La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Potenziamento del sistema fognario nella frazione di Boara – Comune di Ferrara Innovazione Tecnologica e Avanzamento Cantiere Ferrara, 28 novembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Potenziamento del sistema fognario nella frazione di Boara – Comune di Ferrara Innovazione Tecnologica e Avanzamento Cantiere Ferrara, 28 novembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 Il Potenziamento del sistema fognario nella frazione di Boara – Comune di Ferrara Innovazione Tecnologica e Avanzamento Cantiere Ferrara, 28 novembre 2013

2 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 2 Il sistema fognario esistente in Boara è caratterizzato da una alta frammentazione delle linee fognarie, che solo in minima parte vengono attualmente recapitate al depuratore. Tale divisione nasce da fattori legati alla crescita disomogenea e progressiva del centro abitato nel corso degli anni. Limpianto di depurazione, tecnologicamente superato, si trova al centro di unarea urbanizzata e di pregio residenziale. Premessa – Il sistema fognario esistente

3 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 3 Consumi idrici Consumi idrici: Mediamente i consumi acquedottistici richiesti dalla frazione di Boara sono pari a l/ab*d In progetto è stato considerato un valore pari a 400 l/ab*d, determinato dai seguenti fattori: Consumo di base derivato da utilizzo idrico ed umano; Eventi meteorologici; Infiltrazione di acqua di falda; La dotazione idrica adottata ha quindi consentito di soddisfare le richieste degli attuali residenti della frazione e di prevedere una certa elasticità nei confronti di future espansioni del centro abitato.

4 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 4 Obiettivi del Progetto Esecutivo Obiettivi del progetto: La scelta progettuale di adottare un sistema fognario in depressione consente di intercettare la fognatura esistente dal centro abitato e dallarea di recente espansione situata nella parte sud della frazione, creando nel contempo un sistema unico e centralizzato che aumenti lefficienza di controllo da parte dei tecnici HERA S.p.A. e contribuisca a migliorare le condizioni ambientali. Creare una soluzione di collettamento unificata per tutta la frazione, elastica e durevole che consenta di collegare in un prossimo futuro molte più utenze delle attuali. Possibilità di interconnettere altre tipologie di rete quali a gravità od in pressione, ottenendo quindi massima elasticità progettuale futura.

5 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 5 Obiettivi del Progetto Esecutivo Centrale del Vuoto Impianto di Sollevamento Nuova Fognatura a gravità Nuova Fognatura in pressione Rete in depressione

6 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 6 Componenti: Fonte immagini: UNI EN 1091:1998 -Collettore a depressione: collettore principale di adduzione del liquame alla centrale del vuoto con profilo a dente di sega, necessario allinnesco della miscela. -Centrale del vuoto: cuore del sistema al fine di un corretto funzionamento e della gestione dellintera rete. Descrizione di un progetto tecnologicamente innovativo -Camera di Raccolta: Composta da due serbatoi in linea che oltre a mantenere il vuoto allinterno del sistema, raccoglie i liquami

7 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 7 1)I reflui domestici vengono convogliati nella camera di raccolta, grazie al vuoto generato nel sistema. La valvola di interfaccia si apre consentendo limmissione di aria che, insieme al liquame già presente nella tubazione, crea una miscela bifase (aria-liquame). Il tutto fluisce in modo naturale in seguito allapertura delle valvole e al conseguente ingresso di aria, che per differenza di pressione crea una spinta in direzione della centrale. 2) Speciali pompe ricreano allinterno del sistema il vuoto. Lazionamento di tali pompe è calibrato al fine di ottenere circa 12 avviamenti ora. Ciò contribuisce ad una maggiore longevità del sistema. 3) Immissione nel serbatoio del vuoto e recapito finale: la miscela bifase, data lelevata velocità del sistema, arriva dopo 2-3 minuti al serbatoio di raccolta, che serve sia come raccolta dei liquami che come polmone del vuoto. Si ha inoltre a disposizione elasticità di gestione grazie ai due serbatoi installati in centrale. Ciò consente operazioni di gestione senza che lintera rete abbia un calo di funzionalità. Funzionamento del nuovo sistema fognario di Boara 4) Oltre ai precedenti componenti si è deciso di aggiungere un sistema di bypass che consenta, nel caso di piogge torrenziali, lallontanamento delle acque meteoriche ed il loro smaltimento nel vicino fiume.

8 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 8 Contenuti innovativi 1) condotte aventi diametri particolarmente ridotti; 2) scavi di modesta entità, compatibilmente con l'esigenza progettuale di limitare le perdite energetiche; 3) eliminazione o riduzione dei problemi di posa legati alla presenza di acque di falda; 4) eliminazione dei pozzetti d'ispezione; 5) scavi superficiali per strade di larghezza limitata ed edifici con fronte strada (diminuzione dei disagi); 6) possibilità di servire tutte le utenze ubicate lungo il tracciato della rete; 7) riduzione o eliminazione degli impianti di sollevamento; 8) minor impatto ambientale; 9) facilità nellesecuzione di futuri collegamenti alla rete stessa; 10) immediata verifica di eventuali intasamenti ed ostruzioni (frequenza comunque rara rispetto ai sistemi tradizionali presenti in letteratura); 11) velocità di rimozione dei sedimenti data lelevata velocità e quindi immediato smaltimento degli stessi; 12) Indipendenza della rete dal percorso scelto: ciò consente di adattare la rete ad ogni eventuale necessità rilevata lungo il percorso come tubazioni esistenti, manufatti interrati, ecc. 13)migliore efficienza energetica: lapertura delle valvole avviene semplicemente per azionamento meccanico o differenza di pressione. Laria immessa può così naturalmente fluire verso la centrale del vuoto. 14) controllo della rete attraverso computer in sito o telecontrollo in remoto direttamente dalle sedi HERA che consente una capacità di intervento immediata e puntuale; 15) possibilità di intervento sui singoli rami della rete senza dover arrestare il sistema (i residenti potranno continuare a scaricare normalmente)

9 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 9 Grazie anche al parziale avanzamento delle lavorazioni della rete presente nel centro della frazione, sarà possibile nellimmediato futuro (Dicembre 13 – Gennaio 14) iniziare a collegare ogni singolo ramo. Entro Maggio 14, dopo la fase di collaudo, la rete avrà la sua piena funzionalità. Stato di avanzamento del cantiere

10 DGO - Tecnologie e Sviluppo - Ingegneria Pagina 10 Responsabile Fognatura e Depurazione Hera S.p.A.: Dott. Ing. Francesco Ruggeri Responsabile della Progettazione: Dott. Ing. Riccardo Resca Progettista Direttore dei Lavori Coordinatore della sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione: Dott. Ing. Francesco Gradilone Studio HEUREIN – Ingegneria e Territorio


Scaricare ppt "Il Potenziamento del sistema fognario nella frazione di Boara – Comune di Ferrara Innovazione Tecnologica e Avanzamento Cantiere Ferrara, 28 novembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google