La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Saper progettare Progettare è facile quando si sa come si fa. Bruno Munari,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Saper progettare Progettare è facile quando si sa come si fa. Bruno Munari,"— Transcript della presentazione:

1 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Saper progettare Progettare è facile quando si sa come si fa. Bruno Munari, Da cosa nasce cosa

2 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia progettuale Definizione e scopo Il metodo progettuale: serie di operazioni necessarie, disposte in un ordine logico dettato dallesperienza. Scopo: raggiungere il massimo risultato col minimi sforzo.

3 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia progettuale Le ricette culinarie GOHAN Riso bollito Misurare 2 tazzine da caffè piene di riso per 4 porzioni. Versare il riso in una larga ciotola e lavarlo bene, cambiando spesso lacqua. Versare il riso in una casseruola a tenuta stagna. Aggiungere acqua fredda. Coprire, mettere sul fuoco. Portare a bollore, abbassare la fiamma al minimo e cuocere per Spegnere il fuoco e lasciar riposare per altri 15 senza aprire.

4 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia progettuale Lordine delle operazioni necessarie Progettare il riso bollito o la ciotola e le bacchette per gustarlo è un problema di metodo. In entrambe i casi lordine delle operazioni necessarie è dettato dallesperienza. Non progettate in modo artistico, senza metodo. Creatività non significa improvvisazione. Distinzione tra il progettista professionista e il progettista romantico.

5 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia progettuale I valori oggettivi La serie di operazioni del metodo progettuale è fatta di valori oggettivi che diventano strumenti operativi nelle mani di progettisti creativi

6 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia progettuale I valori oggettivi Cosa sintende per valori oggettivi? Valori riconosciuti da tutti come tali. Es. blu + giallo = verde

7 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Che cosè un problema? Problema Soluzione Il problema di design nasce dai bisogni. La soluzione di tali problemi migliora la qualità della vita.

8 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Problemi e soluzioni P S Le aziende pongono dei problemi ai designer. Il designer artistico-romantico va alla ricerca della soluzione geniale. Es. Progettare un sito di e-commerce per un Tour Operator leader di mercato

9 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Definizione del problema P S Nostro esempio: DP Il sito devessere integrato a una virtual community? Se si, in quale grado? Quale gamma di prodotti/servizi deve essere venduta? Che tipo dinterazione tra i membri? Quali / quanti obiettivi strategici?... Prima definire il problema, tracciando i limiti entro cui il progettista deve operare.

10 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Componenti del problema P CP Smontare il problema nelle sue componenti facilita la progettazione. DP Problema ABCDEFGHILM ABCDEFGHILM Sottoproblemi per categorie ABCDE… Problemi singoli Creatività Soluzione Tipi di categoria: costo, usabilità, ergonomia, sicurezza, navigabilità, distribuzione, interazione, visual... La creatività come capacità di risolvere il problema conciliando i vari sotto problemi. S

11 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Componenti del problema Nostro esempio: Quali scelte tecnologiche? Come sarà la distribuzione? Solo on line? Mista? Esistono parti già precostruite? Quanto dovrà costare? Che tipo di attrezzatura dovrà avere lutente? Quali condizioni di fruizione devono essere presupposte? Quanto deve pesare ogni singola pagina? Deve avere immagini, animazioni, suoni? In che proporzione? Come si garantirà la sicurezza delle transazioni? P CPDP S

12 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Raccolta di dati Nostro esempio: Ricercare esempi già esistenti tra i competitors Ricercare esempi già esistenti in altri settori merceologici Confrontare, inventariare Scartare i doppioni Scartare gli esempi che non potranno mai essere concorrenziali... Prima di approntare qualunque soluzione possibile è bene documentarsi se qualcuno non ci ha pensato prima di noi. P CPDP SRD

13 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Analisi dei dati Nostro esempio: Si possono individuare i difetti degli esempi raccolti Sovraccarico di decorazione dellinterfaccia grafica I controlli per la navigazione non sono nel posto giusto Mancanza di feedback adeguati... Lanalisi dei dati può orientare la progettazione verso altre tecnologie, altri costi, altre architetture dinformazione.... S AD CPDP RD P

14 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Creatività Abbiamo materiale sufficiente per cominciare la progettazione. CS AD CPDP RD P Il processo progettuale accantona la ricerca di unidea intuitiva. La creatività si sostituisce allidea artistico-romantica e procede secondo il metodo. Lidea potrebbe produrre soluzioni irrealizzabili, la creatività no.

15 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Contenuti e tecnologia Altra raccolta di dati su contenuti e tecnologie di cui il designer dispone per realizzare il suo progetto. CS AD CPDP RD P CT Inutile (e dannoso) pensare a soluzioni che non tengono in considerazione questi 2 dati. Linnovazione per trasferimento da altri settori.

16 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Sperimentazioni Sperimentazioni su tecnologie e materiali. SP S C AD CPDP RD P CT Provo a combinare in modo diverso gli elementi noti Provo a usare in modo diverso una una tecnologia che era nata per un altro scopo.

17 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Modelli dimostrativi Possiamo cominciare a fare qualche schizzo. MSP S C AD CPDP RD P CT Nel caso dei bozzetti di pagina, utilizzare la scala 1:1. Soluzioni parziali su livelli di approfondimento successivi.

18 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Verifica Test con un campione di utenti. MSP V C AD CPDP RD P CT S Controllo sulle risorse economiche, umane...

19 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Disegni costruttivi Alberature. Flow-charts. Bozzetti statici Storyboards I disegni costruttivi per comunicare a una persona che non è al corrente dei nostri progetti, tutte le informazioni utili per costruire un prototipo. Disegni chiari e leggibili, in numero sufficiente a capire ogni particolare. MSP V C AD CPDP RD P CT S D

20 AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Metodologia Gohan - Riso bollito P CPDP VRD AD C MT M D S Riso bollito Riso bollito per 4 persone alla maniera orientale Riso, acqua, pentola con coperchio Qualcuno lha già fatto? Come lo ha fatto? Cosa posso imparare da lei? Come assemblare il tutto nel modo giusto? Che riso? Che pentola? Che fuoco? Prove - assaggi Campione definitivo Buono. OK per 4 SP Riso bollito per 4, servito in ciotole con bacchette


Scaricare ppt "AA 2002/03Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Metodologia progettuale Saper progettare Progettare è facile quando si sa come si fa. Bruno Munari,"

Presentazioni simili


Annunci Google