La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P.I.P.P.I. nei territori Lesperienza di Bologna. I PRINCIPI IRRINUNCIABILI Di P.I.P.P.I. Èquipe Multiprofessionali (EM) Coinvolgimento nelle EM di famiglie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P.I.P.P.I. nei territori Lesperienza di Bologna. I PRINCIPI IRRINUNCIABILI Di P.I.P.P.I. Èquipe Multiprofessionali (EM) Coinvolgimento nelle EM di famiglie."— Transcript della presentazione:

1 P.I.P.P.I. nei territori Lesperienza di Bologna

2 I PRINCIPI IRRINUNCIABILI Di P.I.P.P.I. Èquipe Multiprofessionali (EM) Coinvolgimento nelle EM di famiglie e bambini Forte integrazione tra valutazione e intervento Strumenti condivisi e confrontabili Partenariato LA SITUAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI MINORI A BOLOGNA Mancanza di èquipe multiprofessionali stabili Isolamento professionale Riduzione di risorse umane e materiali Alto turn–over di operatori Lavoro sociale nellemergenza Complessità dei fenomeni sociali e crisi economica

3 La condizione per partire gennaio-marzo 2011 Garanzia della costituzione di Equipe Multiprofessionali LAusl ha aderito al progetto e individuato due professionisti che hanno sempre partecipato a tutti i livelli di intervento Formazione,EM,Tutoraggi,Coordinamento

4 Una Caratteristica di Bologna Già dalla fase di avvio del progetto Formazione e primi incontri con i tutor Marzo-luglio 2011 Sono stati presenti tutti i Soggetti Istituzionali coinvolti

5 I Soggetti Istituzionali COMUNE AUSL TERZO SETTORE ASP IRIDES

6 La partenza Aprile-luglio Quartieri su 9 coinvolti Navile, San Donato, San Vitale, Santo Stefano,Saragozza. 8 Assistenti Sociali R.d.C. 10 famiglie target 14 genitori e 16 figli 9 operatori dei Q.ri 2 operatori Ausl 2 operatori di Asp 3 operatori Terzo Settore 2 tutor del gruppo scientifico La scelta dei Quartieri La selezione delle famiglie La costituzione del Gruppo di Lavoro

7 La creazione delle EM È stata influenzata dal modello organizzativo esistente Dovevano essere 5 Ne sono state costituite 10 Nodo critico Frammentazione delle EM Difficoltà a portare tutti i componenti ai tutoraggi Obiettivo raggiunto Costituzione di una EM per ogni famiglia

8 EM Gruppo di Lavoro

9 La funzione del Gruppo di Lavoro Condivisione di alcuni principi fondamentali Rivisitazione del proprio modo di lavorare Creazione di un pensiero comune rispettoso di differenti contesti e funzioni Appoggio alle EM Integrazione a livello operativo Esplicitazione delle risorse che ogni soggetto, individuale e/o istituzionale, è in grado di mettere in gioco Trasmissione del nuovo modello nei propri ambiti di lavoro

10 Ciò ha permesso il passaggio dallAutoreferenzialità Definisco un obiettivo e progetto lintervento allIntegrazione Con-divido lobiettivo e la progettazione dellintervento al Partenariato Metto a disposizione qualcosa di mio per realizzare il progetto e raggiungere lobiettivo

11 Il Gruppo Territoriale Esso è lorganismo che Monitora e sostiene le attività delle EM Crea consenso sociale intorno al progetto Informa a livello interno e inter-istituzionale Promuove il progetto come stabile metodo di lavoro

12 Una Struttura tridimensionale Gruppo Territoriale Gruppo di lavoro EM GruppoTerritoriale Gruppo di lavoro EM

13 Il Gruppo territoriale a Bologna Le tappe (Luglio-novembre 2011) Nomina del Referente territoriale di Bologna Individuazione dei Soggetti Istituzionali da coinvolgere e dei loro rappresentanti Comunicazione formale relativa al Progetto P.I.P.P.I. con riferimento al GT Formazione a Padova sui compiti del GT Prima convocazione del GT

14 I Soggetti Istituzionali coinvolti Comune di Bologna Settore Servizi Sociali Quartieri Settore Istruzione Azienda USL di Bologna Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Salute Mentale Asp Irides Centro per le famiglie Privato Sociale Cooperativa Sociale Dolce Cooperativa Sociale La Rupe

15 Scelta vincente!!!!!! costituire un gruppo MISTO di Rappresentanti coinvolti nelle EM e Soggetti con funzioni di connessione ai punti strategici decisionali

16 Metodo di lavoro del GT Il gruppo è convocato periodicamente tramite convocazione scritta via mail La convocazione, che viene inviata circa una settimana prima, contiene lODG A conclusione di ogni incontro viene individuata insieme la data successiva Viene redatto per ogni incontro un verbale E individuata una persona che ha il compito di coordinamento

17 Gli obiettivi che sono stati raggiunti Elaborazione di una Scheda Tecnica che è divenuta lo strumento principale attraverso cui il GT ha veicolato linformazione (la Scheda viene aggiornata periodicamente) Diffusione della Scheda nei tavoli inter-istituzionali Elaborazione di una scheda specifica per il Progetto P.I.P.P.I. inserita nei Piani di Zona Programmazione degli eventi pubblici in cui presentare il progetto Definizione con il Settore Istruzione della strategia operativa su come coinvolgere il mondo della scuola Aspetti contabili-gestionali

18 Che cosa il Gruppo di Lavoro di Bologna ha (Ri-) preso da P.I.P.P.I. Principi resilienza, integrazione, centralità della famiglia, partenariato Modello EM, connessione valutazione-intervento, micro-progettazione Strumenti validati scientificamente, condivisi e confrontabili Tempo per pensare, per con-dividere, per valutare-progettare Fiducia verso le persone che incontriamo, verso le nostre capacità professionali

19 La sfida per il futuro Trasformare P.I.P.P.I. da processo sperimentale a Metodo di Lavoro consolidato nei territori


Scaricare ppt "P.I.P.P.I. nei territori Lesperienza di Bologna. I PRINCIPI IRRINUNCIABILI Di P.I.P.P.I. Èquipe Multiprofessionali (EM) Coinvolgimento nelle EM di famiglie."

Presentazioni simili


Annunci Google