La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marco Onado Diritto ed economia del mercato e degli intermediari finanziari Aspetti economici dellattività bancaria Marzo 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marco Onado Diritto ed economia del mercato e degli intermediari finanziari Aspetti economici dellattività bancaria Marzo 2010."— Transcript della presentazione:

1 Marco Onado Diritto ed economia del mercato e degli intermediari finanziari Aspetti economici dellattività bancaria Marzo 2010

2 Agenda Le funzioni svolte dalla banca in un moderno sistema economico Perché le banche sono al centro del sistema finanziario La banca vista attraverso il suo bilancio I principali controlli sulle banche

3 La banca: una definizione Economica una parte rilevante delle sue passività ha natura monetaria ed è normalmente accettata come mezzo di pagamento; lattivo del suo bilancio è costituito in gran parte da prestiti non liquidi e generalmente non mobilizzabili, basati su informazione riservata (in contrapposizione a quella pubblica che caratterizza i mercati). TUB art. 10 c.1: La raccolta di risparmio tra il pubblico e lesercizio del credito costituiscono l'attività bancaria. Essa ha carattere d'impresa. Art. 11 è raccolta del risparmio lacquisizione di fondi con obbligo di rimborso sia sotto forma di depositi sia sotto altra forma

4 Il perché della norma Duplice riserva di attività a favore della banca Esercizio dellattività bancaria Raccolta del risparmio fra il pubblico Carattere di impresa della banca Attività bancaria definita in modo ristretto, ma possibilità di offrire tutti i servizi previsti dalla legge (approccio europeo; la lista è ampia e può essere aggiornata con grande flessibilità)

5 La logica del Testo Unico Bancario Definizione dellattività bancaria (art.10 c.1) Riserva di attività (art.10 c.2) Le banche esercitano oltre allattività bancaria le altre attività.. (art. 10c.3) La Banca dItalia iscrive in apposito albo.. (art.13 c.1) La Banca dItalia autorizza lattività bancaria quando ricorrano le seguente condizioni.. (art.14 c.1)

6 Le condizioni per lautorizzazione (art. 14c.1) Forma di spa o scarl Sede legale in Italia Capitale versato non inf al minimo fissato dalla Banca dItalia Programma concernente lattività iniziale unitamente allatto costitutivo e allo statuto Titolari di partecipazione con requisiti di onorabilità Soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo con requisiti di professionalità, onorabilità ed indipendenza Non sussistano fra la banca o i soggetti del gruppo di appartenza e altri soggetti stretti legami che ostacolino leffettivo esercizio dellattività di vigilanza

7 Condizioni per il diniego La Banca dItalia nega lautorizzazione quando dalla verifica delle condizioni indicate nel c.1 non risulti garantita la sana e prudente gestione Ergo: non cè valutazione discrezionale diversa da quella relativa alla mancata garanzia di sana e prudente gestione Ergo: la sana e prudente gestione è condizione per continuare ad esercitare lattività bancaria

8 La funzione monetaria della banca e le sue conseguenze La banca fornisce mezzi di pagamento alleconomia (depositi bancari a vista, trasferibili mediante vari strumenti – assegni, ordini elettronici etc.) La moneta bancaria è moneta fiduciaria La moneta bancaria entra in circolazione a fronte di prestiti Lattivo è impiegato in prestiti non trasferibili o limitatamente trasferibili La banca deve tenere riserve liquide per far fronte a uscite in moneta legale per rimborso di depositi (da clientela o interbancari) per utilizzo di linee di credito etc Le riserve sono per definizione una frazione delle passività a vista Il patrimonio è la difesa fondamentale per i depositanti e per la generalità dei creditori della banca

9 La funzione monetaria delle banche nella teoria economica Limportanza della fiducia del pubblico nella moneta Il difficile equilibrio finanziario e patrimoniale della banca Finanziario: rapporto riserve/passività a breve Patrimoniale: rapporto patr/att. a rischio La corsa agli sportelli (o al rimborso di altre passivita. Es: depositi interbancari) Le crisi bancarie si possono trasmettere da un intermediario allaltro: ergo crisi sistemiche La vigilanza di stabilità ha lobiettivo di prevenire crisi aziendali e sistemiche

10 I prestiti bancari nella teoria economica La banca agisce sulla base di informazioni riservate E in grado di massimizzare lefficienza allocativa sotto certe condizioni Gerschenkron Sistemi europei tipicamente bancocentrici Valutazione del merito di credito basato su due momenti Screening Monitoring La funzione monetaria della banca rende particolarmente efficaci entrambi questi momenti

11 La banca di oggi è tipicamente banca universale La regolamentazione odierna consente alla banca di svolgere tutti i servizi di intermediazione oltre a quelli tipici della funzione monetaria Servizi di intermediazione mobiliare Gestione collettiva (tramite società ad hoc) Servizi assicurativi (idem) Vantaggi della banca universale: economie di scala e di produzione congiunta Svantaggi della banca universale: conflitti di interesse

12 Il patrimonio della banca dal punto di vista economico La funzione monetaria consente alla banca di minimizzare il patrimonio Il patrimonio è presidio contro i rischi Il patrimonio deve essere remunerato Patrimonio come obiettivo e termometro della sana e prudente gestione indicata dal TUB

13 I dati fondamentali del Gruppo Intesa Sanpaolo Totale attivo milioni di wuro; Capitalizzazione media di borsa nel 2007: ; Patrimonio netto: ; Numero dipendenti: , di cui allestero; Numero degli sportelli bancari: 7.329, di cui allestero.

14 Il gruppo

15 Le principali voci del conto economico Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato di gestione Risultato dellattività ordinaria Differenza fra interessi attivi (prestiti) e passivi (depositi) Risultato netto Commissioni nette Proventi da operazioni finanziarie Spese amministrative Altri oneri di gestione Accantonamenti e ammortamenti Rettifiche di valore Proventi (perd) straordinari Imposte

16 Le principali voci dello stato patrimoniale Attivo Riserve liquide Cassa Titoli pubblici per rifinanziam b.centr Crediti verso banche Crediti verso clientela A breve A medio e lungo termine Titoli Trading Portafoglio immobilizzato Azioni, partecipazioni etc Immobilizzazioni Partecipazioni Passivo Depositi da clientela A vista A termine Altre forme di raccolta (obbligazioni etc.) Debiti verso banche Altre passività PATRIMONIO Le voci fuori bilancio: impegni, rischi etc.

17 Le principali voci dellattivo Totale:

18 Le principali voci del passivo Totale:

19 Le principali voci del conto economico Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato di gestione Risultato dellattività ordinaria Differenza fra interessi attivi (prestiti) e passivi (depositi) Risultato netto Commissioni nette Proventi da operazioni finanziarie Spese amministrative Altri oneri di gestione Accantonamenti e ammortamenti Rettifiche di valore Proventi (perd) straordinari Imposte

20 La composizione dei proventi operativi netti

21 Dai proventi operativi al risultato netto

22 La securitisation, la crisi e i bilanci bancari Operazione di trasferimento del rischio relativo ad attività finanziarie o reali a una società veicolo (Special Purpose Vehicle o SPV) effettuata mediante la cessione delle attività sottostanti ovvero mediante lutilizzo di contratti derivati. In Italia la materia è regolata principalmente dalla L , n La società veicolo è definita come quella che ha per oggetto esclusivo la realizzazione di una o più operazioni di cartolarizzazione e che, in tale ambito, emette strumenti finanziari negoziabili.

23 La logica economica Trasformare in titolo negoziabile un flusso di pagamenti futuri Da diritti di autore a rimborso mutui I titoli emessi a fronte dello strumento sono divisi in varie categorie di rischiosità Aumento della possibilità di trovare investitori

24 I principali controlli sulle banche Riserve di liquidità (storicamente il primo controllo, ora meno importante) Patrimonio (rinvio) Capitale minimo iniziale Capitale in proporzione ai rischi di credito, di mercato e operativi Assicurazione dei depositi Disciplina delle partecipazioni Controlli interni

25 Assicurazione dei depositi Forma di tutela dei depositanti che garantisce il rimborso anche in caso di insolvenza delle banche Obiettivo: eliminare la percezione del rischio insito nelluso della moneta bancaria e delle altre forme di raccolta In Italia: Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

26 Perché il patrimonio è importante ai fini della vigilanza Gli azionisti e in particolare gli azionisti di controllo Requisiti di onorabilità e professionalità Capacità di influire sulla sana e prudente gestione Separatezza banca-impresa Ladeguatezza del patrimonio rispetto ai rischi dellintermediazione Rischi di credito Rischi di mercato Rischi operativi

27 Il processo logico che ha portato allAccordo di Basilea Occorre stabilire una relazione di proporzionalità fra patrimonio e rischi sopportati dalle banche I rischi fondamentali delle banche sono: Rischio di credito Rischio di mercato Rischio operativo Occorre garantire una disciplina prudenziale omogenea fra i vari paesi e allinterno di ciascun paese fra le varie banche Occorre definire in sede internazionale: Definizione del patrimonio Definizione dei criteri di misurazione dei rischi Definizione dei parametri di proporzionalità fra patrimonio e rischi

28 La definizione del patrimonio di vigilanza Patrimonio di base Capitale versato Riserve Fondo per rischi bancari generali Strumenti innovativi di capitale Patrimonio supplementare ( patr base) Riserve di rivalutazione Strumenti ibridi (passività subordinate) Fondo rischi su crediti Elementi negativi (partecipazioni in banche e altri intermediari)

29 Le ponderazioni del rischio di credito dellaccordo di Basilea del 1988 PonderazioniAttività in bilancioAttività fuori bilancio 0 %Contante e valori assimilati Crediti verso banche centrali paesi Ocse Titoli di Stato paesi Ocse Impegni analoghi allerogazione di credito con scadenza < 1 anno 20 %Crediti verso banche multilaterali di sviluppo Titoli emessi da enti pubblici USA Impegni di firma legati ad operazioni commerciali (crediti documentari con garanzia reale) Segue …

30 Le ponderazioni del rischio di credito dellaccordo di Basilea del 1988 (segue) PonderazAttività in bilancioAttività fuori bilancio 50 %Mutui integralmente assistiti da garanzia ipotecaria su immobili residenziali Facilitazioni in appoggio all emissione di titoli; altri impegni all erogazione di credito con scadenza > 1 anno 100 %Crediti verso imprese private; partecipazioni in imprese private; crediti verso banche e governi di paesi non Ocse Sostituti diretti del credito (fidejussioni e accettazioni); cessioni di attività pro- solvendo 200%Sofferenze

31 Il coefficiente di Basilea-1 Il rapporto fra patrimonio di vigilanza e totale dellattivo ponderato per il rischio di credito deve essere superiore 0,08 Tale rapporto è detto coefficiente di solvibilità

32 Perché Basilea è stato uno dei fattori di cambiamento più importanti Stabilito un nesso fra crescita-redditività- patrimonio Crisi della banca pubblica Sottocapitalizzata per definizione Problemi dellazionista Stato a conferire nuovi mezzi In alcuni casi, mancanza azionisti e proprietari La quotazione di Borsa diviene pressoché necessaria

33 Da Basilea-1 a Basilea-2 Confermare proporzionalità fra patrimonio e rischi Tener conto anche del rischio operativo Consentire metodi più sofisticati di misurazione del rischio Metodo standardizzato (lattuale, migliorato) Sistemi di rating interno Tre pilastri: i coefficienti minimi di capitale, la vigilanza, la disciplina di mercato

34 I rischi bancari

35 Come evitare gli squali Responsabilità del Consiglio di amministrazione (comitato di audit per le banche quotate) e del collegio sindacale Sistema di gestione del rischio Linee di controllo Funzione di controllo interno indipendente Funzione di compliance (conformità)

36 La definizione dei controlli interni nelle istruzioni di vigilanza E indispensabile che le banche si dotino di adeguati sistemi di rilevazione, misurazione e controllo dei rischi.. Il sistema dei controlli interni è costituito dallinsieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative che mirano ad assicurare il rispetto delle strategie aziendali e il conseguimento delle seguenti finalità (segue)

37 Le finalità del sistema di controlli interni nelle istruzioni di vigilanza Efficacia ed efficienza dei processi aziendali (amministrativi, produttivi, distributivi etc.) Salvaguardia del valore delle attività e protezione dalle perdite Affidabilità e integrità delle informazioni contabili e gestionali Conformità delle operazioni con la legge, la normativa di vigilanza nonché con le politiche, i piani, i regolamenti e le procedure interne


Scaricare ppt "Marco Onado Diritto ed economia del mercato e degli intermediari finanziari Aspetti economici dellattività bancaria Marzo 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google