La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classe 5 à A Rag.2010/2011. Classe 5 à A Rag. Allinterno del mercato globale e locale, le imprese non hanno unesistenza a sé stante, ma sono enti che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classe 5 à A Rag.2010/2011. Classe 5 à A Rag. Allinterno del mercato globale e locale, le imprese non hanno unesistenza a sé stante, ma sono enti che."— Transcript della presentazione:

1 Classe 5 à A Rag.2010/2011

2 Classe 5 à A Rag.

3 Allinterno del mercato globale e locale, le imprese non hanno unesistenza a sé stante, ma sono enti che vivono e agiscono in un tessuto sociale che comprende vari soggetti, tra cui spicca sicuramente una società civile molto attenta alloperato imprenditoriale che esprime giudizi sul comportamento delle imprese, ossia sul loro modo di operare e sul come hanno ottenuto i profitti. Classe 5 à A Rag. Quindi un'impresa che adotti un comportamento socialmente responsabile, monitorando e rispondendo alle aspettative economiche, ambientali, sociali di tutti i portatori di interesse (stakeholders) coglie anche l'obiettivo di conseguire un vantaggio competitivo e a massimizzare gli utili di lungo periodo.

4 Per Responsabilità Sociale d'Impresa (o Corporate Social Responsibility, CSR) si intende appunto l'integrazione di preoccupazioni di natura etica all'interno della visione strategica d'impresa che si manifesta nella volontà delle grandi, piccole e medie imprese di gestire efficacemente le problematiche d'impatto sociale ed etico al loro interno e nelle zone di attività. Classe 5 à A Rag.

5

6

7

8

9 Comune di Pontedera (PI)

10 Classe 5 à A Rag.

11 07/02/11Maria Cristelli - dottore commercialista11 Classe 5 à A Rag.

12 Accresce la competitività con lacquisizione e la fidelizzazione di una clientela sempre più sensibile agli aspetti etici ed ecologici della produzione e del consumo; Favorisce lo sviluppo migliorando la motivazione, il dialogo ed il coinvolgimento dei collaboratori con relativi benefici sulla produttività e sui rapporti interpersonali; Consolida ed incrementa il grado di fiducia e la reputazione nei rapporti con i clienti, le istituzioni pubbliche, i fornitori, le banche; Risparmia risorse grazie ad una più efficiente gestione ambientale del ciclo produttivo. Migliora i rapporti con il territorio grazie ad interventi concreti che apportano benefici per la comunità locale; Classe 5 à A Rag.

13 Limmagine pubblica dellimpresa può essere il fattore discriminante per la fruizione dei suoi prodotti/servizi. E di vitale importanza la proiezione di una immagine positiva ai clienti, utenti, dipendenti, fornitori, investitori, comunità, nonché lo sviluppo nel tempo di una buona reputazione. I consumatori, gli utenti e le loro organizzazioni sono sempre più attenti ai valori umani fondamentali ed acquisiscono una crescente consapevolezza non solo di cosa viene prodotto od erogato, ma anche di come viene prodotto od erogato (fattori sociali, etici, ambientali, di salute e di sicurezza). Limpresa, attraverso lattestazione di una terza parte indipendente ed accreditata, (lente certificatore), dimostra alle parti interessate ed alle loro associazioni che i principi etici e sociali sono rispettati nellintera cascata impresa-fornitori- subfornitori. Classe 5 à A Rag.

14 Negli ultimi anni si sono sviluppati diversi strumenti di rendicontazione sociale, volti a fornire, ad integrazione con il tradizionale bilancio di esercizio, risposte alle nuove esigenze di accountability. Il più diffuso è il bilancio sociale, che costituisce per molti versi un riferimento anche per altri strumenti di accountability ( tra cui il codice etico – il bilancio ambientale - il bilancio di sostenibilità - il bilancio partecipato – i sistemi di certificazione : SA 8000 – ISO ) Classe 5 à A Rag.

15 Capire meglio la propria identità, il senso e lefficacia della propria attività Migliorare la gestione delle relazioni con i vari stakeholders Individuare ed attivare processi di miglioramento Classe 5 à A Rag.

16 Art. 2423, 2° comma, C.C.: Il Bilancio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dellesercizio Classe 5 à A Rag.

17 Il sistema di rendicontazione tradizionale focalizza gli aspetti economici, patrimoniali e finanziari Pertanto : per gli enti pubblici e le organizzazioni non profit non risultano oggetto di adeguata rendicontazione proprio gli aspetti connessi alle loro finalità istituzionali per le imprese profit oriented il sistema di rendicontazione non è adeguato ad un approccio socialmente responsabile (RSI). Classe 5 à A Rag.

18 Identificare gli stakeholder chiave, fattori critici di successo e valori Dialogo con gli stakeholder Determinare indicatori chiave, adattare i sistemi di management dellinformazione Monitorare le performance e la soddisfazione con i valori dellorganizzazione Obiettivi, budget e piano dazione per il miglioramento Preparare, verificare e pubblicare il resoconto Consultare gli stakeholder riguardo performance, valori target di riferimento Approvazione del top management Classe 5 à A Rag.

19 Il Bilancio di Sociale è lo strumento di monitoraggio, rendicontazione e comunicazione del processo di gestione responsabile intrapreso dallazienda e si pone come obiettivo primario la rappresentazione delle attività svolte nei confronti di tutti gli interlocutori dellimpresa, in coerenza con la missione e con i valori aziendali dichiarati. Il Bilancio di Sociale ha una duplice valenza: È uno strumento di comunicazione poiché, attivando adeguati canali di informazione e ascolto, consente di rilevare le aspettative legittime, il grado di soddisfazione e di consenso degli stakeholders e contestualmente aumenta la comprensione dellattività svolta dallazienda rendendo sistematico il dialogo e la comunicazione a due vie. È uno strumento di gestione in quanto permette di misurare le performance economiche, sociali e ambientali dellazienda. Rappresenta un valido sistema informativo per assumere decisioni, controllarle e valutarle; gestire le priorità e le aspettative dei principali interlocutori; supportare la pianificazione strategica; verificare il raggiungimento degli obiettivi. Classe 5 à A Rag.

20 Comunicazione poiché, attivando adeguati canali di informazione e ascolto, consente di rilevare le aspettative legittime, il grado di soddisfazione e di consenso degli stakeholders e contestualmente aumenta la comprensione dellattività svolta dallazienda rendendo sistematico il dialogo e la comunicazione a due vie. Gestione in quanto permette di misurare le performance economiche, sociali e ambientali dellazienda. Rappresenta dunque un valido sistema informativo per assumere decisioni, controllarle e valutarle; gestire le priorità e le aspettative dei principali interlocutori; supportare la pianificazione strategica; verificare il raggiungimento degli obiettivi. Classe 5 à A Rag.

21 È un documento di sintesi di un processo, redatto con periodicità annuale, destinato agli stakeholders, che si propone di fornire una rendicontazione sociale attendibile e completa: sulloperato sociale ed ambientale dellorganizzazione sulle strategie, obiettivi e programmi futuri Classe 5 à A Rag.

22 Integrale : Unitaria: Dotata di senso: In grado di considerare le molteplici dimensioni dellente Coordinandole in una visione non frammentata Mettendo in evidenza le relazioni tra valori e finalità, risorse utilizzate ed attività realizzate, risultati prodotti ed effetti ottenuti Classe 5 à A Rag.

23

24 Identità aziendale Valore Aggiunto Relazione Sociale Giudizi e opinioni degli stakeholder Commenti, dichiarazioni dellazienda Miglioramenti del bilancio sociale Assetto istituzionale, Valori di riferimento, Missione, Strategie, Politiche Produzione del valore aggiunto Distribuzione del valore aggiunto Soci, Clienti, Personale, Investitori, Finanziatori, PA Impegni e politiche, Informazioni, Benchmarking Focus group, Indagini di clima, Customer satisfaction Valutazioni complessive Commenti alle opinioni degli stakeholder Miglioramenti futuri Classe 5 à A Rag.

25 Relazione sociale Identità Aziendale Determinazione e distribuzione del Valore Aggiunto Classe 5 à A Rag.

26 ASSETTO ISTITUZIONALE - Configurazione dei soggetti nellinteresse dei quali lazienda agisce; - Meccanismi che regolano i contributi apportati da questi soggetti allazienda; - Modalità di esercizio del governo economico. VALORI DI RIFERIMENTO - Principi etici e codici deontologici che ispirano le strategie; - Linee politiche e comportamenti di coloro che compiono scelte di gestione; MISSIONE STRATEGIE E POLITICHE Classe 5 à A Rag.

27 Due Prospetti bilancianti Determinazione del Valore Aggiunto Riparto del Valore Aggiunto Classe 5 à A Rag.

28 VALORE AGGIUNTO GLOBALE A) Valore della produzione 1. Ricavi delle vendite e delle prestazioni - rettifiche di ricavo 2. Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (e merci) 3. Variazione dei lavori in corso su ordinazione 4. Altri ricavi e proventi Ricavi della produzione tipica 5. Ricavi per produzioni atipiche (produzioni in economia ) B) Costi intermedi della produzione 6. Consumi di materie prime, Consumi di materie sussidiarie Consumi di materie di consumo Costi di acquisto di merci (o Costo delle merci vendute) 7. Costi per servizi 8. Costi per godimento di beni di terzi 9. Accantonamenti per rischi 10. Altri accantonamenti 11 Oneri diversi di gestione VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO LORDO C) Componenti accessori e straordinari 12. +/- Saldo gestione accessoria Ricavi accessori - Costi accessori 13 +/- Saldo componenti straordinari Ricavi straordinari - Costi straordinari VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO - Ammortamenti della gestione per gruppi omogenei di beni VALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO Classe 5 à A Rag.

29 Trattenuto nel sistema azienda sotto forma di: - Ammortamenti - Riserve Distribuito tra gli stakeholder sotto forma di: - Remunerazioni - Tributi - Interessi - Dividendi - Liberalità esterne Incremento della capacità di produrre risultato sociale nel futuro. Aumento del valore per limpresa Soddisfazione delle aspettative degli stakeholder interni ed esterni

30 Riferisce su ciò che: - lazienda si proponeva di conseguire ed ha realizzato - i destinatari ritengono di aver ricevuto Sezione generale in cui si indicano: - Obiettivi - Norme di Comportamento - Stakeholders - Criteri Sezione particolare in cui per ogni stakeholder si definiscono: Politiche, Valori - Risultati - Processi di rilevazione Classe 5 à A Rag. Comprende:

31 Classe 5 à A Rag.

32 Nellintroduzione al bilancio sociale dellIntesa Sanpaolo è presente una lettera agli stakeholder dove è indicata la sua missione: impegnarsi a promuovere il benessere delle persone, delle imprese, del territorio in cui opera e della società nelle sue diversificate articolazioni. Tutto questo è stato possibili sia tramite accordi con enti locali e associazioni che operano sul territorio per poter essere al fianco delle famiglie in difficoltà con il pagamento delle rate dei mutui, sia grazie a altre iniziative di interesse sociale a favore dei cassaintegrati tramite la possibilità di accedere ai contributi dovuti. Classe 5 à A Rag.

33 La missione del Gruppo Intesa Sanpaolo mira alla creazione di valore solido e sostenibile sotto il profilo economico e finanziario, sociale a ambientale, costruito sulla fiducia di tutti gli interlocutori. Lo stile di crescita si basa sulla sostenibilità nel tempo dei risultati e alla creazione di un circolo virtuoso basato sulla fiducia che nasce dalla soddisfazione dei clienti o degli azionisti, dal senso di appartenenza dei collaboratori e dalla vicinanza al bisogno della collettività e dei territori. Inoltre si assume la responsabilità della gestione prudente del risparmio, si impegna per lampliamento dellaccesso al credito e agli strumenti finanziari per tutti i cittadini, sostenendo iniziative culturali e di utilità sociale operando sui seguenti valori fondamentali. Classe 5 à A Rag.

34 Integrità Eccellenza Valore della persona Rispetto della specificità Equità Trasparenza Responsabilità nellutilizzo delle risorse Classe 5 à A Rag.

35 Il Gruppo UBI Banca è il quarto gruppo bancario italiano per capitalizzazione di borsa e il quinto per numero di sportelli; da sempre al servizio delle famiglie e delle piccole e medie imprese del territorio, rappresenta circa un quinto del credito popolare.

36 Creare valore per i clienti e per tutti gli stakeholder, generando profitto in maniera sostenibile nel tempo attraverso la capacità di interpretare, servire e favorire lo sviluppo economico e il benessere sociale dei territori in cui opera, costruendo con i clienti e con tutti gli stakeholder relazioni durature fondate sulla fiducia. Classe 5 à A Rag. La missione:

37 Classe 5 à A Rag. La Carta dei Valori individua i principi sui quali il Gruppo fonda la propria identità e che devono ispirare il comportamento del personale nei rapporti con i clienti e con tutti gli altri stakeholder. Dai valori discendono i principi etici generali e i principi di comportamento verso gli stakeholder declinati nel Codice Etico, di cui la Carta dei Valori è parte integrante. Integrità Cooperazione Creazione di valore Comunicazione Equità Identità Territorialità Innovazione Centralità del cliente

38 Classe 5 à A Rag. Il Codice è adottato da UBI Banca e da tutte le altre società partecipate, che si impegnano a mantenere una condotta coerente con i principi in esso contenuti. Il Codice Etico definisce le modalità con cui UBI intende perseguire la propria missione e rapportarsi con i diversi Stakeholder improntando le attività gestionali e operative al rispetto delle obbligazioni morali e legali nei confronti della collettività e allo stesso tempo, nellaspettativa che gli stakeholder agiscano secondo principi etici analoghi.


Scaricare ppt "Classe 5 à A Rag.2010/2011. Classe 5 à A Rag. Allinterno del mercato globale e locale, le imprese non hanno unesistenza a sé stante, ma sono enti che."

Presentazioni simili


Annunci Google