La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO I CARE DIDATTICA LABORATORIALE DEL SOGGETTO DISABILE NELLATTIVITA MOTORIA E doveroso da parte mia ringraziare il Preside Prof. Rino Mininno che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO I CARE DIDATTICA LABORATORIALE DEL SOGGETTO DISABILE NELLATTIVITA MOTORIA E doveroso da parte mia ringraziare il Preside Prof. Rino Mininno che."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO I CARE DIDATTICA LABORATORIALE DEL SOGGETTO DISABILE NELLATTIVITA MOTORIA E doveroso da parte mia ringraziare il Preside Prof. Rino Mininno che ha voluto la mia presenza in questo corso che si inserisce in un contesto educativo e rieducativo scolastico. Viviamo una stagione di grandi riforme: sia sotto il profilo amministrativo che scolastico. La scuola italiana sta vivendo un momento di grande CAMBIAMENTO in tutti i suoi settori, si vive nellincertezza e nei continui cambiamenti pedagogico-didattici. La scuola pubblica nel nostro paese nonostante tutto riesce ancora a garantire qualità, inclusività, successo scolastico grazie allimpegno dei docenti. Lintegrazione e linserimento degli alunni disabili nelle scuole comuni è da tempo un fatto culturalmente e normativamente acquisito, è unesperienza consolidata nella pratica educativa, vedi legge Da più trentanni di integrazione costruita faticosamente attraverso limpegno quotidiano di docenti, di dirigenti con sperimentazioni, leggi e continue circolari ci troviamo oggi tra luci ed ombre. Fra molte splendide esperienze e diritti ancora negati ma con una forte volontà di continuare a migliorare la realtà dellintegrazione. Basta con le parole! Basta con le circolari, i decreti ministeriali ed i continui contenziosi. Oggi dobbiamo augurarci che la nuova classe politica si faccia carico della problematica degli alunni disabili, che eviti letichettamento e affidi la responsabilità di un contenuto educativo unicamente ai docenti ed alla scuola. Oggi si richiede maggiore competenza ed una rinnovata progettualità utilizzando varie forme di flessibilità previste dallautonomia scolastica ma non sempre attuate. Credo di non avere nessun titolo superiore a voi nel trovarmi qui a relazionare su questa problematica laboratoriale di attività motoria del disabile. A questa mia relazione ho voluto dare un taglio operativo, offrendo in primis alla parte pratica operativa la preminenza di come affrontare la didattica motoria del ragazzo disabile in un laboratorio di psicomotricità o in palestra. L educazione motoria ha un ruolo fondamentale per la maturazione complessiva del bambino: lesperienza del movimento, lacquisizione del linguaggio motorio e la presa di coscienza delle valenze comunicative, relazionali, espressive ed operative del corpo contribuiscono infatti alla crescita integrale della personalità. Cercherò di analizzare quelle tipologie nosografiche che nella nostra realtà scolastica incontriamo più frequentemente.

2 LA SCUOLA INCLUSIVA E LA SCUOLA PUBBLICA CHE SI IMPEGNA VERSO IL SUCCESSO SCOLASTICO DI TUTTI GLI ALUNNI E LA SCUOLA DELLA NORMALITA DIVENUTA SPECIALE

3 LA SCUOLA INCLUSIVA LE INDICAZIONI DEL CURRICOLO CI RICORDANO CHE LALUNNO DEVE SENTIRSI: RICONOSCIUTO SOSTENUTO VALORIZZATO

4 LA SCUOLA INCLUSIVA ISTITUZIONI INCLUSIVE: PRIORITA AL BILANCIO DI ISTITUTO RIMOZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE O DELLA COMUNICAZIONE PRIORITA AI REALI BISOGNI DELLALUNNO DISABILE NELLASSEGNAZIONE DEL PERSONALE NELLA FORMAZIONE DELLE CLASSI IN UN ORGANICO PIU SNELLO

5 LA SCUOLA INCLUSIVA ISTITUZIONI INCLUSIVE: COMUNITA EDUCANTE E ACCOGLIENTE FARE SCUOLA CON FATTORI TECNICI, PEDAGOGICI, DIDATTICI,PSICOLOGICI CHE RENDONO LA NORMALITA RISPONDENTE AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI DEGLI ALUNNI

6 LA SCUOLA INCLUSIVA CE INTEGRAZIONE – INCLUSIONE SE: IL DOCENTE TITOLARE CREDE NEL SUCCESSO DELLINTEGRAZIONE I DOCENTI LAVORANO IN TEAM IL DIRIGENTE SCOLASTICO COMPRENDE LE PROBLEMATICHE ED I BISOGNI DEGLI ALUNNI DIFFICILI ED OFFRE IL SUO APPOGGIO

7 LA SCUOLA INCLUSIVA CE INTEGRAZIONE – INCLUSIONE SE: LA PROGETTAZIONE CURRICULARE SI INTEGRA CON LINDIVIDUALIZZAZIONE DEI PERCORSI I DOCENTI SONO COMPETENTI NELLAFFRONTARE LE PROBLEMATICHE SPECIALI LA PROGETTAZIONE CURRICULARE SI INTEGRA CON LINDIVIDUALIZZAZIONE DEI PERCORSI

8 LA SCUOLA INCLUSIVA I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI, RIFERITI IN PARTICOLAR MODO ALLA MOTRICITA, DEVONO FAR RIFERIMENTO AL MODELLO ANTROPOLOGICO DELLI.C.F. (2002)

9 LA SCUOLA INCLUSIVA OCCORRE TENER PRESENTE: SITUAZIONE DELLA PERSONA CONDIZIONI FISICHE STRUTTURA CORPOREA FUNZIONI CORPOREE ATTIVITA PERSONALI FATTORI CONTESTUALI AMBIENTALI FATTORI CONTESTUALI PERSONALI

10 ESSENZIALI OBIETTIVI DI QUALITA Incapacità della percezione e del controllo del corpo Incapacità più o meno grave di controllo respiratorio Disturbi dellequilibrio Disturbi dellorientamento spazio - temporale

11 Psicomotricità Psicomotricità educativa Psicomotricità riabilitativa Psicomotricità terapeutica

12 LABORATORIO DI PSICOMOTRICITA LUOGO DI PIACERE SENSO-MOTORIO LUOGO DI ESPRESSIVITA PSICOMOTORIA LUOGO DI COMUNICAZIONE LUOGO DI DESIDERIO

13 OBIETTIVI GENERALI Padroneggiare abilità motorie di base Conoscenza del proprio corpo Esplorare la possibilità del linguaggio corporeo e gestuale

14 OBIETTIVI GENERALI Valorizzare il rapporto tra movimento e musica e acquisire abilità relative alla drammatizzazione Rilassamento corporeo

15 Ruolo e Posizione dei fattori della Motricità SISTEMA SENSO MOTORIO SCHEMI MOTORI E POSTURALI CAPACITA COORDINATIVE CAPACITA CONDIZIONALI ABILITA MOTORIE PRESTAZIONE SPORTIVA

16 UNITA BASICHE DEL MOVIMENTO SCHEMI MOTORI (dinamici): Camminare,Correre, Saltare, Afferrare Lanciare Rotolare...

17 UNITA BASICHE DEL MOVIMENTO SCHEMI POSTURALI (statici): Piegare, Flettere Circondurre Ruotare Abdurre.....

18 CAP.COORDINATIVE GENERALI Apprendimento motorio Controllo motorio Adattamento e trasformazione dei movimenti

19 CAP. COORDINATIVE SPECIALI Equilibrio Combinazione motoria Orientamento Differenziazione spaziotemporale Differenziazione motoria Anticipazione motoria Fantasia motoria


Scaricare ppt "PROGETTO I CARE DIDATTICA LABORATORIALE DEL SOGGETTO DISABILE NELLATTIVITA MOTORIA E doveroso da parte mia ringraziare il Preside Prof. Rino Mininno che."

Presentazioni simili


Annunci Google