La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I Sistemi Operativi INTRODUZIONE AL SISTEMA OPERATIVO. Caratteristiche Generali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I Sistemi Operativi INTRODUZIONE AL SISTEMA OPERATIVO. Caratteristiche Generali."— Transcript della presentazione:

1 I Sistemi Operativi INTRODUZIONE AL SISTEMA OPERATIVO. Caratteristiche Generali.

2 I Sistemi Operativi 2 di 49 - G. Aloe a. s Si definiscono programmi user friendly quei software facili da usare ovvero poter utilizzare il PC senza ricorrere a consulenze tecniche. Si definisce software house linsieme delle aziende produttrici di software, il cui investimento in ricerche sempre migliorativo è un obiettivo finalizzato alla garanzia del vantaggio competitivo di mercato.

3 I Sistemi Operativi 3 di 49 - G. Aloe a. s Laumento delle prestazioni dei computer permette di dedicare molte risorse ai programmi che sovrintendono al funzionamento dei sistemi di calcolo, un esempio: lutente non si accorgerà mai di quante attività svolge il computer: mentre si scrive un testo si può utilizzare il controllo ortografico che corregge in modo automatico gli errori di battitura, navigando in Internet si possono memorizzare dati e programmi e, sempre nello stesso tempo ascoltare musica dal lettore DVD mentre un orologio digitale scandisce i secondi e la stampante in azione.

4 I Sistemi Operativi 4 di 49 - G. Aloe a. s In definitiva, dove non è richiesto di sfruttare la potenza dellelaboratore, parte delle capacità di calcolo viene impiegata per rendere le attività più gradevoli e più facili per lutente.

5 I Sistemi Operativi 5 di 49 - G. Aloe a. s Il software che permette un utilizzo più semplice, attraverso strumenti visivi viene esplicitamente indicato con il termine di sistema operativo.

6 I Sistemi Operativi 6 di 49 - G. Aloe a. s Il Sistema Operativo (O.S. Operating System) è un insieme di programmi che governa e controlla luso delle componenti del sistema di elaborazione ed ha lo scopo di renderli disponibili allutente per un utilizzo trasparente ed efficace. Con il termine risorsa si intende un elemento hardware (CPU, Memoria Centrale, Unità di memorie, Unità Periferiche) o software (Dati, programmi) Il Sistema Operativo può essere inteso come aiuto verso lutente attraverso i programmi di utilità: editor, compilatori, ecc. ecc. GUI, device, plug and ply e come gestore delle risorse: gestione della memoria, gestione della cpu, gestione di i/o e gestione del file system)

7 I Sistemi Operativi 7 di 49 - G. Aloe a. s Un Sistema Operativo si può pensare come gli impiegati di unazienda, ciascuno dei quali ha dei compiti specifici da svolgere e tutti insieme lavorano per raggiungere gli obiettivi prefissati dalla direzione e propagati attraverso i vari livelli dellorganizzazione. Quando un utente interagisce con il computer vengono emanate richieste di utilizzo di risorse che riceveranno dopo essere state interpretate dai vari programmi organizzati in modo gerarchico.

8 I Sistemi Operativi 8 di 49 - G. Aloe a. s Il Sistema Operativo racchiude alcuni di questi livelli di organizzazione e, rende disponibile il computer per le esecuzioni di azioni complesse. I programmi del Sistema Operativo che interagiscono con le componenti hardware devono conoscere le caratteristiche dei dispositivi in modo da poterli controllare ed adoperare, è opportuno quindi che i programmi possano essere ampliati, aggiornati e personalizzati a seconda della macchina su cui verrà installato il Sistema Operativo che comunque deve essere in grado di accedere anche a dispositivi non previsti inizialmente purché questi vengano forniti con il corredo del software necessario, comunemente chiamato device driver (pilota del dispositivo).

9 I Sistemi Operativi 9 di 49 - G. Aloe a. s Sugli ultimi Sistemi Operativi in commercio (Windows, Linux) queste operazioni vengono svolte in modo automatico con percorsi di autoinstallazione o comunque senza intervento di personale specializzato. I dispositivi realizzati in tecnologia plug and play (inserisci e usa) interagiscono con il sistema in modo facendosi riconoscere installando i driver corretti. Il Sistema Operativo sarà in grado di configurare tali dispositivi evitando di creare conflitti con i dispositivi preesistenti e che tutto il sistema funzioni correttamente.

10 I Sistemi Operativi 10 di 49 - G. Aloe a. s Un software device driver scritto per uno specifico dispositivo, potrebbe non funzionare con un altro simile ma non identico perché il programma interagendo direttamente con il dispositivo, deve usare un linguaggio che venga compreso dallinterlocutore, cioè dallhardware: se il componente viene sostituito da un altro che non parla la stessa lingua, il dispositivo non funziona.

11 I Sistemi Operativi 11 di 49 - G. Aloe a. s Per ovviare al problema si tende a far sì che i dispositivi costruiti siano tra loro compatibili, cioè che si possono sostituire gli uni con gli altri senza perdere la funzionalità, ciò non significa che debbano essere identici ma che siano rispettate alcune caratteristiche principali ben note secondo standard affermati che ne regolamentano diversi aspetti quali dimensione, funzionalità supportate e i comandi che si possono impartire al dispositivo. Un esempio i Personal computer compatibili IBM, le CPU compatibili INTEL, i dischi IDE, le periferiche SCSI, le stampanti compatibili Epson o H P (Hewlett Packard), le schede audio, compatibili sound blaster o Adlib, i modem Hayes. Questi standard sono imposti e continueranno ad imporsi in diversi modi quali:

12 I Sistemi Operativi 12 di 49 - G. Aloe a. s in conseguenza del dominio di mercato di una particolare azienda produttrice (IBM; INTEL, ec.) per mezzo di normative erogate da istituti riconosciuti a livello internazionale come ISO (International Standars Organization) che impone il proliferare di dispositivi tra loro incompatibili in seguito al lavoro di gruppi di società concorrenti che impostano accordi per un lavoro di insieme nello sviluppo di nuovi componenti e tecnologie

13 I Sistemi Operativi 13 di 49 - G. Aloe a. s SISTEMA APERTO Un sistema aperto è un sistema operativo costruito in modo da poter operare con una molteplicità di dispositivi, che possono essere reperiti sul mercato senza dover fare riferimento ad una ristretta cerchia di produttori. Caratteristiche più importanti sono: possibilità di controllare macchine tra loro molto diverse, costruite addirittura su unità centrali non compatibili. Inoltre un sistema operativo aperto permette luso di dispositivi hardware standard senza imporre particolari condizioni oltre alla scrittura di una quantità piccola di software. Un esempio di sistema operativo aperto è il sistema operativo Unix.

14 I Sistemi Operativi 14 di 49 - G. Aloe a. s Un sistema proprietario è un sistema operativo costruito per essere eseguito su un insieme ristretto e ben specifico di macchine, corredate o meno di specifici dispositivi. Caratteristiche più importanti sono: soddisfano le esigenze specifiche dellutente in modo molto efficace, il servizio offerto dalla casa proprietaria è sufficiente a coprire tutte le esigenze dellutenza a costi ragionevoli. Un esempio di sistema operativo proprietario è il sistema operativo Windows. SISTEMA PROPRIETARIO

15 I Sistemi Operativi 15 di 49 - G. Aloe a. s POLITICHE DI GESTIONE Il Sistema Operativo essendo un insieme di programmi che sovrintende al corretto funzionamento delle apparecchiature che costituiscono il sistema di elaborazione, soddisfa le richieste dellutente; esse vengono acquisite dal Sistema Operativo e gestite in modo coordinato, rispettando le cosiddette politiche di gestione.

16 I Sistemi Operativi 16 di 49 - G. Aloe a. s Le politiche di gestione sono delle regole scelte per una gestione razionale delle risorse ovvero un codice di comportamento del sistema di elaborazione: esse indicano al calcolatore come reagire agli stimoli e come rispondere alle richieste dellutente, stabilendo gerarchie e priorità con le quali ogni richiesta deve essere servita. La struttura formale di un Sistema Operativo è gerarchica: ciò significa che i programmi che lo compongono si collocano a livelli diversi, si servono di programmi che stanno a livelli sottostanti e servono i programmi dei livelli superiori.

17 I Sistemi Operativi 17 di 49 - G. Aloe a. s Si può pensare come una struttura a cipolla, cioè linsieme dei dispositivi fisici che costituiscono il computer come ad un livello più basso, e allutente come al livello più alto: il sistema operativo contiene i programmi tra il livello più basso (vicino alla macchina) e il livello più alto (molto vicino allutente). Allinterno di ogni livello, si usa raggruppare tutti i programmi scritti per risolvere un problema, o una classe di problemi simili, in moduli.

18 I Sistemi Operativi 18 di 49 - G. Aloe a. s Ogni modulo si può pensare come una scatola nera (black box) che al suo interno contiene le competenze per risolvere un problema e presentare i risultati in conseguenza dellelaborazione di richieste. Quel che avviene allinterno della scatola non ha alcuna importanza per chi effettua la richiesta. Per i programmi che fanno uso del modulo, quel che conta è che continui a rispondere coerentemente alle richieste effettuate attraverso procedure standard indipendentemente se il modulo sarà modificato o riscritto.

19 I Sistemi Operativi 19 di 49 - G. Aloe a. s Per meglio comprendere il senso, si pensi al gesto di una telefonata: alzare la cornetta, comporre il numero e iniziare la conversazione indipendentemente se la compagnia telefonica (modulo) invii il segnale al destinatario attraverso la linea analogica terrestre o satellitare, o ponti radio: per lutente limportante è comunicare. In termini informatici, il modulo mette a disposizione i servizi con una procedura standard che è detta primitiva.

20 I Sistemi Operativi 20 di 49 - G. Aloe a. s Le richieste dellutente vengono acquisite dal modulo, che le trasforma in modo che possano essere comprese e eseguite da altri moduli li livello inferiore, o dalla macchina stessa. Lesecuzione delle azioni viene permessa nel rispetto delle politiche di gestione. I moduli che lavorano direttamente sulle risorse hardware del sistemi costituiscono i livelli più bassi della gerarchia: essi impartiscono comandi alle diverse componenti fisiche per eseguire operazioni meccaniche o elettriche come visualizzare un carattere su video, attivare un modem, registrare su un disco, sulla memoria centrale.

21 I Sistemi Operativi 21 di 49 - G. Aloe a. s I moduli, definiti in modo logico, trasformano i dispositivi in macchine astratte o macchine virtuali in grado di eseguire operazioni complesse come se fossero elementari. Unoperazione logica corrisponde allesigenza dellutente di ottenere un risultato. Esempio scrivere un testo per stamparlo; la corrispondente operazione fisica consiste nelleseguire molte operazioni elementari dipendenti dal particolare elaboratore e stampante sui quali è stata richiesta loperazione logica. La stampante ad aghi utilizza una tecnologia diversa da quella a getto dinchiostro o laser ma loperazione eseguita è concettualmente uguale.

22 I Sistemi Operativi 22 di 49 - G. Aloe a. s Laspettativa dellutente di stampare il documento viene trasformata in richieste elementari al dispositivo e il sistema si preoccupa che ognuno delle richieste vada a buon fine gestendo le varie situazioni di errori che si possono presentare, senza che lutente debba intervenire. I moduli, alle quali le primitive appartengono inoltrano le richieste ai moduli di livello superiore utilizzando le loro primitive fino ad raggiungere lhardware che esegue materialmente loperazione: i circuiti della stampante trasformano i comandi specifici ricevuti in sequenze di impulsi elettrici che attivano i dispositivi elettrici o meccanici coinvolti nelloperazione: nel caso di stampante ad aghi vengono spinti contro il nastro i sottili aghi mentre per la stampante laser, il laser traccia sul tamburo fotosensibile limmagine della pagina.

23 I Sistemi Operativi 23 di 49 - G. Aloe a. s I comandi da impartire allhardware, per ottenere il risultato voluto, nei due casi sono scritti in modo diverso, lutente non è tenuto a conoscere i dettagli grazie al fatto che il Sistema Operativo trasforma il suo comando Stampa nei comandi appropriato in modo invisibile. Due dispositivi fisici differenti corredati dai rispettivi moduli di Sistema Operativo, possono diventare due dispositivi logici identici, lunica condizione è che i moduli relativi mettano a disposizione del sistema le medesime primitive per eseguire le stesse operazioni logiche.

24 I Sistemi Operativi 24 di 49 - G. Aloe a. s Un modulo è una collezione di routine che attivano i meccanismi fisici necessari per risolvere problemi logici di uno stesso tipo (operazioni di I/O o la gestione della memoria). I moduli devono mantenere un elevato grado di indipendenza, ognuno deve essere scritto senza conoscere la struttura interna degli altri moduli di Sistema Operativo, lunico modo in cui un modulo può comunicare con un altro modulo è attraverso le primitive da essi implementate.

25 I Sistemi Operativi 25 di 49 - G. Aloe a. s Viceversa, la sua struttura interna deve poter essere modificata senza che gli altri moduli se ne accorgano, purché le primitive che esso realizza non cambi, in definitiva un modulo è visibile solo attraverso le primitive ovvero di quel che produce e quale servizio offre. Gli esempi della rete elettrica, telefonica o idrica sono immediati e visibili solo attraverso i servizi che erogano, non occorre sapere in quali tubi o altro passi lacqua o dove sia la centrale telefonica o elettrica o quali sono le procedure che permettono tale servizio.

26 I Sistemi Operativi 26 di 49 - G. Aloe a. s Se un Sistema Operativo è costruito con criteri di modularità, si può utilizzarlo su macchine diverse sostituendo i soli moduli che operano sullhardware, mantenendo lo stesso insieme di primitive. In definitiva: macchine diverse vengono viste allesterno solo come esecutrici di primitive, se le primitive disponibili sono identiche, le macchine sono in grado di eseguire le stesse operazioni logiche, per questo i moduli, che accedono alle primitive possono essere esattamente uguali.

27 I Sistemi Operativi 27 di 49 - G. Aloe a. s A questo punto occorre dare il concetto di grado di portabilità che è lattitudine di un Sistema Operativo ad essere eseguito su macchine diverse: tale grado è tanto maggiore quanto è minore il costo delle modifiche necessarie. Se il Sistema Operativo è modulare il costo si riduce notevolmente in quanto le modifiche sono concentrate nei soli moduli interni riguardanti lhardware e non sugli altri.

28 I Sistemi Operativi 28 di 49 - G. Aloe a. s IL SOFTWARE Un sistema di elaborazione per poter funzionare ha bisogno del "SOFTWARE", cioè dei programmi e procedure che servono a finalizzare gli strumenti fisici, alla risoluzione del problema presentato dall'utente del sistema. Con il termine programma si indica in generale una sequenza di operazioni che devono essere eseguite dal computer, secondo l'ordine prestabilito. Le esigenze dell'utente rispetto al sistema di elaborazione vene resa efficace dai: Programmi di Utilità; Linguaggi di Programmazione; Programmi Applicativi e quelli scritti dagli utenti; Strumenti (Tools)

29 I Sistemi Operativi 29 di 49 - G. Aloe a. s I Programmi di Utilità e Linguaggi di Programmazione vengono forniti dalle case costruttrici di computer aziende produttrici di software e costituiscono parte integrante del sistema di elaborazione. Senza il software, il sistema si riduce ad essere solo un insieme di apparecchiature che non producono nessun lavoro. Il Sistema Operativo e i programmi di utilità vengono comunemente detti SOFTWARE di BASE o di SISTEMA. I programmi applicativi e i tools vengono indicati spesso con il termine generico di SOFTWARE APPLICATIVO. In base agli usi per i quali è stato realizzato quindi, il Software viene distinto in: Software di Base; Software Applicativo; Software Orizzontale.

30 I Sistemi Operativi 30 di 49 - G. Aloe a. s IL SOFTWARE APPLICATIVO Sono compresi quei programmi creati mediante il Software di Base (EDITORI, TRADUTTORI ecc) e indirizzati a risolvere problemi di diverso tipo (gestionale, scientifico ecc). Il Software Applicativo viene definito non flessibile, data la sua non utilizzazione in ambiti diversi da quello del particolare problema a cui è stato indirizzato.

31 I Sistemi Operativi 31 di 49 - G. Aloe a. s IL SOFTWARE ORIZZONTALE Per rendere più semplice l'uso del calcolatore da parte di utenti non specialisti di informatica, si è diffuso un tipo di Software con caratteristiche di versatilità e con possibilità di impiego diverse da quelle dei linguaggi di programmazione classici (Pascal, Basic, Cobol ecc.). Questo Software classificato Orizzontale, salvo che per usi molto sofisticati, non richiede la conoscenza della programmazio­ne e può essere utilizzato in modo quasi immediato come l'elaborazione di testi (WORD), la gestione degli archivi (DATA BASE), il foglio elettronico (EXCEL), creazione di ipertesti (HTML), la costruzione di modelli, il calcolo finanziario, la grafica ecc. Tutti programmi flessibili. Sono Software di questo tipo anche: FOGLIO ELETTRONICO o SPREAD-SHEET (LOTUS ) e i cosiddetti INTEGRATI (SINPHONY, WINDOWS versione 3.1, EXCEL) che inglobano, al loro interno, applicazioni varie. Questi programmi sono detti Tools.

32 I Sistemi Operativi 32 di 49 - G. Aloe a. s IL SOFTWARE DI BASE Il software di base è considerato parte di quella informatica che viene definita informatica metodologica. Fa riferimento alle ricerche sui metodi di programmazione e di sfruttamento degli elaboratori e dei sistemi informatici. Un calcolatore è praticamente inutilizzabile se non è accompagnato da una serie di programmi che ne rendono possibile il funzionamento per gli utilizzatori, che non conoscono l'architettura e la realizzazione della macchina. Questi programmi costituiscono il software di base.

33 I Sistemi Operativi 33 di 49 - G. Aloe a. s Questo software raggruppa i sistemi operativi o program­monitor ovvero dei programmi di traduzione in linguaggio macchina delle istruzioni forniti in linguaggi simbolici a livello elevato, programmi chiamati assemblatori e compilatori, e infine una serie di programmi di interesse generale che forniscono un gran numero di funzioni universali. Un settore di pertinenza di questa branca riguarda le modalità di utilizzazione dell'elaboratore. Vi sono diverse modalità possibili.

34 I Sistemi Operativi 34 di 49 - G. Aloe a. s Questi modi diversi di operare implicano l'esistenza di un programma di gestione interno alla macchina, detto Sistema Operativo. La progettazione e la realizzazione dei Sistema Operativi costituisce un problema di grandissima complessità e dunque richiede metodi particolarmente evoluti. Fin dai tempi dei primi calcolatori, si è sentita l'esigenza di dotarli di programmi, prima semplici, poi sempre più complessi e sofisticati, accessibili a qualunque utente, che fossero in grado di facilitare l'interazione uomo-macchina, rendendo agevole l'utilizzo del computer anche ai meno specialisti, e nello stesso tempo favorissero lo sfruttamento efficiente delle potenzialità del sistema. Tale Software prende il nome di Software di Base che comprende quindi, tutti i programmi che gestiscono il sistema.

35 I Sistemi Operativi 35 di 49 - G. Aloe a. s Con lo sviluppo tecnologico dell' Hardware, anche il Software di Base ha subito un'evoluzione, assumendo proporzioni sempre più vaste e svolgendo mansioni di gestione ed elaborazione sempre più complesse e sofisticate, con la finalità di rendere più agevole e semplice l'utilizzo del computer da parte dell'utente, e di aumentare l'efficienza della gestione della macchina, intesa come sfruttamento delle sue potenzialità.

36 I Sistemi Operativi 36 di 49 - G. Aloe a. s Dallo sviluppo del Software di Base si è formato il concetto di Sistema Operativo come quell'insieme di programmi che costituisce il livello del Software di Base più vicino all'Hardware HARDWARESISTEMA OPERATIVO SOFTWARE DI BASE Questa figura rappresenta la schematizzazione dei livelli gerarchici tra il Software e Hardware Software Applicativo

37 I Sistemi Operativi 37 di 49 - G. Aloe a. s Nella realtà possiamo definire un elaboratore elettronico un macchina stupida (non in grado da sola a prendere decisioni), le cui potenzialità di elaborazione possono essere sfruttate soltanto se adeguatamente istruita (programmata) nel linguaggio di sua conoscenza. E' necessario quindi avere a disposizione un Software che agisca in modo da: permettere lo sfruttamento delle potenzialità del sistema di elaborazione senza conoscere le caratteristiche Hardware di tutti i suoi componenti; ottimizzare lo sfruttamento del sistema e facilitare il colloquio uomo - macchina.

38 I Sistemi Operativi 38 di 49 - G. Aloe a. s IL SISTEMA OPERATIVO. FUNZIONI E CARATTERISTICHE Il Sistema Operativo quindi è un insieme organizzato di programmi che governa l'uso delle risorse del sistema di elaborazione da parte degli utenti, dei loro lavori e dei loro programmi.

39 I Sistemi Operativi 39 di 49 - G. Aloe a. s Le principali funzioni del Sistema Operativo sono: gestione dell'Unità Centrale e del processo di elaborazione; inizializzazione e terminazione del lavoro della macchina; gestione della M.C. nel senso dell'accesso e distribuzione delle capacità di memoria in presenza di più utenti e più lavori; gestione dei lavori e dell'ordine con il quale vengono eseguiti; gestione dell'I/O, ovvero l'uso ottimizzato delle periferiche collegate con l'Unità Centrale; gestione dell'informazione e accesso riguardante i dati registrati sulle memorie di massa; gestione delle protezioni di dati o programmi da accessi non autorizzati; supporto all'utente-programmatore nella preparazione o messa a punto dei programmi.

40 I Sistemi Operativi 40 di 49 - G. Aloe a. s Potremo dire che il Sistema Operativo costituisce, in un certo senso, il SAPERE e l' INTELLIGENZA dell'elaboratore, senza le quali, qualunque Hardware, per quanto tecnologicamente evoluto e sofisticato, non sarebbe in grado di svolgere efficientemente nessuna elaborazione. Ovviamente il colloquio tra utente e Sistema Operativo, Sistema Operativo ed Hardware avviene secondo protocolli (regole) non definiti, che in genere variano al variare del tipo di elaborazione.

41 I Sistemi Operativi 41 di 49 - G. Aloe a. s In definitiva, le finalità generali di un S.O. possono essere così riassunte: ottimizzazione dello sfruttamento delle risorse; creazione di un ambiente più AMICHEVOLE e facile da usarsi da parte dell'utente; trasparenza dell'utente nella gestione delle risorse del sistema di elaborazione.

42 I Sistemi Operativi 42 di 49 - G. Aloe a. s Un sistema operativo, affinché possa avere effetto positivo sul libero mercato deve presentare alcune caratteristiche quali: CONCORRENZA: esistenza di più attività contemporanee o parallele sulla stessa macchina; CONDIVISIONE: utilizzazione contemporanea di una stessa risorsa da parte di due o più attività; AFFIDABILITA': un S.O. deve essere completamente immune da commettere errori ed essere quindi in grado di controllare tutte le situazioni e gestire tutti gli eventi; FACILITA' DI MANUTENZIONE: è necessario che il sistema presenti una struttura modulare e che sia dotato di un'ampia e chiara documentazione nel caso si dovesse intervenire per eventuali aggiornamenti; FACILITA' D'USO: rappresenta uno dei requisiti più importanti per la sua diffusione.

43 I Sistemi Operativi 43 di 49 - G. Aloe a. s Un Sistema Operativo facile da usarsi, richiede un linguaggio comprendente un numero limitato e basso di comandi ed una sintassi molto semplice e di tipo MNEMONICO. EFFICIENZA: come ottimizzazione dello sfruttamento delle potenzialità delle risorse di calcolo valutate in base alla conoscenza dei parametri: 1. THROUGHPUT: misura dell'ammontare di lavoro che viene svolto dal sistema in un tempo determinato (produttività); 2. TURNAROUND TIME: misura del tempo che intercorre tra l'esecuzione di un lavoro e l'uscita dei risultati finali (attività della CPU); 3. RESPONSE TIME (tempo di risposta): caratteristica basilare nei sistemi Time Sharing: misura del tempo che intercorre dal momento della richiesta ed effettiva risposta dal sistema ;

44 I Sistemi Operativi 44 di 49 - G. Aloe a. s AVAILABILITY (DISPONIBILITA'): misura della facilità di accesso alle risorse del sistema; SICUREZZA: requisito principale e importante specie in multiutenza cioè protezione di dati e programmi di ciascun utente; AFFIDABILITA': cioè regolarità di funzionamento; COSTO: mantenersi nei limiti cioè essere il più possibile contenuto; SEMPLICITA' D'USO: indica quanto l'interfaccia del Sistema Operativo verso l'utente sia semplice da utilizzarsi;

45 I Sistemi Operativi 45 di 49 - G. Aloe a. s Il Sistema Operativo ideale dovrebbe quindi essere in grado di massimizzare il THROUGHPUT (produttività), e minimizzare allo stesso tempo il TURNAROUND TIME (misura del tempo che intercorre tra l'esecuzione di un lavoro e l'uscita dei risultati finali) ossia il TEMPO di RISPOSTA, dovrebbe presentare una disponibilità in qualunque utente, in un tempo estremamente breve, ed inoltre dovrebbe avere caratteristiche di sicurezza e protezione del 100%, il tutto ad un costo molto basso.

46 I Sistemi Operativi 46 di 49 - G. Aloe a. s PROGRAMMI DI UTILITA' Oltre al Sistema Operativo che è la componente principale, il Software di Base è composto dai PROGRAMMI di UTILITA' che facilitano l'utente per lavori di uso comune in sistema di elaborazione. I principali Programmi di Utilità sono: EDITOR(editore di testi o linee): che consente di memorizzare nuovi testi e modificare di già esistenti (esempio PROGRAMMI SORGENTI, TESTI, LETTERE ecc); SORT (ordinamento): che consente di ottenere un archivio ordinato da uno non ordinato; MERGE (fusione): che permette di fondere più archivi in uno solo; COPY(riproduzione): che consente di generare nuove copie di archivi, programmi, documenti, ecc. su supporti di memoria anche diversi da quelli in cui risiede; FORMAT (tracciato): serve per preparare un supporto nuovo di memoria da essere in sintonia con la Memoria centrale, cioè rende compatibile il supporto esterno (disco) e Memoria Centrale per eventuali scambi di dati.

47 I Sistemi Operativi 47 di 49 - G. Aloe a. s TIPI DI ELABORAZIONE Il modo di operare di un sistema definisce i seguenti tipi di elaborazione: - A LOTTI (BATCH PROCESSING): più lavori vengono raccolti e presentati al sistema che li elabora in sequenza e ne fornisce i risultati relativi,(esempio: il calcolo degli stipendi mensili ecc.). - IN TEMPO REALE (REAL TIME PROCESSING): i dati su cui operano i programmi per ottenere risultati arrivano ininterrottamente e vengono elaborati istantaneamente influenzando eventualmente elaborazioni successive(esempio: le prenotazioni di posti su linee aeree).

48 I Sistemi Operativi 48 di 49 - G. Aloe a. s MULTIPROGRAMMAZIONE (MULTIPROCESSING): più lavori possono essere eseguiti contemporaneamente intentendo con ciò che la C.P.U. può eseguire, uno alla volta nel tempo, istruzioni di lavori diversi permettendone uno sviluppo contemporaneo senza dover ottenere il completamento di un lavoro prima di iniziarne un altro,da notare che tutti i lavori risiedano in M.C. - MULTIELABORAZIONE (MULTIPROCESSING): più lavori vengono elaborati simultaneamente mediante duplicazioni di Unità (CENTRALI). - DIVISIONE DI TEMPO (TIME SHARING):il tempo della C.P.U. (quanto) è ripartito fra più utenti; più lavori possono essere elaborati simultaneamente ed ognuno avrà la sensazione di essere l'unico utilizzatore del sistema. - MODO INTERATTIVO: viene stabilito tra utente e il sistema un colloquio tramite unità di accesso che generalmente consiste in un terminale video con tastiera. - SISTEMI DEDICATI PER PERSONAL COMPUTER: all'inizio degli anni '80(1980) appaiono i P.C. monoutenti lavorati su microprocessori con parole a 8 bit, poi a 16 bit ed ora anche a 32 bit. Il S.O. più usato per il P.C. è stato l'MS-DOS.


Scaricare ppt "I Sistemi Operativi INTRODUZIONE AL SISTEMA OPERATIVO. Caratteristiche Generali."

Presentazioni simili


Annunci Google