La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GRUPPO La Direttiva Giocattoli 2009/48/CE 24 Marzo 2011 Camera di Commercio di Ancona I STITUTO I TALIANO DEL M ARCHIO DI Q UALITÀ Ing. Claudio Roversi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GRUPPO La Direttiva Giocattoli 2009/48/CE 24 Marzo 2011 Camera di Commercio di Ancona I STITUTO I TALIANO DEL M ARCHIO DI Q UALITÀ Ing. Claudio Roversi."— Transcript della presentazione:

1 GRUPPO La Direttiva Giocattoli 2009/48/CE 24 Marzo 2011 Camera di Commercio di Ancona I STITUTO I TALIANO DEL M ARCHIO DI Q UALITÀ Ing. Claudio Roversi

2 GRUPPO SISTEMA EUROPEO DI ALLERTA RAPIDA (RAPEX) Assicura che le informazioni sui prodotti pericolosi identificati in uno Stato Membro siano trasmesse rapidamente agli altri Stati Membri e alla Commissione per il seguito appropriato Notifiche da parte degli Stati Membri sulle misure restrittive ordinate dalla autorità o prese volontariamente dagli operatori riguardanti prodotti che pongono gravi rischi Requisito di effetto transfrontaliero Esclusi: prodotti alimentari, farmaceutici, dispositivi medici Fonte: Rapporto Annuale Rapex 2009

3 GRUPPO LE TIPOLOGIE DI PRODOTTO 2009 Fonte: Rapporto Annuale Rapex 2009

4 GRUPPO Fonte: Rapporto Annuale Rapex 2008 LE TIPOLOGIE DI PRODOTTO 2008

5 GRUPPO Fonte: Rapporto Annuale Rapex 2009 I RISCHI PIU FREQUENTI

6 GRUPPO LA PROVENIENZA DEI PRODOTTI Il 60% delle segnalazioni (Notifications) è relativo a prodotti di provenienza Cinese, a cui si deve probabilmente aggiungere almeno una parte del 7% la cui provenienza non è conosciuta Fonte: Rapporto Annuale Rapex 2009

7 GRUPPO SORVEGLIANZA DEL MERCATO: LESPERIENZA DI IMQ IMQ collabora fornendo supporto tecnico a: Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) Agenzia delle Dogane Camere di Commercio Guardia di Finanza IMQ partecipa al Tavolo Elettrico presso il MISE (istituito nel 2003 per la lotta alla contraffazione dei prodotti elettrici)

8 GRUPPO 90% ESITO NEGATIVO eee

9 GRUPPO I PROBLEMI RICORRENTI Sulla documentazione: Mancanza della Dichiarazione di Conformità CE (o firmata da soggetto non autorizzato) Presenza dei soli Certificati EMC o LVD senza Test Report Test Report riferiti a modelli diversi da quelli importati Manuale duso non coerente con il prodotto o incompleto Logo CE non rispondente ai requisiti dimensionali

10 GRUPPO I PROBLEMI RICORRENTI Sul Prodotto: Componenti elettrici diversi da quelli indicati nel Fascicolo Tecnico/Rapporti di Prova (es.: spina di collegamento/sezione cavi) Mancanza delle corrette marcature Introduzione di modifiche costruttive significative non conformi (es.: rondella dentellata per la messa a terra)

11 GRUPPO QUADRO NORMATIVO ATTUALE DIRETTIVA 88/378 IN VIGORE DAL 1988 E FINO AL 20 LUGLIO 2011 garantisce la libera circolazione dei giocattoli sicuri tra i 27 Stati membri appartenenti allUnione Europea; stabilisce i requisiti essenziali di sicurezza ai quali i giocattoli devono essere conformi NORME ARMONIZZATE della serie UNI EN 71 – Sicurezza dei Giocattoli NORMA CEI EN 62115:2005 – Giocattoli Elettrici Altre Direttive specifiche, ad esempio: Direttiva Sicurezza Generale Prodotti; Compatibilità Elettromagnetica; Ftalati; ecc.

12 GRUPPO 20 Luglio 2011 La Direttiva 2009/48/CE – Tempi di implementazione 20 Luglio 2013 La Direttiva 88/378/CE Giugno 2009 Entra in vigor e definitivamente la Direttiva 2009/48/CE (eccetto Req. Chimici) La Direttiva 2009/48/CE (completa) Pubbllicata la Direttiva 2009/48/CE REVISIONE EN 71-1;2;8 EN REVISIONE EN 71-3;4;5;7 …nuove norme? DECRETO 10 MARZO 2011

13 GRUPPO MODIFICHE SALIENTI INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2009/48/CE 1.Aggiornato il campo di applicazione della Direttiva attraverso un completamento dellelenco dei prodotti esclusi, con particolare riferimento ad alcuni nuovi prodotti quali i videogiochi e periferiche. Vengono introdotte alcune nuove definizioni di giocattolo funzionale, di gioco di attività, di rischio e di danno e di velocità di progetto. 2.Sono aggiornati e completati i requisiti di sicurezza, in particolare per quanto riguarda limpiego delle sostanze chimiche che devono essere conformi alla normativa comunitaria generale sui prodotti chimici, compreso il Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH). La principale novità riguarda lintroduzione di norme specifiche per le sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR), del divieto duso o dellobbligo di etichettatura per alcune sostanze allergizzanti e alcune fragranze.

14 GRUPPO MODIFICHE SALIENTI INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2009/48/CE 3.Sono rivisti altri requisiti di sicurezza quali quelli riguardanti le proprietà elettriche e fisico – meccaniche nonché alcuni rischi per la salute e la sicurezza del bambino, con particolare riguardo a al soffocamento per inalazione e per ostruzione delle vie aeree che viene esteso a tutti i giocattoli destinati ad essere portati alla bocca, indipendentemente dalletà dellutilizzatore. 4.Anche il settore avvertenze subisce una implementazione: lobbligo di chiarezza e di leggibilità è integrato con specifiche restrizioni relative agli utilizzatori come ad esempio la fascia di età e labilità dellutilizzatore. Il nuovo decreto legislativo impatta anche con prodotti alimentari abbinati ai giocattoli prevedendo che questi siano separati dallalimento mediante un opportuno imballaggio ed introducendo il divieto di commercializzare giocattoli che per essere accessibili al bambino necessitino da parte dello stesso il consumo della parte edibile.

15 GRUPPO MODIFICHE SALIENTI INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2009/48/CE 5.Per i fabbricanti e gli importatori di giocattoli è introdotto lobbligo di tenere a disposizione delle autorità di vigilanza la documentazione tecnica per dieci anni e di un fascicolo tecnico contenente dati sulla progettazione/fabbricazione e sulle sostanze chimiche utilizzati nella produzione del giocattolo. 6.Marcatura CE per la quale oltre ad essere ribadito lobbligo di apposizione sul giocattolo o sullimballaggio e, nel caso di giocattoli di piccole dimensioni, su unetichetta o su un foglio informativo, si introduce il nuovo obbligo di apporre sempre il CE sullimballaggio, qualora quello apposto sul giocattolo non sia visibile dallesterno dellimballaggio stesso.

16 GRUPPO MODIFICHE SALIENTI INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2009/48/CE 7.Obbligo di accreditamento per gli Organismi di valutazione della conformità. In Italia sarà Accredia lente preposto a valutare la capacità di un organismo di Certificazione

17 GRUPPO CAMPO DI APPLICAZIONE DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 Art. 2 – comma 1 La presente direttiva si applica ai prodotti progettati o destinati, in modo esclusivo o meno, a essere utilizzati per fini di gioco da bambini di età inferiore a 14 anni. A norma della presente direttiva, i prodotti elencati nellallegato I non sono considerati come giocattoli. Art. 1 La presente direttiva si applica ai giocattoli. Per giocattolo si intende qualsiasi prodotto concepito o manifestamente destinato ad essere utilizzato a fini di gioco da bambini di età inferiore ai 14 anni. I prodotti elencati all'allegato I non sono considerati giocattoli nel senso della presente direttiva. Definizione di giocattolo

18 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 1Prodotti destinati a collezionisti adulti, purché il prodotto o il suo imballaggio rechino unindicazione chiara e leggibile che si tratta di un prodotto destinato a collezionisti di età 14 anni e superiore. Esempi di questa categoria: a) modelli in scala fedeli e dettagliati, b) kit di montaggio di dettagliati modelli in scala, c) bambole folcloristiche e decorative e altri articoli analoghi, d) repliche storiche di giocattoli, e e) riproduzioni di armi da fuoco reali; a)-b) Modelli ridotti, costruiti su scala in dettaglio per collezionisti adulti; c) Bambole folcloristiche e decorative e altri articoli analoghi per collezionisti adulti; d)-e) Imitazioni fedeli di armi da fuoco reali (continua)

19 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 2Decorazioni e addobbi per festività e Celebrazioni Decorazioni natalizie 3Attrezzature sportive, compresi pattini a rotelle, pattini in linea e skateboard destinati a bambini aventi una massa corporea superiore a 20 kg Attrezzature sportive 4monopattini e altri mezzi di trasporto destinati allo sport o a essere utilizzati per spostamenti sulla pubblica via (continua)

20 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 5Biciclette con un'altezza massima alla sella di oltre 435 mm, misurata in verticale dal suolo alla superficie superiore della sella con la sella in posizione orizzontale e regolata con il morsetto inserito nel foro più basso Biciclette concepite per scopi sportivi o per spostamenti sulla pubblica via 6Veicoli elettrici destinati a essere utilizzati per spostamenti sulla pubblica via o sui marciapiedi; 7Attrezzature per attività acquatiche da utilizzare in acque profonde e dispositivi per imparare a nuotare destinati ai bambini, come sedili gonfiabili e ausili per il nuoto Attrezzature nautiche da utilizzare in acque Profonde EN ausili per il galleggiamento come braccioli e salvamenti a mutandina (continua)

21 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 8Puzzle di oltre 500 pezziPuzzle di oltre 500 pezzi o senza modello, destinati agli specialisti 9Fucili e pistole a gas compresso,eccetto i fucili ad acqua e gli archi per il tiro con l'arco di lunghezza superiore a 120 cm Armi ad aria compressa EN 71-1:archi con una lunghezza globale in posizione distesa maggiore di 120 cm 10Fuochi d'artificio comprese le capsule a percussione non destinate specificamente ai giocattoli Fuochi d'artificio compresi gli inneschi a percussione (1) (1)Ad eccezione degli inneschi a percussione destinati specialmente per giocattoli, senza pregiudizio delle più rigorose disposizioni già vigenti in taluni Stati membri. 11Prodotti e giochi con proiettili appuntiti, quali giochi di freccette con punte metalliche Giochi con freccette a punte metalliche (continua)

22 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 12Prodotti educativi funzionali, quali forni, ferri da stiro o altri prodotti funzionali elettrici alimentati con tensione nominale superiore a 24 volt venduti esclusivamente per essere utilizzati a fini didattici, sotto la sorveglianza di un adulto Forni elettrici, ferri da stiro o altri prodotti funzionali alimentati con corrente nominale superiore a 24 volt 13Prodotti destinati a essere utilizzati per scopi educativi nelle scuole e in altri contesti pedagogici sotto la sorveglianza di un educatore adulto, come ad esempio le apparecchiature scientifiche NON PIU CONSIDERATI NELLA NUOVA DIRETTIVA Prodotti comprendenti elementi termici destinati ad essere utilizzati sotto la sorveglianza di un adulto in un ambito pedagogico (continua)

23 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 14Apparecchiature elettroniche quali PC e console di gioco per accedere a software interattivi e alle relative periferiche, qualora le apparecchiature elettroniche o le relative periferiche non siano espressamente concepite per i bambini e ad essi destinate e non abbiano in sé un valore ludico come PC, tastiere, joystick o volanti appositamente progettati Videogiochi collegabili ad un apparecchio televisivo, alimentati da una tensione nominale superiore a 24 volt (continua) 15Software interattivi destinati al tempo libero e all'intrattenimento, come giochi elettronici per PC e i relativi supporti di memorizzazione quali i CD

24 GRUPPO ALLEGATO I°: NON SONO CONSIDERATI GIOCATTOLI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 17Succhietti per neonati e bambini piccoli Succhiotti di puericultura 18Articoli di illuminazione suscettibili di attrarre i bambini Trasformatori per giocattoli 19Accessori moda per bambini non destinati ad essere usati durante il gioco Bigiotteria destinata ad essere portata dai bambini (20)EN 71-1: occhiali da nuoto, occhiali da sole e altri dispositivi di protezione degli occhi nonché i caschi per bicicletta e tavole a rotelle (skateboard)

25 GRUPPO ALLEGATO I°: ALTRE ESCLUSIONI DIRETTIVA 09/48DIRETTIVA 88/378 Art.2 – comma 2 La presente direttiva non si applica: a) alle attrezzature per aree da gioco per uso pubblico; b) alle macchine da gioco automatiche, a moneta o no, per uso pubblico; c) ai veicoli-giocattolo con motore a combustione; d) alle macchine a vapore giocattolo; e alle fionde e alle catapulte. I settori esclusi non sono specificati nella Dir. 88/378, ma rimandati alla EN 71-1: a) Attrezzature destinate ad essere usate collettivamente su campi da gioco b) Giocattoli «professionali» installati in luoghi pubblici (grandi magazzini, stazioni, ecc.) c) Veicoli con motore a combustione d) Giocattoli macchine a vapore e) Fionde e lancia sassi (*) (*)EN 71-1: articoli che sono spinti in volo libero dal bambino rilasciando un nastro elastico (per esempio aeroplani e razzi) sono considerati lancia sassi. Prodotti che sono giocattoli, ma che non rientrano nel campo di applicazione della Direttiva 2009/49/CE (5 categorie)

26 GRUPPO LA COMMERCIALIZZAZIONE DI UN GIOCATTOLO: DEFINIZIONI ART. 3 Comma 1 «messa a disposizione sul mercato»: la fornitura di un giocattolo per la distribuzione, il consumo o luso sul mercato comunitario nel corso di unattività commerciale, a titolo oneroso o gratuito. ART. 3 Comma 2 «immissione sul mercato»: la prima messa a disposizione di un giocattolo sul mercato comunitario.

27 GRUPPO ART. 19: PROCEDURE DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ 1. […]. 2. Qualora il fabbricante abbia applicato le norme armonizzate[…] riguardanti tutti i requisiti di sicurezza del giocattolo, il fabbricante segue la procedura di controllo interno della produzione di cui al modulo A dellAllegato II della decisione 768/2008/CE. Oppure…. 3. Il giocattolo è sottoposto ad esame CE del tipo, di cui allarticolo 20, congiuntamente alla procedura di conformità al tipo prevista dal modulo C dellallegato II della decisione n. 768/2008/CE nei seguenti casi: a)qualora non esistano norme armonizzate, i cui riferimenti siano stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dellUnione europea, riguardanti tutti i requisiti di sicurezza del giocattolo; b)quando esistono le norme armonizzate di cui alla lettera a), ma il fabbricante non le ha applicate o le ha applicate solo in parte; c)quando una o più norme armonizzate di cui alla lettera a) sono state pubblicate con una limitazione; d)quando il fabbricante ritiene che la natura, la progettazione, la costruzione o la destinazione del giocattolo richiedono il ricorso alla verifica da parte di terzi.

28 GRUPPO ALL. IV - DOCUMENTAZIONE TECNICA DEL GIOCATTOLO La documentazione tecnica che il fabbricante deve tenere a disposizione è la seguente: a) una descrizione dettagliata della progettazione e della fabbricazione; b) la o le valutazioni di sicurezza effettuate; c) una descrizione della procedura di valutazione della conformità seguita; d) una copia della dichiarazione CE di conformità; e) lindirizzo dei luoghi di fabbricazione e di immagazzinamento; f) copie dei documenti che il fabbricante ha presentato allorganismo notificato se coinvolto; g) relazioni delle prove e descrizione dei mezzi mediante i quali il fabbricante ha garantito la conformità della produzione alle norme armonizzate nel caso in cui il fabbricante si sia avvalso della procedura controllo interno della produzione di cui allarticolo 19, paragrafo 2; e h) una copia del certificato desame CE del tipo, una descrizione dei mezzi mediante i quali il fabbricante ha garantito la conformità della produzione al tipo descritto in detto attestato, nonché copia dei documenti presentati dal fabbricante allorganismo notificato, nel caso in cui il fabbricante abbia sottoposto il giocattolo alla procedura di esame CE del tipo ed abbia seguito la procedura di dichiarazione di conformità del tipo di cui allarticolo 19, paragrafo 3.

29 GRUPPO AVVERTENZE (ART.11) Se necessario per la sicurezza duso del giocattolo, dovranno essere apposte delle indicazioni in maniera 1. VISIBILE 2. LEGGIBILE 3. COMPRENSIBILE 4.ACCURATA precedute dalla parola AVVERTENZA/AVVERTENZE sul GIOCATTOLO su di una ETICHETTA sullIMBALLAGGIO Se del caso sulle ISTRUZIONI PER LUSO

30 GRUPPO AVVERTENZE GENERALI AVVERTENZE GENERALI Allegato V - parte A) età minima o massima dellutilizzatore abilità dellutilizzatore peso minimo o massimo dellutilizzatore necessità di sorveglianza da parte di un adulto

31 GRUPPO AVVERTENZE SPECIFICHE AVVERTENZE SPECIFICHE (Allegato V - parte B) Giocattolo non adatto a bambini di età inferiore ai 36 mesi oppure 3 anni, seguita da motivazione, oppure:

32 GRUPPO AVVERTENZE SPECIFICHE AVVERTENZE SPECIFICHE (Allegato V - parte B), ALCUNI ESEMPI: Giochi di attività: Solo per uso domestico Giocattoli funzionali: Da usare sotto la sorveglianza di un adulto Giocattoli chimici: Non adatto a bambini inferiori a…anni. Da usare sotto la sorveglianza di un adulto Pattini, a rotelle, in linea, skateboard,monopattini e biciclette per bambini: Si raccomanda di utilizzare un dispositivo di protezione. Non usare nel traffico Giocattoli nautici: Da utilizzare unicamente in acque dove il bambino tocca il fondo con i piedi sotto la sorveglianza di un adulto

33 GRUPPO AVVERTENZE SPECIFICHE Giocattoli contenuti nei prodotti alimentari: Contiene giocattolo. Si raccomanda la sorveglianza di un adulto Imitazione di maschere e caschi di protezione: Questo giocattolo non fornisce protezione Giocattoli destinati ad essere appesi ad una culla, ad un lettino o ad una carrozzina per mezzo di lacci, corde, elastici o nastri: Per evitare eventuali lesioni da impigliamento, rimuovere questo giocattolo quando il bambino comincia a tentare di alzarsi con le mani e sulle ginocchia in posizione di gattonamento Imballaggi delle fragranze nei giochi olfattivi da tavolo, nei kit cosmetici e nei giochi gustativi: Contiene fragranze potenzialmente allergizzanti …SEGUE..

34 GRUPPO NUOVI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E SALUTE La velocità massima di progetto dei giocattoli cavalcabili elettrici deve essere limitata in modo da ridurre al minimo il rischio di lesioni. ALLEGATO II REQUISITI PARTICOLARI DI SICUREZZA I.Proprietà fisico-meccaniche ART. 7

35 GRUPPO NUOVI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E SALUTE …..CONSIDERANDO….. Per proteggere i bambini dal rischio di danneggiamento delludito provocato da giocattoli sonori, è opportuno fissare norme più restrittive e più approfondite per limitare i valori massimi del rumore, sia impulsivo, sia prolungato, emesso da tali giocattoli. È pertanto necessario stabilire un nuovo requisito essenziale di sicurezza concernente i suoni emessi da tali giocattoli. I giocattoli destinati a produrre un suono devono essere progettati e costruiti considerando i valori massimi del rumore, sia impulsivo, sia prolungato, in modo che il suono da essi emesso non possa danneggiare ludito dei bambini. ALLEGATO II REQUISITI PARTICOLARI DI SICUREZZA I.Proprietà fisico-meccaniche ART. 10

36 GRUPPO NUOVI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E SALUTE I giocattoli devono essere costruiti in modo da garantire che: a) la temperatura minima e massima di ogni superficie accessibile non provochi lesioni in caso di contatto ALLEGATO II REQUISITI PARTICOLARI DI SICUREZZA I.Proprietà fisico-meccaniche ART. 9

37 GRUPPO I giocattoli e le loro parti non devono presentare alcun rischio di asfissia per blocco del flusso daria a causa di unostruzione delle vie aeree allesterno della bocca e del naso. NUOVI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E SALUTE ALLEGATO II REQUISITI PARTICOLARI DI SICUREZZA I.Proprietà fisico-meccaniche ART. 4 lettera b)

38 GRUPPO NUOVI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E SALUTE ALLEGATO II REQUISITI PARTICOLARI DI SICUREZZA I.Proprietà fisico-meccaniche ART. 4 lettera c) I giocattoli e le loro parti devono avere dimensioni tali da non comportare alcun rischio di asfissia per interruzione del flusso daria a seguito dellostruzione interna delle vie aeree causata da corpi incastrati nella bocca o nella faringe o introdotti allingresso delle vie respiratorie inferiori.

39 GRUPPO LA MARCATURA CE La marcatura CE di conformità è costituita dalle iniziali "CE " secondo il simbolo grafico che segue (Allegato V): In caso di riduzione o di ingrandimento della marcatura CE, devono essere rispettate le proporzioni indicate nel simbolo grafico graduato di cui sopra. I diversi elementi della marcatura CE devono avere sostanzialmente la stessa dimensione verticale, che non può essere inferiore a 5 mm.

40 GRUPPO LA MARCATURA CE deve essere apposta in modo visibile, leggibile e indelebile sul giocattolo o su unetichetta affissa o sullimballaggio; nel caso di giocattoli di piccole dimensioni o costituiti da piccole parti la marcatura CE può essere apposto su unetichetta oppure su un foglio informativo; qualora ciò risulti tecnicamente impossibile, nel caso di giocattoli venduti in espositori e a condizione che lespositore sia stato inizialmente utilizzato come imballaggio per i giocattoli, la marcatura CE deve essere affissa sullespositore stesso; (continua)

41 GRUPPO LA MARCATURA CE qualora il simbolo CE non sia visibile dallesterno dellimballaggio, questo va apposto almeno sullimballaggio; la marcatura CE è apposta sul giocattolo prima della sua immissione sul mercato. Può essere seguita da un pittogramma o da qualsiasi altro marchio che indichi un rischio o un impiego particolare. I giocattoli che non recano la marcatura CE o che non sono altrimenti conformi alla presente direttiva possono essere presentati ed utilizzati in occasione di fiere ed esposizioni, purché unindicazione chiara precisi che il giocattolo non è conforme alla presente direttiva e che non saranno messi a disposizione nella Comunità prima di essere resi conformi.

42 GRUPPO ART. 15: DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ 1. La dichiarazione CE di conformità attesta che è stata dimostrata la conformità ai requisiti definiti allarticolo 10 e allallegato II. 2. La dichiarazione CE di conformità contiene almeno gli elementi specificati nellallegato III della presente direttiva e dei pertinenti moduli della decisione 768/2008/CE ed è continuamente aggiornata. La dichiarazione CE di conformità ha la struttura tipo di cui allallegato III della presente direttiva. È tradotta nella lingua o nelle lingue richieste dallo Stato membro nel quale il giocattolo viene immesso o messo a disposizione. 3. Con la dichiarazione CE di conformità il fabbricante si assume la responsabilità della conformità del giocattolo

43 GRUPPO DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ 1.Art. Nr. … (identificazione unica del giocattolo/dei giocattoli) 2.Nome ed indirizzo del fabbricante o del suo rappresentante autorizzato: 3.La presente dichiarazione di conformità è rilasciata sotto lesclusiva responsabilità del fabbricante: 4.Oggetto della dichiarazione (identificazione del giocattolo che ne consenta la rintracciabilità). È inclusa unimmagine a colori di chiarezza sufficiente a permettere lidentificazione del giocattolo). 5.Loggetto della dichiarazione di cui al punto 4 è conforme alla pertinente normativa comunitaria di armonizzazione 6.Riferimento alle pertinenti norme armonizzate utilizzate o riferimento alle specifiche in relazione alle quali viene dichiarata la conformità: 7.Se del caso, lorganismo notificato …: (denominazione, numero) … ha effettuato (descrizione dellintervento) … e rilasciato il certificato: 8.Informazioni supplementari: 9.Firmato in nome e per conto di: (luogo e data di emissione) (nome e cognome, funzione) (firma)

44 GRUPPO Fabbricante: persona fisica o giuridica che fabbrica un giocattolo, oppure lo fa progettare o fabbricare, e lo commercializza apponendovi il proprio nome o marchio; Rappresentante Autorizzato: una persona fisica o giuridica stabilita nella Comunità che ha ricevuto da un fabbricante un mandato scritto che la autorizza ad agire per suo conto in relazione a determinati compiti; Importatore: una persona fisica o giuridica stabilita nella Comunità che immette sul mercato comunitario un giocattolo originario di un paese terzo; Distributore: una persona fisica o giuridica nella catena di fornitura, diversa dal fabbricante o dallimportatore, che mette a disposizione sul mercato un giocattolo; OPERATORI ECONOMICI La Direttiva prevede e definisce quattro figure di operatori economici Direttiva 2009/48/CE Art. 3

45 GRUPPO FABBRICANTE Obblighi e compiti (Art. 4): 1.GARANTIRE che i giocattoli sono prodotti in conformità ai requisiti previsti dalla Direttiva; 2.PREPARARE la documentazione tecnica; 3.ESEGUIRE O FAR ESEGUIRE la procedura di valutazione della conformità; 4.REDIGERE la dichiarazione CE di conformità; 5.APPORRE la marcatura CE; 6.CONSERVARE la documentazione tecnica e la dichiarazione CE di conformità per 10 anni dallimmissione del giocattolo sul mercato.

46 GRUPPO FABBRICANTE (segue) 7.GARANTIRE che: la produzione in serie si mantenga conforme; sui giocattoli sia apposto il numero di tipo, di lotto, di serie, di modello (imballaggio, documenti di accompagnamento); il giocattolo sia accompagnato da istruzioni ed informazioni sulla sicurezza in lingua italiana. 8.INDICARE sul giocattolo, il suo nome, la sua denominazione commerciale o il suo marchio registrato e lindirizzo dove può essere contattato (imballaggio, documenti di accompagnamento) (continua)

47 GRUPPO FABBRICANTE 9.Il fabbricanti che ritengono che un giocattolo immesso sul mercato non sia conforme alla pertinente normativa deve PRENDERE immediatamente misure affinché il giocattoli sia: RESO CONFORME; oppure RITIRATO ; oppure RICHIAMATO. Qualora il giocattolo presenti un rischio dovranno essere immediatamente avvisate le autorità nazionali dei Paesi membri. 10.Il fabbricante, su richiesta motivata delle autorità nazionali competenti, dovrà FORNIRE tutta la documentazione e le informazioni necessarie per dimostrare la conformità del giocattolo.

48 GRUPPO RAPPRESENTANTE AUTORIZZATO Obblighi e compiti (Art. 5): E nominato dal fabbricante mediante mandato scritto che, oltre agli accordi di carattere commerciale tra le parti, deve consentire di eseguire almeno i seguenti compiti nei confronti delle Autorità nazionali: 1.TENERE a disposizione la dichiarazione CE di conformità e la documentazione tecnica per un periodo di dieci anni dopo limmissione sul mercato del giocattolo; 2.FORNIRE a seguito di richiesta motivata da parte delle Autorità di controllo, tutte le informazioni e la documentazione necessarie per dimostrare la conformità di un giocattolo; 3.COOPERARE con le stesse Autorità, su loro richiesta, a qualsiasi azione intrapresa per eliminare i rischi presentati dai giocattoli che rientrano nel loro mandato. IL RAPPRESENTANTE NON HA LOBBLIGO DI GARANTIRE UNA PROGETTAZIONE E UNA FABBRICAZIONE CONFORME ALLE NORME E A REDIGERE LA DOCUMENTAZIONE TECNICA.

49 GRUPPO IMPORTATORE Obblighi e compiti (Art. 6): 1.IMMETTERE sul mercato UE solo giocattoli conformi e, nel caso non lo fosse, di non immetterlo sino a quando non sia stato reso conforme; 2.ASSICURARSI che il FABBRICANTE abbia: - eseguito la procedura corretta per la valutazione di conformità, - preparato la documentazione tecnica, - apposto la marcatura CE sul giocattolo, -apposto il numero di serie, di lotto, la denominazione commerciale o il marchio; 3. GARANTIRE che per la durata del tempo durante il quale un giocattolo è sotto la sua responsabilità, le condizioni di immagazzinamento e di trasporto non mettono a repentaglio la conformità del giocattolo ai requisiti di sicurezza richiesti. (continua)

50 GRUPPO IMPORTATORE (segue) 4. INDICARE sul giocattolo, il suo nome, la sua denominazione commerciale o il suo marchio registrato e lindirizzo dove può essere contattato (imballaggio, documenti di accompagnamento). 5.CONSERVARE la documentazione tecnica e la dichiarazione CE di conformità per 10 anni dallimmissione del giocattolo sul mercato, garantendone la sua disponibilità; 6.GARANTIRE che il giocattolo sia accompagnato da istruzioni ed informazioni sulla sicurezza in lingua italiana. (continua)

51 GRUPPO IMPORTATORE (segue) 7.LIMPORTATORE che ritenga un giocattolo immesso sul mercato non sia conforme alla normativa deve PRENDERE immediatamente misure affinché il giocattoli sia: RESO CONFORME oppure RITIRATO oppure RICHIAMATO Se ritenuto a rischio, dovranno essere immediatamente avvisate le autorità nazionali dei Paesi membri. 8.LIMPORTATORE, su richiesta delle autorità nazionali competenti, dovrà FORNIRE la documentazione e le informazioni necessarie per dimostrare la conformità del giocattolo e cooperare con le stesse per eliminare i rischi dai giocattoli che hanno immesso sul mercato.

52 GRUPPO DISTRIBUTORE (figura non prevista dalla Direttiva 88/378) Obblighi e compiti (Art. 7): 1.AGIRE con la dovuta attenzione in relazione alle norme sulla sicurezza di riferimento 2.VERIFICARE che il giocattolo sia - marcato CE, - accompagnato dalle istruzioni in lingua italiana; 3.GARANTIRE che le condizioni di immagazzinamento e di trasporto non compromettano la conformità ai requisiti. (continua)

53 GRUPPO DISTRIBUTORE (segue) Obblighi 4.Se ritiene o ha motivo di credere che un giocattolo non sia conforme ai requisiti di sicurezza previsti dalla Direttiva, NON LO IMMETTE sul mercato sino a quando non sia stato reso conforme, oppure se già sul mercato, si deve assicurare che sia: RESO CONFORME oppure RITIRATO oppure RICHIAMATO Se ritiene che il giocattolo possa presentare dei rischi per il consumatore, dovrà avvisare immediatamente le autorità nazionali dei Paesi membri nei quali ha messo a disposizione il giocattolo. 5.IL DISTRIBUTORE, su richiesta delle autorità nazionali competenti, dovrà FORNIRE la documentazione e le informazioni necessarie per dimostrare la conformità del giocattolo e cooperare con le stesse per eliminare i rischi dai giocattoli che hanno immesso sul mercato.

54 GRUPPO DISTRIBUTORE Direttiva 2009/48/CE Art. 8 Un distributore é considerato alla stessa stregua di un produttore (si assume quindi tutte le sue Responsabilitá) quando immette sul mercato un Giocattolo con il suo nome o il suo marchio o modifica un giocattolo giá immesso sul mercato in modo tale da mettere a rischio la sua conformitá alle norme

55 GRUPPO IL QUADRO NORMATIVO EN 71: Sicurezza Giocattoli Parte 1 – Proprietà meccaniche e fisiche; Parte 2 – Infiammabilità; Parte 3 – Migrazione di alcuni elementi; Parte 4 – Set sperimentali per chimica e attività connesse; Parte 5 – Giochi chimici (set), esclusi set sperimentali per chimica; Parte 7 – Pitture a Dito Parte 8 – Altalene, scivoli e giocattoli di attività similari ad uso familiare per uso interno ed esterno; CEI EN 62115: sicurezza giocattoli elettrici Norme Armonizzate Norme non Armonizzate EN 71: Sicurezza Giocattoli Parte 6 – Simbolo grafico per letichettatura di avvertimento sulletà Parte 9 – Composti chimici organici Regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006 [REACH] Direttiva 2005/84/CE: Ftalati nei giocattoli e negli articoli di puericultura Regolamentazione comunitaria strettamente legata ai Giocattoli

56 GRUPPOFine Grazie a tutti per lattenzione Contacts: Ing. Claudio Roversi Tel.:


Scaricare ppt "GRUPPO La Direttiva Giocattoli 2009/48/CE 24 Marzo 2011 Camera di Commercio di Ancona I STITUTO I TALIANO DEL M ARCHIO DI Q UALITÀ Ing. Claudio Roversi."

Presentazioni simili


Annunci Google