La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sviluppo acceleratori medicali allENEA LUIGI PICARDI – C. RONSIVALLE UTAPRAD ENEA Frascati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sviluppo acceleratori medicali allENEA LUIGI PICARDI – C. RONSIVALLE UTAPRAD ENEA Frascati."— Transcript della presentazione:

1 Sviluppo acceleratori medicali allENEA LUIGI PICARDI – C. RONSIVALLE UTAPRAD ENEA Frascati

2 Sommario Brevi cenni storici Dai piccoli acceleratori di elettroni per IORT agli acceleratori per protoni in ENEA Adroterapia e protonterapia I progetti SPARKLE, ISPAN e TOP IMPLART Conclusioni

3 Il laboratorio acceleratori dellENEA a Frascati che oggi è incluso nella Unità Tecnica Applicazione delle Radiazioni) (UTAPRAD) è una derivazione del gruppo macchina dellelettrosincrotrone di Frascati degli anni Origini

4 Dopo la chiusura del sincrotrone, nel 1974, le competenze di fisica degli acceleratori di particelle presenti nel CNEN (ora ENEA) furono messe a disposizione della innovazione in campo applicativo e, in particolare, medicale. Lavorando sinergicamente con altri laboratori interni come quelli in Casaccia di Radiobiologia e di Metrologia delle radiazioni e con realtà esterne come ISS, INFN, IRCSS come lIFO, ed Università, Acceleratori di Elettroni tali competenze furono trasferite alla Società HITESYS (ex Irvin Systems) di Aprilia. Ciò consentì la realizzazione del sistema per Radioterapia Intraoperatoria (IORT) NOVAC7 (prima macchina installata in un ospedale nel 1997)

5 La Radioterapia IntraOperatoria (IORT) La IORT è una modalità di trattamento radioterapico che consiste nella somministrazione di una dose elevata (circa 1/3 di quella di una RT tradizionale) di radiazione al residuo tumorale o al letto tumorale esposto chirurgicamente tramite un fascio collimato di elettroni. Peculiarità: possibilità dellimpiego diretto in sala operatoria

6 Brevetti IORT Negli anni 80 fu studiata in ENEA una struttura acceleratrice autofocheggiante basata sulla forma e lunghezza delle celle acceleranti, mediante la quale è stato possibile evitare il pesante solenoide di focheggiamento allora presente nei linac per RT: Questa invenzione fu inclusa nel brevetto principale della realizzazione della IORT (LT94A del 19/9/1994), lasciato totalmente alla Hitesys come asset della ditta. Il sistema IORT fu corredato di altri due brevetti ENEA, negli anni successivi Cavità a Ridotta Corrente Oscura ed Alta Efficienza per Testa Radiante, e Testa Radiante a Corrente Variabile per Apparecchiatura di Radioterapia Intraoperatoria (RM2002A /5/2002) Dispositivo per il controllo dosimetrico di un fascio di particelle ionizzanti utilizzabile in particolare per Terapie oncologiche (BO2003A /03/2003)

7 MACCHINE IORT lENEA, tramite il PROGETTO IORT, finanziato nel 2000 dal MIUR-UE, ha realizzato il sistema IORT-1, prototipo della macchina LIAC attualmente prodotta dalla ditta SORDINA Piu di 40 macchine, tra NOVAC7 e LIAC, sono operative in strutture ospedaliere. Tali sistemi si stanno diffondendo anche sul mercato estero sia europeo che transoceanico. LENEA promuove ulteriori sviluppi. NOVAC7 LIAC (NRT) (Sordina) Accanto alla produzione industriale del Novac 7 da parte della Hitesys, cui attualmente è subentrata la ditta NRT,

8 Stato attuale Macchine IORT Attualmente circa 22 Macchine installate e funzionanti in Italia Grecia Germania USA Attualmente circa 23 Macchine installate e funzionanti in Italia Spagna Germania Svizzera Sudamerica Unico altro competitor in campo interazione: Mobetron della società INTRAOP Mercato in espansione – ottimi risultati riferiti annualmente alla Conf Internaz ISIORT Target principali: TUMORI DELLA MAMMELLA, TUMORI DEL RETTO LOCALMENTE AVANZATI, TUMORI DELLO STOMACO ed altri

9 La società ADAM che, collabora anche con la NRT, ha commissionato ad ENEA uno studio per lo sviluppo di sistemi compatti in banda C (5712 MHz) finalizzati a diverse applicazioni tra cui la IORT. La banda C riduce pesi e dimensioni da metà a 1/3. Ulteriori sviluppi in campo IORT:Linac Banda C Cavità in Banda S Cavità in Banda C C-band IORT Linac at CERN – ADAM Courtesy C-band X-Eye Linac at CERN – ADAM Courtesy

10 Adroterapia e Protonterapia Adroterapia = radioterapia con protoni e ioni Protonterapia = radioterapia con protoni Vantaggio rispetto alle altre tecniche: Selettività spaziale che implica una terapia conformazionale Maggior Risparmio degli organi sani Picco di Bragg Assenza di irradiazione oltre una certa profondità

11 DIFFERENZA TRA IMRT E IMPT 7 campi con IMRT2 campi con IMPT Confronto tra IMRT e IMPT Mutuando le tecniche radioterapiche più avanzate (IMRT) con fasci di fotoni, si possono ottenere con i protoni concentrazioni di dose ancora più conformi (IMPT). Protonterapia a modulazione di intensità: IMPT

12 Diffusione della PT nel mondo: Centri operativi al 2010

13 Diffusione della PT nel mondo: Centri operativi tra 2 anni

14 Diffusione della PT in Italia … si può stimare come necessario un numero di 4 o 5 centri di protonterapia distribuiti per bacini di utenza di circa dieci milioni di abitanti nelle diverse aree geografiche del nord, centro e sud dell Italia (AIRO – 2004) Rapporto dellAIRO del 2004: i tumori trattabili con PT sono 16000/anno Categoria A (tumori per cui la PT è elettiva): melanoma uveale e i tumori della base cranica e della colonna vertebrale (cordomi, sarcomi e meningiomi) Categoria B (tumori per cui la PT è vantaggiosa): prostata, polmone, fegato, esofago e distretto cervico-cefalico

15 Ostacoli alla diffusione della PT Gigantismo Costi di impianto Costi di gestione Ritorno economico tardivo Radioterapia Convenzionale Adroterapia - CNAO Area di sviluppo di un impianto moderno di protonterapia Riduzione di Costi di impianto Costi di gestione Ritorno economico rapido

16 Attività ENEA su acceleratori lineari per protonterapia 1993: LENEA partecipa alla Collaborazione Adroterapia (Amaldi 1991) occupandosi dello sviluppo di acceleratori compatti e della dosimetria individuando nello sviluppo degli acceleratori lineari una possibile alternativa alle macchine circolari Lavorando in Collaborazione con CERN e INFN Brevettando (RM95A – 9/8/1995) un acceleratore lineare compatto da 200 MeV comprendente una sezione di tipo SCDTL a 3GHz per protoni RF input Cavità accoppian te Tank accelerante PMQ Struttura SCDTL

17 Consiste di corte DTL tanks accoppiate da cavità esterne poste fuori asse. I DTLs sono composti da 4 -7 celle lunfghe. Nello spazio tra le tanks in corrispondenza delle cavità esterne di accoppiamento vengono alloggiati piccoli (3 cm long, 2 cm o.d., 6-7 mm i.d.) PMQ (Permanent Magnet Quadrupole) per il focheggiamento trasverso PMQ Attività ENEA su acceleratori lineari per protonterapia SCDTL

18 18 La principale differenza con proposte simili (Hamm et al., in 1991) consisteva nel segmento 7 – 70 MeV per il quale era prevista al posto di un 425 MHz DTL la nuova struttura compatta operante a GHz chiamata SCDTL. RF input Coupling Cavity Accelerating Tank PMQ Attività ENEA su acceleratori lineari per protonterapia

19 La struttura SCDTL,operando ad alta frequenza, consente di compattare le dimensioni dei DTL. Cio è reso possibile dalle basse correnti richieste dalla protonterapia (no problemi di carica spaziale),il che consente luso dellalta frequenza.

20 Il Progetto TOP La proposta di un acceleratore lineare innovativo da 200 MeV viene accettata dal Progetto TOP (Terapia Oncologica con Protoni) dell Istituto Superiore di Sanità 2 Convenzioni ENEA-ISS(2.6 M) Realizzazioni: iniettore da 7 MeV prototipi moduli SCDTL

21 Il progetto TOP IMPLART (dal 2005) Modularità: Composto da sottosistemi in sequenza finalizzati ad output sanitari. Costruzione secondo flusso dei finanziamenti e rapido raggiungimento del rimborso dal SSN o da Piani Sanitari Assicurativi. Caratteristiche tecniche: Frequenza RF di 3 GHz -> compattezza, tecnologia nota Acceleratore pulsato, naturalmente adatto alla IMPT (Intensity Modulated ProtonTherapy)-> XYZ-SCAN Fascio di alte qualità ottiche -> Magneti più compatti Iniziativa italiana: Dotato di progetto e di brevetti. La realizzazione del prototipo da parte ENEA, in collaborazione con le imprese interessate (tra cui quelle che realizzano le macchine IORT), può consentire nel futuro la realizzazione di un marchio italiano, oggi assente a livello di mercato internazionale, nel settore degli acceleratori medicali IMPLART= Intensity Modulated Proton Linear Accelerator for RadioTherapy

22 Interesse industriale: Il progetto SPARKLE Progetto soc. SPARKLE s.r.l – Casarano (Le) – Ciclotrone commerciale IBA Cyclone18/9 per produzione di radioisotopi tradizionali e sperimentali Progettazione e realizzazione di un booster lineare (1 sezione SCDTL) per un ciclotrone commerciale da 18 MeV fino a 24 MeV per facility sperimentale trattamento animali

23 Interesse industriale: Il progetto ISPAN Progetto ISPAN di NRT(Aprilia) a Frascati (2009) La ricerca proposta dalla soc. NRT (Aprilia) in ATI con CECOM (Guidonia) è mirata alla realizzazione di una facility di Irraggiamento Sperimentale con Protoni per modelli cellulari ed ANimali (ISPAN) presso il CR di Frascati (edificio Sincrotrone) e cioè di una facility di radiobiologia basata su acceleratore lineare di protoni. Il programma ISPAN (da circa 1.5 Meuro) approvato dalla FILAS per il triennio prevede la partecipazione anche di ENEA e ISS. Le aziende NRT e CECOM intravedono lopportunità della realizzazione delle strutture acceleranti per protonterapia nellipotesi di una realizzazione completa del progetto TOP IMPLART.

24 Nel 2008 attivazione Progetto TOP- IMPLART (Intensity Modulated Proton Linear Accelerator for RadioTherapy) con ISS e IFO IL PROGETTO TOP- IMPLART

25 FASE 1 FASE 2 Obiettivo finale: realizzazione di un centro per protonterapia basato su un acceleratore lineare da 230 MeV Istituti coinvolti: ENEA ISS,IFO Industrie coinvolte: NRT,CECOM,ADAM,TSC Finanziamenti: finanziata fase 1 fino a 150 MeV (11 M tramite convenzione ENEA- Regione Lazio) Stima costo totale:45 M IL PROGETTO TOP- IMPLART FASE 1 FASE 2

26 ParametriValore Energie del fascio, Fase 1 Energie del fascio, Fase 2 65 / MeV 65 / 92–230 MeV Durata dellimpulso1-3.5 us Frequenza di ripetizione30 – 200 Hz Corrente nellimpulso uA Corrente media nA Dimensione minima / tipica del fascio 3Hx2V/7Hx7V mm Emittanza normalizzata RMS 0.2 mm-mrad Composizione di 392 impulsi ciascuno da spot 7x7 per 8 slices PARAMETRI DI MACCHINA E UTILIZZO

27 Parametri di progetto relativi alla fase 1 ValoreUnità di misura Profondità max in tessuto15g/cm 2 Energia dei protoni (max)150MeV Variabilità a step MeV Variabilità dinamica MeV Dose1-10Gy/min La fase 1 prevede la realizzazione di un impianto da 150 MeV, completo delle facilities di rilascio di dose per il trattamento dei tumori superficiali e semi-profondi. FASE 1

28 28 Esempio di analisi di dinamica del fascio Analysis of beam transmission and losses Analysis of beam Emittance Continuous Beam Energy variation

29 29 IMPLART-150 : Status

30 Evoluzione temporale

31

32

33

34 34 Modulo SCDTL1: MeV presso CECOM

35 IMPLART-150

36 IMPLART-150+ Beam Delivery

37 IMPLART-230

38 IMPLART Beam delivery

39 TOP IMPLART Layout

40 Layout finale presso IFO

41 TOP IMPLART versione finale Il progetto prevede a regime 3 sale di trattamento una per i tumori semi-profondi e due per i tumori profondi. I trattamenti verranno effettuati senza luso del Gantry, ma con il paziente sistemato su di un dispositivo sedia/lettino in corso di sviluppo in collaborazione con unindustria pugliese (ITEL).

42 ASPETTI Finanziari Finanziamento determinato da Convenzione Operativa ENEA-Regione Lazio (con avallo ISS e IFO) del 6/10/2010 registrata in Regione il 29/11/2010 Attesa invano nel 2011 erogazione della prima rata (2.5 ML) Richiesta di accordo su PI nel 2012 per cessione PI al 51% alla Regione Lazio Accordo firmato a Luglio 2012 tra ENEA, ISS, IFO e Regione Lazio La prima rata (2.5 ML) dovrebbe essere stata erogata il 26/11/2012

43 ASPETTI innovativi e di interesse industriale Le caratteristiche peculiari di questa macchina: Modularità Tecnologia a 3 GHz a partire da 7 MeV IMPT e scanning attivo 3D Semplificazione del sistema di indirizzamento del fascio al paziente ma soprattutto la possibile diminuzione dei costi di impianto (fino a 5-10 Meuro/sala di trattamento) tuttoggi stimolano interesse imprenditoriale fa parte di finanziatori (soprattutto stranieri). Si ritiene che nel futuro tutta la RT possa essere effettuata con protoni.

44 Single Output facility 44 In una situazione di Green field le basse perdite di fascio (35% di trasmissione) e la lbassa energia delle particelle che si perdono consentono di pensare ad un acceleratore schermato localmente con una singola uscita. Lo schermaggio pesante è richiesto solo nella sala di trattamento

45 Conclusioni LENEA ha indirizzato le sue competenze nel campo degli acceleratori verso il settore delle macchine medicali Tramite il trasferimento del Know-how allindustria LENEA ha promosso la diffusione della tecnica IORT e la espansione di due industrie italiane leader internazionali nel campo Una strada analoga si sta percorrendo nel più complesso campo della protonterapia verificando che cè una risposta adeguata da parte del mondo industriale il quale intravede buone prospettive di mercato.


Scaricare ppt "Sviluppo acceleratori medicali allENEA LUIGI PICARDI – C. RONSIVALLE UTAPRAD ENEA Frascati."

Presentazioni simili


Annunci Google