La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi."— Transcript della presentazione:

1 Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi educativi per favorire la crescita delle persone nella comunità Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Marco Trizzino Unità di Analisi e Gestione delle Risorse Ambientali Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate Università degli Studi dellInsubria, Varese

2 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Gli invertebrati alloctoni e la loro influenza su biodiversità, produzioni agricole, salute e attività umane

3 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Piante e animali che si insediano in nuovi habitat per loro inconsueti possono sopraffare la flora e la fauna autoctone e nuocere allambiente. Questi organismi sono noti come «specie invasive».

4 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Hanno anche un impatto sociale ed economico, ad esempio sulla salute umana, sulla pesca, sullagricoltura e sulla produzione di alimenti. L aumento degli scambi commerciali, del turismo e del trasporto di merci tra paesi diversi ne ha accelerato la diffusione.

5 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LUE ha di recente avanzato alcune proposte relative a una strategia comunitaria di lotta alle specie invasive. È indispensabile unindividuazione precoce: è molto più facile ed economicamente conveniente fronteggiare nuove specie prima che si insedino.

6 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Specie alloctone: danni causati Limpatto delle specie invasive nel nuovo ambiente può portare ad una graduale degradazione ed alterazione dellhabitat e al declino delle specie native a volte fino allestinzione Gli impatti delle specie invasive sulle specie native (danni ambientali) possono avvenire attraverso quattro meccanismi diversi:

7 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Competizione per le risorse Predazione diretta Ibridazione con specie native Trasmissione di malattie Effetto a cascata Danni ambientali

8 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Specie invasive: minacciano la biodiversità Aumenta la competizione per il cibo e per gli ambienti favorevoli Possono essere resistenti a infestazioni o malattie locali (es. gambero) Assenza, almeno in una prima fase, di controllo da parte di predatori e parassiti Possono essere diversamente socievoli

9 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Specie invasive: minacciano la salute pubblica Possono essere vettori di malattie (es. zanzara tigre) Possono essere loro stesse causa di malattie (es. molte piante)

10 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Specie invasive: sono un problema economico Nel 2008 il costo sostenuto per il controllo delle specie invasive e per rimediare ai danni da queste causati in tutta lUE ha raggiunto un valore stimato compreso tra i 9,6 e i 12,7 miliardi di EUR. Dal 1992 lUE ha speso oltre 38 milioni di EUR in 180 progetti, sia allinterno che allesterno della rete delle zone protette Natura In confronto, gli Stati Uniti spenderebbero, secondo le stime, 80 miliardi di EUR allanno nella lotta contro gli organismi biologici invasivi.

11 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Danni economici Alloctoni possono essere delle vere pesti per la produttività dei raccolti Lo stesso si può dire per piante alloctone Aumentano i costi di controllo Riduzione dei profitti per la pesca Alterazioni strutturali (es. nutria)

12 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Possibili soluzioni: prevenzione Lunica soluzione veramente efficace è quella di attuare concreti sforzi di PREVENZIONE LISTE NERE: proibiscono lintroduzione di specie già note come invasive LISTE BIANCHE: lavorano sul principio di precauzionalità secondo il quale se le conseguenze di unazione sono potenzialmente severe o irreversibili, lassenza di certezza scientifica riguardo agli effetti negativi di quellazione non dovrebbe essere usata come scusa per portare avanti lazione

13 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Possibili soluzioni: sorveglianza Le invasioni biologiche sono spesso caratterizzate da un periodo di colonizzazione iniziale relativamente lento seguito da un periodo di forte espansione I tentativi di eradicare le specie invasive hanno maggiori probabilità di successo se vengono eseguiti prima che la specie si sia diffusa E molto importante sorvegliare attentamente per rilevare i segni di presenza delle specie invasive

14 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Gli Insetti hanno indubbiamente una parte importante in questo fenomeno. Oltre il 75% delle segnalazioni di specie introdotte in Europa dal 1995 al 2004 è, infatti, rappresentato da questi Artropodi (Zapparoli, 2007).

15 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Insetti alloctoni 728 specie (Zapparoli, 2007) = il 2% dellentomofauna nazionale Prevalgono i coleotteri, gli omotteri e gli imenotteri

16 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Insetti alloctoni: distribuzione La percentuale maggiore di insetti alloctoni è concentrata in Italia centrale e meridionale Una percentuale inferiore si ha invece al nord e in Sardegna Dipende da vari fattori: gradi di antropizzazione, tipologia di territorio, utilizzo del territorio

17 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Insetti alloctoni: origine Oltre il 96% è di origine non italiana (nel restante 4% si tratta di passaggi dalle isole al continente) Di questo 96%: circa un terzo arriva dalla regione Paleartica, il 22% da USA-Canada, il 20% dallAfrica, il 12% dal Sud America, l11% dallOriente e meno del 6% dallAustralia

18 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Insetti alloctoni: cause e finalità L80% deriva da introduzione non intenzionale: commercio e trasporto di piante ospiti (causa principale), spostamenti umani e importazione di derrate Introduzione intenzionale: controllo biologico e scopi economici (es. impollinazione forzata)

19 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Insetti alloctoni: ambienti colonizzati Il 91,4% delle specie introdotte è stata segnalata in ambienti artificiali (ambienti confinati e/o protetti, aree urbane e suburbane, ambienti agrari, rimboschimenti) Solo l8,6% è presente in ambienti seminaturali o naturali (formazioni aperte e arbustive, formazioni forestali, ambienti dacqua dolce, grotte)

20 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Il controllo biologico Si può definire controllo biologico qualsiasi pratica che sfrutta lattività di nemici naturali quali predatori, parassitoidi o patogeni al fine di ridurre o eliminare popolazioni di insetti dannosi Comprende una larga serie di interventi che vanno dalla semplice conservazione di nemici naturali per mezzo di un razionale uso dei pesticidi fino alla programmata introduzione di entomofagi affinché agiscano come insetticida vivente

21 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Il controllo biologico VANTAGGI: non subisce le restrizioni legali, ambientali e sanitarie a cui invece sono sottoposti gli insetticidi VANTAGGI: in teoria, gli entomofagi possiedono preferenze specifiche e pertanto non danneggiano tutti gli "organismi non bersaglio (come invece accade per insetticidi)

22 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Il controllo biologico SVANTAGGI: Rispetto al controllo chimico, quello biologico necessita di una capacità di gestione e programmazione superiore SVANTAGGI: Richiede più tempo SVANTAGGI: Host-shift. Questo è un grande problema del controllo biologico SVANTAGGI: Talvolta si introduce una nuova specie alloctona per controllarne una già presente, pensando di poter controllare quella di nuova introduzione. Ma spesso sfugge al controllo

23 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Il controllo biologico: strategie Controllo biologico classico (importazione di specie utili): consiste nel raggiungere le zone dorigine di una specie dannosa per individuare ed importare nel nostro paese i suoi nemici naturali Incremento delle popolazioni utili: si tratta di una strategia che mira ad aumentare la consistenza numerica delle popolazioni dei nemici naturali delle specie dannose. Si può realizzare facendo riprodurre la specie utile in strutture apposite

24 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Il controllo biologico: strategie Conservazione delle specie utili: è parte importante di qualsiasi tentativo di controllo biologico. Per questo, è fondamentale saper individuare tutti quei fattori che potrebbero limitare lattività delle specie utili ed, alloccorrenza, volgerli a favore Limitare le specie utili: evitare che le specie utili diventino a loro volta dannose

25 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Invertebrati alloctoni per la fauna italiana: una carrellata

26 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Procambarus clarkii: gambero delle paludi della Louisiana

27 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Procambarus clarkii: Originario degli USA centro meridionali Introdotto in Italia meno di 30 anni fa, per le sue carni prelibate e per la facilità di allevamento Colonizza praticamente tutti gli ambienti di acqua dolce Resiste in ambienti anche molto inquinati Resiste per molto tempo fuori dallacqua Si riproduce molto velocemente

28 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Procambarus clarkii: Portatore sano di una malattia causata dal fungo Aphanomyces astaci: peste del gambero In breve è uscito dagli allevamenti e si è rapidamente diffuso in tutto il territorio italiano, a discapito del nostro gambero autoctono Austropotamobius pallipes Tra i vari problemi A. pallipes NON è immune alla peste del gambero, che ne ha decimato le popolazioni

29 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Orconectes limosus gambero americano II

30 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Orconectes limosus Proveniente dalla costa est degli USA Introdotto in Europa alla fine del 1800 Si è rapidamente diffuso, ma meno del Procambarus (solo in Lombardia, Piemonte, Lazio ed Emilia) Si nutre di tutto quello che trova sui fondali limosi, anche uova di pesci Per questo motivo luomo lha anche introdotto in determinati ambienti per limitare pesci alloctoni come il siluro

31 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Le due specie alloctone e la peste del gambero hanno decimato le popolazioni italiane del nostro gambero autoctono, che si è estinto localmente in moltissimi siti

32 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Come distinguere le tre specie? Spina sul carpo della chela Entrambe le specie alloctone sono dotate di una spina molto marcata sul carpo della chela. Tale spina è assente in A. pallipes P. clarkii è di un colore rosso molto più acceso rispetto a O. limosus P. clarkii ha i bordi del rostro divergenti, O. limosus paralleli

33 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Austropotamobius pallipes

34 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Harmonia axyridis: coccinella arlecchino

35 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Harmonia axyridis Coleottero Coccinellidae Origine Asiatica Si nutre di afidi e cocciniglie Più grande delle comuni coccinelle (6-8 mm) Si riproduce tantissimo e velocemente (fino a 5 generazioni lanno!) Prima in USA (1916), poi in Ucraina, Bielorussia e Francia ( ), la coccinella arlecchino è stata introdotto per il controllo biologico di molti afidi dannosi allagricoltura

36 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Harmonia axyridis In tutti gli Stati in cui è stata introdotta, è andata fuori controllo nel giro di pochi anni e si è espansa in tutto il continente Europeo e negli USA Sfrutta le risorse alimentari di altre coccinelle autoctone e ne mangia anche le larve: è quindi estremamente dannosa sotto il punto di vista della biodiversità, sostituendosi completamente alle specie autoctone

37 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Harmonia axyridis La coccinella arlecchino è particolarmente pericolosa per i vitigni: in autunno si rifugia allinterno di grappoli particolarmente grossi e rilascia la propria emolinfa: tale emolinfa è amara e tossica per luomo, causando nausee e alterando il sapore del vino Durante lo svernamento si raccolgono in massa allinterno delle mura degli edifici, continuando a rilasciare emolinfa che causa vistose macchie alle pareti

38 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Metcalfa pruinosa Omottero (in qualche modo parente delle cicale)

39 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Metcalfa pruinosa Insetto fitomizo: si nutre di linfa vegetale, di cui digerisce solo le proteine, mentre il resto viene espulso sottoforma di melata La melata, una sostanza zuccherina, attrae le api che la trasformano in miele Origine americana, è stata introdotta accidentalmente in Veneto nel 1980 e da li si è diffusa in tutta Italia e Stati limitrofi

40 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Metcalfa pruinosa Provoca seri danni allagricoltura a causa di funghi di varie specie che si sviluppano sulla melata La Metcalfa può attaccare più di 200 specie diverse di piante, tra cui alcune di origine economica: vite, agrumi, pomacee (es. melo, pero) e drupacee (es. pesca, albicocca) Sottraendo linfa alle piante, le danneggia, e la melata ne imbratta foglie, germogli, frutti etc..

41 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Metcalfa pruinosa: contenimento Si sta tentando la lotta biologica utilizzando un imenottero (Neodryinus typhlocybae) parassitoide che proviene dalle stesse aree della Metcalfa Sembra essere un buon fattore di contenimento

42 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Rhynchophorus ferrugineus: punteruolo rosso Coleottero Curculionidae

43 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Punteruolo rosso Originario del sud-est asiatico Terribile parassita delle palme E stato importato accidentalmente prima in Medio Oriente (anni 80) e poi in Italia (2004) con il trasporto di palme ornamentali infestate Segnalato in Sicilia, Campania, Puglia, Marche, Abruzzo, Toscana, Liguria e Lazio Dovunque è arrivato, ha portato alla morte di centinaia di palme secolari, di diverse specie

44 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Punteruolo rosso La femmina può deporre fino a 200 uova per volta, allinterno delle parti più giovani e tenere della pianta Dopo la schiusa, le larve si dirigono verso l'interno della pianta, scavando gallerie grazie al robusto apparato masticatorio e danneggiando soprattutto la zona del tronco immediatamente sottostante alla corona foliare

45 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Punteruolo rosso In assenza di fattori limitanti, quattro generazioni possono arrivare a produrre, a partire da una coppia, fino a 53 milioni di esemplari Colpisce anche palme di interesse economico, come quella da cocco e quella da olio

46 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Punteruolo rosso: segni di infestazione

47 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Punteruolo rosso: lotta Insetticidi se la diagnosi è precoce (ma purtroppo almeno in fase iniziale è asintomatica) Utilizzare parassiti (virus e vermi nematodi): in Spagna stanno testando lutilizzo di vermi nematodi parassiti, che riescono a raggiungere le gallerie scavate dalle larve: sia preventivo sia curativo Utilizzo di trappole sia a base di feromoni, sia a base di sostanze zuccherine, per la cattura degli adulti Lotta integrata

48 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Dryocosmus kuriphilus: Imenottero cinipide del castagno

49 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Cinipide del castagno Originario della Cina, è stato introdotto prima in Giappone, poi negli USA, e solo recentemente in Europa (Cuneo, 2002) Si è rapidamente diffuso e adesso si trova in 15 delle 20 regioni italiane E parassita del castagno europeo, e si riproduce per partenogenesi, con una sola generazione allanno Non si conoscono i maschi della specie

50 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Cinipide del castagno La femmina depone uova su ogni gemma Le gemme si trasformano in galle solo in primavera, quando la pianta è pronta per il risveglio vegetativo Una volta formatasi la galla, linsetto si impupa nella propria cella, per poi sfarfallare e ovideporre a fine maggio-inizio luglio

51 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Cinipide del castagno: segni di presenza Gli attacchi del Cinipide sono facilmente indivi- duabili per la presenza sui castagni delle galle che si presentano come escrescenze tondeg- gianti, con superficie liscia e lucida, inizialmente di color verde chiaro e in seguito rossastre Le galle si possono trovare su germogli, nervature fogliari e infiorescenze Le galle rimangono a lungo sulla pianta, anche in inverno

52 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012

53 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Cinipide del castagno: danni Causa danni sia alla produzione di frutti (castagne), a causa dellinadeguato sviluppo dei fiori, sia allaccrescimento legnoso Permangono sulla pianta parti a ridotto accrescimento, dove rimangono foglie secche dellanno precedente N.B. Il Cinipide da solo non è responsabile della morte dei castagni, ma li indebolisce molto, rendendoli più facilmente soggetti ad attacchi di altri parassiti ed agenti patogeni

54 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Cinipide del castagno: lotta Da alcuni anni in Italia, a partire dal Piemonte (prima Regione interessata dall'attacco del Cinipide), è iniziata l'introduzione nei boschi di castagno del parassitoide monofago specifico che è stato isolato nella zona di origine: il Torymus sinensis, insetto imenottero che si nutre del Cinipide stesso e che rappresenta attualmente l'unica forma di lotta valida La femmina del Torymus depone le proprie uova nelle galle del Cinipide, ed in questo modo le sue larve distruggono quelle dellinsetto aggressore

55 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Anoplophora chinensis: Tarlo asiatico Adulto misura 2,5 cm

56 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Anoplophora chinensis Coleottero Cerambycidae originario dellestremo oriente Arrivato in USA nel 1996, in Europa (Olanda) nel 1980 e in Italia nel 2000 Al momento presente solo in alcune province Lombarde (Varese, Milano, Brescia) e a Roma Attacca un grande numero di specie di latifoglie Introdotto con il commercio di piante ornamentali infestate

57 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Anoplophora chinensis: danni e segni di presenza Danni molto ingenti sono causati dalla larva, che scava gallerie allinterno delle piante, sviluppandosi in due anni Al termine dello sviluppo sfarfallano, uscendo dai peculiari grossi fori circolari (1,5 cm) da fine maggio in poi Un altro sintomo è rappresentato da fori di ovideposizione (a forma di T) su corteccia e/o radici

58 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Anoplophora chinensis:

59 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Anoplophora chinensis: lotta Al momento lunica soluzione efficace sembra essere labbattimento e incenerimento delle piante infestate Si sta tentando, in Italia, il rilascio dellimenottero parassitoide Aprostocetus anoplophorae, ma da solo non sembra in grado di contenere il tarlo

60 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Cacyreus marshalli: farfalla (licenide) dei gerani

61 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Farfalla dei gerani Originaria del Sud Africa Arrivata in Europa nel 1989 e in Italia nel 1996 (Lazio) E diffusa adesso in tutte le nostre regioni Introduzione causata da commercio di piante infestate Presenta 5-6 generazioni lanno, nellarco di 60 giorni (adulti in primavera)

62 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Farfalla dei gerani: danni I danni sono causati dalle larve, che prima danneggiano le foglie e i boccioli florali, e successivamente scavano gallerie negli steli Le larve escono quando sono quasi mature, e si nutrono di fiori e foglie In caso di forti attacchi si ha totale perdita dei fiori e morte della pianta

63 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Farfalla dei gerani: danni Per il contenimento delle larve sono stati ottenuti buoni risultati con insetticidi In ambito domestico si consiglia leliminazione delle piante colpite Sono stati individuati alcuni parassitoidi della specie, che però da soli non sembrano in grado di contenerla

64 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Culicoides (ex Aedes) albopictus zanzara tigre

65 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Zanzara tigre Originaria del sud-est asiatico, diffusa ormai in tutto il mondo In Italia è arrivata, a Genova, nel 1998, con un carico di pneumatici importati dallestero A differenza delle altre specie di zanzara presenti in Italia, è attiva tutto il giorno Depone le uova in piccole raccolte dacqua Le uova sono resistenti alla siccità

66 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Zanzara tigre: danni Oltre agli uomini punge altri mammiferi e uccelli Ogni zanzara punge più di una volta, quindi sono particolarmente idonee ad essere vettori di malattie (anche da una specie allaltra) Nelle zone tropicali è vettore di diverse malattie quali la febbre gialla (dengue), la febbre del Nilo e la filariasi (dirofilariasi canina)

67 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 Zanzara tigre: lotta E sostanzialmente impossibile da controllare con efficacia Fondamentali il monitoraggio e la distruzione dei luoghi di ovideposizione Trattamento di raccolte dacqua con Bacillus thuringiensis (batterio larvicida) Insetticidi hanno effetto molto limitato Le trappole hanno unefficacia molto variabile


Scaricare ppt "Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi."

Presentazioni simili


Annunci Google