La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.vesuvioweb.com Il Vesuvio e la Medicina antica I bagni di vino e di vinacce, virtù curative daltri tempi. Di Aniello Langella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.vesuvioweb.com Il Vesuvio e la Medicina antica I bagni di vino e di vinacce, virtù curative daltri tempi. Di Aniello Langella."— Transcript della presentazione:

1 Il Vesuvio e la Medicina antica I bagni di vino e di vinacce, virtù curative daltri tempi. Di Aniello Langella

2 Che il vino sia stato da millenni alla base dellalimentazione umana è un dato di assoluto riscontro storico, archeologico e culturale in senso lato. Non si conosce civiltà del bacino del Mediterraneo, e quindi a noi vicina, che non abbia portato a tavola il prodotto della terra e del lavoro più famoso al mondo. Rosso, bianco e rosato ha riempito le migliori coppe ed ha dissetato i commensali più illustri, ma nel contempo è stata la bevanda dei semplici, degli umili e della potente Chiesa. Ma che il vino stesso potesse avere degli effetti curativi e come tale venir considerato anche come rimedio medico, mi sembra un po eccessivo. Quanto meno questo aspetto andrebbe approfondito. Ed è quello che cercheremo di fare. La Medicina, quella con la M maiuscola, e per intenderci, quella che oggi vuole sperimentazioni, verifiche e prove, non può sottrarsi ai rigidi protocolli che collocano questo o quel farmaco nellelenco delle cure per la salute umana. Nulla ci vieta tuttavia di sfogliare il grande libro della storia per leggervi il senso delle cose e della vita degli uomini che ci hanno preceduti e che con questo alimento hanno avuto a che fare. E così, aprendo le pagine ingiallite di quei libri, mi ritrovo tra le mani i bagni di vino del Vesuvio. Una pratica di qualche secolo fa, che a quanto sembra, faceva miracoli. Oggi la chiamano vinoterapia e viene da più parti propagandata per la cura dellinvecchiamento della pelle. Test scientifici in materia medica, ci confermano gli effetti benefici dellassunzione orale del vino rosso come coadiuvante delle disfunzioni coronariche, ad esempio. Sembra che la ricchezza di polifenoli, di vitamina E e di antiossidanti nel vino rosso sia alla base del razionale farmacologico. Queste sostanze contenute nel vino aiutano a limitare i radicali liberi presenti nel corpo umano e di conseguenza permettono a quest'ultimo di non invecchiare precocemente.

3 La storia dei bagni di vino nella terra del Vesuvio, è legata a due figure interessanti e quanto mai diverse: San Filippo Neri ( ) e un tal Ettore Pignatelli ( ). Era re di Napoli Carlo V ( ). É allora che inizia la nostra storia. Grande e importante figura carismatica del Regno di Napoli e di Sicilia, Carlo volle a corte e col titolo di viceré il Duca Ettore Pignatelli (1) che resse il potere politico fino al Divenuto ricco e potente acquistò molti poderi lungo la fascia costiera vesuviana e anche nellentroterra. Comprò la terra di Monteleone sulla quale ottenne dal re Ferdinando il Cattolico, per i suoi servigi, il titolo di conte, in quanto aveva combattuto valorosamente contro i francesi che volevano usurpare il Regno di Napoli. Pignatelli poi fu catturato dal visconte di Lautrec che lo spedì nelle galere di Francia. Qui, durante la sua prigionia incontrò San Francesco di Paola, che era giunto a corte per risolvere alcuni problemi di salute del re Luigi XII. Fu grazie alla stretta amicizia con il re che San Francesco ottenne da questi la grazia di concedere la libertà al Pignatelli. Una volta fuori del carcere fece rientro in Italia e subito convocato a corte dal re Carlo V per occupare lambito ruolo di viceré. Tutta la terra vesuviana, come sappiamo era ricchissima di vigneti e la produzione del vino in certe annate superava le richieste. Fu quello il periodo nel quale a Napoli si fecero costruire delle grandiose cantine per la conservazione delle botti. Il prodotto della terra era abbondante e di eccellente qualità. Sembra che proprio in quegli anni, a causa di pletorici raccolti, si sia avviato a corte luso di fare il bagno nel vino. Appena tiepido il nettare rossiccio veniva versato nelle vasche e con esso le streppe del grappolo che fungevano da mezzo abrasivo per il massaggio.

4 Il bagno di vino seguiva un rituale ben chiaro e alquanto ben comprensibile, terapeuticamente parlando, nelle sue fasi. Il mezzo liquido appena tiepido. Quindi limmersione. Poi un tempo di rilassamento al quale seguiva la fase del massaggio con grappoli duva. Infine un altro periodo di rilassamento. Poi la pelle veniva detersa con un veloce bagno in acqua dolce e alla fine il miracolo era compiuto. Il bagno di vino aveva unazione rilassante, detergente, rinvigorente. Una sorta di immersione rivitalizzante per riappropriarsi di un pizzico di gioventù. Sappiamo da fonti storiche che San Filippo Neri giunse a Napoli intorno ai primi del 500 e volle (forse personalmente) vedere da vicino i miracoli che si ottenevano da questo strano sistema di cura. Il Santo aveva delle propensioni molto spiccate nei confronti della medicina e non trascurava alcun aspetto della vita delluomo per potervi inserire la cura dei mali. Aiutare gli altri nello spirito ma anche nel corpo e quindi nelle sofferenze. Malattia dellanima e del corpo, contenitore e contenuto, forma e sostanza: le antitesi e le essenze della vita. La famiglia Pignatelli di Monteleone che ebbe come capostipite Ettore del quale abbiamo riferito, crebbe a Napoli per fama e per ricchezze ed uno dei discendenti, Fabrizio volle acquistare un podere con orti bellissimi per costruirvi in pieno centro una Chiesa con Oratorio e vicino Ospizio. Il titolo del complesso oggi lo ricordiamo con lantico nome di SS. Trinità dei Pellegrini (2) Facciata della chiesa della SS. Trinità. Napoli.

5 Luso di fare il bagno con il vino o le vinacce crebbe molto intorno alla metà del secolo XVI e crebbe con esso lattenzione alla medicina. Quali potevano essere le azioni medicamentose sprigionate da quella abluzione? Quali le interazioni con la patologia? Cosa accadeva alla pelle sotto il profilo strettamente sanitario? Questi gli interrogativi. Sembra però che a tutte queste domande ci sia stata una sola risposta. I bagni di vino e di vinacce arrecavano al paziente benefici genefici e anche specifici per patologie reumatologiche, dermatologiche e anche pneumologiche. Presso la Chiesa della SS. Trinità e presso il suo Ospizio intorno alla metà del 500 vennero così accolti malati di ogni sorta e anche feriti. Alcuni venivano trattati in loco ed altri venivano inviati alle cure più specifiche con i bagni di vino. I malati provenivano dal vicino Ospedale. Il fatto assai interessante e per certi versi ancora in parte da chiarire è il legame tra San Filippo Neri, che trionfa assieme a San Gennaro sulla facciata della chiesa, e il nostro Duca Pignatelli e suoi eredi. Pare che tra il nostro taumaturgo e la nobile casata napoletana si sia venuta a creare un legame sodale forte e duraturo, tanto che le regole stesse di cura fossero state codificate dal Santo. Una sorta di protocollo terapeutico, lo chiameremo oggi. Una specie di schema di cura che offrisse la terapia più efficace ed efficiente.

6 Chiesa della TRINITÁ DE' PELLEGRINI 4. Str. Porta Medina. Chiesa, Congregazione, ed Ospedale. La Chiesa fu rifatta nel secolo passato con disegno del Vanvitelli. La Congregazione che accoglie i nobili e gli arte- giani indistintamente, riceve i Pellegrini, cura i feriti ed i fratturati nell'Ospedale, mantiene i Convalescenti in una casa di campagna per otto giorni, spedisce ai bagni di vino alla Torre del Greco i deboli e ve li mantiene. La regola fu data da S. Filippo Neri, la fondazione fu di casa Pignatelli di Monteleone. (3) I bagni di vino e di vinacce. Ci resta alla fine un dubbio. Nel Medioevo si era diffusa, sulla scia delle misteriose storie provenienti dallOriente luso tra i nobili di fare il bagno nel latte e nel 1200, tutti cercavano la fonte miracolosa per ringiovanire. Alcuni cavalieri crociati, al rientro dalle gesta eroiche di Terra Santa, raccontano di essersi immersi in vasche colme di acqua, latte e miele e di esservi poi usciti ringiovaniti. Effetti benefici legati al placebo? La storia della medicina crede incondizionatamente a questo racconto. La medicina, quella con la M maiuscola attende conferme o smentite. Aniello Langella Cappella ipogea di San Filippo Neri a Torre del Greco. Affreschi della prima metà del 700. Complesso archeologico del San Michele edificato verso la fine del XVII secolo.

7 1- Memorie istoriche di quanto e accaduto in Sicilia - Battista Caruso – Topografia vniversale della citta' di Napoli - Niccolò Carletti – Manuale del forestiero in Napoli - Napoli Magistrato municipale. Bibliografia


Scaricare ppt "Www.vesuvioweb.com Il Vesuvio e la Medicina antica I bagni di vino e di vinacce, virtù curative daltri tempi. Di Aniello Langella."

Presentazioni simili


Annunci Google