La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Finalità del Monitoraggio Verificare lo stato di attuazione dei Piani formativi, sia in una logica di "accountability (rendere conto agli altri di quanto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Finalità del Monitoraggio Verificare lo stato di attuazione dei Piani formativi, sia in una logica di "accountability (rendere conto agli altri di quanto."— Transcript della presentazione:

1 Finalità del Monitoraggio Verificare lo stato di attuazione dei Piani formativi, sia in una logica di "accountability (rendere conto agli altri di quanto fatto) che in una logica di ricerca dellefficacia (conoscere ostacoli al fine di rimuoverli) e dellefficienza delle attività realizzate e dellutilizzo delle risorse Favorire lapprendimento organizzativo, promovendo riflessioni e valutazioni in grado di accompagnare e sostenere gli Enti Attuatori nella gestione dei Piani Formativi per tutta la loro durata.

2 Finalità del SIF (Sistema Informativo Fon.Coop) Finalità del SIF (Sistema Informativo Fon.Coop) Costruire le basi informative di riferimento a cui attingere per condurre analisi e produrre report coerenti con la funzione di coordinamento e di osservatorio svolta dal Ministero del Lavoro e dalle Regioni nellambito della filiera formazione continua Costruire le basi informative di riferimento a cui attingere per condurre analisi e produrre report coerenti con la funzione di coordinamento e di osservatorio svolta dal Ministero del Lavoro e dalle Regioni nellambito della filiera formazione continua

3 Caratteristiche del SIF Il sistema informativo Fon.Coop, realizzato in ununica istanza applicativa, è in grado di gestire sempre in tempo reale tutte le variabili relative ad adesioni, versamenti, progettazione, monitoraggio e rendicontazione. Questa forte integrazione delle azioni consente di fornire attivamente un supporto a proponenti ed attuatori di tipo gestionale, ancor prima che tecnico – amministrativo. Il sistema di monitoraggio è quindi sostanzialmente quello on line e questo deve essere il principale strumento di lavoro degli attuatori

4 Lefficacia del SIF è strettamente condizionata dalla capacità dellazione di monitoraggio di restituire un quadro esauriente di conoscenze continuamente aggiornate che consentano di prefigurare i connotati essenziali delle tendenze in atto. Lefficacia del SIF

5 Definizione di Piano formativo concordato IL Piano formativo concordato e un insieme coerente ed integrato di attività risultante da un accordo sottoscritto fra rappresentante legale dellimpresa, o suo delegato, e RSU/RSA, o Organizzazione sindacale dei lavoratori. In sintesi un programma di attività formative e di azioni ad esse propedeutiche ( es indagine dei fabbisogni ecc) e ad esse successive (es diffusione dei risultati ecc).

6 Definizione di attività Per ATTIVITA sintende qualsiasi azione presente nel Piano. Lattività può essere non formativa e formativa. Qualora si tratti di attività formativa, deve riguardare un gruppo di destinatari invariato nel tempo. Unattività formativa si può articolare in uno o più moduli distinti per metodologie didattiche e contenuti formativi. Dal 2009 solo le attività formative concorrono al monte ore complessivo del piano

7 Larticolazione del piano in attività formative Secondo lapproccio di Fon.Coop, Attività didattiche, Corsi, Edizioni sono trattate sempre come ATTIVITA in quanto indirizzate ad un gruppo definito ed omogeneo di destinatari (lavoratori in formazione); pertanto a prescindere dalle modalità formative e dal numero dei moduli, devono essere progettate e/o duplicate tante attività quanti sono i gruppi/aule dei partecipanti al Piano formativo.

8 Definizione di modulo I moduli sono parti di ATTIVITA, nel caso specifico di attività formative sono distinti per discipline dinsegnamento, e sono omogenei per modalità e tematica formativa. Ogni attività deve contenere almeno un modulo: in questo caso il modulo coincide con lattività stessa.

9 Attività non formativa - Progettazione Attività non formativa - Monitoraggio Attività non formativa - Bilancio delle competenze Attività formativa Gruppo 2 40 lavoratori in due gruppi (gruppo 1 e 2); modalità formativa Aula + FAD Modulo FAD Compilazione dei calendari per periodi solari Attività formativa Documentazione: Previsto il registro Risorse previste dal piano* per linserimento e laggiornamento costante dei dati nella piattaforma on- line Modulo daula Compilazione dei calendari daula Modulo FAD Compilazione dei calendari FAD per periodi solari Gruppo 1 Documentazione Registri di gruppo per Aula Registri individuali per FAD Documentazione: Registro Individuale Articolazione tipo delle attività del Piano Documentazione: Lettera dincarico e/o ordine di servizio Modulo affiancamento (Massimo 35% del percorso fruito da ciascun partecipante) Compilazione dei calendari per periodi solari * Se previste risorse finalizzate al monitoraggio, in caso di inadempienza si procede con taglio della quota di contributo indirizzata allazione.

10 Programmazione attività ed invio comunicazioni in itinere I tempi di svolgimento delle attività previste dal piano formativo, sono vincolati allimpegno previsto di iniziare le attività nei 30 giorni successivi alla comunicazione di ammissione al contributo da parte del Fondo ed a finire entro 12 mesi dalla data di inizio delle attività. I tempi di svolgimento delle attività previste dal piano formativo, sono vincolati allimpegno previsto di iniziare le attività nei 30 giorni successivi alla comunicazione di ammissione al contributo da parte del Fondo ed a finire entro 12 mesi dalla data di inizio delle attività. Il soggetto titolare del contributo dovrà comunicare dettagliatamente a Fon.Coop gli eventi significativi riguardanti i piani, al fine di un corretto monitoraggio delle attività, nelle modalità indicate nella slides successive Il soggetto titolare del contributo dovrà comunicare dettagliatamente a Fon.Coop gli eventi significativi riguardanti i piani, al fine di un corretto monitoraggio delle attività, nelle modalità indicate nella slides successive tutte le comunicazioni in itinere vanno effettuate tramite posta elettronica certifica (PEC), fornita gratuitamente da Foncoop a tutti gli Enti Attuatori. tutte le comunicazioni in itinere vanno effettuate tramite posta elettronica certifica (PEC), fornita gratuitamente da Foncoop a tutti gli Enti Attuatori.

11 EventoDocumentoCodiceContenuti del Documento Avvio attività del pianoComunicazione avvioC.1comunicazione di avvio ed invio progettazione esecutiva definitiva Variazioni che non cambiano gli elementi vincolanti del piano approvato Comunicazione variazioneC.3Richieste per variazioni di calendario sede solo sotto i 5 gg lavorativi di preavviso Variazioni significative dei piani approvati, subordinate allesplicita approvazione di Fon.Coop Richiesta di variazione C4Proroghe Variazioni Deleghe (partners – sogg terzi) Variazione Budget Variazione Beneficiari Gestione assistita dal monitoraggio - inserimento in backoffice di nuovo evento rimodulazione - Rimodulazione corsi interi durata/materie Fine pianoComunicazione fine attività previste dal piano C.5Data di fine piano AnticipazioneRichiesta di anticipazioneC.7Richiesta di anticipazione, con relativa autocertificazione delle attività maturate al momento RendicontoRichiesta di rendicontoC.6Dati complessivi di rendiconto fisico e finanziario Rinuncia a contributo da parte di impresa beneficiaria Dichiarazione di rinuncia a contributo C.9Dichiarazione da parte del legale rappresentante di rinuncia al contributo assegnato da Fon.Coop Elenco comunicazioni

12 non utilizzare altri schemi di comunicazione che non siano quelli presenti sul sito Fon.Coop alla pagina GESTIONE PIANI; nella scheda C.1 indicare sempre il referente del piano ed i suoi riferimenti; non inviare alcun tipo di report periodico, dal punto di vista tecnico amministrativo fanno comunque fede i dati inseriti nella piattaforma; non inviare comunicazioni di inizio o fine per le singole attività corsuali, è obbligatorio indicare solo inizio (modulo C.1) e fine (modulo C.5) dellintero piano – cioè rispettivamente il primo giorno della prima attività e lultimo giorno dellultima attività; non inviare alcuna comunicazione (C.3 o C.4) di variazione di nominativo (allievi, docenti, tutors, collaboratori, coordinatori, personale amministrativo) in quanto non influente sui controlli del sistema di monitoraggio – tali variazioni vanno inserite direttamente sulla piattaforma; non inserire gli uditori nei dati di monitoraggio fintanto che non subentrino agli allievi; non inviare comunicazioni in altro modo che non sia la PEC (no a fax o lettere) – tranne casi eccezionali da concordare con il monitoraggio Fon.Coop – in ogni caso non inviare mai la stessa comunicazione tramite sistemi diversi (es PEC + FAX) se non specificamente concordato; inviare comunicazioni C.3 solo se riguardano cambiamenti di calendario e di sede effettuati con preavviso inferiore ai 5 giorni lavorativi – in ogni caso caricare subito le modifiche senza attendere risposta. non inviare a Fon.coop dichiarazioni sulla privacy né allegare copie di documenti di identità alle comunicazioni sul monitoraggio. a seguito di una semplificazione indicata dal Ministero, nelle schede allievo è obbligatorio inserire solamente questi dati: codice fiscale, cognome, nome, genere, anno assunzione, cittadinanza, azienda di appartenenza, età, legge 68 (si/no), comune residenza, provincia residenza, regione residenza, condizione occupazione, livello inquadramento, tipo contratto, titolo di studio Raccomandazioni per la gestione dei dati e delle comunicazioni

13 TEMPISTICA PER IL CARICAMENTO DEI DATI NEL SISTEMA DI MONITORAGGIO Come indicato nella Circolare n.002 del 25/08/2008, relativamente al caricamento dei dati monitoraggio durante la gestione dei Piani, è fatto obbligo ai soggetti attuatori: 1. entro la data di inizio delle attività: inserire la pianificazione di tutte le attività (formative e non formative) costitutive del Piano, almeno per quanto riguarda le informazioni relative all'articolazione delle singole attività e dei relativi ai moduli. 2 - almeno 5 gg lavorativi prima della data di inizio di ogni singola attività: inserire il calendario completo delle singole giornate (se non si tratti di percorsi individuali) ed i nominativi di tutti gli iscritti (almeno nome, cognome, codice fiscale, sesso) 3 - entro massimo 10 gg lavorativi dalla fine di ogni singola attività: inserire le presenze di ogni allievo 4 - entro massimo 10 gg lavorativi dalla fine del piano: completare le schede allievo con tutte le altre informazioni richieste Fon.Coop si riserva, in caso di mancato caricamento dei dati richiesti nei tempi indicati, di effettuare eventuali controlli ispettivi presso il soggetto attuatore.

14 IMPORTAZIONE DATI EXCEL Gli attuatori interessati ad inserire nel sistema di monitoraggio Fon.Coop dati direttamente prodotti in formato Excel, possono contattare l'assistenza tecnica via o per telefono al fine di effettuare un primo test di importazione Qualora la definizione dei dati risulti corretta, l'assistenza tecnica abiliterà il soggetto attuatore ad effettuare l'importazione dei dati Excel in via autonoma e direttamente on line. Si raccomanda comunque di verificare SEMPRE tramite la stampa della modulistica PDF la correttezza dei dati inseriti con tale metodo nel sistema.

15 ASSISTENZA ALLA GESTIONE DEI PIANI: ORARI PER CONTATTI TELEFONICI: l'assistenza telefonica sarà garantita dal lunedì al giovedì ore 10.30/13.00 e 15.00/17.00 ed il venerdì ore 10.30/13.00 DOMANDE ED ASSISTENZA Si invitano gli attuatori a porre le proprie domande per posta elettronica alla casella


Scaricare ppt "Finalità del Monitoraggio Verificare lo stato di attuazione dei Piani formativi, sia in una logica di "accountability (rendere conto agli altri di quanto."

Presentazioni simili


Annunci Google