La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La gestione dei rifiuti Ermanno Barni – ENEA. Le origini del problema Rifiuti e sviluppo sostenibile La gerarchia delle priorità Limportanza della Raccolta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La gestione dei rifiuti Ermanno Barni – ENEA. Le origini del problema Rifiuti e sviluppo sostenibile La gerarchia delle priorità Limportanza della Raccolta."— Transcript della presentazione:

1 La gestione dei rifiuti Ermanno Barni – ENEA

2 Le origini del problema Rifiuti e sviluppo sostenibile La gerarchia delle priorità Limportanza della Raccolta differenziata I sistemi territoriali di gestione Le tecnologie di trattamento, recupero e smaltimento Le nuove tecnologie

3 Rifiuti urbani Discarica

4 Rifiuti urbani Discarica Riciclo

5 Rifiuti urbani Discarica RicicloIncenerimento

6 Rifiuti urbani Discarica Riciclo Incenerimento

7 RU Raccolta differenziata dellumido Compostaggio Discarica Raccolte differenziate Trattamenti (selezione) Raccolta del rifiuto indifferenziato Eventuali pretrattamenti di selezione Incenerimento con recupero energetico Sistema produttivo Schema concettuale di sistema integrato di gestione

8 RU Raccolta differenziata dellumido Compostaggio Discarica Raccolte differenziate Trattamenti (selezione) Raccolta del rifiuto indifferenziato Eventuali pretrattamenti di selezione Incenerimento con recupero energetico Sistema produttivo/ mercato

9 RU Raccolta differenziata dellumido Compostaggio Discarica Sistema produttivo Raccolte differenziate Trattamenti (selezione) Raccolta del rifiuto indifferenziato Eventuali pretrattamenti di selezione Incenerimento con recupero energetico Flussi relativi a sistema integrato con mix di cicli di gestione dellindiff.to

10 Un sistema di gestione dei rifiuti urbani può essere realizzato con logiche e modalità tecniche diverse. Un sistema è evidentemente tanto migliore quanto più alta è la percentuale di materiali riciclati o recuperati e quanto più bassa è la frazione che viene smaltita in discarica. Esistono dei limiti, essenzialmente economici ma anche ambientali, al recupero di materiali ed energia; analogamente, permane comunque la necessità di discariche per i residui delle operazioni di trattamento e recupero.

11 Elementi caratterizzanti e limiti intriseci Impatto ambientale estremamente positivo a livello territoriale ampio, riduzione degli impatti anche a livello locale ma necessità di nuove localizzazioni impiantistiche, tra cui i termovalorizzatori Crescita dei costi diretti, della complessità e della capacità di gestione del sistema pubblico Presenza non marginale di discariche (30-50% in peso, anche se con volumi e impatti ridotti)

12 Le origini del problema Rifiuti e sviluppo sostenibile La gerarchia delle priorità Limportanza della Raccolta differenziata I sistemi territoriali di gestione Le tecnologie di trattamento, recupero e smaltimento Le nuove tecnologie

13 Selezione meccanica Trattamenti meccanico-biologici (TMB) Compostaggio Combustione (incenerimento) Discarica (interramento) Trattamenti chimico-fisici TECNOLOGIE/IMPIANTI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

14 RU Raccolta differenziata dellumido Compostaggio Discarica Sistema produttivo Raccolte differenziate Trattamenti (selezione) Raccolta del rifiuto indifferenziato Eventuali pretrattamenti di selezione Incenerimento con recupero energetico Flussi relativi a sistema integrato con mix di cicli di gestione dellindiff.to SELEZIONE MECCANICA TRATT. MECC.-BIOL.

15 Il ciclo tecnologico di gestione della frazione indifferenziata del rifiuto urbano può essere realizzato in diversi modi, cui corrispondono elementi di impatto e sostenibilità differenti. Anche se quantificabili, essi non sono facilmente confrontabili tra loro per dar luogo ad una scala di valori universalmente accettata e condivisa. Non deve pertanto sorprendere la notevole differenziazione che si riscontra, tanto a livello nazionale che internazionale, nelle varie situazioni ed ambiti territoriali, anche avanzati.

16 Limpianto di incenerimento Accettazione rifiuti Stoccaggio rifiuti Alimentazione rifiuti Incenerimento Produzione vapore Sistema di controllo Depurazione fumi Produzione en. elettrica Rimozione scorie

17 Fumi caldi combustione Fumi caldaia vapore turbina depurazione fumi abbattimento inquinanti, filtri energia elettrica CO2, H2O, residui inquinanti rifiuti recupero energeticoforno RIFIUTI

18 Cicli applicati in Italia per la valorizzazione energetica dellindifferenziato residuale combustione del rifiuto indifferenziato tal quale; combustione della sua sola frazione secca; produzione e combustione di CDR da selezione meccanica; produzione e combustione di CDR da bio essiccazione.

19 Incenerimento Discarica Recupero energetico da RU: incenerimento del tal quale Ceneri e scorie27 100

20 Selezione meccanica Selezione meccanica Incenerimento (inceneritori o impianti industriali) Incenerimento (inceneritori o impianti industriali) Biostabilizzazione CDR Frazione organica Residui Ceneri e scorie Discarica Recupero energetico da RU: : CDR da selezione meccanica

21 Incenerimento (inceneritori o impianti industriali) Incenerimento (inceneritori o impianti industriali) Trattamento biologico Trattamento biologico Selezione meccanica Selezione meccanica CDR Discarica Ceneri e scorie Residui Recupero energetico da RU: : CDR da bioessiccamento

22 Emissioni in atmosfera ed energia prodotta Indifferenziato combusto (%) Fumi per tonn. di indiff. Nm 3 Fumi per tonn. combusta Nm 3 Energia elett. prodotta KWh Combustione tal quale Combustione fraz. secca Combustione CDR

23 Scorie, ceneri e scarti (kg) Totale comprensivo di FOS (kg) Combustione tal quale 270 Combustione fraz.ne secca Combustione CDR Fabbisogno di discarica

24 La valenza ambientale del recupero di energia da rifiuti Contributo alla riduzione delle emissioni di gas serra Lnceneritore come emettitore nullo in termini di impatto globale

25 Da molti anni tutte le realizzazioni impiantistiche (non solo ambientali) sono oggetto di contestazioni da parte delle popolazioni interessate e, anche se meno frequentemente, dalle amministrazioni locali. Sugli impianti di incenerimento si focalizza in genere il massimo del dissenso. Tali contestazioni sono oggi fondamentalmente strumentali, essendo superati, negli impianti moderni, i problemi ambientali tipici di questa fase del ciclo di gestione dei rifiuti.

26

27 Stima delle emissioni di diossine in Germania negli anni 1990 – 2000 Anni Anni Anni g TE/a % % % Incenerimento Rifiuti 40033,03211,0 < 2 < 3 Industria metallurgica 75062,022075,3 < 40 < 57 Centrale termoelettrica 50,431,0 < 3 < 5 Caldaie industriali 201,6155,1 < 10 < 15 Altri processi termici 10,1 < 1 < 0,3 < 1 Crematori40,320,7 < 2 < 3 Traffico100,941,4 < 1 Combustione domestica 201,7155,110 < 15 T O T A L E < Fonte: UBA Agenzia Federale Tedesca per lAmbiente

28 Concentrazioni medie di cocaina a Roma e dintorni (inverno 05)

29 La quantità di diossina originata dai fuochi di artificio nella notte del 31 dicembre 1999 è pari a quella emessa dallinceneritore di Londra in 100 anni di funzionamento Studio dellAgenzia per la protezione dellAmbiente del Regno Unito

30 Le origini del problema Rifiuti e sviluppo sostenibile La gerarchia delle priorità Limportanza della Raccolta differenziata I sistemi territoriali di gestione Le tecnologie di trattamento, recupero e smaltimento Le nuove tecnologie

31 Tecnologie avanzate e/o innovative TMB – bioessiccazione Digestione anaerobica Trattamenti termo-meccanici o meccano-chimici (pressoestrusione, Thor, stabilizzazione chimica ecc.) Discarica – bioreattore Principi attivi di origine vegetale ………

32 TMB t/a Perdite di processo 10 materiali 2 FOS al riutilizzo 3 Scarti discarica CDR Co-incenerimento con rifiuti speciali Produzione combustibili derivati FOS 10 Ipotesi di ciclo di gestione dellindifferenziato per flussi medio-bassi Tecnologie innovative di rec.ro energetico energia Bioreattore

33 Tecnologie innovative di valorizzazione energetica Si basano essenzialmente su processi di: GASSIFICAZIONE PIROLISI Spesso in combinazione tra loro nonché sulluso della TORCIA AL PLASMA

34 COMBUSTIONE IN 2 STADI (INCENERIMENTO) COMBUSTIONE IN 2 STADI (INCENERIMENTO) Ceneri

35

36 Convenzionale e Nuovo a confronto

37 In generale, le tecnologie innovative di Valorizzazione energetica dei rifiuti urbani non hanno ancora raggiunto un livello di sviluppo definibile come commerciale. Fanno eccezione la gassificazione termica e alcune applicazioni della torcia plasma


Scaricare ppt "La gestione dei rifiuti Ermanno Barni – ENEA. Le origini del problema Rifiuti e sviluppo sostenibile La gerarchia delle priorità Limportanza della Raccolta."

Presentazioni simili


Annunci Google