La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

©2013 Masimo Corporation SedLine ® Monitoraggio della funzionalita' cerebrale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "©2013 Masimo Corporation SedLine ® Monitoraggio della funzionalita' cerebrale."— Transcript della presentazione:

1 ©2013 Masimo Corporation SedLine ® Monitoraggio della funzionalita' cerebrale

2 ©2013 Masimo Corporation Panoramica della pratica anestesiologica: problematiche e tendenze

3 ©2013 Masimo Corporation Il cambiamento delle tendenze nelle pratiche chirurgiche > Nel periodo , le procedure chirurgiche ambulatoriali negli ospedali pubblici sono aumentate del 12% 1 > Nel 2003, le procedure ambulatoriali hanno rappresentato il 63% di tutte le procedure chirurgiche eseguite negli ospedali pubblici 1 > La percentuale di pazienti sottoposti a chirurgia ambulatoriale sta aumentando in tutte le fasce di età 2 > Il numero di adulti di età compresa tra 55 e 64 anni è in crescita 1 Questa fascia di età è associata a problemi di salute e a esigenze di procedure chirurgiche maggiori > I cambiamenti demografici e dei modelli di pratica chirurgica accrescono il rischio di complicazioni durante l'anestesia 1. National Center for Health Statistics Hall MJ, Lawrence L. Ambulatory Surgery in the United States, agosto, N. 300.

4 …rendendo maggiormente necessario un approccio nuovo al monitoraggio della sedazione Comorbilita' farmaci multipli preintervento Età avanzata maggiore sensibilità agli anestetici Cardiopatie emodinamica più instabile Diabete risposte autonomiche ridotte I cambiamenti demografici hanno provocato un aumento delle procedure chirurgiche su pazienti che presentano contemporaneamente...

5 ©2013 Masimo Corporation La pratica anestesiologica > Valutare il paziente Valutazione dello stato di salute del paziente Procedura chirurgica > Selezionare gli agenti appropriati per: Movimento (paralisi) Dolore (analgesia) Perdita di conoscenza (sedazione/amnesia) > Monitorare il paziente Indici autonomici Indici somatici

6 ©2013 Masimo Corporation Movimento Dolore Obiettivi dell'anestesia generale L'obiettivo dell'anestesia generale è somministrare un insieme bilanciato di agenti per ottenere livelli appropriati di: Incoscienza Amnesia Sedazione

7 ©2013 Masimo Corporation Le prassi di monitoraggio attuali in anestesiologia Misurazioni di routine Stabilità del paziente > Ossigenazione > Auscultazione precordiale o esofagea > Temperatura corporea > Diuresi oraria e totale > FC/BP > ECG Livello di anestesia > Gas ematici (non invasiva) > Blocco neuromuscolare > Concentrazione di fine espirazione > CO 2 di fine espirazione Prestazioni delle apparecchiature > Disconnessione degli allarmi Misurazioni comuni, ma non di routine Stabilità del paziente > Gittata cardiaca > Ecocardiografia transesofagea Livello di anestesia > Emogasanalisi (invasiva) > Elettroencefalogramma (EEG) Livello di sedazione > EEG > Potenziali evocati

8 ©2013 Masimo Corporation La pratica anestesiologica Risultato dell'anestesia atteso privo di eventi di rilievo Monitorare gli indici autonomici e somatici Selezionare gli agenti appropriati Movimento Dolore Incoscienza Amnesia Sedazione

9 ©2013 Masimo Corporation Anestesia generale: Un equilibrio complesso 1 1. Rosow C. Refresher course at the 8th Annual Anesthesia Symposium; 21 aprile 2001; Colorado Springs, Colo. Monitoraggio ampio Monitoraggio sporadico Soppressione della risposta ansiosa agli stimoli dolorosi Ipnosi Produzione di un campo chirurgico tranquillo Amnesia

10 ©2013 Masimo Corporation Il monitoraggio della sedazione può migliorare i risultati dell'anestesia? Il monitoraggio può offrire risultati migliori durante l'intubazione e il mantenimento in relazione ai seguenti fattori 1 : > Il tempo trascorso in un intervallo ottimale di anestesia, espresso in percentuale > I dati disponibili sullo stato del paziente (ad esempio, le informazioni che aiutano l'équipe chirurgica nel momento delle decisioni "critiche") > Individualizzare il dosaggio per ottenere rapidamente la profondità ottimale dell'anestesia > Somministrare la quantità minima di anestetici necessaria a mantenere la profondità ottimale dell'anestesia 1.Dershwitz M. Semin Anesth. 2001;20:

11 ©2013 Masimo Corporation Il monitoraggio della sedazione può migliorare i risultati dell'anestesia? (cont.) Il monitoraggio può offrire risultati migliori all'emergenza riducendo i seguenti fattori 1 : > Tempo all'estubazione > Tempo di risposta > Tempo di idoneità alla dimissione dall'unità di terapia postanestesia > % dei casi limite (pazienti che impiegano >15 minuti per risvegliarsi dall'anestesia) > Grado di riduzione cognitiva postanestesia > Nausea e vomito postoperatori 1.Dershwitz M. Semin Anesth. 2001;20:

12 ©2013 Masimo Corporation Ha senso monitorare il livello di sedazione durante l'anestesia? Continuum dell'anestesia Troppo lieveTroppo profondo > Maggiore rischio di ansietà e di risposte ansiose del paziente Ideale > L'anestesia è ottimizzata; il paziente è immobile e non prova dolore > Riduzione delle funzioni respiratoria e cardiovascolare > Maggiore rischio di nausea e vomito postoperatori (PONV) > Emergenza e ripresa inibiti > Maggiore rischio di disfunzione cognitiva e di mortalità a un anno postoperatorie

13 ©2013 Masimo Corporation Fino a che punto gli anestesisti hanno la sensazione di avere bisogno di un nuovo approccio al monitoraggio dell'anestesia? > "Oggi non c'è niente di anomalo nei miei interventi…" > "Sono soddisfatto del tasso di ripresa…" > "Non ci sono conseguenze in termini di ripresa prolungata…né errori in termini di profondità dell'anestesia…" > "Tutti i pazienti sono addormentati a un valore di 2x MAC" > "Mi baso su dosi di farmaco corrette" Queste espressioni vi sono familiari?

14 ©2013 Masimo Corporation Cronologia del cambiamento… Anni '80 Anni ' e oltre Monitor PSA 4000 TM Monitor BIS TM ECG digitali Pulsossimetria Capnografia Monitoraggio potenziato remifentanil desflurano sevoflurano dexmedetomidina Passaggio agli anestetici ad azione rapida propofol alfentanile isoflurano atracurio vecuronio Monitor SedLine ®

15 ©2013 Masimo Corporation Quantificare la profondità dell'anestesia esaminando il cervello, l'organo di destinazione dell'anestesia L'utilizzo di uno strumento di monitoraggio che valuti direttamente la risposta del cervello agli anestetici consente di effettuare un'eccellente previsione della perdita di coscienza del paziente e un dosaggio farmacologico più accurato. 1 1.Glass PS et al. Anesthesiology. 1997;86:

16 ©2013 Masimo Corporation Quali sono le componenti di un monitor ideale della funzione cerebrale? Offrire informazioni quantitative circa lo stato di sedazione dei pazienti Indicatore affidabile di LOC/ROC (perdita/ripresa di conoscenza) Essere in correlazione con misurazioni cliniche della sedazione e con il dosaggio farmacologico indipendenti dall'agente utilizzato Semplice da configurare e utilizzare Di facile consultazione da una certa distanza Compatto Affidabile Resistente agli artefatti elettromagnetici ed elettrostatici In grado di supportare il processo decisionale Monitor ideale della funzione cerebrale

17 ©2013 Masimo Corporation In che modo un monitor della funzione cerebrale può agevolarmi nella mia attività? > Fornendo dati oggettivi e in tempo reale circa la risposta organica all'anestesia > Introducendo dati che offrono un valore aggiuntivo nel momento delle decisioni fondamentali > Rendendo possibile una maggiore precisione e un maggior controllo dell'anestesista durante la valutazione dello stato di anestesia (dall'induzione all'emergenza) > Aumentando al massimo il tempo in cui i pazienti restano in un range ottimale di anestesia > Riducendo l'incidenza dei casi limite¹ 1. Drover DR et al. Anesthesiology. 2002;97:82-89

18 ©2013 Masimo Corporation In che modo il monitoraggio della funzione cerebrale può migliorare i risultati per il paziente? Migliorando la ripresa postoperatoria tramite: > Un migliore orientamento al momento dell'arrivo nell'unità di terapia postanestesia¹ > L'idoneità alla dimissione anticipata dall'unità di terapia postanestesia¹ > Nausea e vomito postoperatori minori¹ > Una ripresa più rapida della funzione cognitiva¹ 1. Drover DR et al. Anesthesiology. 2002;97:82-89

19 ©2013 Masimo Corporation Evoluzione continua del tipo di anestetici e del relativo monitoraggio per ampliare il mercato dell'anestesia e della terapia intensiva Poiché gli anestesisti si sono orientati verso anestetici ad azione rapida (il propofol e ora anche il remifentanil) con TIVA e TCI, la prassi di monitorare la profondità dell'anestesia, la sicurezza dei dispositivi e il complesso di informazioni durante la somministrazione di agenti potenti diventati generici solo in tempi recenti hanno subito un'evoluzione Monitoraggio della funzione cerebrale: > Una tecnologia innovativa e intuitiva rappresenta un mezzo avanzato per valutare lo stato del paziente > Il monitoraggio della funzione cerebrale, se usato contemporaneamente a metodi di monitoraggio tradizionali, si è affermato come uno strumento di valutazione completo, efficiente e accurato dell'anestesia quando si utilizzano tecniche anestesiologiche basate su narcotici, quali la TIVA (anestesia endovenosa totale) o la TCI (infusione basata su un target plasmatico)

20 ©2013 Masimo Corporation Introduzione al Monitor SedLine ® Migliorare le informazioni, ottimizzare i risultati

21 ©2013 Masimo Corporation Modulo paziente SedLine ® : dati EEG di alta qualità e non alterati > Resistenza alle interferenze elettrochirurgiche, anche durante elettrocauterizzazione > Dati EEG non alterati nei momenti critici Induzione ed emergenza Monitoraggio delle risposte a stimoli dolorosi > Nei casi di compromissione del segnale, più filtri algoritmici eliminano i dati corrotti

22 ©2013 Masimo Corporation Il sistema SedLine ® : basi scientifiche > Gli elettrodi del sensore SedLine sono progettati per una raccolta dei dati e una facilità d'uso migliori > Fornisce a SedLine segnali EEG di alta qualità > Il sistema di acquisizione dati include i seguenti componenti: Sensore SedLine Cavo paziente Modulo paziente/amplificatore Software per il rilevamento di artefatti

23 ©2013 Masimo Corporation Sensore SedLine ® : basi ingegneristiche > Assicura la raccolta di segnali EEG di alta qualità > Si avvale di 4 elettrodi attivi Raccoglie una quantità maggiore di dati EEG rispetto alle matrici con un solo elettrodo attivo È posizionato in modo da aumentare al massimo il rilevamento dell'attività EEG nelle aree principali del lobo frontale > Riduce il tempo di preparazione grazie a una matrice EEG ottimizzata

24 ©2013 Masimo Corporation I 4 canali simultanei dell'EEG > Monitorano i cambiamenti in più parti del cervello, consentendo di reagire in modo più rapido e completo a esiti imprevisti > Dati EEG estremamente accurati dalle 4 aree chiave nei lobi frontale e prefrontale > Ampliamento della portata dei dati in tempo reale > Rilevamento di piccole variazioni nell'EEG in più aree del cervello contemporaneamente L'immagine è solo a scopo illustrativo. 4 elettrodi attivi

25 ©2013 Masimo Corporation Monitor della funzione cerebrale SedLine ® Vantaggi > Un monitor della funzione cerebrale con 4 canali EEG effettivi che fornisce una visione oggettiva della profondità dell'anestesia e della sedazione > Amplia la portata dei dati in tempo reale e migliora la gestione del caso da un punto di vista anestesiologico > I dati ECG di alta qualità, uniti a un sofisticato algoritmo, forniscono informazioni accurate e affidabili sulla risposta del paziente all'anestesia > Le schermate multiple ampliano la quantità di dati per l'utilizzatore e sono comode da visualizzare > La pratica confezione contribuisce a ottimizzare l'utilizzo di SedLine in sala operatoria > I vantaggi di SedLine sono già stati verificati in applicazioni cliniche reali

26 ©2013 Masimo Corporation Patient State Index (PSI, indice stato paziente): agevolare la tempestiva rilevazione dello stato del paziente > Il valore PSI corrisponde al livello di sedazione/anestesia del paziente su una scala da 0 a 100 (100 = completamente sveglio). > Esso rispecchia lo stato di perdita/ripresa di conoscenza, risveglio, emergenza e risposta agli stimoli nocivi. > Lo schema colori consente una rapida valutazione dei livelli di sedazione Valore PSI

27 ©2013 Masimo Corporation Interpretazione del PSI > Indice stato paziente: Il PSI è una variabile ricavata dall'EEG che si basa sulle variazioni dell'EEG nel tempo e viene aggiornato ogni 1,2 secondi > Il PSI potrebbe essere influenzato da variazioni relative a: Perfusione Farmaci Stimoli Temperatura

28 ©2013 Masimo Corporation SedLine ® : quattro schermate permettono di visualizzare i dati in più modalità > Schermata EEG L'EEG a 4 canali offre molti più dati rispetto ai monitor con meno canali. > Schermata Patient State Index (PSI) I valori numerici con schema colore agevolano una rapida valutazione dello stato del paziente.* > Schermata Density Spectral Array (DSA, matrice della densità spettrale) Fornisce dati EEG in tempo reale per consentire una risposta immediata a eventuali variazioni indesiderate. > Schermata multipla Permette il monitoraggio simultaneo del valore e del trend PSI e dei dati grezzi in tempo reale dell'EEG a 4 canali. *Corrisponde al livello corrente di sedazione/anestesia su una scala da 1 a 100, dove 100 indica che il paziente è completamente sveglio.

29 ©2013 Masimo Corporation Schermata multipla di base di SedLine ®

30 ©2013 Masimo Corporation Schermata multipla di base di SedLine ® EEG bilaterale Trend EMG Trend PSI Trend del rapporto di soppressione Trend e valore numerico degli artefatti Trend Density Spectral Array (DSA)/SEF Valore numerico e trend SEFL/SEFR

31 ©2013 Masimo Corporation Dati supplementari presenti in tutte le viste Elettromiografo, Indicatore artefatti, Rapporto di soppressione > EMG (elettromiografia): misura l'attività muscolare rilevata > SR (suppression ratio): misura la percentuale di soppressione del segnale EEG > ART (artefatto): misura la quantità di rumore accidentale rilevato dal sistema EMG ART SR

32 ©2013 Masimo Corporation Schermata dei trend di PSI

33 ©2013 Masimo Corporation Linee guida per il PSI Colori dei valori e dei trend Anestesia generale Stato ipnotico lieve Stato ipnotico profondo 0

34 ©2013 Masimo Corporation Chiara visualizzazione dello stato degli elettrodi

35 ©2013 Masimo Corporation I 4 canali simultanei dell'EEG

36 ©2013 Masimo Corporation Distinguere gli EEG > Caratteristiche degli EEG Frequenza Ampiezza Ritmi EEG Delta Theta Alfa Beta

37 La grafica rispecchia il suono Attività improvvisa, seguita da un'onda di soppressione (piatta, isoelettrica) Riscontrabile in condizioni di ipotermia e nelle procedure di bypass Riscontrabile in alcuni interventi di neurochirurgia Indica una sedazione molto profonda L1 R1 L2 R2 "Burst suppression" L1 R1 L2 R2 L1 R1 L2 R2 Theta/alfa con delta sottostanti Sedazione adeguata "Burst suppression"

38 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Esempio di EEG prima dell'induzione. L'EEG può evidenziare una frequenza molto rapida e un'ampiezza bassa PSI: 95 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

39 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Con un indice PSI di 75, le onde EEG possono cominciare a evidenziare il passaggio a un'ampiezza maggiore e a una frequenza più lenta PSI: 75 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

40 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Lo schema EEG mostra onde lente e alcuni periodi isoelettrici di appiattimento, generalmente definiti "burst suppression. L'EEG può mostrare effetti prolungati di propofol durante l'induzione PSI: 15 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

41 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Durante l'anestesia generale, potrebbero essere presenti principalmente onde delta lente. Per specifici anestetici, possono essere presenti onde alfa nell'intervallo delle onde delta, come in figura. PSI: 26 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

42 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Nel dosaggio dell'anestesia, potrebbe essere visualizzato uno schema tipico dell'emergenza. In questo caso, l'EEG può evidenziare il passaggio a un'ampiezza inferiore e a una frequenza maggiore PSI: 67 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

43 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Gli schemi EEG possono cambiare rapidamente man mano che l'anestesia viene sospesa e il paziente attraversa la fase di risveglio. Sia l'EEG che l'EMS possono evidenziare una frequenza più rapida PSI: 78 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

44 ©2013 Masimo Corporation Forme d'onda EEG Onde a frequenza rapida indicano la fine dell'anestesia generale. A causa degli anestetici residui, l'aspetto del tracciato EEG potrebbe non essere esattamente uguale a quello della preinduzione PSI: 92 Ampiezza: 5 μV/mm Le schermate raffigurate sono solo a scopo illustrativo L'EEG raffigurato non contiene dati clinici

45 ©2013 Masimo Corporation Density Spectral Array (DSA, matrice della densità spettrale): Monitorare la simmetria della sedazione > Raffronta simultaneamente l'intensità EEG dei due emisferi, permettendo il rilevamento immediato di attività asimmetrica L'attività asimmetrica dei due emisferi generalmente precede le variazioni nello stato dell'anestesia > È in grado di individuare variazioni iniziali di attività in più aree del cervello contemporaneamente > Il rilevamento di attività asimmetrica nelle fasi iniziali permette un'azione tempestiva in risposta a eventuali variazioni indesiderate È in grado di rilevare minimi cambiamenti locali di attivit๠1. John ER et al. Consciousness and Cognition 10, (2001)

46 ©2013 Masimo Corporation Density Spectral Array: come utilizzarla? > Il DSA conferma l'affidabilità del PSI anche a osservatori non esperti di EEG* > Affina la capacita' di visualizzare variazioni anche minime della condizione cerebrale, migliorando così la valutazione clinica della risposta del paziente alla somministrazione di farmaci > Individua facilmente asimmetrie nell'EEG, potenzialmente migliorando i risultati per il paziente in caso di eventi di rilievo > Aiuta i medici a individuare artefatti del PSI, permettendo valutazioni migliori * Nei casi appropriati, occorre eseguire una valutazione clinica in base al protocollo della struttura.

47 ©2013 Masimo Corporation Schermata DSA

48 ©2013 Masimo Corporation Asimmetria durante la fase di riscaldamento – paziente fuori pompa "Burst suppression" Asimmetria sul lato destro nella fase di riscaldamento

49 ©2013 Masimo Corporation Matrice di densità spettrale Trend di frequenza (SEF) > Il SEF individua il punto in cui il 95% della potenza o intensità dell'EEG è al di sotto dei limiti –Più è alto il SEF, più il paziente è cosciente. –Più è basso il SEF, più è sedato il paziente.

50 ©2013 Masimo Corporation Base scientifica dell'algoritmo PSI > L'algoritmo SedLine ® si basa su un algoritmo sviluppato dal Brain Research Laboratory presso la Scuola di Medicina dell'Università di New York Estrapolato da un'analisi discriminante multivariata di dati dell'EEG* > La stessa tecnica era stata già usata per individuare le caratteristiche variabili dei segnali dell'EEG allo scopo di: Prevedere la maturazione normale del cervello¹ Identificare e localizzare anomalie cerebrali (creando una mappa statistica basata sulle probabilità)¹ Rilevare e classificare disturbi neuropsichiatrici¹ La tecnica dell'analisi multivariata è comunemente usata in medicina per individuare i predittori. 1. John ER et al. Consciousness and Cognition 10, (2001)

51 ©2013 Masimo Corporation Algoritmo PSI: Fornisce dati in tempo reale accurati e affidabili da un punto di vista clinico > Permette a SedLine ® di valutare la profondità dell'anestesia con un'accuratezza senza pari > Si basa su un'analisi discriminante multivariata dei dati degli EEG elaborata presso la Scuola di Medicina dell'Università di New York > Poggia su raffronti tra database di dati degli EEG dei pazienti I dati sono registrati in varie condizioni cliniche e anestesiologiche Per sviluppare l'algoritmo PSI sono stati usati cinque database

52 ©2013 Masimo Corporation Sottoalgoritmi PSI: consentire una risposta rapida allo stato del paziente > Più sottoalgoritmi migliorano la sensibilità dell'algoritmo PSI alle variazioni di attività Rilevamento tempestivo di schemi di attività EEG "critica" Il sottoalgoritmo "osservatore del risveglio" rileva variazioni lievi dell'EEG indicanti che la sedazione sta diminuendo Progettato appositamente per rilevare schemi di attività EEG "critica" prima possibile, concedendo più tempo per gestire le risposte del paziente

53 ©2013 Masimo Corporation SedLine ® : studi di progettazione e convalida > Studio retrospettivo di elaborazione* per identificare descrittori EEG appropriati > Studio volontario* per raccogliere dati e dimostrare l'ottimizzazione con vari schemi > Studio multicentro* per determinare sicurezza e utilità clinica > Studio di elaborazione e convalida dell'algoritmo PSI frontale volto alla creazione di una matrice intuitiva con prestazioni equivalenti a quelle del progetto originario *Per questi studi è stato usato il predecessore di SedLine (PSA 4000).

54 ©2013 Masimo Corporation Analisi VARETA SedLine ® Diapositiva 1: (PSI=41) Subito dopo il bolo di induzione, l'attività dell'onda beta mediana decresce in assenza di un'attività anomala prefrontale dell'onda beta. Diapositiva 2: (PSI=61) Ritrae l'aumento dell'attività prefontrale simmetrica (L2, R2) dell'onda beta durante una fase di transizione prima dell'evento del risveglio (il paziente sta passando a un livello di anestesia superficiale). Diapositiva 3: (PSI=70) Ritrae l'attività dell'onda beta durante un evento di risveglio (movimento della testa). Si noti l'attività asimmetrica dell'onda beta nelle aree prefrontali (L2, R2). Diapositiva 4: (PSI=54) A volte, dopo l'evento di risveglio, l'attività dell'onda beta ritorna in uno stato appena più superficiale. Si noti la variazione di potenza asimmetrica dell'onda beta sul lato sinistro (L2). Diapositiva 5: (PSI=42) Ritorno del paziente a un livello di anestesia più profondo, con la ricomparsa di simmetria in assenza di attività prefrontale dell'onda beta. Development of SedLine Brain Function Monitor system; Scientific foundation and clinical validation of the Patient State Index R Ortega; Hospira POB Ott 2008

55 ©2013 Masimo Corporation Studio volontario per misurare gli effetti dell'anestesia 1.John ER. Conscious Cogn. 2001;10: Gli schemi di attività si sono rivelati invariati in varie tipologie di paziente e con vari agenti sedativi/anestetici 1 L'immagine è solo a scopo illustrativo. > Attività cerebrale in risposta a sedazione/anestesia I cali di attività seguono uno schema prevedibile Man mano che il cervello si addormenta, l'attività EEG cala secondo uno schema specifico e invariabile¹ Al risveglio, l'attività EEG aumenta in tutto il cervello, con una sequenza esattamente opposta a quella osservata quando il cervello si addormenta

56 ©2013 Masimo Corporation Elaborazione dell'algoritmoSedLine ® Variazioni cerebrali globali, all'induzione e all'emergenza, costanti o "invariabili" con anestetici diversi Conscious Cogn. 2001;10: Prichep LS, John ER, Gugino LD, Kox W, Chabot RJ. Quantitative EEG Assessment of Changes in the Level of Sedation/Hypnosis during Surgery under General Anesthesia.

57 ©2013 Masimo Corporation Studio multicentro volto a dimostrare l'efficacia clinica > PSI agevola una maggiore personalizzazione del dosaggio farmacologico > La titolazione di anestetici guidata da PSI ha evidenziato un'emergenza significativamente più rapida¹ > La titolazione di anestetici guidata da PSI ha evidenziato un recupero significativamente più rapido¹ 1.Drover DR et al. Anesthesiology. 2002;97:82-89.

58 ©2013 Masimo Corporation Studio multicentro volto a dimostrare l'efficacia clinica (cont.) > La titolazione guidata da PSI ha evidenziato un'elevata sensibilità nell'emergenza¹ I valori di PSI e BIS sono correlati alla concentrazione di fine espirazione di desflurano al momento dell'apertura degli occhi e dell'estubazione tracheale I coefficienti di correlazione sono stati sempre più elevati per il PSI in confronto al BIS 1.White PF et al. Anesth Analg. 2004;99:

59 ©2013 Masimo Corporation Vantaggi per le fasce di popolazione a rischio

60 ©2013 Masimo Corporation Quali fasce di popolazione potrebbero essere più avvantaggiate dal monitoraggio del livello di sedazione? > Pazienti con episodi di risposte imprevedibili all'anestesia Pazienti anziani – Pazienti con comorbilita' gravi Pazienti pediatrici – Pazienti notevolmente allergici Pazienti traumatizzati – Alcolisti/tossicodipendenti Pazienti obesi

61 ©2013 Masimo Corporation Linee guida della SCCM in materia di monitor cerebrali > Consigliamo di utilizzare misurazioni oggettive della funzione cerebrale (ad esempio, potenziali evocati uditivi [AEP], indice bispettrale [BIS], indice Narcotrend [NI], indice stato paziente [PSI] o entropia di stato [SE]) come strumenti aggiuntivi per valutare la sedazione soggettiva nei pazienti adulti in terapia intensiva trattati con agenti di blocco neuromuscolare, dato che per questi pazienti potrebbe non essere possibili valutazioni della sedazione soggettiva (+2B). Clinical Practice Guidelines in adult patients in Intensive Care Unit Am J Health-Syst PharmVol 70 1 gen 2013

62 ©2013 Masimo Corporation Linee guida della SCCM in materia di monitor cerebrali > Raccomandiamo di utilizzare il monitoraggio EEG per monitorare l'attività durante crisi non convulsive nei pazienti adulti in terapia intensiva con crisi note o sospette, ovvero di titolare i farmaci elettrosoppressivi per ottenere una "burst suppression" nei pazienti adulti in terapia intensiva con pressione endocranica elevata (+1A). Clinical Practice Guidelines in adult patients in Intensive Care Unit Am J Health-Syst PharmVol 70 1 gen 2013

63

64 ©2013 Masimo Corporation Prospettive future del monitoraggio EEG

65 ©2013 Masimo Corporation Quali sono le applicazioni attuali e future dei monitor del livello di sedazione? Attuali > Contesti ospedalieri e ambulatoriali che ricorrono all'anestesia generale > Sedazione di pazienti ventilati nelle unità di terapia intensiva Future (in fase di ricerca e sviluppo) > Sedazione cosciente Procedure cardiovascolari (ad es., angiografia, angioplastica) Procedure gastrointestinali (ad es., colonscopia) Procedure interventistiche radiologiche (ad es., angiogramma)

66 ©2013 Masimo Corporation Grazie


Scaricare ppt "©2013 Masimo Corporation SedLine ® Monitoraggio della funzionalita' cerebrale."

Presentazioni simili


Annunci Google