La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARCHITETTURA TECNICA III 2012-13 PROFF. A. Ferrante, R. Gulli ASS. Dott. Ing. N. Bartolini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARCHITETTURA TECNICA III 2012-13 PROFF. A. Ferrante, R. Gulli ASS. Dott. Ing. N. Bartolini."— Transcript della presentazione:

1 ARCHITETTURA TECNICA III PROFF. A. Ferrante, R. Gulli ASS. Dott. Ing. N. Bartolini

2

3 Contenuti e conoscenze preliminari Analisi delle criticità (weakness) e potenzialità (strength) del contesto (area di studio-ambiti esterni) DETTAGLIO DEL PIANO DI FRUIZIONE PRINCIPALE ESTERNI S/W climatiche (zone permanentemente assolate, ombreggiate, esposte ai venti, ecc. analisi delle condizioni fisico-ambientali nei diversi regimi stagionali) ausilio Ecotect e/o similari; S/W fruitive (presenza di ostacoli, barriere esistenti tra pubblico e privato, ecc.); S/W analisi dei flussi pedonali e carrabili; S/W presenza di aree destinate a verde pubblico/privato; S/W Presenza/assenza di luoghi attrattori e/o di richiamo pubblico e sociale;

4 CRITICITA E VALORI

5 Sullapproccio al contesto…

6 ETA della CERTEZZA ETA del DUBBIO

7 Nozione di conoscenza ambigua: significa sia conoscere (anche attraverso i sensi, cioè percepire o riconoscere) che sapere (con la mente), Bts, pag. 173 Sia Architetti che Ingegneri…

8 Sapere o conoscere può anche soltanto essere ADATTAMENTO più che informazione …

9 Samuel Butler quanto meglio un organismo conosce qualcosa, tanto meno esso diviene conscio di questa conoscenza… labitudine o conoscenza scende nella mente a livelli sempre più profondi.. Questo fenomeno è importante per ogni arte o abilità tecnica. Bts, 173

10 I tessuti di una pianta non potrebbero leggere le istruzioni genotipiche portate dai cromosomi presenti in ciascuna cellula se la cellula ed il tessuto non si trovassero in una struttura contestuale.. Bts, 194.

11 Le parti devono essere classificate in base alle relazioni che le legano. (nel mondo biologico e nel pensiero umano vi sono) Relazioni primarie e secondarie. La misteriosa e multiforme relazione tra contesto e contenuto vale tanto in anatomia che in linguistica (e dunque in architettura) Bts, 194.

12 Forma e Struttura; la discussione (verte) più sulla forma che sul contenuto, sul contesto, più che su ciò che avviene nel contesto, sulla relazione e non sulle singole persone o i fenomeni che sono in relazione. Bts, 195. IMPORTANZA BASILARE DEL CONTESTO

13 Gli uomini si servono del contesto come di una guida per discriminare tra i MODI della comunicazione (senza il contesto cè schizofrenia) Bts, 247

14 CON IL CONTESTO Impariamo ad apprendere Risparmio nel NON riesaminare o riscoprire le premesse di unabitudine ogni volta che di tale abitudine ci serviamo.. Bts, 247

15 SIGNIFICATO: sinonimo approssimativo di struttura, ridondanza, informazione. Si dirà che un qualunque aggregato di eventi (MC di figure, di fonemi, ecc.) contiene ridondanza o struttura se laggregato può essere diviso mediante una cesura tale che un osservatore, il quale vede soltanto ciò che sta da una parte della cesura, possa congetturare con esito migliore del puro caso, ciò che si trova dallaltra parte. Bts, 169.

16 Si può dire che ciò che sta da una parte della cesura, contiene informazione o ha significato relativamente a ciò che sta dallaltra parte. Cioè, come dicono gli ingegneri, contiene ridondanza, o, secondo losservatore cibernetico, che linformazione contenuta da una banda della cesura restringerà le previsioni errate, cioè ne ridurrà la probabilità.

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26 Messaggio (loggetto darchitettura) sia come in sé internamente strutturato sia come parte di un universo strutturato

27 TEMA DI PROGETTO

28 SCHEMA COMPOSITIVO 1. / 4. SISTEMAZIONE SPAZI ESTERNI 3. PADIGLIONE 2. CONNETTIVO

29

30 Analisi delle criticità (weakness) e potenzialità (strength) del contesto (area di studio-ambiti esterni) CRITICITA -NICCHIA (BUIA) -PRESENZA (VINCOLO) SCALE -CATTIVA ESPOSIZIONE, POSTO sullo SFONDO - VISUALE VERSO I GAZEBO (MANCATA INTERAZIONE) -IMPATTO VOLUMETRICO MURI -NON LUOGO, RIPOSTIGLIO -CONTRASTO CON IL VERDE RETROSTANTE (E DOMINANTE) -ATRIO INGEGNERIA NON ATTRATTIVO -RIGIDEZZA DELLO SPAZIO POTENZALITA/VALORI -SPAZIO RACCHIUSO -POSSIBILITA DI UTILIZZO DELLE SCALE? -ADATTO/ADATTABILE A ESSERE RIEMPITO? -POTENZIALITA ALLA CONNESSIONE CON IL CENTRO ATTRATTIVO -POSSIBILITA DI MITIGARE CON IL NUOVO EDIFICIO -CARATTERIZZAZIONE DEI LUOGHI ATTRAVERSO IL NUOVO EDIFICIO -POSSIBILITA DI STABILIRE UNA CONTINUITA NELLEDIFICIO? -RIQUALIFICAZIONE PERCORRENZE -QUALE MORBIDEZZA INVECE?

31 ESERCITAZIONE: 1) MAPPATURA DELLE POTENZIALITA /CRITICITA 2) SIMULAZIONE INSERIMENTO DELLA FIGURA VAGA NEL RILIEVO DAL VERO


Scaricare ppt "ARCHITETTURA TECNICA III 2012-13 PROFF. A. Ferrante, R. Gulli ASS. Dott. Ing. N. Bartolini."

Presentazioni simili


Annunci Google