La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IL PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM www.fijlkam.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IL PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM www.fijlkam.it."— Transcript della presentazione:

1 1 IL PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM

2 2 IL PROGETTO LA FIJLKAM NELLA SCUOLA: JUDO, LOTTA E KARATE PER EDUCARE ATTRAVERSO LO SPORT La FIJLKAM Ambito di applicazione del Progetto Finalità del Progetto Obiettivi del Progetto Proposta per Scuola Primaria e Secondaria Iniziative

3 3 LA FIJLKAM FEDERAZIONE ITALIANA JUDO LOTTA KARATE ARTI MARZIALI TESSERATI DI CUI ATLETI TECNICI 1.500UFFICIALI DI GARA DIRIGENTI SOCIALI SOCIETA SPORTIVE 57 COMITATI REGIONALI (19 JUDO – 19 LOTTA – 19 KARATE) 6 COMITATI PROVINCIALI (2 JUDO – 2 LOTTA – 2 KARATE)

4 4 IL SETTORE GIOVANILE Al terzo posto come sport più praticati dai bambini maschi tra i 3 ed i 10 anni dopo calcio e nuoto. Pratica sportiva maschile per fasce detà – raffronto tra AM e sport maggiori Arti Marziali Discipline FIJLKAM Fonte: Sole 24 Ore Sport Dossier e ISTAT

5 5 DISCIPLINE E VALORI JUDO KARATE LOTTA AZIONE COMPETIZIONE RISPETTO EDUCAZIONE PASSIONE EQUILIBRIO DIVERTIMENTO ARMONIA SPETTACOLARITA GIOCO TECNICA IMPEGNO SICUREZZA ABILITA

6 6 Discipline dal grande fascino e di tradizione millenaria. Stretto legame con la storia e con le differenti culture da cui provengono. Strumenti per lo sviluppo completo ed armonico della personalità dei giovani. La nostra Federazione deve far proprie le finalità della Scuola del Primo Ciclo di Istruzione (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di Primo Grado): Promuovere il pieno sviluppo della persona. Creare uno stimolante ambiente di apprendimento. Contribuire e favorire laccesso ad una conoscenza del mondo anche secondo un approccio multiculturale e multietnico. Consentire ai ragazzi in età scolare di sviluppare capacità Neuro-Cognitivo-Motorie molto evolute e polivalenti. Rivolgere lattenzione al contesto ludico ed alla stimolazione delle capacità di collaborare nelle fasi di apprendimento. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PROGETTO Le Discipline FIJLKAM ed il rapporto con la Scuola:

7 7 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PROGETTO La proposta della FIJLKAM per la Scuola:... Educare attraverso lo Sport...

8 8 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PROGETTO La filosofia del Progetto... La libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura. Dalla libertà deve emergere la disciplina. Un individuo disciplinato è capace di regolarsi da solo quando sarà necessario seguire delle regole di vita – Maria Montessori

9 9 FINALITA DEL PROGETTO Valorizzare gli aspetti formativi dello Sport quale strumento didattico in grado di contribuire, con gli altri insegnamenti, ad un equilibrato sviluppo di tutte le aree della personalità degli alunni. Individuare i mezzi e le strategie che sostengano ed implementino il processo di collaborazione con la Scuola, favorendo lorganizzazione di attività curriculari ed extra- curriculari. Migliorare le capacità di apprendimento ed il livello di concentrazione dellAlunno che, attraverso le Discipline FIJLKAM, può sviluppare unorganizzazione mentale in grado di regolare sequenze psico-motorie e di assumere processi decisionali. Contribuire al processo di arricchimento professionale e culturale dei Docenti Scolastici, attraverso un aggiornamento costituito da approcci culturali, metodologici e propedeutici ai fondamentali delle Discipline Federali.

10 10 OBIETTIVI DEL PROGETTO Sviluppare la conoscenza della Discipline FIJLKAM nella Scuola. Proiettare il rapporto tra lo Sport e il gioco, tra lattività motoria e il divertimento a Scuola. Aumentare la pratica qualificata delle attività motorie nella Scuola, integrando Judo, Lotta e Karate nel percorso formativo scolastico. Interagire con i Docenti Scolatici interessati attraverso procedure condivise, creando unefficace rete di rapporti. Collocare le Discipline FIJLKAM nellambito dei POF scolastici. Formare ed aggiornare gli Insegnati Tecnici Federali sulle tematiche riguardanti leducazione motoria nella Scuola.

11 11 PROPOSTA SCUOLA PRIMARIA Traguardi delle Competenze: Intelligenza motoria. Funzioni Senso-Percettivo-Motorie. Linguaggio motorio. Movimento nello spazio e nel tempo. Gioco, Sport, regole e fair play. Sicurezza e prevenzione, salute e benessere. Metodi: Momenti di insegnamento individualizzato e collettivo. Metodo ludico. Metodo della libera esplorazione. Metodo problem solving. Diversificati a seconda delle fasce detà ed organizzati per essere motivanti. Obliquità dellofferta formativa

12 12 PROPOSTA SCUOLA PRIMARIA Materiale didattico, attrezzature e spazi: Opuscoli e DVD. Materassini componibili. Over. Coni, ostacolini, ecc. Palloni di spugna di dimensioni varie. Spazi interni alla scuola, spazi allaperto, palestra. Valutazione: I test di valutazione sullo sviluppo dellattività neuro-cognitivo-motoria devono essere concordati con il Docente Scolastico curriculare designato e saranno costituiti preferibilmente da: un percorso (somministrazione periodica); un gioco tecnico (somministrazione periodica); un test tecnico (somministrazione al termine).

13 13 PROPOSTA SCUOLA SECONDARIA Traguardi delle Competenze: Intelligenza motoria – Pensiero situazionale/tattico. Identità personale e sapere, saper essere, saper fare: valenze e limiti. Il corpo e le abilità motorie e sportive specifiche. Salute e pratica sportiva. Collaborazione, integrazione, regole, rispetto, fair play, rifiuto della violenza. Metodi: Momenti di insegnamento individualizzato e collettivo. Metodo ludico. Metodo della libera esplorazione. Metodo problem solving. Metodo delle serie di ripetizioni. Obliquità dellofferta formativa

14 14 PROPOSTA SCUOLA SECONDARIA Materiale didattico, attrezzature e spazi: Opuscoli e DVD. Materassini componibili. Over. Coni, ostacolini, ecc. Palloni di spugna di dimensioni varie. Spazi interni alla scuola, spazi allaperto, palestra. Valutazione: I test di valutazione sullo sviluppo dellattività neuro-cognitivo-motoria devono essere concordati con il Docente Scolastico curriculare designato e saranno costituiti preferibilmente da: un percorso (somministrazione periodica); un gioco tecnico (somministrazione periodica); un test tecnico (somministrazione al termine).

15 15 METODOLOGIE DI LAVORO Momenti dinsegnamento individuale e collettivo, diversificati in relazione alle fasce detà ed organizzati in modo da essere motivanti; Utilizzo del metodo ludico, del metodo della libera esplorazione e del metodo del problem solving; Esercitazioni di composizione motoria e di organizzazione e controllo della sicurezza attiva e passiva; Approccio di tipo ludico-sportivo, ove vengono proposte situazioni di confronto e evitate accuratamente le esasperazioni tecnico- agonistiche, promuovendo uno sviluppo polivalente della motricità e della personalità; Momenti di Gioco-Sport collettivo per diffondere i valori propri dello Sport come le regole ed il fair play.

16 16 LE IN IZIATIVE Corsi di Formazione per i Docenti Scolastici. Corsi di Formazione e Aggiornamento per i Quadri Tecnici Federali. Progetti Formativi integrati con i Programmi Ministeriali. Manifestazioni scolastiche territoriali. Seminari su Neuroscienze e Sport di Combattimento. Eventi promozionali. Affiliazione Istituti Scolastici.

17 17 LE INIZIATIVE I Corsi di Formazione per Docenti Scolastici Sono lo strumento che la Federazione, in riferimento alla Dir. Min. n. 90/2003 sulla formazione del personale docente della Scuola, mette a disposizione dei Docenti Scolastici interessati ad apprendere la didattica delle Discipline Federali ed il pieno utilizzo delle potenzialità del Progetto Federale ed a conoscere più da vicino il mondo della Federazione. Ai partecipanti verrà riconosciuto il titolo di Operatore Sportivo Scolastico FIJLKAM, perché diventino i primi promotori delle Discipline Federali nella Scuola, sempre con la collaborazione delle Società Sportive del territorio. I Progetti Formativi integrati con i Programmi Ministeriali Sono il punto fondamentale del Progetto ed hanno lo scopo di avviare gli alunni alla pratica dello Sport e delle Discipline Federali in particolare. Questi progetti potranno essere gestiti esclusivamente dai Docenti Scolastici o essere svolti in collaborazione con gli Insegnanti Tecnici qualificati delle Società Sportive presenti sul territorio. I Corsi di Formazione e Aggiornamento per i Quadri Tecnici Federali La Federazione predisporrà, allinterno di tutti i Corsi di Formazione Nazionali e di Aggiornamento Territoriali, dei moduli specifici ed obbligatori riguardanti il contesto della promozione dello Sport a Scuola, le nuove direttive ministeriali in ambito sportivo e le tematiche inerenti lattività infantile, leducazione motoria ed il Giocosport.

18 18 LE INIZIATIVE Gli Eventi promozionali Rappresentano per gli alunni il momento del gioco e della messa in pratica delle attività apprese. Possono essere organizzati dai Comitati Regionali e Provinciali o dalle Società Sportive, anche in collaborazione con gli Istituti Scolastici, prevedendo differenti formule di svolgimento, con distribuzione di gadget e materiale promozionale per tutti i partecipanti. Manifestazioni scolastiche territoriali I nuovi Regolamenti delle tre Discipline Federali saranno inviati al CONI al fine di organizzare, in orario curriculare, manifestazioni di Gioco Sport e Giochi Sportivi Studenteschi di Judo, Lotta e Karate. La Federazione, per mezzo dei Comitati Regionali, supporterà organizzativamente le gare, fornendo le attrezzature ed il personale necessario al corretto svolgimento delle stesse. Affiliazione Istituti Scolastici Gli Istituti Scolastici che vorranno aderire a tutte le iniziative in ambito promozionale potranno anche affiliarsi gratuitamente alla Federazione e tesserare gratuitamente gli alunni per lo svolgimento della sola attività non agonistica di base.

19 19 COMUNICAZIONE DEL PROGETTO Comunicati stampa che presentino lattività e le diverse tappe. Area del sito internet federale dedicata al Progetto che aggiorni sulle varie iniziative (Corsi, Progetti, Eventi, Circolari, Modulistica, ecc.). Realizzazione di materiale divulgativo e promozionale. Utilizzo della Rivista Federale Athlon per la diffusione del Progetto a tutti gli affiliati e tesserati della Federazione. Comunicazione e diffusione del Progetto garantita dalle Strutture Periferiche Federali e del Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca. Corsi di Formazione per Docenti Scolastici che, oltre a trasmettere contenuti didattici, contribuiscono alla diffusione del Progetto.

20 20 IL SUPPORTO ALLA PROMOZIONE Invio kit o materiale didattico alle Società Sportive che presentino progetti di promozione nelle Scuole redatti secondo gli standard definiti. Supporto attraverso i Comitati Regionali nellorganizzazione di manifestazioni a carattere provinciale e/o regionale. Formazione in ambito Promozione/Scuola ai Tecnici Federali durante i Corsi organizzati dalla Scuola Nazionale FIJLKAM. Promozione del Progetto grazie alle Società Sportive che stabiliranno i rapporti di collaborazione con del Scuole del loro territorio.


Scaricare ppt "1 IL PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM www.fijlkam.it."

Presentazioni simili


Annunci Google