La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marco Gazzotti Marco Gazzotti STUDIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE E DELLA RETE FOGNARIA DEL COMUNE DI TOANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marco Gazzotti Marco Gazzotti STUDIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE E DELLA RETE FOGNARIA DEL COMUNE DI TOANO."— Transcript della presentazione:

1 Marco Gazzotti Marco Gazzotti STUDIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE E DELLA RETE FOGNARIA DEL COMUNE DI TOANO

2 Caratteristiche generali sistema fognario Le persone che usufruiscono della fognatura pubblica sono 3500 su 4400 La totalità delle fognature sono miste Lo sviluppo della rete fognaria è di 74 Km Il numero di fognature esistenti è 40

3 Analisi rete fognaria depurata Sono in funzione da molti anni 4 depuratori di 2 ° livello a Biodischi che servono i 4 centri principali Esistono anche 6 impianti di 1 ° livello ( Fosse Imhoff) che servono le frazioni secondarie Esiste poi un nuovo depuratore, a ossigenazione totale, entrato in funzione lo scorso anno a Toano Capoluogo su cui non si hanno ancora dati a disposizione

4 Analisi della rete non depurata Sono 38 le fognature pubbliche non depurate nel comune di Toano Tutte queste però rientrano nei limiti di legge e sono al di sotto dei 30 abitanti equivalenti I corpi idrici ricettori di tutte le fognature sono 3 : -Fiume Secchia; - Torrente Dolo; - Torrente Secchiello

5 Funzionamento Fosse Imhoff Sono costituite da Una vasca principale per la digestione anaerobica Una vasca secondaria per la sedimentazione Si usano per nuclei abitativi che hanno meno di 50 abitanti equivalenti

6 Fosse Imhoff nel comune di Toano Impianti di primo livello del comune di Toano LuogoMassa di ToanoCorneto-CavidaleCase SabbatiniLa PianellaCase CasalottiCerredolo Tipo ImpiantoFossa Imhoff Pot. di progetto85 (A.e)15 (A.e) 20(A.e)15(A.e)n.p Abitanti Residenti Abitanti Fluttuanti Data Inizio esercizio31/01/200801/11/200831/01/200801/11/200831/01/ Bacino IdrograficoFiume Secchia Torrente DoloFiume Secchia

7 Funzionamento depuratori a Biodischi Effettua operazioni di biodegradazione naturale del BOD Esegue trattamenti di nitrificazione e denitrificazione delle acque Dischi immersi per il 40% nel refluo da depurare Sui dischi si forma flora batterica che preleva sostanza organica dal liquame da depurare, e poi si ossigena girando

8 Particolarità depuratori a Biodischi Vantaggi: Elasticità per punte di sovraccarico organico e idraulico Non necessita di ricircolo fanghi Controlli di processo limitati, poco romore Svantaggi: Costi elevati e elevati rischi di ostruzione Il pretrattamento deve essere efficace Rese generalmente minori rispetto alla tecnica a fanghi attivi

9 Depuratore a Biodischi di Quara Caratteristiche refluo in uscita ValoreValori limiteUnità di Misura BOD19.750mg/l COD mg/l

10 Depuratore a Biodischi di Toano Caratteristiche refluo in uscita ValoreValori limiteUnità di Misura BOD14.850mg/l COD mg/l

11 Depuratore a Biodischi di Cavola Caratteristiche refluo in uscita ValoreValori limiteUnità di Misura BOD49.850mg/l COD mg/l

12 Depuratore a Biodischi di Cavola Il depuratore di Cavola nei momenti di maggior carico, và in sofferenza Prevista la realizzazione di un nuovo depuratore che elimini questo problema

13 Depuratore a Biodischi di Cerredolo Caratteristiche refluo in uscita ValoreValori limiteUnità di Misura BOD16.250mg/l COD mg/l

14 Impianti di trattamento a ossidazione totale Impianto compatto utilizzato per qualsiasi tipo di scarico basta che abbia liquame biodegradabile Funziona principalmente attraverso due fasi, una di ossidazione e una di decantazione La fase di ossidazione è realizzata attraverso una o più soffianti capaci di metabolizzare le sostanze organiche La fase di decantazione avviene in una vasca e separa i fanghi dalle acque depurate

15 Impianti di trattamento a ossidazione totale Sono impianti di ultima generazione che hanno caratteristiche di abbattimento degli inquinanti migliori rispetto ai depuratori a Biodischi

16 Impianto di depurazione a ossidazione totale realizzato a Toano capoluogo Impianto che ha permesso una completa depurazione del centro abitato di Toano Impianto con portata di 800 abitanti equivalenti, che può sopportare anche una futura espansione del paese La sua installazione risale ad un anno fa, per questo non vi sono dati sufficienti per analizzare il suo funzionamento

17 Fenomeno del sollevamento della vasca Durante le prove per lentrata lesercizio del depuratore si è verificato il sollevamento di una delle quattro vasche Questo perché nel periodo in questione si sono verificate piogge molto abbondanti che hanno fatto innalzare il livello della falda Per il principio di Archimede, lunica vasca che non era stata riempita (la più leggera) si è sollevata

18 Conclusioni Si può concludere che quasi l 80 % della popolazione è servita dalla rete fognaria pubblica Il 50 % degli scarichi pubblici, vengono anche depurati La situazione di Toano capoluogo con il nuovo depuratore, si è risolta completamente La situazione più critica del comune è quella del depuratore di Cavola, dove però è già stata prevista la costruzione di un nuovo depuratore


Scaricare ppt "Marco Gazzotti Marco Gazzotti STUDIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE E DELLA RETE FOGNARIA DEL COMUNE DI TOANO."

Presentazioni simili


Annunci Google