La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La moda. Le vie della moda Storia Organigramma Stili e status symbol.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La moda. Le vie della moda Storia Organigramma Stili e status symbol."— Transcript della presentazione:

1 La moda

2 Le vie della moda Storia Organigramma Stili e status symbol

3 Il termine deriva dal latino modus,che significa maniera, norma, regola, tempo, melodia, ritmo. Compare per la prima volta, nel suo significato attuale, ne La carrozza da nolo, ovvero del vestire alla moda, dell'abate Agostino Lampugnani, pubblicato nel Si pensa che nasca dalla necessità di coprirsi con tessuti, pelli o materiali lavorati. Tuttavia, uno sviluppo dei diversi tipi di abbigliamento si osserva solo dal in Occidente. Nei secoli ha assunto un valore non più prettamente utilitaristico, ma ha causato categorizzazioni sociali. La moda ha origine con i sarti, gli unici che potevano tagliare i tessuti. Era una professione preclusa alle donne, che come sartoresse avevano compiti minori. La Moda

4 Erano anche stilisti, poiché disegnavano loro stessi i modelli che poi avrebbero realizzato. Tuttavia, alcuni artisti, come Giotto creavano modelli di abiti e tessuti. Il sarto era un servitore delle grandi signorie: viveva e lavorava presso la corte di un signore, che poteva anche scegliere di "prestarlo" a parenti o amici. Non esistevano le taglie, quindi ogni vestito era un pezzo unico, realizzato su misura del cliente. Le unità di misura erano variabili. Dall'inizio del Novecento si iniziano a distinguere i primi stilisti, quindi non più sarti ma persone che creavano nuovi tagli, nuove stoffe e nuovi canoni nel modo di vestirsi. Spesso facevano schizzi su carta e creavano il vestito poi con l'aiuto di sarti che conoscevano meglio il modo di lavorare i tessuti. Gli stilisti da questo momento erano solo per l'élite. Via via col passare dei decenni si smise di produrre nel laboratorio (atelier) - per essere prodotto in forma industriale ed essere quindi alla portata della massa

5 Case di moda Produzione Ricerca materie prime Progetto Modellista Costumista Sarto Marketing Brand managers Comunicazione Ufficio stampa Responsabile comunicazioni Agenzia pubblicità Commerciale Direttore vendite Agenti di rappresentanza Buyer

6

7 fine degli anni Settanta: l'incontro sui tavoli di uno stilista milanese Iniziano il lavoro in alcuni studi 1982:si mettono in proprio Hanno suscitato un notevole interesse da parte dei mass media soprattutto per il fatto che Stefano e Domenico sono una coppia gay. Pare che si siano lasciati. Domenico Dolce, da bambino segue il padre titolare di una piccola azienda d'abbigliamento; Stefano Gabbana studia grafica, poi si dedica alla moda.

8 1985: nasce il marchio Dolce & Gabbana, e esordiscono con una sfilata a "Milano Collezioni" nella categoria Nuovi Talenti. 1986, presentano la prima collezione autoprodotta, e la prima sfilata Vere Donne siglano laccordo con lazienda di Saverio Dolce (padre di Domenico), per la produzione del prêt-à-porter. 1990: presentano la prima collezione maschile presentano il primo profumo donna 1993, la richiesta della cantante Madonna, di 150 costumi per un tour mondiale.

9 1994, nasce una linea per i giovani. 1996, firmano un accorto per lapertura di punti vendita in Giappone creano abiti e accessori per il tour mondiale di Whitney Houston lanciano il sito ufficiale a collaborare con Madonna 2001 nasce la collezione per bambini D&G Junior, e viene sponsorizzata una sfilata/evento di beneficenza a Los Angeles.

10 2002 creano abiti e accessori per il tour europeo di Kylie Minogue, viene inaugurato uno show-room a Tokyo 2004 aprono una boutique in Spagna, e firmano un accordo con Citroën Italia per una versione D&G di C3 Berlina e Pluriel aprono una boutique a Parigi 2006 Creano delle divise della Nazionale di Calcio Italiana, in occasioni dei Mondiali di Germania 2006

11 1909 comincia la sua attività cucendo cappelli 1914 i suoi guadagni le permettono di aprire due negozi a Parigi e a Deauville 1916 apre un salone di alta moda a Biarritz Chanel Nasce il 19 agosto 1883 Muore il 10 gennaio 1971

12 Chanel 1920 si trasferisce a Parigi, in una zona frequentata da gente ricca dove è ancora il suo atelier. Le sue creazioni di questo periodo erano in contrasto con quelle della belle époque 1923 esce il famoso profumo Chanel N°5,Fu il primo profumo a portare il nome di uno stilista e divenne il profumo più famoso del mondo. primi anni '30 sposa uno degli uomini più ricchi d'Europa, il Duca di Westminster fu costretta a chiudere il proprio atelier, quando la Francia dichiarò guerra alla Germania.

13 Chanel 1945 se ne andò esule in Svizzera, a causa di una storia d'amore avuta con un ufficiale nazista che le aveva fatto perdere il successo e la simpatia dei francesi. Di lei ormai si conosceva il suo anti-semitismo vide il suo grandioso ritorno sulle scene della moda mondiale 1971 muore a 87 anni, nella sua camera all'Hotel Ritz di Parigi, mentre preparava la collezione di quellanno.

14 1921 nasce lazienda Gucci specializzata in pelletterie artigianali. Il fondatore è Guccio Gucci che inizialmente lavora in alberghi rinomati di alcune importanti capitali europee. Torna a Firenze e apre dei negozietti di pelletterie comuni,articoli da viaggio ed equitazione. I marchi della casa alluderanno sempre allambito equestre

15 1938 apre una boutique a Roma. La sua fantasia permette allazienda di sopravvivere al periodo autoritario utilizzando materiali meno costosi:lino,bambù ecc da piccola azienda la Gucci diventa una s.r.l. e si fa conoscere negli U.S.A, dopo essersi già affermata in Europa Nascono e si sviluppano meglio i "capisaldi" del marchio come la prima borsa con il manico di bambù il mocassino con il morsetto 1967 il foulard Flora creato per Grace Kelly e nasce il logo GG.

16 Audrey Hepburn, Jackie Kennedy, Maria Callas, la duchessa di Windsor, scelgono articoli Gucci. Dagli anni sessanta Gucci è un fiorire di boutique che si estende fino in Asia 1982 lazienda diventa una S.P.A Tom Ford, stilista statunitense diventa responsabile del settore abbigliamento donna e nel 94 viene nominato responsabile creativo dellintera produzione, e rilancia la griffe sull'orlo della bancarotta. Attualmente la maison è diretta dalla stilista Frida Giannini.

17 1946 apre a Parigi un suo atelier e presenta la sua linea a corolla detta new look 1948 apre una boutique Dior New York. Il new look rappresentò un grande ritorno della gonna lunga a forma di corolla a venti centimetri dal suolo a cui si aggiungevano le spalle arrotondate e la taglia piccola. Granville, 21 gennaio 1905, Montecatini, 24 ottobre 1957

18 Ogni anno Dior aggredì il mercato con un'idea nuova: 1949 linea illusione a pannelli intercambiabili 1950 linea verticale con le gonne a tubo 1951 linea lunga con la gonna rigida linea sinuosa con la vita sciolta e le gonne accorciate 1953 linea tulipano metteva in evidenza il seno 1954 linea H che appiattiva il seno 1955 linea A con le gonne ampie e spalle strette

19 1956 linea a freccia che assottigliava la figura 1957 linea a sacco o a fuso. Fu anche il primo ad associare lo stile degli accessori alla linea dei vestiti, vendendoli insieme ai modelli. Dior veniva da una famiglia dell'alta borghesia francese, e aveva esordito come mercante d'arte Morì al Grand hotel dopo una partita di canasta. Dopo la sua morte la maison Dior ha continuato la sua attività con Yves Saint- Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré e John Galliano.

20 1978 fonda la sua maison Gianfranco Ferré Spa crea la linea di abbigliamento e accessori uomo "Gianfranco Ferrè e "Gianfranco Ferrè Couture 1984 crea il primo profumo femminile 15 agosto 1944 Nasce a Legnano 17 giugno 07 ore 21 muore in seguito ad un'emorragia cerebrale

21 1989 assume la direzione artistica della maison francese Christian Dior 1991 esce sul mercato il profumo "Ferrè by Ferrè 1996 vede la creazione della linea "Gianfranco Ferrè Jeans 1998 inaugurazione della nuova sede di Milano 2000 linea per bambini

22 I prossimi capi sono stati creati da Cinzia Stefano, in occasione di una sfilata ad Asti. Questi abiti potrebbero essere linizio di un successo futuro …

23 Abito da giorno by Materiale: jeans di cotone, organza di seta. Compozione: top, gonna. Descrizione: top con scollatura a v, e bottoni sul dietro, colletto a revers. Gonna a vita bassa con il fondo a punta. Colore: blu

24 Abito da sera by Materiale: elastane Composizione: abito da sera. Descrizione: abito lungo con scollatura quadrata, con piccoli pannelli applicati al fondo manica e in vita. Colore: rosso amarena

25 Completo casual by Materiale: cotone Composizione: top, giacca e pantaloni. Descrizione: top incrociato sul davanti, abbottonatura sul dietro. Giacca: lunga altezza fianchi, colletto a revers, senza bottoni. Pantaloni: vita bassa,linea dritta con spirale di cotone. Colore: panna.

26 THE END

27 Questo lavoro è stato realizzato da: Antoniazzi Akena Ferreira de souza Selma Liprandi Graziella Mutica Vasilica Partyka Olga Stefano Cinzia

28 Ringraziamo tutti i docenti che ci hanno aiutato in questo progetto,in particolare … ALESSANDRO CASTI


Scaricare ppt "La moda. Le vie della moda Storia Organigramma Stili e status symbol."

Presentazioni simili


Annunci Google