La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anno Accademico 2009-2010 Economia dellImpresa Laurea triennale in Ingegneria Informatica e dellAutomazione Laurea triennale in Meccanica Docente: Sabrina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anno Accademico 2009-2010 Economia dellImpresa Laurea triennale in Ingegneria Informatica e dellAutomazione Laurea triennale in Meccanica Docente: Sabrina."— Transcript della presentazione:

1 Anno Accademico Economia dellImpresa Laurea triennale in Ingegneria Informatica e dellAutomazione Laurea triennale in Meccanica Docente: Sabrina Dubbini Facoltà di Ingegneria Università Politecnica delle Marche

2 Anno Accademico CORSO DI ECONOMIA DELLIMPRESA 24 lezioni Inizio 8 marzo 2010 Termine 1° settimana di giugno 2010 Date esame: 30 giugno luglio ottobre dicembre 2010

3 Anno Accademico CORSO DI ECONOMIA DELLIMPRESA orario di ricevimento: martedì 10,30-11,30 Possibili variazioni saranno comunicate sul sito internet

4 Anno Accademico CORSO DI ECONOMIA DELLIMPRESA Contenuto a)Organizzazione e comportamento dellimpresa Concetti di base della microeconomia: mercato, prezzi e costi; forme istituzionali e strutture organizzative dellimpresa; economie di scala e di scopo; integrazione verticale, scelte di make or buy, i costi di transazione.

5 Anno Accademico CORSO DI ECONOMIA DELLIMPRESA Contenuto b)Dinamiche di mercato e strategie competitive Forme di mercato e concorrenza: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza imperfetta, oligopolio; lanalisi dellindustria; strategie competitive e vantaggio competitivo. Rischio e informazione imperfetta, la teoria dei contratti, Moral hazard e adverse selection.

6 Anno Accademico CORSO DI ECONOMIA DELLIMPRESA Contenuto c) L'impresa web e il social networking. Cambiamenti organizzativi indotti dall'evoluzione delle applicazioni web. Formazione e certificazione delle nuove professionalità per l'impresa web.

7 Anno Accademico CORSO DI ECONOMIA DELLIMPRESA TESTI di ESAME Begg D., Fischer S., Dornbusch R. – Microeconomia – McGraw Hill, 2008 (terza edizione), capitoli: 1, 3, 4, 6, 7, 8, 9, 13. Besanko D., Dranove D., Shanley M. – Economia dellindustria e strategie dimpresa – UTET, Torino, 2001, capitoli: Concetti base, 2, 3, 11. Lamborghini B. (A cura di) L'impresa web - Franco Angeli 2009

8 Anno Accademico Programma di esame testo: MICROECONOMIA – BEGG-FISCHER-DORNBUSCH -McGraw Hill 3° edizione – (2008) CAPITOLO 1 : SCIENZA ECONOMICA ED ECONOMIA CAPITOLO 3: DOMANDA, OFFERTA E MERCATO CAPITOLO 4 : ELASTICITA DELLA DOMANDA E DELLOFFERTA (APPENDICE NO) CAPITOLO 6 : INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLOFFERTA CAPITOLO 7: LA TEORIA DELLOFFERTA : TECNOLOGIA E COSTI CAPITOLO 8: CONCORRENZA PERFETTA E MONOPOLIO PERFETTO CAPITOLO 9: CONCORRENZA IMPERFETTA: MONOPOLIO NATURALE E CONCORRENZA MONOPOLISTICA CAPITOLO 13: INFORMAZIONE E RETI

9 Anno Accademico Programma di esame testo: Economia dellIndustria e strategie di impresa - BESANKO- DRANOVE- SHANLEY- UTET (2001) CAPITOLO 2: I CONFINI ORIZZONTALI DELLIMPRESA: LE ECONOMIE DI SCALA E DI SCOPO ( , APPENDICE NO) CAPITOLO 3: I CONFINI VERTICALI DELLIMPRESA CAPITOLO 11: LANALISI DELLINDUSTRIA

10 Anno Accademico Programma di esame testo: Limpresa web – LAMBORGHINI B.- Franco Angeli (2009) CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 8 CAPITOLO 16

11 Anno Accademico Registrazione studenti Sito del corso sulla pagina principale: Nickname: registra Password: economia (valida ai fini password)

12 Anno Accademico

13 Concetti base: ECONOMIA o SCIENZA ECONOMICA Studia il modo in cui la società decide cosa, come e per chi produrre in una situazione di SCARSITA DI RISORSE.

14 Anno Accademico PROBLEMA ECONOMICO Conflitto tra: BISOGNI (ILLIMITATI) DEGLI INDIVIDUI BENI E SERVIZI PRODOTTI IN NUMERO LIMITATO Risorse scarse

15 Anno Accademico Cosa,come,per chi produrre: shocks petroliferi (anni 70-80; 90) Come produrre ? Tecnologie alternative a minor utilizzo petrolio Cosa produrre? Beni a risparmio energetico (auto, abitazioni,…), sostituti di beni e servizi basati sul petrolio (d sale p in aumento convenienza a produrli) Per chi produrre? Sale potere acquisto paesi OPEC beni e servizi per OPEC

16 Anno Accademico Cosa,come,per chi produrre oggi: crisi economica e finanziaria, impoverimento sociale, drastica riduzione margini di sostenibilità ambientale Come produrre ? Tecnologie……… Cosa produrre? Beni e servizi……. Per chi produrre? Paesi, categorie di persone,gruppi sociali……

17 Anno Accademico Cosa,come,per chi produrre oggi: nuovi prodotti e servizi; nuovi consumatori; nuovi mercati Problemi attuali e futuri prossimi Distribuzione reddito mondiale Indicatori sociali (Invecchiamento popolazione; trends comportamenti sociali; movimenti migratori; indicatori epidemiologici; sicurezza; etc…)

18 Anno Accademico Scelte efficienti: mercato o forme alternative La scienza economica studia il modo in cui realizzare SCELTE EFFICIENTI a fronte di risorse scarse. Tali scelte possono attuarsi ricorrendo: al MERCATO oppure ad alternative del mercato: GERARCHIA o CONVENZIONI

19 Anno Accademico Concetti base: DEFINIZIONE E RUOLO DEL MERCATO Luogo fisico o virtuale in cui le decisioni dei soggetti economici si aggiustano (compatibilità) attraverso il meccanismo dei prezzi, ovvero Processo che coordina le decisioni di offerta e di acquisto di beni e servizi attraverso laggiustamento dei prezzi

20 Anno Accademico Concetti base: GERARCHIA E CONVENZIONI Gerarchia: organizzazione interna entro cui i rapporti sono regolati dal contratto di lavoro Convenzione: Accordo implicito su regole comportamentali e di azioni valevoli per un gruppo specifico di individui

21 Anno Accademico Concetti base: Mercato ACQUIRENTI (DOMANDA) FAMIGLIE (Beni e servizi) IMPRESE (lavoro) VENDITORI (OFFERTA) IMPRESE (Beni e servizi) LAVORATORI (lavoro)

22 Anno Accademico Concetti base BENI OGGETTI FISICI O PRODUTTIVI AI QUALI E ATTRIBUIBILE UN VALORE DUSO SERVIZI PRESTAZIONI CONSUMATE O UTILIZZATE NEL MOMENTO IN CUI SONO PRODOTTE

23 Anno Accademico Concetti base: VALORE DUSO DEI BENI E DEI SERVIZI Valore del bene o del servizio per lutilizzatore (consumatore) finale

24 Anno Accademico Analisi economica STUDIA come si formano i prezzi CIOE come si raggiunge lequilibrio tra la domanda(aggregata) e lofferta (aggregata) nelle diverse strutture di mercato

25 Anno Accademico Strutture di mercato Concorrenza perfetta Monopolio Concorrenza Monopolistica Oligopolio

26 Anno Accademico Mercato Domanda AGGREGATA Offerta AGGREGATA Somma O individuali Somma D individuali Teoria microeconomica del consumo Teoria della produzione equilibrio

27 Anno Accademico DOMANDA RELAZIONE tra la quantità di un bene o servizio che gli acquirenti sono disposti ad acquistare e il prezzo al quale lacquisto è realizzabile D = f (p)

28 Anno Accademico OFFERTA RELAZIONE tra la quantità offerta di un bene o servizio che i venditori sono disposti a vendere e il prezzo ricavabile dalla vendita S = f (p)

29 Anno Accademico EQUILIBRIO Situazione in cui D = S La quantità di bene/servizio domandata incontra esattamente la quantità di bene/servizio offerta. Il prezzo in corrispondenza di tale eguaglianza è detto PREZZO DI EQUILIBRIO

30 Anno Accademico Strutture di governo del mercato Economie PIANIFICATE o DIRIGISTE autorità istituzionale detta criteri di comportamento ai soggetti economici Mercati LIBERI mano invisibile di A.Smith (1776) Economie MISTE settore pubblico e settore privato interagiscono

31 Anno Accademico Economia Pianificata LUfficio di Pianificazione DECIDE: COSA (beni) COME (tecnologia) QUANTO PER CHI produrre

32 Anno Accademico Economie PIANIFICATE TRANSIZIONE verso economia di mercato (ex-URSS) PRIVATIZZAZIONI Big Bang vs. Aggiustamento Graduale

33 Anno Accademico Economie PIANIFICATE: problemi Informativo (scarso coordinamento raccolta risorse, distribuzione,…) Incentivazione produttività posto fisso L Obiettivi quantitativi ( no qualità, no ambiente ) Soddisfazione consumatori Qualità servizi Pubblica Amministrazione

34 Anno Accademico Economie PIANIFICATE: problemi Mancanza competizione Grande produzione, nessuno spazio a piccoli e flessibili Crisi produzione massa: nessuna ripresa

35 Anno Accademico Transizione: problemi Debolezza mercato interno Corruzione Classe imprenditoriale non preparata Ex- politica Formazione Capitale Umano

36 Anno Accademico Economie libere Gli individui lasciati liberi di perseguire il proprio interesse personale sono guidati da una mano invisibile e prendono alla fine decisioni nellinteresse collettivo della società. La privatizzazione delle terre della Corona negli Stati monarchici europei porterebbe un reddito maggiore di quello ottenuto dalla gestione diretta della Corona. (A. Smith 1776 – La ricchezza delle Nazioni)

37 Anno Accademico Economie libere Proprietà privata= terre più produttive e ben coltivate Interesse individuale (profitto) realizza interesse collettivo (benessere sociale)

38 Anno Accademico Economia MISTA Lo Stato controlla parte della produzione nazionale attraverso il prelievo fiscale, i trasferimenti e i servizi pubblici.

39 Anno Accademico Bene pubblico e bene privato Non rivale: il consumo di un individuo non riduce la possibilità di consumo altrui Non escludibile: non possibile escludere altri dal consumo dello stesso bene

40 Anno Accademico Economie Miste: settore pubblico Beni e servizi pubblici (difesa e sicurezza ) e privati (scuola, sanità) non venduti sul mercato : Difesa nazionale Sicurezza pubblica Scuola Sanità

41 Anno Accademico Economie Miste: settori nazionalizzati Beni e servizi privati venduti sul mercato la cui proprietà e il controllo sono pubblici: Rete stradale Rete ferroviaria Rete telefonica Rete gas metano Possono godere di sovvenzioni pubbliche

42 Anno Accademico Economie Miste: settori nazionalizzati Motivazioni: Rilevanti ESTERNALITA (privatizzazione, aumento prezzi, calo domanda, aumento congestione traffico, inquinamento…) Monopolio privato eliminerebbe linee non profittevoli Frammentazione proprietà o gestione rete comporterebbe ESTERNALITA NEGATIVE

43 Anno Accademico PRIVATIZZAZIONE Dagli anni Novanta diversi Paesi iniziano politiche di PRIVATIZZAZIONE DEREGOLAMENTAZIONE deregulation

44 Anno Accademico Deregulation: le linee aeree USA 1978 abolizione barriere allentrata liberalizzazione linee aeree interne linee aeree 50% passeggeri 30% prezzo voli 1984 concorrenza spinta fallimenti e fusioni

45 Anno Accademico Deregulation: le linee aeree USA 1989 restano 24 compagnie Le prime 12 87% mercato prezzi tornano a salire mld $ profitti totali settore

46 Anno Accademico Deregulation: le linee aeree USA Compagnie erigono nuove barriere: Controllo servizi aeroportuali Servizi di prenotazione telematica Fidelizzazione del passeggero

47 Anno Accademico Deregulation: le linee aeree europee Linee aeree regolamentate fino al 1997 Prezzi regolati da accordi tra le compagnie, elevati Potere dei sindacati lavoratori interni elevato Nel 1990 inizia progressiva liberalizzazione

48 Anno Accademico Pubblico e Privato: chi è più efficiente? Controllo managers nel privato Controllo managers nel pubblico Controllo settori strategici: privato Il problema non è la proprietà ma la presenza di concorrenza nel settore strategico Valore capitale privatizzato

49 Anno Accademico Concetti base MICROECONOMIA analisi dettagliate di particolari attività economiche studio del comportamento di singoli agenti (consumatori, imprese) analisi condizioni di equilibrio nei mercati Strutture e forme di mercato

50 Anno Accademico Concetti base MICROECONOMIA Perché un prodotto innovativo appena immesso sul mercato ha un prezzo più elevato rispetto alla fase di diffusione ? Perchè laumento del prezzo del petrolio negli anni 70 ha stimolato la produzione di pannelli a energia solare? Perchè laumento del prezzo del caffè nel 1995 non ha aumentato il consumo di tè o di coca-cola?

51 Anno Accademico Concetti base MICROECONOMIA Perché allaumentare del reddito una famiglia cinese fa corrispondere una diminuzione di acquisto di riso? Perché lassicurazione RC auto è obbligatoria per tutti gli automobilisti ? Perché esistono differenze di prezzo per assistere a una stessa partita di calcio ?

52 Anno Accademico Concetti base MICROECONOMIA Perché il servizio di difesa nazionale è pubblico? Perché le imprese che producono acciaio hanno grandi dimensioni e le imprese che producono finestre sono anche di piccola dimensione?

53 Anno Accademico Concetti base: MACROECONOMIA analisi delle interazioni a livello di intero sistema economico, studio del comportamento di grandi aggregati (PIL, Y nazionale, C, I, M, X, livello generale prezzi, tasso di disoccupazione, …) Studio di macro-settori : Agricoltura, Industria, Servizi

54 Anno Accademico Concetti base: Grandi aggregati economici PIL: valore di tutti i beni e servizi finali prodotti in un sistema economico in un dato periodo di tempo LIVELLO GENERALE DEI PREZZI: indicatore del livello medio dei prezzi dei beni e dei servizi in un sistema economico TASSO DI DISOCCUPAZIONE: percentuale di forza lavoro senza occupazione

55 Anno Accademico PIL: indicatore di sviluppo Per avere una mappatura ampia delle condizioni sociali ed economiche di uno Stato dal 1990 il Programma per lo sviluppo dell ONU ( UNDP, United Nations Development Program ) ha elaborato un indicatore di sviluppo combinando tre dati: - il livello di salute, rappresentate dalla speranza di vita alla nascita; - il livello di istruzione, basato sul grado di alfabetizzazione; - il livello di reddito, calcolato sul PIL ( Prodotto Interno Lordo ) pro capite.

56 Anno Accademico PIL indicatore di sviluppo I dati vengono elaborati in un unico indicatore, l ISU, rappresentato da un numero, in base al quale si può redigere una classifica tra : Paesi a sviluppo umano molto elevato ( ISU superiore a 0,900) Paesi a sviluppo umano medio-alto, (ISU da 0,899 a 0,750 ) Paesi a sviluppo umano medio-basso, (ISU da 0,749 a 0,331) Paesi a sviluppo umano molto basso, ( ISU al di sotto di 0,331).

57 Anno Accademico Classifica rapporto 2008 (dati 2006) 1.Islanda 0Islanda 2.Norvegia 0Norvegia 3.Canada +Canada 4.Australia -Australia 5.Irlanda 0Irlanda 6.Paesi Bassi +Paesi Bassi 7.Svezia -Svezia 8.Giappone 0Giappone 9.Lussemburgo +Lussemburgo 10.Svizzera -Svizzera 11 Francia -Francia 12 Finlandia -Finlandia 13 Danimarca +Danimarca 14 Austria +Austria 15 Stati Uniti -Stati Uniti 16 Spagna -Spagna 17 Belgio 0Belgio 18 Grecia +Grecia 19 Italia +Italia 20 Nuova Zelanda –Nuova Zelanda

58 Anno Accademico Ultimi dieci Paesi ] 168 Rep. Dem. del Congo -Rep. Dem. del Congo 169 Etiopia +Etiopia 170 Ciad +Ciad 171 Repubblica Centrafricana +Repubblica Centrafricana 172 Mozambico -Mozambico 173 Mali +Mali 174 Niger +)Niger 175 Guinea-Bissau -Guinea-Bissau 176 Burkina Faso -Burkina Faso 177 Sierra Leone -Sierra Leone

59 Anno Accademico Le fasi dello sviluppo economico Sviluppo agricoltura economie industrializzate economie dei servizi economia dellinformazione

60 Anno Accademico Terziarizzazione peso crescente del settore dei servizi sulle economie nazionali Tasso di crescita del settore servizi incrementale e maggiore rispetto ai settori primario e secondario.

61 Anno Accademico Peso percentuale AGRICOLTURA, INDUSTRIA e SERVIZI nei Paesi sviluppati ( World Bank ) AGRICOLTURAINDUSTRIASERVIZI ITALIA12,33,141,330,446,466,5 GIAPPONE13,11,744,237,242,761,1 FRANCIA10,63,23926,150,470,7 REGNO UNITO 3,41,342,228,854,469,9 USA4,21,737,926,157,972,2

62 Anno Accademico Terziarizzazione: tipologia dei servizi Servizi finanziari, bancari e assicurativi Servizi di trasporto: stradale,marittimo, aereo Servizi di comunicazione: postale, telefonica, satellitare, internet Servizi turistici Servizi del tempo libero e dellintrattenimento e benessere


Scaricare ppt "Anno Accademico 2009-2010 Economia dellImpresa Laurea triennale in Ingegneria Informatica e dellAutomazione Laurea triennale in Meccanica Docente: Sabrina."

Presentazioni simili


Annunci Google