La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 03-05/05/2005 Sicurezza e opere provvisionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 03-05/05/2005 Sicurezza e opere provvisionali."— Transcript della presentazione:

1 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/ /05/2005 Sicurezza e opere provvisionali per: 1.Scavi e opere accessorie 2.Demolizioni 3.Opere di ristrutturazione, ripristino e manutenzione Relatore: ing. Elio Longhi 1

2 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 Normativa di riferimento: D.P.R. 547/55 - norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro D.P.R. 164/56 - norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni: D.P.R. 320/56 - norme per la prevenzione degli infortuni e ligiene del lavoro in sotterraneo D.Lgs. 277/91 - attuazione direttive CEE in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, a norma della Legge 30/07/90 n. 212 D.Lgs. 475/92 e 10/97- attuazione di direttive CEE relative ai dispositivi di protezione individuale 2

3 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 D.Lgs. 626/94 - attuazione di direttive CEE relative al miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul posto di lavoro D.Lgs. 242/96 - modifiche e integrazione al D.Lgs. 626/94 Legge 447/95 - legge quadro sullinquinamento acustico D.Lgs. 242/96 - modifiche e integrazione al D.Lgs. 626/94 D.Lgs. 494/96 – attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza da attuare nei cantieri temporanei o mobili D.Lgs. 528/99 - modifiche e integrazione al D.Lgs. 494/96 D.P.R. 222/03 - regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Testo unico sulla sicurezza (ultima approvazione Consiglio dei Ministri del 18/11/2004) - NON ANCORA VIGENTE 3

4 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 4 a) Scavi di sbancamento e splateamento b) Scavi per cunicoli e pozzi e relative armature c) Opere accessorie per fondazioni, quali pali, paratie, sottomurazioni ecc. PARTE PRIMA SCAVI E OPERE ACCESSORIE N.B. Occorre richiamare limportanza del rumore nelle opere di escavazione e movimentazione terra (vedi normativa specifica): per 8090: presidi individuali e visita medica annuale

5 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 SCAVI DI SBANCAMENTO E SPLATEAMENTO (con rif. Art. 4 capo II Disposizioni generali e Art. 12 capo III Scavi e fondazioniD.P.R. 164/56) Occorre prestare massima attenzione alla tipologia del terreno oggetto di intervento: a) Proprietà meccaniche (consistenza, attrito interno, coesione, ecc.) b) Presenza di manufatti interrati (fondazioni, cavidotti, fognature, ordigni bellici, ecc.) e/o di edifici adiacenti c) Condizioni meteoriche (gelo, periodo piovoso, ecc.) e igrometriche (presenza di rogge e corsi dacqua in genere, acqua di falda affiorante, ecc.) 5

6 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 Rapporto tra angoli e pendenze in relazione alle caratteristiche meccaniche del terreno 6

7 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 Scavi di sbancamento: avvertenze e richiami legislativi Pendenza dello scavo in relazione alla tipologia del terreno: si possono prevedere interventi successivi gradonati, sia per scavo, sia per trasporto del materiale di risulta Per altezza di scavo >1.5 m, è vietato lo scavo manuale alla base E vietata la presenza di operai nel campo di azione dei mezzi meccanici Prevedere rampe di accesso ai mezzi con un franco min. di cm 70 per lato; in caso di un solo lato protetto, prevedere, nei tratti > 20 m, opportune nicchie o piazzole di rifugio 7

8 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 E fatto divieto agli operai di lavorare in corrispondenza dellattacco della parete di scavo, se non consolidato. La zona superiore di pericolo, per una distanza dallo scavo corrispondente alle caratteristiche del terreno stesso, deve essere segnalata con elementi spostabili durante il lavoro e con nastri o parapetti fissi a scavi ultimati Percorsi, scale e gradini ricavati nel terreno devono essere protetti da parapetto per dislivelli > 2 m A macchine inattive, benne e lame devono essere abbassate a terra 8

9 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 In presenza di acqua, di fenomeni di disgelo, di rischi di franamento o di scavi in adiacenza a edifici o strade, è necessario prevedere unarmatura provvisoria di sostegno (nei casi di maggior gravità e rischio) o eseguire opere di consolidamento o protezione (teli plastici o spruzzatura di cemento) 9

10 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 POZZI, SCAVI E CUNICOLI (con rif. art. 13 capo III Scavi e fondazioniD.P.R. 164/56) Tutti gli scavi superiori a m devono essere protetti opportunamente, in relazione alla tipologia del terreno, tramite armature di sostegno di tipo ligneo o metallico; queste devono sporgere di almeno 30 cm dal bordo dello scavo. Nei cunicoli devono essere evitati, in particolare, i franamenti delle pareti e della volta, anche con limpiego di armature progressive, come nello scavo a marciavanti 10

11 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 Lo scavo a marciavanti avviene inserendo tavole corte e massicce, dai bordi smussati, in scavi brevi e progressivi, con tubolari di rinforzo e sostegno: nei cunicoli si realizza una trave reticolare di sostegno, magari vincolata a una trave posta sulla sommità; negli scavi più aperti si ricorre a sbadacchi metallici o lignei (puntelli, anche regolabili) Per scavi sopra i 3 m è previsto un impalcato protettivo per gli operai addetti allo scavo, per il passaggio della benna di asportazione del materiale di risulta 11

12 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 In alternativa ad armature in pannelli lignei da eseguire in opera, si possono utilizzare armature prefabbricate in acciaio o legno, a larghezza regolabile. Per laccesso ai cunicoli occorre osservare tali avvertenze (rilevabili da altri capi della norma): scale a pioli per h>1.5-2 m sporgenti 1 m dallo scavo scale di larghezza minima pari a 60 cm per soli addetti e 120 cm per trasporto manuale di materiali parapetti per dislivelli > 2 m gradini in materiale non friabile o con paletti e tavole robusti percorso max di fuga pari a 15 m = distanza tra le scale pari a 30 m 12

13 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 Nelle opere di sottomurazione occorre: verificare lo stato delle costruzioni e delle strutture adiacenti e sovrastanti puntellare eventualmente le murature preesistenti rinforzare le aperture e i vuoti delle stesse porre eventualmente strumenti e spie di verifica delle fessurazioni procedere nellintervento con scavi a campione e alternati, con armature e getti assai celeri rimuovere le strutture provvisionali solo a opere consolidate. Nellinfissione di pali devono essere evitate tutte quelle vibrazioni che possono pregiudicare la stabilità o la sicurezza delle strutture adiacenti o vicine. Resta inteso che valgono tutte le protezioni e le avvertenze relative al personale addetto alla macchina e alle operazioni sui pali 13 Particolare attenzione va posta negli scavi in sotterraneo allinterno degli edifici esistenti, tramite terne di piccole dimensioni: prevedere scavi a sezione ristretta e a campione, senza interferire con le basi di appoggio delle fondazioni esistenti, se non con limpiego di sottomurazioni.

14 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 DEPOSITO DI MATERIALE IN PROSSIMITA DI SCAVI (con rif. Art. 14 capo III D.P.R. 164/56) E proibito accumulare materiali in prossimità dello scavo. Quando ciò diventa indispensabile, occorre provvedere a idonee puntellazioni PRESENZA DI GAS NEGLI SCAVI (con rif. Art. 15 capo III D.P.R. 164/56) In presenza di gas tossici o asfissianti o in condizioni di irrespirabilità, gli addetti allo scavo devono essere muniti di bretelle e funi di sicurezza collegate con personale esterno allo scavo. Devono inoltre essre dotati di apparecchi respiratori o, in alternativa, di maschere antigas (solo con completa garanzia). Particolare attenzione deve essere posta a lavorazioni con fiamme in presenza di gas pericolosi. Ove possibile, deve essre sempre eseguita una bonifica della zona di scavo, tramite idonea ventilazione. 14

15 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 PARTE SECONDA DEMOLIZIONI: 15 a)Demolizione parziale, per parti o blocchi di edificio b) Demolizione totale dellintero corpo di fabbrica c) Demolizioni limitate e contenute per sistemazioni, ristrutturazioni e recuperi N.B. Occorre richiamare limportanza del rumore nelle opere di demolizione (vedi normativa specifica): per 8090: presidi individuali e visita medica annuale

16 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 16 La demolizione può avvenire: oCon sistema meccanizzato (pale, mezzi demolitori, ecc.) oCon esplosivo oManualmente, con impiego di martelli demolitori e attrezzi da lavoro, con le relative opere provvisonali (da eseguire in tempi successivi e in modo coordinato)

17 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 RAFFORZAMENTO DELLA STRUTTURA (con rif. art. 71 capo IX Demolizioni D.P.R. 164/56) Prima di procedere alla demolizione, soprattutto se manuale e a blocchi, è indispensabile eseguire una verifica delle condizioni di stabilità e sicurezza della struttura; inoltre va verificata la presenza di canne, vuoti, solai con innesti deteriorati nei muri, murature a sacco ecc. Talora le demolizioni di parti di edificio comportano gravi problemi per altre strutture portanti, con notevole aumento dei rischi di cedimenti improvvisi e di gravi lesioni. Particolare attenzione va posta per la presenza di serbatoi interrati, magari ancora parzialmente riempiti, e per gli impianti elettrici e meccanici in condizioni di pericolo. 17

18 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 Vanno perciò eseguite tutte quelle opere ritenute indispensabili per assicurare provvisoriamente la struttura: rinforzi di travi e solette e puntellamenti di finestre, di archi e volte lesionati, di cornicioni e gronde pericolanti ecc. Vanno evitate vibrazioni anomale dovute a martelli demolitori, che possano interessare strutture pericolanti o stabili adiacenti 18

19 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI (con rif. art. 72 capo IX Demolizioni D.P.R. 164/56) Tutte le demolizioni devono procedere dallalto verso il basso, eseguite in modo tale da non pregiudicare la stabilità della struttura portante e degli elementi di collegamento, senza interferire con i corpi di fabbrica adiacenti. In caso di rischio occorre puntellare (vedi sopra) La successione dei lavori è definita in un programma, firmato dallimprenditore e dal D.L.: resta a disposizione delle autorità di controllo (inserimento nella relazione 494 e nel POS dimpresa). 19

20 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 MISURE DI SICUREZZA (con rif. art. 73 capo IX Demolizioni D.P.R. 164/56) Tutte le demolizioni devono essere esguite con ponti indipendenti dalla struttura da abbattere. E vietato far lavorare gli operai su muri in demolizione, purchè h < 2 m; per 2 m

21 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 CONVOGLIAMENTO DEL MATERIALE DI DEMOLIZIONE (con rif. art. 74 capo IX Demolizioni D.P.R. 164/56) Il materiale di risulta deve essre convogliato presso larea di accumulo e trasporto tramite opportuni canali, la cui bocca inferiore < 2 m da terra. I canali devono infilarsi luno nellaltro e devono essere rinforzati sugli innesti. Attenzione per la caduta di persone! 21 Per elementi massicci e ingombranti, occore provvedere allabbassamento con mezzi idonei. Occorre impedire il sollevamento di polvere, bagnando le murature e il materiale di risulta (eventuale utilizzo di mascherine protettive).

22 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 SBARRAMENTO DELLA ZONA DI DEMOLIZIONE (con rif. art. 75 capo IX Demolizioni D.P.R. 164/56) La zona interessata da demolizioni devono essere delimitate con sbarramenti, evitando sosta e transito. Laccesso al materiale a terra per il carico e il trasporto deve essere consentito solo a scarico dallalto ultimato. 22 Esecuzione a trazione o a spinta Solo per muri isolati con h < 5 m Esecuzione graduale, senza strappi e senza pericoli di stabilità Attenzione alla presenza di personale Scalzamento previa puntellazione, da rimuovere con cura e a distanza Uso di martinetti per h < 3 m Evitare cadute brusche, con scuotimento del terreno e vibrazioni delledificio DEMOLIZIONE PER ROVESCIAMENTO (con rif. art. 76 capo IX Demolizioni D.P.R. 164/56)

23 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 TETTI Demolizione preliminare di comignoli e camini Puntellare cornicione, prima di procedere alla rimozione della struttura del tetto Togliere le tegole a sezioni in modo equilibrato Procedere dal di sotto o disporre tavole di ripartizione Predisporre sottopalco per h> 2 m In mancanza di piano portante, prevedere cintura di sicurezza con aggancio sicuro 23 Avvertenze e modalità di buon intervento SOLAI Mai accumulare materiale di demolizione Attenzione ai travetti lignei nascosti nelle murature Rimuovere le putrelle in acciaio senza forzare sui muri, tagliarle e calarle legate Rimuovere il materiale di riempimento tra putrelle con limpiego di tavole Cautela nella demolizione di muri sovrastanti (alterazione dei vincoli perimetrali) Demolire prima i solai sovrastanti Non demolire solai senza verifica dei muri di contrasto e della messa in sicurezza dei muri portanti

24 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 VOLTE E ARCHI Da verificare in funzione della tipologia Nelle volte multiple procedere a puntellazione Nelle volte a folio procedere dal centro verso lesterno Sbadacchiare le spalle Utilizzare un impalcato sottostante di lavoro Puntellare sempre gli archi da demolire 24 SCALE E BALCONI Mai salire su gradini o monconi di pietra da demolire Attenzione alle mensole sporgenti o scaricate dal peso delle murature sovrastanti MURI E STRUTTURE VERTICALI Mai lasciare troppa distanza tra i setti da demolire Altezza massima libera del muro pari a circa 20 volte lo spessore Demolizione per grandi massi (con mezzi meccanici, masse oscillanti, esplosivi, ecc.) Demolizione in piccoli blocchi (manuale, con martello demolitore o piccone) Per opere in c.a.: utilizzo di sega diamantata o disco abrasivo Per opere in acciaio: utilizzo di cannello

25 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 PARTE TERZA OPERE DI RISTRUTTURAZIONE, RIPRISTINO E MANUTENZIONE: 25 a)Sistemazione facciate e opere accessorie b) Interventi sulle coperture c) Ripristini interni murari e impiantistici N.B. Per tutte le opere non considerate precedentemente si rimanda ai capi IV, V e VI (ponteggi in legno, metallici fissi e mobili), VII (trasporto del materiale) e VIII (costruzioni edilizie) del D.P.R. 164/56 N.B. Occorre richiamare limportanza del rumore nelle opere di demolizione (vedi normativa specifica): per 8090: presidi individuali e visita medica annuale

26 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 26 Problemi specifici connessi con le opere di manutenzione, ristrutturazione e ripristino: Possibile cattivo stato di conservazione dellimmobile Presenza di impianti e macchinari spesso funzionanti Presenza di persone estranee al cantiere (abitanti, pedoni di passaggio, lavoratori di aziende, ecc.) Urgenza nello svolgimento delle opere per tempi ristretti e ben determinati Opere di consolidamento statico Opere di restauro Opere di ripristino funzionale e/o architettonico Opere di manutenzione straordinaria Opere di manutenzione ordinaria Prevedere accurato controllo dellesistente. Si possono distinguere varie modalità di intervento:

27 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 27 a)Sistemazione facciate e opere accessorie Particolare attenzione va posta a: Delimitazione dellarea di intervento Sabbiature di facciata, con danni per polveri e rischi per le macchine ad aria compressa Approvvigionamenti di materiale con elevazione al piano Pulizia ai piani e a terra Interferenze con condomini e inquilini Si possono utilizzare: Ponteggi idonei (con mantovane parasassi) e a norma Elevatori esterni di servizio Ponti mobili e trabattelli Piattaforme mobili di tipo idraulico

28 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 28 b) Interventi sulle coperture Criteri fondamentali di sicurezza: Accesso dallesterno, per altezze limitate o con impiego di piattaforme meccaniche Accesso dallinterno per altezze elevate Protezione esterna con ponteggio a tutta altezza o con ponti a sbalzo fissati sul cornicione di gronda In assenza di protezioni, obbligatorio luso di imbragatura, con funi di sicurezza da fissare con un tenditore omologato a un supporto sicuro (linea di vita o ancoraggi murati e verificati: non impiegare comignoli o camini !) Su strutture poco sicure predisporre tavole lignee di ripartizione e una rete sottostante di sicurezza

29 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 29 In corrispondenza di lucernari o vetrate, controllarne sempre la solidità e porre tavole ripartitrici del carico Su vuoti e su aperture nelle solette superiori a 50 x 50 cm, prevedere parapetto con h> 100 cm: la sua rimozione è consentita solo per interventi momentanei ed è da ripristinare a lavoro ultimato Attenzione a gas e sfiati nocivi o tossici provenienti da camini Nella rimozione di coperture in cemento- amianto, attenersi strettamente alla normativa vigente, sia in fase di asportazione, che di imballaggio, che di smaltimento (vedi) Labbassamento delle macerie al piano di carico può avvenire con cestelli o con tramogge, in sicurezza per lavoratori e persone esterne al cantiere

30 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 30 Per le opere murarie interne valgono tutte le avvertenze e i criteri relativi alla costruzione nuova; la limitatezza degli interventi o la necessità di ultimare i lavori in tempi rapidi non deve far venire meno i criteri fondamentali di sicurezza. c) Ripristini interni murari e impiantistici In particolare: Per le demolizioni e labbassamento delle macerie al piano di carico: vale quanto detto nella parte seconda Per gli scavi interni e le sottomurazioni: vedi la parte prima Per gli interventi di costruzione di nuovi muri o di intonaci, pavimenti ecc: vedi la normativa generale Per gli ascensori, verificare sempre larresto della cabina e limpedimento di utilizzo durante lo svolgersi dei lavori Per gli altri impianti, controllare sempre che le macchine siano in arresto e non sotto tensione Per la protezione sui vuoti si rimanda al paragrafo precedente

31 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 31 Per le opere interne di sicurezza, si richiama di porre attenzione allimpiego corretto di trabattelli e allutilizzo dei cavalletti secondo le seguenti norme (art.51): Utilizzati per lavori interni con h max = 2 m Non montati su altri ponteggi o sovrapposti tra loro Appoggiati in piano su pavimento regolare Cavalletti irrigiditi con tiranti e diagonali Luce max = 3.6 m (su 2 cavalletti con assi da 30 x 5, su 3 cavalletti con assi di minor sezione), con sbalzi < 20 cm

32 Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 32 Per ponteggi e impalcature in legname: rif. Artt D.P.R. 164/56 Per ponteggi metallici fissi: rif. Artt D.P.R. 164/56 Per ponteggi mobili: rif. Artt D.P.R. 164/56 Per il trasporto dei materiali: rif. Artt D.P.R. 164/56. In particolare per gli argani: Per argani di h > 5 m obbligatorio dispositivo di impedimento della libera discesa del carico Sollevamento di materiale ingombrante solo con cassoni metallici o benne: proibite piattaforme e imbragature Montanti di supporto controventati e fissati alla struttura o ponteggio Operai addetti allargano o al ricevimento del carico al piano: protetti da parapetto o con cintura di sicurezza


Scaricare ppt "Collegio dei Geometri di Bergamo - V corso di formazione per coordinatori della sicurezza D.Lgs. 494/96 e 528/99 03-05/05/2005 Sicurezza e opere provvisionali."

Presentazioni simili


Annunci Google