La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ing. Augusto Burchi SICUREZZA STRADALE, SISTEMI DI RILEVAZIONE, STRUMENTI DI RILEVAZIONE WORKSHOP SUL TEMA DELL'INCIDENTALITÀ STRADALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ing. Augusto Burchi SICUREZZA STRADALE, SISTEMI DI RILEVAZIONE, STRUMENTI DI RILEVAZIONE WORKSHOP SUL TEMA DELL'INCIDENTALITÀ STRADALE."— Transcript della presentazione:

1 Ing. Augusto Burchi SICUREZZA STRADALE, SISTEMI DI RILEVAZIONE, STRUMENTI DI RILEVAZIONE WORKSHOP SUL TEMA DELL'INCIDENTALITÀ STRADALE – 16 OTTOBRE, RAVENNA

2 Profilo di Siteco Siteco è una software house specializzata nei sistemi GIS e nei database geografici dedicati alla gestione delle reti stradali I prodotti sono basati su piattaforme standard (Oracle, ArcGIS, Autodesk, Geomedia) con architetture di tipo Entreprise che integrano dati alfanumerici e spaziali(Oracle, ESRI, Microsoft) La filiale bulgara SITECOGB a Sofia: un team di 15 persone per il post- processing e il data entry A partire dal 2005 la Siteco ha sviluppato la propria tecnologia di rilievo ad alto rendimento

3 Settori di attività RILIEVO STRADALE AD ALTO RENDIMENTO per Catasto Strade, PMS, "as built, Bridge & City Modelling CATASTO STRADE Segnaletica, Concessioni, Opere dArte PAVEMENT MANAGEMENT SYSTEM Analisi dei Difetti e Supporto alle decisioni Programmi di Manutenzione MANUTENZIONE STRADALE in partnership con Innovare24 e Sistemi Globali GESTIONE DELL INCIDENTALITA Monitoraggio e cooperazione istituzionale Rilevamento in campo GESTIONE DEGLI ESPROPRI Gestione amministrativa Gestione progettuale

4 Inci-Web2 e il progetto MISTER Inci-Web2 è stato sviluppato per la Regione Emilia-Romagna in seguito allaggiudicazione della corrispondente gara dAppalto E levoluzione del sistema sviluppato a partire dal 2004 per la Provincia di Bologna Il progetto è stato condotto in collaborazione con diversi uffici regionali (Statistica, Cartografico, Sistemi Informativi, Viabilità), nel quadro del progetto MISTER E disponibile a riuso per tutti gli Enti Locali che ne facciano richiesta alla Regione E aggiornato alle ultime disposizioni legislative e al contenuto informativo della scheda CTT/INC 2011

5 Sistema WEBGIS per la gestione della banca dati dellincidentalità Sistema WEB per larchiviazione e la consultazione di banche dati relative allincidentalità Necessità per gli enti locali (Regioni Province Comuni) di istituire osservatori sullincidentalità. Coinvolti: Statistica, Viabilità, Sanità, Programmazione ISTAT gestisce linsieme dei dati nazionale Rilievo eseguito dalle forze dellordine Dati acquisiti dagli Enti Locali Trasmissione periodica a ISTAT ISTAT definisce quali dati rilevare Scheda CTT-INC Formato file di trasmissione

6 Inci-Web2: progettato per i centri di monitoraggio Inci-WEB2 è stato progettato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna per affrontare i problemi organizzativi più complessi della raccolta dati sullincidentalità: Complessità dei flussi di trasmissione dei dati e difficoltà di validazione Classificazione degli «stati» delle schede CTT-INC Articolazione delle istituzioni coinvolte Studio degli «attori» e dei relativi privilegi di accesso al sistema Sviluppo di moduli di importazione «intelligenti» che permettano il controllo della qualità dei dati ricevuti Lobiettivo principale è assistere il centro di monitoraggio nel controllo della affidabilità e della completezza dei dati raccolti

7 I flussi di dati Diverse fonti di rilevazione incidentalità, locali e nazionali Centri di monitoraggio provinciali e regionali Invio dati definitivi allISTAT Redistribuzione dei dati definitivi agli Enti Locali per gli approfondimenti e la valutazione delle misure da intraprendere

8 Attori, Autorizzazioni, Stati Per una corretta gestione delle informazioni sono stati individuati gli stati delle schede CTT/Inc, gli attori coinvolti e le relative autorizzazioni di accesso al DB Stati: IN LAVORAZIONE: COMPLETATO: IMPORTATO:VALIDATO: NON VALIDATO: CONSOLIDATO: SCARICATO: Attori: sono classificati in diretti e indiretti, e caratterizzati in base alle autorizzazioni («privilegi») di accesso al sistema La CONSOLE DI GESTIONE permette di inserire e modificare gli utenti e i gruppi, garantendo anche ladeguato controllo di riservatezza e protezione

9 Architettura Opensource Architettura WEB Linguaggio JAVA Ambiente di sviluppo NetBeans Interazione con DataBase Interazione con Servizi Cartografici regionali Interazione con ambiente di identificazione e autenticazione utente Rispetto Normativa Stanca 2004 (accessibilità)

10 Grafo stradale e normalizzazione Per la localizzazione geografica Inci-Web2 si appoggia sui dati cartografici costantemente aggiornati e sui servizi messi a disposizione dalla RER: Grafo stradale, estese amministrative e toponomastica compresa di numeri civici, il tutto integrato nel DBTOPO e da esso derivato; Il Localizzatore per la navigazione cartografica e la normalizzazione tramite il Normalizzatore di toponimi, numeri civici e incroci; Inci-Web2 Localizzatore Normalizzatore DBTOPO Strati raster ArcGis Server Grafo, toponimi, estese, civici

11 Individuazione geografica dellincidentalità Lo studio del fenomeno non può prescindere dalla corretta distribuzione sul territorio e sulla rete stradale Interazione con i servizi cartografici presenti + Interazione con normalizzatore di indirizzi + Visualizzazione della cartografia disponibile = _________________________________________ Individuazione geografica dellincidente Diverse funzioni GIS e strumenti per la localizzazione Toponimo + civico Incrocio Progressiva chilometrica Coordinate

12 Componenti Data Entry Import/Export dei dati da e verso altri sistemi Report riepilogativi Report cartografici Console di gestione utenti

13 Data Entry Il modulo di data-entry è stato sviluppato per consentire un inserimento veloce e controllato dei dati alfanumerici e delle collocazioni geografiche degli incidenti: Inserimento dei dati Inserimento dei dati presenti nella scheda CTT/INC e altri ancora, quali ad es. quelli relativi alla localizzazione dellincidente. Editing dei dati Modifica dei dati degli incidenti Avanzamento di stato Ricerche Ricerca di incidenti mediante appositi filtri di ricerca Visualizzazione dei dati

14 Import/Export Import dei dati provenienti da altri sistemi Formato di scambio CTT/Inc 2011 e precedenti Associazione automatica alla fonte che ha eseguito il rilievo Presenza di un «wizard» di importazione intelligente: individuazione dei record non conformi al formato e loro gestione interattiva Export dei dati verso ISTAT e verso altri sistemi Formato di scambio CTT/Inc 2011 e precedenti Esportazione dei dati di incidenti selezionati con opportuni filtri di ricerca su stato, fonte, periodo, ecc.

15 Report alfanumerici e grafici Produzione di report di incidentalità e lesività realizzati su un ampio set di parametri Grafici: incidenti visualizzati sulla mappa Alfanumerici: tabelle con numero di incidenti, di feriti e di morti in funzione del parametro scelto. Sintesi dei dati

16 Console di gestione Creazione e gestioni utenti che accedono al sistema Creazione utenti Assegnazione del profilo operativo Definizione degli ambiti territoriali Definizione dei raggruppamenti di utenti: Consorzi di Comuni, Gruppi di Province e Gruppi di Utenti.


Scaricare ppt "Ing. Augusto Burchi SICUREZZA STRADALE, SISTEMI DI RILEVAZIONE, STRUMENTI DI RILEVAZIONE WORKSHOP SUL TEMA DELL'INCIDENTALITÀ STRADALE."

Presentazioni simili


Annunci Google