La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ITIS L. da Vinci - Lanciano Anno scolastico 2003\2004 CLASSE II B Docente : Giovina DAmbrosio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ITIS L. da Vinci - Lanciano Anno scolastico 2003\2004 CLASSE II B Docente : Giovina DAmbrosio."— Transcript della presentazione:

1 ITIS L. da Vinci - Lanciano Anno scolastico 2003\2004 CLASSE II B Docente : Giovina DAmbrosio

2 GELOSIA IDENTITÀAMICIZIA ANGOSCIA RAPPORTO SCIENZA-TECNICA UOMO TEMATICHE ED EMOZIONI RESPONSABILITÀPAURA RASSEGNAZIONE MORTE ABBANDONOAMORE SOLIDARIETÀ SOLITUDINE

3 Dio, colui che elargisce la pioggia (Geremia) Lacqua è KAn, lAbissale, cioè un figlio del cielo e della terra (Testo oracolare cinese, lI Ching – il Libro dei Mutamenti) Lacqua, la insegna la sete (E. Dickinson) Pioggia nel pineto (G. DAnnunzio) Chiare, fresche et dolci acque (F. Petrarca) Sora acqua (San Francesco) Acqua abbondante nellEden (Genesi 2) Lacqua scaturita dalla rupe di Meriba (Salmo 113° - vv. 7,8)

4 INTRODUZIONE:- Presentazione del lavoro - Alcune definizioni dellacqua - Testo poetico I PARTE RAPPORTO - Consumo pro capite al giorno ACQUA / UOMO:- Acqua consumata nella produzione di alcune merci - Mappa dello spreco - Decalogo antispreco - Uso dellacqua nel mondo - Principî della democrazia dellacqua - Le guerre per il controllo delle risorse idriche - Il ruolo dellacqua come fattore di rischio per luomo - Progetti di costruzioni faraoniche di nuovi sistemi idrici nelle zone carenti di acqua - Libri sullacqua II PARTE LACQUA E - Poesia di Tagore LIMMAGINARIO: - Il fiume racconta - Canzone sullacqua

5 Essa è vita e speranze che nutriamo, vederla tutti i giorni, considerarla cosa abituale, sembra normale, Importante, una volta pura, trasparente, limpida, potabile, ora scura, maligna, vietata: priva di vita. Essa è presenza Divina: se assente, si muore.

6

7 CONSUMO DACQUA PRO CAPITE AL GIORNO PERIODO LITRI CONSUMATI Era pre-cristiana 12 Era greco-romana 20 Secolo XIX 60 Età contemporanea 800

8 ACQUA CONSUMATA NELLA PRODUZIONE DI ALCUNE MERCI MERCI LITRI CONSUMATI 1 tonnellata di carta tonnellata di gomma sintetica tonnellata di cereali tonnellata di carne di manzo barile di birra Una doccia di 3 minuti 50 Un bagno in vasca lavaggio di stoviglie 6 TOTALE CONSUMO DOMESTICO PRO CAPITE AL GIORNO 129 Le due tabelle evidenziano il crescente consumo ed uso dellacqua nel tempo.

9 IL NOSTRO SISTEMA IDRICO FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI :PIU DI UN TERZO (IL 39%) DELLACQUA CHE SCORRE NELLE CONDUTTURE SI PERDE PER STRADA REGIONI SPRECONE PERCENTUALI DI SPRECO Abruzzo57% Calabria56% Puglia56% Lazio46% Sicilia42% Toscana41% Umbria35% Campania33% Marche28% Piemonte27% Veneto26% Basilicata23% Emilia Romagna 20%

10 Poiché lacqua è un bene prezioso e determinante per la nostra esistenza, tutti dobbiamo evitare inutili sprechi. Ecco un decalogo per un uso saggio: 1. Usare il frangigetto (risparmia litri lanno). 2. Preferire la doccia al bagno in vasca. 3. Utilizzare il bicchiere dacqua per lavarsi i denti (risparmio: 18 litri ). 4. Usare lavastoviglie e lavatrice solo a carico completo. 5. Tenere le verdure a mollo a lungo piuttosto che sotto lacqua corrente(risparmio: litri lanno). 6. Non strainnaffiare le piante. 7. Innaffiare i giardini con metodo goccia a goccia. 8. Realizzare due circuiti idrici : acqua potabile e altro. 9. Riparare il rubinetto che gocciola (perde, in un anno, litri). 10. Utilizzare acqua di scarto delle verdure per innaffiare le piante. Poiché lacqua è un bene prezioso e determinante per la nostra esistenza, tutti dobbiamo evitare inutili sprechi. Ecco un decalogo per un uso saggio: 1. Usare il frangigetto (risparmia litri lanno). 2. Preferire la doccia al bagno in vasca. 3. Utilizzare il bicchiere dacqua per lavarsi i denti (risparmio: 18 litri ). 4. Usare lavastoviglie e lavatrice solo a carico completo. 5. Tenere le verdure a mollo a lungo piuttosto che sotto lacqua corrente(risparmio: litri lanno). 6. Non strainnaffiare le piante. 7. Innaffiare i giardini con metodo goccia a goccia. 8. Realizzare due circuiti idrici : acqua potabile e altro. 9. Riparare il rubinetto che gocciola (perde, in un anno, litri). 10. Utilizzare acqua di scarto delle verdure per innaffiare le piante.

11

12 Lacqua non è sostituibile da altre risorse e prodotti Lacqua è un dono della Natura : va mantenuta pulita e usata in quantità adeguata alle nostre esigenze di sostentamento Lacqua è soggetta ad esaurimento, se Usata in maniera non sostenibile Lacqua è essenziale alla vita : tutti hanno diritto alla loro quota Lacqua deve essere conservata entro limiti ecologici ed equi Lacqua connette ogni parte del pianeta attraverso il suo ciclo: luomo non deve danneggiarlo Lacqua è un bene comune e non una merce Lacqua deve essere gratuita per le esigenze di sostentamento. Nessuno ha il diritto di sprecare o inquinare i sistemi di circolazione dell acqua Nel Commento generale delle Nazioni Unite Sono stati individuati i seguenti principi della DEMOCRAZIA DELLACQUA

13 Garantire il diritto allacqua significa garantire la pace nel pianeta. Loro blu, come il petrolio ieri, è causa di violenti conflitti in: GHANAI poveri spendono il 50 % delle loro entrate per dissetarsi. CINA10 milioni di persone costrette a sfollare per la costruzione della diga delle TRE GOLE ETIOPIA-EGITTO-SUDANSi è combattuto per le acque del Nilo TURCHIA-SIRIA-IRAQI progetti di sviluppo idrico e il controllo di sorgenti e bacini idrici sono motivi di conflitti. INDIA – PAKISTANCombattono per le acque del Gange UNGHERIA -ROMANIASi contendono le acque dello Szamos PALESTINA- GIORDANIA- ISRAELE Lottano per le acque del Giordano PER RIDURRE I CONFLITTI, LACQUA DEVE ESSERE CONSIDERATA COME RISORSA COMUNE E NON COME MERCE.

14 AGENTI INQUINANTI EFFETTI DI DANNO DERIVABILI ALLA SALUTE UMANA Batteri – virus – protozoi - elminti Numerose malattie infettive e parassitarie a prevalente ciclo di diffusione oro-fecale Metalli Effetti tossici e/o cancerogeni (piombo, mercurio, cadmio, arsenico, cromo, zinco, antimonio, nichel, selenio, cobalto, berillio) NitratiMetaemoglobinemia Solventi organici alogenatiEffetti tossici e/o cancerogeni Fluoruri Lesioni dentarie per eccesso e/o per difetto IodioGozzo PesticidiEffetti tossici e/o cancerogeni Petrolio e fenoliEffetti tossici Sostanze radioattiveAzione cancerogena e danni genetici AsbestoAzione cancerogena

15 Albania E in via di approvazione il progetto di realizzazione di un acquedotto ITALIA-ALBANIA India Ein costruzione, in collaborazione con la Banca Mondiale, la rete idrica più grande del mondo: si tratta di captare acqua da 14 diversi affluenti del Gange e del Bramaputra per immetterla nei corsi esausti di 17 fiumi delle zone aride del sud, sempre rispettando il Trattato del Gange, stipulato tra il Bangladesh e lIndia nel Iraq Nuovi progetti per depurare acqua del Tigri e dellEufrate sono finanziati dalla Toscana. Libia Nel 2007 sarà ultimato un Acquedotto, lungo 4000 km, che trasporterà lacqua fossile sepolta sotto al deserto fino alle città costiere. (Il progetto costerà 30 miliardi di dollari).

16 AUTORETITOLO Vito Teti Storia dellacqua: mondi materiali e universi simbolici La civiltà dellOfanto Giuseppe Bonaviri Il fiume di pietra Leonardo Sciascia Le acque della Sicilia Idrisi Sollazzo per chi si diletta di girare il mondo Ignazio Silone Il fiume dei Fontamaresi (da Fontamara) Francesco Lanza Almanacco per il popolo siciliano G. Santagati Gli ammonimenti di un anno di grande siccità Eugenio Vitarelli La sete Salvatore Quasimodo La mia terra è sui fiumi stretta al mare Vandana Shiva Le guerre dellacqua (in libreria dal 7 marzo 2004) Il 2003, lanno mondiale dellacqua, ci porta a riflettere su unalluvione di libri, articoli, documenti sullacqua. Il tema dellacqua ha fatto riflettere: filosofi, storici, letterari, antropologi, sociologi, scienziati, poeti, artisti.

17

18 Geme la foresta E trema il fiore, Cariche di pianto traboccano Le sponde del fiume. Venite a riempire il cuore, Venite a spegnere la sete, Venite a rasserenare le pupille, Venite a placare lanimo.

19 Mi sento confuso: non ricordo neanche il tempo della mia origine, né quante particelle hanno vagato nel mio alveo; so, però, che da alcuni decenni a questa parte avverto un malessere mai provato prima: sono acido, torbido, nauseabondo ho perso la purezza, la trasparenza e la genuinità di una volta. Questo sono io, uno dei tanti fiumi che hanno dato agli umani vita, risorse e sicurezza.

20 Ora mi sento stanco e non ho più il conforto delle greggi belanti che, dopo essersi stancate e sfamate lungo i tratturi, sorseggiavano le mie acque che generosamente rinfrescavano le bionde lane e le bocche bavose per i prolungati belati lanciati agli agnelli nati da poco e traballanti e stanchi per il lungo viaggio iniziato dai monti verso il mare pugliese.

21 Luomo, allora amico, prelevava con sacralità le mie gocce per i suoi campi verdi e i rossi frutti che con parsimonia rendeva la terra come ricompensa di duri e sudati lavori. Sono stato testimone di innumerevoli episodi storici e di indefinibili emozioni, ma, da quando nel mio letto si depositano sostanze velenose, non ho memoria cronologica… Comunico con la tecnica del flusso di coscienza, come il pittore sulla riva sfodera colorate immagini sulla tela con trama di versi incantati.

22 Ho lavato e lenito le ferite di guerrieri oschi, romani, sanniti, sostituendomi alle mani carezzevoli di mamme lontane. Ho rifiutato la vita di chi con imprudenza mi guadava nei punti in cui mostro tutta la mia forza distruttiva con sublime orgoglio.

23 Ho ascoltato i discorsi silenziosi tra partigiani che, ritirandosi sui monti, si organizzavano per fronteggiare le forze naziste. Un autunno fangoso e, poi, un inverno nevoso, lungo e freddo rendevano spettrale lo scenario di un paesaggio visto per lultima volta da chi veniva da altri continenti a morire per la libertà altrui. Mentre arrossivo per il sangue dei feriti, seguivo con lanimo sospeso le bombe vibranti in aria, temendo ricadute fatali per il mio corpo. Con furia le mie acque, sotto il fuoco delle artiglierie e delle mitragliatrici poste sulle rive opposte, spazzavano via tutto, anche i ponti…

24 Sono e resto unarteria di vita tra le selve, le montagne e le vallate, elargendo sostentamento, pace, equilibrio, armonia ed entusiasmo agli uomini, nel passato, rispettosi delle mie leggi. Da circa mezzo secolo uno sbarramento ed unimmensa dilatazione del mio atavico corso hanno cancellato i miei connotati originari. Ora sono anche un lago in cui si pesca, a volte, purtroppo, anche con frode e destate si verificano frequenti prelievi per lo spegnimento degli incendi, scempi che si perpetuano a danno dei boschi e delle colline sbudellate per far posto a vie di scorrimento.

25 Molto tempo fa le piante parlavano e cantavano, mentre gli uomini erano muti. Poi le cose si invertirono, gli uomini sbraitarono, inventarono la guerra, lodio e le piante cantarono in silenzio insieme con i singhiozzi delle correnti e il cielo immobile con i suoi mille occhi malinconici a guardare alberi distrutti o incendiati, montagne di oggetti vari di plastica che ostacolano il mio corso perenne; eppure il futuro delluomo non è legato al petrolio, ma allacqua, al verde, allossigeno.

26 Meno male che mi portano un po di buonumore i giorni di sole: essi rischiarano le facce buie di gente triste, insegnano a volare in alto, a scoprire la vertigine dellinfinito per capire la limitatezza umana e, così, guardando le cose dallalto, gli aspetti soffocanti della vita cambiano, gli ostacoli si abbassano

27

28 Quando Hai un po di sete Cè sempre Un po dacqua da bere Che strano Sapor che ha questacqua È meglio se la de – pu – riamo. Ora Che ci abbiam provato Ed il mare Un bel po depurato Il fiore È quasi sbocciato Grazie a quel che abbiamo fatto. (2 volte) Ci piace tanto la – a - a – cqua Che è intorno a noi Tu la bevi e poi Non mi dire che non la vuoi! Acqua Tutta intorno a noi Un po sporca Sto già male perché Non so mai Quale acqua bere Perché è di – ven – ta– ta sporca! Certo Labbiam trascurata Ma ora Si è prosciugata Proviamo A ridarle ligiene Proviamo tutti insieme. (2 volte) Ci piace tanto la – a - a – cqua Cinque letterine che messe in fila Possan darti la vita.

29 ITIS L. da Vinci - Lanciano Regia: Ciccone Adele, Marzucca Alessio, Romagnoli Mirko e Svincolatore Stefano.


Scaricare ppt "ITIS L. da Vinci - Lanciano Anno scolastico 2003\2004 CLASSE II B Docente : Giovina DAmbrosio."

Presentazioni simili


Annunci Google