La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILIing. Domenico Mannelli wwww wwww wwww.... mmmm aaaa nnnn nnnn eeee llll llll iiii.... iiii nnnn ffff oooo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILIing. Domenico Mannelli wwww wwww wwww.... mmmm aaaa nnnn nnnn eeee llll llll iiii.... iiii nnnn ffff oooo."— Transcript della presentazione:

1 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILIing. Domenico Mannelli wwww wwww wwww.... mmmm aaaa nnnn nnnn eeee llll llll iiii.... iiii nnnn ffff oooo

2 ANALISI DELLE CAUSE DEGLI INFORTUNI MORTALI NEI CANTIERI DELLUNIONE NEI CANTIERI DELLUNIONE (1) ANALISI DELLE CAUSE DEGLI INFORTUNI MORTALI NEI CANTIERI DELLUNIONE NEI CANTIERI DELLUNIONE (1) ( 1) IL 60% DEGLI INFORTUNI IN CANTIERE DIPENDONO DA CAUSE DETERMINATE DA SCELTE EFFETTUATE PRIMA DELLINIZIO DEI LAVORI (Fonte: Commissione delle Comunità Europee) 2010

3 3/ LA STRUTTURA DEL TITOLO IV Capo I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota sezione I campo di applicazione sezione II disposizioni di carattere generale sezione III scavi e fondazioni sezione IV ponteggi e impalcature in legname sezione V ponteggi fissi sezione VI ponteggi movibili sezione VII costruzioni edilizie sezione VIII demolizioni Capo III Sanzioni

4 2010 D.Lgs. n. 494/1996 Nuovo D.Lgs. n. 81/2008 art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 art. 11 art. 12 art. 13 art. 14 art. 15 art. 16 art. 17 art. 18 art. 19 art. 20 art. 21 art. 22 art. 23 art. 88 art. 89 art. 100 art. 91 art. 92 art. 93 art. 94 art. 95 art. 96 art. 98 art. 99 art. 100 art. 101 art. 102 art. 103 art. 104 art. 157 art. 158 art. 159 art. 160

5 5/ CAPO I Articolo 88 campo di applicazione Il capo contiene disposizioni specifiche relative alle misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori nei cantieri temporanei o mobile, denominati: "cantieri che sono qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco è riportato nell ALLEGATO X.ALLEGATO X

6 6/ ALLEGATO X ELENCO DEI LAVORI EDILI O DI INGEGNERIA CIVILE 1. I lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le parti strutturali delle linee elettriche e le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro. 2. Sono, inoltre, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile gli scavi, ed il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile. modifica: comprese le linee elettriche

7 7/ Articolo 88 campo di applicazione ( esclusioni rimaste invariate) 2. Le disposizioni del presente capo non si applicano: a) ai lavori di prospezione, ricerca e coltivazione delle sostanze minerali; b) ai lavori svolti negli impianti connessi alle attività minerarie esistenti entro il perimetro dei permessi di ricerca, delle concessioni o delle autorizzazioni; c) ai lavori svolti negli impianti che costituiscono pertinenze della miniera: gli impianti fissi interni o esterni, i pozzi, le gallerie, nonché i macchinari, gli apparecchi e utensili destinati alla coltivazione della miniera, le opere e gli impianti destinati all'arricchimento dei minerali, anche se ubicati fuori del perimetro delle concessioni; d) ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e trasporto dei prodotti delle cave ed alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali; e) alle attività di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi liquidi e gassosi nel territorio nazionale, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale e nelle altre aree sottomarine comunque soggette ai poteri dello Stato; f) ai lavori svolti in mare; g) alle attività svolte in studi teatrali, cinematografici, televisivi o in altri luoghi in cui si effettuino riprese, purché tali attività non implichino l'allestimento di un cantiere temporaneo o mobile g-bis) ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui allallegato X g-ter), alle attività di cui al decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 272, ( Sicurezza nei servizi portuali e nei cantieri navali) che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui allallegato X.

8 8/ Articolo 89 – Definizione committente (definizione rimasta invariata) b) committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente è il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell'appalto;

9 9/ Articolo 89 – Definizione Responsabile dei lavori c) responsabile dei lavori: soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto; nel campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, il responsabile dei lavori è il responsabile del procedimento;

10 10/ Articolo 89 – Definizione lavoratore autonomo (definizione rimasta invariata) d) lavoratore autonomo: persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione;

11 11/ Articolo 89 – Definizione impresa affidataria i ) impresa affidataria: impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nellesecuzione dellopera appaltata, può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi. Nel caso in cui titolare del contratto di appalto sia un consorzio tra imprese che svolga la funzione di promuovere la partecipazione delle imprese aderenti agli appalti pubblici o privati, anche privo di personale deputato alla esecuzione dei lavori, limpresa affidataria è limpresa consorziata assegnataria dei lavori oggetto del contratto di appalto individuata dal consorzio nellatto di assegnazione dei lavori comunicato al committente o, in caso di pluralità di imprese consorziate assegnatarie di lavori, quella indicata nellatto di assegnazione dei lavori come affidataria, sempre che abbia espressamente accettato tale individuazione;

12 12/ Articolo 89 – Definizione impresa esecutrice i-bis) impresa esecutrice: impresa che esegue unopera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiali

13 13/ Articolo 89 – Definizione CSP (definizione rimasta invariata) e) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la progettazione dell'opera, di seguito denominato coordinatore per la progettazione: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'articolo 91; (redazione PSC e FAS)

14 14/ Articolo 89 – Definizione CSE (definizione variata) f) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la realizzazione dellopera, di seguito denominato coordinatore per lesecuzione dei lavori: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dellesecuzione dei compiti di cui allarticolo 92, che non può essere il datore di lavoro delle imprese affidatarie ed esecutrici o un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) da lui designato. Le incompatibilità di cui al precedente periodo non operano in caso di coincidenza fra committente e impresa esecutrice;

15 15/ Articolo 89 – Definizione idoneità tecnico- professionale (nuove) l) idoneità tecnico-professionale: possesso di capacità organizzative, nonché disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento ai lavori da realizzare.

16 16/ Articolo 89 - Definizione U/G (definizione invariata) g) uomini-giorno: entità presunta del cantiere rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori, anche autonomi, previste per la realizzazione dell'opera;

17 17/ Articolo 89 – Definizione POS (definizione variata) h) piano operativo di sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell'impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell'articolo 17 comma 1, lettera a), i cui contenuti sono riportati nell ALLEGATO XV;ALLEGATO XV Articolo 17 Obblighi del datore di lavoro non delegabili (rif.: art 4 d.lgs. n. 626/1994) Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente adozione dei documenti previsti dallarticolo 28;

18 18/ ALLEGATO XV– Definizione PSS (definizione variata) il piano di sicurezza sostitutivo del piano di sicurezza e di coordinamento, di cui all'articolo 131, comma 2, lettera b) del D.Lgs. 163/2006 e successive modifiche;

19 19/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 1.Il committente o il responsabile dei lavori, nelle fasi di progettazione dellopera, si attiene ai principi e alle misure generali di tutela di cui allarticolo 15, in particolare: a) al momento delle scelte architettoniche, tecniche ed organizzative, onde pianificare i vari lavori o fasi di lavoro che si svolgeranno simultaneamente o successivamente; b) all'atto della previsione della durata di realizzazione di questi vari lavori o fasi di lavoro. 1-bis. Per i lavori pubblici lattuazione di quanto previsto al comma 1 avviene nel rispetto dei compiti attribuiti al responsabile del procedimento e al progettista. 1. Il committente o il responsabile dei lavori sono puniti: a) con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da (ex 516) a (ex 8682) euro per la violazione degli articoli 90, commi 1,

20 20/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 2. Il committente o il responsabile dei lavori, nella fase della progettazione dell'opera, prende in considerazione i documenti di cui all'articolo 91, comma 1, lettere a) e b). (PSC-FAS)

21 21/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 3. Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con limpresa esecutrice, o il responsabile dei lavori, contestualmente all'affidamento dell'incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione. variato Abolite le due condizioni: Entità presunta lavori > 200 u/g Lavori comportanti rischi particolari 1. Il committente o il responsabile dei lavori sono puniti: a) con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da (ex 1549) a 6500 (ex 4131 ) euro per la violazione degli articoli 90, commi 3

22 22/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea,, il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'affidamento dei lavori, designa il CSE anche nel caso in cui, dopo l'affidamento dei lavori a un'unica impresa, l'esecuzione dei lavori o di parte di essi sia affidata a una o più imprese. Il committente o il responsabile dei lavori, qualora in possesso dei necessari requisiti, ha facoltà di svolgere le funzioni sia di CSP che di CSE invariati

23 23/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 7. Il committente o il responsabile dei lavori comunica alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi il nominativo del coordinatore per la progettazione e quello del coordinatore per l'esecuzione dei lavori. Tali nominativi sono indicati nel cartello di cantiere. 8. Il committente o il responsabile dei lavori ha facoltà di sostituire in qualsiasi momento, anche personalmente, se in possesso dei requisiti di cui all'articolo 98, i soggetti designati in attuazione dei commi 3 e 4 (CSP-CSE). invariati

24 24/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 9. Il committente o il responsabile dei lavori, anche nel caso di affidamento dei lavori ad ununica impresa o ad un lavoratore autonomo: a)verifica lidoneità tecnico-professionale delle imprese affidatarie, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare, con le modalità di cui allallegato XVII. Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui allallegato XI, il requisito di cui al periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese e dei lavoratori autonomi del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, industria e artigianato, corredato da autocertificazione in ordine al possesso degli altri requisiti previsti dallallegato XVII; 1. Il committente o il responsabile dei lavori sono puniti: b) con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da (ex 516) a (ex 2582) euro per la violazione dellarticolo 90, comma 9, lettera a);

25 25/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 9b) chiede alle imprese esecutrici una dichiarazione dellorganico medio annuo, distinto per qualifica, corredata dagli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate allIstituto nazionale della previdenza sociale (INPS), allIstituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro (INAIL) e alle casse edili, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, applicato ai lavoratori dipendenti variato Non sanzionato

26 26/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 9b) Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui allallegato XI, il requisito di cui al periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese del documento unico di regolarità contributiva, fatto salvo quanto previsto dallarticolo 16-bis, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e dellautocertificazione relativa al contratto collettivo applicato; ; variato Non sanzionato

27 27/74 Decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 Convertito in legge, con modificazioni, dall'articolo 1, della legge 28 gennaio 2009, n. 2, Misure anticrisi le stazioni appaltanti pubbliche acquisiscono d'ufficio, anche attraverso strumenti informatici, il documento unico di regolarità contributiva (DURC) dagli istituti o dagli enti abilitati al rilascio in tutti i casi in cui è richiesto dalla legge. 2010

28 28/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori c) Trasmette allamministrazione concedente, prima dellinizio dei lavori oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività, copia della notifica preliminare di cui allarticolo 99, il documento unico di regolarità contributiva delle imprese e dei lavoratori autonomi, fatto salvo quanto previsto dallarticolo 16-bis, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e una dichiarazione attestante lavvenuta verifica della ulteriore documentazione di cui alle lettere a) e b). variato 1. Il committente o il responsabile dei lavori sono puniti: d) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro per la violazione dellarticolo 90, comma 9, lettera c).

29 29/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 10. In assenza del piano di sicurezza e di coordinamento di cui allarticolo 100 o del fascicolo di cui allarticolo 91, comma 1, lettera b), quando previsti, oppure in assenza di notifica di cui allarticolo 99, quando prevista oppure in assenza del documento unico di regolarità contributiva delle imprese o dei lavoratori autonomi, é sospesa lefficacia del titolo abilitativo. Lorgano di vigilanza comunica linadempienza allamministrazione concedente. NOVITA

30 30/ Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 11.La disposizione di cui al comma 3 (nomina CSP) non si applica ai lavori privati non soggetti a permesso di costruire in base alla normativa vigente e comunque di importo inferiore ad euro In tal caso, le funzioni del coordinatore per la progettazione sono svolte dal coordinatore per la esecuzione dei lavori. NOVITA

31 31/ Articolo 93 - Responsabilità dei committenti e dei responsabili dei lavori 1. Il committente è esonerato dalle responsabilità connesse alladempimento degli obblighi limitatamente allincarico conferito al responsabile dei lavori. In ogni caso il conferimento dellincarico al responsabile dei lavori non esonera il committente dalle responsabilità connesse alla verifica degli adempimenti degli obblighi di cui agli articoli 90, 92, comma 1, lettera e), e La designazione del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per lesecuzione dei lavori, non esonera il committente o il responsabile dei lavori dalle responsabilità connesse alla verifica delladempimento degli obblighi di cui agli articoli 91, comma 1, (redazione PSC) e 92, comma 1, lettere a), b), c) d) ed e). (coordinamento in cantiere) variati

32 32/ Articolo 96 - Obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti 2.L'accettazione da parte di ciascun datore di lavoro delle imprese del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100 nonché la redazione del piano operativo di sicurezza costituiscono, limitatamente al singolo cantiere interessato, adempimento alle disposizioni di cui all'articolo 17 comma 1, lettera a) (DVR), allarticolo 26, (Obblighi connessi ai contratti dappalto o dopera o di somministrazione) commi 1, lettera b), (obbligo di comunicazione rischi) 2 (cooperazione e coordinamento), 3 (DUVRI), e 5 (costi della sicurezza), e allarticolo 29, comma 3. (rielaborazione DVR)

33 33/ Articolo 98 - Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l'esecuzione dei lavori Il coordinatore per la progettazione e il coordinatore per l'esecuzione dei lavori devono essere in possesso di uno dei seguenti requisiti: a)laurea magistrale conseguita in una delle seguenti classi: LM-4,(Architettura e ingegneria edile-architettura ) da LM-20 a LM-35 (Ingegneria aerospaziale e astronautica Ingegneria biomedica Ingegneria chimica Ingegneria civile Ingegneria dei sistemi edilizi Ingegneria dellautomazione Ingegneria della sicurezza Ingegneria delle telecomunicazioni Ingegneria elettrica Ingegneria elettronica Ingegneria energetica e nucleare Ingegneria gestionale Ingegneria informatica Ingegneria meccanica Ingegneria navale Ingegneria per lambiente e il territorio), LM- 69 (Scienze e tecnologie agrarie), LM-73 (Scienze e tecnologie forestali ed ambientali), LM-74 ( Scienze e tecnologie geologiche), nonché attestazione, da parte di datori di lavoro o committenti, comprovante l'espletamento di attività lavorativa nel settore delle costruzioni per almeno un anno; VARIATI

34 2010 Articolo 98 - Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l'esecuzione dei lavori laurea specialistica conseguita nelle seguenti classi: 4/S, (classe delle lauree in scienze dellarchitettura e dellingegneria edile) da 25/S a 38/S classe delle lauree specialistiche in ingegneria aerospaziale e astronautica- in ingegneria biomedica- in ingegneria chimica- in ingegneria civile- in ingegneria dellautomazione - in ingegneria delle telecomunicazioni- in ingegneria elettrica-in ingegneria elettronica – in ingegneria energetica e nucleare – in ingegneria gestionale – in ingegneria informatica - in ingegneria meccanica – in ingegneria navale – in ingegneria per lambiente e il territorio, 77/S classe delle lauree specialistiche in scienze e tecnologie agrarie, 74/S classe delle lauree specialistiche in scienze e gestione delle risorse rurali e forestali 86/S classe delle lauree specialistiche in scienze geologiche, nonché attestazione, da parte di datori di lavoro o committenti, comprovante l'espletamento di attività lavorativa nel settore delle costruzioni per almeno un anno; VARIATI

35 35/ Articolo 98 - Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l'esecuzione dei lavori b) laurea conseguita nelle classi L7, ingegneria civile e ambientale, L8 ingegneria dell'informazione L9 ingegneria industriale L17 scienze dell'architettura, L23 scienze e tecniche dell'edilizia ovvero laurea conseguita nelle classi 8 in ingegneria civile e ambientale, 9 in ingegneria dell'informazione, 10 in ingegneria industriale, 4 in scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile nonché attestazione, da parte di datori di lavoro o committenti, comprovante l'espletamento di attività lavorative nel settore delle costruzioni per almeno due anni; VARIATI

36 36/ Articolo 98 - Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l'esecuzione dei lavori c) diploma di geometra perito industriale perito agrario agrotecnico, nonché attestazione, da parte di datori di lavoro o committenti, comprovante l'espletamento di attività lavorativa nel settore delle costruzioni per almeno tre anni. VARIATI

37 37/ Articolo 98 - Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 2. I coordinatori devono essere, altresì, in possesso di ATTESTATO DI FREQUENZA, CON VERIFICA DELLAPPRENDIMENTO FINALE, a specifico corso in materia di sicurezza organizzato dalle regioni, mediante le strutture tecniche operanti nel settore della prevenzione e della formazione professionale, o, in via alternativa, dall'ISPESL, dall'INAIL, dall'Istituto italiano di medicina sociale, dagli ordini o collegi professionali (eliminato rispettivi), dalle università, dalle associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori o dagli organismi paritetici istituiti nel settore dell'edilizia. Fermo restando lobbligo di aggiornamento di cui allallegato XIV, SONO FATTI SALVI GLI ATTESTATI RILASCIATI NEL RISPETTO DELLA PREVIGENTE NORMATIVA a conclusione di corsi avviati prima dellentrata in vigore del presente decreto. VARIATI

38 38/ Articolo 98 - Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 4. L'attestato di formazione non è richiesto per coloro che, non più in servizio, abbiano svolto attività tecnica in materia di sicurezza nelle costruzioni, per almeno cinque anni, in qualità di pubblici ufficiali o di incaricati di pubblico servizio per coloro che producano un certificato universitario attestante il superamento di un esame relativo ad uno specifico insegnamento del corso di laurea nel cui programma siano presenti i contenuti minimi di cui all ALLEGATO XIV, o l'attestato di partecipazione ad un corso di perfezionamento universitario i cui programmi e le relative modalità di svolgimento siano conformi allallegato XIV. oALLEGATO XIV per coloro che sono in possesso della laurea magistrale LM-26 Ingegneria della sicurezza. Abolito larticolo del D. Lgs. 494/96 che esonerava dal corso di formazione 4.L'attestato di cui al comma 2 non è richiesto per i dipendenti in servizio presso pubbliche amministrazioni che esplicano nell'ambito delle stesse amministrazioni le funzioni di coordinatore. VARIATI

39 39/ ALLEGATO XIV CONTENUTI MINIMI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER LESECUZIONE DEI LAVORI PARTE TEORICA Parte teorica Modulo giuridico per complessive 28 ore Modulo tecnico per complessive 52 ore Modulo metodologico/organizzativo per complessive 16 ore Parte pratica per complessive 24 ore variati

40 2010 ALLEGATO XIV CONTENUTI MINIMI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER LESECUZIONE DEI LAVORI PARTE TEORICA MODALITA DI SVOLGIMENTO DEI CORSI La presenza ai corsi di formazione deve essere garantita almeno nella misura del 90%. Il numero massimo di partecipanti per ogni corso è fissato a 40. E inoltre previsto lobbligo di aggiornamento a cadenza quinquennale della durata complessiva di 40 ore, da effettuare anche per mezzo di diversi moduli nellarco del quinquennio. Laggiornamento può essere svolto anche attraverso la partecipazione a convegni o seminari con un numero massimo di 100 partecipanti. Per coloro che hanno conseguito lattestato prima dellentrata in vigore del presente decreto, lobbligo di aggiornamento decorre dalla data di entrata in vigore del medesimo decreto. NOVITA

41 41/ Articolo 99 - Notifica preliminare 1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'inizio dei lavori, trasmette all'azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all' ALLEGATO XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi: ALLEGATO XII a) cantieri di cui all'articolo 90, comma 3 (cantieri con più imprese); b) cantieri che, inizialmente non soggetti all'obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d'opera; c) cantieri in cui opera un'unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno. 2. Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione dell'organo di vigilanza territorialmente competente. variato: non più sanzionato

42 42/ Articolo Piano di sicurezza e di coordinamento PSC 1. Il piano è costituito da una relazione tecnica e prescrizioni correlate alla complessità dell'opera da realizzare ed alle eventuali fasi critiche del processo di costruzione, atte a prevenire o ridurre i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi i rischi particolari di cui all ALLEGATO XI, nonché la stima dei costi di cui al punto 4 dell ALLEGATO XV.ALLEGATO XIALLEGATO XV ~INVARIATO

43 43/ Articolo Piano di sicurezza e di coordinamento PSC Il piano di sicurezza e coordinamento (PSC) é corredato da tavole esplicative di progetto, relative agli aspetti della sicurezza, comprendenti almeno una planimetria sullorganizzazione del cantiere e, ove la particolarità dell'opera lo richieda, una tavola tecnica sugli scavi. I contenuti minimi del piano di sicurezza e di coordinamento e lindicazione della stima dei costi della sicurezza sono definiti all ALLEGATO XV.ALLEGATO XV Il piano di sicurezza e coordinamento è parte integrante del contratto di appalto. ~INVARIATO

44 44/ Articolo Piano di sicurezza e di coordinamento 3. I datori di lavoro delle imprese esecutrici e i lavoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto nel PSC e nel POS. 4. I datori di lavoro delle imprese esecutrici mettono a disposizione dei rappresentanti per la sicurezza copia del piano di sicurezza e di coordinamento e del piano operativo di sicurezza almeno dieci giorni prima dell'inizio dei lavori. 5. L'impresa che si aggiudica i lavori ha facoltà di presentare al coordinatore per l'esecuzione proposte di integrazione al piano di sicurezza e di coordinamento, ove ritenga di poter meglio garantire la sicurezza nel cantiere sulla base della propria esperienza. In nessun caso le eventuali integrazioni possono giustificare modifiche o adeguamento dei prezzi pattuiti.. ~INVARIATO art Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti: a) con larresto fino a sei mesi o con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 100, comma 3,

45 45/ Articolo Piano di sicurezza e di coordinamento 6. Le disposizioni del presente articolo non si applicano ai lavori la cui esecuzione immediata è necessaria per prevenire incidenti imminenti o per organizzare urgenti misure di salvataggio o per garantire la continuità in condizioni di emergenza nell'erogazione di servizi essenziali per la popolazione quali corrente elettrica, acqua, gas, reti di comunicazione. 6-bis. Il committente o il responsabile dei lavori, se nominato, assicura lattuazione degli obblighi a carico del datore di lavoro dellimpresa affidataria previsti dallarticolo 97 comma 3-bis e 3-ter. Nel campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, si applica larticolo 118, comma 4, secondo periodo, del medesimo decreto legislativo. Art Il committente o il responsabile dei lavori sono puniti: b) con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 100, comma 6-bis

46 46/74 decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 larticolo 118, comma 4 secondo periodo 4. L'affidatario corrisponde gli oneri della sicurezza, relativi alle prestazioni affidate in subappalto, alle imprese subappaltatrici senza alcun ribasso; la stazione appaltante, sentito il direttore dei lavori, il coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione, ovvero il direttore dell'esecuzione, provvede alla verifica dell'effettiva applicazione della presente disposizione. (comma così modificato dall'art. 3, comma 1, lettera h), d.lgs. n. 113 del 2007) 2010

47 47/ Articolo Obblighi di trasmissione 1. Il committente o il responsabile dei lavori trasmette il piano di sicurezza e di coordinamento a tutte le imprese invitate a presentare offerte per l'esecuzione dei lavori. In caso di appalto di opera pubblica si considera trasmissione la messa a disposizione del piano a tutti i concorrenti alla gara di appalto. 2. Prima dell'inizio dei lavori l'impresa affidataria trasmette il piano di cui al comma 1 alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi. 3. Prima dell'inizio dei rispettivi lavori ciascuna impresa esecutrice trasmette il proprio piano operativo di sicurezza allimpresa affidataria, la quale, previa verifica della congruenza rispetto al proprio, lo trasmette al coordinatore per lesecuzione. I lavori hanno inizio dopo lesito positivo delle suddette verifiche che sono effettuate tempestivamente e comunque non oltre 15 giorni dallavvenuta ricezione. VARIATI

48 PSC E POS 2010 COMMITTENTE CSP nomina PSC/FAS IMPRESA AFFIDATARIA PSC CSE PSC/FAS Proposta modifica PSC Accettazione Modifica PSC NUOVO PSC SI POS Nota rifiuto IMPRESA ESECUTRICE POS NO esame POS 15 gg Inizio lavori positivo negativo RICHIESTA NUOVO POS PSC IMPRESE INVITATE ALLA GARA Invio o messa a disposizione Proposta modifica PSC RLS PSC Proposta modifica PSC

49 49/ Articolo Consultazione dei rappresentanti per la sicurezza 1. Prima dell'accettazione del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100 e delle modifiche significative apportate allo stesso, il datore di lavoro di ciascuna impresa esecutrice consulta il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e gli fornisce eventuali chiarimenti sul contenuto del piano. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha facoltà di formulare proposte al riguardo. novità : sanzionabile

50 50/ Articolo Modalità di previsione dei livelli di emissione sonora 1. Lemissione sonora di attrezzature di lavoro, macchine e impianti può essere stimata in fase preventiva facendo riferimento a livelli di rumore standard individuati da studi e misurazioni la cui validità è riconosciuta dalla Commissione consultiva permanente di cui allarticolo 6, riportando la fonte documentale cui si è fatto riferimento. VARIATO eliminata la possibilità di far riferimento alla esposizione settimanale Art 190 comma 5-bis. Lemissione sonora di attrezzature di lavoro, macchine e impianti può essere stimata in fase preventiva facendo riferimento a livelli di rumore standard individuati da studi e misurazioni la cui validità è riconosciuta dalla Commissione consultiva permanente di cui allarticolo 6, riportando la fonte documentale cui si è fatto riferimento.

51 51/ Articolo Modalità attuative di particolari obblighi 2. Nei cantieri la cui durata presunta dei lavori è inferiore ai 200 giorni lavorativi, e ove sia prevista la sorveglianza sanitaria di cui allarticolo 41, la visita del medico competente agli ambienti di lavoro in cantieri aventi caratteristiche analoghe a quelli già visitati dallo stesso medico competente e gestiti dalle stesse imprese, è sostituita o integrata, a giudizio del medico competente, con l'esame di piani di sicurezza relativi ai cantieri in cui svolgono la loro attività i lavoratori soggetti alla sua sorveglianza. Il medico competente visita almeno una volta allanno lambiente di lavoro in cui svolgono la loro attività i lavoratori soggetti alla sua sorveglianza. INVARIATO Il medico competente è punito arresto fino a tre mesi o ammenda da 400 a euro

52 52/ Il CAPO II Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota - STRUTTURA sezione I campo di applicazione sezione II disposizioni di carattere generale sezione III scavi e fondazioni sezione IV ponteggi e impalcature in legname sezione V ponteggi fissi sezione VI ponteggi movibili sezione VII costruzioni edilizie sezione VIII demolizioni

53 53/ CAPO II Il capo II è una congerie delle vecchie norme del DPR 164/56, messe piuttosto alla rinfusa, da applicare anche al di fuori dei cantieri per i lavori in quota, carenti di alcune parti che vengono invece disseminate negli altri titoli con continui rimandi agli allegati. Tutti gli articoli sono sanzionati per il DL, il dirigente, alcuni espressamente altri con la norma aperta dellart. 159 comma 1c: c) con larresto sino a due mesi o con lammenda da 500 a euro per la violazione delle disposizioni del capo II del presente titolo non altrimenti sanzionate

54 54/ Articolo Attività soggette Le norme del presente capo si applicano alle attività che, da chiunque esercitate (?) e alle quali siano addetti lavoratori subordinati o autonomi, concernono la esecuzione dei lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee e gli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche, di bonifica, sistemazione forestale e di sterro. Costituiscono, inoltre, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile gli scavi, ed il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile. Le norme del presente capo si applicano ai lavori in quota di cui al presente capo (?) e ad in ogni altra attività lavorativa.(? ? ?)

55 55/74 Articolo Viabilità nei cantieri,,,durante i lavori deve essere assicurata nei cantieri la viabilità delle persone e dei veicoli. 2010

56 56/74 Articolo Recinzione del cantiere 1. Il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente caratteristiche idonee ad impedire laccesso agli estranei alle lavorazioni. 2010

57 57/74 Articolo Obblighi del datore di lavoro nell'uso di attrezzature per lavori in quota 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche adeguate a partire da un luogo adatto allo scopo, sceglie le attrezzature di lavoro più idonee a garantire e mantenere condizioni di lavoro sicure, in conformità ai seguenti criteri: a)priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; b) dimensioni delle attrezzature di lavoro confacenti alla natura dei lavori da eseguire, alle sollecitazioni prevedibili e ad una circolazione priva di rischi. 2010

58 58/74 Articolo Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intende per lavoro in quota: attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile 2010

59 59/74 Articolo Obblighi del datore di lavoro nell'uso di attrezzature per lavori in quota 3. Il datore di lavoro dispone affinché sia utilizzata una scala a pioli quale posto di lavoro in quota solo nei casi in cui l'uso di altre attrezzature di lavoro considerate più sicure non è giustificato a causa del limitato livello di rischio e della breve durata di impiego oppure delle caratteristiche esistenti dei siti che non può modificare. 2010

60 60/74 Articolo Obblighi del datore di lavoro nell'uso di attrezzature per lavori in quota 8. Il datore di lavoro dispone affinché sia vietato assumere e somministrare bevande alcoliche e superalcoliche ai lavoratori addetti ai cantieri temporanei e mobili e ai lavori in quota. 2010

61 61/74 Articolo Lavori in prossimità di parti elettriche attive 1. Ferme restando le disposizioni di cui allarticolo 83, quando occorre effettuare lavori in prossimità di linee elettriche o di impianti elettrici con parti attive non protette o che per circostanze particolari si debbano ritenere non sufficientemente protette, ferme restando le norme di buona tecnica, si deve rispettare almeno una delle seguenti precauzioni: a) mettere fuori tensione ed in sicurezza le parti attive per tutta la durata dei lavori; b) posizionare ostacoli rigidi che impediscano lavvicinamento alle parti attive; c) tenere in permanenza, persone, macchine operatrici, apparecchi di sollevamento, ponteggi ed ogni altra attrezzatura a distanza di sicurezza. 2010

62 62/ TITOLO III CAPO III Articolo 83 - Lavori in prossimità di parti attive Articolo 83 - Lavori in prossimità di parti attive 1. Non possono essere eseguiti lavori in prossimità di linee elettriche o di impianti elettrici con parti attive non protette,o che per circostanze particolari si debbano ritenere non sufficientemente protette, e comunque a distanze inferiori ai limiti di cui alla tabella 1 dell ALLEGATO IX, salvo che vengano adottate disposizioni organizzative e procedurali idonee aproteggere i lavoratori dai conseguenti rischi. ALLEGATO IX 2. Si considerano idonee ai fini di cui al comma 1 le disposizioni contenute nella pertinente normativa di buona tecnica.

63 63/ ALLEGATO IX NORME DI BUONA TECNICA Ai fini del presente Capo, si considerano norme di buona tecnica le specifiche tecniche emanate dai seguenti organismi nazionali e internazionali: UNI (Ente Nazionale di Unificazione); CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano); CEN (Comitato Europeo di normalizzazione); CENELEC (Comitato Europeo per la standardizzazione Elettrotecnica); IEC (Commissione Internazionale Elettrotecnica); ISO (Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione). Lapplicazione delle suddette norme è finalizzata allindividuazione delle misure di cui allarticolo 1 e dovrà tenere conto dei seguenti principi: La scelta di una o più norme di buona tecnica deve essere indirizzata alle norme che trattano i rischi individuati. Ladozione di norme tecniche emesse da organismi diversi, deve garantire la congruità delle misure adottate nel rispetto dei rischi individuati.

64 64/ ALLEGATO IX NORME DI BUONA TECNICA Un (kV)Distanza minima consentita (m) ,5 153, Tab. 1 Allegato IX – Distanze di sicurezza da parti attive di linee elettriche e di impianti elettrici non protette o non sufficientemente protette

65 65/74 Articolo Lavori in prossimità di parti elettriche attive 2. La distanza di sicurezza deve essere tale che non possano avvenire contatti diretti o scariche pericolose per le persone tenendo conto del tipo di lavoro, delle attrezzature usate e delle tensioni presenti e comunque la distanza di sicurezza non deve essere inferiore ai limiti di cui allallegato IX o a quelli risultanti dallapplicazione delle pertinenti norme tecniche. 2010

66 66/74 SEZIONE III - SCAVI E FONDAZIONI Articolo Splateamento e sbancamento Articolo 119 – Pozzi, scavi e cunicoli Articolo Deposito di materiali in prossimità degli scavi Articolo Presenza di gas negli scavi 2010

67 67/ PONTEGGI PRIMA DEL DECRETO CORRETTIVO D.Lgs. 3 Agosto 2009, n° 106 La mancata rilettura del DPR 164/55 ed armonizzazione dello stesso con la realtà cantieristica attuale si notava e la confusione risultante era notevole: La sezione IV era intitolata : Ponteggi e impalcature in legname e constava di 10 articoli La sezione V era intitolata : Ponteggi fissi e constava di 8 articoli La sezione V era intitolata : Ponteggi movibili e constava di 2 articoli Lallegato XVIII articolo 2 era intitolato : Ponteggi e constava di comma 2.1 Ponteggi in legno con 7 sottopunti ripresi dal DPR 164/56 e di comma 2.2 Ponteggi in altro materiale con 2 sottopunti :Caratteristiche di resistenza e Ponti su cavalletti

68 68/ PONTEGGI PRIMA DEL DECRETO CORRETTIVO D.Lgs. 3 Agosto 2009, n° 106 Nellallegato XVIII articolo 2 intitolato: Ponteggi Ponteggi in legname era scritto: Le tavole devono essere assicurate contro gli spostamenti e ben accostate tra loro e all'opera in costruzione; è tuttavia consentito un distacco dalla muratura non superiore a 20 centimetri soltanto per la esecuzione di lavori in finitura.

69 69/ DIFFERENZA TRA PONTEGGI IN LEGNO E PONTEGGI METALLICI O SVISTA? Invece nell articolo 138 SEZIONE V - PONTEGGI FISSI si disponeva 2. E consentito un distacco delle tavole del piano di calpestio dalla muratura non superiore a 30 centimetri 2. E consentito un distacco delle tavole del piano di calpestio dalla muratura non superiore a 30 centimetri.

70 70/ PONTEGGI DOPO IL DECRETO CORRETTIVO D.Lgs. 3 Agosto 2009, n° 106 La sezione IV è intitolata - PONTEGGI IN LEGNAME E ALTRE OPERE PROVVISIONALI N° 9 articoli (da art. 122 a art. 130) con la variazione: 4. Laltezza dei montanti deve superare di almeno m 1,20 lultimo impalcato o il piano di gronda; dalla parte interna dei montanti devono essere applicati correnti e tavola fermapiede a protezione esclusivamente dei lavoratori che operano sullultimo impalcato La sezione V invariata Lallegato XVIII articolo 2 era intitolato : Ponteggi e constava di comma 2.1 Ponteggi in legname e il resto invariato

71 71/ DIFFERENZA TRA PONTEGGI IN LEGNO E PONTEGGI METALLICI O SVISTA? SVISTA ! nell articolo 138 SEZIONE V - PONTEGGI FISSI si dispone 2. E consentito un distacco delle tavole del piano di calpestio dalla muratura non superiore a 20 centimetri.

72 72/74 SEZIONE VII - COSTRUZIONI EDILIZIE Articolo Strutture speciali Articolo Costruzioni di archi, volte e simili Articolo Posa delle armature e delle centine Articolo Resistenza delle armature Articolo Disarmo delle armature Articolo Difesa delle aperture Articolo Scale in muratura Articolo Lavori speciali Articolo Paratoie e cassoni 2010

73 73/74 SEZIONE VIII – DEMOLIZIONI Articolo Rafforzamento delle strutture Articolo Ordine delle demolizioni (1. I lavori di demolizione devono procedere con cautela e con ordine, devono essere eseguiti sotto la sorveglianza di un preposto ) Articolo Misure di sicurezza Articolo Convogliamento del materiale di demolizione Articolo Sbarramento della zona di demolizione Articolo Demolizione per rovesciamento Articolo Verifiche 1. Il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, sentita la Commissione consultiva permanente, può stabilire l'obbligo di sottoporre a verifiche ponteggi e attrezzature per costruzioni, stabilendo le modalità e l'organo tecnico incaricato. 2010

74 74/


Scaricare ppt "TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILIing. Domenico Mannelli wwww wwww wwww.... mmmm aaaa nnnn nnnn eeee llll llll iiii.... iiii nnnn ffff oooo."

Presentazioni simili


Annunci Google