La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I.C. PIANO DI SORRENTO CIG DURC PEC CUP SLAM...BOING!!!!!! Nuovi controlli e nuove procedure di acquisto. Vincenzo De Prisco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I.C. PIANO DI SORRENTO CIG DURC PEC CUP SLAM...BOING!!!!!! Nuovi controlli e nuove procedure di acquisto. Vincenzo De Prisco."— Transcript della presentazione:

1 I.C. PIANO DI SORRENTO CIG DURC PEC CUP SLAM...BOING!!!!!! Nuovi controlli e nuove procedure di acquisto. Vincenzo De Prisco.

2 I NIZIAMO A DISCUTERE DEI LUOGHI COMUNI Procedura aperta Procedura ristretta Impresa in fallimento Prezzo basso Durata dei lavori (di fornitura) Ed il DM 314/92 ? Ed il DUVRI ? Spesso utilizziamo procedure complesse e dimentichiamo di tutelarci

3 ADDIO MIO CARO 44 Art. 32 (Funzioni e poteri del dirigente nella attività negoziale) 1. Il dirigente, quale rappresentante legale dell'istituto, svolge l'attività negoziale necessaria all'attuazione del programma annuale, nel rispetto delle deliberazioni del Consiglio d'istituto assunte ai sensi dell'articolo Il dirigente può delegare lo svolgimento di singole attività negoziali al direttore o ad uno dei collaboratori individuati a norma dell'articolo 25-bis, comma 5, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive modificazioni e integrazioni. Al direttore compete, comunque, l'attività negoziale connessa alle minute spese di cui all'articolo Il dirigente, nello svolgimento dell'attività negoziale, si avvale della attività istruttoria del direttore…

4 Art. 34 (Procedura ordinaria di contrattazione) 1. Per la attività di contrattazione riguardanti acquisti, appalti e forniture il cui valore complessivo ecceda il limite di spesa di EURO 2000 oppure il limite preventivamente fissato dal Consiglio d'istituto, quando non risulti altrimenti disposto dalle norme di cui al capo secondo del presente titolo, il dirigente procede alla scelta del contraente, previa comparazione delle offerte di almeno tre ditte direttamente interpellate. Resta salvo, comunque, quanto previsto dal comma L'invito a presentare un'offerta deve contenere, oltre ai criteri di aggiudicazione, l'esatta indicazione delle prestazioni contrattuali, nonché i termini e le modalità di esecuzione e di pagamento. 3. L'osservanza dell'obbligo di cui al presente articolo è esclusa quando non sia possibile acquisire da altri operatori il medesimo bene sul mercato di riferimento dell'Istituto. 4. E' sempre possibile il ricorso alle procedure di gara disciplinate dalle norme generali di contabilità dello Stato. 5. Le istituzioni scolastiche sono tenute ad osservare le norme dell'Unione Europea in materia di appalti e/o forniture di beni e servizi. 6. Le funzioni di ufficiale rogante, per la stipula degli atti che richiedono la forma pubblica, sono esercitate dal direttore o da funzionario appositamente da lui delegato.

5 Art. 33 (Interventi del Consiglio di istituto nell'attività negoziale) 1. Il Consiglio di istituto delibera in ordine: a) alla accettazione e alla rinuncia di legati, eredità e donazioni; b) alla costituzione o compartecipazione a fondazioni; all'istituzione o compartecipazione a borse di studio; c) all'accensione di mutui e in genere ai contratti di durata pluriennale; d) ai contratti di alienazione, trasferimento, costituzione, modificazione di diritti reali su beni immobili appartenenti alla istituzione scolastica, previa verifica, in caso di alienazione di beni pervenuti per effetto di successioni a causa di morte e donazioni, della mancanza di condizioni ostative o disposizioni modali che ostino alla dismissione del bene; e) all'adesione a reti di scuole e consorzi; f) all'utilizzazione economica delle opere dell'ingegno; g) alla partecipazione della scuola ad iniziative che comportino il coinvolgimento di agenzie, enti, università, soggetti pubblici o privati; h) all'eventuale individuazione del superiore limite di spesa di cui all'articolo 34, comma 1; i) all'acquisto di immobili. 2. Al Consiglio di istituto spettano le deliberazioni relative alla determinazione dei criteri e dei limiti per lo svolgimento, da parte del dirigente, delle seguenti attività negoziali: a) contratti di sponsorizzazione; b) contratti di locazione di immobili; c) utilizzazione di locali, beni o siti informatici, appartenenti alla istituzione scolastica, da parte di soggetti terzi; d) convenzioni relative a prestazioni del personale della scuola e degli alunni per conto terzi; e) alienazione di beni e servizi prodotti nell'esercizio di attività didattiche o programmate a favore di terzi; f) acquisto ed alienazione di titoli di Stato; g) contratti di prestazione d'opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti; h) partecipazione a progetti internazionali. 3. Nei casi specificamente individuati dal comma 1, l'attività negoziale è subordinata alla previa deliberazione del Consiglio di istituto. In tali casi, il dirigente non può inoltre recedere, rinunciare o transigere se non previamente autorizzato dal Consiglio di istituto. In tutti gli altri casi, il dirigente ha il potere di recedere, rinunciare e transigere, qualora lo richieda l'interesse dell'istituzione scolastica.

6 CIG-CUP-DURC Art. 7 DL 187/10 Modifiche alla legge 13 agosto 2010, n. 136, in materia di tracciabilita' dei flussi finanziari 1. Alla legge 13 agosto 2010, n. 136, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all'articolo 3, 1) al comma 1 le parole: «bonifico bancario o postale.» sono sostituite dalle seguenti: «bonifico bancario o postale, ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilita' delle operazioni.»; 2) il comma 2 e' sostituito dal seguente: «2. I pagamenti destinati a dipendenti, consulenti e fornitori di beni e servizi rientranti tra le spese generali nonche' quelli destinati alla provvista di immobilizzazioni tecniche sono eseguiti tramite conto corrente dedicato di cui al comma 1, anche construmenti diversi dal bonifico bancario o postale purche' idonei a garantire la piena tracciabilita' delle operazioni per l'interoimporto dovuto, anche se questo non e' riferibile in via esclusivaalla realizzazione degli interventi di cui al medesimo comma 1.»; 3) al comma 4 le parole: «bonifico bancario o postale.» sono sostituite dalle seguenti: «bonifico bancario o postale, ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilita' delle operazioni.»; 4) il comma 5 e' sostituito dal seguente: «5. Ai fini della tracciabilita' dei flussi finanziari, gli strumenti di pagamento devono riportare, in relazione a ciascuna transazione posta in essere dalla stazione appaltante e dagli altri soggetti di cui al comma 1, il codice identificativo di gara (CIG),attribuito dall'Autorita' di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture su richiesta della stazione appaltante e,ove obbligatorio ai sensi dell'articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, il codice unico di progetto ( CUP).»;

7 – SMART CIG – CARNET CIG - I L NUOVO DURC

8 Attenzione alla balla del DURC di tre mesi!!!!! stipula del contratto, pagamento degli stati di avanzamento dei lavori (c.d. SAL), collaudo e pagamento del saldo finale Per altra tipologia invece

9 I L PROBLEMA DEI CPV Quanto dobbiamo essere analitici con le nuova procedura? LA CANCELLERIA PER FARE UN ESEMPIO...

10 ... BENVENUTO Art Disciplina comune applicabile ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, di importo inferiore alla soglia comunitaria. 1. Ai contratti pubblici aventi per oggetto lavori, servizi, forniture, di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, si applicano oltre alle disposizioni della parte I, della parte IV e della parte V, anche le disposizioni della parte II, in quanto non derogate dalle norme del presente titolo.parte Iparte IVparte V parte II 2. Ai fini dell'applicazione del comma 3 dell'articolo 29 (metodi di calcolo del valore stimato dei contratti pubblici), per le procedure previo bando si ha riguardo alla data di pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.comma 3 dell'articolo 29

11 Art Appalti di servizi e forniture sotto soglia (d.P.R. n. 573/1994) 1. Ai contratti di servizi e forniture sotto soglia non si applicano le norme del presente codice che prevedono obblighi di pubblicità e di comunicazione in ambito sovranazionale. 2. L'avviso di preinformazione di cui all'articolo 63 è facoltativo ed è pubblicato sul profilo di committente, ove istituito, e sui siti informatici di cui all'articolo 66, comma 7, con le modalità ivi previste.articolo 63articolo 66, comma 7 3. Le stazioni appaltanti pubblicano l'avviso sui risultati della procedura di affidamento sui siti informatici di cui all 'articolo 66, comma 7. (comma così sostituito dall'articolo 1, comma 1, lettera o), d.lgs. n. 113 del 2007)articolo 66, comma 7 4. I bandi e gli inviti non contengono le indicazioni che attengono ad obblighi di pubblicità e di comunicazione in ambito sopranazionale. 5. I bandi sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - serie speciale - contratti pubblici, sui siti informatici di cui all'articolo 66, comma 7, con le modalità ivi previste, e nell'albo della stazione appaltante. Gli effetti giuridici connessi alla pubblicità decorrono dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. Si applica, comunque, quanto previsto dall'articolo 66, comma 15 nonché comma 7, terzo periodo. (comma così modificato dall'articolo 2 del d.lgs. n. 6 del 2007; per la cessazione degli obblighi delle pubblicazioni cartacee si veda l'articolo 32 della legge n. 69 del 2009)articolo 66, comma 7articolo 66, comma 15articolo 32 della legge n. 69 del Ai termini di ricezione delle domande di partecipazione e delle offerte, e di comunicazione dei capitolati e documenti complementari, si applicano gli articoli 70, comma 1 e comma 10, in tema di regole generali sulla fissazione dei termini e sul prolungamento dei termini, nonché gli articoli 71 e 72, e inoltre le seguenti regole: a) nelle procedure aperte, il termine per la ricezione delle offerte, decorrente dalla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana non può essere inferiore a quindici giorni; b) nelle procedure ristrette, nelle procedure negoziate previa pubblicazione di un bando di gara, e nel dialogo competitivo, il termine per la ricezione delle domande di partecipazione, avente la decorrenza di cui alla lettera a), non può essere inferiore a sette giorni;

12 c) nelle procedure ristrette, il termine per la ricezione delle offerte, decorrente dalla data di invio dell'invito, non può essere inferiore a dieci giorni; d) nelle procedure negoziate, con o senza bando, e nel dialogo competitivo, il termine per la ricezione delle offerte viene stabilito dalle stazioni appaltanti nel rispetto del comma 1 dell'articolo 70 e, ove non vi siano specifiche ragioni di urgenza, non può essere inferiore a dieci giorni dalla data di invio dell'invito; e) nelle procedure aperte, nelle procedure negoziate previo bando e nel dialogo competitivo, quando del contratto è stata data notizia con l'avviso di preinformazione, il termine di ricezione delle offerte può essere ridotto a dieci giorni e comunque mai a meno di sette giorni, decorrenti, nelle procedure aperte, dalla pubblicazione del bando, e per le altre procedure, dalla spedizione della lettera invito; f) nelle procedure ristrette e nelle procedure negoziate con pubblicazione di un bando di gara, quando l'urgenza rende impossibile rispettare i termini minimi previsti dal presente articolo, le stazioni appaltanti, purché indichino nel bando di gara le ragioni dell'urgenza, possono stabilire un termine per la ricezione delle domande di partecipazione, non inferiore a dieci giorni dalla data di pubblicazione del bando di gara nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana; e, nelle procedure ristrette, un termine per la ricezione delle offerte non inferiore a cinque giorni.comma 1 dell'articolo Il regolamento disciplina, secondo criteri di semplificazione rispetto alle norme dettate dal presente codice, i requisiti di idoneità morale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria che devono essere posseduti dagli operatori economici. 8. Per servizi e forniture dimporto inferiore o pari a euro, quando il criterio di aggiudicazione è quello del prezzo più basso, la stazione appaltante può prevedere nel bando l'esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi dell'articolo 86; in tal caso non si applica l'articolo 87, comma 1. Comunque la facoltà di esclusione automatica non è esercitabile quando il numero delle offerte ammesse è inferiore a dieci; in tal caso si applica l'articolo 86, comma 3. (comma così modificato dall'art. 1, comma 1, lettera cc), d.lgs. n. 152 del 2008, poi dall'articolo 4-quater, comma 1, lettera f), legge n. 102 del 2009)articolo 86articolo 87, comma 1

13 Art Lavori, servizi e forniture in economia (art. 24, legge n. 109/1994; art. 88, e artt. 142 ss., d.P.R. n. 554/1999; d.P.R. n. 384/2001) 1. Le acquisizioni in economia di beni, servizi, lavori, possono essere effettuate: a) mediante amministrazione diretta; b) mediante procedura di cottimo fiduciario. 2. Per ogni acquisizione in economia le stazioni appaltanti operano attraverso un responsabile del procedimento ai sensi dell'articolo 10.articolo Nell'amministrazione diretta le acquisizioni sono effettuate con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio delle stazioni appaltanti, o eventualmente assunto per l'occasione, sotto la direzione del responsabile del procedimento. 4. Il cottimo fiduciario è una procedura negoziata in cui le acquisizioni avvengono mediante affidamento a terzi. 5. I lavori in economia sono ammessi per importi non superiori a I lavori assunti in amministrazione diretta non possono comportare una spesa complessiva superiore a euro. 6. I lavori eseguibili in economia sono individuati da ciascuna stazione appaltante, con riguardo alle proprie specifiche competenze e nell'ambito delle seguenti categorie generali: a) manutenzione o riparazione di opere od impianti quando l'esigenza è rapportata ad eventi imprevedibili e non sia possibile realizzarle con le forme e le procedure previste agli articoli 55, 121, 122; b) manutenzione di opere o di impianti; (lettera così modificata dall'art. 2, comma 1, lettera dd), d.lgs. n. 152 del 2008) c) interventi non programmabili in materia di sicurezza; d) lavori che non possono essere differiti, dopo l'infruttuoso esperimento delle procedure di gara; e) lavori necessari per la compilazione di progetti; f) completamento di opere o impianti a seguito della risoluzione del contratto o in danno dell'appaltatore inadempiente, quando vi è necessità e urgenza di completare i lavori.articoli

14 7. I fondi necessari per la realizzazione di lavori in economia possono essere anticipati dalla stazione appaltante con mandati intestati al responsabile del procedimento, con obbligo di rendiconto finale. Il programma annuale dei lavori è corredato dell'elenco dei lavori da eseguire in economia per i quali è possibile formulare una previsione, ancorché sommaria. 8. Per lavori di importo pari superiore a euro e fino a euro, l'affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante. Per lavori di importo inferiore a quarantamila euro è consentito l'affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento. 9. Le forniture e i servizi in economia sono ammessi per importi inferiori a per le amministrazioni aggiudicatrici di cui all'articolo 28, comma 1, lettera a), e per importi inferiori a euro per le stazioni appaltanti di cui all'articolo 28, comma 1, lettera b). Tali soglie sono adeguate in relazione alle modifiche delle soglie previste dall'articolo 28, con lo stesso meccanismo di adeguamento previsto dall'articolo 248.articolo 28, comma 1, lettera a)articolo 28, comma 1, lettera b)articolo L'acquisizione in economia di beni e servizi è ammessa in relazione all'oggetto e ai limiti di importo delle singole voci di spesa, preventivamente individuate con provvedimento di ciascuna stazione appaltante, con riguardo alle proprie specifiche esigenze. Il ricorso all'acquisizione in economia è altresì consentito nelle seguenti ipotesi: a) risoluzione di un precedente rapporto contrattuale, o in danno del contraente inadempiente, quando ciò sia ritenuto necessario o conveniente per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto; b) necessità di completare le prestazioni di un contratto in corso, ivi non previste, se non sia possibile imporne l'esecuzione nell'ambito del contratto medesimo; c) prestazioni periodiche di servizi, forniture, a seguito della scadenza dei relativi contratti, nelle more dello svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente, nella misura strettamente necessaria; d) urgenza, determinata da eventi oggettivamente imprevedibili, al fine di scongiurare situazioni di pericolo per persone, animali o cose, ovvero per l'igiene e salute pubblica, ovvero per il patrimonio storico, artistico, culturale. 11. Per servizi o forniture di importo pari o superiore a ventimila euro e fino alle soglie di cui al comma 9, l'affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante. Per servizi o forniture inferiori a ventimila euro, è consentito l'affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento. 12. L'affidatario di lavori, servizi, forniture in economia deve essere in possesso dei requisiti di idoneità morale, capacità tecnico- professionale ed economico-finanziaria prescritta per prestazioni di pari importo affidate con le procedure ordinarie di scelta del contraente. Agli elenchi di operatori economici tenuti dalle stazioni appaltanti possono essere iscritti i soggetti che ne facciano richiesta, che siano in possesso dei requisiti di cui al periodo precedente. Gli elenchi sono soggetti ad aggiornamento con cadenza almeno annuale. 13. Nessuna prestazione di beni, servizi, lavori, ivi comprese le prestazioni di manutenzione, periodica o non periodica, che non ricade nell'ambito di applicazione del presente articolo, può essere artificiosamente frazionata allo scopo di sottoporla alla disciplina delle acquisizioni in economia. 14. I procedimenti di acquisizione di prestazioni in economia sono disciplinati, nel rispetto del presente articolo, nonché dei principi in tema di procedure di affidamento e di esecuzione del contratto desumibili dal presente codice, dal regolamento.

15 I L RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DIVERSI CONCETTI DI RESPONSABILE Capo II - Responsabile del procedimento Ove non sia già direttamente stabilito per legge o per regolamento, le pubbliche amministrazioni sono tenute a determinare per ciascun tipo di procedimento relativo ad atti di loro competenza l'unità organizzativa responsabile della istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché dell'adozione del provvedimento finale. 2. Le disposizioni adottate ai sensi del comma 1 sono rese pubbliche secondo quanto previsto dai singoli ordinamenti (1/a). Art. 9.- Unità organizzativa responsabile del procedimento. 1. Relativamente agli uffici centrali dell'amministrazione, l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale è la Divisione o l'ufficio competente indicati nella tabella allegata al presente regolamento. 2. Relativamente agli uffici periferici dell'amministrazione (Provveditorati agli studi e Sovrintendenze scolastiche regionali), l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale è l'ufficio periferico stesso, se non risulti articolato in Divisioni o uffici dirigenziali. Qualora detti uffici periferici risultino articolati in Divisioni o uffici dirigenziali, l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale è la Divisione o l'ufficio dirigenziale competente, risultante dai provvedimenti formali di organizzazione. 3. Relativamente agli organi ed enti sottoposti alla vigilanza dell'amministrazione: istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado ivi compresi i convitti nazionali, gli educandati femminili, le accademie di belle arti, l'accademia nazionale di danza, l'accademia nazionale di arte drammatica, i conservatori di musica e gli istituti superiori per le industrie artistiche; istituti regionali di ricerca, sperimentazione e aggiornamento educativi (I.R.R.S.A.E.); Biblioteca di documentazione pedagogica di Firenze (B.D.P.); Centro Europeo dell'educazione di Frascati (C.E.D.E.); Museo della scienza e della tecnica di Milano; distretti scolastici, l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, è l'organo o l'ente stesso. Gli enti e le istituzioni con personalità giuridica adegueranno i propri statuti alle disposizioni della legge n. 241/1990.

16 ... E TRA POCO..SALVE 207 TITOLO II – TUTELA DEI LAVORATORI E REGOLARITA CONTRIBUTIVA Art. 4. Intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza contributiva dellesecutore e del subappaltatore (art. 7, d.m. ll.pp. n. 145/2000) 1. Per i contratti relativi a lavori, servizi e forniture, lesecutore, il subappaltatore e i soggetti titolari di subappalti e cottimi di cui allarticolo 118, comma 8, ultimo periodo, del codice devono osservare le norme e prescrizioni dei contratti collettivi nazionali e di zona stipulati tra le parti sociali firmatarie di contratti collettivi nazionali comparativamente più rappresentative, delle leggi e dei regolamenti sulla tutela, sicurezza, salute, assicurazione assistenza, contribuzione e retribuzione dei lavoratori.articolo 118, comma 8, ultimo periodo, del codice 2. Nelle ipotesi previste dallarticolo 6, commi 3 e 4, in caso di ottenimento da parte del responsabile del procedimento del documento unico di regolarità contributiva che segnali uninadempienza contributiva relativa a uno o più soggetti impiegati nellesecuzione del contratto, il medesimo trattiene dal certificato di pagamento limporto corrispondente allinadempienza. Il pagamento di quanto dovuto per le inadempienze accertate mediante il documento unico di regolarità contributiva è disposto dai soggetti di cui allarticolo 3, comma 1, lettera b), direttamente agli enti previdenziali e assicurativi, compresa, nei lavori, la cassa edile.articolo 6, commi 3 e 4articolo 3, comma 1, lettera b) 3. In ogni caso sullimporto netto progressivo delle prestazioni è operata una ritenuta dello 0,50 per cento; le ritenute possono essere svincolate soltanto in sede di liquidazione finale, dopo l'approvazione da parte della stazione appaltante del certificato di collaudo o di verifica di conformità, previo rilascio del documento unico di regolarità contributiva.

17 Art. 5. Intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza retributiva dellesecutore e del subappaltatore (art. 13, d.m. ll.pp. n. 145/2000) 1. Per i contratti relativi a lavori, servizi e forniture, in caso di ritardo nel pagamento delle retribuzioni dovute al personale dipendente dell'esecutore o del subappaltatore o dei soggetti titolari di subappalti e cottimi di cui allarticolo 118, comma 8, ultimo periodo, del codice, impiegato nellesecuzione del contratto, il responsabile del procedimento invita per iscritto il soggetto inadempiente, ed in ogni caso lesecutore, a provvedervi entro i successivi quindici giorni. Decorso infruttuosamente il suddetto termine e ove non sia stata contestata formalmente e motivatamente la fondatezza della richiesta entro il termine sopra assegnato, i soggetti di cui allarticolo 3, comma 1, lettera b), possono pagare anche in corso dopera direttamente ai lavoratori le retribuzioni arretrate detraendo il relativo importo dalle somme dovute allesecutore del contratto ovvero dalle somme dovute al subappaltatore inadempiente nel caso in cui sia previsto il pagamento diretto ai sensi degli articoli 37, comma 11, ultimo periodo e 118, comma 3, primo periodo, del codice.articolo 118, comma 8, ultimo periodo, del codicearticolo 3, comma 1, lettera b)articoli 37, comma 11, ultimo periodo118, comma 3, primo periodo, del codice 2. I pagamenti, di cui al comma 1, eseguiti dai soggetti di cui allarticolo 3, comma 1, lettera b), sono provati dalle quietanze predisposte a cura del responsabile del procedimento e sottoscritte dagli interessati.articolo 3, comma 1, lettera b) 3. Nel caso di formale contestazione delle richieste di cui al comma 1, il responsabile del procedimento provvede all'inoltro delle richieste e delle contestazioni alla direzione provinciale del lavoro per i necessari accertamenti.

18 --FOCUS-- CAPO II - Acquisizione di servizi e forniture in economia Art Ambito di applicazione delle disposizioni in materia di acquisizione di servizi e forniture in economia 1. Il presente capo disciplina i procedimenti di acquisizione in economia di beni e servizi da parte della stazione appaltante ai sensi degli articoli 5, comma 5, lettera h), e 125, comma 14, del codice. 2. Per tutto quanto non espressamente disciplinato nel presente capo e nellarticolo 125 del codice si applicano, ove compatibili, le disposizioni della parte IV, titoli I, II, III e IV, del presente regolamento.articolo 125 del codice

19 Art Casi di utilizzo delle procedure di acquisto in economia 1. Nel rispetto degli atti di programmazione eventualmente previsti delle amministrazioni aggiudicatrici, le stazioni appaltanti possono fare ricorso alle procedure di acquisto in economia nelle ipotesi tassativamente indicate allarticolo 125 del codice, nonché delle ipotesi specificate in regolamenti o in atti amministrativi generali di attuazione emanati da ciascuna stazione appaltante con riguardo alle proprie specifiche esigenze, ai sensi dellarticolo 125, comma 10, del codice.articolo 125 del codicearticolo 125, comma 10, del codice

20 Art Pubblicità e comunicazioni 1. Le procedure di acquisto in economia di beni e servizi non sono sottoposte agli obblighi di pubblicità e di comunicazione previsti dallarticolo 124 del codice per gli altri appalti di servizi e forniture sotto soglia.articolo 124 del codice 2. Le stazioni appaltanti assicurano comunque che le procedure in economia avvengano nel rispetto del principio della massima trasparenza, contemperando altresì lefficienza dellazione amministrativa con i principi di parità di trattamento, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori economici. 3. Lesito degli affidamenti mediante cottimo fiduciario di cui allarticolo 334 è soggetto ad avviso di postinformazione mediante pubblicazione sul profilo del committente.

21 Art Pubblicità e comunicazioni 1. Le procedure di acquisto in economia di beni e servizi non sono sottoposte agli obblighi di pubblicità e di comunicazione previsti dallarticolo 124 del codice per gli altri appalti di servizi e forniture sotto soglia.articolo 124 del codice 2. Le stazioni appaltanti assicurano comunque che le procedure in economia avvengano nel rispetto del principio della massima trasparenza, contemperando altresì lefficienza dellazione amministrativa con i principi di parità di trattamento, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori economici. 3. Lesito degli affidamenti mediante cottimo fiduciario di cui allarticolo 334 è soggetto ad avviso di postinformazione mediante pubblicazione sul profilo del committente.

22 !!IMPORTANTE!!! Art Svolgimento della procedura di cottimo fiduciario 1. Per laffidamento in economia di importo pari o superiore a euro e fino alle soglie di cui allarticolo 125, comma 9, del codice, la lettera d'invito riporta:articolo 125, comma 9, del codice a) l'oggetto della prestazione, le relative caratteristiche tecniche e il suo importo massimo previsto, con esclusione dell'IVA; b) le garanzie richieste allaffidatario del contratto; c) il termine di presentazione delle offerte; d) il periodo in giorni di validità delle offerte stesse; e) l'indicazione del termine per l'esecuzione della prestazione; f) il criterio di aggiudicazione prescelto; g) gli elementi di valutazione, nel caso si utilizzi il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa; h) l'eventuale clausola che preveda di non procedere allaggiudicazione nel caso di presentazione di ununica offerta valida; i) la misura delle penali, determinata in conformità delle disposizioni del codice e del presente regolamento; l) l'obbligo per lofferente di dichiarare nellofferta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di osservare le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di retribuzione dei lavoratori dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità; m) l'indicazione dei termini di pagamento; n) i requisiti soggettivi richiesti alloperatore economico, e la richiesta allo stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti. 2. Il contratto affidato mediante cottimo fiduciario è stipulato attraverso scrittura privata, che può anche consistere in apposito scambio di lettere con cui la stazione appaltante dispone lordinazione dei beni o dei servizi, che riporta i medesimi contenuti previsti dalla lettera di invito.

23 I TARDATI PAGAMENTI. Il D.Lgs 231/02. Il D.Lgs 231/02 stabilisce il tempo massimo per il pagamento delle PA nel termine di 60 gg. Ogni eventuale violazione o prescrizione unilaterale di tale volontà di legge è nulla. Tuttavia può considerasi qualora il criterio di aggiudicazione sia quello dellofferta economicamente più vantaggiosa un elemento di punteggio qualitativo.

24 ESEMPIO PRATICO DI COTTIMO FIDUCIARIO (valido anche per procedura aperta) Verifica della presenza di convenzioni in CONSIP allindirizzo (devo essere punto ordinante), che si conclude con due possibili operazioni:www.acquistinretepa.it Termino la procedura con una determina di acquisto Dichiaro di aderire / non aderire alla Convenzione CONSIP Redazione del DUVRI ( o motivazione esimente) Adozione determina di indizione con indicazione del criterio di aggiudicazione Richiesta del CODICE identificativo di GARA allAutorità di Vigilanza dei lavori pubblici Invio lettere dinvito Ricezione delle offerte / preventivo Prima seduta pubblica : apertura dei plichi e scarto di quelli difformi (alcuni potrebbero non essere aperti per gravi irregolarità), esame delle dichiarazioni, eventuali esclusioni Richiesta al 10% delle ditte con arrotondamento allunità superiore di comprovare i requisiti dellart. 41 comma 1. Seconda seduta pubblica : esame dei documenti presentati dalle ditte rif. lettera H con conseguente esclusione od ammissione alla gara. I sub a) se scelto il criterio del prezzo più basso già in prima o seconda seduta pubblica è possibile aprire le offerte economiche I sub b) se scelto il criterio dellofferta più vantaggiosa cè lintervento della commissione tecnica L) Richiesta alle prime due ditte classificate di comprovare i requisiti (art. 48 comma 2 ) M) Seduta pubblica per il controllo della richiesta del punto L N) Aggiudicazione definitiva ma inefficace O )Controllo dei requisiti generali dellart 38 D.Lgs 163/06 P) Aggiudicazione efficace Q) Comunicazione alle ditte ai sensi dellart 75 comma 5 lettera a. R) Chiusura del CIG S) Stipula del contratto ed esecuzione

25 Ringrazio il D.S. Il DSGA Tutti Voi Lo staff CA (Lorella, Gilda, Valeria, Botolina, Elisa) Ed il CAPO

26 TEL UFFICIO CELLULARE DOTT. DE PRISCO CELLULARE DOTT.SSA CAROTENUTO


Scaricare ppt "I.C. PIANO DI SORRENTO CIG DURC PEC CUP SLAM...BOING!!!!!! Nuovi controlli e nuove procedure di acquisto. Vincenzo De Prisco."

Presentazioni simili


Annunci Google