La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Convegno Lions 11 dicembre 2015 Bullismo e Sport – Il contrasto al bullismo tramite la pratica degli sport Lavinia Saracco Delegato CONI Asti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Convegno Lions 11 dicembre 2015 Bullismo e Sport – Il contrasto al bullismo tramite la pratica degli sport Lavinia Saracco Delegato CONI Asti."— Transcript della presentazione:

1 Convegno Lions 11 dicembre 2015 Bullismo e Sport – Il contrasto al bullismo tramite la pratica degli sport Lavinia Saracco Delegato CONI Asti

2 NEL SUO PERCORSO DI CRESCITA, lo studente adolescente ricerca un suo ruolo nel mondo utilizzando opportunità di ogni genere che per lui siano generatrici di : PIACERE SODDISFAZIONE/GRATIFICAZIONE SENTIMENTI DI RINFORZO alla base sempre di ogni spinta motivazionale all’azione,all’agire.

3 08/02/20163 L’attività sportiva rappresenta quindi un’occasione assai privilegiata per l’affermazione di sè Infatti : L’adolescente è obbligato ad assumere atteggiamenti e successivamente comportamenti assai simili a quelli della vita sociale a compiere gesti,atti,simili alle condizioni di vita affettiva e di relazione che impongono all’uomo di progettare,programmare,concretizzare,valutare “ (Giugni)

4 08/02/20164 ATTRAVERSO LO SPORT Inteso nella dimensione educativa,l’adolescente prende coscienza di sè tramite svariate esperienze motorie e diviene consapevole delle sue forze come delle sue debolezze,dei suoi limiti e della capacità di autocontrollo delle proprie emozioni ATTRAVERSO LO SPORT Egli impara a confrontarsi con un mondo di regole,di cooperazione fattiva,di confronto continuo con gli altri utilizzando le proprie risorse di forza contro le proprie debolezze,evitando devianze o tentazioni passive quali alcool,sostanze,.... Impegnandosi al meglio in comportamenti corretti ed attivi

5 08/02/20165 Come tutti gli esseri umani anche e soprattutto l’ adolescente ha necessità di verificare l’efficacia del suo corpo-motore mettendolo alla prova proprio con l’attività sportiva Quindi il corpo diventa il soggetto delle attenzioni CORPO- SOGGETTO, ESSERE E VALORE DELL’IO, CHE CON ESSO ESPRIME LE PROPRIE RISORSE VITALI (muscolari, cardiache, polmonari, nervose, ecc)

6 08/02/20166 Attraverso la pratica sportiva egli risponde e soddisfa il bisogno DI ESPANSIONE DELLE TENDENZE PERSONALI, DI ESPANSIONE DELLE TENDENZE PERSONALI, IL DESIDERIO/ASPIRAZIONE DI FARSI RICONOSCEREIL DESIDERIO/ASPIRAZIONE DI FARSI RICONOSCERE (Michel Buet, I segreti psicologici dello sport),...farsi riconoscere significa farsi accettarefarsi accettare vedersi assegnata una posizionevedersi assegnata una posizione Vivere l’approvazioneVivere l’approvazione

7 Le motivazioni che caratterizzano un’attività sportiva sotto il profilo educativo sono : La libera scelta dell’attività, in base ai propri interessi, alle proprie vocazioni, alle proprie potenzialità/attitudinali La consapevole aspirazione del superamento dei propri limiti La propria valorizzazione personale La conquista del proprio record Il rispetto delle differenze e delle diversità L’accettazione e l’osservazione volontaria delle regole sportive e, soprattutto, di quella regola di vita, che viene definita fair-play

8 08/02/20168 Talvolta alcuni genitori, inebriati dalla mania di prestazione, sovraccaricano di responsabilità e di aspettative esagerate i loro figli I figli dell’ambizione sfrenata dei genitori, che Crepet definisce “Bambini Abarth”, sono quelli che all’esterno sono come le utilitarie (le Cinquecento degli anni ’60), ma che all’interno contenevano motori truccati, esagerati, che le facevano andare costantemente fuori giri. Il ruolo dei genitori

9 08/02/20169 Lo stile di conduzione dell’attività didattico-educativa può essere determinante a stimolare spinte motivazionali di tipo positivo o negativo Una ricerca di Ommudsen, Roberts, Lemyre e Treasure (2003), sulle motivazioni di un gruppo di calciatori (12-14 anni), ha fatto emergere che i ragazzi che percepivano nella propria squadra un clima maggiormente orientato sulla competenza (motivazioni intrinseche), presentavano un livello più maturo di livello morale, viceversa i giocatori che percepivano un clima prevalentemente orientato sulla prestazione (motivazioni estrinseche), si dimostravano più disponibili ad azioni scorrette

10 08/02/ Una società, che si voglia definire civile, deve utilizzare lo sport come veicolo, che possa creare personalità stabili e prevenire quelle patologie fisiche, cognitive, affettive, motivazionali, comportamentali, sociali, che, condotte maldestre, da parte degli adulti, possono generare e sviluppare in modo irreparabile nei nostri ragazzi

11 08/02/ Lo Sport è un servizio educativo a favore della persona LO SPORT DISVALORE La persona è al servizio dello Sport LO SPORT VALORE

12 08/02/ UN IMPERATIVO CATEGORICO ! L’avviamento alla pratica sportiva dei bambini, dei ragazzi e dei giovani ha senso e significato se fa parte di un progetto educativo, che deve allenare alla vita (saper essere). Questa è l’unica strada, altrimenti la cultura del nulla, (basata sulla logica del consumo e dell’avere), finirà per avvolgere la società e le nostre giovani generazioni

13 Un fenomeno che si sta allargando alle ragazze ed allora..... Bulli non si nasce.....lo si diventa Asti si muove ottobre 2015 ” Sport in piazza “

14 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Convegno Lions 11 dicembre 2015 Bullismo e Sport – Il contrasto al bullismo tramite la pratica degli sport Lavinia Saracco Delegato CONI Asti."

Presentazioni simili


Annunci Google