La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A tavola con i greci. Perché ci interessiamo di cucina greca? Cosa mangiavano gli antichi greci? Che rapporto avevano con la cucina? Il nostro lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A tavola con i greci. Perché ci interessiamo di cucina greca? Cosa mangiavano gli antichi greci? Che rapporto avevano con la cucina? Il nostro lavoro."— Transcript della presentazione:

1 A tavola con i greci

2 Perché ci interessiamo di cucina greca? Cosa mangiavano gli antichi greci? Che rapporto avevano con la cucina? Il nostro lavoro desidera dare una risposta a queste domande …

3 Se è vero … che la cultura occidentale nasce dal razionalismo greco ; e che noi siamo ciò che mangiamo ergo La nostra cucina avrà senza dubbio molti elementi in comune col mondo greco antico

4 Alimentazione in Grecia: la commensalità Dallo studio della cultura greca emerge con grande evidenza limportanza della commensalità e di rituali connessi al mangiare e al bere.

5 Cibo e divertimento: il banchetto … Il banchetto si componeva di due parti: la prima (detta pròtai tràpezai, cioè prime tavole ), coincideva all'incirca col tramonto ed era il pasto vero e proprio, all'inizio del quale si faceva passare tra i convitati, che vi bevevano a turno, una coppa di vino. Il banchetto si teneva nell'arco di tempo in cui solitamente si consumava il pasto principale della giornata (gr. deípnon ; lat. coena ), tra il pomeriggio e il tramonto del sole. Terminato il pasto, si levavano le mense e si puliva il pavimento; quindi si versavano le libagioni e si intonava un inno: aveva così inizio la seconda parte del banchetto ( déuterai tràpezai, seconde tavole ), il simposio vero e proprio ( sympósion)

6 La parola simposio deriva dal termine greco symposion, da sympinein, che significa bere insieme. Simposio, quindi, vuol dire bevuta comune. … e il simposio

7 KLINAI E TRAPEZAI letti e tavolini I servi disponevano davanti ai letti piccoli e bassi tavolini (tràpezai) su cui erano collocati i piatti con le vivande. Durante il vero e proprio pasto non si beveva vino;non si usano né tovaglie né tovaglioli e nemmeno posate ma cibi già tagliati venivano serviti sui piatti di vario genere e presi con le mani.

8 Durante il simposio… Durante il simposio i convitati si cingevano la testa con bende, fiori e corone,offrivano libagioni in onore delle divinità, si davano ai divertimenti ed assistevano a spettacoli musicali. I musicisti, quasi sempre donne, le etere, al suono del doppio flauto o dellarpa accompagnavano le esibizioni delle danzatrici. Intervenivano anche giocolieri e acrobati e uno dei divertimenti più diffusi era il kòttabo. Comuni erano pure il gioco dei dadi e degli astragali per il quale venivano utilizzati le ossa delle zampe di ovini, caprini e suini

9 Durante il simposio, si servivano cibi stuzzicanti e vino in abbondanza Il vino veniva servito sempre annacquato, con acqua fredda o tiepida ed era compito del simposiarca deciderne le proporzioni. Quindi veniva preparata in un cratere centrale la moscela di acqua e vino dalla quale i coppieri attingevano con i mestoli la bevanda da versare nei calici dei convitati.

10 I pasti della giornata e gli alimenti Nellantica Grecia si mangiava tre volte al giorno: a colazione (akràtisma); a pranzo (àriston); e a cena (déipnon)

11 La colazione:ακρατισμα Alle prime luci dellalba, prima di uscire di casa, prendevano un leggero pasto : lacratismos, che di solito consisteva in un piccolo pane dorzo o di grano intinto in un po di vino puro (acratos); volendo poteva rendere questo pasto un po più abbondante con olive e fichi (colture tipicamente mediterranee).

12 Il pranzo: αριστον La base del pranzo era principalmente costituito da carboidrati, verdure, pesce, olio doliva, vino: spesso la sola maza (màza), una focaccia dorzo o frumento, accompagnata da insalate, agli o cipolle e vino. Per attenuare o esaltare i sapori usavano aromi e miele, mentre talvolta usavano spezie provenienti dal Medio Oriente e dall Africa.

13 La cena: δειπνον Il termine compare nei Sapienti a banchetto di Ateneo (II sec. d.C.),tradotto banchetto, o festa perché si riferisce a un simposio; ma, generalmente, deipnon viene usato, in greco, per indicare la cena o un pasto. Nellantica Grecia rappresentava per alcun un unico pasto, perché non tutti facevano colazione (akràtisma);rappresentava,inoltre, non solo un momento per consumare un pasto, ma persino un momento di incontro, dopo una dura giornata di lavoro, che culminava con il simposio, dove si beveva del vino con i commensali per scacciare via i pensieri e le fatiche.

14 Grani e cereali Orzo (più comunemente usato per il pane) Frumento (farro era ampiamente diffuso e utilizzato)

15 Verdure Rucola Asparagi Carciofi Carote Aglio Cavolo Ravanelli Rape Sedano selvatico

16 Pesce e frutti di mare Acciughe Polpo pesce cinghiale Raggi Gambero Sardine Seppia Branzino Anguille Spratti Triglie Calamaro Cernia Labro Tonno

17 Carne e pollame Uccelli Cinghiale Pollo Cervo Asino Capra Oca Lepre Agnello Fagiano Carne di maiale

18 Frutta Mele Arance Bergamotto Carrube Fichi Uva Giuggiole Olive Pere Susine Melograni Cotogne

19 Erbe e spezie Coriandolo (e foglie di coriandolo, noto anche come cilantro) Aneto Menta Pepe Origano Sale Zafferano Timo

20 Altri alimenti Formaggio Uova Miele Latte nocciole Olio d'oliva Lumache Aceto

21 Il pane Tra gli alimenti maggiormente consumati nellantica Grecia cera il pane. Ateneo nei suoi scritti cita 72 nomi di pani: allo zafferano, al finocchio, al rosmarino, alloliva, allanice, ai capperi, alla cipolla ecc. Per diverse che fossero le usanze, in tutte le cittá l'alimento base restó sempre il pane. Si trattava di pane che poteva sembrare diverso perché diverse erano le forme nelle quali esso veniva foggiato nelle diverse regioni, ma sempre pane era.

22 …Il pane per le cerimonie Oltre al pane comune esistevano infinite forme di pagnotte piú o meno attraenti, comprese quelle che si cuocevano per le feste religiose e venivano offerte a particolari dei. Tra queste, tanto per fare un esempio, quelle grandissime offerte a Demetra durante la festa della megalartia ossia dei grandi pani, le achenas, che venivano portate alla dea salmodiando la preghiera "una capra piena di lardo per la nostra signora addolorata." Evidentemente si dava la forma di tali animali a queste saporite pagnotte impastate con pezzi di lardo e probabilmente nel sacrificio esse sostituivano la ben piú costosa capra.

23 … e il pane commerciale Vi erano poi i pani commerciali destinati all'uso comune e quelli cucinati nelle case private. Tanti erano i tipi di pane tra i quali scegliere: si passava dal pane comune, l'aghelaios, per arrivare al boletinos, un pane a forma di fungo cosparso di semi di papavero. Oltre al seme di papavero per insaporire il pane si usavano anche altri semi come il cumino, il lino ed il sesamo.

24 …e i panini Vi erano poi i panini fatti a forma di fiore come gli apaloi ed i krinoi, questi ultimi a forma di giglio; poi c'erano i panini a forma del pirolo della lira chiamati appunto collabi,senza contare le grandi pagnotte: i giganteschi sfilatini o le treccie confezionate con l'aggiunta di latte, olio, pepe e lardo.

25 …la cottura del pane Il pane si distingueva anche per i diversi metodi di cottura. Vi era il pane cotto nel clibano, forno portatile di origine piuttosto antica nel quale si preparavano i cribani, panini a forma di seno. Vi era poi il pane artopticeus del quale parla anche Plinio ed il pane di forno l'ipnite che veniva sfornato dalle panetterie senza contare il pane cotto sui carboni e quello posto sotto la cenere Una specialitá molto apprezzata era anche il pane di braciere, un pane piatto, molle e spugnoso che si mangiava inzuppandolo nel vino dolce

26 La carne… La carne era per lo più cotta allo spiedo, o alla griglia. Preferita la carne di maiale, gradite tutte le altre. Non erano utilizzate né posate né salviette, la carne veniva tagliata preventivamente. Una figura importante diventa il cuoco professionista; chi organizzava un banchetto poteva ingaggiarlo direttamente allagorà, mentre per il nutrimento giornaliero bastavano la moglie e il servo di casa.

27 … veniva da … Il consumo di pesce e carne varia secondo la ricchezza e la posizione della casa, nel paese. La caccia (in primo luogo di cattura) ha permesso per il consumo di uccelli e lepri. I contadini avevano anche aie che fornivano loro polli e oche. I proprietari terrieri leggermente più ricchi potevano allevare capre, maiali o pecore. In città la carne era costosa tranne per le carni suine.

28 ..e infine …il melas zomòs Gli Spartani principalmente mangiavano spezzatino di maiale, il "brodo nero (μέλας ζωμός melas zōmos). Secondo Plutarco era tanto apprezzato che gli uomini anziani si nutrivano solo di quello, lasciando il resto ai più giovani. Era molto famoso tra i greci. Era fatto con carne di maiale, sale, aceto e sangue. Il piatto veniva servito con Maza, fichi e formaggio a volte integrate con selvaggina e pesce. Eliano, autore del II-III sec., sostiene che ai cuochi spartani era proibito cucinare qualcosa di diverso dalla carne.

29 Il pesce… Insieme col pane, il pesce costituiva lalimento maggiormente consumato. A differenza con lantichità in cui il pesce non era neanche menzionato, diventa tra i cibi preferiti. A noi sono giunte solo poche ricette tra cui quella del pesce al cartoccio (cuocere dei filetti di sarda avvolti in foglie fico). La pesca era per i Greci un vero e proprio mestiere di cui Platone esalta il piacere.

30 …e il mercato Nelle isole greche il pesce fresco costa e i frutti di mare ( calamari, polpo e frutti di mare ) erano frequenti. Essi erano consumati localmente, ma più spesso trasportati verso l'interno. Sardine e acciughe erano consumati quotidianamente dai cittadini di Atene. A volte erano vendute fresche, ma più spesso salate. Una stele della fine del 3 ° secolo a.C. dalla piccola città di Akraiphia della Beozia, sul lago di Copais, ci fornisce una lista dei prezzi del pesce. Il più economico era lo skaren (probabilmente pappagallo ), mentre il tonno rosso del nord era tre volte più costoso.

31 Il pesce di acqua salata… I pesci d'acqua salata erano tonno pinna gialla, triglie, raggio, pesce spada o di storione, una prelibatezza che veniva mangiato salato.tonno pinna gialla triglieraggiopesce spadastorione

32 ..e quello di acqua dolce I pesci d'acqua salata erano tonno pinna gialla, triglie, raggio, pesce spada o di storione, una prelibatezza che veniva mangiato salato.tonno pinna gialla triglieraggiopesce spadastorione

33 La verdura… I cereali erano spesso serviti accompagnati da ciò che è stato genericamente indicato come ψον (opson), "gusto".Il termine inizialmente significava nulla di preparato sul fuoco, e, per estensione, tutto ciò che accompagnava il pane. Nel periodo classico con tale termine ci si riferiva a frutta e verdura : cavoli, cipolle, lenticchie, piselli, ceci, fave, ecc

34 … era così mangiata La verdura era mangiata come un brodo, bollita o a purè ( τνος Etnos), condita con olio, aceto, erbe o γάρον Garon, una salsa di pesce simile alla vietnamita nuoc mam. Secondo Aristofane, il purè di fave erano un piatto preferito di Eracle, sempre rappresentato come un ghiottone in commedie. Le famiglie povere mangiavano ghiande di quercia βάλανοι balanoi). Ortaggi e legumi erano molto importanti. I Greci misero un grande impegno e studio per aumentare il rendimento dei loro raccolti agricoli.

35 La verdura e il suo consumo tipico I fagioli erano considerati una fonte importante di proteine, anche se ai seguaci di Pitagora fu insegnato a evitarle. Le olive erano un aperitivo comune. Nelle città le verdure fresche erano costose: gli abitanti più poveri della città dovevano accontentarsi di legumi secchi. La Zuppa φακ (phakē) è stato il tipico piatto delloperaio. Lenticchie, aglio, cipolle e formaggio sono stati la cucina tradizionale del soldato. Nella Pace l'odore di cipolla rappresenta tipicamente i soldati; il coro, che celebra la fine della guerra, canta Oh! gioia, gioia! non più il casco, senza formaggio né cipolle!

36 Dolci e bevande Con il termine tragèma si intende parlare di dolci che comprendevano frutta, mosti cotti o dolcetti addolciti al miele. La tecnica per fare la pasta fillo, molto sottile, era stata scoperta intorno al 4 ° secolo a.C., quindi è probabile che dolci come il baklava erano mangiati, ma senza zucchero! Il miele era il dolcificante tradizionale, così come i fichi e i prodotti ottenuti da uve dolci come il Petimezi (un dolcificante a base di uve) La bevanda più diffusa era certamente lacqua, il cui gusto e la cui freschezza erano apprezzati anche dai buongustai. Il recupero dellacqua era un lavoro quotidiano per le donne. Anche se i pozzi erano comuni, lacqua di sorgente era preferita: era considerata come nutriente perché faceva crescere piante e alberi, e anche come bevanda auspicabile. Pindaro definiva lacqua di sorgente come " piacevole come il miele". I greci avrebbe descritto l'acqua come robusta, pesante, asciutta, acida, pungente, simile al vino, ecc … Antiphanes sosteneva che avrebbe potuto riconoscere l'acqua Attica dal gusto. Afferma Athenaeus che un certo numero di filosofi aveva la fama di bere solo acqua, un'abitudine combinata con una dieta vegetariana.

37 Latte,idromele, kykeòn e … Si bevevano anche latte, soprattutto di capra, e una specie di idromele, miscela di miele e acqua. Molto gradito dai contadini greci era il kykeón (consisteva in una mistura di farina dorzo ed acqua, aromatizzata con la menta o il timo).

38 …e il vino Ma era la vite a fornire la bevanda reale, il «dono di Dioniso». In campagna, dopo la vendemmia, si beveva il vino dolce. La fabbricazione del vino era assai diversa da quella attuale; la fermentazione in tini non era praticata né a lungo né sistematicamente e la conservazione del prezioso liquido era perciò molto difficile. Per garantirla si mescolava il vino ad acqua salata o ad altri ingredienti, probabilmente col sistema con cui si fabbrica attualmente in Grecia il vino resinato, anche se non risulta che gli antichi abbiano mai aggiunto resina al vino. Si aggiungevano spesso aromi come il timo, la menta o la cannella, e talvolta del miele. Si faceva anche il vino cotto. Ogni paese produttore di un vino celebre aveva i suoi particolari sistemi di conservazione. Il vino destinato al consumo immediato era posto in otri di pelle di capra o di maiale mentre quello che andava esportato veniva versato in grandi giare di terracotta (pithoì) che sostituivano i nostri tini, poi in anfore anchesse di argilla, le cui pareti interne erano spalmate di pece.

39 I greci e lo studio dellalimentazione I Greci furono i primi a occuparsi dello studio dellalimentazione. Padre della dietetica attuale fu infatti Ippocrate, grandissimo medico greco che considerava ogni alimento fattore di salute o causa di malattie. Dimostrò, con le sue teorie, che molti cibi sono dannosi per le vie biliari (formaggi invecchiati, vini densi, carne troppo salata) e che altri hanno un effetto benefico sullorganismo (la carota e il sedano sono diuretici, alcune verdure sono rinfrescanti, il vino rosso è astringente, lidromele fa bene alla gola). Un altro medico che sinteressò di dietetica fu Galeno, vissuto nel secondo secolo: egli consigliava unalimentazione ricca di vegetali, pesce ed olio come condimento, perché salutari per lorganismo.

40 e adesso si mangia!!!! È lora delle … … RICETTE

41 La più antica ricetta greca La più antica ricetta conosciuta è : fette di pesce cotto con formaggio e olio. Le misurazioni sono state vaghe : un buon cuoco avrebbero dovuto conoscere gli importi corretti.. Per avere un assaggio della Grecia antica, qui di seguito vengono riportate ricette che riflettono sia gli ingredienti che le tecniche di cottura dei tempi antichi.

42 Antica Zuppa di fagioli - (Fasolada) Φασολάδα Greco: Φασολάδα Risultato: 6 persone Stagione: Autunno, Inverno METODO Mettere a bagno i fagioli in acqua durante la notte. Poi bollire in poca acqua per 5 minuti. Mettere la pentola a pressione fuori dal fuoco e coprire per 1 ora. Versare i fagioli e la foglia di alloro in brodo di manzo e far bollire lentamente per 2 ore. Saltare la cipolla con lo strutto e aggiungere il prezzemolo, il coriandolo, il sale e il pepe. Aggiungere questo ai fagioli. Aggiungere il miele e far bollire lentamente per un altro paio di minuti. Prima di servire, aggiungere gli spicchi d'aglio che sono stati passati attraverso una pressa aglio e mescolati con l'olio. INGREDIENTI 2 tazze di fagioli bianchi 1 / 2 litro di acqua 200 gr. Di strutto 3 cipolle tritate finemente 1 / 2 litro di brodo di manzo 2 teste di aglioaglio 2 chiodi di garofano 2 cucchiai di olio d'olivadi olio d'oliva 1 cucchiaio di miele 1 / 2 cucchiaino di coriandolo 1 mazzetto di prezzemoloprezzemolo 2 foglie di alloro sfoglie di alloro sale e pepe

43 … Procedimento Mettere a bagno i fagioli in acqua durante la notte. Poi bollire in poca acqua per 5 minuti. Mettere la pentola a pressione fuori dal fuoco e coprire per 1 ora. Versare i fagioli e la foglia di alloro in brodo di manzo e far bollire lentamente per 2 ore. Saltare la cipolla con lo strutto e aggiungere il prezzemolo, il coriandolo, il sale e il pepe. Aggiungere questo ai fagioli. Aggiungere il miele e far bollire lentamente per un altro paio di minuti. Prima di servire, aggiungere gli spicchi d'aglio che sono stati passati attraverso una pressa aglio e mescolati con l'olio.

44 Merluzzo con coriandolo INGREDIENTI 2 cucchiai di semi di coriandolo 1 cucchiaino da tè di sale 2 tranci di merluzzo Aceto di vino bianco.

45 … procedimento Preriscaldare il forno a 190 C. Mettere i semi di coriandolo in una teglia e infornare per 10 minuti. Lasciateli per alcuni minuti schiacciare con un mortaio insieme con il sale. Scolare i tranci di pesce ed eliminare eventuali ossicini. Setacciare con la miscela di coriandolo e metterli in una teglia da forno (ungere la teglia con l'olio. Coprire la padella e mettere in forno. Cuocere il pesce per minuti. Togliere dal forno, cospargere di aceto e servire caldo. Nota: Non dimenticare di spruzzare con l'aceto.

46 Pasteli In greco: παστέλι, La versione di pasteli più venduto al mercato è in genere molto difficile.. E ' l'aggiunta di zucchero raffinato in quelle ricette che lo rende difficile. Questa versione classica non fa uso di zucchero raffinato e crea una struttura gommosa con i gusti favolosi di semi di sesamo e miele. Suggerimento: La qualità e il gusto del miele avrà un effetto sul prodotto finale. Provate questa ricetta con miele biologico di vostra preferenza (timo, millefiori, abete, pino, castagno, ecc.) Tempo di cottura: 10 minuti Ingredienti: 1 / 3 tazze di miele 3 tazze di scafo semi di sesamo bianco 1 striscia di buccia di limone (circa 1 / 4 x 1 pollice)

47 Procedimento Nota: Se si desidera, aggiungere la buccia di limone per dare al pasteli una leggera nota di limone. In una casseruola portare miele e scorza di limone a ebollizione. Aggiungere i semi di sesamo mescolando continuamente e continuare a cuocere mescolando accuratamente. Quando i semi sono completamente mescolati e la miscela è bollita, togliere dal fuoco. Rimuovere ed eliminare la buccia di limone. Stendere un pezzo di carta da forno su una superficie di lavoro fresco e distribuite il composto a caldo in modo molto sottile, sulla carta (circa 1 / 4 di pollice di altezza). Quando il pasteli si raffredda a temperatura ambiente, refrigerare sulla carta pergamena ( non ha bisogno di essere coperto). Lasciare raffreddare per almeno 2-3 ore. Con forbici da cucina tagliare il pasteli in piccoli pezzi, insieme con la carta da forno sul fondo, e servire. Per mangiare, staccare la carta pergamena.

48 Felici di essere stati a tavola con i greci ??....……………. Nunc ……………….……………. Nunc ……………… ( come nella migliore tradizione greca) ( come nella migliore tradizione greca)... Nobis omnibus bibendum est


Scaricare ppt "A tavola con i greci. Perché ci interessiamo di cucina greca? Cosa mangiavano gli antichi greci? Che rapporto avevano con la cucina? Il nostro lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google