La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr. Renzo Minotto Dr. Andrea Giorgianni fMRI; dallarchitettura dei paradigmi alla valutazione clinica del segnale: un percorso non sempre lineare. U. O.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr. Renzo Minotto Dr. Andrea Giorgianni fMRI; dallarchitettura dei paradigmi alla valutazione clinica del segnale: un percorso non sempre lineare. U. O."— Transcript della presentazione:

1 Dr. Renzo Minotto Dr. Andrea Giorgianni fMRI; dallarchitettura dei paradigmi alla valutazione clinica del segnale: un percorso non sempre lineare. U. O. NEURORADIOLOGIA 25/XI/2010 giornata CRAIIM

2 Analisi del percorso per identificare eventuali possibili collaborazioni

3 STIMOLOATTIVAZIONE

4 Effetto BOLD Pazienti cerebrovasculopatici ? Aree encefaliche di ridotta perfusione ?

5 STIMOLO ADEGUATO ALLATTIVAZIONE DELLE AREE CORTICALI PROTOCOLLI DI ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI DATI ANALISI STATISTICA DATI CLINICAMENTE SIGNIFICATIVI

6 Architettura dei paradigmi

7 PRESENTAZIONE COMPITO FATTORI DIPENDENTI DAL PAZIENTE INTELLIGENZA MOTIVAZIONE STATO EMOZIONALE CAPACITA DI CAPIRE I COMPITI STRESS PER ANSIA E DOLORE RIDOTTA ATTENZIONE DIFFICOLTA LINGUISTICHE

8 Schema a blocchi Schema evento a intervallo costante Schema evento ad intervallo variabile

9 STIMOLO O COMPITO CON FREQUENZA TROPPO: ALTA Filtro passa basso della funzione emodinamica Confusione e stress del paziente Artefatti da movimento Scarso segnale Aumento del rumore Riduzione dellattenzione del paziente BASSA

10 DURATA DELLO STIMOLO O DEL COMPITO TROPPO BREVE TROPPO LUNGO Latenza della risposta Scarso segnale Diminuzione della risposta per aumento compensatorio del flusso e del volume ematico Fenomeni di fatica

11 DURATA INTERVALLO TIPO DI INTERVALLO Se troppo lungo perdita di tempo, esame troppo lungo Se troppo corto difficoltà nel separare i segnali Meglio asimmetrico? Dubbi sul riposo funzionale (in particolare nello studio aree del linguaggio meglio nello studio delle aree visive) Compito che non interferisca con la funzione che si vuole esaminare

12 COMPITI ADEGUATI AL PAZIENTE TRAINING PRE STUDIO RM STIMOLI E TEMPI ADEGUATI PARAMETRI DIVERSI IN FUNZIONE DEL PAZIENTE ????

13 Lattivazione viene rilevata utilizzando sequenze GRADIENT ECHO EPI o SE con matrice di acquisizione di 96 x 96 in 100 ms (3 sec per valutare tutto lencefalo) DATI FILTRI ANALISI STATISTICA IMMAGINI SOVRAPPOSIZIONE DI UN VOLUME CON I DATI ANATOMICI CORREZIONE DEL MOVIMENTO CORREZIONE TEMPORALE SMOOTHING

14 ELABORAZIONI SOFTWARE Fornite dallapparecchiatura installata (Philips WorkSpace) AFNI afni.nimh.nih.gov/afni/ BRAIN VOYAGER brainvoyager.com FSL fmrib.ox.ac.uk/fsl/ SPM fil.ion.ucl.ac.uk/spm/

15

16 norma

17 pazienti

18 ATTIVAZIONE INTENSAAREA FUNZIONALE ATTIVA ??

19 MODIFICAZIONE SOGLIA

20

21 Correlazione attivazione - grafico

22 Aree linguaggio paziente destrimane

23 Aree linguaggio in paziente destrimane

24 Attivazione area supplementare motoria

25 Area motoria mano dx

26 Correlazione attivazione - stimolo

27

28

29

30 Ambidestro, mancino corretto o Plasticità neuronale

31 Selezione delle attivazioni in funzione della corretta risposta allo stimolo ???

32 Grazie e... Buon lavoro


Scaricare ppt "Dr. Renzo Minotto Dr. Andrea Giorgianni fMRI; dallarchitettura dei paradigmi alla valutazione clinica del segnale: un percorso non sempre lineare. U. O."

Presentazioni simili


Annunci Google