La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linee guida sulla dotazione e lutilizzo di defibrillatori Dr Paolo Amaddeo Associazione Medico Sportiva di Bergamo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linee guida sulla dotazione e lutilizzo di defibrillatori Dr Paolo Amaddeo Associazione Medico Sportiva di Bergamo."— Transcript della presentazione:

1 Linee guida sulla dotazione e lutilizzo di defibrillatori Dr Paolo Amaddeo Associazione Medico Sportiva di Bergamo

2 L'Arresto Cardiocircolatorio (ACC) è una situazione nella quale il cuore cessa le proprie funzioni, di solito in modo improvviso, causando la morte del soggetto che ne è colpito. Ogni anno, in Italia, circa persone muoiono in conseguenza di un arresto cardiaco, spesso senza essere preceduto da alcun sintomo o segno premonitore.

3 Un intervento di primo soccorso, tempestivo ed adeguato, contribuisce, in modo statisticamente significativo, a salvare fino al 30 per cento in più delle persone colpite. In particolare, è dimostrato che la maggiore determinante per la sopravvivenza è rappresentata dalle compressioni toraciche esterne (massaggio cardiaco) applicate il prima possibile anche da parte di personale non sanitario.

4 A questo primo e fondamentale trattamento deve seguire, in tempi stretti, la disponibilità di un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE) che consente anche a personale non sanitario di erogare una scarica elettrica dosata in grado, in determinate situazioni, di far riprendere un'attività cardiaca spontanea.

5 Per queste ragioni occorre che le tecniche di primo soccorso diventino un bagaglio di conoscenza comune e diffusa, che sia tempestivamente disponibile un DAE e che sia presente personale non sanitario certificato all'utilizzo.

6

7 16 marzo 1969: Giuliano Taccola 25enne attaccante della Roma di Helenio Herrera, negli spogliatoi dello stadio Amsicora, dopo la partita, accusa un malore. Taccola muore sull'ambulanza che lo sta portando in ospedale. 30 ottobre 1977: Renato Curi Si gioca Perugia-Juventus. In una giornata molto fredda, al 5' minuto del secondo tempo, Curi cade improvvisamente a terra. Il giocatore muore, a 24 anni. 5 ottobre 2000: Catalin Hildan centrocampista della Dinamo Bucarest e della nazionale rumena, muore a 24 anni in campo durante un'amichevole. 29 ottobre 2002: Marcio dos Santos attaccante brasiliano muore poche ore dopo la partita contro l'Alianza Lima, in cui ha anche segnato un gol. Aveva 28 anni. 26 giugno 2003: Marc-Vivien Foe centrocampista camerunense del Manchester City, crolla a terra durante la partita Camerun- Colombia della Confederations Cup, a Lione. Muore poco dopo in ospedale. Gli esami riveleranno che il giocatore, 28 anni, aveva problemi cardiaci. 26 gennaio 2004: Miklos Fehrer 24 anni, ungherese, attaccante, giocava nel Benfica 27 ottobre 2004: Paulo Sergio de Oliveira Silva difensore del Sao Caetano, 30 anni, si accascia nellarea del San Paolo al 59°. Decede poco dopo il suo ricovero in ospedale. Pare siano stati riscontrati problemi cardiaci. 28 agosto 2007: Antonio Puerta 22 anni difensore spagnolo giocava nel Siviglia. Morto in ospedale. Anche per lui in anamnesi problemi cardiaci 08 agosto 2009: Daniel Jarque 26 anni, centrocampista dellEspanyol trovato morto in camera a Coverciano per un aneurisma cerebrale 16 novembre 2009: Antonio De Nigris 31 anni attaccante uruguaiano giocava nel Larissa

8 The death of Hank Gathers, who collapsed during a game in 1990, shocked the country. Reggie Lewis Pistol Pete Maravich died suddenly in 1988 at age 40 as a consequence of a previously undetected l heart defect.l

9 Fabrice Mouamba Mario Morosini Alexander Dale Oen

10 Thomas Dezzi 09/02/04 Sulpiriziana (PS) Dario Mulatier a.1403/04/04 US Tribiano Su 224 casi accertati di morte improvvisa a seguito di arresto cardiaco, verificatisi negli ultimi trenta anni in Italia, più della metà è avvenuta in un campo di calcio (la casistica è stata elaborata dalla Scuola di specializzazione di Medicina dello Sport della Cattolica tramite agenzie di stampa e quotidiani sportivi consultati dal 1978 a oggi). Nell 84% di questi casi la morte è sopraggiunta in atleti di basso livello agonistico, mentre solo nel 6,4% sono state vittime di morte improvvisa sportivi di livello professionistico.

11

12 El Pais 3 settembre 2007 La salute dello sportivo

13 Non meno importante è l'estensione della tutela sanitaria non soltanto dei professionisti dello sport agonistico ma anche e soprattutto di quanti praticano attività sportiva amatoriale e ludico motoria.

14 4. Indicazioni per le Società sportive circa la dotazione e l'impiego di DEA

15 L'onere della dotazione del defibrillatore e della sua manutenzione è a carico della società. Le società che operano in uno stesso impianto sportivo, ivi compresi quelli scolastici, possono associarsi ai fini dell'attuazione delle indicazioni di cui al presente allegato. Le società singole o associate possono demandare l'onere della dotazione e della manutenzione del defibrillatore al gestore dell'impianto sportivo attraverso un accordo che definisca le responsabilità in ordine all'uso e alla gestione dei defibrillatori. Le società che utilizzano permanentemente o temporaneamente un impianto sportivo devono assicurarsi della presenza e del regolare funzionamento del dispositivo.

16 Ai fini della formazione del personale è opportuno individuare i soggetti che all'interno dell'impianto sportivo, per disponibilità, presenza temporale nell'impianto stesso e presunta attitudine appaiono più idonei a svolgere il compito di first responder. La presenza di una persona formata all'utilizzo del defibrillatore deve essere garantita nel corso delle gare e degli allenamenti. Il numero di soggetti da formare è strettamente dipendente dal luogo in cui è posizionato il DAE e dal tipo di organizzazione presente. In ogni caso si ritiene che per ogni DAE venga formato un numero sufficiente di persone.

17 I corsi sono effettuati da Centri di formazione accreditati dalle singole regioni secondo specifici criteri e sono svolti in conformità alle Linee guida nazionali del 2003 così come integrate dal D.M. 18 marzo Per il personale formato deve essere prevista l'attività di retraining ogni due anni.

18 4.3 Manutenzione e segnaletica I DAE devono essere sottoposti alle verifiche, ai controlli ed alle manutenzioni periodiche secondo le scadenze previste dal manuale d'uso e nel rispetto delle vigenti normative in materia di apparati elettromedicali. I DAE devono essere mantenuti in condizioni di operatività; la batteria deve possedere carica sufficiente a garantirne il funzionamento; le piastre adesive devono essere sostituite alla scadenza. Deve essere identificato un referente incaricato di verificarne regolarmente l'operatività.

19 Il DAE deve essere collocato in luoghi accessibili e deve essere facilmente riconoscibile; il cartello indicatore della posizione del DAE con gli adesivi "Defibrillatore disponibile" e "AED available", deve essere ben visibile e posizionato all'ingresso.

20 4.5 Responsabilità L'attività di soccorso non rappresenta per il personale formato un obbligo legale che e' previsto soltanto per il personale sanitario. La società è responsabile della presenza e del regolare funzionamento del dispositivo.

21 Le società professionistiche attuano la disposizione di cui al comma 3 entro 6 mesi dall'entrata in vigore del presente decreto. Le società dilettantistiche attuano la diposizione di cui al comma 3 entro 30 mesi dall'entrata in vigore del presente decreto.


Scaricare ppt "Linee guida sulla dotazione e lutilizzo di defibrillatori Dr Paolo Amaddeo Associazione Medico Sportiva di Bergamo."

Presentazioni simili


Annunci Google