La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lanalisi a livello familiare degli aspetti economici Pietro Vagliasindi e Roberta Cardani Giornata di approfondimento tra Istituzioni Locali e Associazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lanalisi a livello familiare degli aspetti economici Pietro Vagliasindi e Roberta Cardani Giornata di approfondimento tra Istituzioni Locali e Associazioni."— Transcript della presentazione:

1 Lanalisi a livello familiare degli aspetti economici Pietro Vagliasindi e Roberta Cardani Giornata di approfondimento tra Istituzioni Locali e Associazioni Familiari Il Quoziente Parma: un modello territoriale per rapporti economici A misura di Famiglia Parma, 7 novembre 2011 Comune di Parma Associazione Nazionale Famiglie Numerose

2 Obiettivi Analizzare gli effetti economici e redistributivi delle politiche a livello locale in specie nellambito del Quoziente Parma Costruzione di un database e di un modello di microsimulazione dinamico per lanalisi degli effetti socio-economici e redistributivi Problemi: Risorse pubbliche e redistribuzione Aspetti non trascurabile delle politiche fiscali a livello locale Analizzare levidenza empirica è cruciale quanto studiare la teoria per sviluppare validi modelli e finalizzare proposte. Focus su: Evoluzione reddito familiare diversi scenari Interazione misure locali con imposta personale e welfare state

3 LA MICROSIMULAZIONE DATABASE, MODELLI E POSSIBILI SVILUPPI

4 Scelte relative al Database Una Amministrazione può usare microdati effettivi cattura tutta leterogeneità certezza dei risultati individua sottoinsiemi piccoli con rappresentatività ricompone famiglie con informazioni incrociate Ma svantaggi con utilizzo ripetuto e non dilazionabile difficile individuare famiglia in base ai dati fiscali. rappresentativa rispetto ad evenienze e comportamenti risorse informatiche e di tempo per organizzare e manipolare un enorme e composito insieme dati Controllo e correzione dati

5 Microsimulazione: Statica vs Dinamica Modelli Statici misurano solo gli effetti first order: assumono una struttura invariata delle micro-unità. Laggiustamento dei microdati alla popolazione futura avviene con i pesi. Modelli Dinamici: letà e le caratteristiche del campione mutano ogni periodo e così i comportamenti delle micro- unità in conse-guenza dei mutamenti sistemici modelli longitudinali: simulano in una volta lintera vita di ogni singola micro-unità, senza interazioni con le altre unità modelli cross-section (a popolazione dinamica): tutte le singole micro-unità invecchiano di periodo in periodo col dynamic ageing e possono sempre interagire tra loro.

6 Paradigma Garbage in - Garbage out Laffidabilità della Microsimulazione Dinamica dipende da: (1) bontà del database dei microdati di partenza (2) capacità del modello di rappresentare i fenomeni Dati esatti Modello Corretto Modello Garbage Garbage

7 La Convalida Problemi di Self-selection, Underreporting e missing data possono condizionare la qualità dei dati nel campione iniziale (garbage in - garbage out). Soluzione: statistical matching Scopo: far produrre al modello profili simili a quelli reali Procedure di convalida: 1° del campione iniziale; 2° del modello; 3° calibrazione moduli Lavoro già completato: (i) Estrazione dei dati socio-economici delle famiglie di partenza (Campioni SHIW di Banca dItalia BdI e ITSILC dellISTAT) (ii) attribuzione variabili fiscali coerenti con le statistiche relative ai contribuenti italiani (iii) Creazione database unico e prima calibrazione dei dati reddituali con universo contribuenti nord Italia e Parma

8 Innovazione: Amministrazione fiscale ha campioni contribuenti e universo, ma non organizzati su base familiare Con nuovo database valutiamo effetti distributivi su scala familiare e temporale potendo assumere la famiglia come unità impositiva, e studiare anche sistemi quali splitting e quoziente familiare Problemi: indisponibilità (dati fiscali e.g. deduzioni e detrazioni) e bassa qualità (redditi autonomi e immobili) Soluzioni: *imputazione dei dati mancanti (grazie a programma fiscale e statistiche universo o base di un sottocampione di unità con informazioni complete) *matching di campioni di dati compatibili, con campione contenente le variabili aggiuntive richieste o con funzioni stimate da statistiche universo (dati Sogei, MEF) La Creazione del Database di Partenza

9 Breve storia modelli dinamici DYNASIM I&II – USAWertheimer et al. (1986) CORSIM – USACaldwell (1993) NEDYMAS – NLNelissen (1994) DESTINIE – FRINSEE (1999) DYNAMOD – ASAntcliff et al. (1996) DYNACAN – CANMorrison (2000) BANKITALIA – IT Cannari, Nicoletti Altimari (1998) Ando, Nicoletti Altimari (2004) MIND – ITPrototipo 1999 Rivisto 2003 (Bianchi, Romanelli, Vagliasindi) … ……… Il modello ed i principali moduli

10 MIND È un modello di microsimulazione dinamico, in grado di: microsimulare demografia e struttura socio-economica italiana, valu- tando in modo articolato effetti redistributivi a livello familiare (i) benefici politiche economiche e (ii) percorsi riforme previdenziali e fiscali (iii) inserendo nuovo modulo finanza locale. Aggiornando ultima versione è possibile esaminare gli effetti di lungo termine del ServSicSoc e valutare nel breve periodo gli effetti delle misure locali e delle modifiche allimposizione personale. Si potranno misurare trend di ineguaglianze e povertà tra la popolazione, gruppi e differenti generazioni. È possibile considerare effetti cambiamento di regime (con Quoziente Parma) o introduzione welfare locale con percorsi diversi nel tempo

11 Il modello dinamico aggiorna i database locali Periodo t Periodo t+n Database iniziale 04 Modello MIND aggiornato Database stimato Il modulo Locale analizza gli effetti delle misure fiscali locali Database stimato Output Indici Tavole M od u l o Locale

12 Alcune pubblicazioni collegate al modello Effetti redistributivi dellintervento pubblico. Esperimenti di microsimulazione per lItalia, Giappichelli Reforming the Italian Pension System in the XXI Century: the Issue of Seniority Pensions Once Again, ADVANCES IN COMPLEX SYSTEMS, 2004 Demographic Evolution and Inequalities among Families of Pensioners in Italy: Microsimulating Regional Dynamics, GENUS, 1/2004. Microsimulating the Evolution of Italian Pension Benefits: the Role of Retirement Choices and Lowest Pensions Indexing, LABOUR, vol. 17, Nota 2001 su convalida

13 I DATI DI PARTENZA

14 I Campioni Utilizzati Dati sulle famiglie italiane del 2004, Banca d'Italia ed Istat BdI famiglie (45% di famiglie panel); individui ISTAT famiglie (66% di famiglie panel); individui Nord Italia BdI famiglie (45% di famiglie panel); individui ISTAT famiglie (66% di famiglie panel); individui Base partenza da cui procedere per: Estrazione variabili demografiche e socio-economiche ed elaborazioni necessarie per formare database iniziali omogenei e comparabili utili allo sviluppo di un modello di microsimulazione dinamica Ricostruzione redditi lordi e modello unico per contribuenti da redditi netti con processo iterativo e convergenza stime con dati iniziali Calibrazione e convalida dati rispetto ad universo contribuenti Test di goodness-of-fit (Multinomiale, Kolmogorov-Smirnov e Mann-Whitney) tra distribuzioni BdI, ISTAT, per uso congiunto. Programma lordizzazione (con differenze tra BdI e ISTAT e.g. per assegni familiari)

15 Risultati ottenuti Calibrazioni redditi e undereporting per singole tipologie di redditi, ottenendo divergenza redditi da universo inferiore a 1%. Partendo da dichiarazioni (campione Sogei-Secit) lerrore di stima gettito è stato del 3% nel modello Di Nicola-Monteduro (2004) Di seguito riportiamo le principali distribuzioni dei redditi e della ricchezza finanziaria lorda BdI ed ISTAT che differiscono da quelli originali e possono costituire un database consistente

16 Redditi lordi da lavoro dipendente Distribuzioni compatibili

17 Redditi lordi da pensione Distribuzioni compatibili

18 Redditi lordi da lavoro autonomo Distribuzioni non compatibili

19 LA COSTRUZIONE DI UN PRIMO DATABASE

20 Confronto distribuzioni di reddito lordo area Nord vs Parma Distribuzioni compatibili

21 Confronto distribuzioni ricalibrate di reddito Distribuzioni compatibili

22 CAMPIONE SELEZIONATO Abbiamo proceduto a combinare le due distribuzioni: famiglie IT-SILC + famiglie SHIW con un componente con: - redditi elevati (superiori ai 60 mila, ossia appartenenti alle ultime tre classi) - redditi medio - bassi (da 15 a 25 mila, ossia appartenenti alla terza quarta e quinta classe). Guadagno in maggior eterogeneità dei dati 22

23 Confronto finale distribuzioni di reddito Distribuzioni non compatibili

24 UNAPPLICAZIONE ALLASILO NIDO

25 POTENZIALI FRUITORI DEL SERVIZIO Il sottocampione è composto da: – 738 famiglie – 3778 individui – almeno un minore tra 3 e i 5 anni

26 MINORI A CARICO E DIMENSIONE FAMIGLIARE I casi più frequenti sono rappresentati da uno o due minori più i genitori (evidenziati in verde). Minor presenza di famigli mono-genitoriali (1.76 vs 7.7%) -> una maggiore selezione di tali casi tra chi fruisce effettivamente il servizio?

27 CARATTERISTICHE DEI GENITORI Letà media del capofamiglia e del coniuge delle famiglie con figli che frequentano lasilo nido (tra i 35 e 40) anni è leggermente più bassa per i genitori nati allestero Le famiglie con almeno un disabile sono una percentuale piuttosto limitata del totale 0.14% (inferiore agli effettivi 4,32%).

28 Femmine nate in Italianate allesteroTotale Maschi nati in Italia 81.14%4.84%85.98% nati allestero 2.34%11.69%14.02% Totale 83.47%16.53% Il caso più comune è quello di genitori nati entrambi in Italia o entrambi allestero I matrimoni misti sono ancora in minoranza, più frequente il caso di donne italiane sposate con stranieri.

29 Età femmine Totale Età maschi Totale ,00 la situazione è analoga agli utenti effettivi con entrambi i coniugi di età compresa fra 30 e 40 anni

30 Tipo di lavoro: Totale genitoriNati in ItaliaNati allestero Mono - genitoriali MFMFMFMF nessuno (%) dipendente % autonomo (%) Numero La percentuale di coloro che non lavorano è maggiore e più elevata tra i maschi, anche rispetto ai dati degli utenti effettivi La percentuale di lavoro autonomo è nettamente inferiore nel caso dei maschi (tendenzialmente superiore per le femmine) Tra le donne nate allestero è meno diffuso il lavoro autonomo i non occupati tendono a ricorrere in misura minore al servizio o non sono selezionati dallo schema?

31 Attività lavorativa MaschiFemmine mediamediananumeromediamediananumero Lavoro dipendente 37,61831, ,15619, Tot. Lav. autonomo 37,42825, ,42013, Di cui: IMPR20,14014, ,01311,95825 LAUT28,82824, ,83611,68068 LPRO53,51932, ,09028,41425 LCCC30,291 22,059 2 I redditi dei lavoratori autonomi e dipendenti sono molto più elevati dei valori degli utenti effettivi e risultano in media eguali o poco inferiori per le lavoratrici. Per il lavoro dipendente, il reddito del lavoro femminile è pari al 59% di quello maschile, questo valore scende al 55% nel caso del lavoro autonomo utenti effettivi sono meno e quindi il sistema di selezione per reddito sembrerebbe funzionare.

32 CONCLUSIONI La microsimulazione fornisce al policy maker uno strumento per la valutazione: – Ex-ante schemi di benefici ed imposte personali a livello familiare, tenendo conto di diversi impatti su determinate fasce di individui e famiglie – Ex-post della modifica dei criteri di eleggibilità e assegnazione delle politiche fiscali e di welfare


Scaricare ppt "Lanalisi a livello familiare degli aspetti economici Pietro Vagliasindi e Roberta Cardani Giornata di approfondimento tra Istituzioni Locali e Associazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google