La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA. Modalità di trasmissione delle malattie: come i patogeni si trasmettono allape?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA. Modalità di trasmissione delle malattie: come i patogeni si trasmettono allape?"— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA

2 Modalità di trasmissione delle malattie: come i patogeni si trasmettono allape?

3 Trasmissione per contatto diretto ape-ape Ad esempio, nel caso della acariosi e della varroatosi, avviene il passaggio dellacaro dallape parassitata a quella sana (apiari trattati vicini ad altri non trattati)

4 Trasmissione per contatto con materiale infetto-api Per esempio: Nosemiasi: contatto tra ape sana e feci contenenti le spore di Nosema spp. Peste americana e peste europea: -Contatto con covata o scorte infette (es. durante trasferimento di telaini da alveari malati, o nutrizione con miele infetto, apiari abbandonati/saccheggio) -Contatto con la leva contaminata dellapicoltore

5 Introduzione di patogeni da api importate Commercio di sciami ed api regine, nomadismo

6 Importazioni di api regine:

7 Principali Paesi esportatori in Italia: Argentina, Australia, Cina, Nuova Zelanda, Uruguay Misure cautelari da adottare nei casi dimportazione di api regine importate da Paesi terzi nel territorio nazionale: - la Ordinanza Ministeriale del Ministero della Salute del 20 aprile 2004; - il Regolamento UE 206/2010; -la Decisione N. 1979/542/CE e successive modifiche. Inoltre, il Ministero della Salute (Nota n P- 17/12/2010) ha previsto che: per i voli trans-continentali (in arrivo presso laeroporto di Fiumicino e presso quello di Malpensa), sono responsabili per la realizzazione dei controlli ufficiali, rispettivamente, gli IIZZSS di Roma e di Binago (VA).

8 Controlli ufficiali IZSLT su api regine: periodo

9 Classificazione delle malattie delle api: Secondo la natura: parassitaria, protozoaria, batterica, fungina, virale

10 Secondo la categoria di ape colpita: api adulte; api adulte + covata; covata

11 Conoscere la normalità Api adulte sane

12 Api adulte malate

13

14 Covata sana

15 Covata malata

16

17

18 Le malattie di natura parassitaria 1.varroatosi (Varroa destructor) 2.acariosi (Acarapis woodi) 3. braulosi (Braula coeca) aethinosi (Aethina tumida) 5. tropilaelapsosi (Tropilaelaps spp.)

19 La varroatosi (la patologia più importante per aspetti sanitari ed economici) CONVIVERE CON IL PARASSITA Malattia ubiquitaria dovuta allacaro Varroa destructor Implica trattamenti farmacologici a calendario, indispensabili per la sopravvivenza delle api Problematiche: carenza efficienti farmaci veterinari registrati; associazione con altre patologie (spt. virosi) residui nei prodotti dellalveare (spt. cera).

20

21

22 Acariosi (Acarapis woodi) Malattia denunciabile Ultimo focolaio: negli anni 90, in Sicilia. Lacaro è sensibile ai trattamenti con timolo e formico. Endoparassita che vive nelle trachee delle api adulte (1° paio toraciche), nutrendosi di emolinfa. In inverno e primavera si accoppia alla base delle ali, alterandole. Sintomi: api incapaci di volare (tremori, movimenti convulsi, ali a K), regine senza ali, spopolamento.

23 Acariosi

24 Braulosi (Braula coeca) Pidocchio delle api, dittero Brachicero. Vive attaccato ai peli del dorso e del torace delle api adulte (spt. delle regine, fino a qualche decina/regina). Si alimentano del cibo dellape stessa che parassitano. I danni sono limitati, tranne che per le regine che possono ridurre la ovodeposizione fino a cessarla. Oggi difficilmente rinvenibile negli alveari.

25 Senotainiosi Senotainia tricuspis, dittero sarcofagide, endoparassita delle api adulte. Sullape che rientra nellalveare deposita in volo una larva che penetra lesoscheletro e comincia la mutazione. Dopo 1 settimana lape muore per le dimensioni della larva (c.a. 1 cm) e si impupa nel terreno per divenire mosca adulta. Sverna nel terreno come pupa.

26

27 Aethinosi (Aethina tumida) Coleottero Nitidulide originario dellAfrica meridionale il cui ciclo biologico viene solitamente completato nel nido di apoidei (Apis mellifera, Melliponini o Bombus spp.). La prima segnalazione negli USA risale al 1998 in Florida. Attualmente è in USA, Canada, nord Africa ed Australia. Nel 2004 primo focolaio UE in Portogallo da api regine importate dal Texas, fortunatamente chiuso tempestivamente con successo.

28 Ciclo biologico: le femmine adulte, tramite il volo od il commercio di materiale apistico penetrano negli alveari sani attraverso lingresso dellarnia, depongono le uova nel nido (fessure del legno o nei favi di covata). Le larve (fino a diverse decine di migliaia/favo) scavano tunnel nei favi alimentandosi di covata, miele e polline. Parassitano e alterano i favi che diventano viscidi ed assumono un odore nauseabondo di arance andate a male. Dopo 14 giorni, le larve (c.a. 1 cm) di notte si lasciano cadere allesterno dellarnia per impuparsi nel terreno (da 5 a 60 cm) e compiere la loro metamorfosi in adulti (c.a. 1 mese).

29 Aethina tumida Sono possibili fino a sei generazioni/anno

30 Tropilaelaps clarae e T. mercedesae sono patogeni per Apis mellifera (T. Koenigerum e T. thaii no) Diffusione: Asia ed Indonesia. Tropilaelapsosi Tropilaelaps causa danni simili alla Varroa, covata irregolare, adulti ridotti di dimensioni, malformati. Le api possono collassare per i danni a carico della covata. A volte induce le api a sciamare. Diversamente dalla Varroa, non riesce a penetrare la cuticola delle api adulte e quindi parassita solo la covata. Sulle api adulte sopravvive per un tempo limitato (da 2 a 7 giorni).

31 Grazie dellattenzione!


Scaricare ppt "INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA. Modalità di trasmissione delle malattie: come i patogeni si trasmettono allape?"

Presentazioni simili


Annunci Google