La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Topografia e cartografia 6 CFU geodesia cartografia strumenti e metodi per la misura di angoli, distanze e dislivelli teoria degli errori reti topografiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Topografia e cartografia 6 CFU geodesia cartografia strumenti e metodi per la misura di angoli, distanze e dislivelli teoria degli errori reti topografiche."— Transcript della presentazione:

1 Topografia e cartografia 6 CFU geodesia cartografia strumenti e metodi per la misura di angoli, distanze e dislivelli teoria degli errori reti topografiche celerimensura catasto geodesia satellitare (GPS) rilievo laser scanner SFA – I liv. DSMIFT – I liv. Rilevamenti speciali per lambiente e il territorio 4 CFU fotogrammetria telerilevamento DSMIFT – I liv. SFA – I liv. (crediti liberi) Laboratorio CAD/GIS e geostatistica 5 CFU nozioni di CAD fondamenti di topologia nozioni di GIS esercitazioni/laboratorio applicazioni (ambientali, urbanistiche, …) conferenze applicative DSMIFT – I liv. SFA – I liv. (crediti liberi) SFA – II liv. SFA – I liv. corso progetto (3 CFU) Zootecnici – II liv. TOPOGRAFIA E GEOMATICA

2 Questanno: Anticipo della teoria degli errori Il 2° modulo viene tenuto da Ing. Borgogno Esercitazioni il mercoledì mattina a squadre alterne (preparare elenco) ppt su CD appena pronto Testi: quelli indicati in bibliografia del Corso ESAME: –modulo I: prova scritta già dalla sessione di DICEMBRE –Moduli II e III: prova scritta + pratica

3 SUPERFICIE FISICA SUPERFICIE GEOMETRICA DI RIFERIMENTO … strumenti e metodi - operativi, di calcolo e di disegno - mediante i quali determinare la forma e le dimensioni di una porzione limitata della superficie fisica terrestre… (Giacomo MION)

4 TOPOGRAFIA DI BASE 1 - PER DARE UNA RAPPRESENTAZIONE di porzioni della superficie della Terra (RILIEVI) dellandamento dei fenomeni SI ESEGUONO MISURE Quali? (di che cosa?) Come? (con che strumenti?) Con quale precisione? Con quali procedure? 2 - PER ESEGUIRE TRACCIAMENTI DI OPERE DI INGEGNERIA (TOPOMETRIA) A CHE SCOPO ?

5 SI ESEGUONO MISURE Cosa si misura? ANGOLI DISTANZE DISLIVELLI

6 ANGOLI

7 B vAvAvAvA = angolo azimutale = angolo azimutale C v A verticale passante per A B piano formato da v A e dalla congiungente AB B piano formato da v A e dalla congiungente AB C piano formato da v A e dalla congiungente AC C piano formato da v A e dalla congiungente AC angolo formato dai piani B e C angolo formato dai piani B e C

8 = angolo zenitale = angolo zenitale v A verticale passante per A congiungente AC angolo formato da v A e dalla congiungente AC angolo formato da v A e dalla congiungente AC C A vAvAvAvA

9 DISTANZE

10 d o =d r *sen d o =d r *sen angolo zenitale formato da v A e dalla congiungente AB angolo zenitale formato da v A e dalla congiungente AB v A verticale passante per A drdrdrdr AB dodododo vAvAvAvA d* congiungente AB … e poi le riduzioni…

11 DISLIVELLI

12 = q B - q A = q B - q A definizione di quota B B mare

13 SI ESEGUONO MISURE Di che cosa? (labbiamo visto: angoli, distanze, dislivelli) COME? CON QUALI STRUMENTI?

14 C AB ANGOLI: teodoliti, tacheometri

15 DISTANZE: distanziometri elettronici, metodi indiretti, GPS B A luce infrarossa I0I0 I=I 0 sen(2 t/T) = sen(2 t/T) d d=d=

16 DISTANZE: metodi indiretti h F H f d' L L 1 2 h

17 Dislivelli: si basa su questo schema elementare B AB A lAlA lBlB livellazione geometrica AB lBlB B A lAlA lBlB B A lAlA vasi comunicanti

18 Le misure si effettuano per rilevare e dare rappresentazione di porzioni della superficie della Terra IN QUALE SISTEMA DI RIFERIMENTO? IMPOSTAZIONE DEL PROBLEMA CARTOGRAFICO

19 La superficie della Terra non è sferica e non è neanche descrivibile con una formula matematica operativa Lideale sarebbe avere un superficie di passaggio che fosse facilmente identificabile. Su essa si potrebbero proiettare i punti della superficie fisica della Terra. Se poi questa superficie fosse descrivibile con una formula matematica, si potrebbero applicare le formule della geometria proiettiva per passare a quello che vogliamo cioè ad un sistema cartesiano. Poiché questa superficie ideale non esiste ci si avvale di 2 superfici di passaggio il GEOIDE e lELLISSOIDE

20 COORDINATE CARTESIANE ORTOGONALI NEL PIANO x = cost. y = y P x = x P (x P,y P ) y = cost. y x O yPyP xPxP P (x P,y P )

21 COORDINATE CURVILINEE (o ISO-PARAMETRICHE) SU UNA SUPERFICIE u = u P u = cost. v = v P v = cost. X = X(uP,vP)Y = Y(uP,vP)Z = Z(uP,vP)X = X(uP,vP)Y = Y(uP,vP)Z = Z(uP,vP) P P (u P,v P ) X = X(u,v)Y = Y(u,v)Z = Z(u,v)X = X(u,v)Y = Y(u,v)Z = Z(u,v) v u X Z Y O

22 SECONDO QUESTO SCHEMA CONCETTUALE, PER COSTRUIRE UNA CARTOGRAFIA SI DEVE FARE COSI: PLANIMETRIA Per ogni punto P si deve ottenere la sua proiezione P sullellissoide (sono operazioni di misura e calcolo molto complesse) Per ogni punto P si deve ottenere la sua proiezione P sullellissoide (sono operazioni di misura e calcolo molto complesse) noto P sullellissoide, attraverso si determinano noto P sullellissoide, attraverso si determinano E = g ( N = f ALTIMETRIA determinazione delle quote, cioè delle distanze dal GEOIDE determinazione delle quote, cioè delle distanze dal GEOIDE scrittura delle quote vicino ai particolari planimetrici corrispondenti scrittura delle quote vicino ai particolari planimetrici corrispondenti collegamento di tutti i punti a ugual quota curve di livello collegamento di tutti i punti a ugual quota curve di livello


Scaricare ppt "Topografia e cartografia 6 CFU geodesia cartografia strumenti e metodi per la misura di angoli, distanze e dislivelli teoria degli errori reti topografiche."

Presentazioni simili


Annunci Google