabili Domiciliarità e residenzialità disabili IPAB IPAB Barriere architettoniche Barriere architettoniche Integrazione lavorativa Integrazione lavorativa Coordinamento invalidità civile Coordinamento invalidità civile Accreditamento - Legge Regionale 22/02 Accreditamento - Legge Regionale 22/02

6 Art. 2 lr 30 del 18 dic E non autosufficiente la persona che solo con laiuto determinante di altri può provvedere alla cura della propria persona, e possono mantenere una normale vita di relazione …... Non autosufficienza

7 Non autosufficienza - Oggi Non autosufficienza sociale = perdita di autonomia generica, generalmente connessa al progredire delletà Non autosufficienza sociale = perdita di autonomia generica, generalmente connessa al progredire delletà La non alla nascita o acquisite, specialmente le diverse forme di demenza. Le pluripatologie sono causa sempre più di non autosufficienza La non autosufficienza da patologie alla nascita o acquisite, specialmente le diverse forme di demenza. Le pluripatologie sono causa sempre più di non autosufficienza La non autosufficienza da isolamento, derivante dalla connessione delle situazioni precedenti; sociali e pluripatologie. Fenomeno dellisolamento. La non autosufficienza da isolamento, derivante dalla connessione delle situazioni precedenti; sociali e pluripatologie. Fenomeno dellisolamento.

8 FATTORI DI QUALITA DELLA RETE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA ARTICOLAZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI ARTICOLAZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI ACCREDITAMENTO E STANDARD DEI SERVIZI ACCREDITAMENTO E STANDARD DEI SERVIZI ACCESSO UNITARIO ALLA RETE DEI SERVIZI ACCESSO UNITARIO ALLA RETE DEI SERVIZI

9 Accesso alla rete dei servizi cittadino VALUTAZIONEVALUTAZIONE Presa in carico del soggetto per un progetto mirato Distretto A.Ulss SPORTELLOSPORTELLO INTEGRATOINTEGRATO Comune

10 Lo SPORTELLO INTEGRATO è il primo servizio per i cittadini è punto di accesso unitario, deve essere presente in ogni Distretto, collegato on line coi servizi Funzioni: 1. Fornire informazioni sulle opportunità, risorse, prestazioni, agevolazioni, servizi 2. Raccogliere le domande di accesso a prestazioni e servizi 3. Effettuare una prima lettura dei bisogni 4. Proporre al cittadino le prestazioni e servizi adatti a lui 5. Inviare ai servizi i casi complessi e delicati

11 Sistema di riferimento Sviluppo qualitativo e quantitativo dellofferta di servizi al cittadino Centralità del cittadino Centralità del cittadino Programmazione regionale e territoriale delle risorse Programmazione regionale e territoriale delle risorse

12 Linee di programmazione regionale Sistema di Accesso Sistema dei Servizi Il cittadino

13 Il Cittadino Ha come riferimento i Servizi Sociali del comune per laspetto sociale e lAzienda ULSS, che valuta il bisogno assistenziale della persona, per laspetto sanitario (Scheda SVAMA Assistente Sociale del comune di residenza e MMG) Ha come riferimento i Servizi Sociali del comune per laspetto sociale e lAzienda ULSS, che valuta il bisogno assistenziale della persona, per laspetto sanitario (Scheda SVAMA Assistente Sociale del comune di residenza e MMG) Presenta la domanda al distretto della Azienda ULSS con lindicazione del Centro di Servizio prescelto Presenta la domanda al distretto della Azienda ULSS con lindicazione del Centro di Servizio prescelto La richiesta viene inserita nel Registro unico della residenzialità La richiesta viene inserita nel Registro unico della residenzialità Il cittadino è titolare dellimpegnativa per laccesso alla residenzialità, emessa alla disponibilità economica e alla effettiva disponibilità del posto letto nel Centro di Servizio prescelto Il cittadino è titolare dellimpegnativa per laccesso alla residenzialità, emessa alla disponibilità economica e alla effettiva disponibilità del posto letto nel Centro di Servizio prescelto

14 Modalità di accesso ai servizi Valutazione attraverso la scheda S.Va.M.A. con la definizione del profilo di non autosufficienza della persona Valutazione attraverso la scheda S.Va.M.A. con la definizione del profilo di non autosufficienza della persona Correlazione tra profili e livelli di intensità assistenziale (strumento S.Va.M.A. in fase di ulteriore sperimentazione) Correlazione tra profili e livelli di intensità assistenziale (strumento S.Va.M.A. in fase di ulteriore sperimentazione) Inserimento della persona richiedente nel Registro Unico della Residenzialità Inserimento della persona richiedente nel Registro Unico della Residenzialità

15 Libera scelta: azioni Determinazione annuale del numero complessivo di impegnative di residenzialità Determinazione annuale del numero complessivo di impegnative di residenzialità Definizione della dotazione complessiva dei posti letto accreditabili ai sensi della Legge 22/2002 Definizione della dotazione complessiva dei posti letto accreditabili ai sensi della Legge 22/2002 Definizione del regolamento tipo per la regolazione del flusso delle domande di accesso alla residenzialità Definizione del regolamento tipo per la regolazione del flusso delle domande di accesso alla residenzialità Definizione livelli di assistenza Definizione livelli di assistenza Definizione criteri e indicatori per la determinazione della retta media Definizione criteri e indicatori per la determinazione della retta media

16 Caratteristiche dellassegno di cura Unificazione dei criteri economici di accesso ISEE non superiore a ,28 sui redditi anno 2010 Unificazione dei criteri economici di accesso ISEE non superiore a ,28 sui redditi anno 2010 Va presentata una sola domanda Va presentata una sola domanda Trasparenza Trasparenza

17 Interventi per la domiciliarità Interventi a domicilio e di supporto alla famiglia utenti ADI telesoccorso e telecontrollo persone collegate Interventi a domicilio e di supporto alla famiglia utenti ADI telesoccorso e telecontrollo persone collegate Interventi di sollievo centro diurno socio sanitario - accoglienza temporanea - progettualità sperimentali Interventi di sollievo centro diurno socio sanitario - accoglienza temporanea - progettualità sperimentali

18 Risorse economiche fondo non autosufficienza anno ,00 Assistenza domiciliare ,00 Assistenza domiciliare ,49 assegno di cura ,49 assegno di cura ,00 sportello integrato ,00 sportello integrato ,00 servizi telesoccorso/telecontrollo, interventi regionali per progetti straordinari ,00 servizi telesoccorso/telecontrollo, interventi regionali per progetti straordinari ,00 interventi individuali area disabili (vita indipendente) ,00 interventi individuali area disabili (vita indipendente) ,00 sollievo e reti solidaristiche ,00 sollievo e reti solidaristiche

19 Programmazione del fabbisogno di residenzialità 0,06 % della popolazione residente detà compresa tra anni 0,06 % della popolazione residente detà compresa tra anni 0,65 % della popolazione residente detà compresa tra 65 e 74 anni 0,65 % della popolazione residente detà compresa tra 65 e 74 anni 4,40 % della popolazione residente con età superiore ai 75 anni 4,40 % della popolazione residente con età superiore ai 75 anni Nei territori di montagna i parametri sono incrementati dello 0,5% per la fascia detà 65/74 e dell1% per la fascia detà superiore ai 75 anni Nei territori di montagna i parametri sono incrementati dello 0,5% per la fascia detà 65/74 e dell1% per la fascia detà superiore ai 75 anni DGR 190/2011 definisce il numero di posti autorizzabili accreditabili pari al 25% in più rispetto al fabbisogno DGR 190/2011 definisce il numero di posti autorizzabili accreditabili pari al 25% in più rispetto al fabbisogno

20 Limpegnativa di residenzialità Titolo rilasciato dalla Azienda ULSS di residenza del cittadino prima dellingresso in un centro di servizio. Limpegnativa è rilasciata per laccesso alle prestazioni rese nei servizi residenziali e semiresidenziali autorizzati allesercizio ai sensi della LR 22/2002 LAzienda ULSS sulla base della graduatoria unica della residenzialità rilascia limpegnativa di residenzialità nel limite del numero massimo di impegnative assegante Entro il 31 dicembre di ogni anno la Regione definisce per ogni Azienda ULSS il numero di impegnative assegnabili per lanno successivo compresa la quota massima

21 Livelli di intensità assistenziale I livelli di intensità assistenziale devono discendere dai profili di non autosufficienza – Le Aziende ULSS e le Conferenze dei Sindaci provvedono ad aggiornare il regolamento per il funzionamento della UVMD I livelli di intensità assistenziale devono discendere dai profili di non autosufficienza – Le Aziende ULSS e le Conferenze dei Sindaci provvedono ad aggiornare il regolamento per il funzionamento della UVMD Progetto Assistenziale Individualizzato Progetto Assistenziale Individualizzato Livelli intensità assistenziale 1° livello intensità assistenziale: ridotta/minima 2° livello intensità assistenziale: media (elevata risposta assistenziale) Determinazione posti per: - accoglienza di lungo periodo - accoglienza temporanea per il sollievo delle famiglie e per situazioni di emergenza sociale - Sezione Alta Protezione Alzheimer (S.A.P.A.) - Sezione stati Vegetativi Permanenti (S.V.P.)

22 Attori del sistema Regione Regione LAzienda ULSS LAzienda ULSS Conferenza dei Sindaci Conferenza dei Sindaci Comuni Comuni Centri di Servizio Centri di Servizio Altre soggettività pubbliche e private Altre soggettività pubbliche e private

23 LAzienda ULSS/Conferenza dei Sindaci Predispone Piano Locale per la non autosufficienza, parte integrante del Piano di Zona, per la programmazione locale dei Servizi per la non autosufficienza Predispone Piano Locale per la non autosufficienza, parte integrante del Piano di Zona, per la programmazione locale dei Servizi per la non autosufficienza Regolamento UVMD Regolamento UVMD Registro Unico della Residenzialità Registro Unico della Residenzialità

24 Comuni Attuano la presa in carico delle persone non autosufficienti fin dalla prima fase di risposta alla situazione di bisogno Attuano la presa in carico delle persone non autosufficienti fin dalla prima fase di risposta alla situazione di bisogno Art. 6 L 328/ Funzioni dei comuni punto 4: Art. 6 L 328/ Funzioni dei comuni punto 4: Per i soggetti per i quali si renda necessario il ricovero stabile presso strutture residenziali, il comune nel quale essi hanno la residenza prima del ricovero, previamente informato, assume gli obblighi connessi alleventuale integrazione economica.Per i soggetti per i quali si renda necessario il ricovero stabile presso strutture residenziali, il comune nel quale essi hanno la residenza prima del ricovero, previamente informato, assume gli obblighi connessi alleventuale integrazione economica. Partecipano alla predisposizione del Piano di Zona Partecipano alla predisposizione del Piano di Zona Adeguano gli strumenti della programmazione in relazione alla domanda accertata e alle risorse disponibili e in riferimento ai vincoli programmatori posti dalla Regione Adeguano gli strumenti della programmazione in relazione alla domanda accertata e alle risorse disponibili e in riferimento ai vincoli programmatori posti dalla Regione Approvano il Piano Locale per la non autosufficienza predisposto dalle Aziende ULSS Approvano il Piano Locale per la non autosufficienza predisposto dalle Aziende ULSS

25 Centri di Servizio Centri di servizio a carattere socio-sanitario Centro di servizi per persone anziane non autosufficienti Centro di servizi per persone anziane non autosufficienti Centro Diurno per persone anziane non autosufficienti Centro Diurno per persone anziane non autosufficienti Comunità alloggio per persone anziane Comunità alloggio per persone anziane Centri di servizio a carattere sociale Casa persone anziane autosufficienti Casa persone anziane autosufficienti Casa albergo/mini alloggio per anziani Casa albergo/mini alloggio per anziani

26 Altre soggettività pubbliche private Concorrono alla integrazione e miglioramento del sistema di servizi alle persone non autosufficienti secondo quanto previsto dal Piano locale per la non autosufficienza Concorrono alla integrazione e miglioramento del sistema di servizi alle persone non autosufficienti secondo quanto previsto dal Piano locale per la non autosufficienza

27 Piano Locale per la non autosufficienza – strategie Monitoraggio e analisi costante della domanda Monitoraggio e analisi costante della domanda Rappresentazione del fenomeno della mobilità Rappresentazione del fenomeno della mobilità Redazione del piano di allocazione dei posti di residenzialità distinti per tipologia e relativa programmazione Redazione del piano di allocazione dei posti di residenzialità distinti per tipologia e relativa programmazione Individuazione delle strategie di integrazione Individuazione delle strategie di integrazione Analisi dellofferta dei posti di residenzialità Analisi dellofferta dei posti di residenzialità Criteri per la gestione del registro unico della residenzialità Criteri per la gestione del registro unico della residenzialità Individuazione del ruolo dei Centri di Servizio Individuazione del ruolo dei Centri di Servizio Valorizzazione risorse esistenti Valorizzazione risorse esistenti Realizzazione di sperimentazioni organizzative, gestionali e distrettuali Realizzazione di sperimentazioni organizzative, gestionali e distrettuali Analisi degli indicatori di risultato Analisi degli indicatori di risultato

28 Retta di accoglienza nei servizi per anziani Metodo uniforme per il calcolo della retta parametrato sulla base degli standard organizzativi e della tipologia del servizio offerto Metodo uniforme per il calcolo della retta parametrato sulla base degli standard organizzativi e della tipologia del servizio offerto Definizione sulla base di voci di costo e sulla base della loro incidenza percentuale Definizione sulla base di voci di costo e sulla base della loro incidenza percentuale

29 Bilancio anno DGR 3562 del 30 dicembre 2010 ATTRIBUZIONI PER LINEE AMBITO DI INTERVENTO ANNO 2009 ANNO 2009 FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA-CONCORSO REGIONALE ALLA SPESA PER ASSISTENZA RIABILITATIVA RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI PRESSO LE STRUTTURE AD INTENSITA' MEDIA E RIDOTTA-MINIMA E DA RICONVERSIONE OSPEDALIRA , ,00 FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA-CONCORSO REGIONALE ALLA SPESA PER ASSISTENZA RIABILITATIVA RESIDENZIALE PER PERSONE DISABILI , ,00 FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA- DOMICILIARIETA'- INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO , ,20 FONDO PR LA NON AUTOSUFFICIENZA CENTRI DIURNI PER DISABILI CENTRI DIURNI PER DISABILI , ,00 TOTALE , ,00

30 Bilancio anno , ,00

31 LEGGE REGIONALE 30/2009 DISPOSIZIONI PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA E PER LA SUA DISCIPLINA DISPOSIZIONI PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA E PER LA SUA DISCIPLINA a) prestazioni erogate a domicilio o contributi economici, anche sotto forma di assegni di cura; b) prestazioni di assistenza domiciliare integrata socio-sanitaria, nellambito di programmi di intervento a favore di persone non autosufficienti; c) prestazioni in regime semiresidenziale, nellambito di programmi riabilitativi a favore di disabili, comprensive delle prestazioni riabilitative, educative e di socializzazione, anche quando attengono al sollievo della famiglia; d) prestazioni a carattere socio-sanitario in regime semiresidenziale, comprensive di azioni di recupero e di mantenimento funzionale delle abilità per non autosufficienti, anche quando attengono al sollievo della famiglia; e) prestazioni a carattere socio-sanitario rese in centri di servizio residenziali a favore di disabili fisici, psichici, intellettivi e sensoriali; f) prestazioni a carattere socio-sanitario rese in centri di servizio residenziali a favore di persone non autosufficienti; g) interventi di telesoccorso e telecontrollo; h) prestazioni a carattere previdenziale, quali oneri sociali e contributi figurativi per i soggetti che assistono persone non autosufficienti a) prestazioni erogate a domicilio o contributi economici, anche sotto forma di assegni di cura; b) prestazioni di assistenza domiciliare integrata socio-sanitaria, nellambito di programmi di intervento a favore di persone non autosufficienti; c) prestazioni in regime semiresidenziale, nellambito di programmi riabilitativi a favore di disabili, comprensive delle prestazioni riabilitative, educative e di socializzazione, anche quando attengono al sollievo della famiglia; d) prestazioni a carattere socio-sanitario in regime semiresidenziale, comprensive di azioni di recupero e di mantenimento funzionale delle abilità per non autosufficienti, anche quando attengono al sollievo della famiglia; e) prestazioni a carattere socio-sanitario rese in centri di servizio residenziali a favore di disabili fisici, psichici, intellettivi e sensoriali; f) prestazioni a carattere socio-sanitario rese in centri di servizio residenziali a favore di persone non autosufficienti; g) interventi di telesoccorso e telecontrollo; h) prestazioni a carattere previdenziale, quali oneri sociali e contributi figurativi per i soggetti che assistono persone non autosufficienti

32 LEGGE REGIONALE 9/2010 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO CIVILE DEGLI ANZIANI Persone anziane coloro che hanno 60 anni e sono titolari di pensione ossia non lavoratori Persone anziane coloro che hanno 60 anni e sono titolari di pensione ossia non lavoratori Affidamento attraverso contratto di diritto privato Affidamento attraverso contratto di diritto privato Massimo ,00 per Comune in relazione al numero di abitanti Massimo ,00 per Comune in relazione al numero di abitanti DGR 557 del Modalità di attivazione e criteri per lassegnazione dei contributi Entro il 30 aprile 2010 dovevano essere presentati i progetti che si devono concludere entro il 31/12/2010 Entro il 30 aprile 2010 dovevano essere presentati i progetti che si devono concludere entro il 31/12/2010Attività Servizio di trasporto per accesso a prestazioni sociali o sociosanitarie Servizio di trasporto per accesso a prestazioni sociali o sociosanitarie Insegnamento nei corsi professionali Insegnamento nei corsi professionali Sorveglianza presso le scuole Sorveglianza presso le scuole Custodia e vigilanza musei Custodia e vigilanza musei Assistenza culturale e sociale nei musei Assistenza culturale e sociale nei musei Interventi a carattere ecologico Interventi a carattere ecologico Ecc… Ecc…

33 DGR 4229/2003 DGR 4229/2003 PROGETTI CONCLUSI LIQUIDAZIONE AL 20 GENNAIO 2009 TOTALE N° 102 PROVINCIA COSTI A CARICO DGRIN ATTESA DI RENDICOANTAZIONE PROGETTI APPROVATI MA CON RINUNCIA N°VALOREN°VALOREN°VALORE BELLUNO , PADOVA , , ,00 ROVIGO , TREVISO , , VENEZIA , , ,00 VICENZA , ,00 VERONA , , TOTALE , , ,00


Scaricare ppt "DIREZIONE REGIONALE PER I SERVIZI SOCIALI ANNALISA BASSO Lofferta dei servizi per gli anziani alla luce dellevoluzione dei bisogni Regione del Veneto 20."

Presentazioni simili


Annunci Google