La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stima di sviluppo dei traffici aerei Italia/Cina e opportunità di crescita per gli aeroporti secondari Milano, 8° Luglio 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stima di sviluppo dei traffici aerei Italia/Cina e opportunità di crescita per gli aeroporti secondari Milano, 8° Luglio 2004."— Transcript della presentazione:

1 stima di sviluppo dei traffici aerei Italia/Cina e opportunità di crescita per gli aeroporti secondari Milano, 8° Luglio 2004

2 premessa la presenza italiana è ancora minoritaria rispetto a quella di altri Paesi europei, ma è importante la crescita degli scambi e degli investimenti Italia–Cina, che potrebbe presentare interessanti opportunità per il nostro sistema aeroportuale la Repubblica Popolare Cinese negli ultimi 20 anni ha avuto un tasso medio di crescita del 9%. Già nel primo trimestre 2004 il pil cinese ha segnato un + 9,7% rispetto al + 9,1 % registrato in tutto il 2003 sulla base dei dati relativi allo scambio con lestero, la Cina conferma la sua primaria importanza come mercato in crescita (export + 34,6 % rispetto al 2002; import + 39,9 %) Germania e Francia sono i principali partner commerciali europei

3 dati 2002 limport/export della Cina verso lEuropa il 13,05 % delle importazioni cinesi proviene dai principali paesi europei; di questo circa l11 % (pari all 1,46% del totale) proviene dallItalia il 14,80 % delle esportazioni cinesi è diretto verso i principali paesi europei; di questo il 10 % (pari all1,48% del totale) ha quale destinazione lItalia import Italia da Cina: 4° posto dopo la Germania, i Paesi Bassi e lUK export Italia verso Cina: 2° posto dopo la Germania

4 limport e lexport Italia - Cina import Italia da Cina export Italia v/Cina (*) fonte dati Istat; la rilevazione del commercio con la Cina è effettuata tramite bollette doganali dati mensili in milioni di Euro

5 i principali aeroporti per numero passeggeri fonte dati elaborazione da Annuario statistico Enac (anno 2002, milioni di passeggeri) 12,3 29,6 33,9 40,7 48,3 48,4 63,3 Pechino Londra Hong Kong Madrid Amsterdam Parigi Francoforte Londra aeroporti europei aeroporti cinesi

6 i principali aeroporti per merce trasportata fonte dati elaborazione da Annuario statistico Enac (anno 2002, milioni di tonnellate) aeroporti cinesi aeroporti europei

7 il posizionamento degli aeroporti cinesi rispetto ai principali competitor internazionali: traffico merci e posta paragonando il traffico cargo su Hong Kong, Pechino, Shanghai e Guangzhou con quello gestito nel corso del 2002 dai maggiori aeroporti europei (Francoforte, Parigi, Londra, Amsterdam, Lussemburgo), si nota levoluzione quantitativa degli scali cinesi nel corso del 2002 il rapporto percentuale fra le tonnellate di merci gestite dai maggiori aeroporti cinesi e quelle gestite dai maggiori aeroporti europei è aumentato di 11 punti percentuali fonte dati: annuario statistico 2002 dellENAC tonnellate principali aeroporti europei principali aeroporti cinesi rapporto %58%69%

8 stima dellevoluzione del rapporto percentuale di merci gestite già nel corso del 2004 potrebbe avvenire il sorpasso degli aeroporti cinesi su quelli europei evoluzione stimata del rapporto fonte dati: annuario statistico 2002 dellENAC supponendo un incremento relativo, costante di anno in anno, del rapporto percentuale fra la quantità di merce gestita nei principali aeroporti cinesi e quella gestita nei principali aeroporti europei, è possibile la seguente stima

9 il trasporto aereo passeggeri Italia - Cina traffico passeggeri da e per lItalia – (voli diretti) i dati di origine-destinazione rispecchiano la realtà per i soli voli diretti 2002 passeggeri (arrivi + partenze) fonte dati: annuario statistico 2002 dellENAC 2002 passeggeri (arrivi + partenze)

10 le importazioni italiane per via aerea dalla Cina * dato provvisorio tonnellate di merce importate TONNELLATE/migliaia VALORE/milioni euro * % valore delle merci importate + 52% + 86% rispetto al 2002 (a) (a) valore influenzato dal picco delle importazioni di combustibili solidi, nulle negli altri anni il 94% delle importazioni 2003 è rappresentato da macchine, veicoli e oggetti manufatti Elaborazioni su dati ISTAT

11 le esportazioni italiane via aerea per la Cina * dato provvisorio tonnellate di merce esportate TONNELLATE/migliaia VALORE/milioni euro * % valore delle merci esportate + 17% Macchine, veicoli e oggetti manufatti 75% Esportazioni ** 2003 (**) del totale tonnellate (a) (a) valore influenzato dal picco delle esportazioni di macchine, veicoli e oggetti manufatti Prodotti chimici 19% + 17% rispetto al 2002 Elaborazioni su dati ISTAT

12 valore medio importazioni/esportazioni Italia-Cina importazioni valore medio ,25% esportazioni a fronte dellaumento del volume di importazioni e esportazioni, si registra una flessione nel valore medio delle merci /Kg -13,51% Elaborazioni su dati ISTAT

13 importazioni ed esportazioni Italia – Cina il peso in quantità del trasporto aereo merci TONNELLATE/migliaia Incidenza su altri tipi di trasporto merci quota import/export per via aerea ,75% 98% Elaborazioni su dati ISTAT quota import/export per via mare

14 importazioni ed esportazioni Italia – Cina il peso in valore del trasporto aereo merci VALORE/ milioni Incidenza su altri tipi di trasporto merci quota di import/export per via aerea ,7% 80,3% Elaborazioni su dati ISTAT quota di merci importata per via mare

15 le nostre stime di sviluppo dei traffici aerei Italia-Cina stima import export Italia-Cina via aerea * incrementi stimati annui import: + 21,51 % import: + 21,51 % export: + 11 % export: + 11 % (*) elaborazione stime su dati Istat 60,2 71,6 85, k ton a partire dalle 51,7 k ton del 2003

16 le nostre stime di sviluppo dei voli Italia-Cina assunto che lincremento dellimport export di merci via aerea, venga gestito utilizzando un unico modello di aereo, un B747 MTOW 370 TONS in grado di trasportare 100 tonnellate di merce a tratta: stima dei voli aggiuntivi cumulativamente entro il 2006 si stima un incremento di almeno 346 voli (*) stima su dati Istat incremento medio annuo +20 %

17 prime indicazioni la previsione di voli aggiuntivi disegna una opportunità di business di grande importanza per gli aeroporti di grandezza media, strutturalmente adeguati, vicini a distretti industriali che sviluppano traffici con la Cina laumento del traffico merci non potrà essere assorbito da Fiumicino e Malpensa. Il rischio, se non vengono attivati rapidamente questi aeroporti secondari, è che i flussi vadano a cercare triangolazioni europee che già oggi fanno competizione allItalia, marginalizzandola

18 le opportunità di intercettazione lo sbilanciamento netto tra export e import lascia presumere lutilizzo esteso di hub esteri europei (la cui incidenza è oggi difficilmente quantizzabile) e dimostra altresì lesistenza di effettive opportunità di intercettazione dei traffici al momento non centrati in hub italiani quanto detto è anche avallato dagli sviluppi ipotizzabili nei prossimi anni in considerazione dei ragguardevoli incrementi nelle quantità trasportate dallItalia verso la Cina (export 2003/2002: +17%) e dalla Cina ( import 2003/2002: + 30%) Italia Cina limport aereo dalla Cina tons nel 2003 lexport aereo verso la Cina tons nel 2003

19 valutazioni strategiche di contesto per una attenta valutazione strategica occorre tener conto innanzitutto dei seguenti elementi: la competizione del traffico aereo merci/passeggeri si giocherà nei prossimi anni sullarena asiatica. Le stesse Boeing e Airbus prevedono che sino al 2012 lo sviluppo sarà guidato dallincremento dei traffici asiatici iniziano a delinearsi le triangolazioni verso lAsia e la Cina. A fronte del potenziamento dellhub di Singapore, per i prossimi anni si propone fortemente anche lhub di Dubai. E importante non essere tagliati fuori dalla geografia che si sta disegnando, ma tracciare immediatamente una importante direttrice Italia-Cina

20 la strategia e la geografia Roma Milano aeroporti secondari Dubai Singapore Nord Europa Cina si confonde la Cina con i suoi principali tre aeroporti. In realtà sono attivi oltre 100 aeroporti e decine di distretti industriali interessanti. Singapore e Dubai intendono colpire più efficacemente il territorio, aprendo nuove rotte per linterno. La Singapore Airlines ha aperto ad esempio il nuovo volo per Nanjing, dopo quelli per Guangzhou e Shanzhen, ritenendo strategico il distretto una opportunità per gli aeroporti secondari italiani potrebbe anche essere quella di mirare a destinazioni nuove, potenzialmente interessanti e disposte a collaborare

21 conclusioni lobiettivo di intercettazione dei traffici si sposa perfettamente ai progetti più generali di marketing territoriale: la creazione di nuove rotte deve tener conto sia dei mercati di sbocco, sia delle esigenze e degli asset del mercato di origine nel caso degli aeroporti secondari, la strategia deve tener conto sia delle mosse a livello internazionale (come precedentemente detto), sia della competizione degli aeroporti maggiori. La dimensione tempo è pertanto cruciale la conoscenza cinese delle possibilità in Italia è ancora molto, molto embrionale: nessuno conosce gli aeroporti secondari né il loro indotto. Occorre comunicare e vendere lopportunità


Scaricare ppt "Stima di sviluppo dei traffici aerei Italia/Cina e opportunità di crescita per gli aeroporti secondari Milano, 8° Luglio 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google