La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino Guido Tosi - Eugenio Carlini Promoting Natura 2000 & sustainable wildlife.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino Guido Tosi - Eugenio Carlini Promoting Natura 2000 & sustainable wildlife."— Transcript della presentazione:

1 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino Guido Tosi - Eugenio Carlini Promoting Natura 2000 & sustainable wildlife use (hunting & angling) Regional Workshops – Arosio (Italia) - 18 giugno 2008

2 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino

3 LAzienda Faunistico Venatoria Valbelviso-Barbellino (BG-BS-SO) ha chiesto il rinnovo della concessione e poiché allinterno dellAzienda sono presenti i SIC e le ZPS: SIC IT Val Belviso; SIC IT Valli di SantAntonio; ZPS IT Parco Regionale Orobie Bergamasche; ZPS IT Parco Regionale Orobie Valtellinesi; ZPS IT Belviso Barbellino; e sono inoltre presenti, nelle aree adiacenti allAzienda, i SIC e le ZPS: SIC IT Valle dArigna e ghiacciaio di Pizzo Coca; SIC IT Val Bondone Val Caronella; ZPS IT Alta Val di Scalve; ZPS IT Valvedra, Valbondione e Val di Vo. NECESSITÀ DELLO STUDIO

4 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino Localizzazione della AFV Valbelviso-Barbellino (in viola), confini dei SIC (in rosso) e confini delle ZPS (in giallo) NECESSITÀ DELLO STUDIO

5 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino Guida Metodologica allart. 6 della Direttiva Habitat (2001) PROCEDURA ADOTTATA

6 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino 1.Sovrapposizione cartografica tra P/P e Siti 2.Individuazione, dai Formulari/Piani di gestione dei Siti, della fauna presente 3.Individuazione, dal P/P, dei possibili impatti sulla fauna 4.Valutazione della significatività dei possibili impatti sulla fauna 5. Definizione, dai Formulari/Piani di gestione dei Siti, degli obiettivi di conservazione (per la componente faunistica) 6.Analisi delle caratteristiche biologiche e delle esigenze ecologiche delle specie 7.Analisi critica oggettiva delle incidenze del P/P sugli obiettivi di conservazione 8.Individuazione delle misure di mitigazione delle incidenze negative del P/P 9.Valutazione della permanenza delle incidenze negative del P/P 10.Riformulazione del P/P 11.Definizione, dai Formulari/Piani di gestione dei Siti, degli obiettivi di conservazione prioritari (per la componente faunistica) 12.Individuazione delle misure di compensazione: dirette, in proporzione, agli impatti negativi potenziali sulle specie, evidenziati in fase di valutazione appropriata; situate nella medesima regione biogeografia e nel medesimo Stato Membro, oltre che localizzate nelle immediate vicinanze dellhabitat dove si sono prodotti gli effetti negativi del progetto; comparabili con le funzioni ecosistemiche che hanno portato alla designazione dei Siti, coerenti con gli obiettivi di conservazione dei Siti stessi; Caratterizzate da obiettivi chiari in termini di attuazione e di gestione, tali da poter garantire il mantenimento o lintensificazione della coerenza di Rete Natura 2000.

7 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino A.Descrizione del Piano unitamente alla caratterizzazione di altri piani che, congiuntamente, possano incidere in maniera significativa sui Siti. B. Descrizione dei Siti. C. Valutazione della connessione diretta del Piano e della necessità dello stesso per la gestione dei Siti. D. Valutazione della connessione diretta di altri piani o progetti con la gestione dei Siti. E. Valutazione della significatività dellincidenza del Piano sui Siti. LIVELLO I: SCREENING

8 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano AROSIO AFV Valbelviso Barbellino Localizzazione geografica dell'AFV (in rosso) rispetto al territorio regionale.

9 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano LAzienda Faunistico Venatoria Valbelviso-Barbellino è nata nel 1893, ed è la più antica Riserva di caccia dItalia. Occupa attualmente una superficie catastale di 119,25 km 2 ricadenti, in ordine di estensione, nel territorio delle Province di Sondrio, Brescia e Bergamo, rappresentando, in tal senso, anche la più estesa Azienda Faunistico Venatoria a livello nazionale. La quota minima è di 917 m, la quota massima è di 2900 m, lAzienda ha una quota media pari a 2060 m.

10 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano Carta di uso del suolo secondo la classificazione CORINE.

11 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano Andamenti delle nascite e delle consistenze primaverili del camoscio (Rupicapra rupicapra) dal 1966 al 2005

12 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano Andamenti delle nascite e delle consistenze primaverili del muflone (Ovis orientalis musimon) dal 1981 al 2005

13 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano Stambecco (Capra ibex) Capriolo (Capreolus capreolus) Cervo (Cervus elaphus) Marmotta (Marmota marmota) Lepre bianca (Lepus timidus) Lepre comune (Lepus europaeus) Volpe (Vulpes vulpes) Lupo (Canis lupus) Gallo cedrone (Tetrao urogallus) Gallo forcello (Tetrao tetrix) Francolino di monte (Bonasa bonasia) Pernice bianca (Lagopus mutus) Coturnice (Alectoris graeca saxatilis) Aquila reale (Aquila chrysaetos)

14 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Piano Programmi di conservazione e ripristino ambientale Vigilanza Corpo di vigilanza composto da 12 guardie giurate particolari: 1 guardia volontaria (Direttore scientifico); 11 guardie giurate assunte a tempo pieno dallAzienda. Zone di rifugio Divieto di caccia assoluto: 12,76 km 2, ovvero il 10,2% del territorio dellAzienda Aree di protezione specifiche per i Galliformi, dove viene esercitata esclusivamente la caccia agli: 54,27 km 2, ovvero il 43,3% del territorio dellAzienda. Organizzazione e strumenti di gestione dellazienda

15 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Siti Habitat di interesse comunitario presenti nei Siti

16 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Siti Specie di interesse comunitario presenti nei Siti

17 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Descrizione Siti

18 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Necessità dello stesso per la gestione dei Siti Il Piano non è direttamente connesso né necessario alla gestione dei Siti. La presenza nellarea da oltre 100 anni, dellAzienda faunistico- venatoria Valbelviso-Barbellino, ha però sicuramente contribuito a mantenere in uno stato soddisfacente gli habitat e le specie di interesse comunitario. Allarea di Piano sono legate numerose specie animali e vegetali di interesse comunitario, per la cui sopravvivenza risulta indubbiamente utile e/o necessaria la prosecuzione e la valorizzazione delle attività tradizionali, tra le quali possono essere considerate anche le diverse azioni di gestione faunistico-venatoria previste dal Piano.

19 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Impatti cumulativi Attualmente sul territorio dellAzienda e nel territorio compreso tra questa e i siti, non sono in essere altri progetti. Risultano, invece, in vigore numerosi piani sia provinciali che regionali. Allo stato attuale non è possibile definire se questi piani possano influire direttamente sui siti, poiché non tutti sono stati valutati per la loro eventuale incidenza. Non potendo peraltro escludere che tali piani possano avere effetti diretti o indiretti sui siti, le analisi svolte nel presente Studio hanno dato la massima attenzione possibile al principio della precauzione, al fine di ovviare, comunque, a questa eventualità.

20 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sugli habitat: nessuna incidenza Rischio di sottrazione di territorio: nessuna incidenza. in ogni giornata di caccia potrebbe teoricamente esserci una densità di 0,17 ind/km 2 ; un rapporto di fruizione venatoria del territorio che, probabilmente non ha eguali, in termini di limitatezza, su tutto larco alpino italiano. La presenza di un agente di vigilanza a tempo pieno ogni 11,3 km 2 garantisce un controllo della fruizione del territorio anche da parte di altre categorie di utenti (turisti, alpinisti, cercatori di funghi, ecc..) Rischio della compattazione del suolo: in ogni giornata di caccia potrebbe teoricamente esserci una densità di 0,17 ind/km 2 ; un rapporto di fruizione venatoria del territorio che, probabilmente non ha eguali, in termini di limitatezza, su tutto larco alpino italiano. La presenza di un agente di vigilanza a tempo pieno ogni 11,3 km 2 garantisce un controllo della fruizione del territorio anche da parte di altre categorie di utenti (turisti, alpinisti, cercatori di funghi, ecc..) nessuna incidenza Rischio dincendio: nessuna incidenza.

21 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sugli habitat: gran parte del prelievo venatorio viene realizzato a carico degli Ungulati, con: Rischio dinquinamento chimico e biologico: gran parte del prelievo venatorio viene realizzato a carico degli Ungulati, con: limpiego di armi a canna rigata, che utilizzano munizioni, a differenza di quelle per armi a canna liscia, che sono interamente in piombo, sono costituite solo per un 25-30% da piombo la restante parte è di rame e polimeri di sintesi; limpiego di armi a canna rigata, che utilizzano munizioni, a differenza di quelle per armi a canna liscia, che sono interamente in piombo, sono costituite solo per un 25-30% da piombo la restante parte è di rame e polimeri di sintesi; limitato numero di colpi sparati, sia in rapporto alla tipologia della caccia, sia alle regole interne instaurate dallAzienda (Regola dei tre colpi); limitato numero di colpi sparati, sia in rapporto alla tipologia della caccia, sia alle regole interne instaurate dallAzienda (Regola dei tre colpi); i rischi di dispersione di piombo sul terreno sono assolutamente limitati o nulli. i rischi di dispersione di piombo sul terreno sono assolutamente limitati o nulli. nessuna incidenza Rischio di modificazione dellidrologia: nessuna incidenza.

22 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sulle specie: Risorse necessarie per loperatività del Piano, ovvero specie di cui si richiede la possibilità di prelievo. Disturbo creato dalla realizzazione del Piano, ovvero azioni previste per svolgere lattività di prelievo. Periodo e durata delle fasi di funzionamento del Piano, ovvero periodo di svolgimento dellattività di prelievo.

23 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sulle specie: Per quanto concerne lornitofauna e la teriofauna nei siti, sono segnalate 20 specie di Uccelli e 4 specie di Mammiferi di interesse comunitario inserite nei Formulari. Quasi tutte le specie non sono cacciabili e numerose sono particolarmente protette secondo la L. 157/92. Le uniche specie di cui è consentito il prelievo, anche perché inserite nellAllegato II della Direttiva 79/409/CEE, risultano essere i Galliformi di seguito indicati: Lagopus mutus (pernice bianca); Tetrao tetrix (gallo forcello); Alectoris graeca (coturnice).

24 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sulle specie:

25 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sulle specie:

26 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sulle specie:

27 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Significatività dellincidenza Valutazione dellimpatto potenziale sulle specie:

28 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino LIVELLO I: SCREENING - LIVELLO I: SCREENING - Conclusioni

29 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino

30 Delibera di Giunta Regionale della Lombardia 25 gennaio 2006 n. VIII/1791 ZPS IT Belviso Barbellino Ente gestore: AFV Valbelviso-Barbellino

31 Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Aziende Faunistico Venatorie e Natura 2000: il caso della AFV Valbelviso-Barbellino Guido Tosi - Eugenio Carlini Promoting Natura 2000 & sustainable wildlife."

Presentazioni simili


Annunci Google