La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caratterizzare in modo umano le ristrutturazioni e le nuove forme organizzative. Paul M. Zulehner FTTR Padova 15.04.2008 Comunità in trasformazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caratterizzare in modo umano le ristrutturazioni e le nuove forme organizzative. Paul M. Zulehner FTTR Padova 15.04.2008 Comunità in trasformazione."— Transcript della presentazione:

1 Caratterizzare in modo umano le ristrutturazioni e le nuove forme organizzative. Paul M. Zulehner FTTR Padova Comunità in trasformazione.

2 2 Life-Cycle of a Congregation (S.M.Saarinen) Infanzia Giovinezza Età adulta Nascita Morte Maturità Burocrazia V... vC.. vcP. vcpA.cpa...a.... V= Visione C= Comunità P= Programma A= Amministrazione..pa Epoca dei giubilei... Svolta.. Strut-tura Visione Aristocrazia

3 Per quale ragione Dio costituisce delle comunità

4 Imparare a stimare reciprocamente e in profondità la ricchezza delle nostre piccole S. Scritture La mia piccola S.Scrittura A La tua piccola S.Scrittura B La loro piccola S.Scrittura C Fondamenta per la nostra S. Scrittura Da verificare in base alla grande S.Scrittura Elementi comuni Differenze Conoscerla raccontarsene a vicenda Rafforzamento Arricchimento Critica  Meta: Percorso per una visione condivisa di comunità

5 Visione Scene antiche (vd. immagine) di vita comunitaria: Ultima Cena e lavanda dei piedi diventare Corpo di Cristo offerto per il mondo La comunità si costituisce direttamente a partire dalla consacrazione eucaristica (epiclesi dello Spirito). Chi si immerge in Dio, compare vicino ai poveri. E viceversa (Mt. 25) Essere pieni di Dio è ciò che ci rende conformi a Dio tra gli uomini. Ciò forma la nostra spiritualità (sec. Es 3,7-10). Ultima Cena e lavanda dei piedi: Libro delle pericopi dellimperatore Enrico II, ca. 1007, München Bayerische Staatsbibliothek

6 secondo Es 3, spiritualità della solidarietà (mistica e politica amore di Dio e del prossimo) degli occhi aperti: osservare, anziché girare lo sguardo dellintelletto vigile: analizzare del cuore sensibile: compassione delle mani impegnate: optare

7 Come Dio costruisce la sua comunità Servizi e ministeri nel popolo di Dio

8 laos Dio costituisce delle comunità aggiungendo (At 2,47) al popolo di Dio e incorporando nel Corpo di Cristo Battesimo ed Eucaristia Sorelle e fratelli famigliari di Dio (Koinonia, communio, comunità) Chiamati e dotati di doni Accettazione della vocazione da parte degli adulti (Adsum, corso basilare). Nella comunità non vi è alcuno che non sia chiamato. 1 Cor 12,7: A ciascuno è data la rivelazione dello Spirito, per lutilità comune. Non vi è alcuno che sia privo di doni nella comunità. Tutti agiscono in maniera comunitario/ecclesiale e sostengono la vita della comunità (mediante la collaborazione o lo svolgimento di certi servizi) Manifestazioni di vita di ogni comunità le veçu: vita quotidiana, vivere con e per gli altri le raconté: raccontare le gesta di Dio (piccole sacre Scritture), fare propria la grande Sacra Scrittura e raccontarla a propria volta (ai bambini, nelle situazioni) le célébré: preghiera, liturgia, eucaristia come fonte e culmine

9 Gli ordinati Mentre tutti agiscono in senso ecclesiale/comunitario, chi riveste un ufficio (gli ordinati) agisce in nome della Chiesa Per assolvere la propria missione la Chiesa necessita di persone che siano responsabili ufficialmente e stabilmente di rimandare alla fondamentale dipendenza da Gesù Cristo ed in tal modo di provvedere allunità, entro la pluralità dei carismi. Tale ufficio è costitutivo per la vita e la testimonianza della Chiesa. Esso viene trasmesso già a partire dai tempi antichi in tutte le Chiese cristiane mediante lordinazione. Commissione Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese, Dichiarazione di convergenza su Battesimo, Eucaristia e Ministero (Documento di Lima), qui: Ministero, art. 8.

10 Garantire la fedeltà alle tracce Compito principale del vescovo e del suo presbiterio: Unità diacronica e sincronica: Che la comunità ad essi affidata rimanga nella traccia del Vangelo e in comunione con le comunità del Vangelo. Compito del prete: Fondare e guidare comunità Ordinamento dei servizi pastorali della Rep. Federale di Germania 1977.

11 Strutture pastorali adeguate ai tempi

12 Storia delle strutture Popolazioni relativamente stabili la parrocchia come unità di base (5000 abitanti come visione ideale. Il parroco deve conoscere i parrocchiani. Esclusione dalla parrocchia) continue integrazioni da parte di comunità personali o categoriali in tempi di carenza di parroci Sempre più parrocchie nelle mani di un solo parroco Ciò ingrandisce lo spazio e le forme di collaborazione (unione di parrocchie, unità pastorali, zone pastorali) E richiesto un diverso modo di porre la questione Anziché: come posso adattare le dimensioni dello spazio al Numero dei preti? piuttosto: quale spazio richiede un certo processo pastorale?

13 A livello locale e regionale Locale: tutto ciò che è biograficamente vicino – vicino ai circoli stabili della vita (famiglia, bambini, anziani,malati…) qui molta attività di volontariato compreso il volontariato dei preti (cfr. Ratzinger/Lobinger) regionale: quanto è specifico del contesto; dove lunità locale ha troppo pochi carismi e partecipanti Esempi: lattività formativa lattività con i media la presenza nella società comunale la Chiesa dei giovani i luoghi dello spirito (Ordini, luoghi di pellegrinaggio…) progetti missionari moderni: una Chiesa che non cresce, muore. Qui operano specialisti (sensibili al contesto, che hanno una buona preparazione nel settore, teologhe e teologi, tra cui anche alcuni ordinati) ed anche (finanziati dal progetto) teologhe e teologi laici, preti (formati a livello accademico, celibi e col carisma di fondazione)

14 E quando mancano i preti?

15 Soluzioni discutibili Spazi sempre più grandi Perdita della cura danime nellimpegno dei preti (allontanamento dalla gente, la cura danime passa ai laici) importante: il problema non è costituito dagli spazi pastorali sempre più grandi; ci si deve invece chiedere, quale spazio richieda uno specifico processo pastorale (lavoro di formazione, diaconia, giovani….: qui gli spazi più ampi vanno bene) Compiti presbiterali passano ai laici nelle Chiese ricche: preti laici non ordinati tra i diaconi: leviti (diaconi in uno standby presbiterale) In tali casi non mancano i preti ma lordinazione pericolo: allora conta solo la funzione La consacrazione perde il proprio senso (funzionalizzazione)

16 Il lapidario consiglio di Tertulliano Cartagine intorno al 205 Nel 205 Tertulliano divenne un rigido montanista Domanda: perché i laici possono sposarsi dopo la morte del partner e i preti invece no? Lo scopo di Tertulliano: anche i laici non dovrebbero risposarsi, in quanto anche loro sono sacerdotali motivazione >>>

17 Tertulliano: De exhortatione castitatis « Nonne et laici sacerdotes sumus? scriptum est: regnum quoque nos et sacerdotes deo et patri suo fecit. differentiam inter ordinem et plebem constituit ecclesiae auctoritas et honor per ordinis consessum sanctificatus a deo. ubi ecclesiastici ordinis non est consessus, et offers et tinguis et sacerdos es tibi solus; scilicet ubi tres, ecclesia est, licet laici. » Forse che noi laici non siamo a nostra volta sacerdoti? Sta scritto: Ha fatto di noi dei re e sacerdoti per il nostro Dio, Padre suo. La differenza tra lo stato presbiterale e quello laicale lha stabilita lautorità della Chiesa e lonore dellordine concesso da Dio. Dove non esiste un consesso clericale, sei tu ad offrire il santo sacrificio e ad amministrare il battesimo e sei sacerdote per te stesso; infatti vi è la chiesa dove sono radunati almeno in tre, anche se sono laici.

18 Joseph Ratzinger 1970 Essa [la Chiesa nellanno 2000] conoscerà di sicuro nuove forme di ministero e ordinerà preti dei laici provati che esercitano una professione; in molte piccole comunità e in gruppi sociali coerenti la pastorale ordinaria verrà svolta in tale maniera. Accanto a ciò continuerà ad essere irrinunciabile il prete che esercita tale ministero a tempo pieno. Ratzinger, Josef: Glaube und Zukunft, München 1970, 122f.

19 Lobinger/Zulehner/Neuner Team of Elders La comunità è viva, ha sviluppato servizi per la vita quotidiana In tali comunità locali opereranno in futuro soprattutto dei volontari ben preparati ed accompagnati (compresi i preti). La vita di fede ha la priorità rispetto al lavoro pastorale. Occorre una diaconia di base (a bassa organizzazione). Vi sono progetti pastorali particolari, solo nella misura in cui vi siano anche risorse di persone e di tempo: e saranno solo pochi. Ciò conferisce alle singole comunità un loro profilo specifico. Preti ordinati a livello locale Tre persone esperte della comunità vengono scelte, preparate bene ed ordinate, Esse vengono accompagnate mediante la supervisione da parte di un prete (che svolge il ministero a tempo pieno, è ben preparato e vive nel celibato) che è responsabile per diversi team. Alcune diocesi inoltrano a Roma la richiesta di permessi speciali

20 Competenze Guidare (le comunità locali, le associazioni di comunità) Guida in base a visioni, colloqui con i collaboratori, gestione dei conflitti Abilitare al lavoro per progetti (nella diaconia, nellannuncio, nella liturgia) Ars celebrandi Rendere esperibile la presenza di Dio ars praedicandi Nel linguaggio e secondo la mentalità dei nostri contemporanei Promozione dei volontari./.

21 un chiaro inizio Una chiara fine chiari compiti circoscrive Finanze coinvolte Supporti Colloqui EA Valutare/alleviare Stile adeguato di prestazioni nelle professioni pastorali e sociali Formazione a aggiornamento Approfondimento spirituale riconoscimento Identificazione mediante partecipazione Apprendere in team elearning / blended learning – Incarico alle facoltà Seminari pastorali (Salisburgo, Augsburg…) Esperti con competenza riconoscimento attestazione della qualificazione Garanzia Io stesso sono responsabile di fronte a Dio circa i carismi da … scoprire sviluppare esprimere Rimborso delle uscite finanziarie le uscite non rimborsate, detraibili fiscalmente Assicurazione contro gli infortuni e obbligatoria Possibilità di proseguire la formazione Attività orientate al bene comune nella previdenza anziani Considerazione di stato e fase di vita (famiglia, matrimonio) Promozione dei socialmente deboli Anche persone estranee alla vita ecclesiale I giovani arrivano alla fede mediante lazione Non stabilire aspetti secondo i generi (Auto-) qualificazione Accordi che superino Anche i cambiamenti Cultura del collaboratore volontario laico Competenze: specifiche sociali spirituali Imparare a conoscere Il Signore (1 Sam 3,7)

22 ! Da leggere: Zulehner, Paul M.: Liebe und Gerechtigkeit. Zur Antrittsenzyklika von Benedikt XVI., Wien (mit J. Brandner) Gott ist größer als unser Herz. Eine Pastoral des Erbarmens, Ostfildern GottesSehnsucht. Spirituelle Suche in säkularer Kultur, Werden was ich bin. Ein spirituelles Lesebuch. Zusammengestellt von Paul M. Zulehner, 2008


Scaricare ppt "Caratterizzare in modo umano le ristrutturazioni e le nuove forme organizzative. Paul M. Zulehner FTTR Padova 15.04.2008 Comunità in trasformazione."

Presentazioni simili


Annunci Google