La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ORATORIO DOMENICO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini trovano il nulla nel tutto. (G. Leopardi)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ORATORIO DOMENICO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini trovano il nulla nel tutto. (G. Leopardi)"— Transcript della presentazione:

1 ORATORIO DOMENICO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini trovano il nulla nel tutto. (G. Leopardi)

2 IL GIOCO DUE CONCETTI TANTO PER COMINCIARE: RISPETTO AVVERSARI COMPAGNI REGOLE

3 IL GIOCO DUE CONCETTI TANTO PER COMINCIARE: PARTECIPAZIONE: Nella scelta di un gioco occorre tener presente il concetto di partecipazione attiva di tutti. ESEMPIO – STAFFETTE: ho un gruppo numeroso, non faccio due file ma 3,4,5 o più file. Al Grest ho già 4 squadre, non posso fare più di 4 file ed allora posso decidere di far partire 2,3,4 persone alla volta.

4 QUANDO SI VA VERSO UN OBIETTIVO E MOLTO IMPORTANTE PRESTARE ATTENZIONE AL CAMMINO. È IL CAMMINO CHE CI INSEGNA SEMPRE LA MANIERA MIGLIORE PER ARRIVARE E CI ARRICCHISCE MENTRE LO PERCORRIAMO (Paulo Coelho) IL GIOCO

5 INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE PER LA REALIZZAZIONE INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE PER LA REALIZZAZIONE IL GIOCO Una qualsiasi proposta di attività ludica, orientata al raggiungimento di obiettivi educativi, anche se sotto forma di giochi organizzati, non può esaurirsi nel consegnare il gioco ai ragazzi escludendoli così dalla dinamica di gruppo.

6 IL GIOCO INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE PER LA REALIZZAZIONE INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE PER LA REALIZZAZIONE Anziché un animatore che non interviene affatto, è necessario esaminare una sequenza fondamentale di operazioni. Solo così lazione dellanimatore può assumere connotazioni educative ed il gioco può divenire strumento di insegnamento, di apprendimento e, quindi, vera e propria esperienza di crescita.

7 SCELTA DEL GIOCO IL GIOCO Età/Sesso dei partecipanti Livello delle capacità individuali e/o del gruppo Ambiente e materiale disponibile Tipologia del gruppo (prevalenza maschi o femmine, età… ) Obiettivi che si vogliono raggiungere Esigenze e motivazioni dei ragazzi

8 LA PRESENTAZIONE DEL GIOCO IL GIOCO Avremo, dunque, la spiegazione generale del gioco… quindi si proseguirà con le regole principali…. E le altre regole andranno introdotte con gradualità durante lo svolgimento dellattività.

9 LO SPAZIO PER GIOCARE IL GIOCO Non basta conoscere il gioco, avere uno spazio a disposizione e un gruppo di ragazzi desiderosi di giocare. Molti giochi richiedono gruppi ristretti di ragazzi, poiché se sono in molti, il gioco non ingrana in modo costruttivo cosicché molti abbandonano il campo, oppure mostrano scarso interesse sin dallinizio. Occorre frazionare il gruppo e/o aumentare i campi di gioco. In definitiva adattare il numero dei ragazzi allo spazio disponibile o adattare lo spazio al numero dei ragazzi

10 LA COMPOSIZIONE DELLE SQUADRE IL GIOCO Il divertimento dei ragazzi e la riuscita del gioco dipendono essenzialmente dallequilibrio delle forze in campo; la disparità di capacità può provocare frustrazioni e conflitti. Occorre tener conto di: - Livello di capacità dei singoli - Preferenze affettive dei ragazzi - Leader del gruppo - Variare spesso la composizione delle squadre - Provvedere che le squadre si distinguano visivamente in modo chiaro usando fazzoletti, bandierine, casacche, colore delle maglie ecc.

11 IL GIOCO E LE REGOLE IL GIOCO È compito dellanimatore osservare attentamente il comportamento dei ragazzi per poter cogliere con tempestività le difficoltà e poter intervenire. Uno strumento importante per la risoluzione di molti problemi è lintroduzione graduale delle regole con il loro conseguente rispetto. I PUNTEGGI È importante che i ragazzi abbiano la possibilità di misurare, quantificare, verificare il loro impegno sia durante il gioco che alla fine; per questo è necessario chiarire subito il sistema di assegnazione dei punteggi.

12 IL GIOCO LARBITRAGGI O Lanimatore è una figura attiva, che legge e interpreta le necessità, anche non espresse, dei singoli e del gruppo, offrendo strumenti di partecipazione al dialogo educativo. Lanimatore rivestirà allora il ruolo di arbitro, e come tale dovrà prestare molta attenzione allo svolgimento dellattività. Ruolo: ARBITRO-OSSERVATORE- MEDIATORE di regole. Anche i ragazzi possono assumere il ruolo di giudice-arbitro, sempre sotto il controllo dellanimatore LA VERIFICA DEL GIOCO Affinché il contesto delle attività che si svolgono sia educativo è necessario procedere ad una verifica dei risultati ottenuti, ciò sia con i ragazzi a conclusione del gioco, sia individualmente o con gli altri animatori in seguito. La sottolineatura, nel bene e nel male, di quanto vissuto, arricchirà e fisserà maggiormente lesperienza. (obiettivi raggiunti? Difficoltà? Ecc.)

13 IL GIOCO CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO Diritto di divertirsi e di giocare Diritto di fare lo sport Diritto di beneficiare di un ambiente sano Diritto di essere circondato da animatori competenti Diritto di rispetto dei propri ritmi Diritto di essere confrontato con bambini di pari livello Diritto di praticare il gioco in sicurezza Diritto di avere i giusti tempi di recupero Diritto di non essere un campione

14 IL GIOCO La bellezza non è qualcosa per cui si gareggia: ciascuno ha qualcosa di bello da scoprire; lattenzione è la chiave della scoperta. Dacia Maraini … Nino non aver paura a tirare un calcio di rigore, non è da questo particolare che si giudica un giocatore. Un giocatore lo vedi dal coraggio, laltruismo e la fantasia. Francesco De Gregori FINE delleducazione non è la conoscenza, ma LAZIONE Host Wein

15 IL GIOCO I giochi devono essere A MISURA dei bambini come le SCARPE né troppo lunghe né troppo strette. Host Wein I giochi devono essere A MISURA dei bambini come le SCARPE né troppo lunghe né troppo strette. Host Wein trovarsi insieme è un INIZIO, stare insieme è un PROGRESSO, lavorare insieme è un SUCCESSO Henry Ford Se vuoi accendere un fuoco dentro unaltra persona, che quel fuoco bruci prima dentro di te. Confucio

16 IL GIOCO INSEGNARE A GIOCARE Abituarsi a programmare ed organizzare il proprio lavoro Essere puntuali Usare un linguaggio chiaro e comprensibile Utilizzare in modo corretto la posizione in campo Saper coinvolgere in modo positivo ed educativo Utilizzare rinforzi positivi e non rimproveri o punizioni Aiutare il formarsi di un gruppo Saper esser leader mantenendosi con equilibrio al di sopra delle parti Correggere nella giusta misura ed al momento opportuno Essere sereni, onesti e credibili Autorevoli quando è necessario, ma non isterici Essere se stessi Saper sorridere INSEGNARE A GIOCARE Abituarsi a programmare ed organizzare il proprio lavoro Essere puntuali Usare un linguaggio chiaro e comprensibile Utilizzare in modo corretto la posizione in campo Saper coinvolgere in modo positivo ed educativo Utilizzare rinforzi positivi e non rimproveri o punizioni Aiutare il formarsi di un gruppo Saper esser leader mantenendosi con equilibrio al di sopra delle parti Correggere nella giusta misura ed al momento opportuno Essere sereni, onesti e credibili Autorevoli quando è necessario, ma non isterici Essere se stessi Saper sorridere concludendo…

17 IL GIOCO fabio cicciò


Scaricare ppt "ORATORIO DOMENICO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini trovano il nulla nel tutto. (G. Leopardi)"

Presentazioni simili


Annunci Google