La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quel che dobbiamo agli ebrei Linfluenza della cultura e degli intellettuali ebrei nello sviluppo della moderna società occidentale. Alessandro Arcieri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quel che dobbiamo agli ebrei Linfluenza della cultura e degli intellettuali ebrei nello sviluppo della moderna società occidentale. Alessandro Arcieri."— Transcript della presentazione:

1 Quel che dobbiamo agli ebrei Linfluenza della cultura e degli intellettuali ebrei nello sviluppo della moderna società occidentale. Alessandro Arcieri Mappa concettuale Avvio Percorso Fine percorso

2 Mappa concettuale Linfluenza degli Ebrei nella formazione della società occidentale Storia ebraica Le origini del popolo ebraico Gli Ebrei a contatto con Greci e Romani Ebraismo ed Ellenismo Anti- giudaismo a Roma Gli Ebrei nel Medioevo Il rinascimento E il Gerush Dal 1492 a gli ultimi decenni dell800 Herzl e il caso Dreyfus Gli Ebrei nel 900 La formazione dello stato di Israele Gli Ebrei In occidente tra scienza arte e filosofia Letteratura: Trieste e la triestinità Italo Svevo Umberto Saba Filosogfia: Gli autori del sospetto Sigmund Freud e la psicanalisi Karl Marx e il materialismo storico Scienza e matematica: Einstein e la relativitaà La relatività e le sue prove sperimentali Storia dellarte: Larte degenerata Marc Chagall

3 Introduzione Gli ebrei sono stati, nei secoli passati, vittime e protagonisti della civiltà e della storia europea. Spesso, piu per necessità che per libera scelta, sono stati costretti a superare le anguste frontiere geografiche e mentali dei paesi in cui vivevano anticipando, con le loro peregrinazioni forzate, uno spirito cosmopolita e vivace e precursore del moderno e piu razionale europeismo. Hanno attraversato confini geografici e hanno conosciuto popoli nuovi. Hanno superato confini mentali e si sono assimilati, restando, tuttavia, sempre in bilico tra integrazione e mantenimento tenace della loro identità. La loro cultura, la loro tradizione, la loro esperienza esistenziale li hanno condotti alla rottura dei limiti, non solo fisici delle frontiere nazionali, ma anche psicologici di società chiuse e feudali. Di questa storia così tormentata della diaspora europea è possibile tracciare alcune linee essenziali. Lanno 1492, in particolare, è un punto focale di rara importanza, perché in quellanno la Spagna completò la sua unificazione e i sovrani Ferdinando e Isabella emisero un proclama di espulsione per tutti gli Ebrei del paese. La decisione provocò un esodo improvviso di grandi dimensioni, che rappresentò il primo passo di una piu lenta migrazione verso Est. Alcuni Ebrei (i cosiddetti Marrani), invece, si convertirono sotto coercizione; ma, nonostante ciò, non furono mai accettati né dai cristiani né dagli ebrei. Per questo furono costretti a scappare, sparpagliandosi per tutta lEuropa. Tutto ciò diede origine a una nuova categoria di uomini la cui identità finì per nutrirsi delle tragiche esperienze esistenziali subite e si arricchì di elementi di straordinaria ricchezza e ambiguità. Costretti a un cristianesimo di apparenza, ebrei nellanima, i marrani vissero la loro sorte chiusi nella paura e dentro microcosmi familiari impermeabili alla realtà esterna. Sradicati, visti con malanimo sia dagli ebrei sia dai cristiani, questi uomini carichi di scetticismo e di cicatrici interiori non solo superarono ogni angusta frontiera nazionale, ma ruppero ogni schema ideologico preconcetto ponendosi, certo inconsciamente nellEuropa di allora, ma non per questo in modo meno traumatico, come uomini senza radici e disincantati cittadini del mondo. Il giudaismo negato si trasformò in dibattito interiore, divenne conflitto familiare o, addirittura, personale fatto di segreti pensieri, retrocesso a malattia inguaribile. Il marranesimo dunque si rivelò ben presto in tutta la sua complessità e in tutta la usa carica potenzialmente sovversiva, da un lato eterna eresia, dallaltro, per la sua intatta carica di dinamismo, un fenomeno in perenne movimento. La cacciata degli ebrei dalla Spagna ruppe definitivamente lincanto di una possibile convivenza civile nella penisola iberica tra le tre religioni ebraica, cristiana e mussulmana. Questo evento lasciò una traccia profonda nellatmosfera culturale e intellettuale europea. Lelemento ebraico e marrano-ebraico, nella loro complessità psicologica, si sono rilevati potenti elementi catalizzatori di numerosi processi culturali in tutti i paesi europei. Lo testimoniano le numerose opere di ortodossi ed eterodossi ebrei di diversa estrazione e di diversa lingua madre. Alcuni di questi uomini avevano maturato le loro esperienze di pensiero non attraverso i libri o gli studi, bensì attraverso aspre prove esistenziali: scampati al rogo e agli autodafè, trasformarono le loro avventure in sistemi di pensiero aperti ed estremamente scettici, dunque potenzialmente sovversivi. Di tutti il piu celebre è stato Baruch Spinoza che può essere visto sia come classico punto di arrivo di questa esperienza ebraico-marrana sia come punto di partenza di una nuova visione metaforica della mentalità e della condizione marrana, ora tipica di molti ebrei europei e ben visibile negli intellettuali di estrazione ebraica in Europa nei secoli successivi. Infatti è possibile dire che gli intellettuali ebrei che fino ad allora si dedicavano agli studi della Torah e diventavano rabbini, da Spinoza in poi scoprono una nuova strada per esprimere il loro pensiero e cercano a buon diritto, pur tra contraddizioni e incertezze, un nuovo percorso allinterno della società europea. Se è vero che gli intellettuali sono lo specchio dei loro popoli e ne esprimono le caratteristiche piu intime, è possibile cogliere allora nella straordinaria e frammentata fioritura di intellettuali di origine ebraica europea e nella loro coscienza travagliata il substrato di una coscienza marrana ben diversa da quella originaria del termine, ma legata ad essa da assonanze simboliche che permettono di usare questo termine in un senso metaforico. Come i marrani infatti, anche i nuovi intellettuali ebrei, da Spinoza in poi, vissero la loro travagliata condizione ebraica in modo schizofrenico: ebrei dentro e uomini europei fino in fondo al di fuori. Cominciò così, un processo di superamento delle barriere nazionali, fossero esse psicologiche o geografiche, che si portò dietro tutte le contraddizioni, le passioni, le incertezze dellemancipazione ebraica, ma che seppe creare un atmosfera irripetibile, capace di fecondare lintera cultura europea. Storia ebraica Gli Ebrei in occidente tra scienza, arte e filosofia Fine percorsoMappa concettuale

4 La storia ebraica Ebreo è una parola che ha la sua radice biblica in avar, che significa passare. Ebreo è colui che passa, che erra. Israele è il nome dato a Giacobbe dallangelo dopo una lotta impari che li aveva visti luno contro laltro e significa colui che lotta con langelo. Israele aveva combattuto non solo per se ma per la sua discendenza. Israelita significa, dunque, essere membro del popolo che ha tenuto testa a Dio. Giudeo, che si trova solo nel Nuovo Testamento e nel secondo libro dei Maccabei è un nome usato soprattutto dallamministrazione romana. I figli di Giuda aveva conservato i propri riti in terra straniera, mentre chi era rimasto in Palestina non aveva resistito altrettanto tenacemente: Tornati in patria, gli uomini della tribù di Giuda si erano stabiliti vicino a Gerusalemme. Giudei erano coloro che erano rimasti fedeli a Dio. Ebreo, israelita, giudeo: tre sfumature linguistiche con tre significati nascosti. Ebreo come errante, israelita come indomito, giudeo come fedele: queste sono state le caratteristiche di un popolo che ha affrontato, nel corso dei secoli, pericoli e insidie per mantenere la fedeltà con Dio. Gli ebrei sono stati contro gli idoli e lidolatria e questo sentimento, da religioso in senso stretto, si è sviluppato acquistando nuove valenze e diventando una antiidolatria ideologica contro ogni possibile idolatria della mente e del cuore. Essere contro gli idoli significa combattere la cristallizzazione del pensiero, battersi ogni giorno per la libertà. Il rinascimento e il Gerush Gli ebrei nel Medioevo Gli ebrei a contatto con greci e romani Le origini del popolo ebreo Dal 1492 agli ultimi decenni dell 800 Gli ebrei nel 900:lolocausto

5 Le origini del popolo ebraico Storia antica: Storia antica: Si può iniziare a parlare degli ebrei da Abramo (XVIII a.e.v.) poiché è accanto al suo nome che appare per la prima volta lappellativo "lebreo", forse perché viene dallaltra parte del fiume o perché, è lunico ad adorare un solo Dio o più semplicemente perché era nipote di Eber. Da Abramo e Sara nascerà Isacco: quella della sua nascita, è la prima "Annunciazione" a dir poco anomala che incontriamo nei testi sacri tanto che suscita il "riso" (Isacco=figlio del riso) negli stessi protagonisti, e in tanta gioia anche Dio sorride. Isacco sposa Rebecca e nascono Esaù e Giacobbe. Questultimo sarà chiamato anche Israele, pertanto da questo momento i suoi discendenti potranno essere chiamati indifferentemente ebrei o israeliti. Giacobbe sposa Lea e Rachele, nasceranno dodici figli capostipiti delle dodici tribù. I più famosi saranno Giuda da cui discenderà Re David, Giuseppe che, divenuto poi viceré dEgitto, salverà la sua famiglia dalla carestia, e il più piccolo e il più amato Beniamino. Per quattrocento anni resteranno in Egitto, prima liberi poi schiavi finché nascerà Mosè, il salvatore del suo popolo. Sfuggito alla strage dei figli maschi degli ebrei ordinata dal faraone, Mosè riuscirà a guidare gli ebrei al di là del Mar Rosso fino al deserto del Sinai. Gli ebrei usciti dallEgitto vagheranno nel deserto per quarantanni finché sarà una generazione del tutto nuova e libera ad entrare nella Terra Promessa sotto la guida di Giosuè. A Giosuè seguono i Giudici, capi carismatici cui il popolo si rivolge per essere guidato (Gedeone, Sansone, Debora la profetessa...). Ma vivendo tra popoli pagani, gli ebrei rischiano di allontanarsi dalla via indicata dalla Torà, e inoltre, ora che hanno la terra, debbono continuamente difendersi dai continui attacchi dei Filistei, per cui è il popolo stesso che chiede a Samuele, lultimo dei Giudici, di "avere un re come lhanno tutti i popoli vicini". Samuele è contrario, tuttavia democraticamente acconsente purché il sovrano accetti una specie di "costituzione" che ne limiti il potere, e ungerà re, Saul. È la prima monarchia costituzionale della storia. Inizia quindi il periodo dei Re con Saul, cui succederà David, il più amato e autore dei Salmi, e poi suo figlio Salomone. A lui sono attribuiti tre libri della Bibbia,( i Proverbi, il Cantico dei Cantici e lEcclesiaste) e sarà lui a edificare il sacro Tempio a Gerusalemme, capitale del suo regno.(X a. E.V.). Dopo la morte di Salomone (922) gli succede il figlio Roboamo, ma il regno si divide in due: al Nord il regno di Israele in cui dieci tribù sostengono Geroboamo e al Sud il regno di Giuda con le tribù di Giuda e Beniamino fedeli a Roboamo, con capitale Gerusalemme. (a questo punto si può parlare di ebrei-giudei, cioè abitanti della Giudea). Al Nord si susseguono vari re ma lidolatria, professata da tutti i popoli circostanti è in agguato e contro di essa si scaglia il profeta Elia. Nel 722 a.E.V. il regno del Nord fu spazzato via dagli Assiri, da sempre in lotta con gli Egizi per il predominio del Medio Oriente. Questi deportarono tutti gli ebrei. Anche il regno del Sud, la Giudea, era oggetto delle mire espansionistiche degli Assiri, ma gli ebrei erano riusciti ad evitare il peggio, sostenuti dalla predicazione di profeti come Michea, Isaia e Geremia. Con il crollo improvviso dellimpero assiro però, prenderà il sopravvento quello babilonese e il re Nabuccodonosor pone lassedio a Gerusalemme. Dopo mesi di stenti, il 9 di Av dellanno 586 a.E.V., la capitale è rasa al suolo, il Tempio saccheggiato e distrutto, tutti gli ebrei-giudei deportati in Babilonia. La "cattività babilonese: La "cattività babilonese: È a questo punto che, perso il regno, per scongiurare il pericolo dellestinzione totale del popolo ebreo, il profeta Ezechiele vede nella religione lunica possibilità di sopravvivenza, in quella condizione di schiavi in un territorio ostile. Riuniti gli anziani, insieme concordano che sarà lo studio sistematico della Torà a tenere unito Israele. Sorgono così le sinagoghe, cioè scuole in cui studiare e pregare. Questuso continuerà anche quando Ciro, re di Persia, conquistata nel 516 a.E.V. Babilonia, permetterà agli ebrei di ritornare in patria. (Molti resteranno nellimpero persiano: vedi la storia narrata nel "Libro di Estèr"). A Gerusalemme sarà ricostruito il secondo Tempio, ma nelle sinagoghe al posto degli antichi sacrifici sarà instaurato il culto della Parola di Dio, parola da leggere studiare, da scrivere e commentare. Quindi passando dallebraismo pre-esiliaco al giudaismo, la classe dominante non sarà più quella sacerdotale, aristocratica (discendenti diretti di Aronne), ma una classe di laici chiamati "soferim" (scribi) tra i quali sorgerà più tardi una categoria di dotti, i farisei, di umile estrazione sociale, ma al tempo molto rispettati per la loro sapienza, anche se poi ingiustamente vituperati.

6 Gli ebrei a contatto con greci e romani Età alessandrina: Età alessandrina: Nel 332 a.E.V. Alessandro Magno conquista la Persia e si impadronisce anche della Giudea. Lascia i popoli conquistati liberi di continuare ciascuno le proprie usanze, ma si diffonde, anche tra gli ebrei, la pericolosa tendenza allellenizzazione che si traduce in una sconfinata ammirazione per tutto ciò che è greco. Viene abbandonata persino lantica lingua dei padri e la Bibbia viene tradotta in greco (Bibbia dei Settanta). Uno dei successori di Alessandro Magno, Antioco IV Epifane, proibisce il culto, la circoncisione e il Sabato. Ciò suscita limmediata rivolta degli ebrei, i quali, capeggiati dal sacerdote Mattatià Asmoneo e dai suoi figli, percorrono il paese distruggendo gli altari pagani. Particolarmente valoroso è uno dei figli, Giuda detto il Maccabeo (martellatore). Grazie alla vittoria dei fratelli Maccabei (167 a. E.V.) il tempio verrà riconsacrato.Bibbia dei SettantaMaccabei Loccupazione romana: Loccupazione romana: Roma, che inizialmente aveva appoggiato la ribellione maccabea contro la Siria, guarda poi con sospetto lespandersi della Giudea durante il regno di Alessandro Janneo. Alla morte di questultimo scoppia una guerra civile tra i suoi successori. La situazione si risolve grazie ad Antipatro,che decide di porsi sotto la protezione di Roma stipulando un accordo con Pompeo (63 a. E.V.) che, occupata Gerusalemme, trasformerà la Giudea in provincia romana. Successivamente Giulio Cesare ne affiderà lamministrazione ad Antipatro. Nel 37 a. E.V. Roma nominerà re, il figlio di Antipatro, Erode il Grande, e il suo regno durerà sino alla nascita di Gesù. Erode fu lultimo re, dopo di lui la Giudea passerà sotto il controllo romano. Varie, poi, erano le correnti socio-religiose,spesso in conflitto. Cerano i Sadducei, nobili, ricchi proprietari e alti sacerdoti che erano favorevoli allo sviluppo militare e a Roma. I Farisei invece, rabbini e studiosi, sostenuti dal popolo, erano contrari alle guerre di conquista. Cerano poi gli Esseni, studiosi, pacifisti. Gli Zeloti, veri guerriglieri contrari al dominio romano che combatteranno sino allultimo. È in questo clima che nasce Gesù di Nazareth. La sua predicazione era seguita dalle masse dei giudei e quando Gesù si avvicinò a Gerusalemme, il procuratore romano, Ponzio Pilato, pensò che volesse diventare Re dei Giudei. Spettava al Sinedrio il compito di denunciare qualunque attentato alla sovranità di Roma. Tale sembrò lattività di Gesù. Intanto il lEbraismo si stava diffondendo anche in occidente, specie a Roma. La distruzione del II Tempio e la diaspora: La distruzione del II Tempio e la diaspora: Nel primo sec. d.C. le lotte tra romani ed ebrei si fanno sempre più frequenti. Mentre i Sadducei collaboravano con i romani, gli Zeloti non ne accettavano i soprusi e ritenevano i tributi, un atto di apostasia contro il loro Dio. Nel 66 scoppia una nuova rivolta. Gli Ebrei si riversano a Gerusalemme e occupano la città sbaragliando la guarnigione romana. Roma invia il generale Vespasiano a sedare la rivolta, egli (come racconta Giuseppe Flavio )pone lassedio alla città di Gerusalemme. Ma, proclamato imperatore, nel 69 riparte per Roma lasciando al figlio Tito la conquista della città. Nel 70 d.C., così, ancora una volta Gerusalemme è in fiamme, il tempio è distrutto e gli ebrei sono deportati. Dopo la caduta di Gerusalemme, prevedendo la diaspora, si cerca di mettere per iscritto quanto faceva parte della tradizione orale. Intanto vi è una nuova rivolta contro Roma, ma gli ebrei vengono di nuovo sconfitti (135 d.C.) e sono puniti: costruzione di un tempio dedicato a Giove sulle rovine del Tempio a Gerusalemme, interdetto laccesso alla città (che diventa Aelia Capitolina) a qualsiasi ebreo e trasformazione della Giudea in Palestina, cioè terra dei filistei, nemici dIsraele. Gli ebrei dispersi si riuniscono in comunità lungo tutte le coste del Mediterraneo, ma piccoli gruppi rimarranno sempre nella loro Terra. Diventato imperatore Antonino Pio, mite e tollerante, gli ebrei avranno maggiore libertà.Giuseppe Flavio Cristianesimo e antigiudaismo: Cristianesimo e antigiudaismo: Con laffermarsi del cristianesimo, però, si sviluppa una cultura del pregiudizio che identifica lEbraismo con Satana. Su questa linea sono Tertulliano e Giovanni Crisostomo. Invece SantAgostino sosteneva che gli ebrei dovessero sopravvivere, come testimoni della verità cristiana. Intanto a Roma gli ebrei, vissuti come tutti gli altri cittadini, inclusi nellEditto di Caracalla, con lavvento del cristianesimo sono discriminati. Con lEditto di Costantino il cristianesimo diventa religione ufficiale dellImpero e con Costanzo II viene promulgata, nel 339, una prima legislazione antigiudaica. Due secoli più tardi Teodorico, re degli Ostrogoti, proclamandosi difensore degli ebrei, darà ad essi, per un breve periodo, condizioni di vita migliori. Ma con il crollo dellImpero dOccidente il papato avrà lo scettro di Roma e una forte influenza su tutto il mondo cristiano occidentale, e quindi anche sugli.TertullianoSantAgostino Giuseppe Flavio e i Maccabei Lantigiudaismo a Roma

7 Ebraismo ed Ellenismo Nel quarto secolo a.E.V. Alessandro il Macedone, con una fulminea campagna militare conquistò la Persia provocando la caduta del grande impero, costruito su basi così deboli dal punto di vista politico, religioso e culturale. Le vecchie strutture dellimpero persiano ebbero un crollo improvviso: si formò una nuova classe dirigente, animata da nuove idee, che introdusse ovunque i nuovi metodi politici e amministrativi. Le attività commerciali ebbero un incremento rapido e generalizzato, tutte le popolazioni dei paesi affacciati sul Mediterraneo videro un notevole sviluppo demografico. Altrettanto rapida fu lassimilazione, da parte di questi popoli, della cultura greca: adottarono usi e costumi dei greci, identificarono o sostituirono le loro antiche divinità con gli dei della mitologia greca, scomparendo, in pratica, come popoli autonomi. Il nuovo assetto unitario della regione, sotto il dominio greco-ellenistico, ebbe breve esistenza: alla morte di Alessandro i governatori greci dei paesi conquistati rifiutarono di riconoscere un successore e rapidamente trasformarono i loro governatorati in regni autonomi di cui la civiltà greca costituiva ormai solo il comune denominatore culturale. Nel terzo secolo a.E.V. la Palestina fu annessa al regno greco-egiziano dei Tolomei che riconoscevano agli ebrei una discreta autonomia. A questo periodo di relativa tranquillità ne successe uno molto meno pacifico, in cui la Palestina si trovò spesso ad essere loggetto e il campo di battaglia delle guerre tra il regno greco-siriano e quello greco-egiziano. È soprattutto in questo periodo di tale incertezza politica che avvenne il contatto tra la popolazione ebraica e la cultura greca: al mondo della Torà si contrappose una cultura raffinata e non priva di fascino, un sistema di valori morali, estetici, filosofici, ben diversi da quelli ebraici ma tali da attrarre e influenzare profondamente soprattutto le classi più elevate della popolazione della Giudea. Decenni di compromessi politici con i vari regimi dei dominatori e di scambi economico-commerciali con le popolazioni di lingua greca, affievolirono rapidamente lattaccamento allantica tradizione delle categorie più ricche e più colte in seno al popolo ebraico. Proprio gli aristocratici e i sacerdoti, i leader politici e gli intellettuali del tempo, furono coloro che maggiormente subirono il fascino della cultura greca che comportava, soprattutto per loro, anche ricchezze, potere, e privilegi politici. Solo i circoli più conservatori rimasero vicini agli antichi valori ebraici e si costituirono così in Palestina due distinti partiti politici, uno filo-egiziano e laltro filo-siriano. I mutamenti politici che si verificarono in Palestina in quei tempi ebbero almeno due ordini di motivi di carattere rispettivamente demografico ed economico-sociale. In primo luogo si ebbe in quegli anni un aumento della popolazione ebraica, circoscritta in un territorio troppo ristretto, e questo portò a fenomeni di emigrazione interna e nei territori confinanti, con la conseguenza di attriti con le popolazioni lì residenti, popolazioni che collaborarono poi attivamente con i siriani nelle guerre sostenute contro lesercito di volontari ebrei comandato dai Maccabei. In secondo luogo si poté assistere in quel periodo alla nascita e allo sviluppo di una nuova classe sociale di tipo aristocratico e mercantile, prima del tutto inesistente nel paese. Da territorio esclusivamente agricolo, isolato dalle grandi vie del commercio internazionale, la Giudea, divenne presto una regione di intensi scambi commerciali, di cui Gerusalemme costituì il centro naturale. Questo portò alla formazione di un nuovo strato sociale, rappresentato dai mercanti, dai grossi proprietari, dai mediatori, dagli incaricati della raccolta delle tasse, che presto dimostrarono di avere interessi ed esigenze diversi da quelli della vecchia classe dirigente, quella sacerdotale. Fino ad allora la Palestina era stata governata come una teocrazia ereditaria e il Tempio aveva costituito la sede del potere non solo religioso, ma anche economico e politico. La nuova classe emergente dei ricchi mercanti richiedeva che alle modificazioni delle strutture economico-sociali corrispondessero adeguati cambiamenti nella sfera del potere politico: Gerusalemme doveva assumere laspetto delle città greche; doveva ottenere una costituzione di tipo greco che facilitasse gli scambi commerciali e culturali; i costumi, gli abiti stessi, della popolazione dovevano mutare assimilandosi a quelli di tutte le popolazioni circostanti; il potere doveva essere gestito in modo da permettere e stimolare queste profonde trasformazioni e non più per conservare leggi socio-religiose antiche e giudicate ormai anacronistiche. Questa nuova tendenza politica coinvolse presto, per i vantaggi di tipo economico che comportava, ampi settori della vecchia classe dirigente del paese. Non solo la nuova aristocrazia mercantile, ma anche esponenti della classe sacerdotale non esitarono ad accettare e a farsi promotori delle riforme che venivano proposte. Prodotti della cultura ebraico-ellenistica

8 Prodotti della cultura ebraico-ellenistica La Bibbia dei "Settanta: La Bibbia dei "Settanta: Nel primo ellenismo ad Alessandria si ha una folta colonia ebraica, che sente il bisogno di esprimersi in greco per arrivare anche agli ebrei di lingua greca: nasce così la necessità di una traduzione e di una circolazione dei "testi normativi" ebraici, ossia della Bibbia, traduzione che diventa quindi un arricchimento per diffondere la cultura ebraica. La leggenda della traduzione in greco del testo sacro vuole che Tolomeo II dopo aver cercato la Bibbia avrebbe fatto tradurre i testi sacri ebraici da 70 dotti in 70 giorni. E' certo che la traduzione (detta dei "Settanta") viene fatta per la Biblioteca di Alessandria, ma è probabile che inizi nel III secolo e che includa testi già scritti in greco, come è probabile che tale traduzione si inquadra bene nella politica culturale dei Tolomei, e che forse ebbe influssi anche sui poeti dotti. La Bibbia dei Settanta esemplifica i fermenti culturali dell'Ellenismo, che viene dunque ad essere appunto una mescolanza tra cultura greca e orientale. Lunione di cultura ebraica e ellenistica è operante in autori come Filone e Giuseppe Flavio. Filone di Alessandria (30 a.C.-41 d.C.) tenta di unire filosofia greca (platonica) e religiosità ebraica nelle sue numerose opere: 1)Commentari all'Antico Testamento: unisce cultura ebraica e filosofia platonico-stoica per giustificare la fede. Filone ritiene che Dio sia irraggiungibile dall'uomo: Dio usa le idee come modelli della creazione, che quindi diventa espressione della razionalità, del Logos, che però è possibile raggiungere solo staccandosi dalla materia (che è il male), con l'estasi. 2)Scritti polemici: nel Contro Flacco si scaglia contro un pretore che aveva osteggiato il re giudeo Agrippa; nell'Ambasceria a Gaio riferisce l'ostilità di Caligola contro gli ebrei che avevano protestato per il culto divino che egli esigeva: in entrambe le opere Filone espone la teoria della punizione di Dio che colpisce i nemici del popolo ebraico. 3)Biografie (di Abramo, Giuseppe, Mosè): ricordano le biografie degli uomini illustri di tipo erudito. Giuseppe Flavio (37-dopo il 96) è lo storico del collaborazionismo degli ebrei con i romani, tanto che fu un liberto di Vespasiano e cercò di far arrendere gli ebrei in rivolta. Le sue opere maggiori sono due: 1)Guerra Giudaica: Giuseppe, narrando eventi da lui vissuti (e in ciò si ricollega a Polibio) va contro i sostenitori della rivolta antiromana, colpevoli della rovina ebraica e di non essersi accorti dell'inevitabilità della vittoria romana. 2)Antichità Giudaiche: sono una storia del popolo ebraico dalla Genesi al 66 d.C., in cui si uniscono fonti bibliche, storici ellenistici e Livio. Il Nuovo Testamento: Il Nuovo Testamento: Il Cristianesimo è espressione del mutamento dei tempi e della crisi della civiltà pagana, dando soddisfazione all'ansia del divino delle classi basse, che sentono ormai estranei i valori tradizionali. La letteratura cristiana si sforzerà poi di riconoscere ed ampliare i valori classici della spiritualità greca, utilizzando principi e metodi della filosofia greca per la sua sistemazione teologica. Sotto il titolo Kainé Diathekhe si indica il corpus canonico, ossia gli scritti cristiani riconosciuti dalla Chiesa già nel II secolo e comprendente scritti del secolo precedente. Il titolo indica il "nuovo patto" stretto tra Dio e l'uomo grazie al sacrificio di Cristo. Il canone, scritto in koinè con molti elementi di origine ebraica o parole piegate ad esprimere nuovi concetti è composto da 27 scritti e diventa pienamente ufficiale nel quarto secolo: 1) I 4 Vangeli: i primi tre (Matteo, Marco, Luca) vengono detti sinottici perché riferiscono gli stessi fatti e formano una sinossi (visione d'insieme). 2) Gli Atti degli Apostoli: sono il II libro dell'opera di Luca, poi staccato dal Vangelo, e narrano la vita delle prime comunità cristiane,essi si dividono in: Le Lettere di san Paolo, Le 7 Lettere Cattoliche: di vari apostoli, dirette a tutte le comunità e non a singoli gruppi, L'Apocalisse: il titolo indica lo "svelamento", le visioni che San Giovanni, riferisce di aver avuto sulla fine del mondo. Opera complessa ed oscura per i numerosi simboli. Dal canone vennero esclusi dei testi ritenuti composti da eretici e quindi chiamati "apocrifi", cioè "da escludere". Tra essi si ricordano gli Atti dei 12 Apostoli e vari "vangeli" imperniati sull'infanzia di Gesù o di Maria.

9 Lantigiudaismo a Roma I romani non amavano gli ebrei perché ne avevano paura, e ne avevano paura a causa della crescente attrattiva che esercitavano sulla società romana. Laccusa di proselitismo che viene continuamente mossa agli ebrei non deve però essere intesa nel senso che questi si impegnassero attivamente nella ricerca di nuovi adepti - il loro separatismo non favoriva certo un proselitismo attivo - ma si limita probabilmente a prendere atto di una situazione di fatto, che vedeva crescere curiosità e interesse per i costumi di questo popolo altro da sé. Se lo stesso Tacito, nonostante la sua aperta ostilità, non nasconde interesse per il monoteismo ebraico "considerano che lessere supremo sia eterno e inimitabile e imperituro", Nel V libro delle historiae, infatti,Tacito inizia una digressione sugli ebrei, la cosiddetta "archeologia giudaica", tratta cioè delle loro origini, la loro religione, le loro leggi e i loro costumi. In queste pagine emerge chiaramente l'ostilità che circondava gli ebrei fin dal III secolo a.C. e che aveva dato origine a una letteratura antisemitica. Tale atteggiamento nasce dalla forte identità etnica degli ebrei e dalla loro insofferenza a ogni tentativo di integrazione e sottomissione dall'esterno. Tacito mette in luce le profonde differenze tra la religione ebraica e quella romana, il rigido monoteismo dei primi, in effetti, li rendeva un'eccezione rispetto a popoli che adoravano decine di dei.Inoltre lo storico esprime un profondo disgusto per le loro usanze - essi seppelliscono i cadaveri, considerano empi coloro che modellano gli dei ad immagine degli uomini e non elevano statue neanche nei templi - che sono inconcepibili non solo per i Romani ma anche per la maggior parte degli altri popoli, e per questo motivo li paragona agli Egiziani. In genere i Romani erano abbastanza tolleranti nei confronti delle religioni straniere, ma quello che non potevano accettare degli ebrei era il loro proselitismo. L'avversione e il disprezzo fanno venir meno il distacco che sarebbe richiesto a uno storico, e questo accade perfino nei capitoli dedicati alla geografia del luogo: il quadro che emerge è quello di un paese inospitale e malsano, che anche nelle zone fertili presenta mostruosità e stranezze (cfr. la descrizione del balsamo - cap.6). Cè da pensare che il fascino delle nuove religioni, attestato dal diffondersi del cristianesimo, non escludesse affatto lebraismo. Cicerone, attacca gli ebrei in quanto gruppo di pressione influente nelle pubbliche adunanze, la cui barbara superstitio è incompatibile con il mos maiorum (Pro Flacco 67); Giovenale e gli scrittori satirici pongono laccento su singole usanze ebraiche, ma da parte loro il riferimento è ricercato in quanto soggetto di ironia, senza per questo esprimere ostilità di principio. Quando Orazio nella satira I 5, di fronte al fronte al cosiddetto "miracolo di Egnatia" (incenso che bruciava senza bisogno di fiamma sulla soglia di un tempio) osserva credat Iudaeus Apella (v. 100), non esprime che generica ironia nei confronti della superstizione degli ebrei. E quando nella satira I 9 lamico Aristio Fusco si esime dal sottrarre Orazio allimportuno seccatore adducendo come scusa che è sabato e non vuole mancare di rispetto agli ebrei circoncisi (vv ), è difficile cogliere nelle sue parole qualcosa di più impegnativo della battuta ironica Tacito è un tradizionalista in un'età di declino dei valori tradizionali, e per questo motivo nell'antichità non raggiunge mai la popolarità, ma deve attendere l'Umanesimo per essere riscoperto da numerosi studiosi. Il portico di Ottavia nel Ghetto di Rona Lantigiudaismo Cristiano

10 Lantigudaismo cristiano Nato come movimento riformatore del giudaismo, il cristianesimo condivide con gli ebrei i libri dellAntico Testamento, ma si allontana dal rispetto rigido della Legge ebraica e si distingue sul piano teologico per il riconoscimento di Gesù Cristo come Messia. La religione cristiana subito si apre a larghe fasce di popolazione grazie a unintensa opera di proselitismo, a una forte carica di rottura con le tradizioni stantie del paganesimo e a una nutrita produzione apologetica, cioè di scritti di giustificazione e difesa. Lapologetica cristiana prevede anche una polemica antiebraica: è interesse dei cristiani delle origini, infatti, ribadire la propria differenza rispetto agli ebrei, malvisti dal ceto conservatore romano convertito al cristianesimo, ed evitare quei fenomeni di sincretismo che avrebbero potuto annullare la loro identità riassorbendoli come uno dei tanti culti orientali. La separazione tra giudaismo e cristianesimo: Laccusa di deicidio: La separazione tra giudaismo e cristianesimo: Né Gesù Cristo né san Paolo né le comunità cristiane di epoca neotestamentaria pronunciarono anatemi contro il giudaismo. Allo stesso modo, non è mai esistita una scomunica dei giudeocristiani (i giudei convertiti al cristianesimo) da parte del giudaismo rabbinico: Gesù e i suoi discepoli si scontrarono spesso con funzionari e singoli gruppi di giudei, ma almeno fino al 70 nessuno pensò a escludere i seguaci di Cristo dal popolo di Israele. Levento dirompente del 70 d. C. (guerra giudaica e distruzione di Gerusalemme e del Tempio), invece, ponendo in modo drammatico il problema di rifondare una nuova identità giudaica, accelerò la presa di distanza tra la religione ebraica e la comunità cristiana fino a provocare una sorta di separazione tra la chiusura del giudaismo rabbinico e la vocazione di Paolo a convertire tutti i popoli: la vera nascita del cristianesimo avviene quando la predicazione di Paolo, superando i confini della Palestina, si estende alle comunità della diaspora, alle colonie ebraiche ellenizzate della Siria, dell'Asia Minore, della Grecia, per poi rivolgere il proselitismo sempre più verso i pagani. Per il cristianesimo paolino non vi sono più condizioni per la concessione della grazia divina: né lappartenenza giudaica, né il culto del Tempio, né altre istituzioni sacre costituiscono un privilegio in vista della partecipazione a una comunità elettiva, una sorta di civitas Dei anticipata, composta senza distinzione da tutti gli individui obbedienti alla fede in Cristo. Gesù viene condannato al supplizio tipicamente romano della morte per crocifissione nella Pasqua dellanno 30. Ma chi ha condannato Gesù? I giudei del sinedrio o il governatore romano Pilato? A questo proposito si suole richiamare il famoso passo di Matteo 27, 24-25: Pilato, visto che non otteneva nulla, anzi che il tumulto cresceva sempre di più, presa dellacqua, si lavò le mani davanti alla folla: "Non sono responsabile, disse, di questo sangue; vedetevela voi!" E tutto il popolo rispose: "Il suo sangue ricada sopra di noi e sopra i nostri figli". Su questa frase grava una responsabilità tremenda: quella di aver attribuito ai giudei la fama di popolo deicida, cioè di essere stati i responsabili della morte di Cristo. Eppure si sa che, da una parte, i Vangeli non sono un libro di storia, e dallaltra che il comportamento di questo governatore romano duro e senza scrupoli, che democraticamente si rivolge al popolo e si attiene alla sua decisione sfiora lassurdo. E che il sinedrio non aveva competenza nel processo romano né per accusare Gesù né per costringere Pilato a condannarlo. Laccusa di deicidio: Dunque, in contraddizione con la richiesta di perdono fatta da Gesù crocifisso ("Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno" Luca 23, 34), il vangelo di Matteo (27, 25) attribuisce espressamente agli ebrei la responsabilità della crocifissione di Cristo. Esso costituisce infatti il supporto dellaccusa di deicidio, che offre la base teologica allantigiudaismo cristiano e consente il duplice vantaggio di muovere un attacco allebraismo e di accattivarsi le simpatie dei romani stornando da loro la responsabilità del supplizio di Cristo. E assai probabile che la distruzione stessa di Gerusalemme e del Tempio fosse vista come la prova dellira divina, come segno che lantica alleanza era stata revocata in favore della nuova: Chiesa contro Sinagoga. Perciò le parole attribuite da Matteo a "tutto il popolo" sono state intese per due millenni come la confessione da parte ebraica di colpevolezza nella morte di Gesù. Esse hanno legittimato gli atti di violenza contro gli ebrei che iniziano ben presto, non appena il cristianesimo è riconosciuto come religione legittima dalleditto di Costantino (313 d. C.) e poi, alla fine del secolo con leditto di Teodosio, come religione ufficiale dellimpero. Gli "assassini del Signore: Gli "assassini del Signore: Le radici antiche del disprezzo per gli "assassini del Signore" trovano una prima definizione negli scritti degli apologisti cristiani e dei Padri della Chiesa. Per Giovanni Crisostomo è dovere di tutti i cristiani odiare gli ebrei, le cui sinagoghe sono un lupanare e un teatro, caverne di briganti e tane di belve feroci; per Origene essi hanno inchiodato Gesù alla croce; per Agostino stragi e distruzioni di ebrei sono una punizione temporanea (unanticipazione del giudizio finale) per aver provocato la passione di Cristo. E come il sangue di Abele era ricaduto su Caino condannandolo ad andare ramingo sulla terra (Genesi 4, 12), così il popolo ebraico, sul cui capo pesava il sangue di Gesù, era condannato a errare esule per il mondo portandosi addosso il marchio dellassassino. Ma al di là delle espressioni di ostilità, a volte singolarmente dure, che si trovano negli scritti patristici, è pur vero che lantico cristianesimo non ha mai scomunicato ufficialmente lebraismo: secondo Agostino la Chiesa ha semplicemente preso il posto del popolo eletto nel disegno di Dio.

11 Gli ebrei nel Medioevo Gli ebrei in Europa nei secoli a cavallo del primo millennio: Gli ebrei in Europa nei secoli a cavallo del primo millennio: DallVIII secolo sin verso lanno Mille le comunità ebraiche sparse nellOccidente vivranno un periodo di calma e prosperità. Tale cambiamento avviene grazie allatteggiamento favorevole degli imperatori carolingi a partire da Carlo Magno ( ). Questi li protesse garantendo loro non solo la vita, ma anche: la proprietà, la libertà religiosa e mercantile e lindipendenza giudiziaria. Gli ebrei ripagheranno lImpero, favorendo lo sviluppo dellindustria e del commercio, soprattutto con lOriente, interdetto ai cristiani dallIslam. Con Ludovico il Pio, e successori, aumentano i privilegi, la corte si serve di ebrei come medici, ambasciatori e esattori dei tributi. Nelle principali città della Germania è tutto un fiorire di comunità ebraiche che vivacizzano cultura e commercio. La penetrazione si spinge sino allAustria, alla Moravia, in Ucraina e alla Boemia il cui centro principale fu Praga. Verso la fine dellVIII secolo poi, un intero popolo, i Kazari, si erano convertiti in massa allebraismo. Essi si fondono con gli ebrei che si erano spinti verso Est formando il gruppo di ebrei aschenaziti. Ma la nazione europea in cui gli ebrei diedero il massimo anche dal punto di vista culturale fu senzaltro la Spagna ove conobbero "letà doro". Vi si erano stabiliti in gran numero dopo la distruzione del II Tempio, e vivevano soprattutto nelle città dellAndalusia. Quando gli arabi conquistano la Spagna vengono accolti dagli ebrei come liberatori e i califfi conferiscono agli ebrei importanti incarichi. Le Crociate: Le Crociate: Mentre in Andalusia gli ebrei vivevano "letà doro" (culturale ed economica), e in Italia erano momentaneamente tranquilli, nel resto dellEuropa vengono allimprovviso travolti dalla furia spietata dei crociati. Papa Urbano II aveva indetto la I crociata nel 1095 con lintento di liberare il sepolcro di Cristo dalla presenza dei musulmani. Al grido di "Dio lo vuole" e al seguito di Pietro lEremita, si radunano nobili e plebei, monaci e laici, provenienti da Francia, Inghilterra e Germania. Mano a mano che i crociati scendono lungo la valle del Reno, iniziano a trucidare intere comunità ebraiche, che vivevano tranquille nelle città tedesche. Limperatore Enrico IV, estremamente liberale. Alla notizia dei massacri invia messaggi a principi e vescovi dellimpero vietando di maltrattare gli ebrei. Nonostante ciò gli omicidi di massa, i saccheggi e le torture continuano, e spesso con lappoggio dei vescovi che ne traggono anche vantaggi economici. Limperatore Enrico IV perciò si sdegnò per le atrocità commesse e permise agli ebrei convertiti a forza di ritornare allebraismo. Quando i crociati giungeranno finalmente in Palestina continueranno le stragi di ebrei e musulmani. La II crociata ( ) ebbe lo stesso andamento, questa volta saranno soprattutto le comunità ebraiche di Francia ad essere sterminate. La III crociata poi, indetta da papa Clemente III e capeggiata da illustri regnanti come il Barbarossa, Filippo Augusto di Francia, e re Riccardo I Cuor di Leone, muovendo dallInghilterra vedrà per prime massacrate proprio le comunità ebraiche inglesi. Le crociate iniziate come fenomeno religioso e cavalleresco diventeranno un fatto economico utile ai signorotti per assicurarsi possedimenti nelle nuove terre, a trafficanti di ogni genere e soprattutto alle repubbliche marinare per aprire le vie commerciali con lOriente. Gli ebrei a partire da questo periodo subiranno, non solo perdite di vite umane e torture, ma anche le accuse più infamanti (omicidio rituale, profanazione di ostie, complotto ebraico) in nome delle quali saranno sempre perseguitati. Lo stesso papa Innocenzo IV, preoccupato per le conseguenze della rapida diffusione di queste accuse, inviò nel 1247 le famose lettere ai vescovi di Germania ma, quando nel 1348 scoppierà la grande epidemia di peste nera in Germania, gli ebrei che sfuggirono alla peste caddero vittime dellignoranza, poiché si scatenò la caccia allebreo, accusato di propagare la peste. È in questo periodo che si verificheranno veri e propri esodi di massa verso il Sud dEuropa e in Italia. Con le crociate, inoltre, diventano normali anche per i cristiani i viaggi tra i due mondi e gli ebrei perdono la funzione di ponte tra le culture che avvevano avuto. Al contrario, il radicalizzarsi dellintolleranza religiosa, rende più pericolosi i loro viaggi. In piuora è facile individuare lebreo, perché con il IV Concilio lateranense, indetto da papa Innocenzo III nel 1215, si impone luso del segno giallo. Inoltre lo stesso Concilio vieta ai cristiani, il prestito a usura del denaro, sino a quel momento loro esclusivo appannaggio. Gli ebrei fino al 1200 non prestano denaro, ma dopo le decisioni del Concilio questi si sostituiranno a poco a poco ai prestatori cristiani. Così sarà nella maggior parte degli Stati europei e in molti dItalia dove tutti quei mestieri che gli ebrei avevano svolto, verranno raccolti in "Corporazioni di Arti e Mestieri", sotto legida di un Santo, e perciò ne verranno esclusi. Pertanto gli ebrei si vedono ridotti ad esercitare il prestito ad interesse, unica attività economica ad essi concessa.

12 Il Rinascimento e il Gerush Gli ebrei nel Rinascimento: Gli ebrei nel Rinascimento: In Italia gli ebrei vivranno tra il 400 e la seconda metà del secolo successivo una vita relativamente tranquilla anche se, quasi ovunque, le Corporazioni di Arti e Mestieri impediranno loro lesercizio dei molti mestieri di un tempo. Molti saranno chiamati ad esercitare il prestito con contratti notarili. Nelle Marche,addirittura, avviano le prime piccole industrie. Lunica tra le arti nobili, loro permessa, sarà quella medica, arte in cui primeggiano. I medici ebrei godevano di unottima fama tanto che quasi tutti i papi del passato ebbero medici ebrei. Ad imitazione dei papi, anche lalto clero e molti nobili preferiscono servirsi di medici ebrei e ciò sarà causa di invidie e gelosie professionali. In Germania Gutemberg aveva inventa nel 1440 la stampa, e "il popolo del Libro" accolse come una benedizione questa arte. Questa permetteva la divulgazione dei libri di preghiere fino ad allora pazientemente riprodotti a mano. Si crea così un forte fermento religioso e letterario in seno allebraismo, che non sfugge a papa Leone X che, amante delle arti e benevolo verso gli ebrei, incoraggia la stampa del Talmùd babilonese e istituisce presso lUniversità di Roma una cattedra di ebraico. A Venezia, però, proprio nel 1515, lo stesso testo sacro viene dato alle fiamme nel primo di quei tanti roghi che diventeranno poi, nella seconda metà del 500, una macabra consuetudine. Lanno dopo (1516), a Venezia, sarà istituito il primo ghetto della storia. La cacciata dalla Spagna: La cacciata dalla Spagna: Allorché gli ebrei di Andalusia avevano dovuto lasciare il Sud della Spagna per larrivo degli Almohadi (islamici intransigenti), si erano trasferiti in parte in Marocco e in Egitto, ma soprattutto nel regno di Castiglia e di Aragona ove inizialmente i sovrani cattolici li accolsero offrendo loro di esercitare qualsiasi attività, pur cercando sempre di sollecitare le conversioni. Ci furono in effetti molte conversioni ed anche matrimoni che potremmo definire "misti", ma per essere certi che i "conversos" (nuovi cristiani) rompessero ogni legame con le famiglie di origine e con la fede professata in passato vennero istituiti appositi tribunali affidati ai Domenicani. Entra così in funzione lInquisizione (primo rogo di ebrei 1481) che promette il perdono a coloro che hanno la sventura di cadere nelle sue mani purché denuncino eventuali altri colpevoli (ebrei convertiti che continuano a giudaizzare) innescando così una catena infinita di arresti, torture, processi, condanne, roghi e confisca dei beni e via nuovi arresti. Allaccanimento feroce del Primo Inquisitore Generale, il terribile Tomaso Torquemada, si era spesso opposto lo stesso re Ferdinando e così pure ebrei influenti come Abraham e Isaac Abrabanel (una famiglia e eminenti statisti e banchieri) che ricorsero persino al Papa. Né Re né Papi riusciranno a fermare la macchina infernale della Santa Inquisizione che dopo aver mandato al rogo migliaia di ebrei, previa confisca dei beni, convincerà i sovrani, Isabella e Ferdinando, che lunico modo per sottrarre i nuovi cristiani (conversos o novelli) allinfluenza ebraica era quello di espellere tutti gli ebrei dalla Spagna, dalla quale erano appena stati cacciati i Mori. Il decreto di espulsione viene firmato dai Sovrani il 31 marzo 1492 con il quale si ordina di lasciare il paese entro tre mesi per dare generosamente il tempo di alienare i loro beni o di portarli con sé per mare ( il decreto è esteso alla Sicilia, al tempo protettorato spagnolo). Quindi potranno portare via, dopo oltre quindici secoli di vita intensa e fattiva nella penisola iberica, solo poche povere cose e il resto verrà confiscato, tanto che gli storici calcolano che con queste entrate furono finanziate almeno le prime due spedizioni di Cristoforo Colombo (sia Colombo sia la versione spagnola Colon, sono anche oggi cognomi ebraici). Le tre Caravelle salpano da Palos il 2 agosto, a bordo Colombo userà carte nautiche e tavole astronomiche preparate da ebrei (Abraham Zacuto), e lo stesso giorno una fiumana di ebrei, smarriti e increduli, si dirigeranno verso il vicino Portogallo o, via mare, verso la Turchia protetti ed accolti da Solimano il Magnifico, o verso il Nord e lEst dEuropa. Quellanno la Spagna, nonostante le enormi ricchezze portate dal Nuovo Mondo inizierà un periodo di decadenza, durata sino ad un ventennio fa.

13 Dal 1492 fino a gli ultimi decenni dell800 Lepoca dei ghetti: Lepoca dei ghetti: In Italia il primo ghetto venne istituito nel 1516 a Venezia, nella zona della nuova fonderia (getto da cui il termine ghetto). Nello Stato Pontificio, eletto papa Paolo IV Carafa, verranno istituiti i ghetti a partire dal Proprio lui con lenciclica Cum nimis absurdum... nega agli ebrei qualsiasi dignità umana. Il successore, Pio IV ( ) mitiga le inumane restrizioni e favorisce il ritorno degli ebrei alle vecchie attività, ma gli succede Pio V, il grande inquisitore che nel 1569 decreta lespulsione degli ebrei da tutte le città dello Stato ad eccezione di Roma, Ancona ed Avignone. Un breve respiro lo avranno di nuovo con papa Sisto V ( ), ma lelezione di Clemente VIII, li costringe nuovamente nei ghetti. Nel Ducato di Urbino, solo alla morte dellultimo duca Francesco Maria II Della Rovere verranno istituiti i ghetti di Pesaro, Senigallia ed Urbino (1633). La segregazione si protrarrà sino allarrivo dei francesi che con i loro ideali di Libertà, Fraternità e Uguaglianza abbatterono i portoni dei ghetti e le vecchie ideologie, riconoscendo agli ebrei lequiparazione sociale e giuridica. Ancora una volta è una gioia di breve durata, partiti i francesi la repressione sarà durissima e il popolino, debitamente fomentato saccheggerà le case ebraiche e sinagoghe distruggendo e uccidendo. Nel 1799 al grido di Viva Maria a Senigallia e a Siena furono trucidati 13 ebrei, troppo vecchi per una fuga veloce, centinaia i feriti. Meno cruente anche se altrettanto devastanti, furono le rappresaglie contro gli ebrei di Pesaro e Urbino. In Ancona invece il vescovo Honorati diede protezione agli ebrei della città e a quanti in essa cercarono rifugio. Ancora una volta vennero richiusi i portoni dei ghetti aperti poi per volontà di Pio IX nel 1848 (ma lanno successivo fece di nuovo chiudere quello di Roma che sarà aperto solo dopo Porta Pia), e in tale data concesse anche il permesso di apporre i nomi dei defunti sulle sepolture. Tuttavia non concesse il decreto di equiparazione, che gli ebrei romani otterranno solo nel 1870, e nulla fece per il bambino Edgardo Mortara, strappato alla famiglia alletà di 6 anni col pretesto che era stato battezzato, e a nulla servirono le sollecitazioni della Chiesa anglicana, né le pubbliche manifestazioni e lintervento della stampa mondiale. Con il Regno dItalia nel 1860 e gli ebrei ottennero la sospirata equiparazione. Infatti era stato apprezzato lampio contributo dato dagli ebrei alle lotte per il Risorgimento. Situazione in Europa e nascita del Sionismo: Situazione in Europa e nascita del Sionismo: In Inghilterra, gli ebrei vivevano con una certa tranquillità. Benjamin Disraeli, discendente da una famiglia ebraica romagnola, divenne Capo del Governo britannico e consigliere-amico della Regina Vittoria, e rese grandi servigi allInghilterra assicurandole tra laltro il controllo finanziario del Canale di Suez. Uomini come Disraeli e Moses Montefiore, fatto baronetto dalla Regina, contribuirono a rialzare lopinione del popolo inglese nei riguardi dellebraismo. Anche in Francia, dopo la rivoluzione, con la Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino gli ebrei sono equiparati agli altri cittadini. In Germania gli ebrei, fortemente legati a quella che da secoli consideravano la loro patria, iniziano un processo di assimilazione soprattutto negli ambienti dellalta borghesia colta, tanto che numerose furono le conversioni al protestantesimo. Altri invece come i Rothschild e gli Oppenheimer avviarono moderni istituti bancari i cui proventi contribuirono alla costruzione della rete ferroviaria in Europa. Nonostante tutto ciò nella Germania di Bismarck (1879) nasce un termine nuovo antisemitismo. In Austria lImperatore Giuseppe II aveva già emesso, sin dalla fine del 700, un Editto di Tolleranza riconoscendo agli ebrei pari diritti. In Russia gli ebrei che, avevano goduto un breve periodo di tranquillità proprio sotto lo zar Alessandro II, allorché questi verrà assassinato (1881) verranno accusati di aver partecipato al complotto. Si scatena pertanto unondata di terribili massacri sotto gli occhi indifferenti della polizia russa. gli ebrei che avevano cercato, di raggiungere unintegrazione anche a costo di rinunciare alla propria identità ora, dopo i sanguinosi pogrom, cercano rifugio nella terra dei padri. Sotto lispirazione dello scrittore russo Leo Pinsker sorge a Cracovia lassociazione Amanti di Sion di qui il nome del movimento che va sotto il nome di Sionismo cioè ritorno a Gerusalemme. Gli ebrei di tutta Europa si prodigarono a raccogliere fondi per finanziare la partenza di migliaia di fratelli ebrei orientali così duramente provati, dapprima verso l America, poi verso la Palestina. Allepoca la Palestina,ormai una landa desertica, era sotto il protettorato turco. Lo spirito di solidarietà fra gli ebrei più fortunati fruttò forti somme offerte da Sir Moses Montefiore e raccolte tra molti nobili inglesi, cui si aggiunse il continuo sostegno finanziario del barone de Rotschild: quel denaro servì per pagare una prima volta la terra e per cominciare una dura opera di bonifica. Già nel 1878 era stata fondata vicino a Giaffa la prima colonia ebraica. Il caso dreyfus e Herzl

14 Il caso Dreyfus e Herzl Il caso Dreyfus: Il caso Dreyfus: Il 15 ottobre 1894 era stato arrestato il Capitano Alfred Dreyfus con laccusa di spionaggio poiché erano state trovate allinterno dellAmbasciata tedesca di Parigi informazioni segrete francesi. Dreyfus apparteneva allo Stato Maggiore, era alsaziano e soprattutto ebreo: pertanto erano del tutto inutili le sue proteste di innocenza. Condannato dal Consiglio di Guerra sulla base di false prove (contraffatte dal Comandante Henry che, scoperto, otto anni dopo confesserà prima di suicidarsi), degradato pubblicamente nel corso di una cerimonia che doveva essere esemplare, venne spedito ai lavori forzati allIsola del Diavolo nella Guiana francese. Proprio la Francia che aveva proclamato la Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino, nonostante che cominciassero a circolare voci con il nome del vero colpevole, il Maggiore Esterhazy, nonostante che un onesto funzionario, il colonnello Picquart, ne avesse scoperto le prove e per questo allontanato, riesumerà gli antichi slogan antisemiti. Questa volta però i francesi si divisero tra innocentisti e colpevolisti; lopinione pubblica seguiva appassionatamente sia pure da punti opposti laffaire grazie allimpegno di tanti giornalisti venuti da tutto il mondo e alla disperata difesa della moglie e del fratello di Dreyfus. Anche Emile Zola, con lautorità che gli derivava dalla sua fama di noto scrittore si schiera a difesa e la verità venne a galla: resta famosa la lettera aperta di Zola Jaccuse.Ormai non era più possibile per le autorità militari fingere di non sapere. Riaperto il processo il condannato verrà liberato nel 1901, ufficialmente riabilitato, sia pure molto tempo dopo, il maggiore Esterhazy arrestato (fuggirà poco dopo), il Comandante che aveva fatto insabbiare le prove condannato (poi si uccise) e il Ministro della Guerra, che con tanta superficialità aveva dato per scontato che un ufficiale ebreo fosse necessariamente una spia, dovette dimettersi. Levolversi di queste vicende produsse nellanimo del giornalista Theodor Herzl un profondo turbamento, si rese conto per la prima volta di essere ebreo, e soprattutto, senza nulla sapere del Sionismo, si rese conto che era ora che gli ebrei tornassero ad avere la loro Terra, ma non per motivi religiosi come era nello spirito degli Amanti di Sion, bensì per fondarvi lo Stato Ebraico. Una patria cioè che restituisse dignità di popolo agli ebrei. A questo dedicò la sua vita coinvolgendo scrittori, sociologhi, politici e banchieri, finché riuscì ad organizzare Il Primo Congresso Sionista a Basilea nel 1897.

15 Gli Ebrei nel 900: lolocausto LOlocausto (SHOA): LOlocausto (SHOA): Nulla è più improprio del termine olocausto (immolare la propria vita ad un ideale) per indicare lo sterminio degli ebrei perpetrato dai nazisti. Esso rappresenta un fatto unico non solo per le sue dimensioni ma soprattutto per la macchina burocratica messa in moto per arrivare alla soluzione finale condotta in modo asettico, senza una vera passione religiosa o politica che la motivasse. Fu un vero annientamento della dignità della persona cominciato già nei viaggi di trasferimento in Germania, nei carri ferroviari piombati, giovani, vecchi e bambini(considerati pezzi) stipati per giorni, senza cibo né acqua e tanto meno servizi igienici. Subito separati per sesso ed età, i più deboli spediti alle docce (camere a gas) poi ridotti in cenere nei forni, mentre i più forti marchiati e spediti ogni giorno nelle fabbriche tedesche a sostenere estenuanti turni di lavoro con un cibo sempre più povero di calorie. In bellordine, nei magazzini, diventavano sempre più alti i mucchi di occhiali, di scarpe, di borse, di protesi dentarie, di abiti che i deportati avevano dovuto togliersi per indossare la gelida divisa del campo. Il dottor Morte, come era chiamato il dottor Mengele operava, senza anestesia né disinfettanti, esperimenti sugli internati, soprattutto sui bambini, ricuciva insieme i gemelli, apriva laddome alle bambine, iniettava sottocute bacilli: il tutto in nome di una pseudo scienza allucinante. Quasi i due terzi della popolazione ebraica presente in Europa, fu sterminata nei campi di Bergen Belsen e di Auschwitz.-Birkenau, Treblinka, Sobidor, Mathausen. Bunchenwald, Dachau. Degli deportati dallItalia ne tornarono mille. Ideatore, ed efficientissimo direttore di scena: Adolf Eichmann, braccio destro di Adolf Hitler. Probabili cause della shoà: S Probabili cause della shoà: Sono ben note le condizioni di salute mentale in cui versava Hitler, e si conoscono anche i suoi stati morbosi, che speso sfociavano in ossesioni. Ciò però non basta a spiegare tale devastazione. Almeno per la Germania si trattava di ben altro. Innanzitutto larrivo di tanti ebrei che fuggivano dalla Russia sotto lincalzare dei pogrom aveva risvegliato lantico antigiudaismo al quale si aggiunge, verso la fine dellottocento, laffermarsi di un neopaganesimo germanico e una relativa cultura pagano-popolare ispirata alle saghe nordiche esaltate dallopera musicale di Richard Wagner. Ciò comportava il rifiuto del cristianesimo inventato da un ebreo, San Paolo, che doveva essere sostituito con una religione Volk e pertanto ancora una volta gli ebrei tedeschi si trovano, loro malgrado, al centro di forti ostilità, nonostante tra loro vi fossero tanti scrittori e scienziati che costituivano il fior fiore della cultura mittleuropea. Ma anche costoro che tanto lustro avevano dato alla Germania, vengono considerati parassiti poiché scrivendo in lingua tedesca, lavevano in un certo qual modo sfruttata. La depressione in cui era caduta la Germania sarà determinante per la ripresa del più feroce antisemitismo: gli ebrei sono accusati di essere responsabili della depressione economica e soprattutto della depressione morale poiché la vocazione bellica teutonica non poteva ammettere di essere stata sconfitta e la causa non poteva che essere attribuita agli ebrei che contavano legami di parentela o di fede con gli ebrei stranieri. E in questo clima che Adolf Hitler sale al potere nel 1933 : il suo programma e le sue idee sono chiaramente espresse nel suo libro Mein Kampf ove nellideologia nazista (nazional-socialismo) era ben espressa quella razzista della razza superiore ariana, e i suoi progetti dittatoriali. Cominciano allora i roghi dei libri di autori ebrei: nel 1933 gli studenti danno alle fiamme a Berlino i libri razziati nelle biblioteche universitarie con il plauso dei docenti. Nel 1935 vengono emanate le Leggi di Norimberga: gli ebrei sono una razza inferiore vanno allontanati, isolati e, in un momento di crisi economica, ciò significava maggior possibilità di lavoro per i non ebrei. Poi la notte tra il 9 e il 10 novembre del 1938 avverrà in Germania e in Austria la notte dei cristalli in cui saranno infrante vetrine dei negozi, incendiate sinagoghe e abitazioni, si aprirà così la caccia allebreo. La stessa cosa avverrà in Italia con le Leggi razziali emanate nel 1938, precedute dal Manifesto del razzismo italiano con il quale il fascismo si allineava allideologia nazista. Papa Pio XI espresse forte e chiaro il suo biasimo per gli orientamenti neopagani dellideologia nazista, bollando pubblicamente lantisemitismo fascista come unimitazione della mitologia nordica di Hitler. Se il suo pontificato fosse durato più a lungo forse molte cose in Italia sarebbero andate diversamente, ma gli succede Pio XII, di formazione culturale germanica e timoroso di un avvento del comunismo. La Guerra: La Guerra: Hitler nel 38 annette lAustria ove estende le misure antiebraiche. Nel 39 i nazisti entrano in Polonia ove, sfruttando lantisemitismo religioso del popolo polacco, riescono in pochi anni ad arrestare tre milioni di ebrei e a deportarli dopo averli stipati nel ghetto di Varsavia tra sofferenze indicibili. Hitler è inarrestabile, penetra in Olanda, Belgio e Lussemburgo, paesi in cui gli ebrei verranno protetti dai sovrani. Certi governi, come nella Francia di Petain, invece, consegnano alle forze di occupazione gli elenchi, completi di indirizzo, dei cittadini ebrei.Quando Mussolini entrerà in guerra a fianco dellalleata Germania sarà la fine anche per gli ebrei italiani specie dopo l8 settembre del 43 quando né il Re, né Badoglio, nonostante la caduta del fascismo, abrogarono le leggi razziali. Molti ebrei perciò restarono nelle carceri italiane e i tedeschi, occupando il Paese, poterono facilmente prelevarli, deportarli o fucilarli come avvenne alle Fosse Ardeatine nel Funzionarono a pieno ritmo anche i forni crematori della Risiera di San Sabba a Trieste, lunico campo in Italia con camere a gas. Tentativi di opporsi al fascismo furono condotti da organizzazioni quale Giustizia e Libertà cui aderirono anche molti ebrei quali Treves, Modigliani, Ginzburg e i fratelli Rosselli. La formazione dello stato di Israele

16 La nascita dello stato israeliano LAffare Dreyfus in Francia e più ancora le notizie dei sanguinosi pogrom in Russia avevano alimentato il movimento sionista e appariva sempre più urgente trovare una Patria. Ma il miraggio era la Terra dei Padri. Loccasione venne con lentrata in guerra della Turchia a fianco della Germania e dellAustria e il relativo crollo dellimpero ottomano in seguito allesito della I guerra mondiale: le potenze europee potevano ora rafforzare la loro presenza in una zona in cui iniziava già la corsa al petrolio e la protezione degli ebrei di Palestina avrebbe giustificato la penetrazione britannica. Durante la prima guerra mondiale potenti famiglie arabe avevano dato appoggio alle potenze europee illudendosi di ottenere in cambio la sovranità negli stati arabi finalmente indipendenti. Feisal, figlio di Hussein della Mecca, dichiara apertamente il suo appoggio al proggetto di uno stato ebraico, perciò si incontra ad Aqaba con Weizmann. Nel 1922, però, le grandi potenze si dividono il Medio Oriente: la Francia ottiene il mandato sulla Siria e LInghilterra sulla Palestina e sullIraq (solo più tardi concederà la Giordania a Hussein). Immediatamente gli arabi, delusi, rivendicano la Palestina, che era esclusa dallaccordo per lindipendenza araba, ed iniziano una politica di totale opposizione a quel focolare nazionale ebraico promesso agli ebrei. Londra, per non peggiorare i rapporti con gli arabi, conduce una politica ambigua mentre un muro di odio e paura si innalza tra arabi ed ebrei. Seguiranno anni segnati da episodi di fanatismo religioso, attacchi continui ai kibbuzzim (kibbuz =coperativa agricola ebraica), ai villaggi e nel 1929 venne massacrata lintera comunità ebraica di Hebron. Gli scontri, ma soprattutto gli attentati terroristici proseguono sino allo scoppio della seconda guerra mondiale. Molti ebrei palestinesi si uniscono alle truppe alleate e contribuiscono alla liberazione dellItalia e intanto si scopre quale è stato lorrore nazista. Nonostante laiuto ricevuto dagli ebrei palestinesi durante la liberazione, la politica britannica si fa sempre più ostile verso gli ebrei tanto che asseconda la richiesta araba di bloccare limmigrazione in Palestina dei profughi ebrei scampati al massacro. Anche tra gli ebrei si formarono e agirono gruppi di lotta armata come lHaganà, lIrgùn o la cosiddetta banda Stern la quale condusse anche azioni di terrorismo rivolte, tranne in rari casi, contro organizzazioni militari britanniche e gruppi combattenti di estremisti arabi, comunque mai fuori dalla zona mediorientale. Ma la democrazia ebraica stessa vi mise presto fine. A questo punto, era il 1947, lInghilterra portò il problema davanti alle Nazioni Unite. Una commissione composta di rappresentanti dei paesi membri, dopo aver visitato la Palestina e consultate le parti, propose una spartizione del territorio in due stati: uno ebraico e uno arabo- palestinese, ciascuno indipendente e sovrano, con uno statuto internazionale per Gerusalemme. Nel 1947 lAssemblea generale dellOnu dà la sua approvazione. Gli ebrei della Palestina accettarono la risoluzione dellOnu. La decisione dellOnu, però, fu respinta dai governi arabi che anzi annunciarono la distruzione di Israele se fosse stata messa in atto. A tale scopo iniziarono subito a precostituirsi basi militari strategiche nonostante fossero ancora presenti gli inglesi. In questo clima, David Ben Gurion, il 14 maggio a Tel Aviv, proclama la nascita dello Stato di Israele. In risposta gli eserciti di Egitto, Giordania, Siria, Libano e spedizioni dellIraq e Arabia Saudita attaccano su tutti i froni il neonato stato ebraico. Questo, numericamente e militarmente inferiore, poté sconfiggere il contingente arabo solo grazie allappoggio statunitense. Conseguentemente a questa prima guerra: Siria, Libano e Giordania firmarono accordi separati con Israele. I territori, che secondo le disposizioni dellOnu dovevano formare lo stato palestinese passarono, la parte ovest del Giordano, sotto la sovranità della Giordania, la striscia di Gaza, allEgitto. I palestinesi quindi furono defraudati e ingannati e indotti a lasciare il paese, ove invece avrebbero potuto integrarsi come in realtà molti hanno fatto e oggi hanno i loro rappresentanti alla kenesset. Inoltre in quellanno più di ebrei, vennero espulsi dagli stati arabi ove vivevano da secoli. Giunsero profughi poveri nel piccolo stato di Israele, che aveva una popolazione di poco superiore, eppure furono accolti, integrati e coinvolti nel tessuto sociale.

17 Gli ebrei in occidente tra scienza, arte e filosofia Si può dire, senza esagerazione, che la coscienza europea, negli ultimi due secoli, è stata profondamente e intimamente segnata dalla presenza degli ebrei. Prendendo parte alla alledificazione della cultura occidentale, alcuni di loro rivendicavano, e altri contestavano, la loro identità e, a volte, le fonti ebraiche del loro pensiero. Questa coscienza europea nel crogiolo della coscienza ebraica, o, se vogliamo, questa coscienza ebraica nel crogiolo della coscienza europea, la si può avvertire in modo particolare quando si pensa agli ambienti intellettuali e artistici delle grandi capitali dEuropa dalla fine del XIX in poi – Praga, Vienna, Parigi, Bruxelles, Berlino – e al ruolo giocato in questi ambienti dallintellighenzia ebraica. Accanto a ciò, spesso in disparte rispetto ai grandi centri culturali dellassimilazione, proseguiva il lavoro fecondo del Talmud-Torah, che costituisce il cuore del culto e della santità ebraica. Comunità di studio e di vita erano disseminate per tutta lEuropa, una rete talvolta fitta di focolai intellettuali e spirituali ebraici, crogioli di personalità fuori dal comune. Trieste e la triestinitàGli autori del sospettoLarte degenerataEinstein e la relatività

18 Trieste e la Triestinità LAdriatico e Trieste come crocevia di culture, come luogo di incontro e spesso purtroppo anche di scontro di popoli e genti, assume unimportanza particolare per quello che è lo sviluppo della letteratura ed in particolare per quella che è considerata la letteratura italiana di Frontiera. A tale proposito da non moltissimo tempo si assiste alla rinascitadi tale letteratura o del concetto di Mitteleuropa come fatto culturale che avvicina e riunifica tra di loro, sulla base di antichi legami, culture e lettere di paesi diversi per lingua, struttura giuridica ed appartenenza politica, al punto di individuare dei denominatori comuni, un certo linguaggio comune e un comune stile del sentire. A proposito di idee che si possono riportare al concetto di Mitteleuropa, dice C. Magris che nelleterre di frontiera, anche l- amor di patria-, significa mazzinianamente, dialogo fraterno di tutte le genti e sentimento di appartenenza ad un comune destino.Tale fenomeno è sicuramente evidente nella letteratura sviluppatasi sin dal tardo 800 in poi a Trieste, a Fiume in Istria e in Dalmazia con aspetti e connotati che travalicano i tempi. Di Trieste, in particolare, va detto che sicuramente è stata ed è ricca di contrasti e di differenze culturali in genere anche in riferimento al resto dItalia, ma ha cercato e cerca proprio in questi contrasti la sua identità e la sua italianità. Come dichiara Claudio Magris in Trieste :...gli scrittori che hanno vissuto a fondo la sua eterogeneità, la sua molteplicità di elementi irriducibili a risolversi in ununità, hanno capito che era un modello della eterogeneità e della contraddittorietà di tutta la civiltà moderna, priva di un fondamento centrale e duna unità di valori. Del resto, come sostiene anche Elvio Guagnini, la cosiddetta triestinità, come ogni definizione di unidentità culturale, è certamente una categoria indifferenziata e indebita, che viene proiettata otre i termini storici e culturali di momenti ed elementi distinti. Nellambito triestino due nomi emblematici sono sicuramente quelli di U. Saba e I. Svevo, accomunati sia dal fenomeno della triestinità, sia dallinflusso della psicanalisi di Freud, in quel momento al centro dellattenzione di molti intellettuali, sia da quello appunto del concetto di Mitteleuropa, che hanno fatto di Trieste una stazione sismografica dei terremoti spirituali che si apprestavano a sconvolgere il mondo. Tale fenomeno era particolarmente evidente a Trieste e nella Venezia Giulia per cui, mentre nel resto dItalia, gli ambiti culturali erano prevalentemente sensibili agli influssi francesi, qui si sentivano chiaramente i modi della cultura tedesca (austriaca e non germanica) che si estendeva non solo alla letteratura ma allabito di vita originario, sovrapponendovisi, a volte. E questo (eccettuato il caso degli anni trascorsi in Germania da Pirandello), ha influenzato questa regione italiana più che tutte le altre, creando un modo di pensare e di sentire che era quello delluomo centro europeo avvertito come estero per il resto dItalia e semplicemente come Mitteleuropa per Trieste o Fiume, che sopravvisse e rinacque con una nuova coscienza, geograficamente, politicamente, moralmente e sentimentalmente riuscendo a superare la prima guerra mondiale e dando poi splendidi frutti sia a Vienna, a Berlino, a Budapest, a Praga fino a morire nel 1936 con la presa del potere dei nazisti in Germania, per poi rinascere ancora, dopo, con altri toni. Tutto ciò portava gli spiriti ad una maggiore apertura di fronte a forme mentali e religiose diverse e in questo un ruolo importantissimo ha avuto proprio la nostra letteratura italiana e chi italiano lo era per nascita o sentimento.SabaSvevoFreud Trieste (da Trieste e una donna, ) Ho attraversata tutta la città. Poi ho salita un'erta, popolosa in principio, in là deserta, chiusa da un muricciolo: un cantuccio in cui solo siedo; e mi pare che dove esso termina termini la città. Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace, con gli occhi azzurri e mani troppo grandi per regalare un fiore; come un amore con gelosia. Da quest'erta ogni chiesa, ogni sua via scopro, se mena all'ingombrata spiaggia, o alla collina cui, sulla sassosa cima, una casa, l'ultima, s'aggrappa. Intorno circola ad ogni cosa un'aria strana, un'aria tormentosa, l'aria natia. La mia città che in ogni parte è viva, ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita pensosa e schiva. Italo SvevoUmberto Saba

19 Italo Svevo Poetica e ideologia sveviana Svevo Italo pseud. di Ettore Schmitz (Trieste Motta di Livenza, Treviso, 1928). Di famiglia ebraica per parte di madre, e di padre tedesco, compì gli studi medi in Baviera; nel 1879 si iscrisse allIstituto superiore di commercio di Trieste, ma lanno seguente, per dissesti economici familiari, dovette impiegarsi in una banca, dove lavorò per ventanni. Fu questo anche il periodo del suo apprendistato letterario: cimentatosi in articoli, abbozzi di racconti, pagine autobiografiche, nel 1890 fece uscire a puntate, su «LIndipendente», la sua novella Lassassinio di via Belpoggio. Nel 1892 pubblicò il suo primo romanzo, Una vita, lucido racconto del dramma dellinurbamento di un giovane di campagna che si concluderà con il suicidio. Nonostante la già evidente abilità del narratore, il romanzo passò inosservato; identica sorte toccò sei anni dopo al suo secondo libro Senilità* (1898), storia dellamore di un non più giovane letterato per la sfuggente Angiolina, dalla prorompente vitalità. Cominciò allora per S., deluso dalla letteratura, un lungo periodo di silenzio. Dopo essersi sposato con Livia Veneziani e aver avuto un figlio, nel 1899 entrò come socio nella ditta commerciale del suocero, della quale assunse in seguito la direzione. Per ragioni di lavoro visitò quindi vari paesi europei e risiedette a lungo in Inghilterra, Francia e Germania. Fu questa una fase di quasi totale rimozione della letteratura, avvertita come una «malattia» minacciosa per la tranquilla vita borghese dellimpiegato Schmitz. Nel 1905 conobbe J. Joyce (che a Trieste viveva facendo linsegnante dinglese). Solo nel 1923 pubblicò unaltra opera, il romanzo La coscienza di Zeno*, che Joyce fece conoscere al famoso scrittore e critico V. Larbaud e che nel 1925 venne favorevolmente recensito da E. Montale sul periodico «LEsame». Lanno seguente apparvero, su S., articoli critici assai positivi, dovuti a V. Larbaud e a B. Crémieux. Nel 1927 fu pubblicata la novella Vino generoso e nel 1928 la raccolta di racconti Una burla riuscita. Nello stesso anno S. moriva per un incidente automobilistico. Postumi hanno visto la luce altri scritti di S.: nel 1930 La novella del buon vecchio e della bella fanciulla; nel 1949 le novelle Corto viaggio sentimentale; nel 1954 un volume di Saggi e pagine sparse, che comprendono frammenti di una possibile continuazione della storia di Zeno, un ipotetico «quarto romanzo» di S.; nel 1960 le Commedie, sei testi (tra cui è da ricordare soprattutto Il marito) per lo più incentrati sul classico «triangolo» borghese (la coppia e lamante), ora però descritto attraverso lironia e il paradosso e intrecciato ai tipici temi della malattia e della salute, della vecchiaia e della giovinezza.

20 Poetica e ideologia Sveviana Svevo ebbe una concezione impegnata della letteratura. Nella crisi di valori della società contemporanea, lo scrittore vide che essa non poteva più svolgere un ruolo consolatorio, né costituire una via di evasione dalla realtà, né essere più racconto mitico. La lettera ormai avrebbe potuto essere soltanto ricerca intellettuale, strumento di analisi, volta a trasmettere alcune fondamentali scoperte e tra queste il carattere ambiguo della nostra personalità, complessa e contraddittoria. La nuova letteratura avrebbe dovuto allora assumere come protagonista un personaggio non più suscettibile di una interpretazione univoca. Comparve così nellopera sveviana una figura nuova di eroe: l inetto. Questo carattere umano ha certamente dei precursori in personaggi della narrativa russa, per esempio di Turgenev o di Dostoevskij, ma in Svevo diviene figura centrale. Linetto sveviano pertanto è caratterizzato soprattutto dal velleitarismo, dalla sproporzione tra le sue ambizioni e le sue capacità, dalla sua tendenza a vivere più con la fantasia che nella realtà. Pieno perciò di inibizioni, di frustrazioni, avverte la sua inferiorità e subisce gli eventi, non li domina. Egli dunque è un eroe in senso negativo, è colui che soggiace passivamente ai condizionamenti ambientali e alle pulsioni dellinconscio che lo privano di ogni possibilità di scelta. Egli è un abulico, un essere privo di forte volontà, più incline alla contemplazione che non allazione. Determinante per comprendere la figura di Italo Svevo è lambiente culturale in cui si sviluppa la sua opera. Trieste è una città franca dellImpero Austro-ungarico, grande emporio mercantile, aveva particolari legami con Vienna ovviamente, Budapest e Praga. Nella città viveva pertanto una folla di individui delle più diverse nazionalità. Città prevalentemente borghese e mercantile, si collocava nellarea culturale della Mittel-Europa. La città era sottoposta a forti tensioni sociali. I lavoratori portuali avevano assimilato la propaganda socialista ed anarchica; vi erano poi gli irredentisti italiani assai attivi mentre parte della popolazione si atteggiava a cosmopolita. In questo crogiolo di diverse posizioni dovette subito orientarsi Svevo. Quantunque poco vocato allattivismo politico, frequentando LIndipendente si sensibilizzò nei confronti del problema delle terre italiane irredente, si accostò anche al socialismo sia per aver personalmente conosciuto Bebel, teorico della socialdemocrazia, sia per aver letto qualcosa di Marx. Tuttavia non credette nella possibilità di una rivoluzione capace di stabilire la giustizia sociale. Nel suo unico lavoro di contenuto politico, il racconto La tribù, egli mostra di avere coscienza dello sfruttamento della classe operaia necessariamente connesso con lo sviluppo della società industrializzata, del carattere utopico delle dottrine egualitarie, alle quali guarda tuttavia con simpatia. Da un punto di vista filosofico egli si avvicinò allevoluzionismo darwiniano, ma non credette che le dottrine di quel pensatore fossero sufficienti a spiegare e a capire la condizione umana e vide come la pretesa di spiegare lessenza delluomo allinterno di leggi naturali necessarie ed immutabili si scontrasse contro la concezione del comportamento umano come scaturente da un fondo psicologico complesso e contraddittorio. Attraverso la lettura di Schopenauer infatti egli era arrivato alla convinzione della non riducibilità dellagire umano alle semplici leggi positive. Anche Svevo infatti affermò che le motivazioni razionali del comportamento umano non fossero che la copertura di pulsioni profonde la cui dinamica non è riducibile al determinismo psicologico dei positivisti. Ma la parte più originale del pensiero sveviano è nel concetto di malattia. Questa è da intendersi come incapacità, da parte delluomo, di addattarsi a quella che è la realtà e quindi alla lotta per la vita. Si sviluppa così un dualismo allinterno della stessa specie umana il dualismo sanità-malattia: ci sono degli uomini che si sono integrati nel loro ambiente sociale e ce ne sono altri pochi che tale integrazione non hanno saputo o voluto accettare, rimanendo più degli altri in uno stato di disadattamento. I primi producono, mandano avanti la società e sono psicologicamente sani; i secondi, non adatti, malati nella volontà e nello spirito, incapaci di vivere in maniera semplice e diretta, appaiono inutili nel presente, ma costituiscono una ricchezza per tutti, giacché sono essi a custodire, nella loro indeterminatezza, i lineamenti ancora incerti del possibile uomo futuro. Nei tempi lunghi sono gli uomini di questo tipo ad avere la meglio...la malattia, in questa accezione, non è più soltanto il segno di una sconfitta individuale, di un fallimento esistenziale, di una caduta nella lotta per la vita, ma è il sintomo di un malessere connaturato al vivere e nello stesso tempo la condizione imprescindibile per la rivelazione, anchessa in continua evoluzione, del senso della vita. Con ciò Svevo rovescia Darwin, indicando nelluomo non adattato allambiente, come tra gli animali, la punta più alta dellevoluzione.Marx.

21 Umberto Saba Umberto Saba (Trieste Gorizia 1957). La madre, ebrea, fu abbandonata dal marito prima della nascita del figlio: S. conobbe il padre solo da adulto ma ne rifiutò il cognome, Poli, assumendone uno che suonasse omaggio alla razza materna («saba» significa «pane» in ebraico). Senza aver terminato gli studi, lavorò come praticante in una casa di commercio triestina e anche come mozzo su un mercantile. Fu militare durante la grande guerra, ma non andò mai al fronte. Lesordio poetico di S. era avvenuto già nel 1903 con ledizione privata de Il mio primo libro di poesia, ma la sua prima vera uscita pubblica è del 1911, con Poesie, introdotte da S. Benco. Seguiranno nel 12 le liriche di Coi miei occhi e il saggio Quello che resta da fare ai poeti, che però fu rifiutato dalla «Voce» (i rapporti di S. con i «vociani», stretti durante il suo soggiorno fiorentino del 1911, non furono buoni, come dimostra anche la stroncatura che S. Slataper fece delle Poesie) e venne pubblicato solo postumo nel 59. Dopo la guerra divenne proprietario di una libreria antiquaria, che costituì per lui un rifugio ma anche un mezzo di sostentamento e di tutela della propria attività di scrittore. Nel 21 pubblicò presso la sua «Libreria antica e moderna» il Canzoniere ( ), che raccoglie la produzione poetica di un ventennio e a cui seguirono Preludio e canzonette (1923), Autobiografia e I prigionieri (1924), Figure e canti (1926), Preludio e fughe (1928). Sempre nel 28, «Solaria» dedicò a S. un numero unico, a testimoniare la crescita della sua fama. Contemporaneamente peggioravano le sue condizioni psichiche, già da anni minate dalla nevrosi, tanto da spingerlo a sottoporsi, dal 29 in poi, a cure psicoanalitiche spesso intense. Con la promulgazione delle leggi razziali, S. fu costretto a rifugiarsi prima a Parigi, poi a Firenze, dove Montale e altri intellettuali antifascisti lo protessero. Furono pubblicate nel frattempo altre sue raccolte: Parole (1934), Ultime cose (1944), la seconda edizione del Canzoniere (1945, premio Viareggio) e poi la terza edizione (1948), destinate a ottenere i massimi e unanimi riconoscimenti di una critica che era stata, in precedenza, generalmente fredda (ai due poli opposti, della cautela limitativa e della fervida ammirazione, stanno E. Cecchi e G. De benedetti). Ma la fama non laiutò a vincere le crescenti crisi depressive, che lo costrinsero a un pressoché totale isolamento. Nel 53 fu ricoverato in una clinica romana; nel 56, quando morì la moglie Lina, si stabilì a Gorizia, dove rimase sino alla morte. Numerose le raccolte poetiche dellultimo decennio: Mediterranee (1946), Uccelli (1950), Epigrafe (postuma, 1959), tutte confluite nelle varie edizioni del Canzoniere (1948, 1957, 1961). E numerosi anche i volumi in prosa: Scorciatoie e raccontini (1946); linteressante, anche se autoencomiastica, interpretazione della propria poesia, Storia e cronistoria del Canzoniere (1948); Ricordi-Racconti (1956); infine il romanzo incompiuto Ernesto (1953, ma edito soltanto nel 1975), sensibilissima analisi delleducazione sessuale di un adolescente, narrata in una interessante commistione di dialetto triestino e lingua italiana. Il suo epistolario è apparso sinora in raccolte frammentarie: Lettere a unamica (1966), Lettere inedite (1968), Amicizia (1976), La spada damore (1983). I caratteri mitteleuropei della poetica di Saba

22 I caratteri mittleuropei della poesia di Saba Una delle singolarità dellopera di S. va colta nel progressivo comporsi delle sue parti entro il quadro complesso e organico del Canzoniere: fin dallorigine i testi si dispongono dinamicamente in un flusso continuo, parallelo e intrecciato a quello di unesistenza che cercò sempre di specchiarsi nella pagina scritta o, al contrario, di riconoscere come proprie le «verità» della letteratura. Ma questa osmosi non va intesa tanto alla luce dellidentificazione decadente tra arte e vita (la presa di distanza da DAnnunzio, dapprima molto letto e amato, si consuma dopo una visita di S. al «vate» in Versilia, che provoca nel giovane triestino la brusca caduta di un idolo), quanto come originale riproposizione del rapporto soggetto/mondo. Letto come equazione simbolica oggetti del mondo che simboleggiano stati del soggetto il rapporto era stato allorigine della costruzione metaforica di tanta poesia del Novecento. In S., invece, è un rapporto di contiguità, di rimando reciproco, di cornice: le vicende del soggetto si appellano continuamente al mondo come contesto, come sede di quel flusso esistenziale da cui solo contingentemente si distacca lio individuale. Questo fa sì che la poesia di S. si caratterizzi come un intreccio costante di lirismo e racconto, di aulicità del metro e del ritmo e quotidianità del lessico: S. spesso ricorre anche a un repertorio di parole e immagini tipico della poesia lirica, al limite della banalità, ma forzandolo in costruzioni ritmiche aspre che rifiutano ogni possibile «canto». A questi diversi registri espressivi corrisponde una materia autobiografica densa e angosciata; si realizza così continuamente una scissione tra lapparente facilità delle parole e la profondità delle analisi impietose, la violenza dei sentimenti portati alla luce. La conoscenza peraltro delle teorie freudiane, la frequentazione, quasi inedita per i letterati italiani del tempo, di Nietzsche, il profondo legame con la tradizione mitteleuropea della cultura triestina (che sposta larea di riferimento della poesia di S. da una portata nazionale a una continentale spiegando così anche le incomprensioni incontrate presso il nostro mondo letterario) rendevano singolarmente inattuale lopera di S. Se è vero che la nascita a Trieste implicava, come egli scriveva, una costituzionale arcaicità del gusto culturale, legato a forme e linguaggi tradizionali, a partire da questa nascita egli recuperava un classicismo italiano (che va da Parini a Foscolo, a Leopardi, al melodramma) e una problematicità europea (da Baudelaire e Heine), prima fondendoli in unesasperata tensione diaristica che caratterizza le prime prove e raggiunge un preciso equilibrio in Casa e campagna e Trieste e una donna, sezioni del Canzoniere del 1909 e del 1912, incise da una vivissima tensione a cogliere amarezze e gioie del quotidiano, quindi drammatizzandoli, nelle altre raccolte degli anni Venti, nelle contraddizioni e lacerazioni del soggetto sottoposto alle analisi freudiane (anche con gli eccessi di affabulazione del Piccolo Berto, gruppo di poesie del 1929, ma apparso in Tre composizioni del 1933). Con Parole e Ultime cose si schiude lultima fase dellopera di S., quella caratterizzata da un classicismo meno oratorio e più conciso, capace, nel frammentismo e nella sinteticità del discorso, di approdare a toni sentenziosi racchiusi in rapide, emblematiche, immagini. Nelle ultime raccolte (Mediterranee, Epigrafe) listanza narrativa e autobiografica ritorna pressante, ma ora come filtrata da una saggezza danziano, da una disillusa ma ancora attiva volontà di confrontarsi con lesistenzateorie freudiane Citta vecchia (Da Trieste e una donna ) Spesso, per ritornare alla mia casa prendo un'oscura via di città vecchia. Giallo in qualche pozzanghera si specchia qualche fanale, e affollata è la strada. Qui tra la gente che viene che va dall'osteria alla casa o al lupanare, dove son merci ed uomini il detrito di un gran porto di mare, io ritrovo, passando, l'infinito nell'umiltà. Qui prostituta e marinaio, il vecchio che bestemmia, la femmina che bega, il dragone che siede alla bottega del friggitore, la tumultuante giovane impazzita d'amore, sono tutte creature della vita e del dolore; s'agita in esse, come in me, il Signore. Qui degli umili sento in compagnia il mio pensiero farsi più puro dove più turpe è la via.

23 Gli autori del sospetto Da quando l'uomo ha affidato alla scrittura il proprio sapere e la propria produzione letteraria, esiste l'interpretazione. Ciò, secondo lo scrittore Michel Focault è sintomo di come l'uomo covi, nel proprio profondo, un sospetto intrinseco nel linguaggio. Sospetto determinato dalla possibilità di poliedrica interpretazione che il linguaggio offre. Si sospetta che la parola scritta non dica esattamente e realmente ciò che dice. Si arriva al paradosso per il quale ciò che si legge è, in realtà, meno importante rispetto a ciò che non è detto e che "sta sotto", a ciò che è contenuto nelle viscere del testo. Si potrebbe segnare un limite temporale, una data in cui questa recondita paura e specifica pulsione umana trova una sua affermazione pubblica passando da semplice casualità a reale modello di comportamento pubblica. Ci riferiamo al pensiero di Galileo Galilei e alla disputa sull'interpretazione della Bibbia. Lo scienziato pisano sostenne che nella Bibbia vi erano due livelli di interpretazione, l'uno superficiale, alla portata di tutti legato alle singole parole e l'altro profondo e interno accessibile solo a menti più preparate. Nel campo della letteratura questa tendenza si è presentata fin dall'antichità, creando un filo che lega gli antichi Greci agli autori moderni e contemporanei. Sono tanti, in realtà, le differenze storiche tra i differenti periodi temporali, ma le analogie e le somiglianze costituiscono una fitta rete di punti in comune di cui non si può tralasciare l'importanza. Seguendo questa logica l'interpretazione è diventata il vero scopo di tutti coloro che operano sui testi in una funzione diversa rispetto a quella dell'autore. Con ogni interpretazione si realizza un discorso che intende svelare ciò che ci "si nasconde" nel testo, ed ogni epoca ha inteso questo svelamento in un'ottica peculiare e in un modo diverso. In sintesi si può affermare che ciò che lo svelamento vuole affermare è sempre un senso. Si vuole svelare il "vero" senso del testo. Si vuole portare alla luce un senso, un'idea e come tale indimostrabile; si può aderire ad un'interpretazione, la si può rifiutare, ma ciò che essa dice, in fondo, ci convince solo perché già lo abbiamo compreso, anche se in modo inconsapevole ed inconscio. Trattandosi di un dibattito inerente alle idee, l'opera di interpretazione è praticamente senza fine. Un'attività infinita e senza reali margini di conclusione che si sviluppa con il procedere della storia. Anzi, l'interpretazione è essa stessa una parte importante della storia del sapere umana. Ne è, in ultima istanza, il motore. L'interpretazione in molti casi stabilisce che direzione debba prendere il fiume della storia. Un fiume infinito pronto a cambiare direzione e senso di marcia: quando qualcuno si fa interprete di un discorso (discorso del testo) non chiude un discorso, ma in realtà ne apre uno (discorso sul testo). Questo modo di "leggere" ha forgiato la nostra cultura ben più profondamente di quanto si possa pensare e immaginare. L'idea del doppio (o anche triplo o quadruplo) senso del linguaggio - soprattutto "poetico" - ha condizionato e modificato tutti i nostri comportamenti culturali. E' lecito, quindi, affermare che la "cultura del sospetto", ha creato conseguenze ben più profonde: la convinzione che tutto ciò che ha senso nasconda un doppio senso. Per fare un esempio che già conosciamo si può riprendere il discorso prima citato relativamente all'interpretazione della Bibbia. Nel Tardo Medioevo e per tutto il Rinascimento, si instaurò la concezione della Natura come testo (il "libro scritto dal dito di Dio") che la accomunava ai fenomeni che veicolano informazioni, come lo sono tutti i linguaggi. Per il poeta Dante e per lo scienziato Galileo, la Natura era un libro che comunicava le proprie leggi rimaste fino ad allora nascoste ad aspettare chi fosse in grado di scovarle. Leggi nascoste dall'apparenza delle sensazioni, attraverso il dominio di un linguaggio che andava rigorosamente studiato sia che si trattasse della teologia, sia della matematica. Tutta la storia della filosofia e della letteratura è una storia delle teorie interpretative dette anche Ermeneutiche. Con la fine del XIX secolo due grandi pensatori dell'800 riuscirono a svelare definitivamente questo mistero. Ci stiamo ovviamente riferendo a Marx, e Freud. Con questi intellettuali l'atteggiamento interpretativo si è definitivamente radicalizzato e la cultura del sospetto insito nella nostra cultura occidentale si è inserita in modo inestinguibile e in maniera estrema e moltiplicata all'ennesima potenza nella nostra mentalità e nel nostro agire quotidiano. La cosa che nasconde un altro senso, ossia ciò che deve essere interpretato, ma ciò che deve essere interpretato non sono più soltanto le parole e gli scritti, ma è l'uomo stesso. Dopo che con la rivoluzione copernicana di Kant, l'uomo aveva dato le proprie regole nella lettura e nella decifrazione scientifica delle leggi della natura, ora è l'uomo stesso a interpretare l'uomo. La necessità di scovare il senso nascosto dietro la realtà è cresciuto a tal punto che non è più né possibile, né tantomeno pensabile, evitare di mettere in discussione sé stessi. Questa opera di disvelamento dell'uomo è condotta su tre diversi livelli e campi d'azione da parte degli autori: Marx analizza la falsa coscienza e il ruolo dell'uomo nella società e nella economia. Con Marx nasce l'interpretazione economicista della storia e della realtà che ci accompagna tuttora. Come vedremo in seguito l'economia è tutto, la struttura su cui si basa la società e che determina i diversi cambiamenti della storia. Il resto non è altro che una serie di sovrastrutture subalterne alla struttura, l'economia per l'appunto. Ma è con molta probabilità Freud l'autore a compiere il balzo in avanti più importante. L'analisi più specifica e dirompente. Infatti il medico viennese indaga e mette alla luce ciò che è nascosto nella mente degli uomini. Indaga e riporta alla luce la vera essenza psichica dell'uomo che era stata nascosta in quanto risultato di un processo psichico di rimozione che nasconde sotto il velo della cultura istinti naturali e pulsioni inconsce inaccettabili per l'ordine sociale. Da tutte queste scoperte derivarono poi altrettante "rotture" e "fratture" importanti per la mutata idea che l'uomo ha di se stesso e per lo stesso andamento della storia umana. Karl MarxSigmund Freud

24 Sigmund Freud nacque a Freiberg (l'odierna Přibor), in Moravia, nel Di origine ebraica, si laureò in medicina a Vienna e si dedicò per molto tempo alla ricerca teorica nel campo dell'anatomia e della fisiologia del sistema nervoso. In seguito, per motivi economici, dovette abbandonare lo studio teorico e cominciare a dedicarsi all'esercizio pratico della neuropsichiatria, venendo a conoscenza dell'ipnosi come metodo di cura per le psiconevrosi. Interessatosi alla materia, si recò in Francia grazie ad una borsa di studio ed iniziò a collaborare con Charcot, che faceva largo uso dell'ipnosi e teorizzava una base psichica (e non fisiologica) per le nevrosi e per l'isteria. Tornato a Vienna, si rese conto della scarsa efficacia terapeutica degli assunti di Charcot e si avvicinò alle tesi di Breuer, che utilizzava l'ipnosi in modo quasi antitetico a quello dello studioso francese. Insieme con Beuer, Freud inserì la tecnica ipnotica all'interno della "terapia catartica", attraverso la quale si tentava di 'sbloccare' la psiche del paziente tramite la rievocazione di un fatto biografico del suo passato di cui lo stesso non aveva ricordo. In seguito Freud si staccò dalla pratica ipnotica ed elaborò teorie indipendenti riguardo all'interpretazione di questi eventi passati "rimossi" dalla coscienza, arrivando a formulare una distinzione 'topografica' della psiche in inconscio (costituito da quegli eventi mentali di cui non siamo consapevoli, da quei ricordi che devono affiorare tramite la terapia), preconscio (costituito da elementi latenti, facilmente riassumibili alla coscienza) e coscienza (costituita da tutto ciò di cui siamo consapevoli); e una distinzione in entità quali l'es (impulsi irrazionali ed intuitivi), l'io (in gran parte cosciente, con qualche elemento preconscio) e il super-io (istanza normativo-morale, in gran parte inconscia). Freud si avvalse di tecniche innovative quali le associazioni libere, formulò in modo nuovo la tecnica per l'interpretazione dei sogni e, allo scopo di tentare una sorta di verifica delle sue teorie, si dedicò per quasi tutta la vita all'autoanalisi. Il suo lavoro gettò le basi della psicoanalisi, e, dopo le iniziali difficoltà, ottenne il riconoscimento accademico (Freud fu infatti professore all'Università di Vienna dal 1920). Nel 1938, Sigmund Freud fu costretto ad abbandonare Vienna a causa delle persecuzioni antisemite e si rifugiò a Londra, dove morì nel topica e metodo psicoanalitico 2 topica e antropologia culturale

25 Prima topica e metodo psicoanalitico La prima topica: La prima topica: La psiche umana è in parte nascosta alla nostra coscienza. Freud, come prima suddivisione della psiche, formula la prima topica (Toponomastica, individuazione dei luoghi psichici): la psiche è suddivisa in conscio, inconscio e preconscio: L'Inconscio. E' la parte sommersa della psiche: i suoi scopi sono autonomi e nascosti alla coscienza superficiale, le forze psichiche in esso contenute lottano e "agiscono" all'oscuro del pensato cosciente. Il Preconscio. E' composto dai ricordi non completamente consci ma facilmente richiamabili alla coscienza superficiale. Il preconscio è il termine medio tra il non percepito rappresentato dall' "inconscio" e il percepito chiaramente rappresentato dal "conscio". Il Conscio. E' la parte superficiale della psiche, la coscienza "chiara e distinta" del contenuto della mente. Nevrosi e rimozione : La sublimazione: Principio di piacere e principio di realtà: Il metodo psicoanalitico: Nevrosi e rimozione : Entro questa struttura della psiche si possono manifestare le nevrosi,cioè malattie dell'animo legate a un trauma, a quel meccanismo psichico che genera l'impedimento di uno sfogo emotivo quindi una rimozione degli eventi indesiderati. Fatti e accadimenti spiacevoli sono infatti spesso oggetto di rimozione, ovvero di una dimenticanza impostaci dalla nostra mente: tali fatti spiacevoli vengono stipati allora nell'inconscio, e, nel loro tentativo inesausto di riaffiorare, vengono sublimati (trasformati in energia e comportamenti positivi) o dolorosamente castrati dalla mente cosciente (assumendo le forme negative di compulsioni, ai quali non ci possiamo sottrarre, e ossessioni, che ci costringono a tormentarci attorno a un'idea fissa). La sublimazione: La sublimazione è lo sfogo creativo di una nevrosi o di una situazione rimossa. Mentre la nevrosi è quindi da ritenere una malattia, la sublimazione rappresenta la rielaborazione positiva dello stesso processo nevrotico. Il processo di sublimazione sarebbe alla base dell'ispirazione artistica, ma anche di ogni comportamento utile alla vita. La sublimazione agisce seguendo il principio di realtà; è lo sfogo del desiderio frustrato in atteggiamenti conformi alle norme sociali. Principio di piacere e principio di realtà: Tutte le scelte della psiche sono dettate dal principio del piacere; l'uomo desidera la sua felicità, l'appagamento immediato dei suoi desideri, ma tutto ciò si scontra con la realtà, o con le costrizioni morali e sociali ostili al soddisfacimento del piacere. Il principio del piacere si scontra con la realtà e ne deriva l'inevitabile frustrazione dei desideri. Ecco allora che al principio del piacere può subentrare il principio di realtà: esso cerca la soddisfazione del desiderio in relazione a ciò che la realtà può offrire secondo comportamenti accettati. Mentre il principio di piacere cerca la soddisfazione immediata del desiderio in modo irrazionale, il principio di realtà cerca l'appagamento del desiderio ponendosi obiettivi estesi nel tempo e sublimando l'impossibile appagamento immediato in rappresentazioni sostitutive. Il metodo psicoanalitico: Il metodo psicoanalitico freudiano si discostava molto dai precedenti metodi di cura: Freud introdusse la talking cure (la cura del parlare), ossia lasciava che i pazienti, adeguatamente rilassati e distesi comodamente su un divano, dessero libero sfogo alle parole e al flusso delle proprie idee, tentando di vincere la censura degli imperativi sociali che impedivano ai fatti raccontati di presentarsi per ciò che erano. Importante per tale lavoro di recupero del trauma era un certo rapporto di amore ed odio che si instaurava tra paziente e medico (il transfert, ovvero il vincolo emotivo). La cura così strutturata appariva dunque come un lavoro sul paziente, che da soggetto passivo diventava soggetto attivo. Il sogno: Il sogno: Il sogno è di molto peso per la psicoanalisi. Nel sogno l'inconscio riaffiora in parte, grazie ad un allentamento della censura diurna esercitata dalla coscienza. Nel sogno gli elementi che normalmente vengono ritenuti immorali riescono a trovare uno sfogo, ma la censura non scompare del tutto, ed ecco che i contenuti indesiderati si rivelano velati e deformati simbolicamente. Le principali regole per linterpretazione dei sogni sono: 1. La condensazione, ovvero interpretare la tendenza del sogno a diluire elementi accomunabili fra loro; 2. Lo spostamento, ovvero l'attenzione a come l'impatto emotivo di una situazione onirica, si sposta da una rappresentazione all'altra; 3. La drammatizzazione, ovvero la consapevolezza che fatti psichici ordinari possono trasfigurarsi in rappresentazioni alterate e drammatiche; 4. La rappresentazione per opposto, ovvero la consapevolezza che a volte un fatto onirico in sé evidente può significare anche il suo opposto; 5. La simbolizzazione, ovvero l'apparente cambiamento di significato di un certo elemento onirico. "Eros" e "Thanatos: "Eros" e "Thanatos: Durante i suoi studi, Freud si accorse che la psiche non era solo governata da una pulsione (=impulso incontrollato e primordiale) al piacere, ma anche da una pulsione distruttiva, di morte. La pulsione di vita, (l'eros), era affiancata da una pulsione di morte (thanatos); le due pulsioni sono presenti contemporaneamente in ogni uomo, in contrapposizione dialettica. La pulsione di morte è indirizzata alla scarica totale di tutti gli impulsi vitali, un autopunizione derivante dall'impossibilità del piacere. Essa può venire tenuta dentro di sé e provocare comportamenti autodistruttivi, o essere convogliata verso l'esterno in comportamenti violenti. Sigmund Freud 2 topica e antropologia culturale

26 1 topica e metodo psicoanalitico Seconda topica e antropologia culturale La seconda topica: La seconda topica: La successiva ricerca psicoanalitica, porta Freud a individuare altri tre luoghi psichici, Io, Es e Super-Io: L'Es è il serbatoio dell'energia vitale, l'insieme caotico e turbolento delle pulsioni, Quell'entità che si fa interprete della volontà di ottenere il piacere ad ogni costo. L'Es è quindi governato dal principio di piacere. Il Super-Io è la censura morale, l'insieme dei divieti sociali sentiti dalla psiche come costrizione e impedimento alla soddisfazione del piacere. Il super-io rappresenta quindi la censura morale della coscienza. L'Io è la coscienza mediatrice prodotta dai due movimenti contrastanti dell'Es e del Super-io. L'Io è governato dal principio di realtà, il suo compito è quello di mediare le istanze vitali dell'Es, tese al soddisfacimento irrazionale e assoluto, e le istanze del Super-Io, indirizzate verso la censura delle istanze dell'Es. Il cammino della sessualità: Il cammino della sessualità: Altro argomento rivoluzionario della psicoanalisi fu la scoperta che molti dei nostri comportamenti comuni sono in realtà dettati da impulsi di origine sessuale. Considerato il fatto che dal punto di vista psichico "siamo l'eredità della nostra infanzia", Freud cominciò dall'analisi delle pulsioni infantili per arrivare alla conclusione che esse sono dettate da istinti sessuali non censurati. Freud definiva il bambino come un perverso polimorfo, ovvero un individuo che, data la mancanza di una censura morale consolidata, esplorava ogni via del piacere corporeo (la libido) senza sensi di colpa.Nello sviluppo della sessualità di un individuo Freud distingue cinque fasi: la fase orale, quella anale, quella fallica, una fase di latenza e infine la fase genitale. La fase orale va dalla nascita ai due anni: il bambino esplora il mondo principalmente con la bocca. In questo periodo porta alla bocca gli oggetti per conoscergli e succhia il latte dal seno materno, ovvero la parte del corpo che lo lega al mondo circostante è la bocca. La fase anale va dai due ai quattro anni: è la fase in qui il bambino impara a controllare la ritenzione delle feci (l'educazione al vasino). E' il periodo in cui incassa i primi si e i primi no, ciò che può e ciò che non deve fare. Questo implica secondo Freud il raggiungimento di una prima forma di autonomia psicologica. La fase fallica va dai quattro ai sette anni: è una fase cruciale. maschi e femmine si accorgono della propria differenza sessuale. I maschi temono di perdere ciò che pensano abbia perso anche la femmina (complesso di castrazione), le femmine tendono a sentirsi inferiori ai maschi per ciò che manca a loro e subentra l'invidia del pene. In questa fase si definiscono i ruoli sessuali che si assumeranno da adulti. Subentra il complesso di Edipo: i maschi vogliono sposare la mamma e le femmine il papà, entrambi sopperiscono alla gelosia nei confronti del papà e della mamma assumendo i ruoli dei genitori. E in questa fase che si forma il Super-Io: i ruoli che si obbligano ad assumere portano i bambini a far fronte ai primi imperativi sociali legati alla figura materna e paterna (Freud ipotizza che un errata comprensione dei rispettivi ruoli assunti in questa fase sia all'origine dell'omosessualità e della delinquenza). La fase di latenza va dai sette agli undici anni: i bambini si concentrano sull'apprendimento dei comportamenti sociali e trascurano momentaneamente quelli di natura sessuale. La fase genitale va dagli undici anni fino all'età matura: è la fase del pieno sviluppo sessuale, del piacere attraverso i genitali, della masturbazione e del primo rapporto: l'adolescenza, la giovinezza e l'età adulta. Totem e tabù: Dio e l'origine dei divieti sociali Totem e tabù: Dio e l'origine dei divieti sociali Che cos'è la religione per Freud? La religione non è altro che una delle molte sublimazioni messe in atto dalla psiche, un andare incontro alla realtà vissuta come castrazione delle pulsioni dell'Es secondo un principio di realtà. Inoltre, per Freud, Dio non è altro che la proiezione del rapporto ambivalente che ognuno di noi ha con il proprio padre e rappresenta quindi una proiezione umana di desideri e momenti psichici umani. La religione rappresenta quindi, secondo Freud, una rappresentazione mediata del desiderio umano di vincere la finitezza. Che cosa dire poi della civiltà e del modo in cui viene vissuta dall'uomo? La civiltà è un insieme di atteggiamenti morali acquisiti che coincidono con le istanze del Super-io. Ogni individuo vive la civiltà come limitazione della sua libido: le circostanze sociali impongono di trovare alle pulsioni incontrollate sfoghi socialmente tollerati (il meccanismo della sublimazione). Le società tendono quindi a ritenere morali quei comportamenti che ne garantiscono l'esistenza: ecco perché il tabù dell'incesto e della masturbazione (visti come impedimento alla procreazione) e di molti altri tabù anche non evidentemente sessuali. Il fondamento della morale non è quindi di carattere divino ma prettamente umano. Sigmund Freud

27 Karl Marx Marx nacque a Treviri nel 1818.Figlio di un brillante avvocato ebreo che, insieme con la famiglia, si era convertito al protestantesimo per motivi politici, nonostante fosse rimasto su posizioni sostanzialmente agnostiche, Marx ebbe un'educazione improntata al liberalismo ed in un primo momento pensò di seguire la carriera paterna iscrivendosi a Giurisprudenza.A Berlino, però, il contatto con il club dei Giovani Hegeliani (dei quali in seguito rinnegherà le posizioni) e con il pensiero di Hegel, lo portarono a maturare la decisione di abbandonare Legge e di iniziare a frequentare la facoltà di filosofia a Jena, dove si laureò con una tesi su Democrito ed Epicuro.Data la politica reazionaria vigente in Prussia, decise che le sue posizioni politiche non gli avrebbero permesso di intraprendere serenamente la carriera universitaria e così divenne caporedattore della Gazzetta Renana, che fu in seguito interdetta dal governo. Proprio a causa dello scioglimento forzato del giornale, Marx fu costretto a trasferirsi a Parigi (1843), dove terminò la stesura della Critica della filosofia del diritto di Hegel. Il 1844 fu l'anno in cui Marx abbracciò definitivamente l'ideologia comunista: ne sono testimoni i 2 saggi che pubblicò sul primo (e ultimo) numero degli Annali franco-tedeschi, redatto insieme con Ruge.Sempre nel '44 Marx strinse una profonda amicizia con Friedrich Engels e con lui cominciò ad interessarsi alle materie economiche, un interesse che sfociò nei Manoscritti economico-filosofici. Il soggiorno francese non durò comunque oltre: sotto la pressione del governo prussiano, Marx fu costretto ad abbandonare Parigi e si stabilì a Bruxelles. Qui, in collaborazione con Engels, scrisse La Sacra Famiglia (diretta contro Bauer ed i suoi discepoli) e maturò il definitivo distacco dalla filosofia tedesca con le Tesi su Feuerbach e, soprattutto, con l'Ideologia tedesca, pubblicata per la prima volta solo nel 1932, in URSS. Nel 1848 la Lega dei comunisti, al cui primo congresso del 1847 Marx non aveva potuto partecipare, gli propose di stendere un documento teorico-programmatico: il frutto di questo lavoro fu il Manifesto del partito comunista, edito a Londra sempre in collaborazione con Engels. Ristabilitosi nel frattempo in Germania, Marx ne fu nuovamente espulso nel '49 e questa volta si trasferì a Londra, dove si ritirò dalla politica attiva dopo aver tentato di ricostituire la Lega dei comunisti. Per Marx, la moglie Jenny e la loro numerosa famiglia, il soggiorno inglese si presentò carico di problemi economici: il suo lavoro al British Museum e la sua collaborazione col New York Tribune non sarebbero stati sufficienti al sostentamento se non fossero arrivati aiuti da Engels. Ciò nonostante Marx non interruppe la sua attività di studio e, nel 1866, iniziò a comporre il I libro del Capitale, che, dopo la sua morte, fu redatto da Engels, il quale si basò sui suoi appunti.Nel frattempo (1864) era diventato la figura dominante dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori, per la quale, nel 1870, scrisse due Indirizzi sulla guerra franco-prussiana. Del 1875 sono gli Appunti sul programma di Bakunin 'Stato e Anarchia' e la Critica del programma di Gotha, una disanima nei confronti della decisione di unificazione dei socialisti tedeschi, per Marx poco rivoluzionaria. Nel 1881 gli morì la moglie Jenny e Marx la seguì 2 anni dopo, lasciando nello sconforto Engels e tutto il movimento operaio internazionale. Economia e materialismo storico Lotta di classe, ideologia e alienazione

28 Economia e materialismo storico Economia: Economia:Marx individua nell'economia il motore primo ed unico e necessario per l'evoluzione della storia all'interno di una concezione deterministica per la quale la storia è già scritta: acutamente egli osserva che in un'ottica deterministica la libertà e il potere dell'uomo sono solo di accelerare o rallentare gli avvenimenti, ossia stabilirne i tempi (e forse i modi) di accadimento.Tale dottrina ha dunque influenzato profondamente molta della storiografia successiva. La sua visione dell'economia fa riferimento alla "teoria del valore", secondo cui il prezzo di scambio dei beni dipende strettamente dal lavoro dell'uomo: da esso dipende la quantità di plusvalore aggiunto durante le fasi della produzione ed esso influenza quindi il prezzo finale dell'oggetto prodotto. Il lavoro non è solo fonte del valore economico, ma anche del profitto. Degli economisti classici (Adam Smith, David Ricardo) riprende il metodo di analisi economica, criticando la visione liberistica per cui il capitalismo avrebbe accresciuto la ricchezza delle nazioni. Critica le teorie economiche borghesi come prese di posizione a favore dei capitalisti. Per primo evidenzia i problemi di alienazione del lavoratore nelle fabbriche.L'economia determina la sovrastruttura e, dunque, l'indagine economica diviene anche filosofica; mentre gli economisti classici tenevano distinte le due dimensioni. Da Hegel Marx deriva la concezione dialettica dell'economia e della storia: le contraddizioni ed i conflitti sono inevitabili e vengono superati automaticamente, fino alla realizzazione finale definitiva. Tuttavia l'idea di Hegel circa l'affermazione dialettica dello spirito al termine del processo storico è fortemente criticata da Marx, che la materialità della produzione sociale. Il progressismo viene, quindi, non da una dialettica hegeliana intrinseca all'essere (servo-padrone), ma da un'analisi economica che evidenzia come la caduta tendenziale del PIL e della ricchezza pro-capite avrebbe presto dissuaso i proprietari dal produrre. Secondo Marx le contraddizioni interne al sistema capitalistico lo conducono a crisi cicliche di sovrapproduzione, in cui la capacità produttiva supera la domanda dei consumatori. Inoltre esso tende a trasformare la società, estendendo numericamente la classe proletaria e riducendo quella dei capitalisti a pochi individui, con fortissime concentrazioni di capitale. La rivoluzione inevitabile doveva essere anticipata, creando fra i proletari una coscienza di classe, che facesse ammettere loro l'impossibilità teorica di un'evoluzione democratica del capitalismo nei loro confronti, a riconoscergli diritti e tutele. Di qui l'opera divulgativa e l'impegno per la rivoluzione proletaria. Il materialismo storico: Il materialismo storico: Alla base di tutto, secondo Marx vi è la struttura economica, vista come un insieme di individui in relazione tra di loro per produrre e distribuire merci. Tale struttura, e gli attriti che all'interno di essa si generano, sono considerati il vero motore della storia. Il termine materialismo deriva proprio da questo, Secondo lui ogni altra cosa è semplicemente una sovrastruttura, derivata dalla struttura economica e, inoltre, solo strumento funzionale alla conservazione del potere a vantaggio della classe dominante. Secondo Marx il mutamento della struttura economica vive diverse fasi: 1)Situazione di equilibrio. Le forze di produzione sono adeguate ai rapporti di produzione. 2)Squilibrio. Poiché le forze di produzione si evolvono più rapidamente dei rapporti, vi è attrito tra le due entità e questo rimane fino a quando non si modificano i rapporti di produzione in modo che si adeguino alle forze produttive. 3)Ritrovato equilibrio. Si ha dopo il suddetto adattamento, ossia dopo una rivoluzione. Un esempio classico che spesso viene citato è quello dell'ascesa della borghesia che segna il passaggio dall'età feudale a quella moderna. Poiché la classe borghese acquisiva col tempo maggiore potere economico, essa non poteva accettare il potere autoritario dell'aristocrazia. Quindi fu portatrice di nuovi ideali di uguaglianza degli uomini e libertà che legittimassero un nuovo sistema sociale favorevole alla classe borghese. Nella storia ciò si traduce nella caduta dell'Ancien régime e nella Rivoluzione francese. Come si può vedere, Marx sosteneva che fosse la struttura economica a determinare la sovrastruttura filosofica e giuridica, e non viceversa. Karl Marx Lotta di classe, ideologia e alienazione

29 di classe, Alienazione, Ideologia Lotta di classe, Alienazione, Ideologia La lotta di classe: La lotta di classe: Generalmente le società sono divise in classi. In ogni società ci sono persone che possiedono i mezzi di produzione (classe dominante), ed altri al servizio dei primi in una condizione di lavoro dipendente. In accordo con l'ottica secondo cui la struttura e le lotte di classe sono il vero motore della storia, Marx individua ed analizza alcuni sistemi tipici di società di classe. Le società antiche basavano la produzione sullo sfruttamento degli schiavi. Le classi in contrapposizione erano tuttavia quella dei patrizi, la più ricca, quella dei plebei, e la classe intermedia, i cui appartenenti non erano, né possedevano schiavi. Nelle società feudali la produzione era fondata sul possesso della terra e sui servi della gleba, contadini giuridicamente legati al feudo in cui vivevano. Accanto ad essi si trovavano una classe superiore di proprietari terrieri aristocratici, ed una classe intermedia di artigiani e commercianti residenti in città. In questa fase sono proprio questi ultimi a rivendicare maggiore autonomia: è la cosiddetta ascesa della borghesia. Nella società capitalista la principale forma di proprietà è il capitale industriale, ossia il denaro e i macchinari industriali che con esso si possono acquistare e sono strumenti necessari, insieme al lavoro dell'uomo, per la produzione. La principale divisione di classe è quella tra capitalisti e proletariato. Secondo Marx il ribaltamento della classe borghese ad opera di quella operaia sarà (un futuro rispetto al tempo in cui egli scrive) automatico ed inevitabile. Tale ribaltamento sarà l'ultimo nella storia e condurrà ad una società senza classi. L'alienazione: L'alienazione: Il concetto di alienazione risiede nella filosofia tedesca precedente a Marx; Egli, come Hegel, tende a dare al termine un significato reale, di natura socio-economica, che si identifica con la situazione del salariato nella società capitalistica. L'alienazione dell'operaio viene descritta da Marx sotto quattro aspetti fondamentali, strettamente connessi tra loro: 1) Il lavoratore è alienato rispetto al prodotto del proprio lavoro (il capitale), poichè esso non gli appartiene, ma piuttosto si pone come una potenza dominatrice nei suoi confronti 2) Il lavoratore è alienato rispetto alla sua stessa attività, che prende la forma di un lavoro costrittivo, in cui egli è strumento nelle mani altrui. 3) Il lavoratore è alienato rispetto alla sua stessa essenza che è quella del lavoro libero, creativo, mentre gli viene imposto un lavoro forzato, ripetitivo 4) Il lavoratore è alienato rispetto al prossimo, ( il capitalista); ciò fa sì che il rapporto tra l'operaio e l'umanità in genere sia conflittuale. Ideologia e falsa coscienza: Ideologia e falsa coscienza: Per Marx l'ideologia è la visione del mondo imposta dalla classe dominante a quelle sottoposte e affermata come universale. Essa è dunque uno strumento di dominio e controllo, finalizzato al mantenimento del potere e alla conservazione dello status quo. L'ideologia è l'insieme delle idee politiche, morali, filosofiche, che sono espressione e giustificazione dei rapporti di produzione dominanti. Lideologia diviene falsa coscienza quando è considerata dal punto di vista della classe subordinata. Quest'ultima l'accetta considerandola verità, accetta quindi anche la sottomissione considerandola inevitabile e una condizione immutabile della natura. Marx sostiene che solo una 'coscienza di classe' potrà condurre all'affermazione della classe operaia su base mondiale. È infatti suo il motto 'proletari di tutto il mondo, unitevi!'. La religione, Dio: La religione, Dio: È di Marx l'espressione: "la religione è l'oppio dei popoli", che predicando un'esistenza ultraterrena migliore, consolerebbe la classe proletaria alla rassegnazione, a credere inutile qualunque rivoluzione, dissuadendola dalla ribellione con la paura del peccato. Come ebreo educato alla Torah fin da bambino e come allievo di Hegel, il filosofo si pose il problema di Dio e non negò la sua esistenza. Disse che la religione era un prodotto della struttura economica: ciò non necessariamente toglieva veridicità ai suoi contenuti; anche se, in ogni filosofia, la religione necessita di contenuti eterni, non mutevoli al variare della struttura economica. Le rivoluzioni: Le rivoluzioni: Stando alla visione dialettica e materialista della storia, le rivoluzioni sono l'espressione di necessità storiche e si attuano quando maturano le condizioni. L'ultima rivoluzione sarà quella proletaria che produrrà una società ugualitaria senza classi. Karl Marx Economia e materialismo storico

30 Albert Einstein Albert Einstein nacque il 14 Marzo 1879 a Ulm, in Germania. Suo padre era un operaio specializzato nella costruzione di apparecchiature elettriche. A causa di un fallimento economico suo padre fu costretto a trasferirsi con la famiglia prima a Munich poi a Milano. Non ci restano sufficienti informazioni sulla vita individuale di Einstein risalenti a questo periodo.Durante i suoi studi non mostrò particolari attitudini, in quanto non approvava i rigidi metodi dell'istruzione, e fu davvero un pessimo allievo. Però Einstein rimase affascinato dalla matematica e dalle scienze, materie che studiò autonomamente. Nel 1896 gli fu revocata la cittadinanza tedesca e nel 1901 divenne cittadino svizzero. Nel 1896 ebbe l'opportunità di entrare all'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia a Zurigo. Nonostante avesse un esigua retribuzione, divenne un esaminatore. Nei due anni seguenti si occupò di insegnamenti generali. Dal 1902 egli divenne un esaminatore ufficiale a Berna dove lavorò per sette anni. L'anno 1905 fu un grande momento per la scienza; infatti Einstein pubblicò, a soli 26 anni, quattro articoli sul giornale Annalen Der Physik, articoli che avrebbero alterato il corso della scienza del XX Sec. Il primo trattava dei casuali cambiamenti termici nelle molecole, chiamati Browniani, per prima riconosciuti nel 1827 dal botanico inglese Robert Brown. Il secondo articolo trattava la teoria quantistica della luce divulgata da Max Planck nel In esso Einstein mostra come la luce sia formata da fotoni rifacendosi al fenomeno fotoelettrico scoperto nel Per questo contributo gli fu conferito nel 1921 il Premio Nobel per la fisica. Il terzo articolo (il più famoso di Einstein) tratta della teoria della relatività: "Zur Electrodynamik bewegter Korper" ("Elettrodinamica dei corpi in movimento"). L'ultimo articolo di quell'anno introdusse l'ormai famosa equivalenza tra la massa e l'energia espressa dall'equazione E=mc2. Grazie a questi lavori Einstein ricevette, nel 1908, delle onorificenze all'università di Berna, che furono seguite da moltissime altre in Europa dopo che si stabilì all'istituto per Studi Avanzati di Princeton, nel Gli ultimi anni di Einstein furono trascorsi cercando una teoria per la forza universale che potesse unire le forze subatomiche con la gravitazione e l'elettromagnetisno, problema che nessuno mai è riuscito a risolvere. Einstein aveva un gran rispetto per le opere della natura, e notò che "La cosa più incomprensibile del mondo è che esso sia comprensibile". Si considerava più un filosofo che uno scienziato, e in molti modi fu dello stesso stampo dei filosofi greci, come Platone ed Aristotele, cercando di capire la natura mediante la ragione anziché l'esperimento. Il suo successo deve molto al discernimento dei suoi predecessori e alla potenza d'analisi degli strumenti matematici, ma soprattutto ad una grande intuizione, che nessuno ha mai avuto. Morì il 18 Aprile del 1955 a Princeton, nel New Jersey, dopo aver ricevuto la cittadinanza statunitense. La relatività

31 La relatività e le sue prove sperimentali La teoria della relatività, elaborata da Albert Einstein allinizio del XX secolo, è alla base dellintera fisica moderna. Solo mediante la teoria della relatività si può dare una sistemazione completa allelettromagnetismo e alla teoria della gravitazione; ed è solo grazie ad essa che la fisica nucleare e la fisica delle particelle elementari hanno potuto svilupparsi e avere le applicazioni ingegneristiche attuali. La teoria della relatività si può suddividere, anche storicamente, in due fasi successive: la relatività speciale e la relatività generale. Il problema di fondo, per risolvere il quale Einstein elaborò la propria teoria, è in ambedue i casi quello di dare una forma invariante, indipendente cioè dal sistema di riferimento, alle leggi fisiche. Per molto tempo si credette che lunica risoluzione del problema fosse costituita dal Principio di relatività di Galileo. Secondo questo principio tutti i sistemi di riferimento inerziali sono equivalenti per la descrizione dei fenomeni meccanici. Ricordiamo che un sistema di riferimento è detto inerziale se in esso sono soddisfatte le tre leggi di Newton della meccanica. Comunemente si dice che il sistema delle stelle fisse (cioè un sistema avente come origine il centro del Sole e lorientazione degli assi invariante rispetto alla posizione delle stelle fisse) è inerziale. Un sistema di riferimento solidale con la Terra non è inerziale in quanto la Terra è in moto rotatorio su se stessa. Gli effetti dovuti a questo moto sono però così piccoli che, in prima approssimazione, si possono trascurare e considerare la Terra un sistema di riferimento inerziale. Il principio di relatività venne dedotto da Galileo dallo studio dei fenomeni meccanici noti al suo tempo. Esso viene messo in discussione alla fine del XIX secolo in seguito alla scoperta dei fenomeni elettromagnetici. In modo particolare la formulazione maxwelliana dellelettromagnetismo e la scoperta della natura elettromagnetica della luce portavano a contraddizioni molto profonde con il principio di relatività galileiano. Alcuni tra i più famosi fisici dellepoca, in particolare il francese Jules-Henry Poincarè e lolandese Hendrik A. Lorentz tentarono di risolvere queste contraddizioni ma con scarsi risultati. Bisogna attendere il 1905, anno in cui viene pubblicato da Albert Einstein (1879 – 1955) sulla rivista Annalen der physik il famoso articolo intitolato Electrodynamic bewegter korpen (Sullelettrodinamica dei corpi in moto) perché si riescano a superare le contraddizioni tra principio di relatività e teoria elettromagnetica. La teoria della relatività di Einstein si basa su due postulati: 1)Le leggi della fisica devono essere le stesse in tutti i sistemi di riferimento inerziali. 2)La velocità della luce è una costante, cioè è la stessa in tutti i sistemi di riferimento. Egli inoltre analizza a fondo i concetti di spazio e di tempo e dimostra, sulla base di due postulati, che né lo spazio né il tempo hanno carattere assoluto; ogni osservatore ha un suo proprio tempo e un suo proprio sistema di coordinate. Einstein dimostra inoltre, partendo dallesistenza di un tempo proprio per ogni osservatore, che le trasformazioni di Galileo sono errate. Esse vanno sostituite con leggi di trasformazione più generali, note come leggi di trasformazione di Lorentz. Utilizzando queste leggi di trasformazione Einstein dimostra che le equazioni di Maxwell del campo elettromagnetico sono invarianti; non esiste quindi alcuna contraddizione tra principio di relatività ed elettromagnetismo. La teoria della relatività einsteiniana non si limita a spiegare i fatti sperimentali: partendo da essa si derivano una nuova cinematica e una nuova dinamica, chiamate relativistiche, che sostituiscono la meccanica newtoniana. Inoltre sono ormai molte le verifiche sperimentali della relatività come: il perielio di mercurio, la curvatura della luce, i buchi neri, la dilatazione dei tempi, leffetto Doppler. Difficoltà della fisica classica La relatività della simultaneità Massa ed energia Leffetto Doppler Perielio di Mercurio La relatività generale I buchi neri

32 Difficoltà della fisica classica Relatività galileiana: Per introdurre il concetto di relatività galileiana ci si può servire di un esempio dovuto allo stesso Galileo. Supponiamo che una nave viaggi a velocità costante: dalla cima dellalbero un marinaio lascia cadere un sasso. Per un osservatore sulla nave la traiettoria del sasso è una linea retta parallela allalbero; un osservatore sulla terraferma vede invece cadere il sasso lungo una traiettoria parabolica. È evidente da questo esempio che non esiste una traiettoria assoluta lungo cui si muove il sasso, ma solo una traiettoria relativa per ogni particolare osservatore. Se associamo ad ogni osservatore un sistema di riferimento possiamo dire che rispetto a un sistema di riferimento rigidamente collegato alla nave il sasso descrive una linea retta, mentre rispetto a un sistema di riferimento rigidamente collegato alla terraferma descrive una parabola. In entrambi i sistemi di riferimento il sasso inizia il suo moto dalla cima dellalbero e lo termina alla base dellalbero stesso pur percorrendo traiettorie diverse nei due sistemi di riferimento. Da questo fatto possiamo dedurre che le leggi che descrivono il moto del sasso sono le stesse tanto nel sistema di riferimento S (osservatore sulla terraferma) quanto nel sistema di riferimento SI (osservatore sulla nave). Questo risultato particolare può essere esteso a principio generale: ciò venne fatto da Galileo di modo che il principio è noto come principio di relatività di Galileo. Esso afferma che le leggi della meccanica sono le stesse in tutti i sistemi di riferimento in moto traslatorio uniforme uno rispetto allaltro. Una conseguenza importante della relatività galileiana, che va sotto il nome di teorema di addizione della velocità, è la seguente. Consideriamo ancora la nave dellesempio precedente e supponiamo che la sua velocità rispetto a un sistema di riferimento connesso con la terraferma sia v0 ; supponiamo inoltre che un marinaio cammini sulla nave, nella direzione del moto, con velocità w0 rispetto a un sistema di riferimento connesso con la nave. Con quale velocità si muove il marinaio per un osservatore sulla terraferma? Se fosse immobile in un intervallo di tempo Dt percorrerebbe una distanza data da Dt o v0. Durante lintervallo di tempo Dt il marinaio avanza di Dt o w0 ; quindi egli avanza di Dt o (v0 + w0) e quindi la sua velocità rispetto a un osservatore sulla terraferma è vt = v0 + w0. Laspetto concettualmente interessante è che la velocità del marinaio è diversa nei due sistemi di riferimento. Generalizzando questo risultato possiamo dire che la velocità non è invariante; essa assume, in generale, valori diversi passando da un sistema di riferimento a un altro. Relatività classica: 1)Tutti i sistemi di riferimento S, che si muovono di moto rettilineo uniforme rispetto ad un sistema di riferimento inerziale S, sono inerziali. 2)La legge fondamentale della dinamica è: F = m a 3) In S, essendo a = a, si ha la stessa forza F presente in S. Trasformazioni di Galileo:Legge di composizione per lo spostamento x=x-vt (t=t) Forza di Lorentz: Una carica q, in moto con velocità v, in un campo magnetico di induzione B è sottoposta alla forza: F = q v B La forza di Lorentz, proporzionale alla velocità, sarà diversa nei sistemi S ed S in qualsiasi caso. Trasformazioni di Lorentz: (b=v/c) P S S O O OP = OO + OP Derivando rispetto a t, si ha: v = w + v Derivando ancora: a = a* + a Se w = cost a*= 0 Quindi:a = a Lelettromagnetismo e lesperienza di Michelson-Morley

33 Lelettromagnetismo e lesperimento di Michelson-Morley Lelettromagnetismo e la relatività galileiana: Lelettromagnetismo e la relatività galileiana: La formulazione maxwelliana dellelettromagnetismo e la scoperta del carattere elettromagnetico della luce posero seriamente in discussione la validità del principio di relatività galileiana. Maxwell aveva dimostrato che la luce è una propagazione ondosa di carattere elettromagnetico. In analogia con i fenomeni ondosi meccanici già noti (ad esempio le onde sonore) sembrava logico supporre lesistenza di un mezzo nel quale si propagasse londa elettromagnetica. Che questo mezzo potesse essere una sostanza usuale era da escludere dato che la luce si propaga anche nel vuoto. Si inventò allora una speciale sostanza, letere. Le proprietà che doveva possedere questo ipotetico etere erano alquanto strane: doveva essere in grado di penetrare tutti i corpi ed essere capace di trasmettere vibrazioni luminose, che sono trasversali, cioè perpendicolari alla direzione di propagazione, il che è una tipica proprietà dei corpi solidi. Secondo la teoria di Maxwell le equazioni del campo elettromagnetico non sono valide per tutti i sistemi di riferimento, ma solo per quelli immobili rispetto alletere. Il problema era concettualmente simile a quello risolto da Galileo nellambito della meccanica. Contrariamente alle leggi di Newton però le equazioni di Maxwell non sono invarianti per trasformazioni di Galileo; assumono cioè una forma diversa in un sistema di riferimento in moto (anche rettilineo e uniforme) rispetto alletere. Infatti nelle equazioni di Maxwell compare in modo essenziale la velocità della luce nel vuoto c; poiché la velocità non è invariante per trasformazioni di Galileo anche le equazioni di Maxwell non lo sono. Questo fatto indusse a ritenere possibile di evidenziare sperimentalmente il moto di un osservatore rispetto alletere mediante lo studio dei fenomeni elettromagnetici; ad esempio studiando come varia la velocità della luce al variare della velocità della sorgente. Secondo la legge di trasformazione galileiana la velocità della luce dovrebbe essere massima quando essa si propaga nella stessa direzione di moto della sorgente e minima quando si propaga nel senso opposto. La più celebre delle esperienze di questo tipo fu quella realizzata da Michelson e Morley tra il 1881 e il Lesperimento di Michelson e Morley: Lesperimento di Michelson e Morley: Lidea base dellesperimento è di confrontare la velocità di percorrenza della luce lungo due cammini perpendicolari, uno dei quali parallelo alla direzione del moto della sorgente. Il problema maggiore che Michelson e Morley dovettero affrontare fu quello di rilevare leventuale differenza di velocità nei due sensi. La soluzione trovata fu di far interferire i raggi luminosi; la differente velocità di percorrenza si traduce in una diversità dei cammini ottici e questo provoca uninfluenza osservabile nelle figure dinterferenza. Lesperienza eseguita ripetutamente e con estrema precisione in diverse ore del giorno e in tutti i periodi dellanno diede sempre risultato negativo: la velocità della luce sembrava essere indipendente dalla velocità della sorgente. Generalizzando il risultato dellesperimento si può dire che la velocità della luce non è influenzata dal moto relativo tra etere e sistema di riferimento in cui si effettuano le misure (in questo caso la Terra). Per spiegare questo fatto nellambito della teoria maxwelliana bisogna ammettere che la Terra è immobile rispetto alletere. Questa ipotesi è però contraddetta da tutta una serie di altri risultati sperimentali secondo i quali la Terra è invece in moto rispetto alletere. In particolare basta ricordare il fenomeno dellaberrazione annua delle stelle e lesperimento di Fizeau. Il fenomeno dellaberrazione annua delle stelle, scoperto dallastronomo inglese James Bradley (1693 – 1762) nel 1727, consiste nel fatto che le stelle sembrano descrivere nel corso dellanno una piccola ellisse. Nellambito di una teoria elettromagnetica basata sullesistenza delletere questo fenomeno è spiegabile solo ammettendo che la Terra sia in moto rispetto alletere. Lesperimento di Fizeau, eseguito per la prima volta nel 1851 dal fisico francese Armand-Hippolyte-Louis Fizeau (1819 – 1896), consiste nello studio della propagazione della luce nei mezzi in movimento. I risultati che Fizeau ottenne sono spiegabili ammettendo che letere sia trascinato solo parzialmente dalla Terra di modo che esiste una velocità relativa tra etere e Terra.

34 La relatività della simultaneità Il principio di relatività impone che le leggi dellelettromagnetismo abbiano la stessa forma per due osservatori O e OI in moto rettilineo uniforme uno rispetto allaltro. Questo non è vero per le equazioni di Maxwell invariati per trasformazioni di Galileo. Per risolvere questa contraddizione bisogna abbandonare le trasformazioni di Galileo scorrette poiché assumono un tempo assoluto, indipendente dal sistema di riferimento. La sincronizzazione degli orologi: La sincronizzazione degli orologi: Il concetto di tempo è intuitivo e tutta la nostra esperienza quotidiana ci dice che il tempo scorre. Un altro concetto intuitivo è quello di simultaneità: in base a esso ci capita sovente di affermare che degli eventi sono avvenuti contemporaneamente. Molte volte però noi usiamo la parola simultaneo in modo errato. Consideriamo un treno immaginario, enormemente lungo, tanto che dal vagone di testa non si veda il vagone di coda. Quando il treno si ferma due viaggiatori scendono, uno (A) dal vagone di testa laltro (B) da quello di coda. Potremmo dire se sono scesi simultaneamente fornendo a ciascuno un orologio e facendoci poi riferire lora in cui sono scesi. Il metodo, però, non tiene conto del fatto che un orologio potrebbe ritardare rispetto allaltro. Il problema diviene allora sincronizzare gli orologi. Alla stessa distanza da A e da B mettiamo una sorgente luminosa S. S emette un raggio luminoso che viaggia sia verso A sia verso B. Ora, per il secondo dei due postulati di Einstein, il raggio luminoso si propagherà con la stessa velocità c in tutte le direzioni e quindi giungerà nel medesimo istante in A e in B. Quando la luce arriva ad A e B, entrambi regolano i loro orologi in modo da indicare la stessa ora, ad esempio le 12. In questo modo e solo in questo modo è possibile sincronizzare gli orologi e quindi parlare di simultaneità di due eventi. Ma, se due eventi A e B sono simultanei per un certo osservatore S, essi risultano simultanei anche per una altro osservatore SI in moto rettilineo uniforme rispetto ad S ? La relatività della simultaneità: La relatività della simultaneità: Consideriamo allora la seguente situazione: abbiamo cioè un treno in moto, con velocità v rispetto a un osservatore S, fermo a terra. Supponiamo che in A e B si accendano due lampade, e che questo avvenga, per losservatore S, simultaneamente. Vediamo cosa accade per un osservatore SI solidale con il treno. Al momento dellaccensione delle lampade in A e in B i due ipotetici osservatori S e SI si trovano nello stesso punto. Se il treno non si muovesse, i raggi di luce emessi da A e B raggiungerebbero SI simultaneamente. Ma losservatore SI si sta muovendo, rispetto ad S, incontro al raggio di luce proveniente da B, mentre sta sfuggendo al raggio di luce emesso da A. quindi il raggio di luce emesso da B raggiungerà SI prima di quello emesso da A e quindi per SI laccensione della lampada in B è avvenuta prima dellaccensione della lampada in A: per SI i due eventi non sono simultanei. Il concetto fondamentale che si ricava dallesempio riportato è il seguente: gli eventi che sono simultanei per un certo osservatore S non saranno in generale simultanei per un altro osservatore SI, in movimento rispetto ad S. Possiamo quindi affermare che ogni osservatore (sistema di riferimento) ha il suo tempo proprio. Questo fatto è assolutamente nuovo nella fisica; prima dellavvento della teoria della relatività al tempo veniva attribuito un carattere assoluto. Se abbandoniamo lipotesi del tempo assoluto, scompare anche lincongruenza tra leggi di Maxwell e principio di relatività. Tale apparente incongruenza era legata alla legge di composizione della velocità; questa legge si basa però sulle trasformazioni di Galileo in cui il tempo è assunto essere lo stesso nei due sistemi di riferimento. Poiché questa ipotesi non è sostenibile, anche le trasformazioni di Galileo devono essere abbandonate. Perciò sarà possibile determinare il tempo e la posizione di un evento, rispetto a un osservatore SI, quando conosciamo il tempo o la posizione dello stesso evento rispetto a un osservatore S, in moto relativo rispetto ad SI applicando le trasformazioni di Lorentz. A A B B Treno S S S S Terra Treno Terra S= osservatore S= osservatore in moto inerziale A;B= sorgenti di luce

35 Massa ed energia La massa è energia: La massa è energia: Einstein, tramite i suoi numerosi studi, arrivò ad affermare che la massa è una forma di energia, in quanto essa scompare (secondo una precisa relazione) quando compare energia e viceversa. Tutte le trasformazioni di massa in energia e di energia in massa sono regolate dalla relazione di Einstein che, di solito, è scritta nella forma E = mc2. In particolare, da questa formula di deduce che un corpo fermo e non soggetto a forze possiede unenergia E0 per il solo fatto di avere una massa m0; tale energia si chiama energia di quiete o di riposo del corpo: E0 = m0c2. Questa relazione è confermata negli esperimenti sulle particelle elementari, dove è possibile osservare la materializzazione di particelle a spese della scomparsa di energia e, viceversa, lannichilazione di due particelle con conseguente emissione della quantità di energia prevista dalla relazione di Einstein.

36 La relatività generale Ill principio di equivalenza: Ill principio di equivalenza: Il lavoro di Einstein si basa inizialmente sulla sua osservazione del significato profondo del principio di equivalenza. Tale principio enuncia lesatta equivalenza tra la massa gravitazionale e la massa inerziale. La prima è la responsabile della creazione del campo gravitazionale come descritto dalla teoria di Newton, la seconda è la misura della reazione di un corpo allazione di una forza su di esso. La loro equivalenza rende possibile il fatto che due palline di diversa massa cadano nello stesso modo se lasciate cadere dalla Torre pendente di Pisa: infatti, se la forza con cui la gravità terrestre attira una palla è di massa uguale a y, la forza con cui la gravità attirerà unaltra palla di massa X (con X pari al doppio di x) sarà esattamente pari al doppio di y; in tal modo laccelerazione con cui le due palline cadono è identica: esse, perciò, atterreranno nello stesso istante. Tale fu losservazione, di Galileo, che venne enunciata come principio da Newton che Einstein stravolge con un esperimento ideale, tale cioè da non poter essere compiuto realmente bensì solamente immaginato. Lo strumento preferito da Einstein sono gli ascensori immaginari, cioè ambienti chiusi dove lo sperimentatore non si accorge di quello che succede fuori. Lascensore immaginario: Lascensore immaginario: Proviamo a immaginare la sensazione che una persona prova in un ascensore fermo nelle vicinanze di un pianeta in presenza di gravità: losservatore ideale chiuso lì dentro vedrà le palline accelerare verso il pavimento dellascensore, tutte con la stessa accelerazione g, in modo indipendente dalla loro massa. È ciò che osserva una persona chiusa in un ascensore identico che viene trascinato nello spazio vuoto con unaccelerazione pari a g. Non cè modo alcuno di capire se laccelerazione delle palline è vera o generata dalla gravità! Allo stesso modo possiamo immaginare di essere chiusi nellascensore fermi nello spazio vuoto: tutte le palline che utilizziamo per il nostro esperimento rimarranno ferme a mezzaria o si muoveranno di moto rettilineo uniforme: saremo cioè in un sistema di riferimento inerziale, dove valgono le leggi e le trasformazioni della relatività. Immaginiamo ora di trovarci in un ascensore chiuso che sta cadendo verso la superficie di un pianeta che genera un campo gravitazionale attorno a sé. Prima dellinevitabile impatto le palline che lasceremo andare dentro lascensore rimarranno ferme a mezzaria o si muoveranno di moto rettilineo a velocità uniforme: non ci accorgeremo cioè di cadere in un campo gravitazionale e potremo benissimo pensare di essere fermi nello spazio vuoto! Nessuna differenza! Prima dellimpatto, però. La pallina, che prima si allontanava da noi a velocità costante verso lalto, dopo un certo tempo subisce unaccelerazione che la distanzia da noi più velocemente. Ciò significa che lascensore in cui siamo deve essere idealmente vasto da permetterci di misurare la differenza dellaccelerazione (o della forza) di gravità tra posizione della pallina e la nostra posizione, ora che ci troviamo fatalmente più vicini alla superficie del pianeta. Ecco la formulazione del principio di equivalenza come ipotizzato da Einstein: in ogni punto dello spazio-tempo, anche se immerso in un campo gravitazionale, è possibile trovare un sistema di riferimento localmente inerziale, dove per localmente si intende non così tanto esteso spazialmente o nel tempo da indurci a notare le differenze del campo gravitazionale tra un punto e laltro. Tale sistema di riferimento è quello in cui ci troveremmo in caduta libera nel campo gravitazionale, ed in tale riferimento valgono le leggi della relatività speciale. In seguito a questa intuizione Einstein applicò il formalismo dellanalisi tensoriale per cercare il significato profondo alla gravitazione: essa non è una forza, come può essere quella elettrica, ma una proprietà dello spazio-tempo. In parole semplici la materia incurva lo spazio-tempo, in termini matematici il tensore energia-momento modifica il tensore della metrica. Nello spazio-tempo curvo tutti i corpi sono costretti a non muoversi in linea retta, cadendo al suolo in traiettorie paraboliche, o compiendo orbite ellittiche attorno a una stella. Semplicemente, i corpi cadono seguendo le traiettorie più brevi possibili per quello specifico spazio-tempo curvo. Tali traiettorie vengono chiamate geodetiche. Le geodetiche nello spazio-tempo euclideo, cioè quello in cui siamo abituati a vivere e pensare, sono le linee rette. Per andare da un punto ad un altro la via più breve è sempre la retta che congiunge i due punti. E la linea retta, cioè la traiettoria migliore, è unica una volta scelti i due punti di partenza e di arrivo. In questa geometria euclidea le rette parallele non si incontrano mai (se non allinfinito che però è un posto a cui non si può mai arrivare) e la somma degli angoli interni di un triangolo è sempre di 180 gradi. Uno spazio che possieda queste caratteristiche è detto, oltre che euclideo, anche piatto, e corrisponde nella realtà e zone di Universo lontanissime da ogni tipo di materia e di energia. È chiaro che non appena succede qualcosa di notevole nellUniverso si è in presenza di materia (o energia, che secondo la relatività speciale è esattamente la stessa cosa e lo spazio-tempo diventa subito curvo: lo spazio-tempo piatto è solo una comoda approssimazione che possiamo fare in piccole regioni di spazio, dove la gravità non varia apprezzabilmente. Una piccola porzione della superficie terrestre, come la stanza di un laboratorio, o le strade di una città, sono sufficientemente piatte da permetterci di utilizzare una geometria piatta, risparmiandoci in tal modo di dover fare complicati (impossibili) calcoli tensoriali in quattro dimensioni per scegliere il tram giusto per arrivare in tempo al cinema.

37 Precessione del perielio di Mercurio Secondo la relatività generale, lorbita di un pianeta di massa trascurabile rispetto al Sole (in prima approssimazione tutti i pianeti lo sono) subisce un moto di precessione del perielio nello stesso senso di rivoluzione del pianeta. Per ogni rivoluzione, langolo di precessione vale: espresso in radianti. G0 è la costante di gravitazione universale, M la massa del Sole, a il semiasse maggiore dellorbita ed e leccentricità. Nel caso di Mercurio i calcoli forniscono il valore di 43,03 per secolo, in ottimo accordo con i dati osservativi.

38 L'effetto Doppler per le onde elettromagnetiche Consideriamo una sorgente di onde elettromagnetiche e un osservatore mobili, l'uno rispetto all'altro, con velocità V. Supporremo che la sorgente si trovi nell'origine O di un riferimento S e l'osservatore nell'origine O' di un riferimento S' mobile, rispetto ad S, con velocità V. Vogliamo sottolineare subito una radicale differenza tra il fenomeno che qui vogliamo studiare e l'effetto Doppler già noto per le onde acustiche. Poiché le onde acustiche necessitano di un mezzo in cui propagarsi, il caso della sorgente ferma nel mezzo e quello della sorgente in moto non sono equivalenti. Infatti se ci mettiamo nella stessa situazione indicata sopra e indichiamo con w la velocità di propagazione del segnale acustico rispetto al mezzo avremo le seguenti due situazioni per l'osservatore: Se il mezzo é solidale alla sorgente, cioè al riferimento S, la velocità con cui l'osservatore riceve le onde é w-V (almeno in prima approssimazione, in realtà sarebbe, ma ); Se invece il mezzo é solidale all'osservatore, cioè la sorgente é in moto, la velocità con cui questi riceve le onde é w, in quanto come per tutte le onde la velocità di propagazione non dipende dal moto della sorgente. Per le onde acustiche ricevute dall'osservatore non c'é dunque simmetria e si ottengono risultati diversi a seconda che sia la sorgente o l'osservatore a muoversi nel mezzo. Con le onde elettromagnetiche questo non succede: la velocità delle onde é indipendente sia dal moto della sorgente che da quello dell'osservatore. D'altro canto, non essendoci mezzo di propagazione, non c'é alcun modo per distinguere se a muoversi sia la sorgente oppure l'osservatore. Supponiamo dunque che la sorgente emetta, nell'istante t=0, un segnale; esso viene ricevuto da S' nell'istante t'=0 e nel punto x'=0 (i due riferimenti coincidono nell'istante iniziale). Un secondo segnale viene emesso dalla sorgente nell'istante t=τ, naturalmente sempre nel punto x=0. Esso viene visto da S' come lanciato nel punto x'=-γVτ e nell'istante t'=γτ (basta mettere x=0 e t=τ nelle trasformazioni di Lorentz). Questo segnale viaggia a velocità c anche in S' e dunque impiega il tempo per arrivare in O'. Il tempo che intercorre tra la ricezione dei due impulsi in S' é dunque dato da. Se τ é il periodo dell'onda visto da S e dunque la sua frequenza, é la frequenza vista da S' e vale la seguente formula:. Questa formula descrive l'effetto Doppler longitudinale (perché il segnale si propaga nella stessa direzione del moto relativo tra sorgente ed osservatore) relativistico. Esperimenti eseguiti da H.E.Ives e G.R.Stilwell nell'ormai lontano 1938 su onde emesse da atomi di idrogeno, mobili con velocità v tali che β=0,005, hanno dato risultati in ottimo accordo con la previsione contenuta nella formula precedente, ottenendo una eccellente conferma della validità della teoria dell'effetto Doppler relativistico e quindi, in ultima analisi, delle trasformazioni di Lorentz. Una ulteriore conferma di questa validità si ha dalle misure, sempre di Ives e Stilwell, sull'effetto Doppler nel caso in cui la velocità di propagazione sia parallela, per esempio, a y, e quindi perpendicolare a V. Se T é il periodo dell'onda misurato da S e T' quello misurato da S', per la formula della dilatazione dei tempi (qui le lunghezze non contano in quanto si tratta di dimensioni perpendicolari al moto) si ha T'=γT. Per le frequenze avremo allora ν=γν'. Questa formula esprime il cosiddetto effetto Doppler trasversale. La fisica classica non prevede alcun effetto Doppler trasversale, come risulta, per esempio, dalla figura qui a lato, in cui abbiamo rappresentato onde piane e in cui V indica la velocità relativa, non avendo qui chiaramente alcun interesse sapere se a muoversi è l'osservatore o la sorgente. É chiaro che il numero di onde che l'osservatore riceve è lo stesso sia nel caso che ci sia moto relativo, sia nel caso che tale moto non ci sia. Onde prodotte da sorgente fissa Onde prodotte da sorgente mobile

39 I buchi neri Un buco nero è un oggetto stellare prodotto dal collasso finale di una stella di massa almeno tre volte quella del sole. Al termine del proprio ciclo vitale, il nucleo di una stella si spegne, avendo esaurito tutto il suo combustibile nucleare. La forza gravitazionale, che prima era in equilibrio con la pressione generata dal nucleo, prevale e comprime la massa della stella verso il suo centro. In alcuni casi, la densità raggiunta dalla stella morente è tale da creare un campo gravitazionale estremamente intenso che non permette a nulla di sfuggire alla sua attrazione, neppure la luce. Il nome di questi oggetti deriva da questa caratteristica, che li rende simili a buchi dove nulla può più uscire. Essi non possono essere osservati direttamente, ma possono essere scoperti a causa dei loro effetti di attrazione nei confronti della materia vicina. Viene ipotizzato che enormi buchi neri (di massa pari a milioni di volte quella del sole) esistano al centro delle galassie, come nella nostra e nella galassia di Andromeda.Una caratteristica dei buchi neri è il cosiddetto orizzonte degli eventi, una superficie immaginaria che circonda l'oggetto. Qualunque cosa oltrepassi questo limite non può più uscirne o trasmettere segnali all'esterno. Tutte le informazioni della massa che cade in un buco nero vengono perdute, ad eccezione di tre fattori: massa, carica e momento angolare. L'enorme campo gravitazionale creato da questi oggetti ha affascinato fisici e astrofisici che si interrogano sulle conseguenze di un campo gravitazionale così intenso, alla luce della teoria della relatività di Albert Einstein. Alcuni hanno infatti teorizzato che un buco nero possa creare un wormhole.In realtà un buco nero non è del tutto nero: esso emette particelle, in quantità inversamente proporzionale alla sua massa, portando ad una sorta di evaporazione. Questo fenomeno, dimostrato nel 1974 per la prima volta dal fisico Stephen Hawking, è noto come radiazione di Hawking ed è alla base della termodinamica dei buchi neri. Alcune sue osservazioni sull'orizzonte degli eventi dei buchi neri, inoltre, hanno portato alla formulazione del principio olografico. Poiché per descrivere un buco nero sono sufficienti tre parametri: massa, momento angolare e carica elettrica, i modelli matematici derivabili come soluzioni della teoria della relatività generale si riconducono a quattro: Buco nero di Schwarzschild è la soluzione più semplice, in quanto riguarda oggetti non rotanti e privi di carica elettrica, ma è anche piuttosto improbabile nella realtà, poiché un oggetto dotato anche di una minima rotazione, una volta contratto in buco nero deve aumentare enormemente la sua velocità angolare in virtù del principio di conservazione della quantità di moto. Buco nero di Kerr, si tratta di oggetti rotanti e privi di carica elettrica, caso che presumibilmente corrisponde alla situazione reale. Un oggetto dotato di un campo gravitazionale intenso come quello di un buco nero, ruotando trascina con se lo spazio-tempo circostante, distorcendolo. Buco nero di Kerr-Newman riguarda la situazione in cui sia ha sia rotazione che carica elettrica, ed è la soluzione più generale. Buco nero di Reissner-Nordstrøm è il caso di un buco nero dotato di carica elettrica ma non rotante.

40 Larte degenerata Entartete Kunst Entartete Kunst è una parola dordine della propaganda nazista utilizzata per educare la collettività a rifiutare pregiudizialmente opere darte e tendenze stilistiche dellarte moderna, nonché determinati autori. Per contrappasso a partire dal 1936 in Germania viene consentita solo la "Deutsche Kunst" e tutto il resto è degenerato, proibito e perseguitato. Sulla "degenerazione" si fondano i concetti giuridici attraverso i quali interi gruppi di popolazione sono emarginati da quello che i nazisti denominavano "Deutsche Volk", il popolo tedesco. Nel 1937, a Monaco di Baviera, i nazisti organizzano una mostra per quella che definiscono Entartete Kunst, cioè larte degenerata, per insegnare ai veri tedeschi che certe forme e generi artistici non sono accettabili dalla razza superiore ariana. Si tratta di arte degenerata in quanto ebraica, bolscevica (ovvero comunista) o comunque di razza inferiore. Qualsiasi cosa che non rientri nel modo di pensare di Hitler è considerato "degenerato", perché compito dellarte è esaltare lo stile di vita ariano.Gli autori delle opere proibite, dichiarati tra laltro malati di mente, sono per la maggior parte espressionisti: Ernst Barlach, Max Beckmann, Otto Dix, Wassily Kandinsky, Ernst Ludwig Kirchner, Paul Klee, Käthe Kollowitz, Max Liebermann, Edward Munch, Emil Nolde e molti altri. Non manca Pablo Picasso "il più degenerato degli artisti", che proprio nel 1937 dipinge Guernica, dedicato alla memoria delle vittime civili e innocenti del bombardamento aereo della cittadina basca da parte di velivoli tedeschi.La mostra era stata preceduta da una sistematica "epurazione" delle collezioni pubbliche tedesche, con la confisca di circa seimila opere moderne: cubiste, espressioniste, dadaiste, astrattiste e primitiviste.Con la salita al potere del partito nazionalsocialista nel 1933, in Germania viene proibita lesposizione di qualsiasi opera di avanguardia in musei pubblici e gallerie darte e gli artisti sono messi sotto sorveglianza.La repressione culturale raggiunge il suo culmine nel 1937, con la mostra Entrate Kunst nella quale sono esposte oltre 650 opere di 112 artisti. L'esposizione si propone di mostrare al pubblico quei generi artistici non ammessi dalla nuova "razza superiore" e l'inaugurazione simbolicamente avviene il giorno dopo quella della Grande Rassegna di arte Germanica, che comprendeva invece opere gradite al regime. L'esposizione Entartete Kunst, inaugurata da Hitler e Göbbels, è accompagnata da un catalogo illustrato che spiega i fini della manifestazione e presenta le opere raggruppandole sotto vari temi dai significativi titoli: "Manifestazioni dell'arte razzista giudaica"; "Invasione del bolscevismo in arte"; "La donna tedesca messa in ridicolo"; "Oltraggio agli eroi"; " I contadini tedeschi visti dagli ebrei"; "La follia eretta a metodo"; "La natura vista da menti malate". Per la copertina del catalogo viene scelta unopera "primitivista" di Otto Freundlich ( ), artista noto soprattutto per il suo percorso verso lastrazione ravvisabile anche nella geometrizzazione di questa scultura. Lopera è "degenerata" perché il malato di mente non rappresenta la sana bellezza ariana. Le opere esposte hanno didascalie dispregiative e soprattutto viene indicato il prezzo che i musei tedeschi avevano precedentemente pagato agli "speculatori ebrei". Le tele esposte sono circondate da slogan che puntano a metterle in ridicolo e sono accompagnate, a titolo di confronto, dai disegni di veri malati mentali. Per un curioso destino "Entartete Kunst" ebbe un successo di gran lunga maggiore della Grande Rassegna di arte Germanica. La sua apertura dovette essere prolungata ed il pubblico (alla fine dellesposizione itinerante si conteranno più di un milione duecentomila persone) fu costretto a lunghe attese prima di vederla, attratto soprattutto dallo scandalismo suscitato dal divieto di visione per i più giovani. Entartete Kunst costituisce una drammatica spettacolarizzazione dei rischi e delle minacce che incombono sulla libertà artistica, sotto qualsiasi dittatura, e offre il pretesto per approfondire la capacità di influenzare e manipolare le coscienze, capacità che i media hanno via via acquisito durante il secolo XX. I nazisti, con sapiente regia ed efficace propaganda, distruggono alcune opere darte in pubblico, così da creare quelli che con disprezzo sono appellati "martiri". Il modo in cui lo fecero funzionò e così tutta larte d'avanguardia venne etichettata come "incomprensibile", contribuendo di molto ad un tipico luogo comune del XX secolo.. Marc Chagall

41 Vita: Vita: Marc Chagall, nato a Vitebsk nel 1887, ebreo di nascita, cresce nella provincia lituana dove frequenta la scuola ebraica. Studiò a San Pietroburgo dal 1906, pur ritornando spesso a Vitebsk. In questo periodo lartista inizia a farsi un nome e, grazie ad un mecenate, nel 1910 poté andare a Parigi. Qui conosce le nuove correnti del momento, particolarmente il Fauvismo e il Cubismo. Si inserisce negli ambienti artistici d'avanguardia. Frequenta tra gli altri Guillaume Apollinaire e Robert Delaunay. A Parigi la cultura ebraica dellartista si fonde con i nuovi stimoli delle avanguardie e nel 1914 inaugura la sua prima mostra. In questo periodo alterna lunghi periodi a Berlino. Il pittore ama queste due città dove si sviluppano i movimenti dai quali Chagall è attratto: cubismo ed espressionismo. Nel 1914 Chagall ritorna in Russia dove, a causa della guerra, rimane fino al 1922 come Commissario delle Belle arti nella città natale. Il sopraggiungere della guerra nel 1914 lo fa rientrare a Vitebsk. Qui fonda l'Istituto d'Arte, di cui è direttore fino al 1920, quando gli subentra Malevich. Si trasferisce a Mosca. Nel 1923 ritorna a Berlino e successivamente a Parigi. Sono di questo periodo i lavori prodotti per il Teatro Ebraico a Mosca che rivelano il desiderio dellartista di dare alla sua pittura una portata monumentale. Accanto alla sua attività di scenografo teatrale prosegue quella di illustratore d'opere a stampa (Gogol, La Fontaine, Boccaccio, ecc.) e gli anni venti e trenta si contraddistinguono per unintensa produzione grafica. In seguito, effettua viaggi in Europa e anche in Palestina. L'ascesa del nazismo al potere in Germania blocca il suo successo e utte le opere di Chagall vengono confiscate ai musei tedeschi. Alcune figurano nell'asta tenuta alla Galerie Fischer di Lucerna nel Nel 1941 Chagall si rifugia in America. Nel 1947 fa ritorno a Parigi, e nel 1949 si stabilisce a Vence. Muore a Saint-Paul-de- Vence nel Lopera: Lopera: Maestro del colore e della luce, straordinario inventore di immagini, sempre fedele a una propria, inconfondibile iconografia, a un approccio all'arte assolutamente personale. Marc Chagall ha attraversato quasi per intero da protagonista il secolo delle avanguardie storiche e dei grandi rivolgimenti pittorici, non rinunciando mai al suo linguaggio d'immediato riscontro in cui sogno e realtà si compenetrano per dare vita a una stupefacente dimensione poetica. Incuriosito da Cubismo, Futurismo e dalle intuizioni cromatiche dei Fauves, poi considerato dai Surrealisti come un loro precursore, egli, ha esplorato, solitario, il suo mondo pervaso dal sogno e dall'incanto, in cui convivono tradizioni ebraiche e antiche fole russe. Nelle sue opere, infatti, Chagall è riuscito a coniugare il quotidiano con l'eterno, le sofferenze e le miserie della vita con il miraggio di un'esistenza migliore. Il profeta Geremia, 1968 Il profeta Geremia è un personaggio ricorrente nelle opere a carattere religioso di Chagall e in questo dipinto la presenza di un angelo chino su di lui conferisce all'insieme una speranza, quella della rinascita di Gerusalemme e della fine dell'esilio del popolo ebraico. Il profeta è accovacciato al centro della composizione e tiene tra le mani un libro, forse le Lamentazioni, mentre un angelo si libra su di lui. Dietro alle due figure - iscritte entro uno spazio semicircolare che conferisce sacralità alla scena - si intravede Gerusalemme, avvolta da una luce gialla, quasi di fuoco, da cui una coppia abbracciata sale verso il cielo. Il figliol prodigo, Stupefacente in quest'opera è la modernità dei costumi dei protagonisti, mezzo che Chagall utilizza per attualizzare la parabola narrata nella Bibbia. La scena è ambientata in un villaggio russo, con l'intera popolazione riunita ad osservare il ricongiungimento del padre con il figlio. La medesima cosa fa anche l'artista, che si è ritratto nell'angolo in basso a destra. Altre opere di Chagall

42 Le opere di Chagall Le porte del cimitero, 1917 Parigi, Musée national d'art moderne Nel dipinto è raffigurato uno dei cimiteri ebraici di Vitebsk. Sulla sommità dei pilastri d'ingresso vi sono due date scritte in ebraico, , che potrebbero essere quelle della tomba del nonno materno di Chagall.Il timpano centrale è sormontato da una stella di Davide con la data 1890, che sembra coincidere con una violenta recrudescenza dell'antisemitismo in Russia. Su entrambi i pilastri e sull'architrave si legge - sempre in ebraico - il testo della visione di Ezechiele (37,1-19), preannuncio delle sofferenze del popolo di Israele e della promessa di resurrezione. Resistenza, Questo dipinto fa parte del famoso Trittico (Resistenza, Resurrezione, Liberazione), dipinto da Chagall al ritorno dal viaggio in Polonia. Come gli altri due pannelli, anche questo deriva da una composizione ispirata ai tragici eventi della Rivoluzione russa, intitolata, appunto, Rivoluzione (1937). Gli studi preparatori oggi consentono di intuire quella che doveva essere l'opera originale, nella quale una folla in armi si mischia al silenzio meditativo di un rabbino chino sulla Torah. Chagall, non appena raggiunto dagli echi del dramma degli ebrei, nel 1943 taglia la tela: mantiene la presenza della folla in Resistenza, di saltimbanchi e innamorati in Liberazione e introduce la presenza di Cristo in Resistenza e Resurrezione. Liberazione, Terminato nel 1952, si tratta dell'ultimo pannello del Trittico (Resistenza, Resurrezione, Liberazione) e riprende la parte destra del quadro originale, Rivoluzione, modificandone la composizione generale. La parte centrale è occupata da una forma circolare gialla e rossa che, probabilmente, simboleggia il sole glorioso o la ruota del destino. Sulla circonferenza si distinguono figure care a Chagall: saltimbanchi, musicisti, acrobati, danzatori. Composizione gioiosa e luminosa, proclama la vittoria della vita e dell'arte sulla morte Re Davide, 1951 Re Davide, incoronato, con la barba verde e il viso che sembra emanare una luce dorata, suona l'arpa, mentre un angelo sulla destra regge un candelabro e porta con sé Betsabea. Nell'angolo superiore destro l'artista si è ritratto mentre dipinge la scena. Nell'angolo inferiore destro, invece, il profeta accovacciato potrebbe essere Geremia che annuncia la caduta di Gerusalemme, oppure Nathan, che aveva predetto a Davide le conseguenze disastrose di alcune sue azioni.


Scaricare ppt "Quel che dobbiamo agli ebrei Linfluenza della cultura e degli intellettuali ebrei nello sviluppo della moderna società occidentale. Alessandro Arcieri."

Presentazioni simili


Annunci Google