La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Reference Systems Progetto ISO/IDF e ICAR Orlandini Silvia- Harrie van den Bijgaart 10° Meeting AIA-LSL Montegrotto Terme (PD) Associazione Italiana Allevatori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Reference Systems Progetto ISO/IDF e ICAR Orlandini Silvia- Harrie van den Bijgaart 10° Meeting AIA-LSL Montegrotto Terme (PD) Associazione Italiana Allevatori."— Transcript della presentazione:

1 Reference Systems Progetto ISO/IDF e ICAR Orlandini Silvia- Harrie van den Bijgaart 10° Meeting AIA-LSL Montegrotto Terme (PD) Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte

2 Progetto IDF/ICAR Membri del gruppo di lavoro (2009) Dave Barbano, Cornell University (US) Christian Baumgartner, Milchprüfring Bayern (DE) Thomas Berger, Agroscope Liebefeld-Posieux (CH) Harrie van den Bijgaart, Qlip (NL) Ute Braun, MUVA (DE) Paul Jamieson, SAITL (NZ) Olivier Leray, Actilait (FR) Bertrand Lombard, AFSSA/CRL MMP (FR) Chrysanti Matara, Greek Dairy Organization (GR) Véronique Ninane, CRA-W (BE) Silvia Orlandini, AIA Laboratorio Standard Latte (IT) Anne Pécou, CNIEL (FR) Peristeri Popi, Greek Dairy Organization (GR) Andrea Rosati, ICAR Secretariat (IT) Reference System 10° Meeting AIA-LSL

3 Nellera della globalizzazione con i numerosi scambi commerciali i risultati analitici dovrebbero essere comparabili ed EQUIVALENTI –Tra i differenti continenti –per un periodo esteso –tra metodi differenti Standardizzazione Analitica equivalenza….. ovunque – sempre – comunque Reference System 10° Meeting AIA-LSL

4 Riferibilità Reference System 10° Meeting AIA-LSL La riferibilità è indispensabile per definire lunità di misura e per una coerente espressione ed uso dei risultati Codex Alimentarius Commission CIPM / BIPM CCQM Codex Comittees (in praticolare CCMAS) Procedure dei metodi di riferimento Laboratori di riferimento Materiale di riferimento per le calibrazioni Schemi di proficiency test Laboratori di routine (ISO accreditati) Methods meeting Codex requirements incl. criteria approach Rete di laboratori di riferiemnto IDF/ISO+CEN ISO|IDF-Standards EN-ISO-Standards Materiali di riferimento certificati Sistemi metrologi Nationali o altri instituti incaricati 25 May 2005 Implementation of Analytical Strategies Scopo complessivo: confrontare, riferire le misure con una propria incertezza di misura fornendo dati accurati al fine di attivare opportune azioni negli scambi commerciali e nel rispetto dei regolamenti e della valutazione dei rischi Schema basato sul modello CIPM/BIPM/ e modificato pr il settore lattiero caseario

5 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Cellule Somatiche nel Latte Metodo di riferimento Fossomatic Somacount Somascope Nucleocounter DCC Counter Metodi di Routine

6 Reference System 10° Meeting AIA-LSL ISO IDF Determinazione Cellule Somatiche metodo microscopico Metodi di Riferimento Metodi Alternativi ISO /IDF conta CCS con metodo fluorptoelettronico Elevata velocità di analisi Elevata precisione Facile utlizzo Immediato utilizzo dei dati Basso costo di analisi Importantissimi ai fini di un rapido controllo di filiera Non cè una chiara definizione di ciò che si deve analizzare Deriva da un metodo storico Il metodo di riferimento è noioso scomodo e con una bassa precisione Costoso

7 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Calibrazione Metodo di riferimento Metodo di Routine Materiale di riferimento Valore di riferimento La soluzione non può essere raggiunta semplicemente e chiaramente utilizzando il metodo di riferimento e/o il materiale di riferimento U del MR Approccio tradizionale Se applicato in un solo laboratorio può non essere attendibile SENSO UNICO

8 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Proposta di un NUOVO approccio Calibrazione Metodo di Routine Materiale di riferimento Valore di riferimento U del MR ….ma non basta !

9 Reference System 10° Meeting AIA-LSL E un sistema ben ancorato e dovrà essere alimentato da differenti tipi di informazioni : Risultati dei metodi di riferimento Risultati dei metodi di routine Risultati dei Proficiency testing Riferibilità e competenza sono i pre-requisiti Riconoscimento ed adozione del modello da parte di organismi ed autorità competenti

10 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Perchè le Cellule Somatiche (CCS) come primo esempio ? Le CCS è uno dei parametri più frequentemente analizzati al mondo (~ tests/anno) Le CCS – sono un indicatore dello stato sanitario della mammella – è importante nella legislazione degli alimenti, nel pagamento latte in base alla qualità ed inoltre è un dato utilizzato nella gestione aziendale e nel miglioramento genetico = Importante rilevanza economica !

11 Reference System 10° Meeting AIA-LSL CCS come problema tipico Analita Target degli attuali metodi di routine non è comunemente accettato come base per la certificazione del materiale di riferimento; Assenza di Golden Standard CRM caratterizzati in più di cinque laboratori che applicano il metodo di riferimento

12 Reference System 10° Meeting AIA-LSL ISO 13366|IDF 148, parte 1 vs. parte 2 SCC in '000/ml Medias r sRrR Riferimento Routine Precisione del met. di riferiemnto contro il met. di routine

13 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Precisione del met. di riferimento verso il met. di routine Metodo di riferimento Metodo di routine

14 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Pietre Miliari per il Reference System Standards: ISO 13366|IDF 148 parti 1-2 (2008) Disponibilità di cooperazione in una rete di laboratori Cooperazione tra i produttorii di Materiali di riferimento Uniformare gli schemi di Proficiency test Programmi di formazione

15 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Per ulteriori approfondimenti………….

16 Reference System 10° Meeting AIA-LSL...per completare il tradizionale modo di calibrare i sistemi di routine e per salvaguardare la validità dei risultati analitici....per creare un generale consenso e riconoscimento. Il Reference Systems favorirà la reciproca fiducia dei risultati analitici da parte di tutti gli attori della filiera Le cellule somatiche sono un eccellente parametro per esplorare la fattibilità su scala globale di come possa essere applicabile un simile modello, in tal modo si potrebbe estendere il modello ad altri parametri E necessario costruire un Reference System………….

17 Criteri per i Materiali di Riferimento Range (vacca,capra,pecora) Rappresentatività(matrice, materiale cellulare, conservanti) Valore assegnato adeguatamente Omogeneità Stabilità durante il trasporto, stoccaggio e pre- trattamenti Validità deve essere finalizzata allo scopo Si devono selezionere ed ottimizzare RM Reference System 10° Meeting AIA-LSL

18 Competenza dei laboratori Reference System 10° Meeting AIA-LSL Applicazione dellassicurazione qualità Partecipazione e risultati nei proficiency testing Creazione di un database nel quale vengo elencati i risultati e le performance dei laboratori si deve sviluppare un sistema di punteggio

19 Modello di calcolo Reference System 10° Meeting AIA-LSL Il percorso per arrivare al valore assegnato prevede: Risultati del metodo di riferiemnto Risultati del metodo di routine Elaborazione dei dati applicando in modo correttamente soppesato i risultati dei laboratori competenti modello di calcolo deve essere sviluppato

20 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Disponibilità di materiali di riferimento – Contattare i produttori di MR – Questionario sullapplicabilità dei MR Database dei laboratori (incl. un sistema di punteggio) Proposta di modello di calcolo Prossime azioni (1)

21 Reference System 10° Meeting AIA-LSL Pianificazione di comunicazione del progetto – Orientato verso il settore analitico (labs, produttori RM) – Altri ambiti del settore (org.benessere animale, autorità) Focalizzare lattenzione – Sistema di corsi di formazione ed aggiornamento – Coordinamento (posizione, competenza, compiti) – Supporto economico Prossime azioni (2)

22 Articoli, (web) presentazioni, newsletter, workshop Piano di lavoro Lab database + competenza e sist. punteggio Modello di calcolo Valutazione Pilota Pianificazione della Comunicazione Materiali di riferimento Progettare il test Concetti Base Organizzazione in termini di finanze Proposta Finale

23 Criteri per la competenza dei labs partecipanti Criteri per la competenza dei labs partecipanti Elaborazione Dati Valore Assegnato REF. MAT. COORDINATORE Tranf.Cal con SRMs LABs Locale ROUTINE LAB XX 1ROUTINE LAB XX 2ROUTINE LAB YY 1ROUTINE LAB YY 2ROUTINE LAB KK 1ROUTINE LAB KK 2ROUTINE LAB HH 1ROUTINE LAB HH 2 LABs Locale LABs Local Tranf Cal con SRMsTranf. Cal con SRMsTranf Cal con SRMs LAB A LAB B LAB C RESULT A RESULT B RESULT C REF. METHOD RESULT A RESULT B RESULT C ROUTINE METHOD LAB A LAB B LAB C Proposta di un NUOVO approccio LAB NAZIONALE XXLAB NAZIONALE YYLAB NAZIONALE KKLAB NAZIONALE HH BOTTOM UP

24 Stesso sforzo di Sisifo….forse…......almeno con la medesima ambizione !


Scaricare ppt "Reference Systems Progetto ISO/IDF e ICAR Orlandini Silvia- Harrie van den Bijgaart 10° Meeting AIA-LSL Montegrotto Terme (PD) Associazione Italiana Allevatori."

Presentazioni simili


Annunci Google