La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. M. La Fata. Il calore tende spontaneamente a trasferirsi da un corpo più caldo ad uno più freddo, fino a quando i due corpi non raggiungono la stessa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. M. La Fata. Il calore tende spontaneamente a trasferirsi da un corpo più caldo ad uno più freddo, fino a quando i due corpi non raggiungono la stessa."— Transcript della presentazione:

1 Prof. M. La Fata

2 Il calore tende spontaneamente a trasferirsi da un corpo più caldo ad uno più freddo, fino a quando i due corpi non raggiungono la stessa temperatura. Appoggiando le mani fredde su di un termosifone queste si scalderanno. Se in una tazza di acqua calda, aggiungiamo dellacqua fredda otterremo dellacqua tiepida. Il termosifone ha ceduto il suo caldo Lacqua calda ha ceduto il calore allacqua fredda. Prof. M. La Fata

3 Vi sono tre modi di propagazione del calore che dipendono soprattutto dallo stato fisico della materia. Prof. M. La Fata

4 Nei solidi il calore si propaga per conduzione: Le particelle del corpo che sono a contatto con la fonte di calore entrano in vibrazione e urtano le particelle vicine; queste entrano a loro volta in agitazione trasmettendo energia alle restanti molecole, ma senza che ci sia trasporto di materia. Fonte di calore Le particelle entrano in vibrazione Le vibrazioni si propagano alle particelle successive e così via La capacità di trasmettere calore varia da sostanza a sostanza. I corpi che trasmettono facilmente calore sono chiamati conduttori, quelli che lo trasmettono poco sono chiamati isolanti Prof. M. La Fata

5 In Laboratorio Materiale:Cucchiaio di legno e cucchiaio di metallo, pentola piena dacqua, fornello Esecuzione: Facciamo bollire lacqua della pentola e immergiamo nellacqua bollente i due cucchiai. Dopo qualche minuto tocchiamo il manico del cucchiaino di metallo e poi quello del cucchiaino di legno. Conclusioni Il manico del cucchiaino di metallo è più caldo di quello di legno, allora deduciamo che il legno è un isolante mentre il metallo è un conduttore ConduttoriIsolanti MetalliNon metalli ArgentoVetro RameLana ZincoLegno Ferrosughero Prof. M. La Fata

6 Nei fluidi la propagazione del calore avviene per convenzione: E un tipo di propagazione che avviene con trasporto di materia oltre che di energia. Questo ci spiega come mai unintera massa dacqua, messa a bollire in una pentola, si riscalda uniformemente nonostante il calore erogato dalla fiamma venga trasmesso soltanto attraverso il fondo della pentola stessa. laboratorio Prof. M. La Fata

7 In Laboratorio Materiale:Recipiente pirex pieno dacqua, fornello, segatura. Esecuzione: Mettiamo dellacqua in una pentola di pirex, aggiungiamo un po di segatura e poniamo la pentola sul fuoco. Conclusioni Lacqua del fondo è la prima a scaldarsi, diventando più leggera e salendo verso lalto; quella fredda, che sta in alto, scende verso il basso perché è più pesante, a sua volta si riscalda e quindi risale ancora e così via, fino a che tutta la massa dacqua non avrà raggiunto la stessa temperatura. Nei liquidi il calore si propaga per trasporto, tale propagazione prende il nome di convenzione e i movimenti osservati si chiamano correnti convettive. Appena lacqua del fondo incomincia a scaldarsi, vedremo la segatura salire dal basso verso lalto e poi ridiscendere ripetutamente lungo le pareti della pentola. Questo continuo di salita e discesa della segatura è causato dallacqua che la trascina. Osservazioni: Prof. M. La Fata

8 In assenza di materia il calore si propaga per irraggiamento: Questo fenomeno ci indica che il calore si può propagare da un corpo allaltro anche quando fra i due non cè interposta alcuna sostanza. La principale fonte di calore è il sole che illumina e riscalda la terra permettendo su questa la presenza della vita. Il calore del sole, per raggiungere la terra, percorre ben 150 milioni di km e, ovviamente non può farlo né per conduzione né per convenzione, perché lo spazio Terra-Sole è vuoto. Il calore del sole si propaga viaggiando in linee sottili e invisibili chiamate raggi. Questo meccanismo di propagazione è detto irraggiamento. Prof. M. La Fata

9 In Laboratorio Materiale:una lampada. Preparazione e conduzione dellesperimento: Accendiamo una lampada e posizioniamo la mano destra ad una certa distanza da essa. Osservazioni: Dopo alcuni minuti avvertiamo del calore. Conclusioni: Il fatto che avvertiamo calore dipende dalle radiazioni emanate dalla lampadina, radiazioni che si propagano in linea retta. Si tratta di un tipo particolare di energia che si avverte come forma di calore. Prof. M. La Fata

10 esciRitorna Prof. M. La Fata


Scaricare ppt "Prof. M. La Fata. Il calore tende spontaneamente a trasferirsi da un corpo più caldo ad uno più freddo, fino a quando i due corpi non raggiungono la stessa."

Presentazioni simili


Annunci Google