La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione V. MONALDI - NAPOLI Unità Operativa Complessa di Ortopedia Primario: Dott. Roberto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione V. MONALDI - NAPOLI Unità Operativa Complessa di Ortopedia Primario: Dott. Roberto."— Transcript della presentazione:

1 Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione V. MONALDI - NAPOLI Unità Operativa Complessa di Ortopedia Primario: Dott. Roberto Magri

2 PATOLOGIA ARTICOLARE E SPORT ACQUATICI Roberto Magri

3 …MA CE CHI PREFERISCE VIVERLO IN ALTRO MODO…. IL MARE PUO ESSERE GODUTO COSI…

4 Una corsa in motoscafo… Unemozione sullacqua… Una gara di forza e abilità…

5 …oppure sentirsi come un pesce…

6 …ed esplorare gli abissi…

7 …provare lemozione del vento e del mare…

8 GLI SPORT ACQUATICI FAVORISCONO IL BENESSERE FISICO

9 … e la salute è un concetto dinamico ma ATTENZIONE ai…… TRAUMI... e soprattutto ai MICROTRAUMI

10 Oggi vi parlerò soprattutto delle conseguenze degenerative articolari che uno sport può causare nellorganismo umano

11 perché la traumatologia che si osserva negli sport acquatici non differisce da quella stradale o di altri sport se non per il fatto di essere più selettiva e meno polidistrettuale

12 In questa sede voglio ricordare i danni da USURA che lo sport, di qualunque tipo sia, può causare e gli sport acquatici non fanno eccezione anzi per lumidità che comportano possono essere maggiori

13 Si può dire che tutte le articolazioni possono essere interessate perché limpegno articolare che gli sport acquatici comportano è spesso globale

14 Le lesioni microtraumatiche spesso sono misconosciute in questi sport avvenendo in assenza di gravità ma non per questo sono meno insidiose

15 E soprattutto luso articolare prolungato e notevole ad essere dannoso per la cartilagine articolare

16 Diversi sono i fattori predisponenti: - livello di allenamento - tecnica pesante - età del soggetto - comorbilità - condizioni fisiche

17 Le lesioni osteocondrali e cartilaginee sono in assoluto quelle che più frequentemente si riscontrano negli sportivi

18 ma… passano spesso inosservate

19 Largomento che vi sto proponendo deve necessariamente essere messo in relazione

20 alle conoscenze in campo biologico di questi ultimi anni e agli studi di biotecnologia che stanno aprendo nuove prospettive in campo ortopedico

21 Queste ricerche sono effettuate in numerosi laboratori del mondo e con impegno di molti studiosi e di molti soldi

22 Il nostro modo di affrontare le malattie e molti aspetti della medicina certamente cambieranno

23 Tra i 10 interventi più frequenti in Ortopedia la meniscectomia figura al 1° posto, la toilette della cartilagine al 2°, la ricostruzione del LCA al 7°, la Protesi di ginocchio al 9°. Per tutti questi interventi però il denominatore comune è la CARTILAGINE (G. Puddu. Isokinetic, 2003)

24 Bendele e Hullman nel 1988 effettuarono importanti studi sul danno cartilagineo. Da allora molte informazioni sono state acquisite sulla costituzione della cartilagine

25

26 Lars Petersen nel 1995 pubblicò un lavoro nel quale dimostrava la possibilità di coltivare cellule di cartilagine umana (condrociti)

27 Negli anni successivi dimostrò la possibilità di trapiantare su un difetto cartilagineo del ginocchio condrociti prelevati dal paziente e coltivati in vitro

28 Tecnica di Lars

29 In passato le lesioni cartilaginee sono state trattate con diverse tecniche: Débridement Lavaggi artroscopici Abrasione subcondrale Perforazioni subcondrali Innesti osteocondrali

30 QUESTI TRATTAMENTI HANNO SPESSO DISATTESO LE ASPETTATIVE E A VOLTE HANNO DATO RISULTATI DISASTROSI

31 PENSIAMO PERTANTO CHE IL TRAPIANTO AUTOLOGO DI CARTILAGINE PUR ESSENDO UNA METODICA COMPLESSA POSSA APRIRE UNA NUOVA STRADA NELLA CURA DELLE MALATTIE DEGENERATIVE

32 CHE POTRA DARE RISULTATI MIGLIORI NON SOLO QUANDO SARANNO RISOLTI ALCUNI PROBLEMI TECNOLOGICI MA, SOPRATTUTTO, SE SI ASSOCIANO METODOLOGIE COMPLEMENTARI (farmacologiche, meccaniche, CEMP, etc.)

33 I problemi ancora oggi non sono tanto legati alla tecnica chirurgica (invasiva o non ) quanto alla possibilità di migliorare lattecchimento e la proliferazione delle cellule trapiantate

34 Il fine è quello di poter riparare ogni articolazione del corpo umano

35 Queste riunioni hanno lo scopo di ratificare evidenze medico- chirurgiche, far conoscere le tecniche e promuovere la ricerca

36 La metodica va perfezionata ma soprattutto dovrà essere utilizzata non soltanto per il ginocchio

37 a) Cartilagine normale b) Rammollimento c) Fissurazione d) Erosione e) Esposizione osso subcondrale abcd e

38

39 Una condropatia può assumere laspetto di una lesione del tutto superficiale ma può portare anche alla scomparsa totale dello strato cartilagineo con esposizione completa dellosso subcondrale (artrosi)

40 Classificazione di Outerbridge(1962) 1) Condromalacia 2) Fibrillazione 3) Erosione 4) Lesione osteocondrale

41 Classificazione ICRS Grado 0: normale Grado 1: les. superficiale Grado 2: lesione 50% Grado 4: lesione osteocondrale

42 IMAGING Esame radiografico TAC Ecografia RNM

43 IMAGING La RNM riveste un ruolo importante per la sua elevata risoluzione di contrasto tessutale

44 Attendibilità della RNM Les. 1° 30% Les. 2° 70% Les. 3° 90% Può permettere il riconoscimento di un danno cartilagineo anche prima della visione artroscopica

45 Le ragioni della notevole sensibilità della RNM è dovuta al fatto che già nelle fasi iniziali della lesione si ha una perdita di proteoglicani e degradazione del collagene con incremento idrico e alterata mobilità dei protoni dellacqua apprezzabili nelle sequenze T2 pesate e nelle immagini di diffusione

46 Lanca e il ginocchio sono le articolazioni più colpite in assoluto I microtrumi ripetuti e loveruse generano zone di sovraccarico statico e dinamico

47

48 M Dal 1999 utilizziamo una metodica diversa da quella che prevede condrociti coltivati liberi in soluzione. La Fidia Advanced Biopolimers ha messo a punto una tecnica di Ingegneria tessutale che prevede la produzione di condrociti autologhi su una membrana (scaffold) costituita da derivati dellacido ialuronico (Hyalograft C). La membrana con i condrociti di dimensioni variabili è applicata direttamente sulla zona erosa.

49 La tecnica prevede ovviamente due interventi: 1) In un primo tempo si effettua il prelievo di cartilagine che viene inviato presso il laboratorio per la moltiplicazione cellulare 2) Dopo 28 giorni è possibile eseguire lintervento di trapianto

50 TECNICA CHIRURGICA ARTROSCOPICA 1. Attraverso una cannula si valuta lestensione della lesione 2.Attraverso il mappatore si introduce il filo guida per lallineamento 3. Con una fresa a bassa velocità si rimuovono i frammenti di cartilagine 4. Con il mappatore si ritaglia linnesto uguale al difetto preparato 5. Si posiziona aderendo sulla lesione il trapianto Hyalograft C 6. Movimenti di flesso-estensione fanno valutare la stabilità dellinnesto

51 La produzione di cartilagine da cellule staminali prelevate dallo stesso paziente (midollo) è ormai una realtà ma purtroppo non ancora attuabile

52 Gli sviluppi delle conoscenze genetiche e la possibilità di fabbricare tessuti utili per i trapianti apre nuove frontiere alla terapia delle malattie degenerative

53 Dal 1999 abbiamo trattato oltre 30 pazienti di età compresa fra i 20 e i 60 anni, affetti da lesioni osteocondrali localizzate al ginocchio, tibio-tarsica, rotula

54

55

56

57

58 40 gg 3 mesi 6 mesi 12 mesi

59 Controllo a distanza

60

61 Dopo 12 mesi

62

63

64 Questi interventi sono ormai in costante aumento

65 Lesione limitata (2 cmq ) + Età giovanile (<60 anni ) risultati OTTIMI Lesione limitata (2 cmq ) + Età maggiore di 60 anni risultati BUONI Lesione estesa (>2 cmq ) + Età giovanile (<60 anni ) risultati MEDIOCRI Lesione estesa (>2 cmq ) Età maggiore di 60 anni + risultati SCADENTI

66

67 C. P. maschio > 65 a.

68 A.G. donna > 65 a.

69

70

71

72

73

74 CONCLUSIONI Alla luce della nostra esperienza e di quanto descritto in letteratura possiamo affermare che si tratta di metodiche molto delicate. I risultati oggi ottenibili possono essere migliorati. Lautotrapianto di cartilagine trova indicazione nei pazienti giovani e con lesioni limitate le protesi articolari sono indicate in pazienti anziani

75 A.O.R.N. V. MONALDI - NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Unità Operativa Complessa di Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. R. Magri Grazie


Scaricare ppt "Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione V. MONALDI - NAPOLI Unità Operativa Complessa di Ortopedia Primario: Dott. Roberto."

Presentazioni simili


Annunci Google