La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA COMUNICAZIONE PUBBLICA. Il piano di comunicazione per unamministrazione trasparente Incontro formativo organizzato dal Comune di Bassano Romano e da.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA COMUNICAZIONE PUBBLICA. Il piano di comunicazione per unamministrazione trasparente Incontro formativo organizzato dal Comune di Bassano Romano e da."— Transcript della presentazione:

1 LA COMUNICAZIONE PUBBLICA. Il piano di comunicazione per unamministrazione trasparente Incontro formativo organizzato dal Comune di Bassano Romano e da FORMAPOLITICA (www.formapolitica.it)www.formapolitica.it Relatore: DONATO A.LIMONE, ordinario di informatica giuridica e docente di scienza dellamministrazione digitale, Unitelma-SAPIENZA, Roma Bassano Romano, 25 novembre 2011

2 Gli incontri formativi di FORMAPOLITICA (www.formapolitica.it) Il PRIMO INCONTRO SI E TENUTO A CAPRANICA SU LE NORME DI BASE PER LA COSTRUZIONE DI UN COMUNE MODERNO (30 SETTEMBRE 2011) IL SECONDO INCONTRO: TUSCANIA, SU IL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DI UN COMUNE MODERNO (28 OTTOBRE 2011)

3 La comunicazione pubblica: finalità Le P.A. hanno lobbligo di informare i cittadini e la comunità locale su tutto quanto viene attivato e realizzato da parte degli Organi politici- amministrativi e dalla struttura amministrativa. I cittadini hanno quindi il diritto di essere informati sulloperato delle P.A. Linformazione deve essere sistematica, completa, aggiornata, valida, affidabile Gli strumenti di comunicazione: albo pretorio di carta; albo pretorio on line; il sito istituzionale; i giornali; la radio; la televisione; tutti i media tradizionali e moderni

4 Le norme principali di riferimento Legge 241/90: diritto di informazione e di accesso agli atti in materia di procedimenti amministrativi Dlgs 267/2000: Testo unico delle Autonomie Locali Legge 150/2000:Norme sulla informazione e sulla comunicazione pubblica Dlgs 152/2006: Codice dellambiente Dlgs 82/2005:Codice dellAmministrazione digitale

5 Dlgs 267/2000 Articolo 10 Diritto di accesso e di informazione. 1. Tutti gli atti dell'amministrazione comunale e provinciale sono pubblici, ad eccezione di quelli riservati per espressa indicazione di legge o per effetto di una temporanea e motivata dichiarazione del sindaco o del presidente della provincia che ne vieti l'esibizione, conformemente a quanto previsto dal regolamento, in quanto la loro diffusione possa pregiudicare il diritto alla riservatezza delle persone, dei gruppi o delle imprese. 2. Il regolamento assicura ai cittadini, singoli e associati, il diritto di accesso agli atti amministrativi e disciplina il rilascio di copie di atti previo pagamento dei soli costi; individua, con norme di organizzazione degli uffici e dei servizi, i responsabili dei procedimenti; detta le norme necessarie per assicurare ai cittadini l'informazione sullo stato degli atti e delle procedure e sull'ordine di esame di domande, progetti e provvedimenti che comunque li riguardino; assicura il diritto dei cittadini di accedere, in generale, alle informazioni di cui è in possesso l'amministrazione. 3. Al fine di rendere effettiva la partecipazione dei cittadini all'attività dell'amministrazione, gli enti locali assicurano l'accesso alle strutture ed ai servizi agli enti, alle organizzazioni di volontariato e alle associazioni.

6 Legge 241/90: i procedimenti amministrativi Art. 1 (Princípi generali dell'attività amministrativa) 1. Lattività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza, secondo le modalità previste dalla presente legge e dalle altre disposizioni che disciplinano singoli procedimenti, nonché dai princípi dell'ordinamento comunitario. (comma così modificato dall'articolo 1, comma 1, legge n. 15 del 2005 poi dall'articolo 7, comma 1, legge n. 69 del 2009) 1-bis. La pubblica amministrazione, nell'adozione di atti di natura non autoritativa, agisce secondo le norme di diritto privato salvo che la legge disponga diversamente. (comma introdotto dall'articolo 1, comma 1, lettera b), legge n. 15 del 2005) 1-ter. I soggetti privati preposti all'esercizio di attività amministrative assicurano il rispetto dei princípi di cui al comma 1. (comma introdotto dall'articolo 1, comma 1, lettera b), legge n. 15 del 2005) 2. La pubblica amministrazione non può aggravare il procedimento se non per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dellistruttoria.

7 Legge 241/90 Art. 7 (Comunicazione di avvio del procedimento) 1. Ove non sussistano ragioni di impedimento derivanti da particolari esigenze di celerità del procedimento, lavvio del procedimento stesso è comunicato, con le modalità previste dallarticolo 8, ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti ed a quelli che per legge debbono intervenirvi. Ove parimenti non sussistano le ragioni di impedimento predette, qualora da un provvedimento possa derivare un pregiudizio a soggetti individuati o facilmente individuabili, diversi dai suoi diretti destinatari, lamministrazione è tenuta a fornire loro, con le stesse modalità, notizia dellinizio del procedimento.articolo 8 2. Nelle ipotesi di cui al comma 1 resta salva la facoltà dellamministrazione di adottare, anche prima della effettuazione delle comunicazioni di cui al medesimo comma 1, provvedimenti cautelari.

8 Legge 241/90 Art. 8 (Modalità e contenuti della comunicazione di avvio del procedimento) 1. Lamministrazione provvede a dare notizia dellavvio del procedimento mediante comunicazione personale. 2. Nella comunicazione debbono essere indicati: a) lamministrazione competente; b) loggetto del procedimento promosso; c) lufficio e la persona responsabile del procedimento; c-bis) la data entro la quale, secondo i termini previsti dall'articolo 2, commi 2 o 3, deve concludersi il procedimento e i rimedi esperibili in caso di inerzia dell'amministrazione; (lettera introdotta dall'articolo 5 della legge n. 15 del 2005) c-ter) nei procedimenti ad iniziativa di parte, la data di presentazione della relativa istanza; (lettera introdotta dall'articolo 5 della legge n. 15 del 2005) d) lufficio in cui si può prendere visione degli atti. 3. Qualora per il numero dei destinatari la comunicazione personale non sia possibile o risulti particolarmente gravosa, lamministrazione provvede a rendere noti gli elementi di cui al comma 2 mediante forme di pubblicità idonee di volta in volta stabilite dallamministrazione medesima. 4. Lomissione di taluna delle comunicazioni prescritte può esser fatta valere solo dal soggetto nel cui interesse la comunicazione è prevista.

9 Legge 241/90 Art. 10 (Diritti dei partecipanti al procedimento) 1. I soggetti di cui allarticolo 7 e quelli intervenuti ai sensi dellarticolo 9 hanno diritto:articolo 7articolo 9 a) di prendere visione degli atti del procedimento, salvo quanto previsto dallarticolo 24; b) di presentare memorie scritte e documenti, che lamministrazione ha lobbligo di valutare ove siano pertinenti alloggetto del procedimento.articolo 24

10 Legge 241/90 Art. 26 (Obbligo di pubblicazione) 1. Fermo restando quanto previsto per le pubblicazioni nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dalla legge 11 dicembre 1984, n. 839, e dalle relative norme di attuazione, sono pubblicati, secondo le modalità previste dai singoli ordinamenti, le direttive, i programmi, le istruzioni, le circolari e ogni atto che dispone in generale sulla organizzazione, sulle funzioni, sugli obiettivi, sui procedimenti di una pubblica amministrazione ovvero nel quale si determina linterpretazione di norme giuridiche o si dettano disposizioni per lapplicazione di esse. 2. Sono altresì pubblicate, nelle forme predette, le relazioni annuali della Commissione di cui allarticolo 27 e, in generale, è data la massima pubblicità a tutte le disposizioni attuative della presente legge e a tutte le iniziative dirette a precisare ed a rendere effettivo il diritto di accesso. 3. Con la pubblicazione di cui al comma 1, ove essa sia integrale, la libertà di accesso ai documenti indicati nel predetto comma 1 sintende realizzata.

11 Informazione e comunicazione pubblica: legge 150/2000 Capo I. PRINCÌPI GENERALI Art. 1. (Finalità ed ambito di applicazione) 1. Le disposizioni della presente legge, in attuazione dei princìpi che regolano la trasparenza e l'efficacia dell'azione amministrativa, disciplinano le attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni. 2. Ai fini della presente legge sono pubbliche amministrazioni quelle indicate all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n È fatta salva la disciplina vigente relativa alla pubblicità legale od obbligatoria degli atti pubblici. 4. Nel rispetto delle norme vigenti in tema di segreto di Stato, di segreto d'ufficio, di tutela della riservatezza dei dati personali e in conformità ai comportamenti richiesti dalle carte deontologiche, sono considerate attività di informazione e di comunicazione istituzionale quelle poste in essere in Italia o all'estero dai soggetti di cui al comma 2 e volte a conseguire: a) l'informazione ai mezzi di comunicazione di massa, attraverso stampa, audiovisivi e strumenti telematici; b) la comunicazione esterna rivolta ai cittadini, alle collettività e ad altri enti attraverso ogni modalità tecnica ed organizzativa; c) la comunicazione interna realizzata nell'ambito di ciascun ente. 5. Le attività di informazione e di comunicazione sono, in particolare, finalizzate a: a) illustrare e favorire la conoscenza delle disposizioni normative, al fine di facilitarne l'applicazione; b) illustrare le attività delle istituzioni e il loro funzionamento; c) favorire l'accesso ai servizi pubblici, promuovendone la conoscenza; d) promuovere conoscenze allargate e approfondite su temi di rilevante interesse pubblico e sociale; e) favorire processi interni di semplificazione delle procedure e di modernizzazione degli apparati nonchè la conoscenza dell'avvio e del percorso dei procedimenti amministrativi; f) promuovere l'immagine delle amministrazioni, nonchè quella dell'Italia, in Europa e nel mondo, conferendo conoscenza e visibilità ad eventi d'importanza locale, regionale, nazionale ed internazionale. 6. Le attività di informazione e di comunicazione istituzionale di cui alla presente legge non sono soggette ai limiti imposti in materia di pubblicità, sponsorizzazioni e offerte al pubblico.

12 Legge 150/2000 Art. 2. (Forme, strumenti e prodotti) 1. Le attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni si esplicano, oltre che per mezzo di programmi previsti per la comunicazione istituzionale non pubblicitaria, anche attraverso la pubblicità, le distribuzioni o vendite promozionali, le affissioni, l'organizzazione di manifestazioni e la partecipazione a rassegne specialistiche, fiere e congressi. 2. Le attività di informazione e di comunicazione sono attuate con ogni mezzo di trasmissione idoneo ad assicurare la necessaria diffusione di messaggi, anche attraverso la strumentazione grafico-editoriale, le strutture informatiche, le funzioni di sportello, le reti civiche, le iniziative di comunicazione integrata e i sistemi telematici multimediali. 3. Con uno o più regolamenti, da comunicare alla Presidenza del Consiglio dei ministri e alla Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, le pubbliche amministrazioni provvedono alla diffusione delle modalità e delle forme di comunicazione a carattere pubblicitario, in attuazione delle norme vigenti in materia.

13 Legge 150/2000 Art. 8. (Ufficio per le relazioni con il pubblico) 1. L'attività dell'ufficio per le relazioni con il pubblico è indirizzata ai cittadini singoli e associati. 2. Le pubbliche amministrazioni, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, provvedono, nell'esercizio della propria potestà regolamentare, alla ridefinizione dei compiti e alla riorganizzazione degli uffici per le relazioni con il pubblico secondo i seguenti criteri: a) garantire l'esercizio dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni; b) agevolare l'utilizzazione dei servizi offerti ai cittadini, anche attraverso l'illustrazione delle disposizioni normative e amministrative, e l'informazione sulle strutture e sui compiti delle amministrazioni medesime; c) promuovere l'adozione di sistemi di interconnessione telematica e coordinare le reti civiche; d) attuare, mediante l'ascolto dei cittadini e la comunicazione interna, i processi di verifica della qualità dei servizi e di gradimento degli stessi da parte degli utenti; e) garantire la reciproca informazione fra l'ufficio per le relazioni con il pubblico e le altre strutture operanti nell'amministrazione, nonchè fra gli uffici per le relazioni con il pubblico delle varie amministrazioni. 3. Negli uffici per le relazioni con il pubblico l'individuazione e la regolamentazione dei profili professionali sono affidate alla contrattazione collettiva.

14 Legge 150/2000 Art. 9. (Uffici stampa) 1. Le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, possono dotarsi, anche in forma associata, di un ufficio stampa, la cui attività è in via prioritaria indirizzata ai mezzi di informazione di massa. 2. Gli uffici stampa sono costituiti da personale iscritto all'albo nazionale dei giornalisti. Tale dotazione di personale è costituita da dipendenti delle amministrazioni pubbliche, anche in posizione di comando o fuori ruolo, o da personale estraneo alla pubblica amministrazione in possesso dei titoli individuati dal regolamento di cui all'articolo 5, utilizzato con le modalità di cui all'articolo 7, comma 6, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni, nei limiti delle risorse disponibili nei bilanci di ciascuna amministrazione per le medesime finalità. 3. L'ufficio stampa è diretto da un coordinatore, che assume la qualifica di capo ufficio stampa, il quale, sulla base delle direttive impartite dall'organo di vertice dell'amministrazione, cura i collegamenti con gli organi di informazione, assicurando il massimo grado di trasparenza, chiarezza e tempestività delle comunicazioni da fornire nelle materie di interesse dell'amministrazione. 4. I coordinatori e i componenti dell'ufficio stampa non possono esercitare, per tutta la durata dei relativi incarichi, attività professionali nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche. Eventuali deroghe possono essere previste dalla contrattazione collettiva di cui al comma Negli uffici stampa l'individuazione e la regolamentazione dei profili professionali sono affidate alla contrattazione collettiva nell'ambito di una speciale area di contrattazione, con l'intervento delle organizzazioni rappresentative della categoria dei giornalisti. Dall'attuazione del presente comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

15 La rendicontazione sociale: direttiva 2006 Direttiva del Ministro della Funzione Pubblica sulla rendicontazione sociale nelle Amministrazioni Pubbliche, Obiettivo del bilancio sociale Presupposti del bilancio sociale Fasi del processo di rendicontazione

16 Il Codice dellAmbiente: dlgs 152/2006 Principi: per la produzione del diritto ambientale (art.3 bis); principio dellazione ambientale (3- ter); principio dello sviluppo sostenibile (art.3- quater); principio di sussidiarietà e di leale collaborazione (art.3 quinquies); diritto di accesso alle informazioni ambientali e di partecipazione a scopo collaborativo (art. art.3- sexies). Le informazioni devono essere rese disponibili e quindi devono essere formate e gestite per renderle disponibili

17 Il Codice dellAmministrazione Digitale Art.3: Diritto alluso delle Tecnologie informazione e comunicazione Art. 5 bis: comunicazioni tra imprese e PA Art.9 : democrazia elettronica Art. 52: accesso telematico ai dati e ai documenti delle PA Art. 54: contenuto dei siti

18 Codice Amministrazione Digitale: art. 54,contenuti obbligatori dei siti Articolo 54. Contenuto dei siti delle pubbliche amministrazioni. 1. I siti delle pubbliche amministrazioni contengono necessariamente i seguenti dati pubblici: a) l'organigramma, l'articolazione degli uffici, le attribuzioni e l'organizzazione di ciascun ufficio anche di livello dirigenziale non generale, i nomi dei dirigenti responsabili dei singoli uffici, nonché il settore dell'ordinamento giuridico riferibile all'attività da essi svolta, corredati dai documenti anche normativi di riferimento ; b) l'elenco delle tipologie di procedimento svolte da ciascun ufficio di livello dirigenziale non generale, il termine per la conclusione di ciascun procedimento ed ogni altro termine procedimentale, il nome del responsabile e l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché dell'adozione del provvedimento finale, come individuati ai sensi degli articoli 2, 4 e 5 della legge 7 agosto 1990, n. 241 ; c) le scadenze e le modalità di adempimento dei procedimenti individuati ai sensi degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1

19 Art. 54 Codice A.Digitale d) l'elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali attive, specificando anche se si tratta di una casella di posta elettronica certificata di cui al decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68 ; e) le pubblicazioni di cui all'articolo 26 della legge 7 agosto 1990, n. 241, nonché i messaggi di informazione e di comunicazione previsti dalla legge 7 giugno 2000, n. 150 ; f) l'elenco di tutti i bandi di gara ; g) l'elenco dei servizi forniti in rete già disponibili e dei servizi di futura attivazione, indicando i tempi previsti per l'attivazione medesima; g-bis) i bandi di concorso.

20 Art. 54: Codice A.Digitale 1-bis. Le pubbliche amministrazioni centrali comunicano in via telematica alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica i dati di cui alle lettere b), c), g) e g-bis) del comma 1, secondo i criteri e le modalità di trasmissione e aggiornamento individuati con circolare del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione. I dati di cui al periodo precedente sono pubblicati sul sito istituzionale del Dipartimento della funzione pubblica. La mancata comunicazione o aggiornamento dei dati è comunque rilevante ai fini della misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti.b) c) g) g-bis) del comma 1 2. Abrogato. 2-bis. Abrogato. 2-ter. Le amministrazioni pubbliche pubblicano nei propri siti un indirizzo istituzionale di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta ai sensi del presente codice. Le amministrazioni devono altresì assicurare un servizio che renda noti al pubblico i tempi di risposta. 2-quater. Le amministrazioni pubbliche che già dispongono di propri siti devono pubblicare il registro dei processi automatizzati rivolti al pubblico. Tali processi devono essere dotati di appositi strumenti per la verifica a distanza da parte del cittadino dell'avanzamento delle pratiche che lo riguardano.

21 Art. 54 Codice A. Digitale 3. I dati pubblici contenuti nei siti delle pubbliche amministrazioni sono fruibili in rete gratuitamente e senza necessità di identificazione informatica. 4. Le pubbliche amministrazioni garantiscono che le informazioni contenute sui siti siano conformi e corrispondenti alle informazioni contenute nei provvedimenti amministrativi originali dei quali si fornisce comunicazione tramite il sito. 4-bis. La pubblicazione telematica produce effetti di pubblicità legale nei casi e nei modi espressamente previsti dall'ordinamento.

22 Dlgs 150/2009: ottimizzazione lavoro pubblico Art. 11: Trasparenza e rendicontazione della performance

23 Art. 11,comma 8 dlgs 150/ Ogni amministrazione ha l'obbligo di pubblicare sul proprio sito istituzionale in apposita sezione di facile accesso e consultazione, e denominata: «Trasparenza, valutazione e merito»: a) il Programma triennale per la trasparenza e l'integrità ed il relativo stato di attuazione; b) il Piano e la Relazione di cui all'articolo 10; c) l'ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e l'ammontare dei premi effettivamente distribuiti; d) l'analisi dei dati relativi al grado di differenziazione nell'utilizzo della premialità sia per i dirigenti sia per i dipendenti; e) i nominativi ed i curricula dei componenti degli Organismi indipendenti di valutazione e del Responsabile delle funzioni di misurazione della performance di cui all'articolo 14; f) i curricula dei dirigenti e dei titolari di posizioni organizzative, redatti in conformità al vigente modello europeo; g) le retribuzioni dei dirigenti, con specifica evidenza sulle componenti variabili della retribuzione e delle componenti legate alla valutazione di risultato; h) i curricula e le retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico amministrativo; i) gli incarichi, retribuiti e non retribuiti, conferiti ai dipendenti pubblici e a soggetti privati.

24 Chi deve informare e comunicare Gli Organi dellente (Sindaco,Giunta,Consiglio) in ragione delle proprie competenze. I responsabili dei servizi con riferimento alle proprie competenze I responsabili dei procedimenti ai sensi della legge 241/90 Tutti i soggetti sopra indicati sono responsabili dei contenuti pubblicati per la propria specifica competenza (dati/documenti completi, aggiornati, validi, affidabili)

25 Cosa deve essere comunicato Gli atti che richiedono una pubblicità legale (albo pretorio) (nella loro completezza documentale) Le deliberazioni,le determinazioni, le ordinanze,i decreti,ecc. (nella loro completezza documentale) Documenti che lAmministrazione ritiene debbano essere pubblicati (nella loro completezza documentale) Tutti i dati e documenti di cui allart. 54 del Codice dellAmministrazione Digitale (nella loro completezza) Tutti i documenti di cui allart. 10 del dlgs 267/2000(nella loro completezza) Tutti i dati/documenti relativi al territorio,allambiente,ai beni culturali e al paesaggio (nella loro completezza) In tutti i documenti/dati sarà necessario tutelare il trattamento dei dati personali di cui al dlgs 196/2003

26 Come si deve comunicare Tramite sito dellente Tramite albo pretorio cartaceo e on line Tramite del comune Tramite PEC per comunicazioni individuali a rilevanza legale Tramite giornali locali Tramite manifesti ufficiali Tramite radio locali Tramite tutti i mezzi di informazione e comunicazione

27 Il Piano di comunicazione Il Piano della comunicazione deve essere finalizzato ad una completa, aggiornata, valida, affidabile informazione. Chi deve informare (Organi;responsabili dei servizi) Cosa si deve comunicare (indicare gli atti che devono essere pubblicati) Come: sito; albo pretorio on line; albo pretorio cartaceo;bilancio sociale;ecc.


Scaricare ppt "LA COMUNICAZIONE PUBBLICA. Il piano di comunicazione per unamministrazione trasparente Incontro formativo organizzato dal Comune di Bassano Romano e da."

Presentazioni simili


Annunci Google