La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Biotecnologie ed OGM. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi viventi al fine di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Biotecnologie ed OGM. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi viventi al fine di."— Transcript della presentazione:

1 Biotecnologie ed OGM

2 COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi viventi al fine di produrre beni e servizi.

3 COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie lutilizzazione integrata di biochimica, biologia cellulare e ingegneria genetica per realizzare applicazioni tecnologiche a partire dalle proprietà di microorganismi, di colture cellulari ed altri agenti biologici (Federazione Europea Biotecnologie).

4 COSA SONO GLI OGM organismo il cui materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto avviene in natura con l'accoppiamento e/o la ricombinazione genetica naturale" (Art. 2, Direttiva 2001/18/CE del 12/03/01) Quando si parla di Ogm oggi si intende di microorganismi, animali e piante che hanno un patrimonio genetico modificato in laboratorio, inserendo geni provenienti da organismi diversi, tramite le moderne tecniche del DNA ricombinante.

5 COSA SONO GLI OGM Gli OGM vengono quindi oggi ottenuti attraverso luso di tecniche di ingegneria genetica che permettono di inserire, allinterno del genoma di un organismo, frammenti di DNA provenienti anche da altri esseri viventi. Il DNA così ottenuto è definito DNA ricombinante. Lorganismo Ogm che risulta da questa manipolazione non è necessariamente totalmente diverso, anzi è apparentemente identico, ma possiede una qualche caratteristica di grande utilità.

6 ingegneria genetica

7 La tecnologia del DNA ricombinante Nasce negli Stati Uniti nei primi anni 70, grazie agli studi sui microorganismi, in particolare Escherichia coli. La maggior parte dei metodi utilizzati per studiare e manipolare il DNA utilizza i batteri, grazie alla scoperta dei Plasmidi e degli Enzimi di Restrizione, strumenti chiave della clonazione genica.

8 Escherichia coli

9

10

11 plasmide

12 enzimi di restrizione Sono enzimi presenti nei procarioti che difendono il batterio dal DNA estraneo, tagliandolo in punti specifici.

13

14 plasmide

15 DNA ligasi

16 Per «tagliare e incollare» il DNA si utilizzano: – enzimi batterici chiamati enzimi di restrizione che riconoscono brevi sequenze di nucleotidi del DNA e le tagliano in punti precisi; – lenzima DNA-ligasi che incolla le estremità dei filamenti di DNA catalizzando la formazione di legami covalenti.

17 Lenzima di restrizione riconosce la sequenza G A A T T C C T T A A G DNA 3 C T T A A A AT TC G G A AT T C C T TA A G G A AT T C C T TA A G Lenzima DNA-ligasi incolla i frammenti Lenzima di restrizione taglia il DNA in frammenti DNA ricombinante G G Estremità coesiva G C T T A A Aggiunta di un frammento di DNA di provenienza estranea Due frammenti si attaccano tra loro appaiando le basi azotate 5 Produzione di DNA ricombinante tramite luso di enzimi di restrizione e dellenzima DNA-ligasi:

18

19 Ottenuto un plasmidio ricombinante si possono ottenere copie tramite clonazione: – I plasmidi entrano nei batteri per trasformazione. – I batteri, con i plasmidi ricombinanti, sono messi in condizione di riprodursi, dando origine a un clone di cellule con molte copie dei plasmidi e dei geni che trasportano.

20 E.coli Plasmide DNA Gene V Estremità coesive Gene V Batterio ricombinante Cellula umana Plasmide con DNA ricombinante Clone batterico in possesso di molte copie del gene umano Clonazione di un gene in un plasmide batterico: Si isola il DNA da due fonti diverse 1 Si tagliano entrambi i DNA con un enzima di restrizione 2 Si mescolano le molecole di DNA che si uniscono mediante appaiamento di basi azotate 3 Si aggiunge DNA-ligasi per attaccare il DNA con legami covalenti 4 Si clona il batterio 6 Si inserisce il plasmide in un batterio tramite trasformazione 5

21 Clonazione genica: – I ricercatori possono inserire in un plasmide un pezzo di DNA contenente un gene dando origine a DNA ricombinante. – Il plasmide viene poi introdotto nella cellula batterica. – Il batterio geneticamente modificato è messo in coltura e si riproduce per formare un clone di cellule (un gruppo di cellule identiche alla cellula madre da cui derivano). – Ogni cellula possiede una copia del gene.

22 pcr

23

24 Per ottenere molte copie di una specifica sequenza di DNA si utilizza comunemente la tecnica PCR 1248 Molecola iniziale di DNA Numero di molecole di DNA Quando il campione di DNA è scarso o impuro, la reazione a catena della polimerasi (Polymerase Chain Reaction, o PCR) è un metodo più appropriato per ottenere un grande quantitativo di un particolare gene.

25

26 Thermus aquaticus

27 taq polimerasi

28 Sangue dellimputato Sangue rinvenuto sui vestiti dellimputato Sangue della vittima Unimpronta genetica (DNA fingerprint) può aiutare a risolvere in crimine:

29 elettroforesi

30 Lelettroforesi su gel separa i frammenti di DNA in base alle loro dimensioni ++ Generatore elettrico Gel Miscela di molecole di DNA di dimensioni diverse Molecole più lunghe Molecole più corte Disposizione finale - +

31

32 resistenza antibiotico

33 Coltura in Petri Dish

34 – La tecnologia del DNA ricombinante ha avuto un enorme impatto sullindustria alimentare e farmaceutica e sulla medicina umana. Le sue tecniche sono ampiamente utilizzate per: – la ricerca biochimica o cellulare e lo studio e la diagnosi delle malattie – per produrre farmaci, vaccini o enzimi alimentari. – piante ed animali OGM.

35 microorganismi GM I batteri geneticamente modificati si sono spesso dimostrati gli organismi migliori per sintetizzare un prodotto proteico, ma si utilizzano alloccorrenza anche cellule eucariote come lieviti o colture cellulari vegetali o animali.

36 insulina

37 – Linsulina e lormone della crescita umani sono stati i primi prodotti farmaceutici ottenuti con luso della tecnologia del DNA ricombinante. – Prima del 1982, le principali fonti di insulina erano i tessuti di suini e bovini prelevati nelle macellerie.

38

39 Vaccini – Grazie alla tecnologia del DNA i ricercatori sono in grado si sintetizzare anche nuovi vaccini (epatite B, influenza…). – Un vaccino è una variante o un derivato innocuo di un agente patogeno (di solito un batterio o un virus) ed è utilizzato per prevenire una malattia infettiva.

40 Ricerca Biologica, Diagnosi e cura delle malattie – In campo medico la tecnologia del DNA ricombinante è sempre più usata per comprendere i processi biochimici e cellulari della vita. Queste nuove conoscenze permettono di diagnosticare e curare le malattie.

41 Un giorno la terapia genica potrebbe fornire la cura per molte malattie La terapia genica può correggere le malattie imputabili a un singolo gene difettoso, sostituendolo o integrandolo con un allele normale. Gene clonato (allele normale) 1 Inserimento del gene normale nel virus 2 Le cellule del midollo osseo vengono infettate con il virus 3 Il DNA virale si inserisce nei cromosomi 4 Le cellule vengono iniettate nel paziente Midollo osseo Cellule di midollo osseo del paziente Acido nucleico virale Retrovirus

42 SCID David Vetter ( )

43 scid

44 – La terapia genica potrebbe un giorno essere usata per curare sia le malattie genetiche, sia le malattie non genetiche. – Anche se è uno strumento molto promettente, esistono ancora poche prove scientifiche evidenti della sua efficacia. – La terapia genica sulluomo solleva problemi sia tecnici sia etici (bioetica).


Scaricare ppt "Biotecnologie ed OGM. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi viventi al fine di."

Presentazioni simili


Annunci Google