La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIFFONI SEI CASALI PLESSO CAPITIGNANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIFFONI SEI CASALI PLESSO CAPITIGNANO."— Transcript della presentazione:

1

2 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIFFONI SEI CASALI PLESSO CAPITIGNANO

3 PROGETTO MULTIMEDIALE CLASSE 5 LO SVILUPPO SOSTENIBILE

4 SVILUPPO/INQUINAMENTOINQUINAMENTOMENU SVILUPPO SOSTENIBILE INQUINAMENTO AMBIENTALE EFFETTO SERRA BUCO DELLOZONO EDUCAZIONE AMBIENTALE CATENA NEL MARE (microsistema) CATENA NEL BOSCO WWF SALVARE LORSO INQUINAMENTO ENERGIA ENERGIA TERMICATERMICA DIAGRAMMA ENERGIA SOLARE ENERGIA EOLICA USCITA

5 SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse umane vengono classificate in rinnovabili e non rinnovabili. RINNOVABILI: energia SOLARE che è inesauribile, energia energia delle MAREE, energia EOLICA, energia IDROELETTRICA. NON RINNOVABILI: CARBONE, PETROLIO, GAS NATURALE non sono rinnovabili, poiché la loro formazio- ne è molto lenta nel tempo. Anche il suolo non è rinnovabile per la stessa ragione.suolo Lo sfruttamento eccessivo, da parte delluomo, della caccia e della pesca, può limitare la loro capacità di rinnovamento, fino ad esaurirle. Anche lo sfruttamento del bosco deve essere fatto razionalmente, in modo che produca in forma continua. LACQUA è diminuita negli ultimi due secoli in maniera allarmante, nonostante abbia un ciclo rinnovabile. LO SVILUPPO SOSTENIBILE razionalizza lo sfrut- tamento ed il consumo delle risorse rinnovabili e limita, cercando alternative, lutilizzo di risorse non rinnovabili. Unire lo sviluppo sostenibile con il progresso economico e la generazione di ricchezze è senza dubbio la sfida più grande che lumanità affronta al giorno doggi.

6 INQUINAMENTO AMBIENTALE Negli ultimi cinquanta anni limpatto delle attività umane sul mondo naturale ha determinato profondi sconvolgimenti che in alcuni casi sono diventati vere e proprie emergenze ambientali: BUCO DELLOZONO EFFETTO SERRA

7 IL BUCO DELLOZONO Nella parte superiore dellatmosfera esiste uno strato di gas, l ozono, che protegge la terra dai raggi ultravioletti, schermandoli. Questo schermo ha consentito la nascita della vita sul pianeta, circa 4,5 miliardi di anni fa. Oggi questo strato si sta assottigliando a causa dellimpiego incontrollato di particolari composti chimici, che sono utilizzati soprattutto nelle bombolette spray e nei frigoriferi. A questo fenomeno si dà il nome di BUCO dellOZONO. Gli scienziati ritengono molto dannosi i raggi ultravioletti, che raggiungono la superficie terrestre. Infatti essi sono causa di alcune malattie (cancro della pelle).

8 EFFETTO SERRA Latmosfera è composta da vari gas tra cui i cosiddetti gas serra come lanidride carbonica. Questi gas contribuiscono al riscaldamento terrestre,infatti lasciano passare i raggi solari ma trattengono il calore restituito dalla terra allatmosfera. Questo fenomeno è detto EFFETTO SERRA. Negli ultimi cento anni la quantità di anidride carbonica presente nellaria è aumentata. In parte questo aumento è causato da un maggior uso di combustibili fossili e dalla distruzione delle foreste, che usano lanidride carbonica per la fotosintesi clorofilliana.Gli scienziati ritengono questo fenomeno molto grave perché può causare un aumento di temperatura nel nostro pianeta, con conseguente scioglimento di parte di ghiacciai e innalzamento del livello di mari e oceani e il cambiamento del clima sulla terra.

9 EDUCAZIONE AMBIENTALE La consapevolezza dei limiti delle risorse naturali ed ambientali e il rischio che esse possano diventare critiche fino alla soglia del degrado irreversibile, rende necessario ladozione di nuove strategie per la protezione dellambiente. Lestensione degli attuali modelli di consumo dei paesi industrializzati a tutti i cittadini della terra porterebbe linquinamento a livelli tali da compromettere lequilibrio, non solo della specie umana, ma dellintero ecosistema. Tra gli obiettivi principali delleducazione ambientale non cè solo la soluzione dei grandi problemi planetari,ma anche una serie di comportamenti quotidiani da parte dei singoli cittadini come luso di mezzi di trasporto pubblici, acquisto di prodotti ecologici a basso impatto ambientale. Consumare in modo sostenibile, ad esempio riducendo lacquisto dei beni, riciclando gli scarti e fare la raccolta differenziata. I problemi sono globali e le soluzioni devono emergere dalla solidarietà e dalla cooperazione internazionale. ecosistema Un noto motto dellecologismo dice: PENSA GLOBALMENTE, AGISCI LOCALMENTE

10 CATENA NEL MARE MICROSISTEMA Il pesce pulitore pulisce lacqua e si ciba di microrganismi in putrefazione. I pesci producono attraverso le feci azoto che serve alla pianta acquatica. La pianta rifornisce ossigeno che disciolto nellacqua permette ai pesci di respirare. Lacqua permette di far vivere i pesci e la pianta acquatica. I sassolini trattengono i microrganismi di cui si nutre il pesce pulitore. La spugna permette di tenere ancorata la pianta alla base della boccia. La boccia permette lesistenza di questo microsistema.

11 CATENA NEL BOSCO Le piante producono il proprio nutrimento utilizzando la luce del sole,lacqua e i sali minerali del terreno e lanidride carbonica dellaria, per questo vengono chiamate produttori di primo grado.

12 WWF Obiettivo primario del WWF è porre freno al degrado ambientale sulla Terra, promuovendo uno sviluppo sostenibile, la tutela delle risorse naturali e il mantenimento della diversità biologica. Mediante campagne di informazione rivolte sia agli adulti sia ai giovani, il WWF aiuta a mantenere lattenzione sulle problematiche ambientali, tra cui il riscaldamento del globo terrestre, linquinamento del mare, la distruzione dei rifiuti tossici, lo sviluppo delledilizia abitativa, lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali e i danni provocati da questo insieme di elementi alla vita sul nostro pianeta. Fine ultimo dellorganizzazione resta il tentativo di influenzare le decisioni sia nazionali sia internazionali adottate in materia di politica ambientale. Il WWF, che attualmente conta circa 5 milioni di sostenitori in tutto il mondo, ha sedi in 28 paesi e uffici di rappresentanza in altri 24. Ciascuna sede, impegnata in ambito nazionale,promuove anche iniziative a carattere internazionale cercando di proporre soluzioni di lungo periodo. Collaborando con altre organizzazioni ambientaliste, il WWF ha contribuito a evitare lo sfruttamento delle risorse minerarie della regione antartica a ripopolare i luoghi dorigine di animali in via di estinzione, a ottenere la tutela giuridica di piante e animali, a realizzare parchi nazionali e riserve naturali e a controllare il commercio di animali e piante selvatici. estinzione

13 Salvare lorso Un tempo in Italia viveva una popolazione consistente di Orsi Marsicani.Vivevano in pace nelle loro foreste, con cibo in abbondanza e poche minacce. Poi è arrivato lUomo, che ha devastato il loro ambiente naturale riducendo al minimo le risorse alimentari di cui lOrso ha bisogno per vivere ed ha deciso che lOrso era un nemico da combattere. Non sappiamo quanti Orsi Marsicani siano sopravvissuti, forse 80. Sappiamo però che sono confinati in ristrettissime aree del Parco Nazionale dAbruzzo e del limitrofo Parco della Majella. Assediati dalla presenza dellUomo e vittime dei fucili dei bracconieri. Il WWF è impegnato da decenni a proteggere lOrso.

14 Inquinamento. Lalterazione dellambiente naturale è la diretta conseguenza delluso sbagliato ed eccessivo delle risorse fondamentali a disposizione delluomo: il suolo, lacqua, laria.

15 ENERGIA TERMICA Con laumentare dei consumi, si è costretti a ricorrere sempre più allenergia ottenuta per via termica, bruciando carbone o petrolio o metano, che però contribuiscono a inquinare sempre più lambiente. La centrale dellillustrazione in basso sfrutta il petrolio, che viene fatto bruciare in una caldaia. Il vapore che si forma viene inviato alla turbina per azionare il generatore che, girando, produce corrente elettrica. Oggi la maggior parte dellenergia elettrica viene prodotta da centrali alimentate da combustibili fossili.

16 ENERGIA SOLARE Il sole libera una enorme quantità di energia che arriva sulla Terra sotto forma di luce e calore, trasmessi per irraggiamento. Di questa energia solo una parte è intercettata dalla atmosfera della Terra e una parte ancora più piccola, variabile a seconda della stagione e della latitudine, raggiunge la superficie terrestre. Quello che rimane è pur tuttavia una quantità di energia tale da soddisfare, se trasformata, il fabbisogno dellumanità per centinaia di anni. Le principali caratteristiche dellenergia solare possono essere riassunte così: È una energia inesauribile; È una energia pulita; È una energia gratuita. Fino ad oggi luomo ha usato poco lenergia del Sole e solo ora i problemi aperti dalla crisi energetica la pongono in primo piano.

17 diagramma Energia Lenergia è un qualcosaLenergia che permette ad un uomo o ad un oggetto di compiere un lavoro rinnovabile solareeolicaidroelettrica Non rinnovabile carbonepetrolioGas naturale

18 ENERGIA EOLICA Lenergia eolica è lenergia fornita dal vento. Questa energia è stata è stata sfruttata fin dallantichità per navigare e muovere le pale dei mulini a vento. Lenergia eolica è praticamente inesauribile, ma ha lo svantaggio di non essere costante. Per una utilizzazione economica dellenergia eolica è necessario avere a disposizione zone caratterizzate da venti regolari e intensi.LItalia da questo punto di vista è poco favorita perché esistono poche località che hanno queste caratteristiche. Dopo linvenzione della macchina a vapore la sua utilizzazione è diminuita moltissimo, fino quasi a scomparire. Oggi si cerca di farne nuovamente uso. Nelle regioni dove i venti sono forti e costanti lenergia eolica può essere trasformata in energia elettrica.

19 CLASSE V PLESSO DI CAPITIGNANO ANNO 2003/2004 docente Maddalo Giuseppina


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIFFONI SEI CASALI PLESSO CAPITIGNANO."

Presentazioni simili


Annunci Google