La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VENERDI 16 SETTEMBRE 2011 INCONTRO CON GLI UFFICI DI PIANO DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA DIREZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VENERDI 16 SETTEMBRE 2011 INCONTRO CON GLI UFFICI DI PIANO DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA DIREZIONE."— Transcript della presentazione:

1 VENERDI 16 SETTEMBRE 2011 INCONTRO CON GLI UFFICI DI PIANO DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA DIREZIONE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA

2 DGR 202/2011 Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per lutilizzazione delle risorse per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali interventi e servizi inerenti i piani di zona distrettuali di cui allarticolo 51 della l.r. 38/1996 (Euro ,87 di cui Euro ,00 viene riservata per interventi in favore degli immigrati); interventi e servizi inerenti i piani di zona distrettuali di cui allarticolo 51 della l.r. 38/1996 (Euro ,87 di cui Euro ,00 viene riservata per interventi in favore degli immigrati); interventi e servizi per la prevenzione ed il contrasto alle dipendenze (Euro ,00); interventi e servizi per la prevenzione ed il contrasto alle dipendenze (Euro ,00); sostegno famiglie affidatarie (Euro ,00); sostegno famiglie affidatarie (Euro ,00); esigenze piccoli comuni di cui alla l.r. 6/2004 (Euro ,00); esigenze piccoli comuni di cui alla l.r. 6/2004 (Euro ,00); gestione strutture per disabili gravi, il c.d. dopo di noi (Euro ,00): gestione strutture per disabili gravi, il c.d. dopo di noi (Euro ,00): erogazione emolumenti per disagiati psichici, ai sensi del regolamento regionale n. 1 del 2000 (Euro ,00). erogazione emolumenti per disagiati psichici, ai sensi del regolamento regionale n. 1 del 2000 (Euro ,00).

3 LA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE DI DISTRETTO 1. Il Piano di Zona 2. I contenuti del Piano di Zona 3. I progetti operativi 4. Gli attori del Piano di Zona 5. Altri attori: il Terzo Settore e le organizzazioni sindacali 6. Gli organismi di Piano: il Comitato dei Sindaci 7. Lufficio di Piano 8. Il Budget di distretto 9. Latto giuridico del Piano di Zona 10. Percorsi per la formulazione del Piano di zona 11. Il sistema dei controlli

4 Riparto dei Fondi CAPOFILADISTRETTI RISORSE NAZ./REG. QUOTA NON AUTOSUFFICIENZA IMMIGRAZIONETOTALE ROMA ROMA CAPITALE , , , , , , , ,01 FIUMICINOFIUMICINO , , , , , , , ,66 CIVITAVECCHIA RM F , , , , , , , ,69 CERVETERI RM F , , , , , , , ,28 BRACCIANO RM F , , , , , , , ,45 FORMELLO RM F , , , , , , , ,46 MONTEROTONDO RM G1 779,599,39 779,599, , , , , , ,59 GUIDONIA RM G , , , , , , , ,76 TIVOLI RM G , , , , , , , ,22 OLVEANO ROMANO RM G , , , , , , , ,81 SAN VITO ROMANO RM G , , , , , , , ,13 CARPINETO ROMANO RM G , , , , , , , ,30 MONTEPORZIO CATONE RM H , , , , , , , ,43 LANUVIO RM H , , , , , , , ,54 CIAMPINO RM H , , , , , , , ,29 POMEZIA RM H , , , , , , , ,50 VELLETRI RM H , , , , , , , ,11 ANZIO RM H , , , , , , , ,01 ALATRIFR/A , , , , , , , ,78 FROSINONEFR/B , , , , , , , ,22 A.I.P.E.S.FR/C , , , , , , , ,71 CONSORZIO COMUNI DEL CASSINATE FR/D , , , , , , ,16 APRILIA APRILIA - CISTERNA , , , , , , , ,30 LATINALATINA , , , , , , , ,46 PRIVERNO MONTI LEPINI , , , , , , , ,54 FONDI FONDI TERRACINA , , , , , , , ,63 FORMIA FORMIA - GAETA , , , , , , , ,22 RIETI RI , , , , , , , ,30 POGGIO MIRTETO Ri , , , , , , , ,93 UNIONE COMUNI VALLE DELLOLIO RI , , , , , , , ,31 COM. MONTANA SALTO CICOLANO RI , , , , , , , ,23 VI COM. MONTANA DEL VELINO RI , , , , , , , ,28 MONTEFIASCONE VT , , , , , , , ,15 TARQUINIA VT , , , , , , , ,02 VITERBO VT , , , , , , , ,59 VETRALLA VT , , , , , , , ,71 NEPI VT , , , , , , , ,09

5 OBIETTIVI AMMINISTRATIVI A. Tutti i piani di zona presentati al 15/10/2011 B. Istruttoria di tutti i piani di zona entro il 31/12/2011 C. Emissione delle richieste di mandato entro il 31/01/2012 D. Modalità e criteri di monitoraggio e rendicontazione individuati entro il 31/12/2011 E. Erogazione dei mandati di pagamento 2007 e 2008, attualmente perenti, entro lesercizio finanziario 2012

6 CRITERI DI VALIDAZIONE PIANI DI ZONA 1. Correttezza formale 2. Presenza accordo di programma 3. Correttezza tabella finanziaria 4. Presenza analisi territoriale 5. Continuità dei servizi attivati nel passato 6. Rispetto LIVEAS/LEP

7 SITUAZIONE VALIDAZIONE PIANI DI ZONA ANNI PRECEDENTI Piani di zona non approvati: N. 1 N N. 2 N N. 3 N N. 16 N. 16

8 STATO APPROVAZIONE PIANI DI ZONA DISTRETTIFNPSFR lett. C FNPSFR FNPSFR FNPSFR ROMA CAPITALE FIUMICINO RM F1 RM F2 RM F3 RM F4 RM G1 RM G2 RM G3 RM G4 RM G5 RM G6 RM H1 RM H2 RM H3 RM H4 RM H5 RM H6 FR/A FR/B FR/C FR/D APRILIA - CISTERNA LATINA MONTI LEPINI FONDI TERRACINA FORMIA - GAETA RI 1 LEGENDA Ri 2 Somme liquidate RI 3 RI 4 Piani approvati RI 5 Piani approvati ricognizione perenti VT 1 VT 2 Piani non ancora approvati VT 3 VT 4 In corso di approvazione VT 5

9 COMPETENZE AnnoSomma assegnataSomma erogataSomma non erogata , , , , , , , , , , , , , , ,00

10 EROGATO PIANI DI ZONA Fondo regionaleFondo nazionaleTotale , , , , , , , , , , , , , , ,00 Totale , , ,00

11 L.R. 12 DEL 13/08/2011 COMMA 2 – ART.1 2. I commi 2 e 3 dellarticolo 53 della legge regionale 9 settembre 1996, n. 38 (Riordino, 2. I commi 2 e 3 dellarticolo 53 della legge regionale 9 settembre 1996, n. 38 (Riordino, programmazione e gestione degli interventi e dei servizi socio-assistenziali nel Lazio) sono sostituiti dai seguenti: 2. Al fine di consentire la verifica periodica dello stato di attuazione del piano socio- assistenziale regionale nonché il monitoraggio della spesa regionale a sostegno degli interventi e dei servizi previsti nei piani di zona di cui allarticolo 51 ed avviare una nuova programmazione delle risorse assegnate, Roma Capitale ed i comuni o enti capofila degli ambiti territoriali di cui allarticolo 47, comma 1, lettera c), trasmettono ogni anno, allassessorato regionale competente in materia di politiche sociali e famiglia, una relazione sullo stato di attuazione dei servizi e degli interventi programmati nei piani di zona, anche sotto il profilo amministrativo-contabile, indicando lammontare delle somme impegnate ed erogate alla data del 30 giugno dellanno in corso, le previsioni relative allandamento della spesa nel secondo trimestre dello stesso anno, nonché i risultati conseguiti o che si prevede siano conseguiti.

12 ALLINEAMENTO TRA PROGRAMMAZIONE E SERVIZI Monitoraggio dei servizi erogati nellanno Monitoraggio dei servizi erogati nellanno Monitoraggio delle spese regionali erogate nellanno Monitoraggio delle spese regionali erogate nellanno Monitoraggio delle spese distrettualli erogate nellanno per i servizi attuati Monitoraggio delle spese distrettualli erogate nellanno per i servizi attuati Proposta operativa da parte della commissione regionale per il monitoraggio e la rendicontazione

13 ARTICOLAZIONE PROGETTI PIANI DI ZONA PICCOLI COMUNI 1) 1) Titolo del progetto 2) 2) Obiettivi 3) 3) Costo del progetto 4) 4) Descrizione delle attività, dei servizi e/o prestazioni previste dal progetto: Es. assistenza alle famiglie, assistenza domiciliare disabili, assistenza domiciliare anziani… 5) 5) Bacino di Utenza: Es. distrettuale, sub distrettuale (specificare i Comuni), comunale (specificare il Comune) 6) 6) Tipologia di utenza: Es. minori, disabili, anziani… 7) 7) Tempi di attuazione – cronoprogramma 8) 8) Soggetto gestore: Es. comune; convenzione con cooperative; convenzione con associazioni di volontariato, altro 9) 9) Personale coinvolto nel progetto: Es. amministratori, assistenti sociali, sociologi; psicologi, pedagogisti, educatori professionali, operatori socio sanitari, mediatori culturali, autisti, altre figure. 10) 10) Sede della struttura e/o attività 11) 11) Strumenti di monitoraggio e verifica dei risultati 12) 12) Modalità di integrazione con la ASL

14 Alcune questioni sul campo a) Continuità dei progetti attivati b) Mantenimento LIVEAS/LEP c) Allineamento tra programmazione e servizi d) Coinvolgimento ASL e) Gestione ufficio di piano f) Gestione amministrativa e contabile dei servizi in capo al comune capofila

15 A cura di: A cura di: Fabiana Marzi – Raffaello Russo – Patrizia DAtria – Manuela Fremiotti Fabiana Marzi – Raffaello Russo – Patrizia DAtria – Manuela Fremiotti Tel Tel AREA PIANI DI ZONA e SERVIZI SOCIALI


Scaricare ppt "VENERDI 16 SETTEMBRE 2011 INCONTRO CON GLI UFFICI DI PIANO DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA DIREZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google