La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ELIMINAZIONE INTESTINALE 8° unità didattica: la nutrizione e leliminazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ELIMINAZIONE INTESTINALE 8° unità didattica: la nutrizione e leliminazione."— Transcript della presentazione:

1 ELIMINAZIONE INTESTINALE 8° unità didattica: la nutrizione e leliminazione

2 IL TRATTO GASTOENTERICO INFERIORE (grosso intestino) Dalla valvola ileo-cecale: Ceco Colon ascendente Colon trasverso Colon discendente Colon sigmoideo Retto IL COLON ASSORBE ACQUA ED ELETTROLITI ELIMINA SCORIE IL MATERIALE DIGERITO E NON ASSORBITO VIENE TRASPORTATO ATTRAVERSO IL COLON ASCENDENTE, TRASVERSO E DISCENDENTE SINO AL COLON SIGMOIDEO, OVE DIVIENE PROGRESSIVAMENTE SEMPRE PIU SOLIDO IN SEGUITO ALLASSORBIMENTO DELLACQUA.

3 LE FECI (escrementi o deiezioni gastroenteriche) Si muovono nel grosso intestino per mezzo di: 1.PERISTALSI COSTANTE: movimento propulsivo caratterizzato da una contrazione del muscolo liscio che si muove lungo un tubo anatomico, forzando in avanti il contenuto, verso lano. 2.PERISTALSI DI MASSA: movimento propulsivo che compare 2-3 volte al giorno, solitamente dopo i pasti. Questultima indotta principalmente dal riflesso gastro- colico:movimento che ha luogo quando il bolo alimentare entra nello stomaco, stimolando la peristalsi in tutto il tratto gastro- enterico. Avviene, tipicamente, dopo colazione, in seguito ad una notte di riposo. Il tempo di transito del materiale fecale va dalle 6 alle 8 ore, ma è influenzato da: Motilità intestinale Quantità del materiale fecale Presenza di gas (derivato da processi di fermentazione e dallaria deglutita) Presenza di sostanze irritanti

4 I CENTRI DEL SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO SONO PRINCIPALMENTE RESPONSABILI DELLATTO DELLA DEFECAZIONE CHE CONSTA DI CONTROLLO VOLONTARIO ED INVOLONTARIO Il retto rimane vuoto sino al momento immediatamente precedente alla defecazione Quando la massa fecale ed i gas si spostano dal sigma al retto, ha inizio il riflesso della defecazione Le feci entrano nel retto a)INVOLONTARIAMENTE: in seguito al movimento propulsivo di massa del colon b)VOLONTARIAMENTE: in seguito allaumento della pressione intra-addominale attraverso la contrazione dei muscoli addominali e lespirazione forzata a glottide chiusa (manovra di Valsalva) che forza il diaframma verso il basso con conseguente aumento della pressione intraddominale La distensione del retto causa laumento della pressione intrarettale e lurgenza ad evacuare lintestino La distensione del retto induce il rilassamento involontario dello sfintere interno, permettendo il passaggio delle feci Contemporaneamente allo sfintere interno, anche lo sfintere esterno si rilascia, permettendo la fuoriuscita delle feci e del gas UNA PERSONA, IN CONDIZIONI FISIOLOGICHE, PUO CONTROLLARE LO SFINTERE ESTERNO E RITARDARE VOLONTARIAMENTE LATTO DELLA DEFECAZIONE, CONTRAENDO LANO. SE LATTO VIENE INTERROTTO, LE FECI RIMANGONO NEL RETTO FINCHE IL RIFLESSO DELLA DEFECAZIONE VIENE NUOVAMENTE STIMOLATO.

5 I FATTORI FISIOLOGICI E PATOLOGICI CHE INFLUENZANO LELIMINAZIONE INTESTINALE

6 LETA- linfanzia Un neonato ha una capacità gastrica limitata e secerne una minore quantità di succhi ed enzimi digestivi, inoltre, alcuni cibi (come gli amidi complessi), sono scarsamente tollerati: per questi motivi il cibo passa velocemente attraverso lintestino di un neonato a causa della rapida peristalsi. Il neonato non è in grado di controllare la defecazione a causa della mancanza di sviluppo neuromuscolare che si completa tra i 2 e 3 anni di vita. Il neonato, solitamente, evacua feci tra le 24 e le 48 ore dopo la nascita (feci soffici di colore scuro-verdastro il MECONIO). Da circa il terzo giorno dopo la nascita le feci cominciano a riflettere il tipo di latte assunto nella dieta: nel neonato allattato al seno esse assumono un caratteristico colore giallo-oro, sono soffici, non formate ed hanno poco odore. Nel neonato alimentato con latte artificiale, le feci saranno di colore giallo scuro o marrone giallastro, leggermente più formate e con odore piuttosto sgradevole. Il riflesso duodeno-colico è piuttosto forte nel bambino nella prima infanzia: qualsiasi ingestione di cibo può stimolare unevacuazione e vi può essere più di unevacuazione al giorno. Le feci sono più formate, poiché il bambino assume progressivamente cibi di consistenza più solida. Solitamente, fra i 22 ed i 36 mesi, il bambino inizia ad apprendere il controllo volontario delleliminazione intestinale in virtù dello sviluppo del sistema nervoso centrale (già a mesi si completa la mielinizzazione del segmento sacrale del midollo spinale, che controlla linnervazione dellano). Sempre tra i 22 ed i 36 mesi, peraltro, il bimbo impara i termini adeguati per comunicare il suo bisogno di defecare ed è in grado di differire momentaneamente la defecazione. Il controllo intestinale è solitamente raggiunto prima di quello vescicale. Il bambino in età scolare ha ricevuto leducazione intestinale ed è influenzato dalle abitudini degli adulti con i quali è in contatto. La consistenza e le frequenza delle evacuazioni dipendono dallapporto di liquidi, dal tipo di fibre solitamente ingerite e dalla quantità di esercizio quotidiano. Spesso i bambini di questetà ritardano la defecazione o perché impegnati in attività scolastiche e ludiche o perché desiderano la privacy del proprio bagno di casa.

7 Quando la persona raggiunge letà adulta, si consolidano le sue abitudini di eliminazione intestinale in funzione delle abitudini familiari e lavorative. A causa del rallentamento della motilità gastrointestinale dovuta alletà, di solito, la frequenza diminuisce. Nel corso della gravidanza, le dimensioni del feto aumentano esercitando una pressione sul retto ed ostacolando il passaggio delle feci. La costipazione è, peraltro, favorita a seguito di numerosi cambiamenti ormonali. In età anziana, il progressivo indebolimento dei muscoli pelvici e la riduzione dellattività fisica facilmente possono determinare stipsi, facilitata anche dal fatto che gli anziani sono maggiormente a rischio di insufficiente apporto di liquidi. Con letà, inoltre, la forza del muscolo sfinterico striato esterno diminuisce e comporta un minor controllo sfinteriale che può causare incontinenza fecale. A ciò si associano le modificazioni a carico della funzione digestiva e dellassorbimento dei nutrienti e del sistema cardiovascolare e nervoso. In età anziana, infatti, tipicamente, si po riscontrare: Degenerazione delle cellule neurali Degenerazione delle cellule che rivestono la mucosa orale Degenerazione delle cellule della mucosa gastrica e riduzione della secrezione degli enzimi digestivi Rallentamento dello svuotamento gastrico e della peristalsi Riduzione del numero delle cellule intestinali con minor assorbimento dei nutrienti Diminuzione delle dimensioni del fegato e riduzione della funzionalità epatica LETA- ladulto e lanziano

8 LA DIETA Il tipo e la quantità di cibo ingerito influisce notevolmente sulla defecazione. Le fibre (residuo non digeribile del cibo ingerito, in particolare, della frutta e della verdura), costituiscono la massa prevalente del materiale fecale poiché esse tendono ad assorbire liquidi e a mantenere le feci morbide (giornalmente, la persona adulta dovrebbe assumere gr di fibre). La presenza di massa fecale induce lo stiramento delle pareti intestinali, stimolando la peristalsi e stimolando la defecazione. Ciò vale anche per i cibi che stimolano la produzione di gas (es: cipolla, cavolfiore, fagioli): anche il gas, infatti, distende le pareti intestinali e aumenta i movimenti colici. Un apporto inadeguato di liquidi o alterazioni che provocano perdita di liquidi (es: vomito, febbre, sudorazione profusa o diarrea) influenzano le caratteristiche delle feci. Infatti, i liquidi ammorbidiscono il contenuto intestinale, facilitandone il transito nel colon. Una riduzione dellapporto di liquidi rallenta tale passaggio e può causare indurimento delle feci (ciò porta alla condizione di costipazione)

9 ATTIVITA ed ESERCIZIO FISICO Lattività fisica ed il regolare esercizio fisico promuovono il mantenimento del tono muscolare e favoriscono la peristalsi, mentre la sedentarietà riduce queste funzioni. Inoltre, muscoli addominali e perineali tonici sono fondamentali per aumentare la pressione intraddominale durante la defecazione.

10 CONDIZIONI SOCIALI Le persone possono vivere in contesti socio-culturali che diversamente influenzano il modello di eliminazione intestinale. Alcuni gruppi sociali tengono alla privacy personale più che altri. Bisogna, inoltre, considerare alcune variabili molto importanti: Caratteristiche del luogo ove si vive Presenza di servizi igienici allinterno del domicilio Se in casa è presente un unico bagno per più persone, ognuno deve adattarsi ai tempi e ritmi degli altri Se il paziente vive solo, deve essere in grado di raggiungere il bagno in tutta sicurezza Se il paziente non è indipendente, necessita dellaiuto di un care-giver

11 ABITUDINI PERSONALI e STILE DI VITA Le abitudini personali riguardanti lalvo influenzano la funzione intestinale. La maggior parte delle persone preferisce poter utilizzare la propria toilette nel momento più adatto. Ma, per esempio, i limiti imposti da alcuni orari di lavoro possono impedire di rispondere adeguatamente allo stimolo di defecare. Per alcune persone evacuare ogni mattina è da considerarsi unabitudine, mentre, altre persone evacuano quando vi è effettiva urgenza senza avere degli orari dabitudine. I cambiamenti nello stile di vita e nelle attività di vita quotidiana di una persona possono avere diversi effetti sulleliminazione intestinale, basti pensare ai cambiamenti della routine quotidiana quando si compie un semplice viaggio. Un concetto molto importante è quello di privacy durante la defecazione: in ambito sanitario, le toilette sono spesso condivise con uno o più compagni di stanza le cui abitudini igieniche potrebbero essere notevolmente differenti. Inoltre, la presenza di una patologia potrebbe limitare lequilibrio o la tolleranza allattività, rendendo necessario ricorrere alluso della padella o della sedia comoda per defecare: la vista, i suoni e gli odori associati alla condivisione della toilette o alluso della padella e della sedia comoda sono spesso imbarazzanti. Limbarazzo può indurre i pazienti a ignorare lo stimolo a defecare inducendo costipazione e malessere.

12 POSIZIONE (durante la defecazione) La posizione seduta o semiseduta è la normale posizione durante la defecazione. Le toilette sono disegnate per facilitare tale posizione, consentendo alla persona di sporgersi in avanti, esercitare unulteriore pressione intraddominale e contrarre i muscoli, sfruttando, peraltro la forza di gravità. Per i pazienti immobilizzati a letto è spesso difficile defecare, poiché in posizione supina (caratteristica della persona immobilizzata a letto) è impossibile contrarre i muscoli impiegati nella defecazione. Se le condizioni del paziente lo consentono, è bene alzare la testata del letto in modo da fargli assumere la posizione semiseduta sulla padella, migliorando la capacità di defecare.

13 LO STRESS (stress in lingua inglese significa forza o sforzo) Qualsiasi stress, caratterizzato da ansia, depressione e dallespressione di emozioni, quali paura, rabbia, eccitazione, può provocare alterazioni nelleliminazione intestinale. Le situazioni stressanti, come ad esempio il ricovero ospedaliero, un cambiamento lavorativo, un lutto, linterruzione di una relazione personale, tendenzialmente inducono un aumento della motilità intestinale che si esprime con un aumento della frequenza delle evacuazioni e del contenuto di muco nelle feci. Di contro, si osserva che negli stati depressivi vi è più facilmente un rallentamento dellattività intestinale che predispone alla costipazione. Si ritiene che diverse patologie dellapparato gastrointestinale siano associate allo stress. Tra queste alcuni esempi sono la colite, le ulcere gastriche e duodenali ed il Morbo di Crohn.

14 PATOLOGIE ed INTERVENTI CHIRURGICI Vi sono alcune patologie che riducono il tono muscolare ed alterano la trasmissione nervosa che interessa latto della defecazione (es: malattie neurologiche e cronico-degenerative) Alcune patologie direttamente a carico dellintestino interferiscono in vario modo sulla funzione intestinale: le patologie infiammatorie (es: gastroenterite; il Morbo di Crohn) rendono più rapido il passaggio delle feci; patologie che causano ostruzione intestinale (es: tumori intestinali), invece, ostacolano il passaggio delle feci Durante lintervento chirurgico possono vengir impiegati anestetici che riducono temporaneamente la peristalsi. Inoltre, anche la manipolazione diretta dellintestino provoca uninterruzione temporanea della peristalsi (ileo paralitico). Se, poi, il paziente resta inattivo o non riesce ad alimentarsi dopo lintervento, il ritorno di una normale funzione intestinale può essere ulteriormente ritardato. IL DOLORE In genere latto della defecazione è indolore. Diverse condizioni, però, possono provocare dolore durante la defecazione ad esempio la presenza di emorroidi e di fistole rettali oppure gli esiti di recenti interventi chirurgici sul retto o sulladdome. In questi casi, spesso, il paziente sopprime lo stimolo alla defecazione per evitare il dolore e si può, così, sviluppare stipsi.

15 I FARMACI I farmaci hanno diverse azioni sullintestino: ve ne sono alcuni che favoriscono la defecazione, altri che la inibiscono. I lassativi ed i purganti ammorbidiscono le feci e favoriscono la peristalsi. Un uso cronico di purganti può, però, provocare perdita del tono muscolare dellintestino crasso e causare diarrea grave con disidratazione e deplezione di elettroliti. Narcotici (es: Morfina e Codeina) sono potenti costipatori; alcuni antibiotici causano diarrea perché distruggono la flora intestinale; gli anestetici generali rallentano la peristalsi deprimendo lattività del SNC.

16 LE MANIFESTAZIONI DI ALTERAZIONE DELLELIMINAZIONE INTESTINALE

17 LA STIPSI - 1 (in greco stypsis = astringente, restringente ) Condizione clinica caratterizzata dallemissione di feci: eccessivamente disidratate, dure, di volume insufficiente Il termine stipsi (o costipazione) viene anche utilizzato per descrivere: Una diminuita frequenza della defecazione Un aumento del tempo impiegato per il passaggio delle feci nel tratto intestinale Una difficoltosa espulsione del contenuto rettale attraverso lo sfintere anale Quando la mobilità intestinale rallenta, la massa fecale rimane per un tempo maggiore a contatto con le pareti intestinali e la maggior parte del contenuto liquido delle feci viene assorbita. Le feci della persona costipata sono pertanto dure, secche e scarsamente lubrificate, tanto da rendere doloroso latto della defecazione.

18 PRINCIPALI CAUSE DI STIPSI Dieta povera in acqua e fibre Scarsa attività fisica ed immobilità Abitudini intestinali irregolari ed abitudine ad ignorare lo stimolo a defecare Età senile Gravidanza Malattie intestinali Condizioni patologiche, quali: malattie neuromuscolari, traumi spinali, vasculopatie cerebrali, ipercalcemia, ipopotassiemia, avvelenamento da metalli pesanti Farmaci Eccessivo consumo di lassativi Stati depressivi SEGNI E SINTOMI DI STIPSI La persona costipata può manifestare, principalmente: Senso di distensione addominale (ciò può provocare anche dispnea!) Fastidiosa sensazione di necessità di evacuare nuovamente lalvo appena terminata una defecazione (TENESMO RETTALE = sforzo doloroso, continuato ed inefficace) Meteorismo (presenza di gas nellintestino) Cefalea Letargia (stato di torpore e di apatia) Inappetenza Alitosi (disturbo che si manifesta con l'emissione di odore sgradevole attraverso l'atto espiratorio e la fonazione ) Lingua impaniata (la mucosa della lingua è ricoperta da una patina biancastra)

19 CONSEGUENZE DELLA STIPSI Oltre ad essere una condizione spiacevole e di disagio, la stipsi può essere RISCHIOSA per alcune persone. Per espellere le feci dure, la persona ricorre spesso alla Manovra di Valsalva: questa azione può causare problemi nelle persone con malattia cardiaca e con malattie respiratorie (aumenta la pressione intratoracica), con malattie vascolari (possono dislocarsi trombi), con lesioni craniche (aumenta la pressione intracranica) Inoltre, gli sforzi compiuti per fare fuoriuscire le le feci possono : Favorire lo sviluppo di ragadi ed emorroidi Favorire la rottura della linea di sutura nel caso di interventi chirurgici (es: emorroidectomia, polipectomia) Formazione di FECALOMI Per FECALOMA sintende la raccolta di feci, di consistenza dura, compattate e stipate nel retto, che rende estremamente difficoltoso il passaggio delle feci normali. Il primo segno della presenza di un fecaloma è lincapacità del paziente di evacuare delle feci normali ed uno dei segni principali è il gocciolamento di feci liquide dallano (poiché la liquefazione rappresenta lunico modo per il materiale fecale di passare oltre il fecaloma). Il gocciolamneto di feci solitamente non è controllato dato che gli sfinteri anali divengono meno continenti, secondariamente alla prolungata stimolazione del riflesso della defecazione da parte della massa indurita. Altri segni e sintomi che suggeriscono la presenza di un fecaloma sono: lo stimolo continuo a defecare, il dolore rettale, il senso di distensione addominale, la nausea ed il vomito.

20 Condizione clinica caratterizzata da frequenti evacuazioni di feci liquide, non formate, con maggior presenza di acqua e muco. Generalmente, la diarrea indica unaumentata motilità gastrointestinale: data la rapidità del tempo di transito, non vengono rimosse dalle feci le normali quantità di acqua e di nutrienti. Lirritazione della mucosa del colon, inoltre, causa unaumentata secrezione di muco. Il volume maggiore di materiale fecale associato alla rapidità con la quale esso raggiunge il retto, causa distensione addominale che determina unurgenza più intensa di defecare (la persona può non essere in grado di controllare lo stimolo). LA DIARREA (in greco diarroia = scorrere attraverso)

21 CAUSE DI DIARREA Generalmente la diarrea si associa a patologie che alterano la digestione, lassorbimento, la secrezione dellapparato gastrointestinale. Diarrea acuta: Organismi infettivi = la diarrea, parimenti al vomito, può essere considerata un meccanismo di difesa Allergie alimentari Modificazioni della dieta Stress Stati emotivi Farmaci (es: gli antibiotici, chemioterapici) Diarrea cronica: Malattie infiammatorie croniche dellintestino (es: morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa; enterocolite da irradiazione; ipertiroidismo Supplementi nutritivi contenenti lattosio od altre sostanze iperosmolari (più concentrate rispetto al plasma) Abuso di alcool Farmaci (es: uso eccessivo di lassativi) SEGNI E SINTOMI DI DIARREA La persona affetta da diarrea può presentare: Malessere generale Senso di distensione addominale Urgenza a defecare Crampi addominali Mancanza di appetito Nausea (con o senza vomito)

22 CONSEGUENZE DELLA DIARREA Una perdita eccessiva di materiale fecale può provocare squilibri idrici ed elettrolitici anche molto gravi (in particolare in persone anziane o nei neonati e lattanti) Le feci diarroiche sono spesso acide. I frequenti passaggi di feci acide possono causare infiammazione e lesioni cutanee (con sanguinamenti) della cute perianale Se la diarrea è causata da agenti infettivi è importante mettere in atto tutte le precauzioni necessarie per evitare la diffusione dei germi ad altri pazienti

23 LINCONTINENZA FECALE Lincontinenza fecale è leliminazione involontaria attraverso lano di materiale fecale e gas intestinale. La persona ha, così, levacuazione intestinale ogniqualvolta viene stimolato il riflesso della defecazione. CAUSE DI INCONTINENZA FECALE del retto e dello sfintere anale (le persone che ne sono affette non sono in grado di percepire la distensione rettale e di mettere in atto le risposte motorie necessarie per inibire volontariamente la defecazione) Danni neurologici (es: traumi del midollo spinale, sclerosi multipla) o cerebro-vascolari (es: ictus cerebrale) che comportano la perdita dellinnervazione sensitiva del retto e dello sfintere anale (le persone che ne sono affette non sono in grado di percepire la distensione rettale e di mettere in atto le risposte motorie necessarie per inibire volontariamente la defecazione) Presenza di masse o lesioni localizzate nellarea perineale Presenza di masse o lesioni localizzate nellarea perineale che compromettono lintegrità della funzione sfinterica (emorroidi, ragadi, tumori, prolassi, fistole) I pazienti disorientati e confusi possono perdere le inibizioni sociali che permettono di controllare limmediata evacuazione fecale La diarrea predispone allincontinenza fecale poiché il volume di feci può essere così rilevante ed il senso di defecazione così intenso che la persona non può mantenere la contrazione sfinterica così abbastanza a lungo per accedere ai servizi igienici e rimuovere gli abiti necessari

24 CONSEGUENZE dellINCONTINENZA FECALE Lincontinenza fecale può fortemente minacciare limmagine corporea del paziente, infatti, in molte situazioni egli è consapevole del problema, ma, non è in grado di evitare la defecazione Limbarazzo di sporcare i vestiti e di provocare odori e rumori sgradevoli, può portare il paziente ad evitare o ridurre le proprie relazioni sociali il contatto prolungato con il materiale fecale può favorire la macerazione della cute della regione perineale Il contatto prolungato con il materiale fecale può favorire la migrazione dei batteri normalmente presenti nelle feci nellorifizio uretrale e da qui nella vescica urinaria (questo provoca infezione delle vie urinarie)

25 FLATULENZA Per FLATULENZA sintende laccumulo di gas nel tratto gastrointestinale. I gas entrano nel tratto gastrointestinale da tre fonti principali: Aria deglutita (uneccessiva deglutizione di aria avviene per rapida ingestione di liquidi, ingestione di bevande gassate,uso della cannuccia, consumo di chewing gum, fumo ) Azione dei batteri presenti nellintestino crasso Processo di diffusione del sangue Laria deglutita è solitamente eliminata attraverso: la bocca con le eruttazioni Lano con i flati Lespulsione di quantità maggiori di gas rispetto al normale, è spesso secondaria allaumento dellattività colica secondaria allirritazione intestinale: la motilità intestinale, infatti, spinge i gas verso lano prima che essi abbiano il tempo di essere assorbiti dalla mucosa dellintestino. Molti cibi irritanti (es: cavoli, fagioli, cipolle) tendono a favorire la flatulenza. Se però vi è una riduzione della motilità intestinale (per es. a causa delluso di oppioidi, anestetici, a seguito di interventi chirurgici ove vi è la manipolazione dellintestino, a causa dellimmobilizzazione a letto), la flatulenza può diventare abbastanza grave da causare DISTENSIONE ADDOMINALE (allispezione visiva, laddome appare disteso e convessamente dilatato) La distensione addominale può causare dolore addominale intenso e, nelle persone con problemi respiratori, dispnea.

26 ACCERTAMENTO INFERMIERISTICO DATI SOGGETTIVI e DATI OBIETTIVI DATI OBIETTIVI

27 ANAMNESI Lanamnesi permette allinfermiere di ottenere dallassistito informazioni rispetto a: modello usuale di eliminazione fecale: frequenza, orario caratteristiche delle feci abitudini seguite per favorire lalvo tipo di dieta assunta e apporto giornaliero di liquidi grado di mobilità e tipo e quantità di esercizio fisico svolto dal paziente stato emotivo condizione sociale modificazioni dellappetito patologie o interventi chirurgici a carico dellapparato gastrointestinale o di altri sistemi uso di farmaci e, in particolar modo, di lassativi

28 ESAME OBIETTIVO - 1 Addome Addome: linfermiere deve ispezionare tutti i quadranti addominali e rilevarne il profilo, la forma, la simmetria. Può, inoltre, misurare in modo preciso la circonferenza addominale mediante una cordicella metrica. Tramite l auscultazione con il fonendoscopio può valutare i suoni intestinali (borborigmi) sui quattro quadranti. I suoni intestinali fisiologici si verificano ogni 5-15 secondi: Assenza di suoni o suoni ipoattivi (< 5 suoni/min) = dopo intervento chirurgico od ileo paralitico Suoni iperattivi (> 35 suoni/min) = patologia intestinale di tipo infiammatorio Tramite la percussione linfermiere accerta la presenza di aria, liquidi o masse solide. È normale avvertire dei suoni ad alto timbro a livello del quadrante superiore sinistro ove si trova lo stomaco che contiene più aria rispetto allintestino. I restanti suoni avvertiti tramite la percussione riflettono la quantità di aria e liquidi presenti nellintestino. Suoni timpanici (ad alto timbro) = distensione addominale (presenza di gas) Suoni ottusi (a basso timbro) = presenza di liquidi o masse Con la palpazione, linfermiere può valutare il turgore dei muscoli addominali, il grado di distensione addominale, la presenza di masse addominali.

29 ESAME OBIETTIVO - 2 Bocca Bocca: linfermiere deve ispezionare i denti, la lingua e le gengive del paziente. Denti o dentiere in cattive condizioni, così come la presenza di ulcere o infiammazioni del cavo orale rendono influenzano negativamente la capacità di masticare il cibo e digerirlo. Ciò può portare ad alterazioni a carico anche della funzione intestinale. Retto: linfermiere deve ispezionare larea perianale per rilevare la presenza di lesioni, irritazioni, infiammazioni, fistole, ragadi, emorroidi eseguire lesplorazione rettale per valutare la presenza e la consistenza delle feci direttamente nellampolla rettale

30 NORMALITA LE CARATTERISTICHE DELLE FECI IN CONDIZIONE DI NORMALITA Nella persona sana, le feci hanno le seguenti caratteristiche: Componenti: 75% di acqua e 25% di flora batterica, fibre non digerite, acidi grassi non assorbiti, proteine, sali minerali e muco Forma: cilindrica, dipende dal calibro del retto Quantità: nelladulto la produzione media giornaliera di feci è di gr Frequenza: - nel neonato allattato al seno 4-6 volte/die - nel neonato allattato con latte artificiale 1-3 volte/die - nelladulto da 1-2 volte/die sino a 2-3 volte/settimana Consistenza: morbide e formate; determinata dal contenuto in acqua Odore: pungente, determinato dalla decomposizione batterica delle proteine dellintestino; è, comunque, influenzato dallalimentazione Colore: - le prime feci emesse dal neonato vengono chiamate MECONIO (sono di colore nero-verdastro) - bimbo allattato al seno = piuttosto liquide, cremose e gialle - bimbo allattato con latte artificiale = più solide, il colore va dal giallo-chiaro al marrone-fango - adulto = marrone, determinato dalla conversione chimica della bilirubina per opera degli enzimi e dei batteri intestinali

31 QUANTITA FECI EMESSE IN PICCOLISSIME QUANTITA (fino a 10 gr/die): generalmente formate da muco, resti alimentari non assorbiti e cellule intestinali. Hanno un colore marrone-nero-verde e si ritrovano soprattutto sottoforma di gora acquosa nei pannolini dei lattanti FECI IN QUANTITA ABBONDANTE: sono conseguenza di malassorbimento. Spesso sono maleodoranti, cremose e chiare; raffreddate si solidificano e vengono chiamate STEATORREA. Sono tipiche delle malattie del pancreas e sono indice di mancata digestione e/o assimilazione degli alimenti, in particolare dei grassi CONSISTENZA e FORMA FECI DURE E SECCHE: raccolte in piccole formazioni simili allo sterco di pecora (feci sferoidali), oppure in forma oblunga (feci fusiformi o a forma) fanno supporre a spasmi del colon o stenosi del retto FECI LIQUIDE: tipiche in caso di diarrea, per rapido transito intestinale FECI POLTACEE: (poltaceo = simile alla polenta), tipicamente, in caso di problemi di malassorbimentoFREQUENZA Neonati = più di 6 volte/die o meno di 1 volta ogni 1-2 giorni Adulti = più di 3 volte/die oppre meno di 1 volta a settimana ANORMALITA LE CARATTERISTICHE DELLE FECI IN CONDIZIONE DI ANORMALITA - 1

32 COLORE FECI ACOLICHE/IPOCOLICHE: biancastre, color creta per mancanza di pigmento biliare (tipiche nel caso di malattie epatiche) FECI PICEE: in corso di terapia marziale (con farmaci a base di ferro) o dovute ad emorragie gastriche o duodenali. Il sangue si altera per azione dei succhi digestivi: una volta digerito assume una colorazione nera. Fuoriesce mescolato al muco e dà alle feci un aspetto simile alla pece o al catrame (MELENA) FECI VERDASTRE: per assunzione di alimenti ricchi in clorofilla (es: spinaci) oppure in caso di tifo o infezione intestinale (es: da clostridium difficile) FECI BIANCASTRE AD ACQUA DI RISO : in caso di colera FECI COLOR ROSSO VIVO (RETTORAGGIA): per sanguinamento rlevante dellultimo tratto dellintestino ODORE Sgradevole, molto forte. ANORMALITA LE CARATTERISTICHE DELLE FECI IN CONDIZIONE DI ANORMALITA - 2

33 COMPONENTI ANOMALI (visibili ad occhio nudo) MUCO (in quantità superiore al normale): MUCO (in quantità superiore al normale): secreto dalle ghiandole mucipare in seguito a flogosi della mucosa intestinale FRUSTOLI EMATICI O CHIAZZE EMATICHE SULLE FECI (EMATOCHEZIA): secondari ad emorroidi o ragadi sanguinanti PUS: PUS: formato da leucociti in degenerazione come conseguenza di infezioni a livello intestinale PARASSITI PARASSITI: gli ossiuri (piccolissimi vermi filiformi), lunghi pochi mm, compaiono numerosi ed aggrovigliati - ASCARIDI: lunghi dai 10 ai 25 cm, con aspetto simile a quello dei lombrichi, compaiono singolarmente o in scarso numero - TENIA (verme solitario) compare sottoforma di singoli segmenti bianchi, piatti, grandi quanto ununghia umana LE CARATTERISTICHE DELLE FECI IN CONDIZIONE DI ANORMALITA - 3

34 ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI 1 RACCOLTA DI UN CAMPIONE DI FECI: Per esame chimico-fisico Per esame batteriologico o ricerca dei parassiti Per ricerca di sangue occulto 2 ESAMI RADIOLOGICI DELLINTESTINO (es clisma opaco, radiografia delladdome diretta, TAC addominale) 3 ESAMI ENDOSCOPICI DEL SISTEMA DIGERENTE: esofagogastroduodenoscopia, pancolonscopia rettosigmoidoscopia

35 Dallaccertamento effettuato sul paziente si possono identificare varie diagnosi infermieristiche o problemi clinico-collaborativi relativi ai problemi di eliminazione intestinale della persona assistita. La diagnosi infermieristica (SEGNI/SINTOMI CLINICI o MANIFESTAZIONI o CARATTERISTCHE DEFINENTI)La diagnosi infermieristica di STIPSI si riferisce a persone soggette ad una stasi a livello dellintestino crasso, dalla quale deriva una eliminazione infrequente (tre volte la settimana o meno) di feci dure ed asciutte. La persona può presentare, inoltre, defecazione prolungata e difficoltosa ed altri segni e sintomi quali: diminuzione dei borborigmi, sensazione di pienezza rettale, sensazione di pressione rettale, sforzo e dolore durante la defecazione, senso di compressione alla palpazione, sensazione di svuotamento inadeguato (SEGNI/SINTOMI CLINICI o MANIFESTAZIONI o CARATTERISTCHE DEFINENTI) (CAUSE o FATTORI CORRELATI)Le condizioni che determinano gli stati di STIPSI possono essere: di natura fisiopatologica, legate a trattamenti, di tipo situazionale (es: gravidanza, stress, mancanza di esercizio fisico), correlate alle fasi maturative (es: età anziana) (CAUSE o FATTORI CORRELATI)

36 DEFINIZIONIStato nel quale la persona è soggetta a una stasi a livello dellintestino crasso, dalla quale deriva una eliminazione infrequente (due volte la settimana o meno) di feci dure ed asciutte. CARATTERISTICHE DEFINENTI MAGGIORI (devono essere presenti una o più di una) Feci formate e dure Defecazione che avviene meno di tre volte alla settimana Defecazione prolungata e difficoltosa MINORI (possono essere presenti) Diminuzione dei borborigmi Riferita sensazione di pienezza rettale Riferita sensazione di pressione rettale Sforzo e dolore durante la defecazione Compressione alla palpazione Sensazione di svuotamento inadeguato FATTORI CORRELATI innervazione difettosa, debolezza della muscolatura pelvica e immobilità (lesioni e malformazioni del midollo spinale, demenza, ictus cerebrale, malattie neurologiche) Riduzione del metabolismo (obesità, neoplasie, neuropatia diabetica, ipotiroidismo, uremia …) Dolore durante la defecazione (es: per emorroidi) Patologie cardiache e polmonari Trattamenti farmacologici o somministrazione di mezzi di contrasto Uso abituale di lassativi Manipolazione chirurgica ed effetti dellanestesia Stress Mancanza di esercizio fisico Credenze culturali Insufficiente presenza di fibre nella dieta e inadeguata assunzione di liquidi DIAGNOSI INFERMIERISTICA: STIPSI

37 Procedura: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI UN ENTEROCLISMA (o CLISTERE) Definizione: lenteroclisma (clisma = lavanda ) consiste nellintrodurre una certa quantità di liquido nellultima porzione dellintestino (sigma e retto) per mezzo di una sonda inserita nellorifizio anale. Si distinguono: Enteroclismi di pulizia: il liquido instillato, approssimativamente di cc, è costituito principalmente da soluzione salina Enteroclismi medicamentosi: il liquido instillato, di quantità generalmente non superiore a 150cc, è un farmaco Scopi ed indicazioni Favorire la defecazione, stimolando la peristalsi Pulire lintestino da materiale fecale e gas prima di interventi chirurgici o diagnostici Somministrare farmaci (enteroclismi medicamentosi)

38 Precauzioni Porre particolare attenzione alleffettuazione dellenteroclisma in persone: con patologia infiammatoria a carico dellintestino (diverticolite, colite…) poiché il clistere può provocare irritazione della mucosa nelle quali è difficile la visualizzazione dellano a causa della presenza di emorroidi, edema o lesioni del perineo anziane o affette da cardiopatia (i riflessi vaso-vagali prodotti dalla distensione del retto possono causare gravi disturbi cardiaci) possono aver luogo delle abrasioni o perforazioni della mucosa se la sonda rettale viene inserita troppo profondamente, se il liquido viene introdotto con eccessiva pressione, se il liquido viene introdotto mentre la persona è in posizione seduta Controindicazioni lenteroclisma NON va realizzato in persone affette da patologie acute a carico dellintestino (es:appendicite, peritonite…)


Scaricare ppt "ELIMINAZIONE INTESTINALE 8° unità didattica: la nutrizione e leliminazione."

Presentazioni simili


Annunci Google