La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA. FISIOPATOLOGIA E UN IMPROVVISA E QUASI COMPLETA PERDITA DELLA FUNZIONALITA RENALE CHE HA LUOGO NEL CORSO DI POCHE ORE O GIORNI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INSUFFICIENZA RENALE ACUTA. FISIOPATOLOGIA E UN IMPROVVISA E QUASI COMPLETA PERDITA DELLA FUNZIONALITA RENALE CHE HA LUOGO NEL CORSO DI POCHE ORE O GIORNI."— Transcript della presentazione:

1 INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

2 FISIOPATOLOGIA E UN IMPROVVISA E QUASI COMPLETA PERDITA DELLA FUNZIONALITA RENALE CHE HA LUOGO NEL CORSO DI POCHE ORE O GIORNI E SI MANIFESTA CON LOLIGURIA (DIURESI < 400ml nelle 24h) ED IPERAZOTEMIA RAPIDAMENTE INGRAVESCENTE.

3 CLASSIFICAZIONE PRERENALE e/o FUNZIONALE:PRERENALE e/o FUNZIONALE: DOVUTA DA OSTACOLI AL FLUSSO EMATICO RENALE (IPOPERFUSIONE RENALE) E DA < DEL TASSO DI FILTRAZIONE GLOMERULARE. CAUSE: 1.IPOPERFUSIONE RENALE SECONDARIA A < DELLA P.A. (IMA) 2.IPOPERFUSIONE RENALE SECONDARIA A < DELLA VOLEMIA (EMORRAGIE) 3.IPOPERFUSIONE RENALE SECONDARIA A RIDISTRIBUZIONE DEL VOLUME PLASMATICO (VASODILATAZIONE PERIFERICA)

4 CLASSIFICAZIONE INTRARENALE:INTRARENALE: DOVUTA DA UN DANNO PARENCHIMALE A LIVELLO DEI GLOMERULI O DEI TUBULI RENALI. CAUSE: 1. MIOGLOBINURIA (ustioni) 2. SOSTANZE NEFROTOSSICHE (fans e ace- inibitori) 3. PROCESSI INFETTIVI (glomerulonefrite acuta)

5 CLASSIFICAZIONE POSTRENALE e/o OSTRUTTIVA:POSTRENALE e/o OSTRUTTIVA:. DOVUTA DAL RISULTATO DI UNOSTRUZIONE DEL TRATTO URINARIO INFERIORE, che provoca > della pressione allinterno dei tubuli renali, con conseguente < del tasso di filtrazione glomerulare. CAUSE:CAUSE: 1. OSTRUZIONE DELLE VIE URINARIE (calcolosi-neoplasie-etc.)

6 FASI DELLIRA OLIGURICA (da 1 a 2 settimane): 1.DIURESI <400 CC/DIE 2.URINE DI COLORE BRUNASTRO/ROSSO SCURO 3.PESO SPECIFICO < CONCENTRAZIONE URINARIA DI SODIO > 30mEq/l 5.NEL SANGUE SONO > AZOTEMIA- CREATININA-ACIDO URICO

7 FASI DELLIRA DIURETICA PRECOCE (da 4 a 6 gg): FASE DI RIPRESA DELLA FILTRAZIONE GLOMERULARE; LA PRUDUZIONE URINARIA > GRADUALMENTE; I VALORI CHIMICO-CLINICI SI NORMALIZZANO.

8 FASI DELLIRA FASE DIURETICA TARDIVA (da 1 a 2 sett): > VOLUME URINARIO RAGGIUNGE I 4-6 l/die; < I VALORI DI CREATININEMIA- AZOTEMIA- URICEMIA. FASE DELLA CONVALESCENZA (da 1 mese ad 1 anno): GLI INDICI EMODINAMICI RENALI SI NORMALIZZANO COMPLETAMENTE NELLA PRESSOCHE TOTALITA DEI CASI.

9 MANIFESTAZIONI CLINICHE SONNOLENZA EMICRANIA ANEMIA ASTENIA DISPNEA - RESPIRO DI KUSSMAUL IPERTENSIONE ARTERIOSA NAUSEA – VOMITO EMORRAGIE GASTRO-INTESTINALI

10 MANIFESTAZIONI CLINICHE COLITE-DIARREA OLIGURIA-EMATURIA-PROTEINURIA- INFEZIONI URINARIE CRAMPI MUSCOLARI (DOVUTI DA SQUILIBRI IDRO-ELETTROLITICI CAUSATI DA ALTERATA CONCENTRAZIONE DI SODIO E POTASSIO NEL SANGUE) EDEMI (LIQUIDI IN ECCESSO CHE SI ACCUMULANO NELLE VARIE PARTI DEL CORPO) PETECCHIE, EMATOMI, ERITEMA CUTANEO.

11 ACCERTAMENTO URINE: OLIGURIA EMATURIA PESO SPECIFICO < 1015 > AZOTEMIA E CREATININA: POICHE LELIMINAZIONE DEI PRODOTTI DEL CATABOLISMO AZOTATO è RIDOTTA A 0 IPERPOTASSIEMIA: CAUSATA DALLA NON ELIMINAZIONE DI POTASSIO

12 ACCERTAMENTO ACIDOSI METABOLICA: DOVUTA AD UNA < DEL POTERE TAMPONE DEL SANGUE NEI CONFRONTI DELLA CO2 EMATICA E NELLA CONSEGUENTE < DEL pH EMATICO. RESPIRO DI KUSSMAUL ANOMALIE NEL METABOLISMO DEL CALCIO E DEL FOSFORO: > DEI FOSFATI NEL SIERO < DI IONI CALCIO

13 ACCERTAMENTO ANEMIA: DOVUTA ALLA < DELLA PRODUZIONE DI ERITROPOIETINA, A PERDITA DI SANGUE, ETC. NB: OGGI CON LA SOMM.NE DI ERITROPOIETINA X VIA PARENTERALE NON è Più UN PROBLEMA!

14 TRATTAMENTO DELLIRA CONTROLLO BILANCIO IDRO- ELETTROLITICO: 1.Escrezione urinaria; 2.Perdite idriche extrarenali (vomito, diarrea, sng, drenaggi chirurgici, etc); 3.Perdite insensibili (cute e respiro da 800/1000cc/die). NB: SOMM.RE NaCl 0,9%(PZ CON DISIDRATAZIONE IPERTONICA) SOMM.RE NaCl 2,5% (PZ CON DISIDRATAZIONE IPOTONICA).

15 TRATTAMENTO DELLIRA PESO CORPOREO GIORNALIERO: 1.< del 2% = perdita idrica di 2l circa; 2.< del 6% = perdita idrica 4l circa; 3.< del 7-14% = perdita idrica di 5-10l circa. ECCESSO DI POTASSIO: < con la somm.ne di Kayexalate per via orale o rettale; cioè nel tratto intestinale la resina scambia ioni sodio con ioni potassio.

16 TRATTAMENTO DELLIRA DIETA IPERCALORICA: 1.> contenuto di carboidrati e adeguato apporto di lipidi poiché il catabolismo di entrambi dà luogo alla formazione di H2O e CO2; 2.< contenuto di proteine poiché il loro catabolismo dà luogo alla produzione di residui azotati, metaboliti acidi e potassio. NB: QUALORA IL PZ NON SI ALIMENTA Né X OS Né con SNG SI PUò SOMM.RE SOL.GLUCOSATA IPERTONICA (10/20%) PER VIA Ev!

17 TRATTAMENTO INFERMIERISTICO ACCOGLIERE IL PZ NELLA U.O. CARICARE IL PZ SUL MOVIMENTO PZ MONITORARE I PV (TC-PA-FC-FR) ACCERTARSI DI EVENTUALI ACCESSI VENOSI PERIFERICI e/o CENTRALI

18 TRATTAMENTO INFERMIERISTICO CONTROLLO DELLA DIURESI 24h CONTROLLO PESO CORPOREO GIORNALIERO MONITORAGGIO BILANCIO IDRO- ELETTROLITICO INCORAGGIARE IL PZ A RIPOSO PROLUNGATO A LETTO (rallenta il metabolismo e quindi evita laccumulo di potassio e prodotti endogeni di scarto)

19 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 1.DIAGNOSI INFERM.CA: Eccessiva idratazione e squilibrio elettrolitico dovuti a ridotta produzione urinaria, eccessi alimentari, ritenzione di sodio ed acqua. OBIETTIVO: Mantenimento del peso corporeo ideale, senza sovraccarico di liquidi.

20 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA INTERVENTI INFERMIERISTICI: 1.VALUTARE STATO IDRATAZIONE: Monitorare Peso Corporeo Giornaliero Monitorare Bilancio Idro-Elettrolitico Controllare Turgore Cute e/o presenza di Edemi Monitorare P.A.- F.C.- F.R.

21 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 2.LIMITARE LASSUNZIONE DI LIQUIDI AL VOLUME PRESCRITTO 3.IDENTIFICARE LE POSSIBILI FONTI DI LIQUIDI (ES: FARMACI+LIQUIDI+ALIMENTI ASSUNTI per os o per via endovenosa)

22 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 4.SPIEGARE AL PZ E AI FAMILIARI I MOTIVI DELLE RESTRIZIONI PRESCRITTE. 5.AIUTARE IL PZ A FAR FRONTE AL DISAGIO PROVOCATO DALLA RESTRIZIONE DI LIQUIDI. 6.PROVVEDERE/INCORAGGIARE AD UNA ADEGUATA E FREQUENTE IGIENE ORALE.

23 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA VALUTAZIONE: 1.PZ NON MOSTRA CAMBIAMENTI RAPIDI DI PESO 2.PZ OSSERVA RESTRIZIONI DIETETICHE E NELLASSUNZIONE DI LIQUIDI 3.TURGORE DELA CUTE NORMALE; NO EDEMI 4.PV NELLA NORMA 5.PZ NON ACCUSA DIFFICOLTA RESPIRATORIE E/O TACHIPNEA 6.PROVVEDE ALLIGIENE ORALE

24 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 2.DIAGNOSI INFERM.CA: Deficit nutrizionali dovuti ad anoressia, nausea e vomito, restrizioni dietetiche, alterazione della mucosa orale che interferiscono con lalimentazione. OBIETTIVO: Mantenimento di un adeguato apporto nutrizionale.

25 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA INTERVENTI INFERMIERISTICI: 1.VALUTARE STATO NUTRIZIONALE: VARIAZIONI PESO MISURE ANTROPOMETRICHE CONTROLLO PARAMETRI CHIMICO- CLINICI (ELETTROLITI, AZOTEMIA, CREATININEMIA, PROTEINE PLASMATICHE, TRANSFERRINEMIA,SIDEREMIA)

26 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 2.VALUTARE LE ABITUDINI ALIMENTARI DEL PZ: STORIA ALIMENTARE PREFERENZE ALIMENTARI CONTEGGIO DELLE CALORIE

27 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 3.VALUTARE I FATTORI CHE CONTRIBUISCONO ALLALTERAZIONE STATO NUTRIZIONALE: ANORESSIA-NAUSEA-VOMITO DIETA NON GRADEVOLE PER IL PZ DEPRESSIONE SCARSA COMPRENSIONE DEL SIGNIFICATO DELLE RESTRIZIONI DIETETICHE STOMATITE

28 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 4.ADATTARE PER QUANTO POSSILE LE RESTRIZIONI DIETETICHE ALLE PREFERENZE DEL PZ 5.FAVORIRE LASSUNZIONE DI PROTEINE CON ALTO VALORE BIOLOGICO (UOVA, LATTE E DERIVATI E CARNE) 6.INCORAGGIARE IL CONSUMO DI SPUNTINI RICCHI DI CALORIE, POVERI DI PROTEINE, Na & K TRA I PASTI 7.NON SOMM.RE I FARMACI SUBITO PRIMA DEI PASTI (può causare anoressia e sensazione di pienezza gastrica)

29 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 8.FORNIRE AL PZ UNA LISTA SCRITTA CON GLI ALIMENTI CONSENTITI E SUGGERIMENTI PER MIGLIORARNE IL GUSTO SENZA > IL CONTENUTO DI Na & K (utile per i pz in dimissione) 9.PESO CORPOREO GIORNALIERO 10.VERIFICARE LA PRESENZA DI UNASSUNZIONE PROTEICA INADEGUATA: EDEMA GUARIGIONE RITARDATA < LIVELLI SIERICI DI ALBUMINA

30 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA VALUTAZIONE: PZ CONSUMA PROTEINE CON ELEVATO VALORE BIOLOGICO PZ ASSUME FARMACI AD ORARI TALI DA NON PROVOCARE ANORESSIA E SENSAZIONE DI PIENEZZA GASTRICA PZ CONSULTA LA LISTA SCRITTA DI ALIMENTI CONSENTITI PZ RIFERISCE UN > DELLAPPETITO PZ NON MOSTRA RAPIDE VARIAZIONI DI PESO PZ MOSTRA UN NORMALE TURGORE CUTANEO SENZA EDEMA; ALBUMINEMIA NELLA NORMA E CAPACITA DI GUARIGIONE DEI TESSUTI

31 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 3.DIAGNOSI INFERM.CA: Intolleranza allattività fisica dovuta ad affaticamento, anemia, accumulo di prodotti di scarto del metabolismo, procedura di dialisi. OBIETTIVO: Partecipazione a varie attività entro i limiti di tolleranza.

32 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA INTERVENTI INFERMIERISTICI: 1.VALUTARE I FATTORI CHE CONTRIBUISCONO ALLAFFATICAMENTO: ANEMIA SQUILIBRI IDRO-ELETTROLITICI ACCUMULO PRODOTTI DI SCARTO DEL METABOLISMO DEPRESSIONE

33 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 2.AIUTARE IL PZ A RICONQUISTARE LAUTOSTIMA E A PRENDERSI CURA DI Sé (per quanto possibile); ASSISTERLO SE AFFATICATO 3.INCORAGGIARE MOMENTI DI ATTIVITA A MOMENTI DI RIPOSO 4.INCORAGGIARE IL PZ AL RIPOSO DOPO LA TERAPIA DI DIALISI

34 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA VALUTAZIONE: PZ > GRADUALMENTE IL LIVELLO DI ATTIVITA, COMPRESA LATTIVITA FISICA PZ RIFERISCE > BENESSERE PZ ALTERNA MOMENTI ATTIVITA A MOMENTI RIPOSO

35 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 4.DIAGNOSI INFERM.CA: Disagio psicologico dovuto allo stato di dipendenza e al cambiamento di ruoli, dellimmagine corporea, della funzione sessuale. OBIETTIVO: Aumento dellautostima.

36 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA INTERVENTI INFERMIERISTICI: 1.VALUTARE LE REAZIONI DEL PZ E DELLA FAMIGLIA ALLA MALATTIA E AL TRATTAMENTO 2.VALUTARE IL RAPPORTO TRA IL PZ E I FAMILIARI Più STRETTI(Identificare i punti di forza del pz e della famiglia) 3.VALUTARE COME IL PZ E LA FAMIGLIA FANNO FRONTE ALLA MALATTIA

37 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA 4.INCORAGGIARE IL PZ E LA FAMIGLIA A MANIFESTARE LE LORO PREOCCUPAZIONI RIGUARDO AI CAMBIAMENTI PRODOTTI DALLA MALATTIA E DAL TRATTAMENTO: CAMBIAMENTI DI RUOLO E DELLO STILE DI VITA ALTERATA CAPACITA LAVORATIVA CAMBIAMENTI DELLE ABITUDINI SESSUALI DIPENDENZA DAL PERSONALE SANITARIO 5.CONSIDERARE CON IL PZ LE POSSIBILI ALTERNATIVE PER LESPRESSIONE SESSUALE 6.DISCUTERE DEL SIGNIFICATO DEL DARE E RICEVERE AMORE, CALORE UMANO, AFFETTO.

38 PIANO DI ASSISTENZA: PZ CON IRA VALUTAZIONE: PZ IDENTIFICA, TRA LE MISURE CHE IN PASSATO SONO STATE UTILI PER AFFRONTARE SITUAZIONI DIFFICILI, QUELLI CHE NON SI ADATTANO ALLATTUALE SITUAZIONE DI MALATTIA E AL SUO TRATTAMENTO (es: alcool, droghe, attività fisica estrema) PZ IDENTIFICA ED ESPRIME, COSì COME I SUOI FAMILIARI, I SENTIMENTI E LE REAZIONI PROVOCATI DALLA MALATTIA E DAL CAMBIAMENTO DELLO STILE DI VITA PZ SI AVVALE DI ASSIST.ZA PSICOLOGICA PER ADATTARSI ALLE CONDIZIONI IMPOSTE DALLA MALATTIA PZ è SODDISFATTO DELLE ESPRESSIONI ALTERNATIVE DELLA SUA SESSUALITA

39 GRAZIE per lATTENZIONE!!! Chiara Sernicola


Scaricare ppt "INSUFFICIENZA RENALE ACUTA. FISIOPATOLOGIA E UN IMPROVVISA E QUASI COMPLETA PERDITA DELLA FUNZIONALITA RENALE CHE HA LUOGO NEL CORSO DI POCHE ORE O GIORNI."

Presentazioni simili


Annunci Google