La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indagine conoscitiva Banche del Tempo 2010 Lavoro del Primo Tavolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indagine conoscitiva Banche del Tempo 2010 Lavoro del Primo Tavolo."— Transcript della presentazione:

1 Indagine conoscitiva Banche del Tempo 2010 Lavoro del Primo Tavolo

2 Indagine Banche del Tempo 2010 Impostazione tavolo di lavoro La ricerca vuole essere uno strumento utile al fine di realizzare una più approfondita analisi dellindagine svolta nel Differentemente dal 2010, si è voluto creare un tavolo di lavoro per approfondire i dati risultanti dalla ricerca e grazie al coordinamento di alcune Banche del Tempo abbiamo affrontato le diverse domande che il questionario sottoponeva e le risposte ottenute

3 Approfondimento Punto per Punto La prima domanda che il questionario ci sottopone è chi fosse il soggetto promotore della Banca del tempo. Dopo aver ricevuto una grossa adesione da parte di regioni quali il Piemonte, l'Emilia Romagna, il Lazio e la Lombardia ho potuto appurare che molte sono le realtà, diversificate anche dal punto di vista della promozione da parte di diversi soggetti.Infatti le banche del tempo nascono prevalentemente da parte di cittadini che autonomamente costituiscono una organizzazione di scambi del tempo. (47% degli intervistati). Con percentuali minori ma comunque rilevanti, le banche del tempo nascono anche da una evoluzione delle associazioni pre esistenti e su spinta comunale. il dato è confermato anche dal fatto che le prime banche del tempo nate tra il 1991 al 1995 si sono sviluppate sempre tramite iniziative da parte dei cittadini, e il dato è sempre costantemente alto in percentuale rispetto alle altre variabili. Si noti come tra il 2001 al 2005 il comune si sia sempre più interessato a sostenere l'apertura di banche del tempo.

4 Soggetto Promotore Se valutiamo anche le micro aree regionali allora si osserva come nelle Isole solo l'iniziativa popolare sia stata motore di sviluppo delle bdt mentre al Sud la partecipazione comunale sia comunque rilevante rispetto le altre regioni.

5 Forma Giuridica la forma giuridica predominante è sicuramente l'associazione a promozione sociale (54% degli intervistati), seguito da una banca del tempo costituita all'interno di una associazione pre esistente (19%). se nel Centro si predilige lo sportello istituzionale del comune, nel sud Italia invece si sviluppa di più la forma giuridica della bdt costituita all'interno di una associazione pre esistente. Più diversificata invece la forma giuridica per il Nord Ovest e il Nord Est. Infatti se per il Nord Ovest è più frequente avere risposte di associazioni con particolari caretteristiche che non rispondevano alle affermazioni prestabilite, per il Nord Est il 67% ha risposto con Altro. C'è comunque da affermare che il 50% delle banche del tempo che hanno risposto di non essere ancora costituite in associazione sono presenti sia nel Nord Ovest che nel Nord Est. Le banche del tempo con una maggiore risposta alla costituzione di una associazione a promozione sociale si trovano nel Nord Ovest.

6 Forma giuridica Infatti sia nel Piemonte che in Lombardia le bdt che si sono costituite come associazione a promozione sociale si attestano tra il 50 e il 58%. seguite poi dall'Emilia Romagna 40% e il Lazio (25%).

7 Banche del Tempo costituite APS Approfondimento Come si è potuto osservare, le Banche del Tempo costituite in APS sono concentrate prevalentemente al Nord Ovest. Ma cosa sono le Associazioni a Promozione Sociale? Che benefici può trarne una Banca del tempo?

8 APS Secondo larticolo 2 primo comma della legge del 7dicembre 2000 le Aps sono le associazioni riconosciute o non, i movimenti, i gruppi e i coordinamenti o federazioni costituiti al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, senza finalità di lucro nel pieno rispetto della dignità e della libertà degli associati. I punti focali per divenire una associazione di Promozione sociale sono: Lassenza di finalità di lucro La promozione di attività sociali Dunque lAPS è una organizzazione costituita da cittadini che si associano al fine di perseguire un fine comune di natura non lucrativa.

9 Vantaggi nel costituirsi APS Le banche del tempo costituite APS hanno notevoli vantaggi: Assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di lavoro autonomo I soci iscritti agli appositi registri hanno il diritto di usufruire delle forme di flessibilità oraria di lavoro previsti dai contratti e dagli accordi collettivi le Aps possono usufruire delle eredità e donazioni, contributi statali e locali, finanziamento dei bandi europei e il 5x1000 (legge finanziaria 2008) Hanno agevolazioni fiscali, amministrativa e la possibilità di sottoscrivere convenzioni con enti pubblici (ma solo aps iscritte già da 6 mesi nel registro) infineNon sono tassate, in occasione di particolari eventi o manifestazioni, le somministrazioni di pasti e bevande. In questo senso è il sindaco che concede un'autorizzazione temporanea valida solo nel periodo di svolgimento delle manifestazioni e per i locali o gli spazi in cui queste avvengono. Condizione necessaria è che l'addetto alla somministrazione sia iscritto al registro degli esercenti commerciali(fonte: Associazionismo di promozione sociale, Forum terzo settore)

10 Come diventare APS Primo passo è redigere una bozza di atto costitutivo e di statuto LApprovazione dello statuto da parte della assemblea costitutiva dellAPS La richiesta del codice fiscale registrare latto costitutivo e lo statuto (presso lagenzia delle Entrate) Iscrivere la nuova Aps al registro delle Aps

11 Sportello Istituzionale Gli sportelli istituzionali sono sportelli costituiti prevalentemente da associazioni pre esistenti e dai comuni. Nella regione Lazio dove è più presente lo sportello istituzionale si è constatato che il soggetto gestore sia una associazione pre esistente mentre in Piemonte lo sportello è gestito dal comune (assessorati, uffici comunali). Gli addetti a questa tipologia di servizi sono prevalentemente soci delle bdt. Nel Lazio fanno comunque parte anche soggetti non facenti parte della Bdt e in Piemonte si sviluppa un aiuto esterno da parte degli enti. Come appunto si può osservare dai grafici in Piemonte e in Lombardia non c'è sempre una corrispondenza tra i soci e i correntisti. Infatti il dato più rilevante è la situazione del Piemonte in cui la non corrispondenza tra i soci e i correntisti è decisamente più rilevante. Chi opera all'interno dello sportello istituzionale non recepisce alcun rimborso spese che mensile. Questo dato è uniformato su tutto il territorio nazionale.

12 Gestione Banca del tempo la panoramica che si presenta per quanto riguarda lo statuto adottato o meno sul territorio nazionale è la seguente: Nella maggior parte delle macro aree ha sottoscritto uno statuto all'interno della propria bdt (74%). Nel Nord Ovest che nel Nord Est è presente un 20% delle bdt che non hanno uno statuto. Però si osserva che una piccola percentuale, in entrambi le macro regioni, sono in fasi di sottoscrizione.

13 Gestione Banca del tempo Per ripartizione di fasce di età le bdt nate tra il 91 e il 95 contano il 60% di sottoscrizione dello statuto, molto simile quella nate tra il 2001 il 2005, però si noti come le risposte della non sottoscrizione di uno statuto siano più alte per le bdt nate tra il 2001 e il 2005 rispetto a quelle nate precedentemente. mentre si può osservare come le bdt nate tra il 96 e il 2000 siano prevalentemente regolate da uno statuto interno alla bdt.(circa 80%) l'Emilia Romagna e il Lazio contano bdt senza statuto (21%) ma comunque nel Lazio l' adozione di uno statuto è alta (80%).

14 Gestione Banche del Tempo Regolamento L'80% delle bdt ha un regolamento interno. Nel Nord Est e nel Sud Italia il regolamento è fondamentale per la quasi totalità delle bdt. Mentre nelle Isole il 30% non hanno un regolamento interno.

15 Gestione Banca del tempo Come per lo statuto le bdt nate per prime hanno quasi tutte un regolamento mentre tra il 2001 e il 2010 le bdt vi è un caldo di sottoscrizione di un regolamento interno, oppure sono in procinto di adottarlo

16 Convenzione con il Comune il 49% delle bdt hanno sottoscritto una convenzione con il comune, spesso un punto di forza per una bdt. La collaborazione tra la bdt e il comune crea spesso una sinergia e di innovazione se sviluppata. Però un dato rilevante è che il 39% non ha creato una collaborazione comunale. Tra il 96 e il 2000 la collaborazione tra bdt e comune era molto più sviluppata (55%) è però diminuita tra il 2000 e il 2010, invece il 76% delle bdt tra il 2006 e il 2010 sono in fase di adozione.

17 Convenzione con il comune Nel Nord Ovest c'è una grande adesione all'adesione di una convenzione comunale però seguita anche da una forte corrente di bdt non convenzionate. Nel Nord Est come al Sud è forte la fase di adozione ad una convenzione comunale. In Piemonte e il Lombardia c'è una forte componente di bdt convenzionate con il comune, ma in Lombardia è alta anche la percentuale di Bdt non convenzionate. L'Emilia Romagna e il Piemonte hanno al più alta percentuale di bdt in fase di convenzione con il comune.

18 Strumenti Convenzionati La convenzione con il comune è un punto di forza perchè può portare all'utilizzo di mezzi comunali messi a disposizione. Infatti l'uso dei locali comunali è spesso messo a disposizione alla bdt convenzionata (29%).seguito dal telefono 13%, rete internet (12%) e computer (11%). Le Banche del tempo convenzionate propongono di dare le proprie ore di scambio al comune per il 55% al supporto nellorganizzare eventi e il 30% in altre attività

19 Indipendenza della Banca del Tempo IL 68% delle BdT che hanno partecipato allindagine conoscitiva si reputano indipendenti dal soggetto promotore e sono dotate di statuto proprio. Mentre si osserva che solo il 29% delle banche del tempo che non hanno uno statuto proprio si considerano dipendenti

20 Adozione Codice Fiscale Se consideriamo il dato a livello nazionale il 48% delle Banche del tempo ha un codice fiscale ma dallaltra parte il 40% non ha ritenuto opportuno ottenerlo Ladozione più consistente al codice fiscale è ottenuto nelle Macro regioni delle Isole e nel Nord Est. Segue il Centro e il Nord Ovest.

21 Socializzazione tra i nuovi e i vecchi soci e Bollettino Informativo

22 Risorse Strumentali e gestione economica delle Banche del tempo Per quanto riguarda lautonomia finanziaria possiamo sostenere che indipendentemente dalladozione di una convezione con il comune usufruiscono di contributi in denaro da parte di enti locali il 57% delle banche rispondenti; ma questi vengono erogati solamente tramite presentazione di progetti specifici o iniziative rivolte al territorio. Di questi enti locali che erogano fondi alle BdT su presentazione di progetti rivolti al territorio possiamo osservare che il 40% dei contributi finanziari derivino da fondi stanziati dalla Regione di appartenenza, con bandi annuali, seguiti dal 35% dai fondi comunali e provinciali (18%).

23 Partecipazione a bandi europei – Fondo Sociale Europeo Per quanto riguarda le BdT partecipanti a progetti europei o richiedenti finanziamenti da parte del Fondo Sociale Europeo si può affermare che solo il 5% delle BdT ne hanno usufruito e che sono localizzate in Lombardia e in Piemonte.

24 Risorse da Privati e/o Fondazioni Le banche del tempo non hanno una particolare tendenza a ricercare finanziamenti da parte di privati. Significativo il dato dell11%. Infatti i finanziamenti vengono erogati solamente con una presentazione di un progetto rivolto al territorio. Nelle isole si conta maggiore progettualità rispetto alle altre macro Regioni, seguita dal Nord Est. Solo in Emilia Romagna e nel Lazio si contano finanziamenti annuali da parte di privati e/o fondazioni

25 Quota di Iscrizione da parte dei soci La quota di iscrizione da parte dei soci è costituita per il 39% da denaro, mentre solo il 10% da ore e per il 51% non cè una quota. Nelle macro regioni del Centro e del Nord Est prevale la non sottoscrizione di una quota da parte dei soci, mentre nelle Isole e nel Nord Ovest vi è una forte caratterizzazione delle quote in denaro.

26 Altre Forme di Autofinanziamento Che usufruiscano di denaro pubblico, privato o di quote di iscrizione dai propri soci, le BdT hanno anche altre forme di finanziamento diverse quali: il mercatino dellusato (29%) le donazioni (21%) da altre attività (20%).

27 Assicurazione dei soci Per quanto riguarda la polizza assicurativa, le BdT si dividono percentualmente al 50% con una incidenza della polizza assicurativa sul bilancio annuale tra l1- 20% per la maggior parte (46%), del 29% tra il %. Solo il 13% ha una polizza assicurativa tra l81 e il 100% del bilancio annuale.

28 Assicurazione per Regioni Per quanto riguarda la sottoscrizione di una assicurazione per i soci, il Lazio, la Lombardia e il Piemonte sono le regioni con maggiori percentuali si utilizzo. Per quanto riguarda lincidenza, la più bassa percentuale è quella registrata in Emilia Romagna che destina tra l1 e il 20% del bilancio annuale, seguita dal Lazio.

29 Risorse strumentali Ricollegandoci con il punto precedente sulle convenzione con il comune, gli strumenti maggiormente erogati dallente sono: luso dei locali (29%) il telefono (14%) la rete internet (12%) PC (10%). Questo dato porta ad una considerazione: le BdT hanno capito limportanza dellutilizzo della rete internet per la promozione, non solo cartacea, delle proprie attività ma anche della propria esistenza. Molte Banche del Tempo hanno già creato siti per pubblicizzare le proprie iniziative, oppure si sono appoggiati a siti dei Coordinamenti comunali/provinciali/ regionali/ nazionali di cui fanno parte.

30 Risorse Strumentali La composizione delle risorse strumentali dei diversi soggetti è eterogenea.

31 Risorse Strumentali Osservando il grafico dei fornitori degli strumenti a livello nazionale si può osservare come comuni, sia in convenzione come no con le Banche del Tempo, e gli enti privati diano in gestione un locale. In maniera minore ma comunque significativa il comune fornisce il telefono (la percentuale sale se la banca del tempo sottoscrive una convenzione) Mentre il computer e il cellulare vengono spesso donati dai soci, la rete internet è data in concessione sovente da unaltra associazione

32 Progetti realizzati dalle Banche del Tempo Come per le iniziative finanziate dagli enti locali, possiamo affermare che le BdT realizzano maggiormente progetti culturali (30%), progetti rivolti alle scuole (19%), progetti socio- assistenziali (19%) e ambientali (10%). Di questi, sono stati realizzati con la collaborazione del comune per il 33%, con altre associazioni per il 28% e da altri enti locali per il 15%. Mentre le Banche che svolgono autonomamente i propri progetti sul territorio senza alcun tipo di collaborazione costituiscono il 24%.

33 Progetti realizzati per Macro Regioni Il primo grafico in alto dimostra come ancora una volta la diversificazione delle Banche del tempo. Se infatti nel Nord si prediligono i progetti culturali, socio assistenziali e nelle scuole,il Nord Est predilige i progetti ambientali,mentre al Centro quelli rivolti alle scuole

34 Progetti Anche nei progetti, le diverse regioni presentano un eterogeneità. Se lEmilia Romagna i progetti vengono sviluppati con altre associazioni, nel Lazio e nel Piemonte cè una forte progettualità con il comune. I progetti sono frequentemente a carattere culturale, seguite da attività nelle scuole (soprattutto nel Lazio).

35 Progetti e iniziative negli ultimi 2 anni (riferito al 2010) Se il Nord Ovest ha sviluppato progetti ed iniziative rivolte ai giovani, anziani e immigrati, il Nord Est ha svolto attività diverse da quelle contemplate nel questionario. Nel Centro prevalgono progetti rivolti agli studenti ed agli anziani. Viene svolta per il 60% dei progetti ed iniziative verifiche periodiche sullandamento degli stessi.

36 Composizione dei soci dal primo anno al 2009 Per quanto riguarda la composizione dei soci dal primo anno di costituzione allanno di riferimento, il 2009, possiamo osservare come la ripartizione dei soci per occupazione si sia modificata nel tempo. È aumentato di 8 punti percentuali la fascia dei pensionati/e. Contemporaneamente a ciò è diminuito dell8% la fascia degli occupati aumentando (+2%) la fascia dei disoccupati e dei casalinghi

37 Composizione dei soci Osservando poi il grafico riferito alla composizione dei soci ripartiti per età possiamo confermare la tendenza dellaumento di soci pensionati (oltre 60 anni) dal primo anno di costituzione al 2009 e di una decrescita di iscritti da parte di soci tra i 21 e i 60 anni. Infatti, le BdT rispondenti al questionario hanno segnalato come i soci appartenenti alla fascia Oltre 60 anni sia aumentata del +20% e di come si sia ridotta invece la fascia di età (tra i 21 e i 60 anni) della popolazione attiva (intesa come ancora operante nel mondo del lavoro).

38 Ore scambiate Ragionando invece sui dati riferiti alla totalità degli scambi effettuati tra il primo anno di costituzione ad oggi, si può osservare ad un tendenziale aumento delle ore scambiate. Infatti se inizialmente il 55% delle BdT rispondenti sosteneva di scambiare da 1 a 600 ore (praticamente la maggior parte delle ore scambiate), nellanno 2009 la totalità degli scambi non è più così omogenea, anzi. Oltre ad aumentare il range delle ore, passando da un massimo di oltre 3600 ore scambiate (il primo anno di costituzione), ad oltre 7000 ore scambiate si può osservare che le BdT rispondenti al questionario hanno raddoppiato il proprio scambio e diversificato le proprie ore. Per quanto riguarda poi le tipologie di attività scambiate possiamo assurgere che: le BdT prestino molto tempo alla direzione della segreteria della banca del tempo al proprio interno (13% per il primo anno e il 14% nellanno 2009

39 Ore scambiate lo scambio di saperi ha un peso rilevante sia a livello regionale che nazionale per i soci delle BdT (12% il primo anno di costituzione, 11% nellanno 2009) Ma il dato che più ha incuriosito è il 15% dellanno 2009 per la voce ALTRO. Spesso le Bdt inviandoci il questionario allegavano alla ricerca tutta una serie di attività che la BdT svolgono e che non rientravano nelle categorie proposte. Questo è una particolarità delle BdT perché è proprio la specificità di ognuna che rende lesperienza BdT reale ed efficiente. Per citare alcune delle attività non previste dal questionario proponiamo una lista riassuntiva: Corsi offerti dalle BdT: Grafologia;Lezioni di cucina;Pittura su stoffa;Massaggi;Inglese;Shiatzu;Teatro;Parrucchiera;Yoga;Cure estetiche;Computer;Fotografie;Dietetica;Consulenze Informatiche;Alimentazione;Scultura

40 Dimensione Territoriale Coperta Successivamente alla composizione degli scambi, abbiamo cercato di analizzare lestensione territoriale delle Banche del Tempo. Come ipotizzato, il 72% delle BdT presenti sul territorio sono prevalentemente comunali, seguiti poi dalla circoscrizione/municipio (13%), dal quartiere (10%) e dalla provincia (5%). Se poi vogliamo succesivamente analizzare la partecipazione a reti di Banche del Tempo (e quindi capire la loro apertura con il rimanente territorio) possiamo osservare che:

41 Reti le BdT che hanno risposto partecipano prevalentemente sia ad una rete provinciale (59%) che nazionale(55%), mentre per quanto riguarda la partecipazione ad una rete cittadina o regionale possiamo sostenere che solo il 27% delle BdT sono afferenti alle prime e il 38% alle seconde.

42 Reti Per quanto riguarda poi la partecipazione ad altre reti diverse da quelle delle Banche del Tempo possiamo notare come la quasi totalità delle rispondenti alla domanda non facciano parte di altre reti diverse (69%). Ma il 31% che sostiene di far parte di una rete diversa da quelle di Banche del Tempo ha una alta progettualità (87% delle stesse sostiene di attuare iniziative sul territorio) con una copertura territoriale prevalentemente comunale (50%), seguita poi da quella circoscrizionale (19%). Analizzando invece lambito di intervento della rete, il 44% opera nellambito sociale, il 31% a quello culturale e infine il 20% nellambito delleducazione.

43 Attività Formative rivolte alla comunità Anche se le Banche del Tempo tendenzialmente siano molto aperte ad aderire ad una rete di Banche del Tempo e di associazioni, il grafico qui riportato ci informa che solo il 37% delle stesse svolgono attività formative nei confronti della comunità. Ed è proprio parlando della apertura delle banche del tempo che possiamo notare come meno del 50% delle Banche del Tempo possiede un bollettino informativo rivolto ai soci allinterno della BdT.(come detto nelle slide precedenti)

44 Attività formative rivolte ai soci Di queste BdT che reputano necessario delle attività formative al proprio interno, il 26% vorrebbe potenziale lo sviluppo di metodologie di promozione degli scambi, il 25% nellambito della comunicazione (già 2 anni fa ritenuta importante per svilupparsi sul territorio) e il 20% ritiene importante sviluppare una formazione amministrativa e contabile della Banca del Tempo Attività formative rivolte ai soci


Scaricare ppt "Indagine conoscitiva Banche del Tempo 2010 Lavoro del Primo Tavolo."

Presentazioni simili


Annunci Google