La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA. Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA. Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie."— Transcript della presentazione:

1 Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA

2 Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici

3 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA

4 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA

5 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL PORTO Superficie ambito portuale (mq) Superficie specchio acqueo (mq) Superficie area industriale (mq) Diametro bacino di espansione (m)750 Diametro bacino di evoluzione (m)450 Larghezza canale (m)220 Lunghezza banchine container (m)3.395 Piazzali terminal container (mq) Prese frigorifere2.350 Profondità fondali (m) Banchina container alti fondali (400 m)18 Canale zona centrale (1.100 m)17 Canale zona nord (1.895 m)14,5 Gru di banchina27 Mega post-Panamax (sbraccio 62m)9 Super post-Panamax (sbraccio m)18 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA

6 Traffico 2007: autoveicoli General Motors, Mitsubishi, Toyota, Fiat, Daewoo, Daihatsu Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Car-carrier Giappone, India, Thailandia Algeria, Marocco, Libia e Turchia REGIONE CALABRIA

7 Porto TEU scambiati 2007 Porto TEU scambiati 2007 Gioia Tauro Izmir Algeciras Ashdod Valencia Mersin Port Said Taranto Marsaxlokk Cagliari Piraeus Lattakia Haifa Alexandria Marseille El Dekheila Damietta Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Container REGIONE CALABRIA

8 22 servizi intercontinentali 18 compagnie di navigazione 49 porti intramediterranei 174 porti extramediterranei 6 servizi per il Nord Europa 28 servizi inframediterranei di cui 18 feeder Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Container Collegamenti settimanali con Gioia Tauro (C-log) REGIONE CALABRIA

9 Salerno 2. Naples 3. Civitavecchia 4. Livorno 5. La Spezia 6. Genoa 7. Marseille 8. Fos Sur Mer 9. Barcelona 10. Valencia 11. Algeciras 12. Oran 13. Algiers 14. Bejaja 35. Kumport 36. Istanbul 37. Gemlik 38. Izmir 39. Heraklion 40. Mersin 41. Limasoll 42. Latakia 43.Tartous 44. Beirut 45. Haifa 46. Ashdod 47. Damietta 48. Port Said 49. Alexandria 50. Varna 51. Constanza 52. Ilychevsk 53. Odessa 54. Novorossiyisk 55. Poti Skikda 16. Tunis 17. Tobruq 18. Tripoli 19. Misurata 20. Malta 21. Trapani 22. Palermo 30. Rijeka 31. Ploce 32. Bar 23. Catania 24. Brindisi 25. Ancona 26. Ravenna 27. Venice 28. Trieste 29. Koper 33. Piraeus 34. Thessaloniki Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Container REGIONE CALABRIA

10 Lunghezza banchina container = m Capacità di movimentazione annua = TEUs MCT Medcenter Container Terminal (CONTSHIP -- EUROGATE) Lunghezza banchina alti fondali (-18 m) = 400 m Lunghezza banchina zona centrale (-16 m) = m Lunghezza banchina zona nord (-14 m) = m Piazzali = m TEUs (2 tiri) Prese frigo = Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Banchina di levante REGIONE CALABRIA

11 Key Performance Indicators INDICATORI GIOIA TAURO MEDIA MEDITERRANEO Deviazione rotta Suez-Gibilterra (Km/Km)1,051,12 Vocazione container (Km/Km)0,850,40 Presenza banchine con alti fondali44%20% Gru per Km di banchina7,956,86 Gru di generazione Super post-Panamax-Mega post-Panamax100%50% Capacità di movimentazione (TEUs/anno) Capacità di movimentazione/Lunghezza banchina (TEUs/Km) Capacità di movimentazione/Numero Gru (TEUs/gru) TEUs movimentati/Lunghezza banchina (TEUs/Km) TEUs movimentati/Numero Gru (TEUs/gru) Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Banchina di levante REGIONE CALABRIA

12 BLG Automobile Logistics Terminal e Interporto Lunghezza banchina = 384 m Piazzali = m 2 spazi di stoccaggio per veicoli 3 rampe ro-ro Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Banchina nord INDICATORIVALORE 2007STIMA 2012 Movimentazione unitaria annuale (auto annue/m 2 )1,41,2 Movimentazione unitaria banchine (auto annue/m) Movimenti (auto imbarcati/sbarcati) Rampe ro-ro12 REGIONE CALABRIA

13 Lunghezza totale moli e pontili = 500 m Impianto distribuzione gasolio Posti natanti =42 Attività peschereccia Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Darsena da diporto REGIONE CALABRIA

14 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA

15 103 I Zona Industriale 34 (12 operative, 9 in istruttoria, 7 in costruzione, 6 chiuse) II Zona Industriale 47 (24 operative, 9 in istruttoria, 9 in costruzione, 5 chiuse) III Zona Industriale 0 Area Portuale 22 (17 operative, 1 in costruzione, 4 chiuse) 53 operative 15 chiuse Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici 9 attività logistiche REGIONE CALABRIA

16 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA

17 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA Piano di Sviluppo Strategico

18 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA Piano di Sviluppo Strategico

19 POLO del GAS Per il rigassificatore occorre procedere nelliter autorizzativo, già in fase avanzata La creazione di un Polo del Gas risponde infatti a concrete opportunità di mercato ed esigenze di tipo strategico per il Sistema Paese PIASTRA del FREDDO Si ritiene necessaria la delocalizzazione della Piastra del Freddo in unarea differente rispetto a quella prevista dal CIPE – da destinare ad interventi portuali La realizzazione deve essere subordinata ad uno studio di fattibilità di mercato, per valutarne reale potenziale e investitori/operatori target. Localizzazione Informazioni generali Offerta Piani di Sviluppo Traffici Logistica e Industrie Piano di Sviluppo Strategico REGIONE CALABRIA Il Porto di Gioia Tauro

20 Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA La delimitazione del demanio marittimo del Porto di Gioia Tauro, oggi concordata, ha avuto un percorso lungo che ha richiesto listituzione del Commissario Straordinario di Governo per il coordinamento delle attività finalizzate anche alla definizione transattiva delle liti pendenti. Lattuale delimitazione tra larea di competenza dellAutorità Portuale e larea industriale è sancita con lAtto di raccordo tra Pubbliche Amministrazioni del 27/10/2008 La delimitazione del demanio marittimo del Porto di Gioia Tauro, oggi concordata, ha avuto un percorso lungo che ha richiesto listituzione del Commissario Straordinario di Governo per il coordinamento delle attività finalizzate anche alla definizione transattiva delle liti pendenti. Lattuale delimitazione tra larea di competenza dellAutorità Portuale e larea industriale è sancita con lAtto di raccordo tra Pubbliche Amministrazioni del 27/10/2008 3° ZONA INDUSTRIALE 2° ZONA INDUSTRIALE

21 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA Il Protocollo di Intesa per le iniziative di sviluppo dellarea di Gioia Tauro, siglato il , stabilisce che: (art. 2, comma 3) il consorzio ASI deve predisporre, entro 60 giorni e cioè entro fine dicembre 2008, uno studio di fattibilità che tenga conto delle iniziative imprenditoriali in atto o potenziali e che individui quelle da promuovere in apposito Piano degli interventi, da assoggettare ad asseverazione rispetto alla coerenza con le previsioni del Piano di Sviluppo Strategico da parte del Commissario Delegato dal Governo alla Gestione del Piano di Sviluppo, nei successivi venti giorni. (art. 2, comma 1) il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Presidente della Regione Calabria, promuove un Accordo di Programma Quadro tra Governo Centrale, Regione Calabria e Consorzio ASI di Reggio Calabria, con lo scopo di favorire lo sviluppo economico delle aree retroportuali del Porto di Gioia Tauro, e, in particolare, della zona industriale; (art. 3 comma 1) tale APQ è da stipularsi nei successivi 180 giorni. Il Protocollo di Intesa per le iniziative di sviluppo dellarea di Gioia Tauro, siglato il , stabilisce che: (art. 2, comma 3) il consorzio ASI deve predisporre, entro 60 giorni e cioè entro fine dicembre 2008, uno studio di fattibilità che tenga conto delle iniziative imprenditoriali in atto o potenziali e che individui quelle da promuovere in apposito Piano degli interventi, da assoggettare ad asseverazione rispetto alla coerenza con le previsioni del Piano di Sviluppo Strategico da parte del Commissario Delegato dal Governo alla Gestione del Piano di Sviluppo, nei successivi venti giorni. (art. 2, comma 1) il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Presidente della Regione Calabria, promuove un Accordo di Programma Quadro tra Governo Centrale, Regione Calabria e Consorzio ASI di Reggio Calabria, con lo scopo di favorire lo sviluppo economico delle aree retroportuali del Porto di Gioia Tauro, e, in particolare, della zona industriale; (art. 3 comma 1) tale APQ è da stipularsi nei successivi 180 giorni. Commissario Delegato dal Governo alla Gestione del Piano di Sviluppo 180 giorni 20 giorni 60 giorni Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dello Sviluppo Economico Commissario Delegato alla Gestione del Piano di Sviluppo Regione Calabria Consorzio ASI di Reggio Calabria Protocollo di Intesa del Studio di Fattibilità per il Piano degli Interventi Consorzio ASI Di Reggio Calabria Asseverazione di coerenza del Piano degli Interventi con le previsioni del Piano di Sviluppo Accordo di Programma Quadro per lo sviluppo delle aree retroportuali Ministero per lo Sviluppo Economico Regione Calabria

22 Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Piano degli Interventi per lo Sviluppo dellArea Industriale REGIONE CALABRIA Il Porto di Gioia Tauro

23 Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA Piano Regolatore Portuale Il Piano Regolatore Portuale, previsto dalla Legge n. 84/1994, delimita l'ambito portuale, perimetro dellarea portuale propriamente detta, e dellarea funzionalmente connessa (rif. Art. 5 legge 84/1994, Area nella quale si esplicano funzioni che sono direttamente o indirettamente legate al porto e quindi nella quale si svolgono sia attività che implicano luso delle banchine e un trasferimento di merci e/o persone da terra a mare o viceversa, sia attività indirettamente legate alle precedenti di movimentazione, stoccaggio e trasformazione). disegna l'assetto del porto, e in particolare individua le caratteristiche e la destinazione funzionale (destinazione duso) delle aree comprese nell'ambito del porto: - aree commerciali; - aree destinate alla produzione industriale, all'attività cantieristica e alla logistica; - aree di interesse comune tra porto e città; - infrastrutture viarie e ferroviarie; - aree riservate alla tutela dei beni e valori ambientali definisce le opere marittime di grande infrastrutturazione, quali canali marittimi, dighe foranee di difesa, darsene, bacini e banchine attrezzate, nonché l'escavazione e l'approfondimento dei fondali. Il PRP si propone in sintesi di: • fornire parametri di valutazione per pesare e confrontare interventi ed azioni di potenziamento del porto; • integrare le politiche portuali con le politiche di sviluppo sulle reti e sui servizi annessi e con il sistema produttivo e insediativo dell'area interessata. Il Piano Regolatore Portuale, previsto dalla Legge n. 84/1994, delimita l'ambito portuale, perimetro dellarea portuale propriamente detta, e dellarea funzionalmente connessa (rif. Art. 5 legge 84/1994, Area nella quale si esplicano funzioni che sono direttamente o indirettamente legate al porto e quindi nella quale si svolgono sia attività che implicano luso delle banchine e un trasferimento di merci e/o persone da terra a mare o viceversa, sia attività indirettamente legate alle precedenti di movimentazione, stoccaggio e trasformazione). disegna l'assetto del porto, e in particolare individua le caratteristiche e la destinazione funzionale (destinazione duso) delle aree comprese nell'ambito del porto: - aree commerciali; - aree destinate alla produzione industriale, all'attività cantieristica e alla logistica; - aree di interesse comune tra porto e città; - infrastrutture viarie e ferroviarie; - aree riservate alla tutela dei beni e valori ambientali definisce le opere marittime di grande infrastrutturazione, quali canali marittimi, dighe foranee di difesa, darsene, bacini e banchine attrezzate, nonché l'escavazione e l'approfondimento dei fondali. Il PRP si propone in sintesi di: • fornire parametri di valutazione per pesare e confrontare interventi ed azioni di potenziamento del porto; • integrare le politiche portuali con le politiche di sviluppo sulle reti e sui servizi annessi e con il sistema produttivo e insediativo dell'area interessata.

24 Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA Piano Regolatore Portuale

25 PARTICOLARE DARSENA DA DIPORTO Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici Il Porto di Gioia Tauro Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie Piani di Sviluppo Traffici REGIONE CALABRIA

26 CENTRO DIREZIONALE Codice intervento GRS06 Lintervento consiste nella realizzazione, secondo diversi lotti funzionali, di n. 13 edifici adibiti a: Centro di addestramento professionale in elettronica e centro di elaborazione dati Centro di addestramento professionale in metalmeccanica e meccanica di precisione Uffici di tipo direzionale e/o professionale, uffici o sedi di rappresentanza commerciali, agenzie di viaggio e trasporti, uffici e sedi di Enti pubblici Centro commerciale Supermercato, Centro Sociale, Pronto Soccorso, Ufficio P.S. Ufficio Postale Banca Centro ristoro Palestra Laboratori di ricerca e sviluppo e Incubatore micro e PMI Centrale termica Costo intervento 50,098 M CENTRO DIREZIONALE Codice intervento GRS06 Lintervento consiste nella realizzazione, secondo diversi lotti funzionali, di n. 13 edifici adibiti a: Centro di addestramento professionale in elettronica e centro di elaborazione dati Centro di addestramento professionale in metalmeccanica e meccanica di precisione Uffici di tipo direzionale e/o professionale, uffici o sedi di rappresentanza commerciali, agenzie di viaggio e trasporti, uffici e sedi di Enti pubblici Centro commerciale Supermercato, Centro Sociale, Pronto Soccorso, Ufficio P.S. Ufficio Postale Banca Centro ristoro Palestra Laboratori di ricerca e sviluppo e Incubatore micro e PMI Centrale termica Costo intervento 50,098 M TANGENZIALE EST – ASSE VIARIO DI COLLEGAMENTO TRA IL PORTO DI GIOIA TAURO E LO SVINCOLO SULLAUTOSTRADA A3 SALERNO – REGGIO CALABRIA Codice intervento GRS05 Lintervento consiste nel collegamento dello svincolo di Gioia Tauro dellAutostrada Sa-RC con la viabilità principale della prima zona industriale. Progetto approvato con voto CRTA n. 588/90 e Decreto Assssore LL.PP. N. 2621/91, successivamente adeguato, per rivalutazione prezzi, al Costo intervento: 48,730 M DEPOSITI DOGANALI DELLA 2° ZONA INDUSTRIALE Codice intervento GRS15 Lintervento consiste nella realizzazione di n. 8 magazzini delle dimensioni di m 2 ciascuno, allinterno di un piazzale di m 2. Totale superficie da espropriare: m 2 di cui: Capannoni m 2 Strade m 2 Piazzali m 2 Nel caso in cui si consideri solo lesecuzione degli espropri e delle infrastrutture di base il costo dellintervento è di 21,94 M Il costo dei capannoni e dei piazzali che saranno realizzati dai privati ammonta a 58,595 M INFRASTRUTTURE DI BASE NELLA 3° ZONA INDUSTRIALE – 6° LOTTO Codice intervento GRS17/6 Lintervento consiste nel completamento della viabilità principale di collegamento tra la SS n. 18 e la SP per Taurianova. Costo intervento: 4,312 M INFRASTRUTTURE DI BASE NELLA 3° ZONA INDUSTRIALE – 4° LOTTO Codice intervento GRS17/4 Lintervento consiste nel completamento degli espropri nei comparti D2 e D4, nellesecuzione degli scavi necessari per liberare tutta larea da eventuali reperti di interesse archeologico, nella sistemazione plano-altimetrica dei comparti D2, D4 e D6. Costo Intervento 12,708 M INFRASTRUTTURE DI BASE NELLA 3° ZONA INDUSTRIALE – 4° LOTTO Codice intervento GRS17/4 Lintervento consiste nel completamento degli espropri nei comparti D2 e D4, nellesecuzione degli scavi necessari per liberare tutta larea da eventuali reperti di interesse archeologico, nella sistemazione plano-altimetrica dei comparti D2, D4 e D6. Costo Intervento 12,708 M TERMINAL INTERMODALE a servizio della 2° Area Industriale ASI Codice intervento GRS14 Lintervento consiste nella realizzazione di un fascio di 3 binari ferroviari di lunghezza complessiva pari a circa 2600 m, un posto di controllo ed un piazzale di m ,00 per la movimentazione merci da treno a camion e viceversa. Totale superficie da espropriare ,00 m 2 di cui: Strada ,00 m 2 Binari m 2 Posto di Controllo 250 m 2 Piazzali ,00 m 2 Costo Intervento 26,3 M

27 PIATTAFORMA LOGISTICA – PIASTRA DEL FREDDO DELLA 2° ZONA INDUSTRIALE Codice intervento GRS16 Lintervento consiste nella realizzazione di n. 17 magazzini di varie dimensioni per un totale di superficie coperta di m ; i magazzini saranno dotati di celle frigorifere che saranno refrigerate tramite aria fredda proveniente dal vicino impianto di rigassificazione. Totale superficie da espropriare: m2 di cui: Capannoni m2 Verde m2 Strade m2 Piazzali m2 Si propone la realizzazione dellintervento secondo 4 lotti funzionali. Nel caso in cui si consideri solo lesecuzione degli espropri e delle infrastrutture di base, il costo dellintervento è di 57,641 M. Il costo dei capannoni e dei piazzali che saranno realizzati dai privati è di 147,111 M Secondo il Piano di Sviluppo Strategico per lArea Ampia è necessario delocalizzare La Piastra del Freddo in unarea differente rispetto a quella prevista dal CIPE, da destinare ad interventi portuali; la realizzazione della Piastra del freddo è subordinata ad uno studio di fattibilità di mercato, per valutarne reale potenziale e investitori/operatori target. COSTRUZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 5 MW DI POTENZA PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA NELLA 3° ZONA INDUSTRIALE Codice intervento GRS20 E prevista le costruzione in 5 lotti Costo intervento : 56,686 M

28 LAVORI DI ARRETRAMENTO DELLO SPORGENTE OVEST DEL CANALE DI ACCESSO CON RICONFIGURAZIONE DELLA STRUTTURA A TERGO Lintervento consiste nel riallineamento della radice del molo nord del Porto con il canale portuale, eliminando la strozzatura in corrispondenza dellimboccatura del canale. Livello di progettazione: Preliminare COSTO INTERVENTO: 8,98 M ADEGUAMENTO DEL TRATTO DI BANCHINA NORD ESISTENTE AI NUOVI TRATTI DI BANCHINA NORD IN FASE DI ESECUZIONE E RELATIVO APPROFONDIMENTO DEI FONDALI Il progetto prevede ladeguamento strutturale ed il risanamento del paramento a mare delle paratie delle banchine nord (tratti E ed F) per uno sviluppo totale di circa 400 m. Livello di progettazione: Preliminare COSTO INTERVENTO: 6,97 M (1) (2) LAVORI DI APPROFONDIMENTO E CONSOLIDAMENTO DEI FONDALI DEL CANALE PORTUALE, ADEGUAMENTO STRUTTURALE DEGLI ELEMENTI DELLA BANCHINA DI LEVANTE TRATTO D DEL PORTO DI GIOIA TAURO E REALIZZAZIONE DELLA TERZA VIA DI CORSA Il progetto prevede il consolidamento strutturale degli elementi della banchina di levante tratto D nonché la realizzazione dellapprofondimento dei fondali del canale portuale per uno sviluppo della citata banchina di circa 650 m e la realizzazione della terza via di corsa sempre per circa 650 m. Essi riguardano il completamento degli interventi della banchina di levante le cui lavorazioni per i tratti A, B e C sono in corso di esecuzione. Livello di progettazione: Preliminare COSTO INTERVENTO: 25,00 M COMPLETAMENTO E SVILUPPO DEL COMPARTO NORD (VIABILITÀ, CAPANNONI E RETI ELETTRICHE NELLAREA PORTUALE DI GIOIA TAURO ) Il progetto prevede due distinti interventi: (1) un sovrappasso del fascio di binari della stazione di San Ferdinando, e uno svincolo a rotatoria a sud di tale sovrappasso; (2) completamento delle infrastrutture della banchina di ponente. Livello di progettazione: Preliminare COSTO INTERVENTO: 20,00 M ADEGUAMENTO DELLIMBOCCATURA PORTUALE CON RICONFIGURAZIONE DEL MOLO SUD Lintervento prevede di incrementare la larghezza dellimboccatura dagli attuali 286 m a circa 400m al livello medio del mare. Si prevede inoltre la demolizione per circa 150 m del molo Sud a partire dallattuale testata. La nuova testata assume una configurazione ed un orientamento diversi dallattuale, con rotazione in pianta di circa trenta gradi. COSTO INTERVENTO : 23,5 M

29 RIPROFILATURA BANCHINA DI PONENTE: DELOCALIZZAZIONE ATTIVITA INDUSTRIALI Rilocalizzazione delle attività insistenti nellarea della banchina da riprofilare a ridosso del terminal multipurpose. COSTO INTERVENTO : 38 M REALIZZAZIONE DELLA FASCIA DI CONTORNO AMBIENTALE Fascia di rispetto a separazione dellarea portuale rispetto allabitato di Gioia Tauro e rispetto allabitato di San Ferdinando COSTO INTERVENTO: 10 M REALIZZAZIONE DELLINTERMODALITA STRADALE E FERROVIARIA Riorganizzazione degli assetti stradali e ferroviari necessaria in considerazione della nuova distribuzione di funzioni prevista dal Piano Regolatore Portuale COSTO INTERVENTO: 35 M REALIZZAZIONE DEL SECONDO CANALE: OPERE MARITTIME Realizzazione di una darsena (2° canale) a tergo dellattuale terminal container, a servizio di traffico merci unitizzate – container ed autoveicoli nuovi, avente lunghezza di poco inferiore a 1 Km e larghezza di 220 m, a paramento verticale, collegata al bacino di evoluzione da un canale di accesso, orientato in direzione nord/nord-est, di lunghezza 700m circa e larghezza 150m, avente sponde a scarpata. COSTO INTERVENTO : 340 M Lintervento prevede anche la rilocalizzazione in direzione nord- est dellesistente darsena servizi. REALIZZAZIONE DEL PIAZZALE A SERVIZIO DELLA FUNZIONE MERCI UNITIZZATE NELLAMBITO DEL SECONDO CANALE Realizzazione banchine sui lati ovest ed est del 2° canale e piazzali di retro banchina COSTO INTERVENTO : 137 M TERMINAL INTERMODALE Realizzazione di un terminal intermodale di servizio alle funzioni terminalistiche e non, raccordato allesistente stazione ferroviaria di arrivo e partenza dei treni di San Ferdinando Marittima Area per stoccaggio e movimentazione container: 42 ha Lunghezza fascio binari: 1300 m COSTO INTERVENTO: 20 M COMPARTO SUD: REALIZZAZIONE DEL PIAZZALE A SERVIZIO DEL TERMINAL MULTIPURPOSE Realizzazione di un piazzale attrezzato ad uso commerciale alle spalle della nuova banchina, comprende interventi di mitigazione e separazione rispetto allinsediamento urbano di Gioia Tauro. IMPORTO: 33 M BANCHINA SUD (TERMINAL MULTIPURPOSE) Realizzazione nel comparto sud del porto, lungo il lato sud del bacino di evoluzione, di una banchina multifunzionale COSTO INTERVENTO: 21 M NAVIGAZIONE DA DIPORTO Realizzazione, lungo il fronte mare dellabitato di Gioia Tauro, di una nuova darsena a servizio della nautica da diporto. COSTO INTERVENTO: 30 M RIPROFILATURA BANCHINA DI PONENTE Riprofilatura della banchina di Ponente, allineandone la sponda secondo lo stesso andamento del muro di protezione Ovest, e ricavando specchio acqueo addizionale di manovra delle navi COSTO INTERVENTO : 148 M REALIZZAZIONE DEL SECONDO CANALE: DELOCALIZZAZIO NE EDIFICI ISTITUZIONALI Rilocalizzazione infregio al lato Sud Est del bacino di evoluzione degli edifici istituzionali COSTO INTERVENTO : 80 M

30 Preservare la leadership nel Transhipment AzioniInterventiProgettiCosti Ipotesi fonte finanziaria Adeguare le infrastrutture esistenti Ampliamento del canale esistente Lavori di arretramento dello sporgente ovest del canale di accesso con riconfigurazione della struttura a tergo 8,98 M Riprofilatura della banchina di Ponente: delocalizzazione attività industriali 38,00 M Riprofilatura della banchina di Ponente: riprofilatura della banchina148,00 M Adeguamento dellimboccatura per accogliere grandi navi madri Adeguamento dellimboccatura portuale con riconfigurazione del molo Sud (Il Piano Regolatore Portuale rinvia la opportunità della realizzazione del progetto alla necessità di ulteriori approfondimenti progettuali e studi per confermare sia leffettiva necessità dellintervento proposto sia lassenza di rischi.) 23,50 M Approfondimento e consolidamento fondali Lavori di approfondimento e consolidamento dei fondali del canale portuale, adeguamento strutturale degli elementi della banchina di levante tratto D del Porto di Gioa Tauro e realizzazione della terza via di corsa 25,00 M Adeguamento del tratto di banchina nord esistente ai nuovi tratti di banchina nord in fase di esecuzione e relativo approfondimento dei fondali 6,97 M Ottimizzare gli spazi portuali (superando in particolare il collo di bottiglia degli spazi banchina) Realizzazione banchina Sud Banchina Sud (Terminal Multipurpose) 21,00 M Realizzazione del piazzale a servizio del Terminal Multipurpose 33,00 M Realizzazione secondo Canale Realizzazione del Secondo Canale: opere marittime340,00 M Realizzazione del piazzale a servizio della funzione merci unitizzate nellambito del secondo canale 137,00 M Realizzazione del secondo canale: delocalizzazione edifici istituzionali 80,00 M TOTALE 861,45 M 1

31 Realizzare un sistema intermodale eccellente AzioniProgettiCosti Ipotesi fonte finanziaria Sistema ferroviario integrato Potenziamento interporto (terminal intermodale allinterno dellinterporto a servizio degli operatori della logistica)20 M Potenziamento raccordo ferroviario San Ferdinando-Rosarno Terminal intermodale a servizio della 2° zona industriale dellagglomerato di Gioia Tauro - Rosarno - San Ferdinando26,264 M Realizzazione dellintermodalità stradale e ferroviaria 35 M Sistema viario potenziato Completamento e sviluppo del comparto nord (viabilità, capannoni e reti elettriche) 20 M Tangenziale Est – Asse viario di collegamento tra il Porto Di Gioia Tauro e lo svincolo sullautostrada A3 Salerno - Reggio Calabria – Codice GRS05 48,73 M Infrastrutture di base nella 3° zona industriale dellagglomerato di Gioia Tauro – Rosarno – San Ferdinando - 4° Lotto– Codice GRS17/4 12,708 M Infrastrutture di base nella 3° zona industriale dellagglomerato di Gioia Tauro – Rosarno – San Ferdinando - 6° Lotto– Codice GRS17/6 4,313 M Totale 167,15 M 2

32 Creare le condizioni per linsediamento di grandi Operatori Logistici/Industriali Nazionali ed Internazionali Azioni e/o Interventi necessari Costi Ipotesi fonte finanziaria Completamento infrastrutture a supporto della logistica Centro direzionale codice GRS0650,099 M Depositi doganali nella 2° zona industriale Codice GRS15 min. 21,941M max 80,536 M Messa in sicurezza dellarea ampia La convenzione sulla Sicurezza è in via avanzata di discussione tra il Ministero dellInterno ed il Commissario Straordinario di Governo. In base a tale convenzione, il Ministero si impegna a inserire il progetto per la security a Gioia Tauro e lesecuzione dello stesso tra gli interventi finanziati dal PON garantendo il presidio sulle condizioni di sicurezza per i cittadini e le imprese nellintera Area Ampia. Chiara destinazione delle aree Marketing territoriale di alto livello Coordinamento con il territorio TOTALE Min. 72,04 M Max 130,64 M 3

33 Altri interventi INTERVENTI COSTI Ipotesi Fonte Finanziaria Costruzione di un impianto fotovoltaico da 5 MW di potenza per la produzione di energia elettrica nella 3° zona industriale dell'agglomerato di Gioia Tauro - Rosarno - San Ferdinando – Codice GRS20 min. 30,00 M max. 56,686 M Realizzazione, lungo il fronte mare dellabitato di Gioia Tauro, di una nuova darsena a servizio della nautica da diporto 30,00 M Piastra del freddo min. 57,641 M max. 204,753 M Realizzazione della fascia di contorno ambientale 10,00 M Raccordo tra lo svincolo A3 Rosarno e lAmbito Portuale TOTALE min. 127,641 max. 301,439

34 INTERVENTI INCLUSI NEL DOCUMENTO DI PIANO REGOLATORE PORTUALE E PROPOSTI NELLA FASE DI CONCERTAZIONE PROPEDEUTICA AL RILASCIO DELLE PRESCRITTE INTESE DA PARTE DEI COMUNI LIMITROFI INTERVENTICOSTO (M) Interventi strutturali di stabilizzazione e riduzione dell'erosione costiera5,7 Valorizzazione del Waterfront (abbellimento e valorizzazione del lungomare di San Ferdinando, prolungamento del lungomare fino all'abitato di Eranova, realizzazione di un centro sportivo ricreativo polivalente nell'area di Santa Barbara) 4,0 Interfaccia porto-città di san Ferdinando (arretramento della recinzione di delimitazione del porto e sistemazione a verde - Sistemazione dello svincolo di accesso al porto da San Ferdinando con elementi di arredo urbano e illuminazione. 1,5 Strada di collegamento San Ferdinando-Rosarno4,0 Completamento della strada di collegamento tra 18 con il piazzale della stazione ferroviaria (necessaria per garantire un collegamento veloce tra SGC Ionio-Tirreno e la ferrovia) 5,0 Collegamento via Medma con provinciale Serricella3,0 Realizzazione di una circonvallazione della Città di Rosarno8,0 Pedemontana Laureana-Cinquefrondi26,0 Asse stradale Cinquefrondi-Oppido-Castellace43,0 Asse stradale S. Cristina-Gioiosa70,0 Progetto di regimazione del torrente Budello in Comune di Gioia Tauro36,0 TOTALE206,2

35 Preservare la leadership nel Transhipment 1569,10 M Realizzare un sistema intermodale eccellente 167,15 M Creare le condizioni per linsediamento di grandi Operatori Logistici/Industriali Nazionali ed Internazionali Min. 72,04 M Max 130,64 M ALTRI INTERVENTI Min 27,64M Max 301,44M INTERVENTI INSERITI NEL P.R.P. PROPOSTI DAI COMUNI LIMITROFI 206,20 M TOTALE Min 2042,13 M Max 2374,53 M 1 2 3


Scaricare ppt "Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA. Il Porto di Gioia Tauro REGIONE CALABRIA Localizzazione Informazioni generali Offerta Logistica e Industrie."

Presentazioni simili


Annunci Google